LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/09/07 DAL BENEMERITO DUSSO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 28/09/07 20:00 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Commedia (poco) erotica non del tutto riuscita, film di culto per essere l'esordio della Fani da protagonista femminile (è una splendida lolita ventenne). Il film si fa guardare ed è erotico al punto giusto, ma incredibilmente verso la metà, proprio con l'arrivo di una insopportabile Bouchet, il film diventa noioso a causa dei lunghissimi dialoghi tra lei e Leroy. Per fortuna si riscatta nel finale. Pupo De Luca non è un gran commenda mentre Dante Cleri è uno sporcaccione tedesco. Non male le musiche.

B. Legnani 4/10/07 23:51 - 4722 commenti

I gusti di B. Legnani

Guardabile solo perché c'è la Fani, al debutto. Quando manca lei, il film affonda nella noia e nel pretenzioso, anche perché cerca di assumere un tono "alto", assolutamente dissonante con l'operazione commerciale che, invece, rappresenta. Leroy banalotto, Bouchet non al meglio. Bravissima l'esordiente protagonista.

Homesick 24/10/07 18:01 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Mediocre e incompleto. Percorrendo il doppio binario della commedia scollacciata - con le staripanti caratterizzazioni di De Luca in versione commenda e dell'obeso smargiasso Amato - e del dramma erotico, finisce con il mancare entrambi gli obiettivi, trattando con troppa superficialità il rapporto tra il tormentato Leroy e la lolita Fani. Questi ultimi sono interpreti di buon livello e, insieme alla bella ambientazione ischitana, costituiscono l'unico pregio di un film altrimenti trascurabile.

Undying 19/05/08 00:33 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Tragica evoluzione della decadenza psicologica d'un attempato scrittore di nome Fabio, magistralmente interpretato da Philippe Leroy e costretto a confrontarsi, in un soggiorno ad Ischia, con la "virginale" e contorta (ma per influenze indotte dai comportamenti di chi dovrebbe educarla) Ornella (una convincente Leonora Fani). Doloroso apologo sull'inutilità dei sentimenti, quando non corrisposti, con "relitti" umani alla deriva (psicologica, prima che fisica) narrato con lucido pessimismo da Biagetti, in questo supportato dalla colonna sonora.
MEMORABILE: Fabio: "Mi resi conto che non mi era rimasto più niente... quel che provavo era solo un'infinita infelicità".

Ronax 4/02/10 00:49 - 907 commenti

I gusti di Ronax

Costruito sul tema consunto dell’uomo maturo in crisi preso per i fondelli da una spregiudicata teenager e reso ancor più ridicolo dai penosi contorcimenti filosofici della vfc, il film si ricorda unicamente come l'esordio di una delle cinelolite ufficiali degli anni '70. Leroy e la Bouchet, visibilmente imbarazzatissimi, hanno l'aria di contare i minuti che li separano dalla fine delle riprese, mentre il solito Pupo De Luca approfitta dello stato confusionale di Biagetti per occupare sguaiatamente lo schermo. Vacue musichette di Berto Pisano.
MEMORABILE: Le tremende barzellette raccontate da Pupo De Luca sull'aliscafo diretto ad Ischia mentre scorrono i titoli di testa.

Saintgifts 4/08/10 00:02 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

In vacanza in una Ischia un po' fuori stagione, personaggi pieni di problemi sentimentali ed esistenziali e giovanette ai primi prudori sessuali che imitano gli adulti e cercano di mettersi in luce usando le loro armi migliori. Commedia che non sa che strada prendere, con dialoghi banali e battute che non suscitano il riso. La Fani, adatta alla parte, domina la scena con le sue acerbe grazie.
MEMORABILE: La Bouchet, che interpreta una attrice di successo, dice a Leroy: "Vorrei tanto fare un buon film, non tutte quelle porcherie che mi propongono".

John trent 24/07/11 09:03 - 326 commenti

I gusti di John trent

Chi si aspetta una commedia resterà deluso. È la fredda descrizione della parabola discendente di un attempato scrittore in crisi (un ottimo Leroy) che si ritrova, durante una mini-vacanza di Pasqua in quel di Ischia, a fronteggiare le provocazioni sfrontate della acerba Lolita Leonora Fani (fantastico qui il suo esordio). C'è ben poco da ridere (e le battute di Pupo De Luca più che altro disturbano) e il dialogo finale tra Leroy e la Bouchet tocca vette di drammaticità inusitate. Un discreto film erotico, senz'altro da riscoprire.
MEMORABILE: Il dialogo tra Leroy e la Bouchet sul molo.

Geppo 27/01/13 22:41 - 288 commenti

I gusti di Geppo

Più che una commedia è un film sentimentale leggermente sexy. È la semplice storia della tipica ragazzina (Leonora Fani) che gioca attorno all'uomo maturo (Philippe Leroy). La Bouchet arriva soltanto nella seconda parte del film. La trama l'ho trovata poco interessante, c'è qualche bella location, ma tutto il resto è appena sulla sufficienza. Philippe Leroy fa quel che può, Barbara Bouchet recita con tutta la sua unica eleganza ma purtroppo sottoutilizzata. Leonora Fani giovanissima che non esita a mostrarsi in tutto il suo splendore. Mediocre.
MEMORABILE: Le battute di Pupo De Luca.

