Il mulino delle donne di pietra - Film (1960)

Il mulino delle donne di pietra

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Tra i primissimi gotici italiani, questo film di Giorgio Ferroni occupa un posto d'onore. Non tanto per la storia (comunque buona e meno scontata di quanto possa sembrare a leggerne la trama) quanto per la capacità del regista di creare, all'interno del mulino a vento del titolo, un microcosmo di orrori nascosti nei labirintici passaggi e tra le stanze cavernose. Il carillon con le statue in pietra che seguono a tempo di musica i binari sui quali scorrono è un'invenzione altamente suggestiva, meritoria di entrare a far parte della galleria degli orrori nazionali. Si è tanto parlato della dipendenza (a livello di paesaggi soprattutto) del film dal modello dreyeriano di VAMPYR...Leggi tutto, ma va detto che se pure scene come quelle della barca sul lago ne sono sicuramente debitrici, non si può paragonare il livido bianco-nero di Dryer con lo sgargiante tripudio di contrasti cromatici del MULINO DELLE DONNE DI PIETRA, nel quale non solo gli esterni ma sopra ogni cosa gli interni sono fotografati splendidamente e ricordano il miglior Bava. Buoni gli attori (Scilla Gabel/Elfy è la più nota), perfetta nel suo rigore la sceneggiatura, che fonde mirabilmente elementi puramente horror (presi da lavori come OCCHI SENZA VOLTO e, a ben vedere, anche dal solito Frankenstein) con spunti giallo-thriller molto lungimiranti. Qualche enfasi di troppo nella recitazione ci ricorda che eravamo a inizio Sessanta; le musiche di Carlo Innocenzi, che pur partono con un tema stupendo sui titoli di testa, sono anch’esse un po' datate, ma nel complesso il film dimostra che gli horror della tanto lodata Hammer inglese erano eguagliabili e fors’anche superabili, perché in fondo qui l'idea e le location (in Olanda) sono di un gusto superiore. Insomma, non si parla dei soliti vampiri, di mummie...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 30/01/07 23:12 - 5276 commenti

I gusti di B. Legnani

Molti i richiami al Vampiro di Dreyer. Davvero molto buono, questo gotico di Ferroni. Abilissima creazione di atmosfere, con alcune immagini esterne (quel pontile lungo il canale...) che evocano i pittori fiamminghi del tempo che fu, grazie a scenografie che impattano emotivamente sullo spettatore. Da sempre il mulino ha un fascino sinistro, cui si unisce quello del fuoco. Alla pellicola nuoce probabilmente una parte centrale un po' prolissa, ma resta decisamente godibile, fino al finale, non inatteso, ma grandioso. C'è, inquietantemente gelida, la grande Olga Solbelli.

Undying 3/09/07 00:53 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Uno dei primissimi gotici italiani, girato nell'anno del contemporaneo La maschera del demonio e caratterizzato da una notevole scenografia, con uso esemplare della fotografia. Gli interpreti sono bravi e la storia ha un suo fascino, reso ancor più magnetico dagli ottimi dialoghi. Pur lento a causa della predominanza "verbale", il film si avvale di un finale visivamente accattivante, smorzato dalla chiusa troppo sbrigativa. La sequenza del carillon, con le statue umane che scorrono lungo i binari resta, comunque, un ottimo esempio di cinema.

Homesick 24/09/07 11:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Punta di diamante del gotico italiano sulla scia di Freda e Bava. Letterario e illuminato da una fotografia soffusa e calda che sfrutta le potenzialità del Technicolor, raggiunge momenti di alta qualità soprattutto in alcune immagini come i primi piani del mulino, il carosello a ritmo di carillon con le donne imbalsamate, le allucinazioni di Brice, i macabri esperimenti dei due mad doctors Bohem e Preiss. Finale rigorosamente incendiario.

Ciavazzaro 17/03/08 06:00 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo gotico italiano, leggermente inferiore al successivo La notte dei diavoli. Giorgio Ferroni si dimostra un buon mestierante ed ha a disposizione un ottimo cast, inoltre le scenografie del mulino e del carrilon sono di grande effetto. Ben riusciti il colpo di scena finale e le varie scene di tensione. Per chi ama il gotico è un must.

