Io ti salverò

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Spellbound
Anno: 1945
Genere: thriller (bianco e nero)
Note: La sequenza del sogno è scenografata da Salvador Dalí.
Numero commenti presenti: 32
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 28/12/07 19:05 - 11447 commenti

I gusti di Galbo

Pur non essendo tra i migliori film di Hitchcock, è un'interessante (per l'epoca) film sperimentale in cui al thriller di stampo classico basato sullo scambio di persona si aggiunge la componente psicoanalitica con delle divagazioni oniriche "disegnate" per l'occasione da Salvador Dalí. La parte più interessante del film (e della sceneggiatura) è il complesso rapporto che si stabilisce tra i due protagonisti interpretati con bravura dalla Bergman e da Peck.

Ciavazzaro 13/05/08 14:46 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Gregory Peck e, soprattutto, Ingrid Bergman sono i protagonisti di un buon giallo psicologico diretto con mano sicura dal sempre ottimo Alfred Hitchcock. Per le scene oniriche, come noto, il regista contattò nientemeno che Salvador Dalí! Buona tensione psicologica e interpretazioni. Non si può dire sia un capolavoro ma sicuramente un film notevole sì.

Pigro 28/12/08 08:38 - 7906 commenti

I gusti di Pigro

Un giovane psichiatra arriva in una clinica, ma ben presto si scopre che non è chi dice di essere e ha strani comportamenti. Un perfetto meccanismo di mistero, che Hitchcock imbeve in un denso humus psicoanalitico (ancorché elementare) che impreziosisce la storia regalandole un'atmosfera di inquietante malattia. Celebri le sequenze oniriche realizzate con Salvador Dalí, bellissima occasione di collaborazione concreta fra cinema e pittura: anche in questo il grande Hitch aveva l'intuito giusto. Affascinante.

B. Legnani 4/05/09 00:07 - 4781 commenti

I gusti di B. Legnani

Insomma... Indiscutibile il talento del Maestro, brillanti i dialoghi di Ben Hecht (ogni frase di Fleurot è un capolavoro), grandi i tre interpreti principali (doppiati da Cigoli, la Simoneschi [ça va sans dire] e Lauro Gazzolo: quando parla Brulov si pensa a Mago Merlino...). Ma non funzionano le spiegazioni psicoanalitiche, la rapidissima guarigione, le deduzioni dall'onirico, l'assurda gaffe-"deus ex machina" finale. Grande il Maestro nel flashback infantile, il brano migliore del film. Ahimé, solo discreto.
MEMORABILE: Il flashback infantile.

Cotola 16/03/10 23:49 - 7613 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo thriller a base psicanalitica firmato da Hitchcok e servito da una storia bella e avvincente e da attori di rango superiore alla media. Confezione pregevole con menzione obbligatoria per le scenografie oniriche create da Dalí e per l’efficace colonna sonora di Rozsa premiata con l’oscar. Naturalmente la regia è di grande qualità e diverse scene colgono nel segno. Cinema d’altri tempi.

Saintgifts 19/05/10 11:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se si chiude un occhio sul settore psicoanalisi e sull'interpretazione del sogno (qui sbrigativa anche per esigenze di copione, del resto sono passati 65 anni), il film non è male. La tensione non è altissima ma c'è, il flashback e il sogno, con le forme gocciolanti di Dalí, sono notevoli. Molto bella la sequenza a casa del vecchio psichiatra. Poteva essere diluita meglio l'amnesia di Peck, troppo forte per troppo tempo, per poi aprirsi improvvisamente, ma forse funziona così. C'è anche una giovane Rhonda Fleming, falsa mangiatrice di uomini.
MEMORABILE: Buona colonna sonora, uno dei primi usi, nel cinema, del theremin.

Harrys 3/06/10 16:56 - 682 commenti

I gusti di Harrys

Dato l'assunto (sostanzialmente "teorico") m'ero preparato ad una grossa e fumante polpetta. Trascorsi i primi minuti crollano tutti i pregiudizi più biechi. Il rischio di risultare esageratamente "freddi", con un tematica del genere, era alto. Ma il consueto, impeccabile, découpage selznickiano (all'epoca idolatrato, oggi discusso), che in accoppiata con Hitchcock c'ha già regalato Rebecca, sopperisce all'ingombrante fardello. Non di rado squisitamente ironico: la firma di Hitch non passa inosservata, contribuendo a smorzare la seriosità. ****

Audreyh 5/09/10 20:17 - 9 commenti

I gusti di Audreyh

Forse non il miglior film di Hitchcock, ma senz'altro uno dei più affascinanti: due splendidi protagonisti, Gregory Peck e Ingrid Bergman, molto ben assortiti. Freud (traumi infantili, sogni surreali, sensi di colpa), con il contributo artistico di Salvador Dalí (la scena del sogno), per un film in cui tutto sa di psicanalisi. Un film che deluse Truffaut e che Hitch stesso definì "la solita caccia all'uomo camuffata da film pseudo-psicologico". Per me, comunque, degno di considerazione.
MEMORABILE: L'ultima sequenza, nella quale l'assassino si rivela tradendosi.

