Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA CRIPTA E L'INCUBO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Il padre (Christopher Lee) di una giovane e solitaria ragazza sospetta che ella sia la reincarnazione di una loro antenata strega. Chiama così al castello dove vivono un antiquario, che scoprirà un antico quadro nascosto lì sul quale è ritratta la celebre strega. Il viso sarà lo stesso? Su questo semplice soggetto Camillo Mastrocinque (regista conosciuto ai più per i suoi film con Totò e celatosi qui sotto un improbabile pseudonimo anglofono) imbastisce un horror d’atmosfera molto legato ai canoni dell'epoca e quindi a tutt'oggi assai datato. Soprattutto la recitazione enfatica, di chiaro stampo teatrale, con la quale si esprimono gli attori può andar bene a Christopher Lee (e infatti il suo personaggio resta il più credibile), non certo al resto del cast, invischiato in dialoghi poco plausibili e frasi di circostanza. Discorso a parte per le due giovane protagoniste femminili, legate da un rapporto molto vicino al dichiarato lesbimo (come andava di moda a quel tempo, seguendo l'esempio di Sheridan Le Fanu e del suo “Carmilla”) e impegnate entrambe in estenuanti (per lo spettatore) camminate all'interno e all'esterno del castello. Mastrocinque punta molto sulla fotografia, sui forti contrasti di luce di un bianco e nero esteticamente raffinatissimo. I giochi d’ombre si sprecano, mentre scenografie molto curate e barocche sono la testimonianza di un grosso sforzo immaginifico. Sono almeno tre o quattro i momenti riusciti (la campana che suona a morto nella notte, il risveglio della governante dalla bara...), sottolineati da musiche di stampo classico con predominanza di archi. Purtroppo si ravvisano una lentezza di fondo piuttosto penalizzante, una sceneggiatura altamente deficitaria e una storia poco interessante.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 25/12/07 20:30 - 3875 commenti

Laura (Adriana Ambesi) vive in sogno oscure premonizioni: le persone che sono al centro dei suoi incubi trovano la morte. Lo studioso Klauss è incaricato di analizzare il caso, ma viene ostacolato. Inizia una catena di delitti, che sembra correlata all'arresto delle ricerche. Christopher Lee presta il suo volto (ed il suo nome) all'ennesimo "gotico" made in Italy. Dirige un regista estraneo al genere (più che altro, Mastrocinque è celebre per i film girati con Totò). Il risultato finale appare incoerente, anche se ispirato a Sheridan Le Fanu.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 9/6/12 11:23 - 5737 commenti

I due gotici di Mastrocinque (l’altro è Un angelo per Satana) sono accomunati da un mistero celato in un quadro, che in questa occasione rielabora il racconto lesbo-vampiresco di “Carmilla”. Agilmente condotta, la storia punta all’essenzialità, marcando la tetra ambientazione, i sottotesti orrorifici (il supplizio baviano della strega, la mano mozzata dello storpio) e quelli erotici, valorizzando il sensuale appeal della corvina Ambesi e della candida Quaia. Presenzia la guest-star Lee, indiscussa garanzia quando si tratta di succhiasangue…

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rituale medianico con la Ambesi seminuda; la mano mozzata dello storpio utilizzata come candelabro.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Rebis 12/1/09 18:46 - 2075 commenti

Robusto gotico all’italiana in parte penalizzato da interpretazioni legnose e teatrali (imbarazzante l’enfasi di Adriana Ambesi). L’approccio inusuale di Mastrocinque all’horror si evince da un'impostazione eccessivamente seriosa, non sempre in grado di tenere a bada il ridicolo involuto. Ci sono però belle invenzioni (“la mano di gloria”, le campane…) e forti suggestioni visive (gli incubi) a vivacizzare un ritmo, connaturato al genere, non certo audace. La sceneggiatura riadatta Carmilla di Le Fanu con un’apparente inversione di ruoli gestita, per la verità, con poca onestà drammaturgica.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 27/11/19 9:14 - 2501 commenti

