LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ci aveva già provato Steno due anni prima (ottenendo ben altri risultati) a portare la figura della donna irreprensibile nel paesello di provincia a battagliare con gli interessi dei signorotti locali. Il film era LA POLIZIOTTA, con Mariangela Melato nel ruolo qui rilevato dalla Fenech e la Brianza dove qui abbiamo la provincia veneta (Bellignano, per la precisione). Le ambizioni di Lucio Fulci sono molto più basse (d'altra parte al posto di Alberto Lionello, Pozzetto, Carotenuto, Gigi Ballista, abbiamo Gianni Agus, Giancarlo Dettori, Raf Luca, Mario Maranzana, Carlo Sposito... il paragone non poteva reggere) e la direzione è quella della commedia e del pecoreccio, con la Fenech pronta...Leggi tutto a una storico nudo integrale (regolarmente tagliato in TV col risultato di accorciare la scena sul set del fotoromanzo porno di Biancaneve, l'unica esilarante!). Per cercare di divertirsi si esagera col dialetto veneto, poco usato al cinema ed effettivamente piuttosto divertente. Ma soggetto e sceneggiatura sono da dimenticare, una poco riuscita variante del solito espediente del sosia (qui è la Fenech a interpretare la doppia parte della pretora e di sua sorella, disinibita cacciatrice di uomini). Lo sforzo corale del cast, che con Agus e Dettori porta a qualche discreto momento comico, è vanificato da attori come Raf Luca (mal considerato dallo stesso Fulci) o Mario Maranzana, che come imputato e avvocato difensore formano una delle peggiori coppie viste finora nell'ambito di un genere già avaro di veri talenti. Si salva il clima generale macchiettistico, ma anche la Fenech lascia alquanto a desiderare, soprattutto quando farfalloneggia ed esagera per apparire più provocante possibile. Un successo comprensibile solo per via delle tante scene di nudo, perché per il resto il livello complessivo è proprio basso. Ci voleva almeno un buon comico.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 4/04/07 14:45 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Mito. Il buon Fulcione decide di calcare la mano e il risultato, nonostante qualche pecca del cast, è a tratti glorioso. La sequenza della proiezione del film porno (in cui giganteggia un Lionello sudaticcio e viscidissimo) ai fini della censura vale l'intera filmografia di Tornatore; l'intermezzo del fotoromanzo coi nani e lo sketch di Agus pure sugli scudi. Edwige divina.

Undying 26/04/07 17:53 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Incursione di Fulci nel genere "sporcaccione", e subito il film (pur se trova scarso riscontro tra il pubblico) svetta sulla media dei coevi tarantiniani o laurentiani. Fenech nella duplice veste (casta/disinibita) viene sì ripresa da angolazioni morbose e provocanti, ma viene soprattutto "sviscerata" nel duplice ruolo sospeso tra istinto e ragione; al comico (garantito dalle eccellenti performance di Oreste Lionello e Gianni Agus) ed al pruriginoso (la versione sporcacciona di Biancaneve) si aggiunge un non banale aspetto polemico. Disinibito.

Ianrufus 3/10/08 13:27 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Prendete il classico film con la Fenech (poliziotte ed infermiere varie), metteteci qualche nudo in più ed una regia che non si accontenti della solita barzelletta da caserma. In tempi di rivalutazioni (anche a sproposito) di film e registi è facile affermare certe cose, ma è pur vero che quando certi signori (Steno, Salce, Fulci & C.) passavano dalle parti di qualche genere i risultati si vedevano. Niente d'incredibile ma almeno si preme l'acceleratore in certe scene; la Fenech è al massimo ed il contorno d'attori teatrali non sfigura.

Deepred89 4/10/08 15:11 - 3309 commenti

I gusti di Deepred89

Lucio Fulci riesce a convincere anche in questa sua incursione nella commedia erotica. Trama semplice semplice e banalità sparse, ma buon ritmo, varie gag azzeccate (compresa quella a cui prende parte come attore lo stesso Fulci) e una buona dose di erotismo, con Edwige Fenech in uno dei suoi ruoli più memorabili. Discreti i vari caratteristi nel cast e piacevolissima la colonna sonora. Cultissima la scena sul set porno.