Mushroom 12/06/12 17:44 - 36 commenti

I gusti di Mushroom

A detta di alcuni uno dei film meno riusciti di Hitchcock, ma comunque notevole. Un thriller psicologico influenzato dalla psicanalisi. Lo scioglimento narrativo avviene appunto attraverso lo studio di un sogno fatto da Gregory Peck, che soffre di amnesie. Diversi colpi di scena, che compensano l'assenza di suspense. Bellissima la Bergman, bellissimo anche Peck. Indimenticabile la rappresentazione del sogno scenografato da Dalí in persona. Ottima prova di Hitchcock e del suo talento (la visuale in prima persona).

Addison 5/07/12 20:35 - 90 commenti

I gusti di Addison

Non il film migliore di Hitchcock ma tuttora godibile. Una Ingrid Bergman mai così sana e salvifica, un Gregory Peck giovane e non troppo convincente come paziente amnesiaco e vulnerabile, un delizioso Michael Chekhov che porta con sè l'eredità artistica non solo dello zio Anton ma anche del Teatro di Mosca e del metodo Stanislavski. E soprattutto Salvador Dalí, ideatore di sequenze oniriche oggi abbastanza imbarazzanti ma a quei tempi visivamente coraggiose. Il film si guarda volentieri, ma come paleo-thriller psicanalitico c'è di meglio.

Homesick 23/06/13 17:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Insistere sulle abilità registiche di Hitchcock è del tutto pleonastico, quindi meglio soffermarsi su quegli aspetti che hanno contribuito a scrivere la storia del genere thriller: la detective improvvisata, il trauma infantile rivelato da singoli indizi culminanti nel flashback chiarificatore e la sequenza onirico-surrealista (Dalí) di cui si ricorderà in futuro anche il Fulci psicanalitico. Peck è giustamente rigido e turbato, la ligia Bergman fa vincere il cuore sul raziocinio dopo qualche battaglia melodrammatica di troppo e il paterno Chekhov sparge l’immancabile humour hitchcockiano.
MEMORABILE: La sequenza di Dalí, vero e proprio cortometraggio surrealista.

Almicione 21/07/13 03:22 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Concordo con Truffaut quando afferma che il film manca un po' della tipica fantasia di Hitchcock, ma non capisco perché critichi la logicità e razionalità della pellicola; è bello anche il poter seguire passo passo, razionalmente le vicende e svelare il mistero senza la magia propria di altri suoi film. Riguardo al resto c'è da lodare la maestria del regista in certe sue inquadrature e tecniche oltre che un'apprezzabile performance di Ingrid Bergman, affiancata però da un Peck un po' sottotono (catalogato da Truffaut negli attori "non hitchcockiani").
MEMORABILE: La rappresentazione surrealista dei sogni, La scena sulla pista; L'inaspettatissimo colpo di scena finale; L'interpretazione finale dei sogni.

Graf 27/09/13 01:42 - 700 commenti

I gusti di Graf

Forse il primo film che affronta apertamente il tema della psicanalisi. Diamo atto a Hitchcock di essere stato un antesignano anche in questo ambito ma, all'epoca, l’argomento originale e sconosciuto del film impose l’onere di dover dare continuamente spiegazioni attraverso dialoghi lunghi e prolissi. Il film risulta molto macchinoso e didascalico, privo di quella suspense e di quella folle fantasia che ci si aspettava dal soggetto e dal regista. La scena del sogno così abbacinante e "metafisica" e dai contorni così netti è un vero colpo di genio. Gregory Peck scialbo.
MEMORABILE: Le sette porte che si aprono di seguito dopo il primo bacio dei protagonisti; Il suicidio sparando... al pubblico.