Discreto gotico diretto da Mastrocinque (con pseudonimo anglicizzato) in una rara, per lui, escursione in tale genere. Il regista sa creare la giusta atmosfera grazie anche anche alla bella fotografia in b/n che evidenzia molto bene i giochi di luci e ombre, ma la trama zoppica un po' troppo con qualche caduta, oltre che di logica, anche nel comico involontario (si veda l'apparizione del cugino Franz). Cast attoriale che non fa certo gridare al miracolo, in cui svetta (piuttosto ovviamente) il solo Christopher Lee.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 4/3/08 14:45 - 4730 commenti

Onesto horror italiano che si presenta come una variazione italica sul tema di Carmilla. Christopher Lee è molto bravo, ma è ottimo anche il resto del cast. L'atmosfera è garantito dal castello di Balsorano e dalle musiche. Un ottimo esempio di gotico, con timide scene lesbiche (data l'epoca). Solida la regia di Mastrocinque.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Sabryna 31/3/09 4:41 - 225 commenti

Discreto horror gotico di Camillo Mastrocinque. In alcuni punti dell'incipit somiglia molto a La Maschera del demonio di Mario Bava (anche per la scelta del b/n). Ispirato alla Carmilla di Le Fanu, il film di Mastrocinque conta su una buona fotografia, su giochi di luce ed ombra a contrasto e sul rapporto tra le due giovani Laura e Lyuba (dai tratti vagamente lesbo-soft). Buona la prova di Cristopher Lee, pioniere dell'horror gotico. Sicuramente da vedere per gli amanti del genere.
I gusti di Sabryna (Fantastico - Horror - Thriller)

Lovejoy 30/12/07 22:32 - 1825 commenti

Vagamente ispirato al classico di Sheridan Le Fanu "Carmilla". Mastrocinque, che si firma con lo pseudonimo, dirige un horror dalle tinte forti, per quel tempo, sopratutto nella relazione particolare che si sviluppa tra le due ragazze. Ben sceneggiato e altrettanto ben diretto, con un bianco e nero superbo e un cast composto da bravi attori. Su tutti dominano le due ragazze, ovvero Audrey Amber nel ruolo di Laura e Ursula Davis in quelli di Lyuba (alias Carmilla) e un sempre eccellente Christopher Lee. Da riscoprire.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Trivex 17/8/16 8:54 - 1425 commenti

Questo gotico si sviluppa in un contesto ambientale pressoché perfetto. Il castello, i misteri, le donne "amiche", il male celato e pronto a colpire. Preciso Lee nel suo ruolo e ottime le presenze femminili. Non manca inoltre qualche buon colpo di terrore (relativamente per l'epoca) e il finale presenta pure un discreto colpo di scena (ma alla fine non così imprevedibile). La famosa storia di Carmilla trova una messa in opera più che onesta, anche se io preferisco l'interpretazione classica e lo sviluppo, più ardito, svolto nel decennio successivo.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Giùan 23/4/12 11:25 - 2679 commenti

Dopo l'incipit in cui Mastrocinque pare manifestare tutto il proprio professionale disagio per quel che sta girando, il film prende una piega assolutamente dignitosa, ottemperando canoni e crismi del genere gotico. Il buon Camillo s'affida in particolare al nitido b/n di Ortas/Aquari, alla misurata prova di Lee e allo script (di Gastaldi/Valerii) che senza far scintille si permette nemmeno troppo velate ombreggiature saffiche. Nel comparto muliebre, la virginea Quaglia/Ljiubna e la ombrosa Calò in versione governante si fan preferire all'enfatica Ambesi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I titoli di testa coi nomi tutti rigorosamente "inglesizzati" sullo sfondo del Castello di Balsorano.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 26/10/14 21:52 - 2351 commenti

In un sublime, terrificante castello merlato dagli ampi, immensi saloni, si nasconde un tremendo segreto associato a una maledizione demoniaca. Legatissimo al genere gotico d'altri tempi, il film ne è un valido, cupo esempio, con un risvolto giallo che mostrerà il suo altro aspetto nella fase finale risolutiva. Buon cast (primo fra tutti il sulfureo Christopher Lee). Consigliato per le tetre notti di Halloween...
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 12/3/15 0:12 - 2076 commenti

Si nota fin da subito che è diretto con mestiere e professionalità; una fotografia studiata e accurata mette in risalto un bianco e nero sontuoso, capace di valorizzare gli scenari sinistri e i volti dei protagonisti. Maestoso il castello di Balsorano in cui si inseriscono tutti gli elementi tipici del gotico. Soffre una certa lentezza di fondo, tant’è che alla fine si ha la sensazione che manchi quel quid per compiere il salto definitivo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Nicola81 6/9/13 17:43 - 1733 commenti

