Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Se la base è il solito gioco al massacro che discende dalla solita, stracitata PERICOLOSA PARTITA e arriva agli HUNGER GAMES o i BATTLE ROYALE di oggi, quello che fa la differenza è l'approccio, che sa essere personale pur nella banalità dell'insieme. E poiché l'impressione è che il film sia sempre sul punto di partire e quando lo fa si sia già arrivati alla fine, significa che in fondo scorre veloce pur senza raggiungere mai scene chiave che ne marchino i momenti salienti....Leggi tutto Dopo uno scambio di sms ancora criptici (che però troveranno una loro logica nella successiva ricostruzione) veniamo catapultati in una radura dove una ragazza si sveglia con in bocca qualcosa che le impedisce di parlare. Intorno a lei, tra gli alberi, altre persone nelle stesse condizioni si riuniscono. Chi sono? Perché sono lì? E' la logica di tutto un filone fantasplatter che abbiamo cominciato a conoscere bene.

Abbiamo le idee abbastanza chiare su cosa potrà succedere di lì a poco. E succede: colpi sparati da chissà dove, trappole mortali, bombe... I poveretti sono vittime predestinate e dovranno solo pensare a salvare la pelle. Ne seguiamo uno, poi un altro; qualcuno finisce nel sangue a chiarire subito come gli effetti speciali siano utilizzati per giocare con il classico sadismo da horror survivalista e per un po' si procede così. Poi arriva Crystal (Gilpin) e ci si focalizza su un personaggio finalmente, che prenderà in mano l'avventura imponendosi sugli altri. Ha combattuto in Afghanistan, sa il fatto suo e le risposte che dà, le frasi che sceglie, finanche la favola della lepre e della tartaruga adattata in modo a dir poco bizzarro, sono il sintomo di una sceneggiatura che fa molta attenzione ai dialoghi, che sa di poter emergere dal mare magnum di prodotti girati in tema solo inserendo qualcosa di davvero efficace in termini di godibilità del prodotto. E di certo non basta il pretestuoso inserimento del maialino ben acconciato (utilizzato anche in fase di promozione del film, promosso a immagine simbolo) per ottenere il risultato sperato. Né l'ottima realizzazione delle scene di "caccia" condite da sangue e violenza.

Si ricorre allora a un altro espediente tipico dei nostri giorni: lo “stop and rewind”, con quel "un anno prima" che testimonia se non altro del desiderio di mettere le cose in chiaro suggerendo nel contempo una trovata piuttosto inusuale legata al movente della caccia e alla scelta delle vittime. Hillary Swank, la seconda diva, si fa attendere e si vede molto meno, ma ha un bel momento nel finale, in cui però un estenuante corpo a corpo lascia intendere come la trama sia in fondo secondaria alla ricerca dello spettacolo garantito dalle singole scene. Senza eccellere, quindi, il film si ritaglia un suo piccolo spazio nel sottofilone delle cacce all'uomo confermandone la natura giocosa, allegramente sanguinaria e spesso impersonata da donne abili e spietate (Jennifer Lawrence ne è diventata icona irraggiungibile, dopo l'ennesimo sequel degli HUNGER GAMES...). Qualche bel personaggio qua e là alza il ritmo come dev'esser in film così.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/09/22
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 21/03/20 04:07 - 8249 commenti

I gusti di Herrkinski

Ultimo degli innumerevoli figli illegittimi de La pericolosa partita, è un classico film sulla caccia all'uomo da parte di sadici borghesi non privo di qualche twist; il ritmo è molto alto fin da subito riuscendo a entusiasmare nonostante la sensazione di già visto, il tasso di cattiveria e splatter è notevole e non mancano stralci di humour nero, specialmente nel finale che vede un sanguinoso scontro Gilpin/Swank ottimamente coreografato. Se non si cerca originalità, una gustosa e ipercinetica variazione di un soggetto caro al cinema thriller.

