Ritorno al futuro parte III

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Back to the future part III
Anno: 1990
Genere: commedia (colore)
Note: Secondo sequel di "Ritorno al futuro". Aka "Ritorno al futuro parte 3".
Numero commenti presenti: 41
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L'episodio che chiude la trilogia di Zemeckis è molto più spostato verso la commedia rispetto ai precedenti, ed è questo il suo maggior difetto: la componente fantascientifica che nel secondo capitolo era soverchiamente predominante (e che l'aveva reso il più interessante dei tre) viene rispolverata nei primi venti minuti, nel finale e qua e là durante il film, ma sostanzialmente questa terza parte è solo una commedia western poco riuscita. E l’aver inventato una storia d'amore non più per Marty ma per Doc (l'immancabile Christopher Lloyd) è segno forse di originalità ma rende l’insieme ancor più patetico. Mary Steenburgen (che con un western...Leggi tutto aveva esordito) proprio non convince, sembra uscire da una favola e nell'interminabile finale action non pare davvero possedere le physique du rôle. A Marty/Fox tocca invece subire le angherie del pistolero del villaggio, che lo prende di mira da subito. Vestito come Clint Eastwood (al quale ruberà il nome) combatterà come può tentando di spremere qualche grammo d’ironia da una sceneggiatura non pessima ma nemmeno brillante. Zemeckis perde con questo terzo capitolo la simpatia, che era stata uno dei punti di forza della saga, per ridursi a cercar di regalare a tutti i costi un po' di vivacità che rilanci un soggetto fiacchissimo. Ma la ricostruzione western, pur condotta con professionalità, suona fasulla e tendenziosa. Poca grinta e, come detto, un finale stiracchiatissimo che si scopre scialbo pure nell’inevitabile epilogo, che dovrebbe chiudere con sforzo e invece si spegne nella mediocrità. Ci si fosse fermati al numero 2 sarebbe stato un bene per tutti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 2/03/07 17:04 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Dopo il secondo episodio, era rimasto veramente poco da aggiungere, quindi il regista si inventa questa parabola western che francamente non attira più di tanto. Nonostante il film non sia fatto male, non coinvolge più come prima e finisce per stancare presto lo spettatore. Buona l'idea delle citazioni western. Noioso.

Caesars 22/03/07 10:26 - 2817 commenti

I gusti di Caesars

Girato assieme al secondo capitolo, questo episodio conclusivo è ambientato nel west. Ancora una volta siamo di fronte ad un prodotto inferiore all'originale ma comunque sempre godibile, anche se quasi all'unanimità è reputato il più fiacco della trilogia. Personalmente lo reputo a livello dell'episodio precedente, quindi molto godibile soprattutto per la simpatia dei personaggi interpretati da Michael J. Fox e Christopher Lloyd. Anche questo è quel che si dice un buon film.

Fabbiu 31/03/07 11:28 - 1970 commenti

I gusti di Fabbiu

Di sicuro è il punto più debole della trilogia, forse perché ambientata nel vecchio west la commedia difficilmente risulta essere fantascientifica (se non quando si parla di invenzione e della De Lorean), ma causa anche la storia d'amore tra Llyod e Steenburger la quale rispetto a tutti gli altri personaggi ha una interpretazione inferiore e poco adatta. Ma chi ha amato i due episodi precedenti guarda con gusto anche questo ultimo, che è molto più avventuroso e parodistico, ed è spassoso allo stesso modo degli altri.

Galbo 28/11/07 05:58 - 11515 commenti

I gusti di Galbo

Naturale prosecuzione del film precedente, ha l'originalità di un'ambientazione western ma nello stesso tempo è il capitolo con l'andamento più scontato e il più povero come idee e soluzioni narrative. Il regista e gli sceneggiatori, probabilmente a corto di idee, non individuano la chiave parodistica giusta e il film (pur presentando momenti molto godibili) si trascina stancamente verso il finale.

Lovejoy 23/06/08 17:59 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

A parte qualche trovata divertente vi è poco che si ricordi in questo terzo seguito delle avventure di McFly e Doc. La vicenda è sempre più ingarbugliata, con un finale a dir poco penoso, ma qualche battuta ben piazzata c'è ("Eastwood. Clint Eastwood" su tutte). Zemeckis (e l'Universal) campano di rendita sul personaggio. E gli attori si adeguano all'andazzo con prestazioni di pura e semplice routine.