Il Dandi 31/10/13 04:10 - 1846 commenti

I gusti di Il Dandi

Il tempo non è stato clemente, soprattutto per la mutata ottica nel campo della psicanalisi, con quest'opera che ai tempi dovette certo essere uno dei film più all'avanguardia (e dei gialli più insoliti) mai realizzati fino ad allora: dalla sequenza dell'incubo (ripresa da Fulci) al flashback sul trauma infantile (ripreso da Martino e da Lenzi), l'influenza del genio visivo di Hitchcock sull'immaginario collettivo è ampiamente testimoniata. Peck legnoso e vulnerabile come nel Caso Paradine, Bergman plastica e coraggiosa come in Notorious.
MEMORABILE: La soggettiva sulla mano che punta la pistola in camera, aspramente criticata negli scritti di Ejzenštejn come sintomo dell'individualismo americano.

Corinne 11/11/13 21:22 - 405 commenti

I gusti di Corinne

"Le donne possono essere dei bravi psichiatri ma una donna innamorata diventa una malata" dice il dr Brulov, riassumendo sommariamente il film. La donna innamorata è una favolosa Bergman, travolta dalla passione per un uomo misterioso, forse un assassino, con cui fugge decisa a curarlo e a dimostrarne l'innocenza; la brava psichiatra è sempre lei, che svela il mistero interpretando il sogno dell'amato, un Peck scialbo e sottotono (la vera star maschile del film è Chekhov). Non sarà il capolavoro di Hitch ma lascia il segno.

Nando 6/08/14 18:48 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Il maestro Hitchcock genera un thriller con venature melodrammatiche corredato da dialoghi di alto livello e uno sviluppo narrativo probabilmente scontato ma affascinante. I due interpreti sono appropriatissimi e si nota la grazia della Bergman associata al turbamento di un intenso Peck. Il maestro Alfred ha realizzato sicuramente lavori migliori, ma questo si apprezza comunque.

Minitina80 12/06/15 08:58 - 2396 commenti

I gusti di Minitina80

Un buon thriller che ruota attorno alla psicanalisi ma che non perde mai di vista il succo della storia. Peck è assolutamente calato nella parte lasciando trasparire tutto lo smarrimento e la fragilità di un uomo stravolto da un trauma. Inoltre non capita a tutti di poter sfruttare il genio visionario di Dalí e le scene del sogno rappresentano una vera perla che ben si addice alle venature oniriche della storia. Non eccelso, ma sicuramente godibile.

Jdelarge 25/12/15 13:01 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Gran film diretto da Hitchcock, il quale decide di approfondire la componente psicanalitica inserendola nel contesto a lui più caro, quello del thriller. Il film rappresenta un memorabile quanto coraggioso tentativo di dare forma visiva ad alcune componenti d'inconscio umano e la sequenza del sogno, la cui scenografia è stata curata da Salvador Dalí, ne è un perfetto esempio. Qualche ingenuità per quanto riguarda la sceneggiatura, ma il film è memorabile.
MEMORABILE: Il sogno.

Faggi 16/03/16 19:44 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Una love-story sapientemente mascherata da thriller e arricchita da psicanalisi classica (freudiana) e/ma divulgativa. Non è uno dei prodotti migliori del Maestro ma conserva (nonostante certi passaggi che oggi appaiono datati) il suo fascino. Pregevoli sono le sequenze oniriche, dove la solida partecipazione di Dalí aggiunge valore di irripetibilità all'insieme.

Von Leppe 27/06/16 23:48 - 1048 commenti

I gusti di Von Leppe

Thriller costruito sulla psicoanalisi, in cui l'assassino viene scoperto analizzando l'inconscio di un uomo con turbe psichiche colpito da amnesia. Non mancano forzature ma il meccanismo è divertente e alcune scene sono notevoli (su tutte quella del famoso sogno realizzato da Dalí: ciò che esso nasconde sarà fondamentale per i risvolti della trama). Più consueto è l'altro elemento portante del film: la storia d'amore tra la fredda dottoressa Ingrid Bergman e l'ammalato Gregory Peck.

Myvincent 5/08/16 07:49 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Definito "pseudo-psicoanalitico" dallo stesso regista (per l'eccesso di semplificazioni teoriche), il film è un geniale esempio di contaminazione fra vari livelli culturali: cinema, principi freudiani e il magico surrealismo di Dalí. Il sogno anche qui diventa la scatola nera dell'inconscio, per penetrare nei segreti più reconditi e svelare la parte rimossa del sé. Al solito un Hitchcock che avrebbe voluto osare maggiormente e a cui s'impongono abbondanti "edulcorazioni", ma questo è un altro film...
MEMORABILE: Gregory Peck perfetto nel ruolo di uomo fragile, vulnerabile e da "salvare".