Markus 25/02/09 09:56 - 3330 commenti

I gusti di Markus

Curiosa incursione di Fulci nel sexy pecoreccio che tanto andava a metà Anni Settanta. La sua regia tende ad accentuare il lato sexy con innumerevoli nudi della formosa Fenech. L'apporto comico invece è piuttosto basso, poiché Fulci si avvale di un cast inefficace in tal senso. Raf Luca, come co-protagonista, non funziona e non funzionerà mai. Un film mediocre; diciamo che il regista ha fatto un tentativo e come si suol dire non tutte le ciambelle riescono col buco…

Tarabas 26/02/09 12:01 - 1717 commenti

I gusti di Tarabas

Farsaccia chiozzotta (o giù di lì, dovremmo essere nel padovano) con la Fenech nientmeno che in un doppio ruolo pirandelliano: magistrato irreprensibile e attricetta squinzia. Il film non fa granchè ridere. Il regista se ne accorge e si butta (e noi con lui, almeno idealmente) su Edwige, qui parecchio spogliata e in un paio di scene piuttosto forti per il genere. Stracult un passaggio tv estivo annunciato dalla vaporosa Folliero: "Per i Bellissimi di Rete4, La Pretora"). Solo per i fans.

B. Legnani 28/12/09 22:14 - 4782 commenti

I gusti di B. Legnani

Una brutta mezzora conclusiva rovina un filmetto simpatico, che sposa l'argomento porno con un giochetto vecchio come (e forse più di) Plauto. Non solo la trama va a due velocità, ma anche gli attori. Devo aggiungere che forse è la sceneggiatura a sorreggerne alcuni e non altri: infatti non convincono Raf Luca (che però non mi convince mai, come Ciardo), Maranzana e Lionello. Il migliore è Gianni Agus. Non si può non parlare della protagonista: se il film vale *½, lei vale ***** con lode, bacio accademico e dignità di stampa. Me-ra-vi-glio-sa.

Matalo! 26/05/10 17:28 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Fosse per le nudità in totalvision di Edwige questo film meriterebbe 5 palle intere. Ahimè esse però non bastano a giudicare completamente sufficente un film il cui intento di satira dei costumi è alquanto annacquato. La provincia veneta bigotta è un luogo comune che il cinema ha ben meglio esplorato altrove e le bellezze in ruoli istituzionali han trovato miglior messinscena. Resta la simpatia di certi momenti (stracultissima la scena di Biancaneve, che vede anche una statuaria Frajese in veste di regina cattiva). Buoni attori. A parte Raf Luca...
MEMORABILE: "No i nani no, picoi e chiavoni!!!"

Stefania 25/04/11 03:35 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Farsa noiosissima, provincialotta nell'ispirazione più che nell'ambientazione, reperto storico commemorativo dei tempi in cui la proiezione di un pornazzo al cospetto di una bella donna togata mandava in visibilio gli astanti. Qualunque intento satirico annega nel macchiettismo, Fulci non graffia perché prende di mira bersagli troppo facili, e lo fa ripiegando su gag da film-barzelletta che possono compiacere quella fauna becera e guardona che pretende di mettere alla berlina, poi si accascia in un finale sentimentaloide. La Fenech è discreta, ma un co-protagonista solido non c'è. Palloso.
MEMORABILE: Il set del film porno coi nani è talmente malinconico da far quasi ridere!

Trivex 25/04/11 15:02 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Qui c'è la Regina più bella, meravigliosa e completamente senza veli. Va sul pesante, più un erotico che una commedia, forse. Spicchi di proibito, i quali incrociano la sempreverde strada del genere con il giustificato semaforo rosso nella visione in tv. La parte semi-hard sfregia la fiaba più bella e siamo solo nel 1976 (ma in Italia all'epoca si parlava già diffusamente di luci rosse?), con le indubbie ricadute (chissà quanti "ohhhhh..."). Fulci mostra comunque il suo spread verso la concorrenza ed ottiene un buon risultato, con la più bella del reame.

