La madre

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Mama
Anno: 2013
Genere: horror (colore)
Note: Prodotto da Guillermo del Toro. Lungometraggio sviluppato sul soggetto del corto "Mama" dello stesso regista.
Numero commenti presenti: 30
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/13 DAL BENEMERITO DIDDA23 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/06/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Nancy 29/03/13 16:57 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Un horror abbastanza piatto, ripetitivo nella forma e nei contenuti, che non sprofonda mai ma rimane su livelli standard con qualche vertice qua e là. Non cerca neanche un po' di svincolarsi da tutti i cliché del cinema horror contemporaneo e anzi in tutta la prima parte ci sguazza allegramente dentro. La seconda sfonda il versante melodrammatico, per raggiungere un finale di stampo burtoniano e non completamente in linea col resto. Due palle, per la qualità.

Cotola 11/04/13 00:13 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Film horror piuttosto piatto e mediocre a causa di un ritmo che latita e di una sceneggiatura che riserva poche sorprese. Eppure si mantiene a livelli di una dignitosa mediocrità quasi fino alla fine. Poi arrivano gli ultimi quindici minuti in cui si stenta a credere a ciò che accade sullo schermo: di grande "trashume" e rara goffaggine. Si salvano alcuni bei momenti che rivelano un certo gusto visivo, ma è troppo poco. Se questi sono gli horror discreti, stiamo freschi.

Didda23 21/03/13 18:28 - 2288 commenti

I gusti di Didda23

Visivamente l'opera presenta scorci visionari di bellezza assoluta, ripresi alla grande e fotografati ancora meglio. L'esordiente Muschietti gira col piglio di chi sa cosa vuole e l'impianto visivo regge anche per quanto riguarda gli effetti speciali. Purtroppo la sceneggiatura percorre sentieri già battuti e non brilla per vivacità, conducendo a un finale che, nonostante lasci spazio anche all'emozione, è alquanto trash. Un'intera sequenza (quella della macchina fotografica) ha la stessa idea di base di Con gli occhi dell'assassino (prodotto dallo stesso Del Toro).

Greymouser 21/03/13 18:45 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Tenuto conto del livello generale dell'horror di questi tempi, il film offre soluzioni efficaci riguardo alla qualità visionaria, con scene piuttosto potenti in quanto a capacità di inquietare. Tutto questo, sulla base di una storia abbastanza classica, dalla sceneggiatura lineare e senza fronzoli. La manifestazione psichica post-mortem di una mente folle è resa con sapienza, e ben gestita durante la vicenda. Peccato per un finale troppo "gotico" e melodrammatico, che contrasta con l'asciutta solidità dell'intera narrazione.

Puppigallo 23/03/13 00:49 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

E' madre che riesce a dare un perchè a questa altrimenti mediocre pellicola, che ruota su un'idea striminzita e non fa certo delle trovate il suo punto di forza. Ma bisogna ammettere che le scene che vedono coinvolta l'entità "materna" sono di un certo impatto visivo, grazie ai movimenti disarticolati e alla sapienza nel riprendere le sue incursioni. Gli attori (su tutti, la Chastain) se la cavano discretamente e il tutto scorre abbastanza fluidamente, con alcuni momenti di tensione capaci di mantenere lo spettatore vigile e pronto a beccarsi qualche brivido. Finale più da favola dark.
MEMORABILE: Il ritrovamento delle orfane; La ragazza, rockettara, sulle bambine: "Non posso neanche traumatizzarle...me le portano già così"; Madre nel letto.

Giezz 11/04/13 14:34 - 11 commenti

I gusti di Giezz

Tutto già visto. Non bastano scenografia discreta ed effetti speciali a creare quello stato di tensione che si chiede a un film di questo genere. Una storia sfilacciata che scivola via, attori inconsistenti tranne il bassotto, la cui recitazione "canina" non infastidisce per nulla, al contrario di quella dei protagonisti. I soliti rumori improvvisi a sottolineare la comparsa del fantasma, le porte che non conviene aprire e tutte le scene topiche che si svolgono nella notte più nera, anche se un momento prima ci trovavamo in pieno giorno!

