Body bags - Corpi estranei

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Body bags
Anno: 1993
Genere: horror (colore)
Note: Film ad episodi, comprende L'obitorio (Hooper) che funziona da cornice per tre storie: Stazione di rifornimento (Gas station) (Carpenter), Hair (Sulkis, ma accreditato a Carpenter) e Eye (Hooper), Roger Corman.
Numero commenti presenti: 28
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 28/03/07 00:40 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Divertente dissertazione ad episodi, compilata a quattro mani (Carpenter ed Hooper) che mira a solleticare la paura nello spettatore facendo ricorso a tre interessanti soggetti e una valanga di effetti speciali (ben riusciti). Carpenter, nei panni di un addetto alla sala mortuaria, fa da collante ad ogni storia, celebrando il più noto Creepshow, film di riferimento al quale l'intera operazione sembra rimandare, con ottimi risultati. L'episodio diretto da Hooper anticipa un soggetto molto simile portato sullo schermo dai fratelli Pang: The Eye.

Lercio 14/06/07 22:55 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Deludente e mediocre. Firmato da registi di punta, la qual cosa delude ancora di più. Ogni episodio pecca in originalità ed è forzato nella sua conclusione, soprattutto quello del trapianto del bulbo oculare. Grossa delusione.

Dr.schock 7/12/07 18:42 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Confesso che a me questo film a più mani ha divertito moltissimo: i tre episodi non saranno originalissimi ma risultano ottimamente confezionati e le parti di raccordo (con gli stessi Carpenter e Hooper, anche se quest'ultimo più defilato) sono spassosissime. L'episodio più divertente è il secondo (by Carpenter), mentre quello più horror è sicuramente quello di Hooper. Simpatici i cameo dei vari Craven, Raimi (nel primo episodio) e Corman (nel terzo).
MEMORABILE: Stacy Keach alle prese con la calvizie... Favoloso!

Cotola 27/01/08 02:24 - 7634 commenti

I gusti di Cotola

Non ho mai amato particolarmente i film ad episodi ed anche questo, pur essendo girato da due esperti del genere, non fa eccezione. Il tentativo di riprodurre film alla I racconti della Cripta è evidente (basti vedere il cammeo che si concede Carpenter) ma i risultati sono un po’ deludenti e, per quanto sufficienti, comunque al di sotto delle aspettative. In ogni caso meglio l’ironia di Carpenter che la seriosità di Hooper.

Ciavazzaro 24/10/08 16:25 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bell'horror ad episodi, omaggio ai fumetti della EC Comics. Non male il primo, abbastanza angosciante, con la ragazza nell'autogrill che deve vedersela con un serial-killer (il convincente Carradine), discreto quello dei capelli, classico il terzo del trapianto d'occhio (tema usato più volte). Irresistibili i siparietti macabri nell'obitorio con Carpenter. Si fa vedere volentieri e non manca il sangue.

Daidae 12/07/09 05:25 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Gustoso film a episodi di Carpenter. Aveva fatto di meglio in passato ma anche questa volta non delude. L'episodio che prediligo è sicuramente il primo, ove un uomo ossessionato dalla calvizie avrà una brutta sorpresa. Abbastanza deludente e poco originale invece l'ultimo episodio. Bello ma non eccezionale.
MEMORABILE: La calvizie e la strada piena di capelloni, dove gli unici cani che passano sono levrieri afghani.

Tomastich 17/09/09 11:23 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Analizziamo gli episodi: 1. "The Gas Station" di Carpenter riesce bene a creare la tensione dovuta al serial killer, nella stazione di servizio. 2. "Hair" di Carpenter è la summa di questo film ad episodi. Irriconoscibile pensando che l'anno dopo farà Il Seme della Follia 3. "Eye" di Tobe Hooper è il classico prodotto "de paura" che poi sarà copiato in questi horror moderni schifosi dai giapponesi. Un bel trittico per l'horror USA.