Homesick 5/05/11 18:24 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Senza i lampi erotico-onirici e il caustico humour nero di All’onorevole piacciono le donne, gli spunti farseschi scompaiono tra le ganasce della commedia scollacciata, famelica dei nudi integrali fronte e retro della Fenech e dei risaputi giochi di equivoci generati dalla sua gemella di facili costumi. Da peritissimo regista, Fulci riesce comunque a schivare le insidie del cattivo gusto e a condurre a buon fine le smorfie di Lionello, le esternazioni di Agus e il contegno di Valdi, lasciando giustamente in ombra i più scialbi Luca e Dettori.
MEMORABILE: Maranzana che assaggia il cibo per cani spacciato per gulasch di prima qualità; il set porno di “Biancaneve e i sette nani”.

Giacomovie 22/05/11 13:35 - 1355 commenti

I gusti di Giacomovie

Commedia sexy che si discosta dagli standard: ha una sceneggiatura decente, un umorismo un po' smorzato e un erotismo più audace del solito. La Fenech si adatta bene al doppio ruolo serio-disinibito e le scene di nudo integrale rimarcano le meraviglie del suo fisico. **!

Capannelle 12/03/12 16:24 - 3742 commenti

I gusti di Capannelle

Abbiamo una Fenech particolarmente in forma capace di dar smalto a una pellicola altrimenti deficitaria di particolari spunti. Simpatico lo squattrinato con il look alla Montezemolo (e la cosa si lega bene con la Fenech), il pubblico entrato di straforo alla proiezione e il set di Biancaneve in versione hard ma per il resto la vis comica latita e ci ritroviamo nel solito ambiente di provincia. **

Rebis 18/03/12 18:58 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Livido barzellettiere finalizzato a magnificare il corpo eburneo della Fennech, che avrebbe meritato un trattamento più glorioso. Fulci con estro impiegatizio attende agli imprevisti di un inganno vecchio come il mondo mentre l'ironia sorvola flaccida i luoghi più bigi e vetusti della stereotipata sessualità provinciale, rifiutandosi di accogliere ogni occasione buona a demolirli. Il finale, con la pretora che seduce l'uomo amato nel ruolo della discinta sorella, pronta a dimettersi per godere del perduto nubilato, merita le invettive del femminismo più retrivo e bacchettone.

Rogerone 7/02/13 19:27 - 55 commenti

I gusti di Rogerone

Probabilmente l'apice della filmografia fenechiana. Il primo nudo integrale (avanti e retro) proposto in numerose scene - molto spinte - ne è la prova. Lei è di una bellezza... da infarto, mai stata più bella. Tuttavia, eccetto questo il film non è un granché, rientra nella media delle opere scollacciate anni '70. Ci sono un paio di momenti cult (al cinemino e il set porno) ma, a parte questo, nulla più. Cast piuttosto scarso, eccetto forse un buon Lionello. Film quindi da **, ma lei... lei è da 5 pallini, uno spettacolo della natura.
MEMORABILE: La Fenech sdraiata in piscina a seeno scoperto, i capezzoli coperti da due margherite: è la foto simbolo della commedia sexy anni '70.

Gabrius79 27/11/16 23:25 - 1206 commenti

I gusti di Gabrius79

Lucio Fulci alle prese con una commedia sexy-pecoreccia e il risultato è tiepidino. Le grazie della Fenech servono a infiocchettare una storia di per sé debole che nemmeno i caratteristi di contorno riescono a risollevare (giusto Oreste Lionello merita una menzione). Dettori scialbo, Raf Luca urticante.

Pinhead80 5/01/17 13:36 - 4002 commenti

I gusti di Pinhead80

Questo di Fulci è un film che ha fatto la storia del nostro cinema, soprattutto per la scena del nudo integrale della bellissima Fenech. Detto questo l'opera non è degna di grande interesse come commedia sexy, anche se bisogna riconoscere che scorre via senza troppi patemi. La Fenech nel doppio ruolo di Viola e Rosa se la cava bene anche perché sostenuta dalla scelta di mostrarla sempre discinta, cosa che le permette di distrarre anche lo spettatore meno sensibile. Alla distanza la coppia Raf Luca e Mario Maranzana stufa.