Il Gobbo 4/07/08 09:15 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

"Eastwood. Clint Eastwood!". La risposta di Marty McFly alla domanda sul suo nome resta, alla fine, la cosa migliore di un film che non realizza appieno il suo potenziale: ci vuole amore anche per le parodie, e non sembra che Zemeckis abbia il western particolarmente a cuore. Fox e Lloyd fanno quello che possono, ma ormai i loro personaggi sono stati spremuti a fondo, e il tutto si trascina verso la fine con una certa stanchezza. Chiusura in tono minore.

Pigro 25/11/08 10:51 - 8077 commenti

I gusti di Pigro

Ultima tappa dei viaggi nel tempo di Marty e Doc, questa volta a ritroso nel Far West. Frizzante e divertente, non riesce a eguagliare il primo e il secondo episodio, riusciti rispettivamente per la novità e per il virtuosismo. Zemeckis non trova la chiave per rendere originale e davvero unica anche questa terza parte, complice una storia che rifacendo il verso al western non riesce a distaccarsi dalla prevedibilità del modello di riferimento da parodiare. Comunque un buon film.

Herrkinski 26/11/08 19:35 - 5399 commenti

I gusti di Herrkinski

Terzo e invitabilmente ultimo capitolo della fortunata serie. Il film sposta la maggior parte dell'azione nel vecchio West, virando maggiormente verso un tipo di commedia che a tratti fa rimpiangere i comedy-western italici di Hill e Spencer. Seppur qualche battuta sia azzeccata e le scene action siano godibili, il film stenta a decollare e una volta riuscitoci si schianta quasi subito contro una montagna di mancanza d'idee. Indubbiamente il peggiore del lotto, non del tutto da buttare ma nemmeno indispensabile. Superfluo.

Tarabas 27/02/09 14:36 - 1735 commenti

I gusti di Tarabas

Parte III: tutto nella norma a Hill Valley nel 1985. I problemi sono a Hill Valley, nel 1885, dove Doc si è trasferito per vivere il resto della sua vita. Conclusione decisamente virata in parodia della saga di Marty McFly, affettuosamente dedicata ai miti (anche cinematografici) del west, incluso Clint Eastwood (che presta a Marty il suo nome e il trucco del pezzo di ferro sotto la camicia durante il duello). Brava la Steenburgen nel ruolo altrettanto classico della maestrina, che sogna Jules Verne. Vado controcorrente: a me è piaciuto tantissimo.

Disorder 25/08/09 12:33 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

L'ultima puntata della serie, non memorabile come le prime due ma sicuramente di buon livello e ben allacciata al resto della storia. Massicce dosi di ironia, attori ultra affiatati ed effetti speciali che fanno il loro dovere: il film gira come un orologio fino al discreto finale. Simpatici anche i rimandi ai western Leoniani, per chi ha amato questo genere sono il valore aggiunto. Buon film, chiude degnamente un'ottima saga.
MEMORABILE: La sfida finale in auto tra Marty ed un giovanissimo Flea (oggi bassista dei Red Hot Chili Peppers!), che poi è la morale di tutta la saga.

Robert Zemeckis HA DIRETTO ANCHE...

Ciavazzaro 25/10/09 12:33 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il più debole capitolo della trilogia. Michael J. Fox risulta meno convincente rispetto ai 2 capitoli precedenti e il resto del cast funziona ancora meno. La sceneggiatura non è troppo brillante, a mio avviso. Si può lasciar perdere, a meno che non si sia fan sfegatati della trilogia.

Renato 1/01/10 13:27 - 1615 commenti

I gusti di Renato

La trilogia si chiude nel far west, anno di grazia 1885. A questo punto Spielberg, Zemeckis e compagnia sanno bene di aver creato dei personaggi già entrati nell'immaginario collettivo, e di conseguenza ci giocano sopra senza troppe pretese. Il divertimento, comunque, non manca affatto, e le citazioni dei vari western di Sergio Leone (ma non solo dei suoi) abbondano. Questo ed il secondo capitolo sono in pratica un film unico, possibilmente da vedere in sequenza.

Daidae 17/06/10 16:24 - 2789 commenti

I gusti di Daidae

Delusione totale. Ecco come concludere nel modo peggiore un'ottima saga, partita alla grande col primo episodio; si salda meglio col secondo ma termina malissimo con questa roba indescrivibile. Noioso, stanco, squallido... e la trovata del western la ritengo una scelta errata.