Daniela 2/12/09 15:45 - 9663 commenti

I gusti di Daniela

Modesto film ad episodi: corretto ma nulla di più il primo (ragazza sola in servizio notturno in una stazione di benzina alle prese con maniaco omicida poco fantasioso); piuttosto originale il secondo in cui Keach, ossessionato dalla calvizie, si rivolge ad uno strano centro tricologico, mentre il terzo è una prevedibile variazione de La mano di Orlac. L'aspetto più simpatico è costituito dalla presenza di Carpenter (il narratore) e di altri registi amici, in piccole parti o comparsate.
MEMORABILE: Carpenter, opportunamente truccato, sembra proprio uno zombie, quasi come Argento al naturale.

Pinhead80 20/05/10 18:09 - 4008 commenti

I gusti di Pinhead80

Film ad episodi dove, in stile Creepshow, vengono introdotte alcune storie da un'inquietante figura (questa volta un addetto alle autopsie). Il primo è un vero e proprio giallo a tinte forti, mentre il secondo e il terzo fanno leva sull'egoismo e la vanità umana. Il migliore, a mio parere, è il secondo (quello dell'uomo ossessionato dalla sua incipiente calvizie). Nel complesso godibile da vedere.

Ghostship 2/09/10 19:58 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Buon horror ad episodi scritto e realizzato a quattro mani da due mostri sacri come Carpenter ed Hooper. I due episodi diretti da Carpenter, pur non facendo gridare al miracolo, sono ben realizzati. Il primo (Gas station), seppur figlio di canovacci stra utilizzati, si lascia guardare e grazie alla mano del regista è teso e ben diretto, il secondo vira verso la fantascienza ed è divertente e godibile. L'episodio di Hooper, oltre a trattare un tema inflazionato, è girato in maniera svogliata ed è sicuramente il peggiore. Carpenter fa zio Creepy.

Myvincent 24/10/11 20:25 - 2608 commenti

I gusti di Myvincent

Format televisivo per questi tre episodi tra l'horror e il faceto, gradevoli ma non troppo, fantasiosi e con una venatura ironica (specie nel secondo) piuttosto spiccata. Dei tre il primo sembra essere quello più riuscito, perché maggiormente realistico. Inoltre una curiosità: nel secondo racconto due pop-star del momento in veste di attrici, Debbie Harry e Sheena Easton.

Herrkinski 28/05/11 11:41 - 5304 commenti

I gusti di Herrkinski

Spassoso divertissment di Carpenter e dei suoi "amici" (peccato manchino Argento e Romero), che riporta alla mente Creepshow ma che anticipa invece la futura serie dei Masters Of Horror. Lo stile è quello: tre racconti horror in bilico tra splatter e humour nero, intervallati dal regista/presentatore truccato da zombi. Prevedibile, ma dalla buona tensione il primo episodio; spassoso ed originale il secondo (ottimo Keach); più truce l'ultimo, ad opera di un Hooper in forma, che mette in scena un semi-irriconoscibile Hamill. Nel complesso buono.

Mdmaster 30/06/11 09:26 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Pilot fallito con Carpenter che introduce alcune storielle horror, di cui la prima scivola via senza colpo ferire. Molto meglio Hair, spiritoso e inquietante con un bravissimo Keach. Godibile anche il conclusivo episodio firmato da Hooper che, da una premessa banalotta, riesce a tirar fuori qualcosa di buono anche grazie a un intenso Hamill (qui si capisce perché poi è diventato doppiatore) e la Twiggy. Certo, è preoccupante il fatto che gran parte dei tre episodi qui sia meglio della maggioranza dei Masters of horror...
MEMORABILE: Keach con i capelli lunghi... coattissimo!; le inquietanti visioni dell'occhio.

Puppigallo 5/10/11 22:05 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Discreto horror a episodi, che vede come narratore una sorta di Beetlejuice necrofilo, occupato a intrattenerci con cadaveri vari. Le tre storie sono più o meno allo stesso livello, nonostante la prima (stazione di servizio con sorpresa) si faccia notare soprattutto come livello di violenza, peccando però in originalità. Meglio, nella seconda, l'idea dei capelli con sorpresa. Mentre nella terza, l'occhio trapiantato che si rivela essere più un castigo di Dio, che una benedizione, si può apprezzare l'interpretazione del protagonista, via via sempre più allucinato. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Il disegno satanico sulla porta del bagno; La scelta dei capelli "Stile stallonne"; I filiformi intrusi; Incidente stradale con "problemino" oculare.