Deepred89 18/03/08 20:09 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Buon gotico italiano. Penalizzato da una lentezza tipica del genere, si riscatta totalmente grazie alla sapiente regia (che dirige alcune ottime sequenze) e alla straordinaria fotografia. La storia non è certo originalee ma regge decisamente bene. Tra i gotici italiani del periodo è sicuramente uno dei più validi.

Finzi 11/11/08 14:29 - 5 commenti

I gusti di Finzi

Da piccolo lo vedevo passare sulle private e mi terrorizzava, letteralmente. La nebbia, questo mulino con le donne a girare a tempo di musica come mummificate al momento del trapasso... L'ho rivisto dopo molti anni e devo dire che ha mantenuto un fascino unico (accresciuto anzi dall'ottima edizione in dvd uscita in Francia che ne restituisce i magnifici colori al meglio), che lo distingue dal gotico classico di casa nostra. Non saprei davvero a cosa paragonarlo. Indimenticabile.
MEMORABILE: Le "donne di pietra", naturalmente.

Rebis 8/11/08 21:41 - 2203 commenti

I gusti di Rebis

Malinconico e padano (per quanto ambientato in Olanda) è un gotico primitivo colmo di risonanze cinematografiche internazionali (da Occhi senza volto a La maschera di cera), immaginari da fiaba, pittoricismi romantici e fiamminghi, luci e barbagli contrastanti, medicina fantastica al limite dell'alchimia. Magniloquente nelle scenografie, con arazzi e tende, statue di volti e parti anatomiche, màrtiri ed angeli, a definire lo spazio labirintico in cui affondare lo spettatore per evocare smarrimenti della psiche incontrastabili, tra eros e sogno. Favoloso il carillon in fiamme che piange carne.

R.f.e. 7/08/09 14:24 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Insieme a La maschera del demonio, La frusta e il corpo, Amanti d'oltretomba, I tre volti della paura, Operazione paura, Un angelo per Satana e a pochi altri, è senz'altro uno dei migliori gotici italiani. Lento, trasognato, ma al contempo raffinato e ben servito da una splendida fotografia e da una scenografia da 'favola nera'. L'atmosfera che riesce a creare è assolutamente unica nel cinema italiano, rimane impressa in maniera indelebile, soprattutto in chi vide questo film da ragazzino.

Bruce 20/01/09 10:44 - 1007 commenti

I gusti di Bruce

Deve essere valutato considerando l’epoca nella quale è stato realizzato per apprezzarlo appieno. Obiettivamente oggi risulta lentissimo e con poca azione (se non per la concitata parte conclusiva), eppure è un’opera curatissima di rara e raffinata eleganza. La sequenza iniziale con l’arrivo della barca sul canale tra la nebbia sembra un quadro fiammingo, altri momenti sono di fortissima suggestione horror. L’idea stessa dello scultore folle e del suo particolarissimo carillon è di grande impatto figurativo. Uno dei migliori gotici italiani.

Brainiac 22/02/09 11:38 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Posto che se avete una band stoner-rock il titolo originale è ciò che fa per voi, il film è una rivisitazione del mito di Frankenstein dalle lugubri ambientazioni nordeuropee. Punti di forza: l'ottima prova degli attori (su tutti il patetico Preiss) e i travasi sanguigni atti a tenere forzatamente in vita la figlia del Dr. Wahl. Inoltre il ritmo è lento ma non estenuante, il divertimento aumenta nella seconda parte, quando il Dr. Wahl chiederà alla ragazza sbagliata un nuovo tributo di sangue, indirizzandosi così verso un finale coreograficamente macabro.
MEMORABILE: Il finale con le statue in fiamme.

Liana Orfei HA RECITATO ANCHE IN...