Ryo 18/04/18 14:13 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un sexy molto piccante, seppur girato da un maestro come Lucio Fulci, rimane una commediola all'italiana con battute becere e piccanti. C'è però una parvenza di trama che viene generata da un equivoco dovuto alla sorella gemella "libertina" (per non dire peggio) della pretora. Dunque doppio ruolo per Edwige Fenech, caratterizzato dalla sua brava doppiatrice. Ha il pregio di essere la pellicola che ha sdoganato il nudo integrale dell'attrice, consacrandola un'icona sexy italiana.

Il ferrini 13/09/18 00:38 - 1729 commenti

I gusti di Il ferrini

Da Fulci il film che non ti aspetti: una commedia spintissima con innumerevoli nudi integrali e variegati congressi carnali. La storia, pur simpatica, si basa su un risaputo scambio di persona e gli sviluppi che ne conseguono sono dunque piuttosto prevedibili, romantico finale incluso. Nondimeno la Fenech è scandalosamente bella e la cinepresa, che comprensibilmente indugia molto sul suo corpo nudo, ci regala la ragione primaria per affrontare la visione. Altro motivo è il personaggio di Lionello, al solito magistrale. Leggero ma non stupido.

Minitina80 17/11/19 09:35 - 2396 commenti

I gusti di Minitina80

Filmetto che si accoda al filone erotico con risultati alterni. Purtroppo non tutto il cast è all'altezza della situazione e nemmeno il lato più truce, fatto di battute e doppi sensi, riesce a trovare un senso, limitandosi a semplici volgarità. Inevitabile qualche momento di stanca in cui la bramosia di arrivare alla fine diventa quasi spasmodica. Dall'altro lato si può godere di uno scritto fin troppo quadrato per il genere giocando sul doppio ruolo della protagonista. Banale a dirsi, ma la Fenech è letteralmente da sturbo.

Lupus73 21/04/20 02:35 - 682 commenti

I gusti di Lupus73

Un passo più in là della commedia sexy all'italiana, Fulci confeziona un vero erotico-commedia su misura per Edwige in cui la commedia rimane un riempitivo mentre al centro dell'attenzione c'è l'eros pienamente incarnato dalle intramontabili forme della Fenech che qui, al massimo della generosità, addirittura si sdoppia nell'austera pretora e nella sua gemella porcellina. Farsesco e con doppi sensi a raffica mirati ad accentuare l'aura di erotismo della protagonista, che offre molti nudi integrali. Meglio di tanti erotici sentimentali e noiosi.
MEMORABILE: La Fenech che gira il film nei panni di una porno Biancaneve; La scene sexy vestita da pretora e quella a letto nel finale.

Pessoa 16/08/20 05:07 - 1228 commenti

I gusti di Pessoa

Interessante benché non riuscitissima incursione nella commedia sexy di Fulci che porta la protagonista assoluta del filone, la Divina, ai suoi più alti livelli di recitazione, mostrandone al contempo le forme marmoree così come null'altro mai, né prima né dopo. Il vero punto debole della pellicola è la sceneggiatura, che sviluppa malamente un soggetto già piuttosto sfruttato. Fra i comprimari si salvano Lionello e Agus, mentre altri decisamente deludono (Luca, Dettori). Sa un po' di occasione sprecata, anche se la Fenech da sola vale il biglietto.
MEMORABILE: La bravura della Fenech nel cambiare registro recitativo con grande disinvoltura, che ne dimostra le qualità da attrice di grande talento.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ruber • 26/01/18 17:41
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Credo sia il film con più nudi integrali della Fench che lei abbia mia fatto. Certamente un must degli appassionati della Fench nazional popolare della sua epoca d'oro.
  • Discussione Kanon • 26/01/18 20:52
    Fotocopista - 816 interventi
    Superiore a "cattivi pensieri" di (e con) Tognazzi ?
  • Discussione Ruber • 26/01/18 21:52
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Kanon ebbe a dire:
    Superiore a "cattivi pensieri" di (e con) Tognazzi ?

    Mah direi che siamo li, se la giocano sul filo di lana, non e detto che il film di Tognazzi solo eprchè aveva all'epoca il divieto dei 18 abbia piu scene di nudo rispetto a questo di Fulci. Se proprio si vuole essere pignoli bisognerebbe contarli ;)
  • Discussione Buiomega71 • 26/01/18 22:00
    Pianificazione e progetti - 22098 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Kanon ebbe a dire:
    Superiore a "cattivi pensieri" di (e con) Tognazzi ?

