Dogtooth

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Kynodontas
Anno: 2009
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 23
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Famiglia greca vive reclusa dal padre in una villa con giardino, recintata. I tre figli (due ragazze e un ragazzo) hanno solo una vaga idea – e distorta - di cosa esista all'esterno. La madre, complice del marito, regge il gioco e contribuisce a distruggere la percezione della realtà dei poveri figli, cresciuti con la convinzione che l'uscita da quel mondo potrà avvenire solo quando cadrà loro un canino. Un esperimento domestico di cui nulla è dato sapere se non gli effetti, riscontrabili nelle azioni dei tre figli. Esaurita la sorpresa nel vedere che anche in Grecia si può seguire la strada di Haneke, acquisita la coscienza che il padre padrone gestisce la famiglia come meglio vuole non si sa...Leggi tutto secondo quale criterio, non resta che assistere agli sviluppi possibili dati da una vita vissuta in condizioni simili. Il rapporto col sesso innanzitutto. Al figlio viene concessa una ragazza che lavora in fabbrica col padre: va lì, si accoppia del tutto freddamente, saluta e fine. Le figlie si adeguano limitandosi a leccare e farsi leccare dove più aggrada loro (e non necessariamente lì dove ci si aspetterebbe). D'accordo, la capacità di scioccare c'è (anche perché con un soggetto del genere...), ma non sembra che vi sia poi molto altro. Non si individuano scelte stilistiche particolari, al di là di inquadrature che di tanto in tanto taglian via le teste o si fermano alle gambe; la colonna sonora è grande assente (si sarebbe spezzato l'incanto? intaccato il verismo?), gli atteggiamenti dei genitori sono improntati a una prevedibile prosecuzione della loro folle educazione in cui a dominare è comunque spesso un mutismo che si alterna a frasi il cui senso si trova solo all'interno delle logiche di famiglia. La naturalezza espressa dal cast è un deciso valore aggiunto, non c'è dubbio, capace di calarci in una dimensione straniante e claustrofobica che tuttavia si ha come l'impressione di aver già visitato. Se quindi il valore di un'opera sta nella capacità di sedimentarsi nella memoria non v'è dubbio che quello di KINODONTAS non possa essere trascurato; se invece – come pare – va considerato anche in virtù di quanto l'opera stessa sa intrattenere, coinvolgere, incuriosire, è difficile pensare che il risultato possa dirsi memorabile. Lo è a tratti, nei momenti in cui più si avverte il distacco tra la realtà interna alla casa e il mondo che tutti conosciamo, ma le lunghe fasi di attesa, i minuti spesi a guardare un aereo che passa, a nuotare o a guardarsi in faccia in camera mentre chi osserva cerca di comprendere le dinamiche del perfido confino familiare lasciano perplessi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/05/10 DAL BENEMERITO BRAINIAC POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/10/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Brainiac 13/05/10 01:17 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

A.A.A cercasi film che sia più Alienante-Anomalo-Allucinante. Cercasi famiglia (astenersi Manson) che competa coi despoti che sigillano la prole spaesata/frustrata sotto tale (tragica) canicola greca. Insegnado che zombie vuol dire "fiore". Che vagina sta per "lampadario". Che il sesso è l'esigenza da bruciare in (horribilis) loco. Che si uscirà quando sarà ricresciuto il canino sinistro. Che l'Lp di Sinatra è la voce del nonno. Metafora forte come una martellata sui denti. We're a happy family, sì, ma sfasciata come i Ramones. This is the happy house, magari, ma più dark di quella di Siouxie.

Gestarsh99 23/08/10 13:19 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Crescere imparando a temere ciò che va oltre le 4 mura domestiche, convinti che l'unico mondo esistente sia la famiglia. Ecco il crudo teorema di Lanthimos, sul quale si sviluppa la sua scioccante opera tragicomica. Ben lontano dal piglio fiabesco di The village, più in linea con l'algido realismo malato di un Haneke, questo trattato di etologia applicata all'uomo ci mostra quanto l'imprinting naturale possa ugualmente generare mostri senza ricorrere alla costrizione. Esplosioni di violenza inaudite alternate a momenti di disturbante demenza.
MEMORABILE: Il capo-famiglia che picchia selvaggiamente la figlia maggiore sul capo, utilizzando una vhs incollata al palmo della sua mano...