Cotola 5/08/09 23:01 - 8446 commenti

I gusti di Cotola

Bel gotico italiano che può contare su splendide atmosfere, corroborate da una notevole fotografia di Pavoni e da scenografie colorate e funzionali al narrato. La storia non è originalissima, ma è gradevole. Il risultato finale è decisamente buono. Chi ama il genere avrà di che divertirsi e ne resterà soddisfatto.

Goblin 6/05/09 11:05 - 11 commenti

I gusti di Goblin

Anche se girato agli inizi del genere, è senza dubbio il miglior horror gotico italiano; personalmente lo trovo superiore, anche se di poco, al La maschera del demonio di Bava. Ha uno svolgimento un po' lento tipico dei film di questo genere, ma nulla risulta fuori posto e nonstante la sua veneranda età mantiene intatto tutto il suo fascino. Il finale è da antologia.

Capannelle 28/08/09 09:24 - 4105 commenti

I gusti di Capannelle

Buon esempio di gotico di impostazione classica, con poco sangue e molta atmosfera. Personaggi un po' teatrali ma comunque felicemente assortiti e ben resi dagli attori. Ammaliante la Gabel. Trama abbastanza intrigante senza essere contorta e portata avanti con mestiere. Solo qualche cedimento nelle scene d'azione, specie nel drammatico finale. Tre pallini abbondanti.

Stefania 2/02/10 00:48 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Ottimo horror gotico-fiammingo, prosciugato di sangue, ovattato di velluti, di broccati e di nebbie. Un mulino dove la morte dà subito spettacolo, con quel carosello di storiche assassine pietrificate e inchiodate a quel nastro il cui cigolio è più forte del dolce suono del carillon... E' l'orgoglio della stirpe dei Wahl, la morte, è una linfa vitale! Trionfo di bizzarra necrofilia, colorato e ombroso, indimenticabili i primi piani sul volto del professor Wahl, sui suoi occhi sgranati di follia.

Casinista 15/03/10 01:33 - 39 commenti

I gusti di Casinista

Film nostrano del geniale Giorgio Ferroni, che riesce a creare una scenografia con tutte le carte in regola per competere con le produzioni Hammer. Un pazzo, proprietario di un vecchio mulino, ha ingaggiato un bieco medico, per cercare di far "sopravvivere" la figlia, afflitta da un rarissimo male. Parte della strumentazione (per estrarre sangue), presente nel laboratorio de medico, ricorda vagamente la macchina utilizzata dal dottor Nijinski (Klaus Kinski) nel film La mano che nutre la morte (1974) di Sergio Garrone.

Trivex 16/03/10 16:25 - 1645 commenti

I gusti di Trivex

Eccellente prodotto gotico, con connotati originali. L'unica pecca potrebbe essere il titolo troppo esplicativo, ma il cuore del film non è il mistero. Scenografie ricercatissime, curate nei particolari, donano un'atmosfera d'eccezione e dimostrano l'abilità di realizzare nel 1960 un progetto superlativo, senza ricercare azzardi d'avanguardia. La classicità è il suo punto di forza e per questo lo considero un vero grande esempio di cinema. Da vedere per capire quanto sia relativamente semplice stupire e farsi ricordare.

Puppigallo 27/03/10 16:08 - 4931 commenti

I gusti di Puppigallo

Uno di quegli horror di un tempo che fu, che riconciliano col genere e fanno respirare e vivere atmosfere ormai perse (l'evoluzione tecnologica, oltre a mortificare spesso le idee, ha sicuramente tolto qualcosa). L'ambientazione è perfetta (il mulino) e si crea quasi subito il giusto clima di tensione che monterà col passare dei minuti, anche senza scene eclatanti. Gli attori tendono ad essere un po' caricaturali, soprattutto nelle reazioni e le ingenuità non mancano, ma nonostante ciò, si finisce per accettare tutto, lasciandosi coinvolgere dalle vicissitudini dei protagonisti. Notevole.
MEMORABILE: La figura del dottore; La scena finale, col carillon, di forte impatto visivo (il carillon stesso è il punto di forza del film).