Corinne 25/03/13 00:03 - 405 commenti

I gusti di Corinne

Difficile esprimere un giudizio netto. La storia è ben raccontata, ottima sul piano visivo, con buone prove attoriali (soprattutto le inquietanti sorelline, la minore in particolare), atmosfera e tensione non latitano. Quello che delude è la prevedibilità della vicenda, che non concede alcuno spazio all'ambiguità delle situazioni, non riserva nessun colpo di scena finale e cambia drasticamente registro nel finale (quasi burtoniano nella realizzazione e nella sostanza). Comunque gradevole, anche considerato quanto c'è in giro ultimamente.
MEMORABILE: I sogni-allucinazioni di Lukas ed Annie; La bimba che si comporta da selvaggia; Il flashback sulla scogliera.

Neapolis 26/03/13 11:49 - 175 commenti

I gusti di Neapolis

Ecco il classico esempio di horror da sconsigliare: la trama è fragile e si gioca con i classici del genere con scopiazzature varie: la casa, il bosco, le pareti grondanti... senza che però il tutto sia supportato da un minimo di storia con un costrutto logico. Gli effetti speciali non sono male, ma ormai lì si sono specializzati tutti... Da dimenticare.

Aal 2/04/13 14:00 - 322 commenti

I gusti di Aal

Zeppo di luoghi comuni del genere e assai prevedibile negli effetti speciali e nell'uso del sonoro (dopo The ring siamo dalle parti del cliché) è però un buon horror capace di regalare qualche brivido e atmosfere inquietanti ben congegnate. Le storie di fantasmi, se ben raccontate, sanno affascinare sempre, e questa lo fa con competenza. Come al solito avrei assai gradito un maggiore approfondimento di trama soprattutto in relazione al personaggio di Mama, i cui brevi cenni biografici lasciano davvero con la voglia di saperne di più. Non male.

Capannelle 3/04/13 13:58 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Punti a favore: la ricchezza grafica di certe sequenze, il gore limitato e un contesto iniziale che aveva fatto ben sperare. A sfavore una soporifera parte centrale giocata sui soliti rumori che non fanno più paura a nessuno e la credibilità dei personaggi (ma non per colpa degli attori). Così anche il materializzarsi di una "mama" a metà tra la pazzia munchiana e la tenerezza burtoniana viene in parte vanificato.

Rebis 4/04/13 20:16 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Evoluzione di un cortometraggio (poco più di un'idea in poco meno di tre minuti) che cerca di allocare quella scheggia d'incubo in un corpo narrativo coerente: le allettanti premesse (le bimbe abbandonate nel bosco in balìa di un'entità terrifica) sfumano tra giapponeserie, personaggi arrabattati (la zia, il padre), passaggi grossolani e un finale in goticheggiante anticlimax che lascia interdetti. Muschietti è professionale ma l'opera resta dozzinale malgrado le pretese. Javier Botet – che fu la spaventosa niña Medeiros in [Rec] – dà qui anima e corpo a la Madre. Improbabile Jessica Chastain.

Ryo 9/04/13 10:16 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Aveva tutti i presupposti per diventare un horror sublime. Ma dopo una partenza in quarta, si perde lungo la strada, sino a scadere completamente nel finale. Le bimbe protagoniste sono terrificanti e il vedo-non vedo della madre all'inizio è parecchio agghiacciante. Buono anche il cast, ma è proprio la sceneggiatura che perde colpi: le reazioni dei personaggi sono spesso incomprensibili e sembra che il tutto sia volto a dare solamente spettacolo fine a se stesso. Molti i momenti prevedibili; forse sarebbe dovuto rimanere un corto.
MEMORABILE: La visione di Annabelle con gli occhi della madre; La caduta di Lucas.

Funesto 13/04/13 18:05 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Una storia scarna e con qualche buco, troppi clichés, troppe scene horror citazionistiche (quando non semplicemente scontate) e troppe ridicolaggini, incluso un finale che si dà arie di essere "poetico" quando invece suona solo come una trovata buffona di una regìa pretenziosa. L'ennesima ghost story più che mediocre che ci fa tirare avanti a forza di salti sulla sedia, dato che non sa creare un minimo d'atmosfera. E dire che il fantasma in questione, tale "Madre", aveva un'iconografia e una storia interessanti... Evitabilissimo.
MEMORABILE: La massa di capelli della Madre che striscia per terra sul parquet: quando in sala l'hanno vista, si sente sghignazzare: "Il mocio Vileda!".