Jandileida 24/10/10 21:03 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

La famiglia, il dolce focolare, casa dolce casa: possiamo lasciarli all' "estremo centro". Il buon Lanthimos sceglie la contestazione radicale e realizza un film alienato e straniante (Tony Manero sull'Egeo) con molte scene dal sapore forte, dalla sessualità malata e molto violente, molto di più di quel, già parecchio, che il film mostra con le immagini. Preso a picconate anche un sistema, quello greco (ma non ridiamo troppo, non stiamo meglio), che costringe la gioventù a lavori senza senso, ad una morale adattabile e mutevole ed alla costrizione.

Mickes2 14/02/11 10:04 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Credo di non aver mai visto un film con una tale atmosfera, perversa ed autistica. I protagonisti vivono il un loro microcosmo, in un mondo bidimensionale voluto dai genitori. Ottime le idee del regista: per citarne una quella degli aeroplani. Lanthimos tiene in piedi stupendamente un'ora e trenta di film, tra piani-sequenza e riprese a camera ferma.

Lupoprezzo 16/02/11 18:05 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Opera singolare di Giorgos Lanthimos che ci mostra un nucleo familiare deviato, un piccolo limbo straniante in cui i figli (privati del contatto diretto col mondo) sperimentano e accumulano esperienza sfidandosi in continue competizioni. I pochi e programmati contatti con l'esterno portano a picchi inauditi di violenza. La rigorosa regia contribuisce alla giusta atmosfera. Un film coraggioso e critico, forse non per tutti, ma da vedere.

Greymouser 1/04/11 00:00 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Senza esibire gratuite ed eccessive violenze, il regista rappresenta un microcosmo familiare marcio e disturbante, in cui la turpe psicosi condivisa dai genitori consiste nel deprivare i figli di ogni esperienza, tenendoli confinati in casa, alterando linguaggi e sentimenti, spingendosi ad indurre all'incesto per la soddisfazione di fisiologiche esigenze. E i due sono peggio, molto peggio di ogni coppia dei più violenti maniaci mai visti sullo schermo, nella loro abominevole, ordinaria anormalità quotidiana. Una visione che lascia provati.

Kanon 9/04/11 19:57 - 596 commenti

I gusti di Kanon

Il rapporto educativo uomo/cane si esplicita sin dal titolo ed allora ecco il piccolo Eden degli orrori capeggiato dall'uno e trino psicopatico che riedita a proprio piacimento i 10 comandamenti. Lanthimos, da perfetta guida, si prodiga ad accompagnare il visitatore nello zoo senza dare troppe delucidazioni personali riguardo alla fauna presa in soggetto, limitandosi a mostrarci il loro habitat ed i loro comportamenti. Un fantascientifico documentario antropologico metafora del totalitarismo (junta?); ma la libertà di scegliere, è meglio?

Pigro 24/05/12 10:42 - 7788 commenti

I gusti di Pigro

Beffardamente apologante alla Buñuel, violentemente algido alla Haneke o alla Seidl. In una villa, sorta di caverna di Platone, i genitori hanno rinchiuso i figli per tenerli lontani dalla realtà infida. La famiglia diventa un “mondo perfetto” alienato e privo di emozioni, senza alternative, tanto pulito nell’apparenza (la stessa pellicola sembra lavata in candeggina) quanto orribile nella sostanza. Nella sua schematica assurdità, la storia riesce a scatenare un inatteso pathos (un’ansia) nello spettatore, fino a un finale che più aperto non si può.

Capannelle 29/05/12 12:28 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

Come ti confino i figli nella villa e incanalo le loro pulsioni in modo tremendamente innaturale e deterministico. Compresi il sex e rock'n roll, non inibiti ma permessi sotto un'aureola di tristezza. In equilibrio tra poesia modello ex-ddr e gelida sopraffazione, Lanthimos ha il merito di star lontano da violenza esplicita e dalla retorica e di mostrare una serie di aneddoti terribili nella loro semplicità (l'abbaiare, gli aerei, Sinatra, le frasi imparate dal film). Rimane la curiosità di sapere cosa ha generato quella coppia di genitori.

Deepred89 3/10/12 13:31 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Idea non originalissima ma portata avanti con una semplicità e una radicalità inedite. Regia gelida e minimalista, azzeccata nelle sfumature grottesche ma colpevole di diluire eccessivamente le varie idee curiose (evitabili le scene "over the wall"), nonostante le genialità di alcune di esse (leggi sotto) riesca a riscattare il tutto. Durante una delle visioni domestiche del genitori ci scappa qualche secondo di hard, ma anche le scene erotiche "intradiegetiche" non sono male. Buon cast, finale telefonato. Interessante.
MEMORABILE: La meravigliosa sequenza, quasi benignesca, dall'ascolto di "Fly Me to the Moon", con rispettiva traduzione.

