Alps

Media utenti
Titolo originale: Alpeis
Anno: 2011
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Alps". Presentato in concorso alla 68esima Mostra del Cinema di Venezia.
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/09/11 DAL BENEMERITO FORD
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ford 6/09/11 11:22 - 582 commenti

I gusti di Ford

Quattro attori si guadagnano da vivere "sostituendo" i defunti nelle case di parenti che non si rassegnano alla perdita, sostituzione che diventa pura ossessione da una parte e dall'altra. Un film lento e surreale, una pesantezza non solo emotiva ma anche visiva, inquadrature volutamente brutte, sfuocature insostenibili, musica diegetica, luci inesistenti, una regia matura e coraggiosa per una storia che regala un paio di risate e tanta inquietudine; la resa è realistica ma è impossibile immedesimarsi coi personaggi e le situazioni, per fortuna.
MEMORABILE: Una vedova cieca pianifica a puntino il tradimento di suo marito, esce dalla camera, rientra e si indigna per l'adulterio.

Mickes2 19/10/12 17:58 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Il micro (le piccole cose e i gesti di una vita) contro il macro (l’infinita vulnerabilità dell’animo umano). Finzione, recitazione e Cinema facenti parte di una sofferenza intangibile, soffocata, suggerita. Maschere anonime che si muovono in uno spazio-tempo definito e surreale, assurdo, finanche malsano. Tra follia e dolore, ossessione e moralità, Lanthimos completa ed evolve la sua idea di cinema imbastendo un gelido, distaccato e dolente racconto sulla contemporaneità, sul Mondo odierno e sulle fragilità e il cinismo che lo accompagnano.
MEMORABILE: La ragazza ferita e piena di sangue in viaggio sull'ambulanza.

Pigro 18/12/13 11:00 - 7817 commenti

I gusti di Pigro

Un altro sconcertante apologo di Lanthimos per descrivere le angosce contemporanee: i sostituti dei morti che leniscono il dolore ai superstiti, in un gioco vertiginoso e pericoloso di simulazione, dove il baratro del vuoto fa precipitare tutti in un gelido scimmiottamento della vita. Ovvero: i sentimenti rimpiazzati dalla replica esteriore di gesti e parole. Un vero e proprio mondo dei robot che è poi la nostra realtà, dove anche i moti più sinceri suonano finti. In una narrazione dove pietas e desolazione si accompagnano ambiguamente.

Rebis 11/07/14 13:39 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Si sostituiscono ai morti per lenire il dolore dei vivi, le Alpi di Lanthimos. Curano il dolore della perdita, questo sconosciuto. Insostituibili, in una società che ha perso la sacralità del rito, intrappolata nell'automatismo della rappresentazione. Apatia e aponia si erigono tra gli individui, stringono maglie di alienazione, liberano violenza inespressa per approssimazione al reale. Un controcanto a Kynodontas, laddove l'inespugnabile nucleo familiare era osservato da dentro, mentre qui lo si scruta da fuori. Cinema teoretico, livido, filosofico, concettualmente lancinante.

Rullo 17/07/14 20:44 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Sostituirsi ai morti è un gioco perverso, un business grottesco fatto di recitazione scadente ed emozioni intangibili. Lanthimos segue l'avvicendarsi di tematiche che toccano la protagonista, che dalla realtà cerca di intrufolarsi in un mondo fittizio. Tecnicamente ottimo, vanta un copione solido e una prova attoriale convincente.

Capannelle 18/07/14 17:47 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Già la seconda visione del riuscito Dogtooth non era stata proprio uno zuccherino... adesso anche quest'ultimo lavoro di Lanthimos va giù con difficoltà. Un soggetto comunque particolare, straniante, giocato su un microcosmo di persone in cerca di identità. Mi è sembrato programmatico, pesantuccio nel riproporre silenzi e conflitti interiori. Nulla da dire invece su come si muovono gli attori.

Cotola 21/06/15 11:37 - 7553 commenti

I gusti di Cotola

Altro duro colpo di matrice ellenica a firma di Lanthimos. E le caratteristiche sono quelle del suo cinema: tra tutte un gelo di fondo ed un distacco (assolutamente voluto e pienamente coerente con quanto viene raccontato) che impedisce qualsiasi identificazione con i personaggi. I surrogati dei morti (ma anche della vita) mettono i brividi. Ed anche qui il regista dimostra grandi capacità (anche se meno che in Kinodontas) nell'utilizzare in modo innovativo il linguaggio parlato.