Il primo dei due gotici di Mastrocinque è molto più convenzionale del successivo. Storia semplice, traballante (specie in avvio) e tutt'altro che originale, compensata da un'ambientazione magnificamente inquietante, esaltata da uno splendido b/n. Globalmente buona la prova del cast, anche se tra le due ragazze (il cui rapporto vagamente lesbo all'epoca può aver suscitato qualche prurito) la Quaglia batte la Ambesi su tutta la linea. Massaccesi potrebbe avervi preso spunto per il suo La morte ha sorriso all'assassino. **!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli interni del castello; La radiosa bellezza di Ljuba; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Dusso 29/2/08 15:42 - 1533 commenti

Grande risalto per il castello di Balsorano in questo film in bianco e nero, gotico purtroppo dotato di una sceneggiatura poco interessante se non sul finale. Indubbiamente ben curato dal regista, ma resta una pellicola che si dimentica facilmente. Anche troppo.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Von Leppe 26/1/14 13:27 - 961 commenti

Di grande atmosfera cupa tra un borgo diroccato e il castello di Balsorano (molto usato, ma qui in una delle sue prime e migliori apparizioni), con una fotografia in bianco e nero che riesce ottimamente nell'intento di rendere tutto molto tetro, antico e spettrale. La trama perde colpi ed è ispirata a Carmilla di Le Fanu. Interpreti buoni, tra cui un aristocratico Christopher Lee. Regia di Camillo Mastrocinque che, come gli altri crediti, usa uno pseudonimo straniero. Farà un altro horror che per alcuni aspetti è migliore di questo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La campana del borgo abbandonato che suona col vento.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Motorship 23/5/14 17:16 - 567 commenti

Primo dei due gotici firmati da Camillo Mastrocinque, è meno riuscito e più convenzionale del successivo a causa di una sceneggiatura poco coinvolgente che ha solo un guizzo interessante nel finale (che probabilmente rappresenta la parte migliore del film). Resta comunque il fatto che l'atmosfera è comunque molto suggestiva e la cura per le scenografie di alta qualità. Cast interessante: bravissimo Christopher Lee, mentre la Quaglia batte la Ambesi sia in bellezza che in recitazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I favolosi interni del Castello di Balsorano; Il finale.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Maik271 23/10/14 8:12 - 436 commenti

Gotico dignitoso e ben confezionato, questo girato da Mastrocinque. Il cast vede tra i protagonisti un'icona dei film horror dell'epoca come Cristopher Lee alle prese con una maledizione. Le donne del cast sono bravine (la mia preferita Pier Anna Quaglia è accreditata come Ursula Davis). Grazie alla durata non eccessiva si segue senza noia. Azzeccato il personaggio del mendicante. Discrete le musiche e buone le location.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Ducaspezzi 9/10/12 22:55 - 222 commenti

Alle dame del castello piacerebbe con Saffo un giocherello! Ma siamo nei '60 e le esplicitazioni alla The L word non sarebbero acconce. Così tutto rimane nell'abbozzo di un sottotesto che però, per tali atmosfere, proprio nella vaga allusione trova la forma più adatta, quasi mimetica nella solennità che questo ital-gotico classico tipicamente alimenta, anche con le sue lentezze. A volte ingenuo (il padre nella cripta), ma con sequenze in cui il b/n funge da amplificatore emozionale mai demodé. Qualche simpatica intuizione macabra e un buon cast.
I gusti di Ducaspezzi (Drammatico - Fantastico - Thriller)

Xabaras 1/1/15 9:01 - 189 commenti

Il migliore dei due gotici di Mastrocinque e uno dei più riusciti di sempre. Grande atmosfera e brillante ed elegante conduzione dell'intreccio che è tutto un affastellarsi di memorabili particolari "de paura" inquietanti e autenticamente terrificanti (vedi il rito con la stella nell inizio, l'impiccagione del mendicante e la morte della domestica con conseguente risveglio dalla bara). Certo l'influenza di film come il solito La maschera del demonio si fa sentire, ma bisogna anche considerare che il film fu scritto tutto in un'unica notte!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il risveglio della domestica nella bara.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)