Il ferrini 13/08/16 15:36 - 1729 commenti

I gusti di Il ferrini

La recitazione, talvolta esageratamente enfatica e alcune eccessive semplificazioni in materia di psicanalisi, conferiscono a questa pellicola un'aria un po' datata rispetto ad altre opere del Maestro. L'idea di partenza è molto buona e viene sviluppata in un interessante crescendo di tensione, fino al doppio colpo di scena conclusivo. La regia è - manco a dirlo - impeccabile, geniale la ripresa attraverso il bicchiere di latte (simboleggia la neve del finale?) e suggestivo il "sogno" messo in scena da Dalí, in ispecie i drappeggi.
MEMORABILE: Peck che chiede due biglietti del treno per Roma e la Bergman che per giustificarlo specifica "Roma, in Georgia".

Luras 4/06/17 17:42 - 142 commenti

I gusti di Luras

Forse Hitchcock avrebbe fatto meglio ad ascoltare la dottoressa del produttore Selznick, dato che (si dice) sembrano esserci incongruenze psichiatriche. Ad ogni modo la vicenda intriga, perché coniuga la passione sentimentale, qui nemmeno troppo sdolcinata, con una trama di ossessioni mentali che costituiscono un ottimo mistero da risolvere, cioè cosa turba il bel protagonista maschile? Lo si scopre alla fine, quando la storia diventa un giallo, dato che è stato commesso un delitto e, come da copione, l'innocente deve riuscire a scagionarsi.
MEMORABILE: Il sogno firmato Salvador Dalí; Il ricordo infantile del protagonista sul trauma che lo attanaglia.

Marcolino1 2/01/19 21:04 - 507 commenti

I gusti di Marcolino1

L'incantesimo (spellbound) del titolo è l'onirismo sospeso e inquieto dispiegato anche dalle scenografie di Dalí che da sole elevano il livello dell'opera. Essa anticipa precocemente il rapporto psiche-delitto-inconscio regresso del thriller moderno inventando un cinema nuovo seppur inserito in una cornice classica. Geniale il suicidio che si "rivolge" allo spettatore e all'occhio del regista, "spegnendo" l'inquadratura e lasciando lo schermo nero: l'incantesimo è rotto e il cinema si autoannulla.
MEMORABILE: La discesa sulla neve "rivelatrice".

Giacomovie 23/09/18 16:47 - 1354 commenti

I gusti di Giacomovie

La dottoressa Costance si innamora di un uomo affetto da amnesia e ne protegge l'identità. Hitchcock, da regista psicologico, parte a suo agio con un soggetto basato sulla psicoanalisi, ma poi conclude in modo semplificato. Qui accosta il binomio "Psiche & eros" a una vicenda sentimentale incentrata sul mistero e i momenti concitati. Adatte le musiche soavemente struggenti e bravissima Ingrid Bergman.

Pessoa 1/01/19 22:43 - 1224 commenti

I gusti di Pessoa

Uno dei più celebri titoli del maestro inglese ma non uno dei più riusciti. L'incontro di Hitchcock con la psicanalisi, benedetto da Salvador Dalí, che con le sue splendide scenografie nobilita il film, paga il dazio del tempo che passa e molte soluzioni narrative appaiono oggi piuttosto datate e leggermente forzate. Resta comunque un esercizio di cinema alto, anche grazie a un grande cast (la Bergman su tutti) e a una sceneggiatura scritta in punta di penna. Belle musiche e montaggio da manuale. Merita una visione attenta.
MEMORABILE: Le scenografie di Dalí.

Ultimo 24/06/19 21:02 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Un grande Alfred Hitchcock affronta il tema della psicanalisi avvalendosi di un cast di alto livello, costruendo un film che mescola il mistero con la componente sentimentale. I protagonisti Gregory Peck e Ingrid Bergman se la cavano molto bene, sorretti da una sceneggiatura semplice ma solida. Sapiente la regia, grazie all'abilitá del maestro nel far crescere la tensione nei momenti chiave. Grande cinema.
MEMORABILE: Il sogno; Il finale.

Ryo 10/02/20 00:54 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Il film si basa sul romanzo "House of Edwards". Bel thriller, tensione, suspense, romanticismo, eccitazione e colpi di scena. Dialoghi brillanti con tocchi distintivi di Hitchcock. C'è anche una sequenza onirica emozionante e famosa di Salvador Dalì. Superbe interpretazioni dei personaggi principali, bellissima la Bergman. Elegante e brillante Gregory Peck in un ruolo ben interpretato. Musica drammatica e d'atmosfera di Miklos Rozsa, che ha vinto un Oscar per l'eccellente colonna sonora.