Daniela 26/03/20 09:48 - 12775 commenti

I gusti di Daniela

Dodici sconosciuti, scelti apparentemente a caso, si risvegliano in una prateria accanto a una cassa contenente armi. È l'inizio di una caccia all'uomo (e alla donna) di ferocia splatter... Ennesima riproposizione della pericolosa partita? Sì e no: se lo spunto è stato già più volte proposto al cinema, le motivazioni dei cacciatori non sono banali, come pure i criteri che guidano la scelta delle vittime, ed anche l'inevitabile countdown riserva qualche sorpresa prima di giungere al confronto finale, tanto tosto da ricordare una famosa sequenza tarantiniana. Una scoperta Betty Gilpin.
MEMORABILE: Il maialino; La favola della lepre e della tartaruga in versione riveduta e corretta; L'uso alternativo del cannello a gas per fare la creme brulée

Data 26/03/20 13:42 - 5 commenti

I gusti di Data

Incipit alla Battle Royale nel quale dodici sconosciuti devono lottare per la vita contro un gruppo di ricconi che li vuole eliminare per il proprio divertimento. Niente di nuovo nel panorama del genere, però la prima ora diverte e intrattiente grazie a una protagonista tosta e a trovate cattivissime che regalano qualche sussulto allo spettatore. Oltre a questo non c'è molto altro, ma il tutto è ben girato e quasi non si notano la pochezza della trama e la caratterizzazione inesistente dei personaggi.
MEMORABILE: Tutta la sequenza alla pompa di benzina; Lo scontro finale.

Kinodrop 2/04/20 20:34 - 3039 commenti

I gusti di Kinodrop

Un gruppo di facoltosi e spietati "cacciatori" spinti da motivi pseudopolitici organizza una battuta tra i boschi contro bersagli umani scelti ad hoc. Una specie di fanta-thriller con diversi antecedenti che punta sull'action più dinamica e sull'attrazione esercitata da splatter e violenza a oltranza, con una protagonista audace e battagliera fino in fondo. A parte le inevitabili forzature di una trama a più facce e più livelli, un buon ritmo e il divertimento non cedono mai; anzi, si esaltano nel finale e la resa dei conti a due. Grintoso.
MEMORABILE: Il maniero in Croazia; Il maialino e "la fattoria degli animali"; In retromarcia sul finto salvatore; La mattanza al fortino.

Cotola 30/05/20 17:38 - 9171 commenti

I gusti di Cotola

Spunti e progressioni narrative sono già stati visti, ben più di una volta. E quando sembra che le cose possano cambiare, il film riprende i sentieri del risaputo. Eppure il film funziona e lo fa anche bene. Merito in primis di un ritmo che si presenta alto sin dall'inizio della pellicola: si parte e si è subito o quasi nel pieno dell'azione. La regia di Zobel è vigorosa, la confezione davvero buona e la sceneggiatura presenta qualche finezza, regala umorismo nero a piene mani e tanto splatter che soddisferà gli appassionati di genere. Buone le prove di tutto il cast.

Rambo90 8/06/20 23:55 - 7736 commenti

I gusti di Rambo90

Bella variazione sul tema della Pericolosa partita, declinata con un forte gusto per l'umorismo cinico e un senso della violenza grottesco che strizza l'occhio a Tarantino e compagni. Il ritmo è da subito la carta vincente, senza nessuna pausa e con buoni momenti action (il combattimento finale poi è ottimo). Prima metà con vari momenti spiazzanti, seconda leggermente inferiore ma con una motivazione alla caccia divertente e inusitata. Buona scelta la Gilpin, Hilary Swank invece appare poco ma è un villain davvero riuscito. Notevole.

Capannelle 14/06/20 15:02 - 4444 commenti

I gusti di Capannelle

Caccia all'uomo organizzata da ricchi annoiati? Forse, sì, no ma perché? Diciamo che la trama poteva avere uno sviluppo migliore, più solido ma che non mancano degli spunti interessanti da cogliere. Quello che però trasforma un plot abbastanza altalenante e alcune gag sparate un po' alla rinfusa in qualcosa di meritevole della nostra attenzione è l'interpretazione della Gispin, decisa e autoironica al punto giusto, e con una gamma espressiva anche corporea di tutto rispetto. Ottimo contraltare è anche una rediviva Swank, pronta a misurarsi in uno scontro senza esclusione di colpi.

