Io uccido, tu uccidi - Film (1965)

Io uccido, tu uccidi
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Tra i peggiori film a episodi della commedia italiana. Due ore e più in compagnia di storielle sciocche incentrate sull'omicidio di amici e parenti da parte dei personaggi più svariati. Apertura e chiusura sono con la coppia Franco e Ciccio, che cominciano purtroppo molto male con l'episodio più breve (dieci minuti) e insignificante. CAVALLERIA RUSTICANA: OGGI prende spunto dall'opera di Mascagni per raccontare di compare Alfio e Turiddu, due siciliani oppressi dalle loro mogli Lola (Franca Polesello) e Santuzza (Rosalba Neri), che vengono alle mani per l'amore di Turiddu. Il finale, a Parigi, vede i due siciliani aprire un negozio di alta moda dopo essersi liberati dalle ingombranti donzelle dando...Leggi tutto vita a un'inedita soluzione omosessuale. Franco è troppo teatrale, Ciccio resta in secondo piano, entrambi schiavi di una sceneggiatura futile che li relega a macchiette strepitanti quanto le belle consorti. Di male in peggio si va con LA DANZA DELLE ORE, in cui Paolo Panelli recluta una donna poco seria (Margaret Lee) per trasformarla in infermiera e accelerare la morte dello zio ricco. Ma quello (ovviamente) approfitta della situazione e non muore; tutt'altro. Una storia vista duecento volte (che poi verrà ripresa ancora e ancora negli Ottanta dai film con Banfi e Vitali) qui affrontata senza un briciolo di umorismo e un Panelli defilato, impossibilitato a improvvisare. Inattesa parentesi seriosa con la mezz'ora di LA DONNA CHE VIVEVA DA SOLA. Emmanuelle Riva è una maestrina che si innamora del vicino di casa (Jean-Louis Trintignant) dove va a fare ripetizione. Quando questi finisce accusato di omicidio lei proverà a scagionarlo in ogni modo, riuscendovi con una soluzione inattesa e originale. Un melodramma giallo di nessun interesse, recitato a sussurri e interminabile. Con GIOCHI ACERBI si racconta invece di tre bambini che, innocentemente, uccidono prima la nonna (la qui odiosa Giusi Raspani Dandolo), poi chiunque si comporti male col loro cane Bobo, mandando chi non sopportano al “Signor Creatore” utilizzando una botola segreta del palazzo in cui abitano. Recitato malissimo (dai tre bimbi, è comprensibile), ripetitivo e stanco nonostante l’insolita idea di fondo, è forse il punto più basso del film. Ma molto male si prosegue con IL PLENILUNIO, dove un giovane Tomas Milian (allora era una presenza costante nel cinema italiano d'autore), già doppiato in romanesco, cerca una donna che lo mantenga. La trova in Eleonora Rossi Drago, che però rivela una pericolosa indole licantropica che contagerà il suo amante. Milian sembra svogliato, inerte. In parte è il copione (imbevibile), in parte lui che se ne dev’essere accorto. Chiusura con l'unico episodio degno di nota: in UNA BOCCATA DI FUMO Franco è un fumatore incallito costretto a smettere per gravi problemi di salute. Il cognato (Ciccio) è chiamato a controllare che Franco rispetti il severo ordine del medico. Franco dà libero sfogo a ogni tipo di tic e smorfia, Ciccio gli fa da ottima spalla in più di un'occasione. Si ride (senza esagerare). Sono circa venti minuti ben studiati (pur se la sceneggiatura è una volta di più carente) in cui le potenzialità comiche del soggetto sono sfruttate dall’abilità improvvisativa della celebre coppia.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 17/11/07 17:43 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il tema dell'omicidio premeditato in una commedia "nera" che si tinge di erotismo. Tra gli episodi sono degni d'interesse "Giochi acerbi", con i tre bambini che mandano al Creatore le persone che maltrattano il loro amato cane e il giallo "La donna che viveva sola", quasi un'anticipazione de La vittima designata. Il resto traballa; si rivedono comunque con piacere le inarrivabili smorfie di Franchi fumatore accanito e uno strip-tease della Lee sulle note de "La danza delle ore".

John trent 25/06/10 20:46 - 326 commenti

I gusti di John trent

Bel film a episodi intriso di umorismo nero e cattiveria nel quale il protagonista assoluto è l'omicidio bizzarro e fantasioso. Alcuni episodi sono sottotono ("La donna che viveva sola" e "Il plenilunio") mentre quello con Panelli ("La danza delle ore") e soprattutto i due con Franchi e Ingrassia ("Cavalleria rusticana oggi" e "Una boccata di fumo") meritano assolutamente un'ampia sufficienza. Discorso a parte per l'ultimo avente come protagonisti dei bambini ("Giochi acerbi") che è un autentico gioiellino. Una chicca da riscoprire.