Rambo90 30/08/10 21:15 - 6513 commenti

I gusti di Rambo90

Questa volta l'ambientazione si sposta nel West del 1885; si perde quindi un po' di velocità e ci si avvicina di più alla parodia del genere western. Rimane comunque un ottimo film, divertente e veloce. Il finale, soprattutto, risulta molto avvincente e chiude degnamente la trilogia.

Tomastich 26/11/10 11:53 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

L’epopea del grande west rivisitata in chiave Zemeckis & co.: è questa la nuova sfida che chiude la più importante trilogia degli anni ’80. Tanto citazionismo patriottico americano unito alla solita sfacciataggine e simpatia di Doc e di Marty Mc Fly. Ancora gli incroci temporali sono protagonisti del plot di questo terzo capitolo… alla conquista del future or past world.

Paruzzo 16/12/10 19:35 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

La conclusione della trilogia è un film che mantiene lo stesso valore del secondo capitolo, entrambi inferiori al loro capostipite. Bella l'ambientazione western e apprezzabile il tributo a Sergio Leone in diversi punti del film. Bene come al solito gli interpreti, scelti alla perfezione per i ruoli che ricoprono.

Gestarsh99 5/02/11 22:30 - 1347 commenti

I gusti di Gestarsh99

Terza ed ultima fermata per l'affannosa corsa spazio-temporale del vispo e guizzante Marty McFly, proiettato questa volta addirittura nel Far West di fine '800 tra saloon, sparatorie, brutti ceffi ed impiccagioni sommarie. Pur non essendo ai livelli di qualità, freschezza e divertimento degli altri due film precedenti, questo capitolo conclusivo non manca né di ritmo né delle solite trovate curiose. Triste occasione per apprezzare l'eterno adolescente Michael J. Fox al top della sua forma atletica, prima dell'infausta diagnosi di Parkinson dell'anno successivo.
MEMORABILE: Michael J. Fox che improvvisa un moonwalk nel saloon.

Cotola 28/04/11 23:42 - 7690 commenti

I gusti di Cotola

Terzo ed ultimo sequel (per fortuna Zemeckis ed i produttori hanno deciso di fermarsi) che cerca di innovare la serie attraverso l’ambientazione nel vecchio west. L’idea di fondo poteva essere vincente, ma stavolta il gioco mostra la corda e gag e battute sono in parte scontate e spesso non vanno a segno. Alla fine il divertimento è poco ed i momenti riusciti pure.

Didda23 13/10/11 15:01 - 2305 commenti

I gusti di Didda23

Il terzo capitolo soffre della stessa sindrome de Il padrino: difficile scegliere fra i primi due e capitolo finale nettamente inferiore. L'opera soffre di poca originalità nello svolgimento della storia, fortunatamente l'ambientazione western dona quel pizzico di vitalità che permette di respingere la noia. Gustoso il cameo degli ZZ Top. Nonostante i difetti è la parte a cui sono più affezionato.

Saintgifts 17/10/11 10:33 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Degna conclusione della trilogia di Robert Zemeckis. Non ci sono più sorprese, ormai si sa tutto sulla macchina del tempo e sui personaggi principali. Questo terzo episodio è più "semplice" per ciò che riguarda gli sbalzi temporali e proprio per questo si segue con facilità e si apprezzano in pieno le trovate divertenti e anche sentimentali, visto che Doc si innamora della maestrina che non darà più il suo nome al famoso burrone. Il West del 1885 tratteggia bene, in commedia, tutti i personaggi e gli stereotipi conosciuti.
MEMORABILE: La folle corsa del treno a vapore che deve raggiungere le 88 miglia orarie.

Thomas F. Wilson HA RECITATO ANCHE IN...

Ryo 8/03/12 00:40 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Si conclude la fortunata trilogia che ha fatto la storia delle commedie fantascientifiche. Il terzo film è il meno avvincente, forse per l'ambientazione western che fa felici solo i fan del genere con tutte le varie citazioni ("Mi chiamo Eastwood, Clint Eastwood" "Eastwood? Che razza di stupido nome è?"). Il film autocita i precedenti capitoli (il plastico, la classica scena "ho fatto un brutto sogno, ecc), offre SFX e scenografie pazzesche e chiude in maniera degna con un finale a dir poco commovente e uno splendido messaggio.
MEMORABILE: "Ehi Marty chi ti credi di essere vestito cosi? CLint Eastwood?"; La locomotiva del tempo; "Chi ti ha vestito in questo modo?" "Sei stato tu, Doc!"