Galbo 26/06/20 05:56 - 12454 commenti

I gusti di Galbo

Un gioco al massacro le cui premesse non sono così banali come potrebbero sembrare. Il film di Zobel scopre progressivamente le carte ma non fa mai calare la tensione a partire da un inizio dal ritmo serratissimo, che si mantiene alto per tutta la durata della pellicola. Violenza efferata, quasi mai fine a sé stessa e ambientazioni funzionali alla storia. I personaggi purtroppo hanno uno spessore limitato fatta eccezione per quello della Swank, praticamente perfetta per il ruolo, ancor di più della protagonista Betty Gilpin, star della serie Netflix Glow

Nicola81 1/07/20 22:39 - 2892 commenti

I gusti di Nicola81

Buona commistione fra il thriller e la commedia nera, che riesce a coinvolgere per l'intera durata (peraltro abbastanza snella), grazie a un ritmo serrato e frequenti scoppi di violenza. L'assunto di partenza non è certo innovativo; lo è invece la contrapposizione politica tra cacciatori e prede, che ha inevitabilmente sollevato più di una polemica. Hilary Swank lascia il segno pur non avendo moltissimo spazio a disposizione, mentre la protagonista Betty Gilpin offre una performance notevole sul piano fisico, ma sull'espressività si può migliorare.

Gestarsh99 21/07/20 18:10 - 1395 commenti

I gusti di Gestarsh99

Misunderthriller venatorio profondamente attuale, infuocatamente americano ma non solo. Sfrutta con mordacità immediata un espediente narrativo ben noto - la "pericolosa partita di mele marce" riservata alla selvaggina umana - quale cavallo di Troia per introdurre all'auditorio la decimante falcidia moderna tra crackers white-trash e libtards radical-kitsch, neo-categorie (social quanto sociali e antisociali) rizomaticamente interconnesse alla koinè tutta contemporanea della "cancel culture". Zobel ha gioco facile: parodiare parodie viventi è un po' sparare a zero sulla Croce Rossa.
MEMORABILE: La violenta resa dei conti in cucina in perfetto stile Kill Bill: Volume 1.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina ComplianceSpazio vuotoLocandina SopravvissutiSpazio vuotoLocandina Omicidio a EasttownSpazio vuotoLocandina In dreams

Didda23 1/09/20 15:43 - 2436 commenti

I gusti di Didda23

Nonostante la mancanza di spunti narrativi veramente originali, non si può che rimanere comunque soddisfatti dal lavoro di Zobel che mostra una buona predisposizione tecnica per il genere con tutta una serie di sequenze dall'alto tasso adrenalinico. La prima parte si fa preferire alla seconda (che cala un filino in termini qualitativi) con l'intera sequenza nella pompa di benzina che è un piccolo gioellino. Non si lesina in termini di violenza, anche se il finale per certi versi delude. Qua e là si respira grande cinema di intrattenimento. Da applaudire la prova della Gilpin.
MEMORABILE: La sequenza della pompa di benzina in Arkansas; Il funzionario dell'ambasciata; Il maialino.

Hackett 17/09/20 16:25 - 1868 commenti

I gusti di Hackett

Davvero un buon revenge thriller, questo prodotto di Blumhouse. Pur partendo da un plot ormai avvastanza risaputo (almeno da Hostel in poi) che vede al centro della vicenda ricchi senza scrupoli che si divertono con le vite di popolani usati come prede, il film ha il coraggio di cercare in più momenti la virata, svelando man mano che il gioco non vede innocenti da nessuno dei due lati. Intrigante la scelta narrativa della prima mezz'ora nella quale non si riesce a capire quale possa essere il protagonista, viste le morti improvvise (e splatterose) che si susseguono. Molto divertente.

Pumpkh75 30/09/20 12:43 - 1777 commenti

I gusti di Pumpkh75

Ode a Diana a eliminazione diretta, inzuppata di sangue e incentrata sul classico “a chi tocca ora?”, che mira i bersagli e li colpisce dritti dritti al centro: incipit volante e altoborghese, poi venti minuti violenti di sfida persa in partenza a indovinare il protagonista, infine un conto alla rovescia scoppiettante che vorresti andasse ben oltre le frecce dei twist. La Gilpin pare un omaggio alla spietatezza tamarra e ironica degli action anni 80, lo scontro finale è bello ma troppo tarantiniano (o è troppo bello proprio perché tarantiniano?). Un gran divertimento, comunque.

