Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL PICCOLO DIAVOLO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 33
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
È il primo vero gradino dell’irresistibile ascesa di Roberto Benigni a Imperatore d’incassi. Dopo il timido TU MI TURBI e lo strepitoso ma relativamente sottovalutato NON CI RESTA CHE PIANGERE, è con IL PICCOLO DIAVOLO che il pubblico s'innamora definitivamente di questo folletto squinternato; il film si trasforma in fenomeno di costume, col nome Giuditta a riecheggiare un po' ovunque e la sfilata in chiesa citata innumerevoli volte. Troppa grazia! Anche perché il film vale poco: la regia di Benigni è tremenda, le pause si sprecano e in mezzo a qualche discreta idea c'è tanta fuffa, con tre o quattro sketch eccellenti (al ristorante e subito fuori, in treno e al casinò) a confermare l'incapacità di dare omogeneità all’insieme. Il cinema di Benigni (fino a LA VITA E’ BELLA) sarà sempre così: flash geniali ed esilaranti mal assemblati in un contesto mediocre, destinato fortunatamente negli anni ad affinarsi poco a poco. Qui ad esempio Walter Matthau, attore le cui doti comiche sono indiscutibili, scompare in un personaggio (Padre Maurizio) che funge da sbiadita spalla all’incontenibile esuberanza del Benigni mattatore. Pare un guitto in pensione, demotivato o comunque avvilito da una sceneggiatura (firmata da Benigni e Vincenzo Cerami) incapace di regalargli spunti brillanti. Funziona quando fa le sue espressioni classiche, impassibilmente attonite, ma per il resto si confonde nella modestia generale. Tanto che quando, nella seconda parte, viene in pratica sostituito dall'immancabile Nicoletta Braschi, non lo si rimpiange troppo (ed è tutto dire!). In ogni caso onore al simpatico toscano, che regredendo di fatto (la sua “identità diabolica” è pretestuosa) alla fase infantile a lui congeniale, confeziona un film privo di volgarità e davvero “per tutti”.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 30/3/07 0:31 - 4585 commenti

Mah! Personaggi che non si capisce bene dove vadano (Mattahu e la Sandrelli) fanno quasi pensare che la versione statunitense sia diversa. Alcune scene esilaranti fanno dimenticare momenti di imbarazzante piattume, ma si finisce il film chiedendosi, al di là dei momenti comicamenti perfetti, cosa diavolo c'era nel film. Scatenato Benigni, incredibilmente impalpabile Matthau, misurato-composto-gran (mon)signore il venerabile Franco Fabrizi.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 17/2/08 11:37 - 11157 commenti

Film dallo straordinario successo commerciale, che vive sopratutto dei duetti tra i due ottimi protagonisti, lo stesso regista Benigni e il grande Walter Matthau, perfettamente a suo agio nei panni del prete esorcista. È proprio la recitazione dei due la parte migliore del film, la cui sceneggiatura si dimostra un po' debole e a tratti irrisolta, così come la regia, che sembra poco sicura.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 28/11/07 18:13 - 3875 commenti

Film che rende popolarità all'intelligente Benigni. Non a caso è firmato in sceneggiatura da Giuseppe Bertolucci ed è avvalorato dalla presenza d'un attore del calibro di Walter Matthau, suo malgrado passato -in virtù dello script- dal ruolo di spalla a quello di primo interprete. Il chiosatore toscano è esilarante (a volte ripetitivo, come dimostra il tormentone -divenuto di pubblico dominio- "Scusi, per la stazione? "), ma non è dotato del carisma necessario al ruolo: ne consegue che porta al cinema un'icona nata in TV. Scomposto.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 28/11/07 14:47 - 3011 commenti

Un bel giorno bisognerà trascinare in Tribunale chi ha consentito che il primo bischero si mettesse dietro la macchina da presa. O è solo la presunzione e la sottovalutazione italica delle competenze tecniche (una specie di raffaelemorellismo cinematografico, per cui non importa se non sai cos'è una lente, basta averlo dentro)? Sta di fatto che Benigni è un guitto a tratti coinvolgente quando recita, ma il film è slabbrato e slegatissimo. Almeno però, qualche volta, qui si ride. A Matthau, ovvio, basta un'espressione, senza tutto quell'agitarsi.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 13/9/08 9:47 - 7533 commenti