Modo 11/08/12 14:06 - 837 commenti

I gusti di Modo

Anello debole della trilogia. Appesantito e meno riuscito sicuramente dei precedenti ma comunque gustoso. I nostri protagonisti si ritrovano questa volta nel vecchio west. Non mancano battute, citazioni simpatiche (Sergio Leone) e azioni adrenaliniche. Col terzo capitolo si chiude una delle saghe più divertenti di sempre.

Giacomovie 18/10/12 21:06 - 1357 commenti

I gusti di Giacomovie

Non credo che si tratti di un episodio inutile o minore rispetto agli altri due, anzi ne segue molto bene la scia. Si avvantaggia del fatto che è stato girato quasi in contemporanea col secondo film, e alla fine tutti e tre gli episodi risultano così collegati tra loro che sembra trattarsi di un lungo unico film in tre tempi. E per la resa complessiva dell'intera serie, questa trilogia è una delle migliori. Qui, oltre a divertirsi, si assiste a una simpatica storia sentimentale che ravviva il finale, con una spettacolare ultima sequenza. ***!

Dusso 26/12/12 18:46 - 1540 commenti

I gusti di Dusso

Divertente anche questo ultimo capitolo della trilogia. In passato mi aveva deluso, ma rivedendolo, benché si capisca sia inferiore specialmente al secondo episodio, posso dire che la cornice western dà una nuova vitalità (anche se la vicenda, seppur molto godibile, non è certo interessante come quella del capitolo precedente). C'è anche qualche ripetitività di troppo presa dagli altri due, ma si ride di più e come citazioni non è da meno. La Steenburgen è perfetta per il ruolo.

Stelio 6/08/14 12:41 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Dopo un secondo capitolo tenuto in vita dai resti del primo, con il terzo la saga precipita senza speranza. La qualità dei dialoghi, già in crisi nel secondo episodio, crolla vertiginosamente in questo frangente. Persino la recitazione di Lloyd è ampiamente sotto la sufficienza e il finale è stucchevole. Penoso.

Maxx g 28/09/14 19:37 - 504 commenti

I gusti di Maxx g

Rivisto al cinema, mi ha fatto passare due ore divertenti, anche se le trovate sono assai poco originali. Di certo la storia è maggiormente lineare rispetto al film precedente, e questa è una qualità. Di contro l'ambientazione western non mi ha mai del tutto convinto: io avrei agito in maniera diversa, scegliendo un'altra ambientazione. Mi sarebbero piaciute delle incursioni nuovamente nel futuro o nel presente, ma sarebbe stato un altro pasticciaccio. Vedibile ma con riserva.

Redeyes 6/10/14 07:58 - 2201 commenti

I gusti di Redeyes

Anche i giocattoli più belli finiscono per rompersi e Ritrono al futuro non fa eccezione. Esaurita ogni parvenza di idea catapulta i nostri nel far west un po' come faranno i nostri Parenti/Vanzina con i vari Natali, laddove si cambia solamente la location. Marty e Doc ormai sono solo due macchiette e senza verve portano a casa la pagnotta. Il finale stesso è esattamente come te lo aspetteresti. Evitabile (per quanto non terribile, ovviamente).

Mutaforme 4/11/14 01:08 - 396 commenti

I gusti di Mutaforme

Marty e Doc salutano la scena e chiudono in bellezza una trilogia memorabile. Il terzo episodio è il più fiacco, ma è ancora un film perfetto per tutti i fan (come il sottoscritto) e strizza l'occhio anche agli amanti del genere western. Da guardare obbligatoriamente dopo aver visto i primi due.
MEMORABILE: "Alle 8. Io ammazzo dopo colazione".

Zio bacco 27/01/15 00:20 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Ultimo capitolo di una trilogia memorabile. Pur nella cornice del fantascientifico, stavolta l'ambientazione è western. Ottimi i costumi e al solito brilla la bravura degli attori nell'interpretazione di più personaggi. La sceneggiatura però è più debole rispetto ai capitoli precedenti e le varie trovate talora non convincono appieno, quasi Zemeckis stesso non avesse dimestichezza col west. Il ritmo tuttavia resta sostenuto e veloce, malgrado un finale rivedibile. Seppur inferiore ai precedenti, il film chiude degnamente una saga di assoluto livello.