Dusso 23/05/13 21:07 - 1564 commenti

I gusti di Dusso

Deludente film di Puccini che si apre con un episodio (il peggiore in assoluto) davvero insulso, protagonista la celebre coppia sicula. L'unico degno di nota è "Giochi acerbi", in cui spicca la perfida e bravissima Giusi Raspani Dandolo; per il resto c'è qualcosa di gradevole ma nulla di indimenticabile, anche perché spesso i finali sono deludenti (come nel divertente "Una boccata di fumo").

Motorship 1/03/14 17:58 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Film ad episodi a sfondo di commedia nera dal risultato decisamente altalenante. Se episodi come "Giochi acerbi" e "Una boccata di fumo" (peraltro quest'ultimo è una bella prova del duo Franchi-Ingrassia) sono ben riusciti, lo stesso non si può dire invece de "Il plenilunio" e di "Cavalleria Rusticana oggi", invero assai mediocri. Bellissima come sempre Margaret Lee. Appena sufficiente.

Rambo90 9/11/16 00:49 - 7629 commenti

I gusti di Rambo90

Film a episodi noiosetto, ma che se non altro ha il pregio di far uso di humor nero piuttosto che delle classiche situazioni barzelletta. Nessun segmento colpisce particolarmente, se non forse "Giochi acerbi", dal finale beffardo e con protagonisti tre bambini piuttosto inquietanti. Franco e Ciccio se la cavano con la simpatia, gli altri affondano in una scrittura non troppo brillante (soprattutto Panelli). Durata eccessiva, regia qui e là interessante.

124c 7/08/17 01:03 - 2909 commenti

I gusti di 124c

Commedia nera a episodi sul tema omicidi. Si va dagli sktech di stampo televisivo interpretati da Panelli, Ciccio e Franco, a un vero mini-giallo (semi)serio con Tritignant. Ci sono anche i segmenti sui bambini assassini che, però, restano antipatici più delle vittime che fan fuori e un Tomas Milian, forse per la prima volta nei panni di romano, che si fa coinvolgere in una farsa horror su (pseudo) donne lupo. Se non ci fosse Margaret Lee che fa la prostituta e improvvisa uno spogliarello, rischierebbe di essere solo tempo perso.
MEMORABILE: Tomas Milian che "controlla" le calze delle bella segretaria di Eleonora Rossi Drago; Margaret Lee che ripete con accento slavo "Piccolo porco".

B. Legnani 7/10/18 11:22 - 5508 commenti

I gusti di B. Legnani

Cavalleria rusticana **: Rivisitazione di Mascagni, con doppia sorpresa finale. La donna che viveva sola **!: dolce ritratto di una donna innamorata (la Riva). La danza delle ore *! (Panelli): lungo e ripetitivo, dopo una buon inizio con un valido Panelli. Giochi acerbi ***: il migliore, con gli esilaranti Dandolo e Garinei e con sorpresa finale. Il plenilunio *!: Milian troppo impacciato nel fare l'impacciato, con forti echi di Laurel&Hardy. Una boccata di fumo *!: chiusura debole. Senza gli ultimi due episodi, il film sarebbe stato meno prolisso e più valido. Buona la direzione degli attori.
MEMORABILE: "Trovo nei ragazzi d'oggi una stanchezza cerebrale, un'indifferenza accasciante: sono inconsistenti... (film del 1965, non di oggi).

Ronax 29/07/19 08:41 - 1236 commenti

I gusti di Ronax

Commedia a episodi intrisa di humour nero con alti (come il segmento dei soavi bambini assassini) e bassi (come le infime barzellette di apertura e chiusura con Franco e Ciccio). Nel mezzo Panelli cerca vanamente di mandare a miglior vita il ricco zio tramite la splendida Margaret Lee, la Rossi Drago licantropa che porta alla morte un coattissimo Milian e, con un netto cambio di registro, la drammatica vicenda con la Riva e Trintignant. Non un capolavoro ma nel panorama mediamente desolante del film a episodi anni '60 è forse fra i più riusciti.
MEMORABILE: Il colpo di scena finale nell'episodio con i bambini omicidi.

Ciccio Ingrassia HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Appuntamento a IschiaSpazio vuotoLocandina 5 marines per 100 ragazzeSpazio vuotoLocandina Il giudizio universaleSpazio vuotoLocandina L'onorata società
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Homevideo Motorship • 26/05/13 18:05
    Fotocopista - 269 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Grazie per il contributo dusso,mediaset è sempre incredibile quanto a tagli !