Funesto 4/05/10 00:45 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Molto bello. Premetto che non ho mai amato l'horror gotico, eppure questo ha un fascino notevole, un gusto retrò godibilissimo. Oggi non ha più la presa di un tempo, eppure non gli si può non riconoscere una buona atmosfera, una bella fotografia, una scenografia ottimamente realizzata e idee grandiose. Lento ma non troppo, con una colonna sonora (dal carillon) indimenticabile, è uno dei migliori gotici made in Italy. Finale stupendo, col carillon che brucia mentre Gregorius dà di matto con un morto in braccio. 3 palle, ma forse merita di più...
MEMORABILE: Il finale è di quelli che da solo merita la visione del film: l'ossessiva tema del carillon in fiamme riecheggia mentre Gregorius urla "Bastaaa!"...

Daidae 5/05/10 20:08 - 2968 commenti

I gusti di Daidae

Giorgio Ferroni, ottimo regista la cui carriera verrà "macchiata" dal mediocre spionistico New York chiama superdrago offre qui un bellissimo gotico all'italiana dal quale prenderanno spunto diversi registi. Buon cast, suggestive atmosfere e bel finale a coronare tutto.

Matalo! 17/06/10 09:43 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

È un buonissimo lavoro questo di Ferroni, molto attento a calibrare l'orchestrazione e a regalare qualche bel brivido horror per questo inquietante museo-mulino le cui donne raffigurate sono delle con-dannate a salvare un'altra donna che, più che malata, sembra in prigione. Il finale è un po' sbrigativo e di Olanda non c'è nulla, ma ancora oggi il ferale carillon non lascia indifferenti. La bella Gabel era la controfigura della Loren. Tra le vittime Liana Orfei. Molti lo trovano inferiore a Bava e a Margheriti, per me a tratti li supera.

Giorgio Ferroni HA DIRETTO ANCHE...

Pigro 16/07/10 08:27 - 8918 commenti

I gusti di Pigro

Il mulino dello scultore è un piccolo universo dell'orrore, in cui campeggia un carillon di lugubri statue: è proprio l'ambiente il protagonista di questo horror gotico che attira lentamente nelle spire morbose di un amore malsano (tra la misteriosa figlia dell'artista, che muore e risuscita, e l'aitante ricercatore) per poi sferrare il colpo decisivo con la rivelazione di crimini frankensteiniani. Un buon film, ben narrato, ben diretto, ben scenografato e con buone idee visive tra le quali impressiona l'apocalittica nemesi finale.

Von Leppe 23/09/10 17:03 - 1156 commenti

I gusti di Von Leppe

Ottimo lavoro, dal classico tema del museo delle cere; un film che va oltre nell'estetica macabra, gotica, con il mulino e i carillon che creano sempre tristezza, nella cornice del paesaggio olandese dove sono girati gli esterni. C'è il mad doctor professore all'accademia di belle arti che ama follemente la figlia. Il film per alcune scene ricorda più i film horror inglesi che quelli più tipicamente italiani come La maschera del demonio (più estremi) usciti tra l'altro nello stesso anno. Il finale è l'apoteosi del film: tragico e folle.
MEMORABILE: Il professore impazzito con la figlia in braccio grida: Silenzio! al macabro carillon...

Myvincent 13/04/11 12:42 - 3303 commenti

I gusti di Myvincent

Un artista folle e uno scienziato pazzo all'interno di un mulino dove regnano il mistero e l'orrore. Un po' fantachirurgico, un po' melò, molto gotico, si accascia troppo spesso su tempi morti di sceneggiatura e su una capacità predittiva degli avvenimenti narrati davvero troppo scontata. Bigiotteria, seppur non della più scadente...

Max92 14/05/11 14:50 - 104 commenti

I gusti di Max92

Ferroni è stato indubbiamente un regista "atipico" nel panorama italiano: si è misurato in quasi tutti i generi cinematografici tentando solamente due volte la strada dell'horror (molti anni dopo ha girato anche La notte dei diavoli). Ed in questa occasione l'esperimento è riuscito in maniera ineccepibile: nelle fosche tinte di un technicolor livido ed inquietante si staglia una vicenda inverosimile quanto si vuole ma di un fascino e di una carica indimenticabili. Ottimo il cast, con un gigionesco Bohem istrionico e felice di esserlo.
MEMORABILE: Il funzionamento del carillon.