Esorcista caccia da un corpo un diavolaccio, ma questi decide di rimanersene sulla terra. Storia arguta che dà spago a infinite gag del diavolo-Benigni, naif e pasticcione, con il prete-Matthau. Come sempre in Benigni (straordinario comico e mediocre regista), la qualità filmica (fotografica, narrativa, direttiva, ecc) è scarsa e si salvano solo i singoli sketch. Anche in questo caso noia e risate si alternano. La sfilata in chiesa (“il modello Giuditta”) è una delle scene più follemente deliranti.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 10/1/08 9:48 - 4430 commenti

Benigni (diavoletto) e Matthau (prete) duettano bene, soprattutto nella prima metà, quando il piccolo diavolo, espulso tramite un esorcismo, si scatena, curioso di scoprire il mondo e quello che contiene. Poi però, le gag iniziano a perdere di mordente e la presenza della Braschi non aiuta di certo (riesce quasi sempre a tirare fuori il peggio di Benigni attore, che finisce per trasformarsi in stucchevole macchietta). Nel complesso, comunque, non è male (e poi, c'è pur sempre Matthau, mica il primo attorucolo che passava di lì).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il modello Giuditta.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 22/1/10 23:12 - 7263 commenti

Film di Benigni dagli esiti piuttosto discontinui: a tratti si ride, ma alcune parti non sono divertenti nonostante ad affiancare il comico toscano ci sia una “spalla” di prima grandezza come Mathau. La colpa è probabilmente di una sceneggiatura poco scoppiettante che non riesce a tenere alto il ritmo della pellicola. La Braschi, al solito, è insopportabile per la sua incapacità di recitare.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 8/7/09 12:19 - 1655 commenti

Diavoletto innocuo e curioso del mondo di qua fa "amicizia" con un prete in crisi. Strana coppia, verrebbe da dire, considerato che il prete è Matthau. Canovaccio appena abbozzato, che serve solo a far scatenare Benigni che, dirigendosi, va allo sbaraglio sia davanti che dietro la macchina da presa. La Sandrelli fa una comparsata, Matthau si aggira per le scene perplesso, la Braschi mi risulta insopportabile. Se ne possono tirare fuori 20 minuti esilaranti, il resto è un pasticcio.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 1/12/09 9:29 - 8749 commenti

Film sgangherato, apprezzabile a piccoli pezzi, in quanto inanella sul filo di una sceneggiatura debole alcuni numeri divertenti nella prima parte (quasi tutti fondati sugli equivoci verbali), per poi spegnersi nella seconda. Benigni mattatore assoluto, Matthau ci mette poco (anche se quel poco è la sua impagabile faccia di gomma), la Sandrelli è di passaggio, John Lurie fa una comparsata amichevole, la Braschi ha il solito effetto rimbecillente sul consorte facendolo diventare, da diavoletto curioso e monello, un povero diavolo innamorato.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 28/11/07 15:13 - 2577 commenti

Un Benigni scatenato, come attore (molto meno come regista), affiancato da uno spento Walter Matthau, non basta a dare il giusto ritmo alla pellicola. Ci sono momenti divertenti sparsi qua e là, ma il giudizio complessivo non può essere di pieno gradimento. Comunque si intravvede che il comico toscano incomincia a farsi le ossa dietro la macchina da presa. Non malissimo.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Vstringer 29/11/09 14:14 - 349 commenti

Visivamente sciatto, perché il Benigni regista non è mai stato all'altezza del compito: un buon mestierante avrebbe calibrato meglio inquadrature e ritmo. Assolutamente esilarante, perché malgrado la sceneggiatura un po' carente il Benigni comico qui è forse al suo zenith: il film è un fuoco di fila continuo di sketch, di battute, di facce (comprese quelle impagabili del sacrificato Matthau). Non c'è molto, a parte l'energia del mattatore: ma è talmente straripante che basta quella.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sfilata in chiesa.
I gusti di Vstringer (Commedia - Drammatico - Musicale)