Motorship 22/04/13 17:38 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Più sentimentale che commedia, questo film di Biagetti ha tra i suoi punti di forza la notevole interpretazione di Leonora Fani, fascinosa attrice dotata di elevate qualità ma solo sporadicamente ben utilizzata nell’arco della sua breve carriera. Il film racconta le vicende di uno scrittore in crisi che cerca un appiglio vitale in una spregiudicata ventenne figlia di un suo amico. Se non fosse per qualche incertezza della sceneggiatura sarebbe davvero un film riuscito. Bene il cast, in particolare Leory e la già citata Fani, meno invece la Bouchet.

Faggi 24/01/16 17:48 - 1504 commenti

I gusti di Faggi

Pellicola tutto fumo e niente arrosto che deve il suo fascino solo alla presenza fisica e (perché no?) attoriale della Fani, peraltro non adoperata al meglio. Per il resto tutto è trascurabile e/o detestabile. Il peggio sta nella verbosità (specie dei dialoghi tra Leroy e Bouchet), nei siparietti pseudo-comici, in un che di patetico che qua è là traspare e nella mancanza di audacia erotica. Torno alla Fani (e concludo): bella, conturbante, strana.

Gmriccard 17/11/18 17:25 - 116 commenti

I gusti di Gmriccard

Attendonsi scuse per il ritardo della Bouchet! Sì, perché fino al suo arrivo il protagonista fa la figura della scamorza, incredibile persino al cospetto di una Fani così. Da quel momento comunque i rapporti di forza si normalizzano, la trama diventa lineare e si assiste anche a discreti dialoghi tra Leroy e la Bouchet. In più alla fine si dà modo alla neo lolita (con tanto di lecca-lecca) di sfogarsi (in senso verbale ma non solo) con l’esperto scrittore.

Buiomega71 1/01/19 11:17 - 2263 commenti

I gusti di Buiomega71

Malinconico e sofferto retaggio "amoroso" delle voglie di una ragazzina che vuole tutto e subito. Con strascihi alla Voglia matta (ma nessuna umiliazione per Leroy, anzi), un Pauline alla spiaggia antelitteram, con vaghe sonorità che verrano riprese dal Vanzina di Sapore di mare (in discoteca, il ragazzo imbranato e cicciotello, alcune scivolate nella commediaccia) nei turbamenti adolescenziali che evitano certe morbosità tipiche di questo cinema. Conturbante nella sua immaturità sentimentale la Fani e intenso score di Pisano. Biagetti conferma una notevole ambizione.
MEMORABILE: La Fani irretita da un vecchio tedesco libidinoso; La Fani che balla in discoteca eppoi passa a un lento con Leroy; La crisi isterica della Fani.

Daidae 13/08/20 14:53 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Commedia noiosa e vuota. La trama vede una giovane ragazza che seduce un uomo attempato, il tutto condito da sciocchezze pseudo-filosofiche e crisi di mezza età nella stupenda cornice di Ischia (tra l'altro sfruttata malissimo, raramente si vede il sole, segno che non siamo d'estate). Cast sprecato con l'ottimo Philippe Leroy e una valida Barbara Bouchet (che però fa solo una piccola parte). La Fani allora alla seconda prova cinematografica non se la cava male. Discrete le musiche.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 20/05/08 21:11
    Scrivano - 7630 interventi
    Evidentemente ci sono cose che non sono facilmente obiettive.
    Perché il valore del film (a mio modo di vedere) sta proprio nella notevole interpretazione di Philippe Leroy, scatenata in un finale "strappalacrime".

    Il tono da commedia, solo accennato dal personaggio interpretato da Pupo De Luca, è ininfluente sul registro drammatico e quello erotico della pellicola.

    Non è la presenza della Fani (nuda integrale, ma mai in full frontal) a rendere interessante il film, ma proprio la compattezza dei dialoghi, la malinconica essenza della "quotidianità": rappresentata dal credibile imprenditore sbruffone (Nino/Pupo De Luca), dal contesto "feriale" (la spiaggia di Ischia) e dalla "follia" d'uno scrittore che sembra avere perso la ragione (frequenta una ragazza che potrebbe essere la figlia).

    Probabilmente è questioni di gusti e di tempi: un film visto in un determinato contesto fa un effetto diverso. Tant'è che lo vidi, per la prima volta, 10 anni fa; e non lo ricordavo affatto.