Ryo 1/10/11 13:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Favoloso dal punto di vista dei costumi e delle scenografie, grazie alle quali si nota l'impegno tecnico. La trama è, ugualmente, all'altezza della bellezza scenica. Thriller improntato sulla pazzia e la psicologia nello stile inquietante delle migliori storie ambientate negli Anni Venti. Pierre Brice è un gioiello recitativo, le donne di pietra grottesche e agghiaccianti. Ottima prova di Giorgio Ferroni.
MEMORABILE: Le statue che vanno a fuoco.

Giùan 2/12/11 11:43 - 3855 commenti

I gusti di Giùan

13 anni dopo il verismo di Tombolo e prima di dedicarsi al western come Calvin Padget, Ferroni sforna questo piccolo gioiello del gotico-fantastico, la cui plastica fascinazione è valorizzata dai cromatismi del Technicolor. Come aveva fatto con la pineta livornese, il Regista mostra straordinaria sapienza nel rendere protagonisti ambienti e scenografie, rendendo sinistro e labirintico il mulino. Il climax originale fa soprassedere alla trama a tratti succedanea (dalla Maschera di cera a Occhi senza volto). Che zigomi la Gabel, Boehm pare Emil Jannings!
MEMORABILE: I nomi: Annelore, Liselotte..; "la fucina del diavolo" durante l'intervento di trasfusione, con le due bacinelle di fuoco a vista; Le allucinazioni.

Rigoletto 4/05/12 23:16 - 1737 commenti

I gusti di Rigoletto

Può essere considerato uno dei migliori gotici italiani, ma con questa distinzione: pallosissimo se visto come semplice film, molto affascinante ed estremamente coinvolgente se visto come opera cinematografica; questo perché i suoi talloni di Achille (la grande lentezza su tutti) ne fanno un prodotto non adatto a tutti i palati (inclusi gli amanti dell'horror). Ma è innegabile che le atmosfere, la fotografia e il resto lo trasformino in un vero gioiello. Nel complesso gli preferisco La maschera del demonio, più stereotipato ma con un b/n da urlo. ***½

Caesars 16/10/12 09:00 - 3434 commenti

I gusti di Caesars

La cosa migliore di questo gotico girato da Ferroni è l'idea di ambientare la vicenda in un mulino a vento invece che nel solito tetro castello. Tra i pregi della pellicola si possono anche mettere una bella fotografia, una trama tutto sommato abbastanza valida e una recitazione più che sufficiente. Ne esce fuori quindi il quadro di un prodotto più che dignitoso che paga solo qualche momento di stanca e qualche ingenuità nello svolgimento della trama. Certo quarant'anni sono passati e si sentono, ma chi ama il genere gradirà.
MEMORABILE: Il carillon con le statue, veramente inquietante.

Herrkinski 8/02/13 01:28 - 6945 commenti

I gusti di Herrkinski

Bel gotico di Ferroni, che si fa apprezzare soprattutto per una fotografia in Technicolor quasi baviana, per una trama a suo modo originale (per l'epoca, s'intende), per le buone atmosfere e per la corretta prova degli attori. Interessante anche la scenografia e la location naturale olandese, piuttosto singolare ma non priva di fascino. Si accusa un po' di verbosità nel narrato e indubbiamente il film mostra i suoi anni, ma per chi ama il genere rimane un prodotto di buona fattura. Mezza palla in meno solo perchè per i miei gusti è un po' lento.
MEMORABILE: Le statue in fiamme.

