LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 13/11/07 15:15 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

Buona commedia italiana diretta da un Paolo Virzì decisamente in forma che satireggia uno dei topoi italiani più sacri ed inviolabili: le irrinunciabili ferie estive. L'isola di Ventotene fa da sfondo ad una rappresentazione del meglio e (più spesso) del peggio dei costumi italici a partire da una suddivisione in destra e sinistra forse farsesca ma non molto lontana dal vero e piena di luoghi comuni. Insomma si ride amaro grazie anche ad un buon cast in cui spiccano Silvio Orlando, la Morante e la Ferilli.

Capannelle 12/11/07 15:53 - 3929 commenti

I gusti di Capannelle

È un film equilibrato che fa ridere e talvolta pensare, ma senza pretese di grande opera o eccessi da film di Natale. Bravo Virzì quindi e bravo in special modo alle interpretazioni di Alberti, Fantastichini, Natoli e della Cruciani. La Morante e Orlando svolgono le parti loro congeniali (e per fortuna non debordanti). Bravi anche Papaleo (il commissario "stanco"), la ragazzina adolescente e tutti gli altri, funzionali e ben inseriti nel contesto.
MEMORABILE: Natoli che fa la parte alla Ferilli.

Deepred89 24/12/07 20:28 - 3407 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia piacevole e interessante. Molti personaggi curiosi, situazioni simpatiche e dialoghi godibili anche se mai gratuitamente comici. Virzì inoltre possiede un'indubbia capacità registica e riesce a mantenere stile e leggerezza. Gli attori poi funzionano tutti alla perfezione, anche chi altrove (la Ferilli e la Morante per esempio) ha dato risultati deludenti e la colonna sonora è bella e funzionale. Peccato solo per incertezza nella parte centrale e un paio di personaggi eccessivamente stereotipati. Non un capolavoro ma da vedere.

Gugly 27/12/07 21:10 - 1036 commenti

I gusti di Gugly

Pregi e difetti di gruppi familiari sinistri e destri italiani: troppo snob l'uno, fin troppo alla moda (leggi qualunquista) l'altro. L'incontro tra le due realtà produrrà novità per tutti. Non disponendo di un Sordi contemporaneo Virzì tratteggia efficacemente varie figure senza per questo farle scadere a macchiette; solo il pre finale appare troppo consolatorio e tirato via.
MEMORABILE: Gigio Alberti quando tenta di spiegare senza riuscirci quale lavoro svolge.

Cangaceiro 19/08/08 13:49 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Il plebeo livornese Virzì rispolvera la lotta di classe "de noialtri" e la manda in vacanza ferragostana a Ventotene. Il regista ne ha per tutti e sbeffeggia sia la piccola borghesia di destra, cafona e anche un po' fascista, sia i gitanti di sinistra impegnati per lo più in vuoti discorsi da salotto. L'impasto generale risulta gradevole soprattutto grazie ai bravi attori coinvolti, Fantastichini, Orlando e Gigio Alberti su tutti, ma, a parte l'abbondante chiacchiericcio che accompagna il film, non c'è veramente nient'altro.

MAOraNza 17/09/08 11:40 - 204 commenti

I gusti di MAOraNza

Lotta di classe spostata nella favolosa isola di Ventotene, all'insegna di uno dei riti più irrinunciabili dell'italiano "medio": le ferie estive. Virzì confeziona un film garbato ma al tempo stesso caustico nei commenti e nella morale, grazie anche allo spessore del cast maschile: si ride (a denti stretti ma non troppo), si riflette, ce n'è per tutti. Molto fresco e godibile.

Supervigno 17/09/08 12:42 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Molto divertente, abbastanza sopra le righe, ma tutto sommato realistico ritratto delle differenze tra la tipica famiglia "di destra" e "di sinistra", in vicinanza forzata nella località di vacanza, dove, come è noto, ognuno da il peggio di sè. Si ride molto, ma alla fine non è un film molto divertente. E non tanto perché probabilmente abbiamo riconosciuto qualche fisima o atteggiamento che appartiene anche a noi, ma soprattutto per il retrogusto amaro che regna nella rappresentazione di quasi tutti i rapporti umani. Futuro classico.