Minitina80 26/03/15 10:33 - 2460 commenti

I gusti di Minitina80

Una degna conclusione per una trilogia che ha scritto un pezzo di storia del cinema fantastico degli anni ’80. Si viaggia sempre nel tempo, ma a farla da padrone questa volta è il vecchio west e nonostante il film non abbia lo stesso impatto dei suoi predecessori, c’è comunque da divertirsi. La storia di fondo è sempre la stessa, arricchita da tante citazioni, ma il carisma di Doc e Marty si mantiene sempre alto.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Samuel1979 23/10/15 06:45 - 477 commenti

I gusti di Samuel1979

Autentico flop se si paragona con i primi due, il terzo e ultimo capitolo dimostra tuttavia sin dagli inizi i primi segni di usura con una storia che non decolla quasi mai; anche l'ambientazione a mio avviso non regge e i duelli col solito Tannen (Wilson) non risultano più avvincenti come in passato. L'innesto della Steenburgen non serve; da ricordare il piccolo cameo degli ZZ top in versione bluegrass.

Mco 29/10/15 18:59 - 2163 commenti

I gusti di Mco

Terzo tassello dei viaggi nel tempo ideati per Michael J. Fox e Christopher Lloyd, che ancora una volta confermano la loro ottima intesa sulla scena. Ci si sposta nel vecchio West, quello di fine Ottocento, tra sfide, saloon e duelli sotto il sole. La vena che pulsa maggiormente è quella della commedia riverente e la spettacolarizzazione è lasciata soprattutto ai minuti conclusivi, allorché si deve fare in modo di rientrare nel presente a 88 miglia orarie. Si guarda con animo sereno e occhio divertito.

Il ferrini 6/03/16 00:48 - 1762 commenti

I gusti di Il ferrini

Il numero dei salti temporali si riduce e tutta la parte centrale del film è statica, bloccata in una sola epoca: il vecchio west. Periodo che peraltro non consente ai protagonisti di interagire coi propri genitori o figli com'era accaduto nel primo e secondo capitolo. A questo aggiungiamo l'improbabile storia d'amore di Doc e otteniamo i motivi principali per cui il film non regge il confronto col proprio passato. E' comunque realizzato impeccabilmente e soprattutto indispensabile per rispondere alle tante domande in sospeso.

Corinne 17/11/16 20:20 - 406 commenti

I gusti di Corinne

Inferiore ai capitoli precedenti, che pare più omaggiare che completare (finale a parte), ha comunque un suo perché. Manca il rischio dei paradossi temporali, manca tutta la questione relativa al come modificare il passato modificherà inevitabilmente presente e futuro, ovvero i presupposti su cui si basavano i primi due film, la parte centrale è lenta e poco avvincente ma si ride e si continua a parteggiare per due dei personaggi più simpatici e amabili del cinema anni Ottanta. Bella la sequenza del treno, che porta spessore a una trama esilina.

Ultimo 7/07/17 09:28 - 1407 commenti

I gusti di Ultimo

Ottimo terzo capitolo di una serie indimenticabile. Questa volta i protagonisti si spostano nel selvaggio west, e, anche qui, non mancano momenti divertenti. La sceneggiatura è buona, J. Fox e Lloyd si impegnano al meglio, di conseguenza il film non annoia e scorre via liscio. Manca la freschezza del primo film, ma comunque é ben riuscito. Davvero notevole!
MEMORABILE: Il burrone Clayton. Il finale.

Thedude94 10/08/18 17:02 - 642 commenti

I gusti di Thedude94

Terzo atto per i nostri protagonisti del futuro preferiti, che questa volta sono alle prese con faccende dal sapore western e problemi scientifici che necessitano di soluzioni immediate. Zemeckis conclude degnamente la saga, anche se i punti alti sono più bassi rispetto ai precedenti capitoli e la forzatura e la ripetizione di alcune parti di sceneggiatura sono evidenti e a volte stancano un po'. Restano la simpatia di Fox e Lloyd, gli ottimi effetti speciali e quel sapore di rétro che affascina sempre e comunque. Buono.