Capannelle 27/11/07 15:04 - 3637 commenti

È inferiore a Johnny Stecchino, ma è più film rispetto a Il Mostro, anche se meno divertente. Le situazioni esilaranti, tra cui la cena e la sfilata modello Giuditta, non sono infatti molte e la forza della pellicola ne risente. Matthau sembra un nome di lusso infilato nel cast quasi per caso (anzi, per cassetta) e si limita a qualche espressione delle sue.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 16/9/08 18:05 - 1368 commenti

Male, male! E qui Benigni diventa l'insopportabile buonista che oggi tutti celebrano (tranne chi lo conosceva bene prima). Cinematograficamente è mal sceneggiato e ripreso pedestremente; Benigni è di un'invadenza fastidiosa e credo sia l'unico film dove il mio amato Matthau non convince: sembra perennemente ubriaco. A quando una ridimensionata al pluriomaggiato e venerato comico toscano?
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Gugly 20/2/08 18:47 - 1003 commenti

Prima parte con le marachelle di Benigni trascinante, ma la seconda fa sbadigliare... Matthau e la Sandrelli quasi non si notano, a maggior ragione quando arriva la Braschi e si pappa la scena fastidiosamente. Da vedere al massimo due volte per ricordare i tormentoni (la sfilata, il citofono, la pipì) e poi basta, altrimenti ci si stufa.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Stubby 31/3/07 10:08 - 1147 commenti

Film il cui peso è tutto sulle spalle di Benigni, qui veramente scatenato ed irresistibile. Fu proprio grazie a questo film che l'attore cominciò a sfornare periodicamente pellicole campioni d'incassi della stagione. La storia è piuttosto scialba e la presenza di Matthau poco incisiva. Da vedere solo per le scene esilaranti di Benigni.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Redeyes 15/9/08 13:56 - 2096 commenti

Un Benigni in gran forma tiene alte le sorti di questa altrimenti dimenticabile pellicola. Si apprezzano più i vari tormentoni che la storia in sé e per sé. Spiace vedere un Matthau, bolso e noioso, che galleggia nella pellicola al fianco di una Sandrelli di cui non si nota, quasi, la presenza. Si nota, eccome, la Braschi che non risulta antipatica, ma nemmeno si può dire si muova a suo agio. Godibile rivedibile, comunque.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Rambo90 15/11/10 20:58 - 6164 commenti

Il pregio più grande di Benigni come comico è quello di inventare sempre una storia originale su cui imbastire gag a profusione. Anche questo piccolo diavolo è un gioiello: la coppia formata da lui e Matthau è divertente perché bizzarra e ben assortita. Benigni esagitato, il grande attore americano si esprime benissimo spesso solo con l'aiuto delle espressioni. Buona la colonna sonora, la partecipazione della Sandrelli e tutta la prima parte, nella seconda cala leggermente. Comunque imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Per la stazione!
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 24/2/11 0:52 - 3422 commenti

Un Benigni rodato ma ancora non in stato di grazia (successiva), realizza questa ironica pellicola che vede coprotagonista il grande Matthau nel ruolo di un carente prete esorcista. Trama risibile, ma le svampite uscite del toscanaccio lasciano, comunque, il segno, tendendo ad un'ironia cinica ma efficace.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 27/7/15 16:05 - 2736 commenti

Dopo una parentesi di quattro anni tra America e un lungo tour negli stadi, Benigni torna al cinema convenzionale scegliendo una sceneggiatura a suo modo dissacrante e affiancandosi a un consumato comico d'oltreoceano. Eppure, nonostante un prodotto campione di incassi che riscuoterà grossi consensi e nonostante la presenza di Matthau, è abbastanza evidente che la ciambella non riesce col buco. Matthau infatti, per quanto bravo, ha un tipo di comicità troppo algida e che poco si sposa con certi cliché benignani. E alla lunga farà pagare scotto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Per la stazione!"; "Modello Giuditta"; Benigni si presenta alla cena dei prelati e viene introdotto come rag. Giuditta.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Ryo 17/2/20 1:41 - 2079 commenti