Xamini 25/01/09 04:05 - 1069 commenti

I gusti di Xamini

Una moltitudine di personaggi senza un mattatore e senza approfondimenti eccessivi; un film leggero che vive sulle gag? Leggero sì, ma di quella leggerezza fatta di pennellate registiche capaci di far sorridere senza forzare e di sottolineare senza risultare pesanti. Così gli spunti volano via appena accennati ancor prima di diventare veri e propri temi e l'argomento portante si risolve in un allegro scambio di opinioni notturno (con tanto di pubblico tifante). Quel che resta alla fine è il tipico sapore dolceamaro della commedia all'italiana. Un gusto ampiamente consigliabile.
MEMORABILE: La delicatezza con cui Virzì dipinge la discussione tra Orlando e Morante "spostando" il seme della discordia dalle due lesbiche (sullo sfondo) a loro

Markus 25/01/09 12:09 - 3441 commenti

I gusti di Markus

Commedia corale d’ottima fattura, che si distingue per un primo tempo scoppiettante e un secondo più riflessivo. Virzì ha saputo miscelare la rappresentazione scenica di vecchio stampo (le diversità che si scontrano) con caratteristiche socio politiche di quel periodo. Il lato politico del film è forse la cosa che mi ha infastidito di più: se ne poteva fare a meno (anche se, a tratti, risulta funzionale). Attori ben selezionati, ma se devo essere sincero Ennio Fantastichini ha saputo rendere il suo personaggio davvero credibile.

Cotola 26/08/09 12:11 - 8056 commenti

I gusti di Cotola

Commedia di costume che si avvicina, a tratti, a quelle in cui una volta eravamo maestri. Fatta eccezione per qualche banalità e faciloneria, l'impietoso ritratto dell'Italia fatto da Virzì, il quale "randella" sia a destra che a sinistra, è pregnante, riuscito e divertente. Buona anche la prova corale del cast con una nota di merito per un Fantastichini particolarmente ispirato. La dimostrazione che la commedia italiana non è solo sguaita e ripetitiva come quella dei Vanzina di Parenti e compagnia bella. Non perfetto, ma avercene film così.

Piero Natoli HA RECITATO ANCHE IN...

Brainiac 27/08/09 15:00 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

L'unico erede della commedia all'italiana è Virzì, con gli altri non c'è gara. Caratterizzazione dei personaggi accurata e variopinta, senza pregiudiziali politiche di sorta, perché tanto i sinistrorsi arricchiti quanto i "burini rifatti" (come si dice a Roma dei proletari imborghesiti) ne escono con le ossa rotte. Davvero un gioiello che non lesina sventagliate di satira sociale e tocchi di malinconica leggerezza (la ragazzina con l'apparecchio, il delicato personaggio del compianto Natoli). Ad avercene di commedie così, ad avercene di registi come Virzì.

Mco 27/08/09 15:22 - 2216 commenti

I gusti di Mco

Uno di quei film che i palinsesti televisivi di ogni tipo (analogici, digitali e satellitari) propinano ogni estate, sfruttando soprattutto il richiamo del titolo (come anche succede con Ferragosto ok). Ma chi si aspetta una commedia stile anni ottanta, tutta frivolezze e zero riflessioni rimarrà deluso. La pellicola è gradevole e graziosa, fa pensare e mostra la grettezza di un buon numero di persone che invadono spiagge e coste nei periodi di ferie, facendosi riconoscere anche fuori dei nostri confini. La Ferilli incanta con le sue forme!

Stefania 26/01/10 01:42 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Graziosa batracomachia agostana, la leggerezza della scrittura regala calore anche agli stereotipi. Ottima la scelta degli attori, nelle scene in cui i due schieramenti si contrappongono si rivelano i limiti degli opposti conformismi, ma una delicatezza vera dei personaggi viene fuori quando essi interagiscono nel loro entroterra privato. Ottimo il personaggio di Natoli, nell'insieme una satira non feroce ma pungente, di cui all'epoca si sentiva il bisogno.

Nando 4/06/10 16:51 - 3584 commenti

I gusti di Nando

Un cast variegato ed eterogeneo interpreta questa commedia all'italiana per evidenziare, non solo con l'ironia ma anche con la riflessione, i comportamenti degli italiani in vacanza. Qui ci troviamo davanti due nuclei ben distinti, uno tendente alla comune di chiara estrazione sinostroide, l'altro più tradizionale portato al razzismo ed al menefreghismo. Interessante.