Ford 30/04/13 23:05 - 582 commenti

I gusti di Ford

Un film che s'infila con la dovuta inquietudine di fondo in quel filone di film claustro-europei che tanto successo hanno ai festival del cinema. Il merito di Lantimos è sicuramente quello di dirigere con rigore un romanzo di immobile de-formazione. Da apprezzare il terrificante ma creativo modus educandi dei genitori, fatto di privazione e indotta ignoranza, una caverna di Platone a cui è stata staccata la luce. Riuscito ma ancora leggermente forzato e prevedibile, si passi al successivo Alpeis per più matura spietatezza.

Rullo 27/03/14 19:53 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Opprimente: inquadra una famiglia borghese che vive in un mondo a parte, in una villa estranea allo scorrere del tempo e agli avvenimenti esterni. Un ambiente asettico, pulito, quasi si fosse ipocondriaci, minuzioso e minimalista. Il comparto tecnico è splendidamente in linea con tale filosofia, dalla regia al montaggio e alla fotografia. Gli attori sono immersi in tale condizione e trasmettono un pathos allucinante e allucinogeno. Davvero bello.

Rebis 31/03/14 18:45 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Evoca Salò di Pasolini e The Village di Shyamalan, laddove la ritualità prima e la normatività poi occultano - più o meno esplicitamente - la privazione dei diritti naturali. Ma nel film di Lanthimos è l'istituzione primaria, la genitorialità a farsi negazione della realtà residua, soppressione del molteplice, emarginazione delle antinomie - a partire dalla rifondazione del lessico familiare. Nell'algore della messa in scena, nell'asettismo anaffettivo dei caratteri, il disagio si addensa come piombo, fino ad un epilogo dove l'ambiguità è solo l'esponenziale delle atrocità sottese.

Bizzu 15/04/14 23:25 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Storia di una "dolce" dittatura famigliare raccontata come l'avrebbe fatto Haneke, con la tipica spietatezza e le stilettate alla borghesia cattivona. Tutto è al suo posto; molte buone idee e poche pecche; però, come nella finta perfezione in famiglia, anche durante la visione ho sentito il bisogno di "evadere" da questo compitino ben fatto e decisamente prevedibile. Anche l'allegoria a dittatura-censura-ecc. colpisce poco nel segno perché troppo telefonata e didascalica.

Cotola 6/07/14 11:07 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Disturbante e scioccante viaggio all'interno di una famiglia ellenica. Mette a disagio ed angoscia non solo per ciò che si vede sullo schermo ma anche per un clima che raramente è stato così gelido al cinema. Colpiscono a fondo alcune idee che almeno in apparenza sono le meno violente eppure le più devastanti: il particolare lessico familiare; la realtà, in bilico tra protezione e terrore che mamma e papà creano per difendere i propri "cuccioli". Ma per incrinarla basta una piccola crepa. Un film "apertissimo" che si presta a tantissime letture, così come il più che aperto finale .

Pinhead80 5/02/16 16:05 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

Kynodontas ovvero la famiglia secondo Lanthimos; e c'è davvero da stare poco allegri. Tutto ciò che non dovrebbe essere il nucleo famigliare qui viene esibito in un'atmosfera assurda e soffocante. Tutto viene storpiato, pervertito: dal linguaggio alle emozioni, dal senso di libertà alla sessualità. Si assiste alla distruzione di ogni ordine morale e sociale in modo inerme. La crescita è legata a miti assurdi e a pratiche aberranti. Impossibile che un film del genere non lasci il segno.

Giùan 1/07/16 10:47 - 2989 commenti

I gusti di Giùan

Aggiornamento dell'entomologia bunueliana (senza però la trascendenza ironica di Don Luis), corretta (ma non troppo, fortunatamente) dalla soverchiante crudezza hanekiana. Lanthimos ha una precisa idea di cinema e la sua mìse en scene possiede una geometrica, spigolosa visionarietà. Se la creazione dell'universo chiuso filmico (paradossalmente omologo al sistema cortocircuitale della famiglia protagnista) è di innegabile, stimolante impatto, il rischio è un certo algido controllo, propedeutico sì al progetto ma che non fa scattare ordinarie follie ferreriane.
MEMORABILE: Il baratto per il sesso orale; Il balletto di Flashdance replicato dalla figlia.

