Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 9/04/08 05:39 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Una rielaborazione del sogno americano vista con gli occhi del moderno provinciale italiano (siciliano) secondo Paolo Virzì. Questo il senso della commedia che parte dagli angusti confini nazionali per aprirsi agli spazi della grande metropoli. Il film parte bene (con la descrizione del mondo del protagonista) ma perde quota quando racconta l'America e i suoi abitanti in modo eccessivamente caricaturale, lasciando l'impressione di una macchietta e di una serie di gag, piuttosto che di un film organico.

G.Godardi 17/05/08 16:20 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Divertente commedia di formazione che incappò purtroppo nelle beghe del tracollo Cecchi Gori e non ebbe quindi il successo sperato (addirittura uscì in sala poco prima del successivo di Virzì Caterina va in città). Questo Tanino, giovane mediocre con velleità artistiche, ricorda molto il Tony Barozzi di Sono Fotogenico, ma anche il Doinel di Baci rubati (come lui infatti si troverà a vivere in diverse situazioni da film). Ritmo serrato, girato bene con toni picareschi. Riesce nella difficile impresa di un amalgama tra film Usa e italiano.
MEMORABILE: Occhio alla coprotagonista: è infatti il primo film della McAdams, la quale in seguito si costruirà una discreta carriera in patria.

Hackett 25/10/08 10:52 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

Divertente commedia in cui Virzì capitalizza al massimo la presenza di un attore bravo e simpatico come Fortuna. La presenza goffa e spiritosa dell'interprete permette al regista di non sforzarsi troppo e di imbastire una sceneggiatura abbastanza classica e leggera che tutto sommato funziona. Non ci sono momenti esilaranti ma nella commedia italiana sono ormai sempre più rari. Si sorride.

Brainiac 25/01/09 11:17 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Questo film ha avuto varie peripezie produttive, alcune scene sono state completate con macchine digitali ed effettivamente si vede una certa diversità di luce e fotografia in alcune sequenze. Eppure è un gioiellino comico-malinconico, interpretato con spontaneità, ben scritto, con alcune caratterizzazioni riuscite. Da applausi la scena in cui Tanino si inventa di vedere nella sua casa romana, in realtà nella fantozziana sopraelevata di Via Prenestina, sia il Colosseo che Piazza Venezia. Descritti alla grande tutti gli italo-americani. Solare!
MEMORABILE: "Beh, prima non li vedevo il Colosseo e Piazza Venezia, poi hanno fatto dei lavori..." "So they move... the Colosseum?!?"

Ciavazzaro 22/11/09 11:09 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Mamma mia. Lo ricordavo come brutto, riguardandolo l'ho trovato pessimo. Gli attori sono dei cani presi da qualche marciapiede temo, il protagonista è osceno. Da antologia scene come quelle con la grassona mezza nuda (certe cose non si dimenticano purtroppo). Pessimo.

Stefania 14/04/10 19:26 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Manca a Tanino ciò che rendeva interessante il Piero di Ovosodo: l'orgoglio di essere quello che è. Tanino non cambia, nel corso della sua storia, non perché la sua identità sia forte, ma semplicemente perché non comprende gli altri, non coglie che superficialmente il senso di quanto gli accade. E' un protagonista sgradevolmente passivo: dunque, come "storia di formazione", il film è fallito! Poi... certi siparietti statunitensi sono degni di "I no speak English", commuove fugacemente soltanto il personaggio della ricca cicciona italoamericana.
MEMORABILE: Lo sguardo di Fortuna è allarmante nella sua vacuità, quello di Gabbriellini, nel suo candore, si accendeva, a tratti, di salutari lampi di malizia!

Jcvd 28/05/11 15:22 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Commedia godibile e con un ottimo e simpatico protagonista. Nonostante una certa particolarità di linguaggio e di trama il film di Virzì si lascia guardare ed apprezzare. Peccato solo per alcune cadute di stile, alcuni clichè sugli italiani all'estero e soprattutto peccato per un finale un po' così così.

Ford 10/03/12 01:44 - 582 commenti

I gusti di Ford

Virzì prende la commedia americana più particolare e ci aggiunge luoghi comuni a valanghe e uno sgrammaticato protagonista (che però scrive benissimo), nel turbinio di un road movie in tre grandi capitoli, una storia che non sta in piedi ma diverte e lega lo spettatore a questo sghembo, romantico, ben interpretato protagonista. Dinamiche psicologiche un po' grezze e un finale frettoloso completano il quadro di un film che non ha niente da dire, ma lo dice con garbo.