Cloack 77 18/04/13 16:15 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

C'è un bel ritratto di donna cui contribuisce non poco Jessica Chastain, una rocker senza spirito materno che si ritrova due bambine "turbate" in casa con le quali dover rapportarsi; è un notevole punto di forza del film, che naturalmente non può liberarsi dalle briglie del genere, qualche spavento di "volume", qualche omicidio di stupidi, qualche risvolto di sceneggiatura un po' forzato; ma si è ad un livello di analisi e caratterizzazione dei personaggi molto al di sopra della media.

Myvincent 19/04/13 18:56 - 2582 commenti

I gusti di Myvincent

A causa della tragica perdita dei genitori, due bambine sono costrette a sopravvivere da sole per 5 anni riportando gravi ritardi nello sviluppo, allevate da una presenza sovrannaturale da loro definita "madre". Il primo tempo si sviluppa con una forte componente misterica di base e un buon sviluppo narrativo, poi nell'ultima mezz'ora cambia il clima e prevale l'elemento fantasy "cartoonesco", trasformando un buon horror in un film per bambini cresciuti. Deludente alquanto...

Scarlett 8/07/13 02:51 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Una partenza degna di nota che lasciava sperare per il meglio, una singola ventata d'aria fresca, ma si conclude in fretta questa eccellenza quando si scade negli stucchevoli esempi della classica ghost story che rimane simile a se stessa ormai da The Ring e Ju On a questa parte. La casa dove tenere le bambine, la canonica villetta a due piani di tutti gli horror. La veste scontata dello psichiatra "guru" investigatore. Insomma, se ne sarebbe potuto fare anche a meno.

Galbo 19/07/13 05:54 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Horror di produzione spagnola che non riesce a mantenere tutto ciò che promette: un esordio fulminante, con scene davvero ben girate, una parte centrale piuttosto prevedibile dal punto di vista narrativo ma che regala delle sequenze pregevoli quando è in scena l'entità che dà il titolo al film. Il finale cade inconsapevolmente nel trash ed è poco incisivo. Buone la prova degli interpreti e gli effetti speciali.

Redeyes 1/10/13 09:15 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Mama sotto il profilo orrorifico è pari a zero, ma sul piano dei sentimenti assurge a qualcosa di più, e il limite sta nel volersi adattare a più visioni. Ne consegue una pellicola che non fa felice nessuno: ridicola la madre eppur triste, una cattiva non cattiva e imbranato e non incisivo lo psichiatra. A suggello il bello Sterminatore di re che, a sua volta, oltre a metterci il bel faccino non dice molto. Graziose le bimbe ma alla lunga stufano anche loro. Finalone psuedo fantasy. Banalotto.

Hackett 6/11/13 07:26 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Come spesso accade al cinema prodotto da Del Toro, gli effetti speciali eccellenti e la brutalità delle scene più horror finiscono per essere mitigati da una trama con finalità favolistiche e contorni fantasy. Rimane un buon film, ottimamente ambientato, che coinvolge e spaventa un po', anche se alla fine alcune scelte allentano la tensione per farla sfociare nel dramma.

Pumpkh75 1/12/13 23:28 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

Non male. L’inizio è ottimo, spettacolare e girato con fare ardito ma efficace e anche il resto del film si dipana in maniera egregia; il finale non così scontato aggiunge poi quel quid in più. Ci si spaventa però più con la bambina quadrupede e con i vecchi archetipi del genere piuttosto che con la mamma ectoplasmica, troppo artificiosa rispetto anche a quella più rozza ma efficace del corto dal quale il film prende origine. Brave le bambine, di routine gli altri interpreti. Piacevole.

Schramm 10/02/14 15:02 - 2421 commenti

I gusti di Schramm

Sarà anche La Madre, ma lascia orfani di spaventi, non educa ai brividi, non allatta di inquietudini, non ci svezza con suggestioni, suspance e tutto quanto fa, o dovrebbe fare, paura. Un horrorfanotrofio gremito di idee abbandonate che vengono tirate su alla meno peggio da una regia che mette la forma sopra a ogni cosa tranne che al film, più equiparabile invero a un videoclip di 100' diretto da uno Shyamalan che scopre le gioie della CG dopo aver ingollato un valium di troppo. Il deJap-vu è la vera matriarca del film. E a noi non resta che intonare "mamma, solo per te la sonnolenza vola". *!