Minitina80 14/01/17 09:45 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

L’istinto protettivo nei confronti dei figli viene portato all’estremo e si manifesta in Kynodontas come un microcosmo estraniante e surrogato del mondo esterno le mura di casa. Una villa splendente, completamente asettica, in cui si consuma una quotidiana aberrazione dell’essere giustificata da una cortina luminosa fatta di buoni propositi. Un film che incarna la drammaticità alla perfezione, ben interpretato al punto da provare poca empatia per i protagonisti, tale è la loro involontaria vacuità esistenziale.
MEMORABILE: L’aeroplano che “precipita” in giardino.

Nancy 15/11/17 11:57 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Lanthimos estetizzante confeziona un film algido nella composizione; bellissime inquadrature e quasi a zero i movimenti di macchina (fino alla prima tentata fuga, quando qualcosa inizia ad animarsi). Il film affascina soprattutto nel primo tempo, quando i meccanismi autistici sono ancora da svelare e lo spettatore è una sorta di quarto figlio all’interno della villa. Le derive alla Haneke non hanno per chi scrive che da togliere al film, migliore quando si confronta coi lessici dell’assurdo, nei quali Lanthimos sembra veramente ben destreggiarsi.

Daniela 4/01/18 10:52 - 9393 commenti

I gusti di Daniela

Ritratto di una famiglia in cui i babbo/padrone tiene i figli sottovetro, prigionieri inconsapevoli a cui è negata ogni conoscenza del mondo e ogni consapevolezza di sé (non hanno un nome proprio, ma si definiscono solo con il rispettivo ruolo). Nonostante la violenza fisica mostrata sia minima, Lanthimos, già grande regista come le opere a venire avrebbero confermato, si fa conoscere al mondo con un film sadicamente assurdo che riesce ad essere disturbante come pochi altri: mette a disagio dall'inizio fino all'ultima scena, nella quale ci viene negato persino un timido spiraglio.
MEMORABILE: Le parole con il significato alterato; La madre in attesa di "due bambini ed un cane"; La canzone di nonno Sinatra tradotta in diretta

Bubobubo 3/09/18 01:37 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Preservare a tutti i costi (fisici, linguistici, comportamentali) la purezza di mente e l'integrità di corpo, ricreare una caverna platonica in cui incatenare i propri schiavi per il loro bene esclusivo: solo l'anatomicamente, fiabescamente impossibile caduta di un dente li potrà ricongiungere con la realtà negata. Trenodia di una disturbante alienazione sotto l'abbacinante gelo del sole attico: fino a oggi, il migliore e il più creativo film di Lanthimos, autore di chiara ascendenza hanekiana, ma di idee altrettanto solide.
MEMORABILE: La festa di compleanno con le coreografie di Flashdance accompagnate dall'Op. 60, N° 7 di Carcassi arpeggiata in un loop frastornante.

Taxius 1/10/19 12:48 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

La storia di una singolare famiglia greca il cui capofamiglia è una specie di Dio assoluto, creatore di un Eden isolato dal resto del mondo in cui vivono i suoi tre figli adulti e una moglie. Questo Dio è un Dio padrone che manipola la realtà a suo piacimento, riducendo i suoi sottoposti a veri e propri cani a lui fedeli e obbedienti. Lanthimos gira un film grottesco, inquietante e disturbate sulla manipolazione della mente umana in cui tutto è bianco, asettico, gelido e privo di sentimenti. A dir poco malato.

Zampanò 8/06/20 16:29 - 141 commenti

I gusti di Zampanò

Cosa ci fanno due ragazze e un ragazzo in cattività, mantenuti in vitro dal padre, a casa, senza contatti con altri esseri umani? Non chiedetelo a Lanthimos, lui descrive e basta, con la riconosciuta scaltrezza di rendere burocratico, pragmatico - quindi vero nella forma - anche un incubo. Non è distopia ma para-topia: il mondo protetto ma infetto appare iperbolico quanto attuale; somma in sé tanti piccoli grandi disturbi della società "normale" contemporanea. Attori bravi a spolparsi e a lasciarci un vuoto nello stomaco. Consigliatissimo ma non a tutti.  
 
MEMORABILE: Il maschio di famiglia sceglie, tastando, con chi delle due sorelle giacere per sfogare l'istinto sessuale
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Rebis • 30/03/14 13:35
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    ... Pigro questo film mi è rimasto impresso a fuoco nel cervello, davvero devastante. Non riesco a togliermelo dalla testa e non faccio che consigliarlo agli amici :)

    Buio, penso tu lo debba vedere a tutti i costi: ha molto del Salò di Pasolini, pur essendo qualcosa di completamente diverso.