Paulaster 1/10/20 10:19 - 4526 commenti

I gusti di Paulaster

Dodici sconosciuti divengono prede all'interno di una tenuta. Si mescolano black comedy, splatter e azione vivendo di momenti alterni dopo che si sono svelati i primi sospetti. Buono il ruolo della Gilpin che strappa più di un sorriso, anche se sembra una killer con un'espressione sola. A tale riguardo, qualche riferimento a Kill Bill sembra evidente. Nota per i ripetuti accenni di natura politica, contro la gestione Trump nello specifico, che più volte sembrano attacchi gratuiti e nemmeno così eleganti (il maialino).
MEMORABILE: Il costo delle sigarette; L'ambasciatore fuori dall'auto; Lo scontro con la Swank.

Anthonyvm 16/12/20 15:49 - 5883 commenti

I gusti di Anthonyvm

La pericolosa partita trapiantato nell'era della post-verità e della polarizzazione politica, in una satira over-the-top che porta il tema di Una cena quasi perfetta alle estreme conseguenze (una banda di radical chic a caccia di suprematisti bianchi e complottisti di destra). Un film perfettamente "libertarian" nel senso americano del termine, violento, dinamico e spassosissimo (la beffarda sequela di finti protagonisti uccisi nella prima parte, la resa dei conti finale apertamente tarantiniana). Ottime l’iper-agguerrita Gilpin e la Swank in un ruolo breve ma intenso. Consigliabile.
MEMORABILE: Il viaggio in aereo; Il massacro iniziale; Granata nei pantaloni; La favola della lepre e la tartaruga con twist; Il duello "domestico" al femminile.

Piero68 18/02/21 10:02 - 2961 commenti

I gusti di Piero68

Discreta pellicola con evidenti richiami tarantiniani o coeniani e con una velata (nemmeno poi troppa) polemica contro i social e contro questo moderno manicheismo da rete che pare vedere la gente divisa o in complottisti destrorsi o in radical-chic sostenitori dei poteri forti. Qualche vuoto narrativo e la indisponente recitazione della Gilpin abbassano lo score totale del prodotto, che poteva risultare davvero potente con tutti i tasselli al posto giusto. Motivazioni comunque troppo capziose.

Leandrino 1/06/21 19:37 - 516 commenti

I gusti di Leandrino

Un gruppo di sconosciuti viene armato e messo su un anonimo campo da caccia. L'incipit sembra non promettere tanto di più che una manciata di elementi bizzarri in una distopia che sa di già visto. E invece assistiamo a una caccia umana violenta e insensata, diffidente di protagonismi ed eroi e criticamente ancorata alla realtà. Vicini ad un climax classico da action movie, capiamo che quanto abbiamo visto potrebbe essere davvero un episodio come tanti della folle storia recente. Ferocemente divertente.

Puppigallo 11/01/22 12:09 - 5330 commenti

I gusti di Puppigallo

L'idea non è certo nuova (Senza tregua; Predators; Most dangerous game). Qui però l'aria che si respira è più semiseria, anche per giustificare un'operazione che altrimenti avrebbe saputo troppo di riciclato. C'è comunque un certo equilibrio tra ironia e ammazzamenti, con una protagonista monoespressiva, che in questo caso però è giustificata dal personaggio e dalla situazione. La sensazione è che la pellicola parta talmente sparata (in tutti i sensi), che inevitabilemte, iniziando poi a rallentare, perda colpi, ripartendo a tavoletta nell'epilogo. La durata ne agevola la visione.
MEMORABILE: Randy e il "dottore"; "Sono caduta" (prima intera); "Siamo proprio i peggiori"; La nuova versione de La lepre e la tartaruga; Lo scontro (Kill Bill).

Lupus73 16/01/22 15:51 - 1521 commenti

I gusti di Lupus73

Senza scomodare gli archetipi, il film amplia e amplifica il soggetto della battuta di caccia all'uomo del norvegese Manhunt (dai toni ben più crudi e boormaniani) miscelandola con temi orwelliani, un pizzico di purga sulla lotta sociale nello spietato panorama ultraliberale americano, con tanto di critica al secondo emendamento, rendendone grottesche le estreme conseguenze (metti una pistola in mano alla preda per potergli sparare giustificatamente). Ironia noir americana (anche nelle scene più gore) alle soglie con la parodia, soprattutto nel finale (che costa mezzo punto in meno).
MEMORABILE: L'eroina, sorta di iperbolico e beffardo connubio tra una Rambo al femminile e la Thurman di Kill Bill.