Mdmaster 15/02/11 07:58 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Commediucola italiana decisamente innocua, vorrebbe riprodurre la società come nella miglior tradizione dei tempi che furono, ma si limita invece a proporci una serie di macchiette a mo' di destra vs sinistra. Gli attori pure non brillano particolarmente, con qualche piacevole eccezione sicuramente (Natoli, suo il personaggio migliore), ma purtroppo anche molte conferme (Orlando). Si ride qualche volta, si riflette, ma il tutto si dimentica dopo poco tempo, non essendo Virzì in grado di portare a segno qualche colpo potente. Vedibile.
MEMORABILE: "Io non ti capisco... io non t'ho mai capito".

Luchi78 28/04/11 13:48 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Finalmente un interessante scontro di parti tutto all'italiana, dove le idee sociali e politiche si incrociano con la vita quotidiana delle due famiglie protagoniste. Un ritratto a volte un po' cafonal, a volte un po' intellettualoide, che però sfocia sempre nel buon gusto e mai nell'eccessivo. Sullo sfondo ci sono i problemi che accomunano tutti, indipendentemente dalla propria estrazione sociale. Ottima prova in generale del cast che, nonostante qualche punta di bravura (Orlando), fa emergere allo stesso livello tutti i protagonisti.

Jcvd 4/06/11 14:46 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Piacevole ritratto dell'Italia con una famiglia allargata di sinistra da una parte e due coppie romane e volgarotte dall'altra. Il tutto ambientato durante una vacanza estiva tra amori, tradimenti, problemi di coppia e sana ironia. Orlando come al solito fa il suo onesto dovere. Fantastichini stranamente no. Bellissime come sempre la Morante e la Ferilli.
MEMORABILE: I vari topless di Ferilli, Morante e molte altre

Saintgifts 19/07/11 22:41 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Notevole ed apprezzabile lo sforzo di gestire tanti personaggi di peso equivalente in tante situazioni ognuna con la propria peculiarità. Per contro, sono troppi i siparietti, specie nella prima parte, che riprendono, amplificandoli fin troppo, luoghi comuni, mettendoci pure dentro, inevitabilmente, anche l'Arma Benemerita per eccellenza. Il tutto confezionato secondo canoni "preconfezionati", vedi il finale romantico. Il vedersi ad uno specchio deformante e spietato non è piacevole...

Piero68 21/01/13 09:11 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Come tutti i lavori di Virzì è sicuramente un film ben fatto. Peccato che a mio avviso sia anacronistico. Si respira più un clima, soprattutto politico, da anni 80. Visione quasi manichea di destra e sinistra, anche se verso la fine si mischiano le carte e gag a volte tirate per la giacchetta. Ma la cosa peggiore secondo me è che il solito cast si profonde nelle solite caratterizzazioni viste e riviste in altri film: Orlando fa il petulante, la Morante l'isterica insicura e via dicendo. Sicuramente più convincenti le seconde linee come Natoli.

Gabrius79 10/07/13 20:14 - 1274 commenti

I gusti di Gabrius79

Una bella commedia all'italiana diretta da un Virzì in ottima forma e recitata da un cast veramente accativante: Orlando (il migliore del cast), Fantastichini, Morante, Ferilli, Cruciani e Papaleo. Lo scontro generazionale e politico tra due famiglie è qui ben caratterizzato da un'ottima sceneggiatura. Da annoverare fra le migliori commedie italiane degli anni 90.

Paolo Virzì HA DIRETTO ANCHE...

Redeyes 8/12/13 08:44 - 2268 commenti

I gusti di Redeyes

L'acerbo toscano dipinge l'Italia delle ipocrisie e dei luoghi comuni, uno spaccato di destra e sinistra, volutamente esasperato e inverosimile. Un ricco cast su cui spiccano, giocoforza, Orlando e Fantastichini. La storia ha i suoi punti di forza nelle cena e nelle discussioni che ne conseguono. Il finale agrodolce appare scontato e manifesta la freschezza ma pure una certa immaturità (che non è una critica ma una constatazione) del regista.

Vitgar 26/07/14 19:33 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Nel film sono presenti tutti gli sterotipi umani della vita quotidiana, dall'intellettuale deluso al coatto venditore di armi passando per il flippato che non fa nulla. Virzì omogeneizza questa umanità varia con eleganza e amarezza facendoci ridere ma anche pensare. Alla fine tutti sono "un po'" infelici ma vanno avanti. Così è la vita. Cast ottimo, armonico e ben diretto. Buona la fotografia come pure la musica. Buon cinema italiano.