Il Dandi 12/03/19 09:49 - 1890 commenti

I gusti di Il Dandi

Evitabile terza parte, a conclusione di una saga di culto: si raschia il fondo del barile riciclando per l'ennesima volta idee e situazioni che ormai non aggiungono nulla, calcando la mano sui paradossi temporali in maniera sempre più eccessiva (Marty che torna a chiedere aiuto al giovane Doc per salvare quello vecchio intrappolato in un ulteriore passato). L'ambientazione quasi tutta concentrata nel vecchio west pare sfruttata male, o forse è semplicemente poco golosa per gli ingredienti del format. Passo falso.
MEMORABILE: Marty approfitta per presentarsi nel far west come Clint Eastwood, che però viene considerato un nome stupido.

Enzus79 25/07/19 16:57 - 1882 commenti

I gusti di Enzus79

La trilogia si chiude con la macchina del tempo che per salvare Doc ritorna addirittura nel west (1885!). Se il secondo capitolo non aveva quasi niente da invidiare al primo, questo terzo delude un po'. Non tanto per il livello stilistico ma per la trama, anche se bisogna dire che le scene ilari non mancano. Si conferma in positivo la coppia Lloyd/Fox.
MEMORABILE: Il duello.

Vito 4/09/20 17:13 - 669 commenti

I gusti di Vito

Terzo e conclusivo capitolo della saga. Zemeckis gira un western a tutti gli effetti con omaggi a Ford, Leone, Hawks e chi più ne ha più ne metta. Un concentrato di azione, avventura e divertimento che ancora oggi intrattiene perfettamente e non perde un grammo del suo fascino. Perfetti come sempre Michael J. Fox e Christopher Lloyd. Trilogia da isola deserta.

Siska80 4/11/20 12:05 - 957 commenti

I gusti di Siska80

Nonostante quest'ultima parte sia stata girata insieme alla seconda, si nota una certa stanchezza nel ritmo, nella trama e persino nei due protagonisti, che stavolta si ritrovano catapultati nel Far West. Di Marty è già stato raccontato tutto nei capitoli precedenti (anche se ha l'occasione di conoscere i suoi avi), quindi la vicenda si sposta sul geniale Doc, che trova l'amore. Emozionante ma amaro l'addio alla DeLorean.
MEMORABILE: La locomotiva in viaggio nel tempo.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Trivex 24/11/20 09:36 - 1519 commenti

I gusti di Trivex

L’ultima parte del trittico, una commedia western, risulta la più convenzionale, meno animata dalle sovrapposizioni temporali delle precedenti e complessivamente inferiore alle stesse. Siamo comunque di fronte a un buon film, scorrevole e divertente per tutta la famiglia, ben diretto e interpretato. Si ritrovano i personaggi ormai noti, amici e nemici, e si continua a tifare per il “buon futuro” dei nostri amici viaggiatori del tempo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Fabbiu • 4/03/09 18:41
    Segretario - 660 interventi
    ho aggiunto il link al simpaticissimo video degli Zztop del brano "Doubleback", ricordo sempre con simpatia il cammeo di questi barbutissimi nel film.
  • Discussione Zender • 22/07/09 20:16
    Consigliere - 43924 interventi
    Tarabas ebbe a dire nella sezione intv del film:
    Parte III: tutto nella norma a Hill Valley nel 1985. I problemi sono a Hill Valley, nel 1885, dove Doc si è trasferito per vivere il resto della sua vita. Conclusione decisamente virata in parodia della saga di Marty McFly, affettuosamente dedicata ai miti (anche cinematografici) del west, incluso Clint Eastwood. Brava la Steenburgen nel ruolo altrettanto classico della maestrina, che sogna Jules Verne. Vado controcorrente: a me è piaciuto tantissimo.
    Beh, ma tu sei di parte però: avendo il western nei generi preferiti parti da posizione privilegiata e sicuramente puoi cogliere meglio di altri molti particolari.
  • Discussione Tarabas • 22/07/09 20:41
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    Non so, a me questa serie è piaciuta da morire e il fatto che si concluda nel vecchio west è il massimo. Poi, è quasi "doveroso" che alcuni temi ritornino.