Von Leppe 15/04/12 12:31 - 1054 commenti

I gusti di Von Leppe

Bel film ad episodi che, malgrado sembri sia stato girato per la televisione, è molto horror e splatter con atmosfera mortuaria da obitorio. Carpenter fa da presentatore ai tre racconti: il secondo è quello più debole ma l'umorismo lo riscatta, mentre sono ottimi il primo e sopratutto l'ultimo, dove c'è un trapianto di occhio. Spesso i racconti brevi dell'orrore sono esemplari di un destino beffardo, in cui per sfuggire ad un male si prepara il terreno per far accadere qualcosa di peggiore.

Belfagor 15/03/12 18:26 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Nei panni di un inquietante coroner, lo stesso Carpenter ci introduce ai tre episodi. Il primo è un tipico thriller da anni '80 ambientato in una stazione di servizio immersa nelle tenebre, con uno svolgimento classico e una bella fotografia. Il secondo, basato su un insolito trapianto di capelli, è il migliore (anche se il finale è piuttosto astruso). Il terzo vede Hamill vittima di visioni generate dall'occhio di un serial killer e sa come vendere un prodotto già utilizzato grazie alla regia di Hooper. Discreto.

Pumpkh75 28/04/12 19:30 - 1337 commenti

I gusti di Pumpkh75

Film a episodi divertente ma non ispiratissimo; specialmente nel primo episodio, ben diretto ma non certo di memorabile originalità e nel terzo, parecchio splatter per essere di matrice televisiva ma senza guizzi particolari, specie nella regia. Il tutto viene elevato dal segmento mediano, sostenuto da una idea folgorante e da uno Stacy Keach strabordante. Nel complesso, però, da Carpenter e Hooper ci si aspettava di più.
MEMORABILE: Il ciuffo ribelle di Stacy Keach che sbuca dalle bende del post-operazione.

Kazanian 3/10/12 12:13 - 48 commenti

I gusti di Kazanian

Bel film a episodi che racchiude vari generi (horror, fantastico, commedia). Il primo, quello con la ragazza alla stazione di servizio, è molto efficace e di tensione. Gli altri due scivolano un po' verso il basso, anche se con il terzo si risolleva un po' la scena. Se fosse stato realizzato dieci anni prima forse sarebbe stato più potente.

Jena 30/03/13 12:11 - 1219 commenti

I gusti di Jena

I tre episodi hanno chiaramente valore diseguale. Nel primo Carpenter dirige un breve Tutto in una notte in versione horror, in cui il Maestro dimostra quanto, almeno all'epoca, dominasse alla perfezione i meccanismi registici della tensione e della paura, pur con una storia semplice. Nel secondo, poco carpenteriano, siamo più dalle parti di un divertente joke che si avvale della splendida performance di Stacy Keach. Il terzo, di Hooper, il piu debole, è di rara piattezza televisiva con un bolso Hamill. Divertente invece la cornice. Media: **1/2
MEMORABILE: Sfilata di facce horror: Robert Carradine, Wes Craven, Roger Corman, David Warner, Tobe Hooper, John Landis, david Naughton, George "Flower" Buck.

Homesick 3/04/13 08:00 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Horror a episodi spartito fra tre registi. Inizia Carpenter – anche nel ruolo di un cadaverico coroner nei segmenti di raccordo – attenendosi ad uno slasher ordinario equamente diviso tra ironia e splatter. Prosegue meglio Sulkis, con un ottimo Keach che, ossessionato dalla calvizie, si ritrova vittima di mostruose mutazioni del corpo. Il trapianto d’occhi di Hooper aggiunge poco, limitandosi a rivisitare Wiene con la Bibbia e Corman (non a caso quest’ultimo appare nel ruolo di un medico) in un episodio alquanto prevedibile. Graditissimi camei: da Raimi a Craven fino a Napier e Deborah Harry.
MEMORABILE: Le battute allo humour nero del coroner Carpenter; le vane cure tricologiche di Keach e la sua nuova capigliatura “alla Stallone”.