Nicola81 29/07/20 18:53 - 2004 commenti

I gusti di Nicola81

Se Ingrid Bergman è davvero splendida, della pellicola nel suo complesso non può dirsi altrettanto. Inizio con dialoghi da soap opera e il solito innamoramento inspiegabilmente repentino, poi comincia il mistero che una certa tensione la offre (la lettera sul pavimento, il confronto finale), ma le ingenuità (i risvolti psicanalitici, il modo in cui il colpevole si tradisce, l'imbarazzante sequenza sugli sci) sono davvero troppe per un film che aspira allo status di classico. Un turbato Peck se la cava, ma il migliore del cast maschile è Chekhov. Un Hitchcock minore, tutto sommato.

Siska80 8/10/20 12:01 - 833 commenti

I gusti di Siska80

All'epoca il doppio colpo di scena sarà stato di sicuro effetto, ma i cinefili odierni (ben più smaliziati e con maggiore esperienza in materia) impiegano poco a capire se John è davvero un omicida. Film verboso sul tema della follia (con una coppia protagonista di straordinaria bravura e bellezza) che tuttavia è intriso dell'ironia pungente di Hitchcook, giacché mette in mostra una gabbia di matti: il direttore della clinica che si ritira a causa di un esaurimento nervoso, il sedicente sostituto psicopatico, l'assassino diabolico, la dottoressa sull'orlo di una crisi di nervi...
MEMORABILE: Ballantyne medita di aggredire lo psichiatra.

Daniela 9/10/20 18:56 - 9636 commenti

I gusti di Daniela

Il giovane uomo che si presenta alla clinica psichiatrica come nuovo Direttore si comporta stranamente, soffre di amnesia e forse è l'assassino del medico di cui ha assunto l'identità... Pur zoppicante come thriller, semplicistico sul piano psicoanalitico come tutti i film hollywoodiani ed inferiore alle attese per quanto riguarda gli inserti onirici curati da Salvador Dalì, conserva tuttora il suo impatto per la regia sapiente di zio Alfred ed il glamour della coppia protagonista: Bergman determinata e vibratile, Peck molto attraente anche se ancora piuttosto impacciato come attore.
MEMORABILE: La reazione al segno lasciato dalla forchetta sulla tovaglia bianca.

Alex75 28/10/20 19:00 - 686 commenti

I gusti di Alex75

Pur con qualche ingenuità e una visione della psicanalisi che oggi appare superata, il film di Hitchcock riesce tuttora a stupire per alcune idee tecniche tuttora influenti (soprattutto nell’uso della soggettiva) e per l’affascinante incursione nella pittura (con la collaborazione di Dalì) con cui il regista si addentra nel labirinto della psiche. Abbonda la brillantezza tipica dei dialoghi hitchcockiani (soprattutto per bocca di Chekhov, che mette un po’ in ombra un Peck in tono minore). La Bergman è austera ma non fredda, in bilico tra sentimento e ragione.
MEMORABILE: La weltanshauung di Brulov; Il bicchiere di latte; La sequenza del sogno; La mano che punta la pistola prima alla porta e poi verso lo spettatore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 22/06/09 12:00
    Scrivano - 5610 interventi
    Lo sceneggiatore Ben Hecht mentre scriveva la sceneggiatura contatto' diversi psicoanalisti del tempo.
  • Curiosità Cotola • 25/06/09 12:59
    Consigliere avanzato - 3642 interventi
    Cammeo hitchcockiano: è l'uomo che esce dall'ascensore dell'hotel e che reca con se un violino.
  • Homevideo Mco • 12/12/12 23:26
    Scrivano - 9687 interventi
    Disponibile in DVD dal 13/12/2012 per la Cineteca.
  • Curiosità Siska80 • 8/10/20 12:10
    Call center Davinotti - 423 interventi

    Sir Alfred Hitchcock era deluso dai limiti delle espressioni facciali di Gregory Peck. A tal proposito, ha raccontato l'attore: "Non potevo riprodurre le espressioni facciali che il regista esigeva, non era una cose semplice, perché lui aveva già in mente come dovevano essere esattamente. Lavorava sull'aspetto esteriore mentre io (che ho studiato il metodo Stanislavskij) su quello interiore ".

    Fonte: Imdb
  • Musiche Alex75 • 2/11/20 18:40
    Call center Davinotti - 628 interventi
    Sulla base delle musiche composte per il film, Miklos Rozsa realizzò una delle sue composizioni più famose, lo "Spellbound Concerto"

    https://www.youtube.com/watch?v=caNcrWHqS5A