    Ciao!
  • Discussione Zender • 23/07/09 08:13
    Consigliere - 43924 interventi
    Forse è appunto una questione di genere, visto che io, da vecchio amante della fantascienza, ho trovato magnifico il secondo episodio (davvero geniale). Mi aveva dato fastidio solo il finale, dove appunto c'era già il trailer del numero 3 (il che non me l'aveva reso antipatico da subito, come se fosse una puntata preconfezionata).
  • Discussione Tarabas • 24/07/09 10:42
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    In effetti, mi pare di ricordare che questa fu la prima "serie" in cui due "episodi" furono girati in continuità, senza smobilitare il cast e il personale tecnico. Un po' come accadde poi per "Il Signore degli anelli".

    Questo però vale anche per dire che il terzo film non è stato scritto "d'occasione" dopo il successo dei primi due, ma fa parte di una narrazione già pensata prima.

    Del resto, il primo film è dedicato a una "età dell'oro" americana (forse solo letteraria e cinematografica) come gli anni '60. Il terzo è dedicato al mito di fondazione dell'America, ossia la frontiera. Forse è proprio il secondo film ad essere "eccentrico", molto più dark. In effetti, si potrebbe anche immaginare che la deviazione dello spazio-tempo sia solo un simbolo della deviazione dell'America di quegli anni rispetto a un passato, forse idealizzato, in cui erano altri valori a dominare la scena.
    Ultima modifica: 24/07/09 10:45 da Tarabas
  • Discussione Zender • 25/07/09 09:10
    Consigliere - 43924 interventi
    E' vero, furono pensati assieme anche perché si dava già per scontato che il numero 2 avrebbe potuto replicare agilmente il successo del primo. Proprio per questo mi ha sempre dato l'idea di prodotto preconfezionato che ha dato la stura al tipo di operazioni spesso subdole che hai ricordato (vedi anche Matrix, per dirne una) e che non so bene perché ma trovo disgustose, da catena di montaggio.

    Quindi la deviazione del numero 2 la inquadreresti come deviazione dalla deviazione, Tarabas: più avanti si va peggio si sta...
  • Homevideo Gestarsh99 • 13/10/11 15:49
    Scrivano - 15479 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Universal:

    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 DTS: Italiano Francese Spagnolo
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Inglese NU Francese Spagnolo Olandese Greco Rumeno
    * Extra Scene eliminate
    Storie dal futuro: la terza volta è quella buona
    Storie dal futuro: la prova del tempo
    Documentari d'archivio
    Dietro le quinte
    Video musicale "Doubleback" degli ZZ Top
    Domande frequenti sulla trilogia
    Trailer cinematografico
    Ritorno al futuro: il viaggio
    Commento del regista e del produttore
    Commento al film dei produttori
    U-control
    Ultima modifica: 27/01/19 07:34 da Zender
  • Curiosità Kanon • 15/01/12 16:10
    Fotocopista - 818 interventi
    - Verso la fine del film, mentre Doc parla con Jennifer, si può notare come il bimbetto biondo (Verne) faccia verso la telecamera un inequivocabile segnalazione di dover fare pipì. L'inquadratura poi, stringe in primo piano su Doc, ma la faccia del bambino (sempre visibile) lascia trapelare curiose smorfie.

    Non si capisce bene se:

    A) Non la regge più e stia cercando di dire "Tirate a finire la scena che non ce la faccio più"

    B) Altrimenti tenta di dire "La devo fare adesso, me la faccio addosso, stringete con l'inquadratura"

    - La citazione della tortiera con sopra il nome "Frisbie" stampato fa riferimento al reale nome dell'azienda che, a partire dal 1871, vendeva appunto torte in questi contenitori di latta. Alcuni studenti di Yale s'accorsero della possibilità di poter lanciare quest'oggetto (vuoto e capovolto) a grandi distanze.
  • Homevideo Xtron • 22/02/12 17:06
    Servizio caffè - 1835 interventi
    Io ho la versione dvd contenuta nel cofanetto tinbox "Ritorno al Futuro: La trilogia - Platinum Edition"

    Video: 1.85:1 anamorfico
    Durata: 1h53m24s (immagine a 43:45)

    Ultima modifica: 27/01/19 07:35 da Zender
  • Curiosità Manzetto • 3/02/14 15:46
    Disoccupato - 142 interventi
    Da notare che alla fine del film, quando si ritorna al 1985, per un attimo viene inquadrato il cartello del burrone che dovrebbe chiamarsi burrone Clayton: visto l'ulteriore modificarsi della storia, questa volta si chiama burrone Eastwood