Rebis 4/05/13 18:23 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Horror antologico d'autore privo di un'unità di fondo che ne supporti l'eterogeneità, non riserva grosse sorprese, ma a distanza di anni, calibrando le aspettative – produzione televisiva, Hooper già in pieno stallo creativo... – lo si riscopre piacevole e svagato. Carpenter, da un lato rinverdisce con profitto una situazione di assedio in stile Halloween (con inquadrature e soluzioni gemellari) dall'altro si balocca con un soggetto strampalato. Hooper spinge sul pedale delle atrocità mettendo a segno qualche bel colpo a discapito di un'idea abusata. Splatter cospicuo per gli standard tv.
MEMORABILE: La presentazione con Carpenter in stile zio Tibia; l'infilata di cammei dei masters of horror...

Vito 3/07/13 16:23 - 665 commenti

I gusti di Vito

Horror a episodi presentati da un Carpenter versione zombi in un obitorio. Il primo episodio è un buon slasher, teso e splatter. Il secondo vira sulla fantascienza condita con parecchio humor. Serissimo invece il terzo episodio, una storia oscura tra allucinazioni e citazioni bibliche. In conclusione un prodotto spaventoso ma anche divertente che piacerà sicuramente agli horror-fan!
MEMORABILE: Tutti i numerosi camei di registi e attori del cinema horror.

Rambo90 24/09/13 17:00 - 6444 commenti

I gusti di Rambo90

Quasi una prova generale per la serie Masters of Horror, contaminata con echi dello zio Tibia (soprattutto nella cornice che collega gli episodi). Tre episodi riusciti: a svettare è l'ultimo di Hooper, sia perché il più inquietante sia per la bella prova di Hamill; Hair con Keach è molto divertente, giocandosi la carta del grottesco e riuscendo ad azzeccare un bel finale a sorpresa; il primo è il più banale, ma la regia di Carpenter riesce a infondergli ritmo e angoscia. Buono.
MEMORABILE: I raccordi nell'obitorio.

Taxius 3/04/15 21:13 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Simpatico film diviso in tre episodi, ognuno diretto da un regista diverso. Simile ai primi due Creepshow, senza raggiungerne però il loro livello in quanto tutte e tre le storie risultano un po' fiacche, soprattutto la terza. L'episodio migliore è sicuramente il primo, quello della stazione di servizio girato da Carpenter. Molto divertente poi lo stesso Carpenter zombi che introduce ogni episodio.

Anthonyvm 10/05/18 21:52 - 2149 commenti

I gusti di Anthonyvm

Horror antologico molto divertente e con alcuni camei gustosissimi per qualunque fan del genere. Si parte con un irresistibile John Carpenter-zombi che introduce i tre episodi. Il primo è un buon thriller con un colpo di scena scontato ma un buon utilizzo della tensione e un finale gore succulento; il secondo è il più ironico e fantascientifico del trio, molto godibile e con alcune sequenze memorabili (i capelli vivi e serpentiformi); il terzo, con un trapianto oculare, è banalotto seppur sia ben diretto e cattivello. Nel complesso simpatico.
MEMORABILE: Il carismatico e schizzato Carpenter nell'obitorio; Gli innumerevoli volti e nomi noti che costellano la pellicola, da perdere il conto.

Minitina80 8/08/18 08:07 - 2408 commenti

I gusti di Minitina80

Come tutti i film a episodi soffre di incisività, mancando del tempo necessario per crescere e svilupparsi per bene. Tuttavia nessuna delle storie è detestabile o deprecabile perché il manico è buono, gli effetti pure e la comparsata di volti illustri genera quel pizzico di entusiasmo misto a fanatismo dell’appassionato. Forse il terzo si distingue dagli altri, ma è un discorso molto relativo essendo il livello più o meno lo stesso. Nasce come pilota di una serie per la tv e chissà cosa avrebbe potuto regalarci se avesse avuto maggior fortuna.
MEMORABILE: La cesoia nell’occhio.