Stelio 27/07/14 22:37 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Sinistroidi arroganti, elitari ma onesti e colti, destrorsi accoglienti, umili, ma ignoranti razzisti e tendenzialmente disonesti: sarebbe molto bello affrontare il tema della tensione ideologica italiana (aspetto culturalmente antico, indipendentemente da ideologie che possono essere considerate vive o morte) con serenità e distacco: Virzì ci riesce solo in parte e talvolta non resiste alla tentazione di presentare le solite figurine. Un vero peccato, vista la qualità del girato di un film che è di ottimo livello.

B. Legnani 29/10/14 10:35 - 4998 commenti

I gusti di B. Legnani

C'è poco di nuovo, in questo film, anzi direi proprio nulla, ma il fatto è che Virzì gestisce il "non nuovo" molto bene, dirigendo con efficacia un vero e proprio coro di attori. Fantastichini e Natoli su tutti. Orlando ha un ruolo che gli calza bene. La Morante, più che parlare, borbotta. Deliziosa la Ponziani. Il tema politico, peraltro non approfonditissimo, è solo un tramite per parlarci dei nostri difetti che, si sa, non hanno confini ideologici ben definiti... Con manica larga, arriva a ***

Delpiero89 7/02/15 12:34 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Commedia corale di discreta fattura diretta da un giovane Paolo Virzì. Gli scontri tra due famiglie (allargate) in vacanza a Ventotene per raccontare gli italiani, di destra e di sinistra. Il tema politico è trattato con la consueta superficialità e si basa su comuni stereotipi mentre risultano relativamente più apprezzabili i momenti leggeri e meno presuntuosi. Orlando, come al solito, stufa e fa l'intellettuale, mentre è da evidenziare la prova del buon Natoli.

Paulaster 17/05/15 01:26 - 3314 commenti

I gusti di Paulaster

Virzì decide di raccontare la vacanza estiva facendo agire i diametralmente opposti: prima si scontrano, poi si assomigliano e infine raccolgono i cocci insieme. Inizio scanzonato di introduzione che resta in superficie; poi il film migliora nei dialoghi e nell’aprire gli scenari singoli e chiude senza grandi sussulti. Un eccesso di figure e sottotrame non tutte riuscite crea un impasto disomogeneo. Merito comunque nell’aver abbandonato la battuta facile in favore di una piega più intimista e misurata.

Alex75 19/08/15 09:13 - 740 commenti

I gusti di Alex75

L'ottimo Virzì imbastisce una storia vacanziera che, malgrado il titolo leggero, è in realtà un acuto e caustico ritratto della società italiana degli anni ’90, che ironizza su una famiglia di sinistra un po’ snob e su una chiassosa brigata di arricchiti berlusconiani, due mondi inconciliabili (ma fino a che punto?). Film “corale” senza stonature (anche se a tratti è eccessivamente verboso): nell’affollato cast spiccano in particolare Orlando, Natoli, Fantastichini, la Morante e la Ferilli.
MEMORABILE: Il corpo della Ferilli.

Ultimo 16/08/15 16:39 - 1488 commenti

I gusti di Ultimo

Buona commedia corale firmata Paolo Virzì, senza un vero protagonista ma con un cast in forma e ben assortito. L'abilità del regista è quella di realizzare un prodotto che visto e rivisto pare sempre attuale, andando ad affrontare tematiche quali le rivalità e gli screzi familiari senza rendere la pellicola e noiosa. Tra gli attori segnalo una buona prova del duo Fantastichini-Natoli e un azzeccato Silvio Orlando. Molto brava anche la Cruciani. Un po' statico nella seconda parte, ma nel complesso merita tre pallini.
MEMORABILE: Il dialogo politicante tra Fantastichini e Orlando.

Lou 25/05/16 23:36 - 1046 commenti

I gusti di Lou

Virzì propone un efficace e divertente quadro di italianità vacanziera in quel di Ventotene, dove si trovano a confrontarsi (e a scontrarsi) due gruppi familiari caratterizzati da orientamenti culturali, caratteriali e politici contrapposti. L'analisi sociologica è molto semplificata, ma in grado comunque di offrire spunti realistici. Una commedia all'italiana rivisitata con ottimi risultati, grazie anche a un buon cast, tra cui spicca un Silvio Orlando irresistibile nei suoi sfoghi e nella sua insofferenza.