Nicola81 4/01/14 15:22 - 2483 commenti

I gusti di Nicola81

Ci voleva un non specialista del genere come Ferroni per dimostrare che si poteva girare un ottimo horror anche senza scomodare streghe e vampiri. Ambientazione insolita e storia dagli echi frankensteiniani esaltate da un tripudio di luci e colori degno del miglior Bava trasportano lo spettatore in una dimensione onirica notevolmente in anticipo sui tempi. Attori bravi, pur con qualche eccesso teatrale (la Gabel era uno splendore) e buone musiche di Carlo Innocenzi. Insieme a Lo spettro e Operazione paura è il mio gotico italiano preferito.
MEMORABILE: Il carillon; L'allucinazione; La trasfusione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Lucius 17/02/14 17:52 - 2968 commenti

I gusti di Lucius

Uno dei gotici italiani per eccellenza, con scenografie curatissime che costituiscono il fattore predominante del film. Le misteriose partiture musicali di cui è composta la colonna sonora e i costumi contribuiscono a delinearne lo stile. Una storia d'altri tempi - tipica di un certo grande cinema artigianale sommerso italiano - sospesa in una dimensione tutta sua. Una pellicola dotata di grande fascino visivo che rifugge la fruibilità per abbracciare stranianti meccanismi del narrato.

Maik271 2/01/16 19:09 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Un gotico anomalo per le ambientazioni, l'Olanda e un mulino a vento, ma ben curato nella regia e nelle scenografie molto coinvolgenti. La recitazione è tipica del periodo, piuttosto teatrale, ma ben si amalgama con le atmosfere del film. Nel discreto cast spicca su tutti il bravo Bohme nei panni del professore e la bella Gabel. Curiosità: uno dei rari horror dell'epoca in cui alla censura è scappata una mezza tetta.
MEMORABILE: Il carillon infuocato.

Jdelarge 1/04/16 02:31 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Bellissimo gotico firmato Ferroni, che dà vita a un vero e proprio teatrino degli orrori in cui la scenografia e la scelta degli abiti e dell'illuminazione giocano un ruolo di fondamentale importanza. La trama presenta qualche ruggine qua e là, ma nel complesso il film è più che riuscito perché in grado di toccare svariate tematiche (su tutte quella della necrofilia). Scilla Gabel ha il volto perfetto per la parte che interpreta. Fondamentale.

Il Dandi 13/05/16 23:58 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Uno dei miglior gotici dell'epoca riconoscibile (insieme a Un angelo per Satana) come uno dei modelli più diretti de La casa dalle finestre che ridono, dal canale attraversato nell'incipit al tema del morto tenuto in vita attraverso il sacrificio di vittime innocenti. Ferroni dimostra un gusto pittorico non comune e sebbene la seconda parte del film sia nettamente superiore la messa in scena risulta elegantissima anche nel lento avvio. Il sontuoso Technicolor e la musica di Carlo Innocenzi (quello di "Mille lire al mese") risultano preziosi.
MEMORABILE: Il carillon in fiamme.

Daniela 6/06/17 14:29 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Un giovane studioso riceve l'incarico di esaminare dei documenti presso l'abitazione di un eccentrico scultore che vive in un vecchio mulino. La figlia del professore, bella e vogliosa, muore letteralmente di passione per il bel visitatore... Pregevole gotico italiano che, pur non originale nell'assunto anche se al posto del solito scienziato pazzo c'è lo scultore disturbato, può avvantaggiarsi di una ambientazione suggestiva, con alcune trovate visive d'effetto come il carillon con le statue femminili di pietra (ma in effetti sembrano più di cera). Bello anche il fiammeggiante epilogo.

Rufus68 3/03/18 18:29 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

Più bello da vedere che eccitante, è il classico film che si preferisce lodare anche se non se ne è particolarmente convinti. Non proprio originale (specie nelle caratterizzazioni), ha dalla sua la fotografia, le scene della "petrificazione" e un'aura di nobile mestiere. L'afflato fantastico latita; a convincere è, invece, la morbosità dell'insieme (la tetra nenia dell'enorme carillon) che anticipa alcuni temi funebri del thriller futuro in Italia.