    Mah direi che siamo li, se la giocano sul filo di lana, non e detto che il film di Tognazzi solo eprchè aveva all'epoca il divieto dei 18 abbia piu scene di nudo rispetto a questo di Fulci. Se proprio si vuole essere pignoli bisognerebbe contarli ;)


    Che io sappia il film di Tognazzi è sempre stato vietato ai 14, mentre La Pretora ha il divieto ai 18
  • Discussione Ruber • 26/01/18 22:14
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Kanon ebbe a dire:
    Superiore a "cattivi pensieri" di (e con) Tognazzi ?

    Mah direi che siamo li, se la giocano sul filo di lana, non e detto che il film di Tognazzi solo eprchè aveva all'epoca il divieto dei 18 abbia piu scene di nudo rispetto a questo di Fulci. Se proprio si vuole essere pignoli bisognerebbe contarli ;)


    Che io sappia il film di Tognazzi è sempre stato vietato ai 14, mentre La Pretora ha il divieto ai 18


    Buono scrive cosi nella discussione del film, non saprei devi chiedere a lui, io l'ho solo riportato.
  • Discussione Buiomega71 • 26/01/18 22:20
    Pianificazione e progetti - 22098 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Kanon ebbe a dire:
    Superiore a "cattivi pensieri" di (e con) Tognazzi ?

    Mah direi che siamo li, se la giocano sul filo di lana, non e detto che il film di Tognazzi solo eprchè aveva all'epoca il divieto dei 18 abbia piu scene di nudo rispetto a questo di Fulci. Se proprio si vuole essere pignoli bisognerebbe contarli ;)


    Che io sappia il film di Tognazzi è sempre stato vietato ai 14, mentre La Pretora ha il divieto ai 18


    Buono scrive cosi nella discussione del film, non saprei devi chiedere a lui, io l'ho solo riportato.


    Può darsi, io ho sempre saputo che era ai 14

    http://www.giusepperausa2.it/cattivi%20pensieri,%201-11-76.jpg
  • Discussione B. Legnani • 27/01/18 13:30
    Consigliere - 13995 interventi
    Cattivi pensieri lo vidi con indicazione VM18
    Poi controllo
    Ultima modifica: 27/01/18 13:31 da B. Legnani
  • Discussione Ruber • 27/01/18 16:23
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Cattivi pensieri lo vidi con indicazione VM18
    Poi controllo


    Lucius segnala nella sezione home del film di Tognazzi il vm14.

    Era questo di Fulci che aveva il vm18. Poi magari può essere che entrambi avevano il vm18 e col tempo sono stati declassati a vm14
    Ultima modifica: 27/01/18 17:06 da Ruber
  • Discussione B. Legnani • 27/01/18 16:33
    Consigliere - 13995 interventi
    In CATTIVI PENSIERI c'è la spiegazione. Inizialmente era VM18. E continuarono, dopo la derubricazione a VM14 - con ogni probabilità - a circolare copie VM18.
    ---
    Mi scriveva infatti Alessio Di Rocco:
    Il vc del 22 settembre 76 è vm 18, quello del 20 ottobre 76 è la derubricazione richiesta da Amati.

    Ci sono infatti due incartamenti differenti (rispettivamente 69115 e 69250 che non possono fare riferimento allo stesso divieto. C'è anche un metro di pellicola di scarto tra una versione e l'altra, roba di secondi)

    Probabilmente in qualche sala (tipo dove l'hai visto tu) hanno dato la prima versione, che era comunque autorizzata dalla censura.
    Ultima modifica: 27/01/18 16:34 da B. Legnani
  • Homevideo Ruber • 30/01/18 18:48
    Compilatore d’emergenza - 9013 interventi
    Il dvd della 01 è andato fuori catalogo, e ovviamente visto che è uno dei piu famosi (e piu nudi!) film della Fenech nazional popolare, ora lo si vede online a prezzi esagerati, se si trova qualcosa a poco prezzo si deve andare sull' usato.