Viccrowley 19/04/14 02:38 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Ennesima occasione sprecata per la new wave horror di proporre qualcosa per cui levarsi tanto di cappello. Da un corto invero interessante Muschietti trae un horror alla The Conjuring, con le solite vagonate di effetti sonori sparati a mille e apparizioni sincopate, atte a mascherare la totale mancanza di tensione e l'incapacità di destabilizzare e inquietare lo spettatore. Togliere al genere la capacità di far paura per inscenare baracconi da luna park inizia francamente a nauseare.
MEMORABILE: L'interpretazione brillante delle due bimbe e quella fuori luogo e legnosa della Chastain.

Daniela 5/05/14 08:48 - 9536 commenti

I gusti di Daniela

Babbo uccide l'ex moglie e poi fugge con le due figliolette, prima di fare una finuccia lui stesso. Cinque anni dopo le bimbe vengono ritrovate inselvatichite in una casa nel bosco. Chi ha pensato a loro durante questo periodo? Partenza discreta, lunga parte centrale di routine appena movimentata dai sobbalzi provocati dalle apparizioni della spaventevole creatura, epilogo favolistico evocante reminiscenze burtoniane: il risultato è un horror modesto, che riserva poche sorprese a parte il pari e patta finale, reso appena potabile dalla dignitosa confezione e dalla professionalità del cast.

Simdek 25/02/15 17:04 - 93 commenti

I gusti di Simdek

Buoni effetti speciali e primi minuti molto promettenti stridono con un horror in stile favolistico con una sceneggiatura di cartapesta e un lungo finale extra trash. Peccato perché le due bambine sono ben calate nel ruolo (specie la seconda) e qualche salto dalla sedia si fa, ma il pacchetto completo è alquanto deludente. Occasione mancata.

Taxius 3/05/15 22:06 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Film che parte abbastanza bene ma che col passare dei minuti si perde sempre di più. Qualche salto sulla sedia ce lo fa fare, ma non è abbastanza per dare la sufficienza a questa pellicola, proprio perché la storia non è nulla di che. Regia e fotografia sono molto curate e gli attori, comprese le bambine, davvero bravi. La mano di Guillermo del Toro si nota molto. Il finale non è proprio il massimo; si poteva fare di meglio.

Undying 8/01/16 17:24 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Fortemente ispirato dalla moda orientale (con The grudge in testa) La madre, rispetto ai simili prodotti spagnoli, spicca sopra la media almeno per oltre metà tempo, riuscendo a dosare con efficacia effetti sonori e grafici. Pure l'idea delle bambine abbandonate e ritrovate dopo 5 anni è ben svolta. Ottime le scenografie e sani spauracchi sono dispensati con certa grazia. Purtroppo gli ultimi 20 minuti degenerano proiettando la credibilità della storia nel limbo del fantastico e riempiendo (male) gli occhi di estremismi in CGI. Riuscito a metà.
MEMORABILE: La manifestazione dentro all'armadio; Le farfalle.

Gabigol 29/06/17 15:51 - 417 commenti

I gusti di Gabigol

Classici film che partono già sconfitti a causa del loro non essere né carne né pesce. L'approccio horror deve fare i conti con la componente drammatica che ammanta i primi dieci minuti di film e le fasi conclusive; la parte centrale si addentra in meandri favolistici che suggeriscono una certa cura estetica, ma scarsa dimestichezza nel bilanciare con dovizia l'introspezione dei personaggi in scena. La storia non attecchisce a causa della vaghezza descritto poc'anzi, innesta il pilota automatico e si conclude senza colpo ferire.

Piero68 30/04/19 08:19 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Finalmente un horror con un bellissimo messaggio di fondo sulla genitorialità e soprattutto su cosa voglia dire essere madre: che sia naturale, adottiva o addirittura un fantasma. Ben strutturato e con una apprezzabile fotografia, soffre dei soliti passaggi a vuoto di questo genere di horror e di qualche vuoto narrativo. Ma l'esordiente Muschietti, sotto la produzione di Del Toro, se la cava egregiamente. In un crescendo rossiniano si arriva a uno struggente finale che fotografa a 360° il concetto profondo di "madre". Brave le due bimbe.
MEMORABILE: Nel finale la piccola Lili alla sorella: "Vieni! Lili, Madre e Vittoria" e la sorella "No! Vittoria resta!"