Il ferrini 10/08/16 23:30 - 1902 commenti

I gusti di Il ferrini

Non è certo il miglior Virzì ma è comunque una spanna sopra a qualsiasi altra commedia di questo genere (corale/vacanziera). Fantastica la Morante, più nevrotica che mai, ma ancor meglio sua figlia, Agnese Claisse - 8 anni - autrice di una prova sorprendente. Occasione anche per vedere il compianto Piero Natoli, Compagno di scuola di Verdone e una Ferilli che aveva ancora Tutta la vita davanti. L'incontro-scontro fra le due famiglie è una sapiente metafora del Paese, all'epoca diviso nettamente fra due poli. Si ride, talvolta amaramente.
MEMORABILE: Silvio Orlando perde sangue: "È una metafora dell'emorragia dei voti della sinistra!"

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Franz 4/09/16 03:08 - 110 commenti

I gusti di Franz

Un simpatico, a tratti amaro, spaccato dell'Italia anni 90 alle prese con vacanze che si rivelano più complicate del previsto per due gruppi misti (famiglia, amici, ecc.) di opposte ideologie politiche, ma accomunati da una certa ipocrisia e da un certo senso di inadeguatezza. La vicenda non annoia, pur non avendo picchi di scrittura e si fa in tempo ad affezionarsi alla figura del perdente Natoli e a provare fastidio per il trombone Orlando, dunque la storia funziona. Abbastanza attuale anche dopo vent'anni.
MEMORABILE: La nonna che non connette e per questo è il personaggio più puro.

Thedude94 16/05/17 23:35 - 731 commenti

I gusti di Thedude94

Commedia molto piacevole, in pieno stile Virzì, la quale sa essere allo stesso tempo divertente e realistica; il cast di attori è davvero buono, in primis un ottimo Orlando nel ruolo di giornalista sinistrorso alle prese con un borghesotto interpretato da Fantastichini. Un po' meno coinvolgenti la Morante e la Ferilli, anche se non sono male. Si ride quando compare sulla scena Papaleo, mentre si scende in momenti di pura riflessione quando vediamo riflesse le nostre vite in quelle di queste famiglie protagoniste di una vacanza estiva.

Medicinema 26/08/17 17:48 - 96 commenti

I gusti di Medicinema

Vizi e virtù di un eterogeneo gruppo di personaggi in vacanza a Ventotene: da un lato gli "aperti", fra cui spicca il bravo Orlando, dall'altro i "tradizionalisti", dove più che Fantastichini va segnalato Natoli, forse il migliore del film. Sogni, speranze, delusioni, piccole gioie, ipocrisie, intrecciati su un amaro sfondo estivo, a rappresentare i contrasti e l'abbrutimento degli anni '90. Si ride, ma soprattutto si (e ci si) riflette, fra una puntata di "Non è la Rai" e un karaoke in piazza. Validissimo.
MEMORABILE: Lo scontro a tavola Orlando/Fantastichini; L'arrapato brigadiere Papaleo.

Westonberg 31/12/19 01:15 - 31 commenti

I gusti di Westonberg

Capolavoro. La capacità che ha Virzì di tessere, intrecciare e infine disfare storie e situazioni disparate è ammirevole. In questo caso ci racconta due famiglie diverse (ma poi così realmente diverse?) in vacanza a Ventotene nel caldo mese di agosto, mescolando come in una grande macedonia variegata tematiche importanti quali: politica, relazioni familiari problemi di coppia... Virzì delinea personaggi veri e sinceri, con un occhio di riguardo verso il mondo degli adolescenti che osservano e cercano di inserirsi nel mondo degli adulti.
MEMORABILE: La ragazzina che urla "st****o" nel finale; La bravura della Morante e della Ferilli.

Zoltan 3/07/20 14:16 - 201 commenti

I gusti di Zoltan

La buona prova corale di un po' tutto il cast adulto (Orlando su tutti) può solo in parte riscattare un film che probabilmente è invecchiato male, soprattutto nelle sue pretese moralistiche, con la summa pseudo-politica che risulta facile e qualunquista e mal si amalgama ai ripensamenti intimistici-sentimentali di alcuni personaggi. Qualche elemento su cui costruire un film interessante poteva anche esserci, ma il risultato finale stona parecchio. E, come sempre più spesso accade nei film italiani degli ultimi trent'anni, c'è da stendere un velo pietoso sulle parti "giovanilistiche".