    Concordo perfettamente. Mediaset fa dei tagli davvero senza un senso preciso. Di esempi se ne potrebbero fare a bizzeffe.
  • Homevideo John trent • 27/05/13 12:26
    Custode notturno - 526 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    Incredibile quello che è stato tagliato! ossia nell'episodio con Panelli e Margaret Lee manca interamente la sequenza dove lei fa lo strip...


    "Piccolo puorco!"
    Indimenticabile.
  • Discussione Zender • 3/03/14 15:20
    Capo scrivano - 47593 interventi
    Scusa Motorship, leggendo il commento tuo a questo film e quello precedente al tuo scritto da Dusso chunque può notare come tu dica esattamente le stesse cose... Capisco che possa capitare, ma qui si esagera, anche perché questo accostamento con Dusso si fa un po' troppo frequente. Ecco per Un mostro e mezzo i vostri commenti:

    DUSSO: Sorprendentemente uno dei migliori film di Franco e Ciccio. Nella parte iniziale non è molto divertente, ma poi lo diventa con scene spassose e un grazioso finale. Il ritmo è ottimo, ma quel che sorprende è che non ci sono in pratica momenti di stanca (avrei solo dato un'accorciata all'operazione su Franco), mentre la sceneggiatura non è eccelsa ma funzionalissima.

    TUO: Uno dei migliori film di Franco e Ciccio. La mano di un grande regista come Steno si vede. La prima parte non è granché, ma la seconda è esplosiva e il finale davvero riuscito. Un film leggero e assai divertente, con una sceneggiatura semplice ma funzionale e gag davvero esplosive. Inoltre non stanca mai. Franchi sfrutta al massimo la sua irresistibile mimica facciale mentre Ingrassia fa ridere con più misurazione. Davvero bello.

    Ora, capitasse una volta va bene, due pure, ma siccome vedo assonanze forti anche in Dimenticare Lisa o Da Berlino l'apocalisse sembra quasi che tu prenda spesso i commenti di Dusso e li rielabori, mentre sappiamo tutti quanto qui la prima regola dice che i commenti devono essere del tutto personali.

    Ti chiedo allora di riscrivere qui sotto il commento a Io uccido tu uccidi, almeno, e di fare più atenzione. Va bene leggere i commenti altrui, ma poi i pareri devono essere personali. Altrimenti, se non si sa cosa scrivere, meglio evitare di commentare.
  • Discussione Motorship • 3/03/14 17:07
    Fotocopista - 269 interventi
    Film ad episodi a sfondo di commedia nera dal risultato decisamente altalenante. Se episodi come "Giochi acerbi" e "Una boccata di fumo"(peraltro quest'ultimo è una bella prova del duo Franchi-Ingrassia)sono ben riusciti, lo stesso non si può dire invece de "Il plenilunio" e di "Cavalleria Rusticana oggi", invero assai mediocri. Bellissima come sempre Margareth Lee. Appena sufficiente.

    - Ovviamente il mio voto rimarrebbe sempre **

    Non so se va bene così, altrimenti non fa nulla.
  • Discussione Zender • 3/03/14 18:51
    Capo scrivano - 47593 interventi
    A parte la povera Margaret Lee, che gli appioppano sempre la H in più, va bene. L'importante è che, quando scrivi, tu lo faccia subito dopo aver visto il film e cercando di pensare a quello che vuoi scrivere te, senza guardare prima quello che scrivono gli altri. Evitiamo di commentare film visti molto tempo prima, altrimenti si rischia davvero di spersonalizzarsi e prendere da altri.
  • Discussione Mauro • 6/10/18 10:09
    Disoccupato - 11858 interventi
    Zender, secondo la locandina, wikipedia, imdb e il sito di Anica il titolo ufficiale è "Io uccido, tu uccidi", ma vedendo il film su youtube mi sono accorto che nei titoli di testa (esattamente a 11 secondi dall'inizio) il titolo completo sarebbe "Io uccido, tu uccidi, egli... scrive, noi... un cadavere"

    https://www.youtube.com/watch?v=6csIXgvlqKs
  • Discussione Zender • 6/10/18 10:34
    Capo scrivano - 47593 interventi
    Sì, senza virgola dopo scrive. Non lo so, c'è da indagare, potrebbe essere il titolo di una riedizione. Per adesso lo metto negli aka.
  • Discussione Allan • 6/10/18 13:11
    Disoccupato - 1321 interventi
    E' un film di montaggio fatto dall'utente yt. E' scritto nelle note del video.
  • Discussione Zender • 6/10/18 14:01
    Capo scrivano - 47593 interventi
    Ah ecco, grazie Allan. Da qui non avevo visto. Dopo cancello
    Ultima modifica: 6/10/18 14:03 da Zender
  • Curiosità Zender • 21/04/21 18:21
    Capo scrivano - 47593 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, dedicato alle persone "di buon gusto"!

    [img size=300]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/iouccido300.jpg[/img]