Minitina80 8/11/18 07:26 - 2750 commenti

I gusti di Minitina80

Un mulino a vento e un carillon sono gli elementi insoliti di un horror d’altri tempi, nel complesso riuscito. Allucinazioni, persone che scompaiono, oggetti che si spostano inspiegabilmente sono gli stratagemmi che accompagnano alla rivelazione finale, cui va riconosciuta una certa efficacia. A dispetto dell’anno di produzione si presenta a colori, enfatizzando in tal modo gli sfondi e le suppellettili delle scenografie. Nonostante si attenga ai canoni del gotico, non dà quella sensazione di saturazione e abuso di luoghi comuni.
MEMORABILE: L'incendio.

Ira72 17/07/19 14:59 - 1204 commenti

I gusti di Ira72

Gotico dai risvolti macabri e ben realizzati, decisamente di buon livello, la cui trama ricorda Occhi senza volto e La maschera di cera. Molto originale la scelta dell'ambientazione (un vecchio mulino che grazie al proprio meccanismo innesca una raccapricciante sfilata degli orrori). Convincenti anche gli interpreti e la cura della fotografia. Non essendo un horror buttato lì i dialoghi hanno una certa importanza (anche se, talvolta, tendono ad appiattire la tensione e il ritmo). Consigliato e meritevole, anche per l'epilogo.
MEMORABILE: "Professor Wahl, mentre voi giocate con la morte, io trionfo su di lei" (Dott. Bohlem).

Leukimara 25/07/19 12:09 - 17 commenti

I gusti di Leukimara

Bellissimo gotico di Ferroni, che precede di 12 anni quello che sarà il suo secondo e ultimo horror, La notte dei diavoli. Qui il regista gioca col Technicolor per ricreare atmosfere visive che ricordano i quadri dei pittori fiamminghi, e infatti è proprio l'Olanda il paese dove decide di ambientare questo suo incubo, all'interno di un mulino dove un professore pazzo ha ideato un singolare carillon con statue di pietra molto realistiche. Davvero di notevole suggestione, un film che spiazza.
MEMORABILE: Il dott. Bohlem al prof. Wahl: "Con me hai ucciso tua figlia"!

Claudius 6/01/21 20:02 - 513 commenti

I gusti di Claudius

Uno dei migliori (se non il migliore) gotici italiani di sempre, ricco d'invenzioni cromatiche (il finale e l'allucinazione a metà durata). La storia è ben condotta e pervasa di un'atmosfera mortifera e inquietante come poche e diverse scene riescono a procurare più di un brivido (il carillon umano, le allucinazioni), merito anche della bella ambientazione (ah, il fascino dei mulini). Splendido il finale e buono il cast.
MEMORABILE: Il finale e il carillon.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Fedeerra 16/08/21 09:04 - 792 commenti

I gusti di Fedeerra

Soggiogato da un’estetica folgorante e anti naturalistica, è un film che abolisce ogni confine tra raziocinio e delirio. Picchiando sul nervo ottico Ferroni realizza un gotico atipico e straordinario; lascia ai suoi protagonisti la libertà di perdersi nei labirinti della psiche e allestisce per i suoi spettatori una sarabanda a metà strada tra incubo e incanto. Morboso.

Leandrino 17/02/22 11:42 - 430 commenti

I gusti di Leandrino

Il giovane Hans arriva in un villaggio vicino Rotterdam per studiare un antico mulino a vento, casa di un tenebroso carillon. Belle atmosfere e ottima fotografia a colori per uno dei primi esempi di horror gotico all'italiana, che però fa leva su spunti drammaturgici un po' casuali e non troppo originali, oltre che su un'esposizione dei fatti spesso dozzinale. Nel complesso una visione interessante, se anche non sempre divertente, tappa obbligata per una corretta rivisitazione del genere.
MEMORABILE: Il finale coi manichini sciolti dalle fiamme.

Kinodrop 28/03/22 19:39 - 2362 commenti

I gusti di Kinodrop

A scopo di studio, il giovane Hans si reca in una casa/mulino a vento abitata da un singolare scultore, dalla bella figlia e da un onnipresente dottore. L'ambiente (ben fotografato) è inquietante per i roteanti meccanismi, per le suppellettili macabre sparse qua e là e soprattutto per un carillon di orride "statue" a grandezza naturale che si anima allo scoccare delle ore. Trama e svolgimento a dir poco ultradatati, che tentano di far paura e renderci partecipi di un mistero di cui non si afferra il bandolo; tutti parlano come un libro stampato e si muovono come in un film muto.