B. Legnani 8/04/12 01:41 - 5195 commenti

I gusti di B. Legnani

Passo falsissimo di Virzì, che riesce invece a descrivere perfettamente quello che è lo "stupido" secondo la fondamentale definizione di Carlo M. Cipolla ("Allegro non troppo"), colui che riesce a fare del male sia agli altri sia e a sé stesso. Il personaggio è troppo esagerato, per cui non si riesce neppure a provare simpatìa per lui, nonostante un accettabile interprete. Dal fidanzamento italo-americano in poi il film rovina irresistibilmente. Non più di *½. C'è Licinia Lentini!

Nancy 21/01/13 02:23 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Virzì continua a raccontare una storia di formazione italianissima, ma perde verve rispetto a Ovosodo, forse perché si sposta su un territorio a lui meno noto, passando dalla sua Livorno alla Sicilia. Ma alcune trovate (quella del matrimonio combinato con la ragazza cicciona in primis) sono davvero divertenti e il protagonista Corrado Fortuna è azzeccatissimo nel suo ruolo, perennemente a disagio e mai pienamente conforme agli stilemi che gli sono intorno. Peccato per un finale un po' moscio, perché per tutto il primo tempo il divertimento è assicurato.

Licinia Lentini HA RECITATO ANCHE IN...

Stelio 29/08/14 00:37 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Un film che paga molto negativamente il protagonista principale: incredibile credere che un'interpretazione tanto mediocre quale quella di Corrado Fortuna sia stata ritenuta valida dalla critica di allora e abbia addirittura ottenuto dei premi. Il film per il resto è simpatico, ma poteva offrire molto di più. Virzì gioca di creatività e qualcosina tira fuori; la sceneggiatura fa il suo dovere.

Samuel1979 1/10/14 18:40 - 518 commenti

I gusti di Samuel1979

Buona la prima parte girata in Sicilia grazie anche ai bei paesaggi della costa trapanese, poi però (negli States) il film si perde in banalità e tutto procede per stereotipi, smorzando l'interesse iniziale. Qui il palermitano Fortuna al suo primo film offre una performance sbiadita forse dovuta alla sua poca esperienza. Da segnalare la presenza di Licinia Lentini al ritorno dopo una lunga assenza.

Delpiero89 15/02/15 11:49 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Caduta all'interno della buona filmografia di Paolo Virzi. Il tema è trito e ritrito e poche sono le differenze con i numerosi prodotti analoghi. Il personaggio interpretato da Fortuna sarebbe anche piuttosto interessante, ma alla lunga la noia prevale su tutto. Alla fine rimane ben poco, di questa pellicola. Inutile.

Belfagor 12/02/16 17:40 - 2655 commenti

I gusti di Belfagor

Giovincello siculo raggiunge gli Stati Uniti in cerca di un amore estivo ma si ritrova immerso in una serie di bizzarre peripezie. Il tentativo di realizzare un picaresco comico-malinconico fallisce soprattutto a causa della debolezza del protagonista, a tratti più passivo dello spettatore, che si limita a subire ciò che accade senza suscitare particolare simpatia. Non giova neanche la rappresentazione macchiettistica della realtà statunitense. A volte confuso, mai coinvolgente.

Zampanò 27/06/20 22:18 - 374 commenti

I gusti di Zampanò

Film del periodo mediano del primo Virzì (1999-2006): nessun fuoco artificiale, qualche graffio e protagonisti bonari e malinconici. E' la storia di un ragazzo non troppo sveglio che va negli Usa per scappare dai sogni andati a male (università, famiglia) più che per inseguirne di nuovi. Punto di forza è la sceneggiatura, scritta con Bruni e Piccolo, che ricama anche situazioni un po' scontate. Divertente soprattutto l'improbabile trasformazione in "goodfella". Il ritmo è quello tipico del regista, zero spazi vuoti, tutto è parlato e saturato. Sempre piacevole da rivedere.  
MEMORABILE: La drammatica cena a casa del "suocero".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Samuel1979 • 20/01/13 18:24
    Call center Davinotti - 3563 interventi
    Fa parte della colonna sonora il brano dei Tiromancino "La descrizione di un attimo"