Enzus79 5/06/20 22:36 - 1830 commenti

I gusti di Enzus79

Horror in cui le protagoniste sono due bambine che ritrovate dopo cinque anni in una casa sperduta in montagna nascondono qualcosa di terrificante. L'idea di partenza è buona, ma purtroppo è come si evolve la storia che lascia un po' a desiderare. Comunque girato egregiamente (Andy Muschietti ci sa fare) e con dei momenti davvero ricchi di suspense. La Chastain è convincente.

Siska80 16/09/20 12:31 - 765 commenti

I gusti di Siska80

A metà strada tra Fragile (il fantasma possessivo) e The grudge (l'aspetto e il modo in cui lo stesso si manifesta) è un horror privo di idee, incapace di strappare brividi, con effetti speciali esagerati (lo slalom dell'auto sul ghiaccio), incongruenze vistose (la caduta mortale che arreca solo lievi danni a Luke) e colpi di scena prevedibilissimi. Cast mediocre (a parte le due piccole attrici, abbastanza credibili) e finale che risulterebbe struggente nel caso di un film attinente alla realtà, ma che qui scivola invece nel ridicolo involontario.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 21/03/13 18:29
    Comunicazione esterna - 5722 interventi
    Muschietti è da tenere sotto osservazione, poichè offre delle soluzioni registiche davvero interessanti. Buon prodotto, peccato per il finale che lascia abbastanza interdetti.
  • Discussione Didda23 • 21/03/13 20:34
    Comunicazione esterna - 5722 interventi
    Caro Grey, che ne pensi del finale? Ti ha soddisfatto?
  • Discussione Ruber • 21/03/13 23:59
    Compilatore d’emergenza - 9000 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Muschietti è da tenere sotto osservazione, poichè offre delle soluzioni registiche davvero interessanti. Buon prodotto, peccato per il finale che lascia abbastanza interdetti.

    Questo è molto meglio

    https://www.davinotti.com/forum/discussione-generale/sinister/10029933
  • Discussione Greymouser • 22/03/13 00:09
    Capo call center Davinotti - 561 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Caro Grey, che ne pensi del finale? Ti ha soddisfatto?

    Nel mio commento vedrai che per me il finale è l'unica cosa che non mi ha soddisfatto...
  • Discussione Didda23 • 22/03/13 00:34
    Comunicazione esterna - 5722 interventi
    Sinister non l'ho ancora visto ma mi intriga. Per quanto riguarda il finale, sono estremamente d'accordo con te. Mi è sembrato poco in linea con la qualità del resto. Non vedo l'ora di leggere il tuo commento, allora. Grazie mille della risposta, un saluto.
  • Homevideo Buiomega71 • 29/05/13 16:47
    Pianificazione e progetti - 22033 interventi
    In dvd (e BR) per Universal, disponibile dal 17/07/2013

    http://www.kultvideo.com/DVD/DVD.aspx/aid17793aid-DVD-La-Madre-2013-17-07-Mama?__lang=it-IT
  • Discussione Schramm • 10/02/14 15:16
    Risorse umane - 6715 interventi
    boh, io gli ho appioppato una palla e mezzo giusto per certa attenzione alla forma/tecnica, tutto il resto è da dimenticare. sembra shyamalan che prova a cimentarsi nel reboot di un grudge. davvero brutto forte.
  • Curiosità Siska80 • 16/09/20 12:46
    Call center Davinotti - 411 interventi
    L'aspetto di Mama si ispira a un dipinto di Amedeo Modigliani, di proprietà di Andy Muschietti. La stessa immagine è stata utilizzata di nuovo alcuni anni dopo, nel film It (capitolo primo) (2017) dello stesso regista, nella scena in cui prende vita il ritratto (fotogramma qui sotto) che terrorizzava Stan, uno dei giovani interpreti.

    Fonte: Imdb

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/musc.jpg[/img]