    Comunque, mi sono permesso di scrivere queste cose con tutto il rispetto, visto che sei una delle persone del Davinotti che seguo (ed ovviamente leggo) con stima e simpatia...
    Ultima modifica: 21/05/08 05:14 da Undying
  • Discussione B. Legnani • 20/05/08 21:53
    Consigliere - 13819 interventi
    Undying ebbe a dire:

    1)Evidentemente ci sono cose che non sono facilmente obiettive. Perché il valore del film (a mio modo di vedere) sta proprio nella notevole interpretazione di Philippe Leroy, scatenata in un finale "strappalacrime".

    2) Non è la presenza della Fani (nuda integrale, ma mai in full frontal) a rendere interessante il film, ma proprio la compattezza dei dialoghi, la malinconica essenza della "quotidianità"

    3) Comunque, mi sono permesso di scrivere queste cose con tutto il rispetto, visto che sei una delle persone del Davinotti che seguo (ed ovviamente leggo) con stima e simpatia...


    Caro Undying,
    il bello delle discussioni civili (come questa) sta proprio in questo: scrivere sapendo di essere ascoltati, ma ascoltare quelli che la pensano diversamente.
    1) L'obiettività è talora irraggiungibile. Per me Leroy è un ottimo attore, ma qui non mi piace, non tanto per colpa sua...
    2) ...ma della sceneggiatura, per dialoghi che non mi convincono, che mi paiono messi lì a scopo giustificazionista (come quell' "intellettuale", messo a fine film, da voce fuori campo), quasi per motivare il diritto a far vedere le tette di questa cospicua fanciulla trevigiana. A questo punto, allora, meglio "Grazie... nonna" (sempre *½...), che mi dà quello che promette...
    È chiaro, però, che se il tuo punto di partenza è diverso (il che non solo è lecito, ma è, immagino, pure condiviso da altri), vale a dire che la sceneggiatura fila e il "mal de vivre" è autentico, le conclusioni alle quali approdi sono diverse.
    Con amicizia.
  • Curiosità R.f.e. • 10/10/09 10:15
    Call center Davinotti - 854 interventi
    Doppiatori italiani:

    *Sergio Graziani: Philippe Leroy
    *Rita Savagnone: Barbara Bouchet
    *Micaela Esdra: Leonora Fani
    *Rossella Izzo: Maria Pia Conte
    *Fiorella Betti: Dana Ghia
    *Sergio Fiorentini: [Brian]

    Pupo De Luca si doppia da sé

    doppiaggio: C.D.
  • Musiche Markus • 6/03/10 10:39
    Scrivano - 4789 interventi
    Per gli amanti dei temi Anni Settanta, questo cd con las OST del film non può mancare:

    http://www.beatrecords.it/shop.asp?idprodotto=CDDM124&lingua=i
  • Discussione Undying • 1/08/10 17:57
    Scrivano - 7630 interventi
    Rintracciato il trailer del film, nel quale è possibile orecchiare, in parte, la suggestiva colonna sonora di Berto Pisano
  • Homevideo Undying • 1/08/10 18:21
    Scrivano - 7630 interventi
    Malizie - La serie completa
    Titoli della serie Malizie distribuiti da noi in VHS grazie alla Shendene & Moizzi, componenti il ciclo "Il cinema erotico italiano degli Anni Settanta" (ogni titolo contiene il link alla scheda davinottica del film):

    1 - Venere in pelliccia - Le malizie di Venere
    2 - Femina Ridens
    3 - Bella di giorno, moglie di notte
    4 - Il nano e la strega
    5 - Le mani di una donna sola
    6 - La rossa dalla pelle che scotta
    7 - La svergognata
    8 - Due maschi per Alexa
    9 - Incontro d'amore (Bali)
    10 - Mia moglie, un corpo per l'amore
    11 - Giochi carnali
    12 - L'ingenua
    13 - Primo tango a Roma
    14 - La nipote del prete
    15 - Nipoti mie diletti
    16 - Al tropico del Cancro
    17 - Ammazzare il tempo
    18 - Classe mista - Fuori serie, allegato a Nocturno Cinema
    19 - Quell'età maliziosa - Fuori serie, allegato a Nocturno Cinema
    Ultima modifica: 1/08/10 18:24 da Undying
  • Musiche John trent • 4/09/11 10:45
    Servizio caffè - 511 interventi
    il tema principale di Berto Pisano:

    http://www.youtube.com/watch?v=QOPop2bLF2U
  • Discussione B. Legnani • 26/01/16 14:58
    Consigliere - 13819 interventi
    CAST ORDINATO E COMPLETATO
    Philippe Leroy, Leonora Fani, Pupo De Luca, Dana Ghia, Stefano Amato, Maria Pia Conte, Filippo De Gara, Serena Cociani, Barbara Bouchet, Dante Cleri, Walter Manfredi, Fiorella Masselli
  • Discussione Zender • 26/01/16 17:10
    Consigliere - 43524 interventi
    Ma... hai eliminato la Mancini... Immagino tu ne sia consapevole...
  • Discussione B. Legnani • 26/01/16 18:09
    Consigliere - 13819 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ma... hai eliminato la Mancini... Immagino tu ne sia consapevole...

    Tutto girato a Ischia. I due csc non ci sono...