Benigni è un diavolo ingenuo che scopre molte delle piccole gioie banali della vita che tutti diamo per scontate. Tutto ciò osservato con curiosità a braccetto di un Matthau che inavvertitamente ha portato questo sciocco diavolo nel nostro mondo. Pazzo, divertente e grottesco. Non solo pura commedia ma anche un assalto satirico alla religione e al comportamento sociale delle cariche sacre. In definitiva un film spensierato, in cui non c'è nulla di prevedibile.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Stefania 29/9/10 15:00 - 1600 commenti

Ma possibile che un diavolo che approda tra gli uomini non sappia combinarne di più e di meglio di un bambino birichino? Perché questo è il maggior limite del film, l'aver depurato il personaggio del diavoletto di ogni cattiveria che non sia involontaria, lasciandogli solo un'infantile, inconsapevole irriverenza... Comunque, nella prima parte, si ride, perché il meccanismo comico dello "spaesamento del diverso" funziona sempre. Poi, quando appare la Braschi e satanicchio si innamora, si va al peggio. Versione parrocchiale de "Il Maestro e Margherita", e purtroppo Margherita è la Braschi...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Matthau, che piace perché è Matthau.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il ferrini 1/9/17 12:02 - 1592 commenti

Film imperfetto, dal ritmo altalenante, ma certo se si pensa al Benigni che ora elogia in Tv i Dieci Comandamenti e va ospite in Vaticano, anche questo (come Il mostro) assume oggi una maggiore dignità. Walter Matthau è una spalla formidabile, peccato non si possa dire la stessa cosa delle Braschi. La regia è un po' sciatta ma in compenso ci sono ottime location, su tutte la splendida certosa di Calci. Per chi ama Benigni è una tappa obbligata, per tutti gli altri un passatempo divertente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Per la stazione?
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Taxius 2/4/18 18:53 - 1579 commenti

Leggero filmetto a tratti divertente e a tratti no con un Benigni in palla come la sua spalla Walter Matthau. La prima parte è sicuramente la migliore, mentre la seconda purtroppo non ne è all'altezza a causa di un'eccessiva ripetitività delle battute e alla comparsa del personaggio della Braschi (sempre uguale), che va praticamente a sostituire quello di Matthau; ne va di mezzo anche il demonietto di Benigni, che passa dall'essere dispettoso all'essere innamorato perdendo così tutta la sua carica comica. Comunque non male.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Mickes2 20/3/14 15:45 - 1565 commenti

Spensierato divertissement comico dallo spunto straordinario (letteralmente il diavolo e l’acqua santa in chiave spiritosa e goliardica!), ottimamente sviluppato nella prima parte briosa e straniante allo stesso tempo; merito anche di una regia ispirata in grado di esaltare le doti recitative – speculari - di due mattatori assoluti come Benigni e Walter “faccia di pongo” Matthau; meno nella seconda, nel quale il soggetto mostra la corda incanalando un racconto fin là spassosissimo in una superflua storiella d’amore. Poteva essere di più. Buono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: “Maurizioooo!”; “Per la stazioneee!”; Al ristorante.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Disorder 25/11/09 16:01 - 1404 commenti

Ad un Benigni in stato di grazia si affianca una spalla di lusso come Walter Matthau, ed il risultato è quasi scontato. Il semplice soggetto del piccolo Diavolo è quasi un pretesto, un semplice canovaccio con cui Benigni da il là alla sua straripante, sguaiata performance. La regia come al solito non c'è, ci si accontenta di filmare l'incontenibile comico toscano nelle sue gag e questo è un peccato. Non ci sono regia, trama, intreccio ecc... c'è solo Benigni, ma qui può anche bastare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena con i prelati.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Ultimo 12/8/15 13:58 - 1299 commenti

Non tra i migliori prodotti di Benigni, questo film si segnala sopratutto per la bravura dell'artista toscano nel confezionare il personaggio del diavoletto matto, dinamico, estroverso, che confeziona, specie nella prima parte, tutta una serie di gag a tratti devastanti. Buona l'intesa con Walter Matthau (qui prete), pur lontano dai suoi anni migliori. A far calare di livello la pellicola ci pensa nella seconda parte Nicoletta Braschi, attrice che stimo ma che qui non mi ha convinto. Non male, nel complesso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sfilata in chiesa.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Gabrius79 7/8/13 2:25 - 1151 commenti