Geppo 1/07/21 11:13 - 297 commenti

I gusti di Geppo

Il titolo può far pensare al classico film vacanziero alla Sapore di mare, con sole, mare, canzoni estive, spensieratezza, eccetera. Non è del tutto così. Il film di Virzì è sì, in un certo senso, un film vacanziero, ma intorno alla storia girano altri elementi. È una commedia molto amara composta da due gruppi di turisti (totalmente diversi) che affrontano lo snobismo e la politica con accuse e cinismo. Virzì realizza davvero un ottimo film con attori precisi e molto bravi. Negli anni '70 un film di questo genere lo avrebbe diretto sicuramente Monicelli o Scola.
MEMORABILE: I primi piani di Rocco Papaleo (ogni volta che osserva vogliosamente le donne); I discorsi tra Fantastichini e Orlando; I desideri sotto le stelle.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Markus • 1/04/12 11:40
    Scrivano - 4812 interventi
    Buon film, macchiato soltanto dall'onnipresente tema politico di fondo (francamente al limite della macchietta).
  • Discussione Ruber • 1/04/12 17:40
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Mah, unanimi... Di giufrecce ce n'è un bel po' (la maggioranza anzi), e di gente non soddisfatta pure...

    ma direi proprio di no visto i 4 pallini! (grande esempio di cinema) se no vorrebbe dire che ce qualcosa che non va nel sistema di votazione.
  • Discussione Zender • 1/04/12 19:38
    Consigliere - 44933 interventi
    No, un attimo: i 4 pallini sono il voto del Davinotti. In presenza del voto del Davinotti non esiste voto medio. Esiste il voto del Davinotti e, accanto, il voto degli utenti espresso in frecce. E la media degli utenti dice che 4 pallini è troppo, quindi per gli utenti il film vale 3 pallini o anche meno, mediamente.
  • Discussione Tarabas • 1/04/12 20:45
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Tarabas ebbe a dire:
    Io onestamente lo ricordo come un film mediocre, pieno di luoghi comuni e personaggi di carta velina. Ma sono passati anni.

    sarai l'unico Tarabas visto i commenti unanimi del Davinotti.


    Nema problema.
  • Discussione Capannelle • 1/04/12 20:53
    Scrivano - 2646 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Buon film, macchiato soltanto dall'onnipresente tema politico di fondo (francamente al limite della macchietta).

    Hai ragione ma in fondo ce n'è per tutti tanto che alla fine, per me, i più irritanti sono i sinistrorsi.

    Sul fatto "luoghi comuni" mi piacerebbe capire quale commedia italiana ne sia esente.
  • Discussione Zender • 2/04/12 10:16
    Consigliere - 44933 interventi
    Quadra tutto invece. Significa che Markus gli ha dato 3 pallini, ad esempio. Ma siccome 3 pallini è un pallino meno di 4 pallini (voto del davinotti) scatta la giufreccia, ovvero: il Davinotti gli ha dato troppo. Se la differenza sta entro il mezzo pallino compare l'uguale, se la differenza è di un pallino o più scatta la su/giufreccia.
  • Curiosità Ruber • 11/04/12 18:04
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    La poesia che recita Silvio Orlando quando è in mare con la figlia della compagna è "Riviere" di Eugenio Montale.
  • Discussione Zender • 12/04/12 20:08
    Consigliere - 44933 interventi
    Andy per lo speciale della messa è finita era riuscito ugualmente a trovare la casa e la chiesa di Nanni a Ventotene. Però in effetti non è facile.
  • Discussione Ruber • 23/04/16 18:00
    Contratto a progetto - 9076 interventi
    Non si capisce come mai alla fine del film tutti vanno via dall'isola, mentre rimangono li Orlando con la Morante e la bambina e dall'altra parte Fantastichini con Cruciani e figlio. Oltretutto le famiglie dei burini di destra sono venute insieme sull'isola... non si capisce come mai una va via e l'altra rimane boh.
    Ultima modifica: 24/04/16 08:17 da Zender
  • Discussione Raremirko • 6/11/16 17:49
    Addetto riparazione hardware - 3751 interventi
    Sinceramente l'ho trovato poco interessante, e a me di solito il cinema di Virzì piace pure.

    Lento, noioso, già visto (praticamente si ripropone un poco quanto già visto in Selvaggi di Vanzina, l'anno prima), vale solo per qualche battibecco tra Fantastichini ed Orlando.

    Non tutto il male del mondo ma secondo me è un film sopravvalutatissimo e che vale di più per il profilo sociologico (i molti discorsi e le molte banalità presenti sono ahinoi vere/verosimili) che per quello tecnico/filmico.

    Secondo me mediocre.