Rufus68 13/05/19 00:08 - 3155 commenti

I gusti di Rufus68

Mediocre il segmento iniziale di Hooper: senza stile, piatto, prevedibile; ci si rialza col secondo che vive su un doppio registro satirico, sociologico (la vanità della mezza età) e sci-fi (una inaudita invasione aliena); l'ultimo vanta una propria dura efficacia (interessanti gli ammicchi biblici) nonostante la mancanza di originalità. Discreta, al pari d'un fumetto grottesco, la cornice all'obitorio. Bene Keach e Hamill, ma il migliore rimane Warner.

Faggi 13/09/20 15:29 - 1509 commenti

I gusti di Faggi

Body bags, ovvero contenitori per cadaveri da sottoporre ad autopsia. I conti tornano, considerando dove ci troviamo - in compagnia di Carpenter e amici. Umorismo macabro da gioco semplice, quasi scanzonato, niente di trascendentale, un passatempo da consumare e, purtroppo, cestinare. Ovviamente il mestiere, la professionalità (nella messa in scena, nelle interpretazioni) non si discutono, ma resta poco di memorabile (probabilmente dei tre segmenti il più riuscito è quello centrale: grottesco, interpretato molto bene e con un finale folle e fumettistico tutto da gustare).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 9/10/09 05:57
    Scrivano - 7629 interventi
    Il film è ricolmo di partecipazioni straordinarie, a cominciare da registi (Tobe Hooper, Wes Craven, Sam Raimi e Roger Corman) per finire a celebri attori (David Naughton, Charles Napier, Deborah Harry).
  • Homevideo Digital • 23/12/11 15:30
    Segretario - 3059 interventi
    Dvd della Medusa Video disponibile dal 22/02/2012.



    Dati Tecnici :

    Audio : Italiano,Inglese Dolby Digital 2.0
    Rapporto Schermo : 1.33:1
  • Homevideo Rebis • 4/05/13 15:25
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    La versione trasmessa da Rai Movie è in 16:9 anziché 4:3, con una evidente sfrangiatura del quadro in alto, specie nell'episodio "Hair". L'effetto "cinema" non è male ma la traccia audio è piuttosto scadente.
  • Discussione Raremirko • 27/03/14 23:46
    Addetto riparazione hardware - 3505 interventi
    L'inizio nella stazione di servizio è fenomenale, con una atmosfera superba e da brividi; Craven fa pure un cameo
  • Discussione Vito • 28/03/14 09:10
    Fotocopista - 91 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    L'inizio nella stazione di servizio è fenomenale, con una atmosfera superba e da brividi; Craven fa pure un cameo

    E non solo lui.Nel primo episodio ci sono pure Sam Raimi e David Naughton di Un lupo mannaro americano a Londra.Nel secondo appare il mago degli effetti speciali Greg Nicotero.Nel terzo c'è il mitico Roger Corman.Mentre nell'epilogo,oltre naturalmente lo stesso Carpenter,c'è anche l'altro regista Tobe Hooper.
  • Discussione Raremirko • 28/03/14 14:38
    Addetto riparazione hardware - 3505 interventi
    Vito ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    L'inizio nella stazione di servizio è fenomenale, con una atmosfera superba e da brividi; Craven fa pure un cameo

    E non solo lui.Nel primo episodio ci sono pure Sam Raimi e David Naughton di Un lupo mannaro americano a Londra.Nel secondo appare il mago degli effetti speciali Greg Nicotero.Nel terzo c'è il mitico Roger Corman.Mentre nell'epilogo,oltre naturalmente lo stesso Carpenter,c'è anche l'altro regista Tobe Hooper.



    si, si, c'è pure Hamill, che non avevo riconosciuto

    Raimi cmq è molto...morto! XD
  • Discussione Ruber • 14/03/18 01:58
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    L'episodio della stazione di servizio è il migliore ed è anche il più curato nei dettagli. L'ambientazione notturna in pieno deserto californiano con la ragazza che esegue il suo lavoro nel isolamento più completo è veramente ben strutturata.
  • Discussione Kanon • 14/03/18 05:09
    Fotocopista - 816 interventi
    Per me l'episodio "hair" con Keach, Warner e Blondie Harry nun se batte. È comico, con le facce giuste e con uno spassoso utilizzo di "almost cut my hair" di CSN&Y.