Un Benigni scatenato come attore ma un po' meno come regista, in questa divertente e irriverente commedia. Le trovate non mancano e alcune gag restano memorabili, come il famoso "Modello Giuditta" entrato nel linguaggio comune. Bene Matthau, un po' sottotono la Sandrelli, spiritosa la Braschi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La pipì di Benigni e il Modello Giuditta.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Pessoa 15/1/17 18:47 - 1003 commenti

Benigni porta al cinema una storiella facile facile e non originalissima e si arriva alla fatidica ora e mezza grazie a gag appiccicate alla buona. Restano le interpretazioni di attori di livello come Matthau, la Sandrelli, Fabrizi e John Lurie, che tentano di stare dietro a un irrefrenabile Benigni che fornisce un'ennesima grande prova attoriale. Il Benigni regista dovrà aspettare tempi migliori e sceneggiature più consistenti. Appena guardabile la Braschi. Si ride molto, nonostante alcuni momenti lenti. Vale la pena, ma non è un capolavoro.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Xamini   28/12/06 23:57 - 950 commenti

Uno di quei film da vedere, pur con tutti i limiti della regia, per godersi il Benigni attore in azione. Funziona sulle gag: i campanelli (bellissimo quando ripete il tormentone con tono triste, davanti all'unico suonato per sbaglio), la sfilata, il treno. Gli altri personaggi restano sotto la sua ombra e in un momento, in una singola battuta durante un dialogo con lei, mi ha ricordato Troisi.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Almicione 4/9/16 1:04 - 765 commenti

Un'idea adeguata a una commediola spicciola, che non intratterrebbe più di dieci minuti. Ma Benigni è bravo nel suo ruolo e quindi allunga il brodo, sebbene il trucco sia palese ai commensali. La Braschi, venuta in aiuto come femme fatale, non riesce davvero a convincere, mentre il film si arrotola su sé stesso in un epilogo che rappresenta l'ultimo barlume di un fuocherello. Qualche scenetta fa ridere e si può ricordare, ma la pellicola in generale non è un gran lavoro. Inutile il personaggio della Sandrelli (serviva il nome?).
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Alex75 30/7/15 9:24 - 641 commenti

Tipico film di Benigni, con i suoi pregi e limiti; la sua forza sta nello spunto originale e nelle gag dell’attore-regista, con Matthau in un ruolo “a contrasto”; al di fuori delle scene comiche, il resto appare quasi superfluo (la Sandrelli è sprecata e la Braschi stucchevole). Godibile, ma da guardare una volta e basta, come gran parte della filmografia del sopravvalutato guitto toscano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il “modello Giuditta”.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Siregon 9/11/10 22:31 - 353 commenti

Davvero mediocre. Conferma che Benigni ha bisogno di una grande spalla per funzionare anche se questa poi finisce per rubargli la scena (Non ci resta che piangere). Se all'inizio qualche duetto tra il comico toscano e il grande Matthau funziona, alla lunga si ha una sensazione di ripetitività che nuoce ai tempi comici. Disastrosa Nicoletta Braschi. Pasticciato, sciatto, senza capo né coda e carico di un buonismo finto come il suo protagonista. Bocciato.
I gusti di Siregon (Avventura - Gangster - Giallo)

Gordon 2/5/15 23:03 - 137 commenti

Un film discreto ma sicuramente non tra i migliori di Benigni. Il nostro si dimostra subito scatenato e i suoi duetti con il pacatissimo Matthau reggono bene. Poi, nella seconda metà, il film parte per la tangente e con l'entrata in scena della Braschi il film sembra diventare una commedietta pseudo-erotica con molte (troppe) gag sessiste. A parte questo, nella prima parte del film si ride abbastanza e sia la regia che la storia sono discrete. Non male.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sfilata nella chiesa; La gag sul treno.
I gusti di Gordon (Commedia - Giallo - Poliziesco)