Reeves 31/03/22 09:14 - 1119 commenti

I gusti di Reeves

Grandissimo horror tutto fatto di atmosfere e di trovate visive che ci conferma quanto Giorgio Ferroni fosse davvero un regista capace di dare il meglio in qualsiasi impresa dovesse affrontare. Qui il luogo claustrofobico e le atmosfere rarefatte sembrano esaltarlo in una storia che è avvincente e al tempo stesso capace di sorprendere. Scilla Gabel è sempre una presenza magnetica, per non dire altro.

Teddy 16/08/22 01:00 - 323 commenti

I gusti di Teddy

“Il mulino delle donne di pietra” è un film che le sue scene madri non le svende all’horror, le dona al gotico-psichico che inonda la narrazione con la grandiosità dell’estetica e viceversa. Filmato con occhio di riguardo da Giorgio Ferroni, in location rustica e decisamente spettrale, riesce a cogliere la fenomenologia dell’ossessione con le sue frangie estreme e con tutti i suoi macabri rituali. Da brividi l’infuocato finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 20/05/11 12:32
    Pianificazione e progetti - 46234 interventi
    Uhm, passato troppo tempo ma, come avevo scritto, la scena nel dvd Neo è assolutamente presente. All'epoca feci il confronto e me ne accorsi.
  • Homevideo Ciavazzaro • 20/05/11 14:33
    Scrivano - 5616 interventi
    Non preoccuparti,sarà una buona occasione per rivedermelo !
  • Discussione Undying • 9/04/12 20:09
    Controllo di gestione - 7596 interventi
    Allan ebbe a dire:
    Undying, scusa, ti segnalo una piccola svista in curiosità: la bella n.2 non è la Carrel ma Scilla Gabel.

    Grazie Allan, hai proprio ragione :)
    Rettificata la curiosità eliminando la foto con Scilla Gabel che nulla c'entra.
    Il capezzolo è pero quello di Dany Carrel.
    Ultima modifica: 9/04/12 20:12 da Undying
  • Homevideo Lucius • 17/02/14 18:19
    Scrivano - 8908 interventi
    Immagine al min. 22:19 dal dvd francese Neo Publishing:

    Ultima modifica: 18/02/14 08:10 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 1/03/14 09:59
    Pianificazione e progetti - 24253 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (un po' "vissuto" per via del tempo) (Ciclo: Horror all'italiana, Luglio 1982) di Il Mulino Delle Donne Di Pietra:

  • Discussione Noncha17 • 29/08/16 15:36
    Magazziniere - 1072 interventi
    Cliccando sull'immagine, è possibile vedere la sigla del ciclo con cui andarono in onda diversi film del genere nell'estate del 1982..



    ..con tanto di introduzione alla rassegna a cura di Paolo Valmarana!
  • Homevideo Baldata74 • 13/05/17 03:50
    Disoccupato - 6 interventi
    La sequenza alternativa e la scena inedita parlata non sono sottotitolate.
    Ultima modifica: 13/05/17 07:49 da Zender
  • Discussione Leukimara • 25/07/19 11:43
    Galoppino - 8 interventi
    Nell'intervista inclusa negli extra del dvd Liana Orfei, una delle protagoniste del film, racconta che in un piccolo cameo appariva anche il grande Terence Hill, ma la scena fu poi tagliata in fase di montaggio. Peccato.
  • Homevideo Caesars • 7/09/21 13:36
    Scrivano - 16106 interventi
    In uscita prossimamente (14 Dicembre) il doppio bluray (+ libretto), edito da Arrow, con audio italiano
    https://www.dvd-store.it/Video/Blu-Ray/ID-75217/Mill-of-the-Stone-Women--2-Blu-Ray-Disc-Booklet
  • Homevideo Zender • 7/09/21 14:52
    Pianificazione e progetti - 46234 interventi
    Gran bella notizia!