    Mi dispiace solo di averci messo mano dopo tanto tempo, ma come si dice "meglio tardi...". Nel mentre ho recuperato anche Alps, sono davvero molto curioso.


    Grazie della preziosa dritta, Rebis

    Confermi quello che ho sempre pensato di questo film (da quando ne lessi su Nocturno)

    Ma ahimè, in dvd italico manco l'ombra...

    C'è in edizione tedesca e inglese, volevo acquistarlo, ma ho paura che i dialoghi siano il punto nevralgico...

    Che dici, Rebis...Aspetto (che son sicuro sarà un altro "Godot") ho lo posso acquistare anche import senza idioma italico?


    Buio, non saprei cosa consigliarti perché la comprensione dei dialoghi in questo caso è fondamentale (c'è proprio una rifondazione del lessico familiare...). Io ne ho una copia digitale con i sub italiani, me la passò Pigro diverso tempo fa, ma so che tu sei indissolubilmente legato alle edizione ufficiali e ai supporti fisici. In alcuni casi purtroppo non c'è scelta...

    Ma non lo aveva passato Fuori orario qualche settimana fa?
  • Discussione Buiomega71 • 30/03/14 13:56
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    ... Pigro questo film mi è rimasto impresso a fuoco nel cervello, davvero devastante. Non riesco a togliermelo dalla testa e non faccio che consigliarlo agli amici :)

    Buio, penso tu lo debba vedere a tutti i costi: ha molto del Salò di Pasolini, pur essendo qualcosa di completamente diverso.

    Mi dispiace solo di averci messo mano dopo tanto tempo, ma come si dice "meglio tardi...". Nel mentre ho recuperato anche Alps, sono davvero molto curioso.


    Grazie della preziosa dritta, Rebis

    Confermi quello che ho sempre pensato di questo film (da quando ne lessi su Nocturno)

    Ma ahimè, in dvd italico manco l'ombra...

    C'è in edizione tedesca e inglese, volevo acquistarlo, ma ho paura che i dialoghi siano il punto nevralgico...

    Che dici, Rebis...Aspetto (che son sicuro sarà un altro "Godot") ho lo posso acquistare anche import senza idioma italico?


    Buio, non saprei cosa consigliarti perché la comprensione dei dialoghi in questo caso è fondamentale (c'è proprio una rifondazione del lessico familiare...). Io ne ho una copia digitale con i sub italiani, me la passò Pigro diverso tempo fa, ma so che tu sei indissolubilmente legato alle edizione ufficiali e ai supporti fisici. In alcuni casi purtroppo non c'è scelta...

    Ma non lo aveva passato Fuori orario qualche settimana fa?


    Come non detto :(

    Mi toccherà aspettare (purtroppo) che una label coraggiosa lo faccia uscire in dvd anche da noi...A volte le uscite home video sanno essere sorprendenti. Sperem!


    Su "Fuori Orario" è passato Alps, non questo.

    Grazie comunque, Rebis...Resterò in attesa di qualche buona notizia.
    Ultima modifica: 30/03/14 13:58 da Buiomega71
  • Discussione Pigro • 30/03/14 14:41
    Consigliere avanzato - 1485 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    ... Pigro questo film mi è rimasto impresso a fuoco nel cervello, davvero devastante. Non riesco a togliermelo dalla testa e non faccio che consigliarlo agli amici :)

    Ah che bello, sono molto contento! È un film implacabile, anche per come ti rimane impresso...
  • Discussione Zender • 30/03/14 17:33
    Consigliere - 43513 interventi
    Sì, si eviti di parlare di rip e di sub in rete, in questo forum, grazie.
  • Discussione Buiomega71 • 25/08/20 21:05
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    Esce al cinema il 27 agosto distribuito da Lucky Red.
  • Discussione Zender • 26/08/20 07:54
    Consigliere - 43513 interventi
    Ah, incredibile! 11 anni dopo! E con che titolo, se lo sai?
  • Discussione Buiomega71 • 26/08/20 09:24
    Pianificazione e progetti - 21905 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ah, incredibile! 11 anni dopo! E con che titolo, se lo sai?

    Il titolo rimane quello anglofono di Dogtooth
  • Discussione Cotola • 3/09/20 15:28
    Consigliere avanzato - 3628 interventi
    Il film è al cinema. 
  • Discussione Zender • 3/09/20 17:46
    Consigliere - 43513 interventi
    Sì lo so, ma Xamini sta studiando come far funzionare la cosa coi vecchi film.