Pinhead80 27/07/16 11:58 - 3966 commenti

I gusti di Pinhead80

Chi conosce il cinema di Lanthimos non rimarrà stupito da quest'opera. Ancora una volta egli sceglie una storia dove le persone mettono in atto comportanti autistici utilizzando un linguaggio asciutto, asettico, in un contesto che sembra aver assimilato questa bruttura. Se le persone possono essere dei surrogati, i sentimenti invece non ci riescono e cercano di esplodere in tutta la loro dirompenza. Il messaggio del regista greco in definitiva rimane sempre lo stesso opera dopo opera ma la messa in scena disturba sempre come la prima volta.
MEMORABILE: Il momento in cui la clavetta cambia colore...

Minitina80 1/04/17 08:43 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Il soggetto scelto da Lanthimos ha un raggio d’azione molto ampio e la base di partenza è l’identità della persona che viene meno smarrendosi in una grottesca sostituzione di persone defunte. I pochi attori sono perfettamente calati nella parte, ma risulta estremamente difficile provare empatia per loro, tale è l’astrazione emotiva. Tutto ciò è conseguenza dello stile narrativo distaccato e freddo. Un ulteriore blocco di granito scolpito da Lanthimos.

Daniela 22/12/17 09:45 - 9502 commenti

I gusti di Daniela

Alps è una associazione di 4 persone che, dietro pagamento, si prestano a surrogare defunti, in modo da dare alle famiglie la possibilità di lenire nel tempo il dolore della perdita. Tema caldo quello dell'elaborazione del lutto, ma affrontato in maniera freddissima, alternando toni sadici e grotteschi: il risultato sconcerta ed imbarazza, lasciando una persistente sensazione di disagio simile a quella derivante dalla visione di altri film "devianti". Lanthimos omonimo greco del tedesco Haneke? Forse nell'effetto, ma si tratta di un autore con una personale e già ben definita cifra stilistica.
MEMORABILE: Il test della clava: se non cambia colore, se diventa blu, se diventa rossa

Bubobubo 18/09/18 00:30 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Il capitolo meno felice dell'altrimenti immacolato curriculum registico di Lanthimos. L'originalità del tema, sempre ai limiti del grottesco (la resurrezione teatrale di uno o più defunti, dietro pagamento delle famiglie), tende a tracimare più di una volta nell'eccesso di asetticità formale, perdendo infine di credibilità e fluidità narrativa (e difatti, più che Haneke, qui si rivede il geniale ma faticoso Ferreri dei primi '70). Qualche lampo a sorpresa nell'ultima parte non sposta granché il giudizio.

Giùan 11/10/18 09:42 - 3010 commenti

I gusti di Giùan

Poco convincente (verrebbe da pensar anche non troppo convinto), strutturalmente più debole di Dogtooth e piuttosto pertinacemente chiuso nella sua entomologica monade oltranzista. Ad essere debole in sostanza mi pare in questo caso proprio l'idea di partenza, spunto forte che però viene svolto senza esser mai sollevato da un bagliore di ironia se non cinica e sterile (a Lanthimos comunque va dato atto che non ripeterà più l'errore nei successivi film). Un opera insomma che il sentimento del contrario pirandelliano smaschera un po' fredda e ridicola.
MEMORABILE: Il rapporto tra la ginnasta di Ariane Labed e l'allenatore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Mickes2 • 19/10/12 17:59
    Portaborse - 335 interventi
    Trailer ufficiale :)

    http://www.youtube.com/watch?v=9i2xl_vo88w
  • Discussione Mickes2 • 19/10/12 18:33
    Portaborse - 335 interventi
    mi permetto di suggerire questa cover, più "calda" e meno minimale di quella presente ora :)

    cambierei anche il titolo originale, imdb chiama Alps nella dicitura internazionale.
    Ultima modifica: 19/10/12 18:48 da Zender
  • Discussione Zender • 19/10/12 18:49
    Consigliere - 43594 interventi
    Ok, cambiati il titolo (giustamente va messo quello internazionale) e pure la locandina. Teniamo però conto che quando e se si avrà la locandina italiana, per quanto brutta sia avrà la precedenza.
  • Discussione Mickes2 • 21/10/12 16:08
    Portaborse - 335 interventi
    Ok Zender. e ci spero in una possibile pubblicazione italiana dopo il non ancora editato (e non lo sarà mai, presumibilmente) Dogtooth.
    Ultima modifica: 21/10/12 18:27 da Zender
  • Discussione Zender • 21/10/12 18:40
    Consigliere - 43594 interventi
    Di qualunque film mi auguro pure io che si abbia una pubblicazione italiana :) Vedremo...
  • Discussione Buiomega71 • 28/12/16 11:41
    Pianificazione e progetti - 21992 interventi
    Da noi al cinema dal 28 dicembre (cioè oggi)

    Fantasticherie della distribuzione italicamiserella (dopo che e passato pure su Raitre)