Minitina80 6/02/23 22:21 - 2998 commenti

I gusti di Minitina80

Apprezzabile per l’aspetto più crudo e violento del “gioco” che vanta un indice ematico abbastanza alto e una sfrontatezza non da poco nel mostrare invece di lasciar intuire. Meno interessante nei contenuti; in particolare, le motivazioni che spingono al massacro non hanno alcun mordente e servono soltanto per riempire i fotogrammi necessari per dare un minimo di quadratura alla pellicola. Stesso dicasi per lo scontro corpo a corpo tra le due protagoniste, che assume toni parossistici. Probabile che sia una scelta voluta e, chiudendo un occhio, potrebbe anche esaltare il gradimento.

Ike Barinholtz HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Disaster movieSpazio vuotoLocandina Cattivi viciniSpazio vuotoLocandina Cattivi vicini 2Spazio vuotoLocandina Suicide squad

Buiomega71 9/09/23 00:43 - 2955 commenti

I gusti di Buiomega71

Inizio al fulmicotone (con trappole deodatiane e atmosfere da cacciagione hilliane), ma lo splatter grottesco rasenta la zona del primo Jackson e la cattiveria (così come la ferocia) viene meno. Furente lotta femminea paracraveniana (portata all'eccesso) in cucina, ottimamente coreografata, che pare l'equivalente dei maschili scambi di personalità. Si deride il politicamente corretto (i neri, i gay, il sessimo), la Gilpin ammazza con nonchalance e sorrisetto sulla bocca, le teste esplodono, le frecce scoccano e i corpi saltano per aria, ma la dimensione è quella di un cartoon.
MEMORABILE: L'eye violence con il tacco 12 delle décolleté e conseguente estrazione del bulbo oculare; Prendendo in giro L'ultima alba; Gli sms in stile Closer.

Giùan 24/09/23 09:25 - 4657 commenti

I gusti di Giùan

Film il cui stampo fortunatamente non s'è perso ma il cui aggiornamento sociologico convince poco o niente. Zobel ci prova a mischiare le carte di cacciatori e prede, destrutturando le categorie di destra/sinistra alla luce del taglione social, ma Romero e l'horror "politico" restano su uno sfondo opaco mentre a rifulgere è quella pseudo ironia un tanto al litro (di sangue) cui ci si vuol fare assuefare. Il ritmo è buono e la Gilpin minacciosamente sexy calamita l'occhio, ma anche qui ci si attenderebbe uno scarto dal ruolo di muliebre (s)terminator che non arriva mai.

Valcanna 10/05/24 10:57 - 64 commenti

I gusti di Valcanna

Le premesse sapevano di qualcosa di già visto troppe volte, ma il semplice survivor movie si trasforma, con l'andare avanti nella visione, in una seria denuncia sulla moderna società, con una particolare attenzione a quella americana. Il film non risparmia nessuno, non ci sono buoni e neanche cattivi. Bravissima la protagonista, che spicca su tutto e tutti. Moltissime le citazioni alla Tarantino. Un film che vale la pena vedere, in cui lo splatter è dosato alla perfezione restando confinato nel piacere di una bella risata. Consigliato.
MEMORABILE: La chiacchierata con il consulente che doveva essere il Rambo della situazione e invece era solo un poveretto della Guardia Nazionale.

Luluke 14/06/24 19:30 - 197 commenti

I gusti di Luluke

Film anomalo. Anche se può sembrare un déjà vu, derivativo per il tema della caccia (sadica) di carnefici a vittime designate, incuriosisce per la tipologia dei cattivi, un gruppo di radical chic seguaci del politically correct che si diverte ogni anno a rapire e trucidare personaggi da social web e dintorni. Questa volta però, per problemi di omonimia, tra di loro c'è una ex militare che li vendicherà. Cattivo e sarcastico, tarantiniano ma al tempo stesso originale, portatore di una satira sociale che ha scontentato un po' tuti: buon segno. Ben interpretato, ottimamente diretto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Herrkinski • 23/03/20 14:38
    Consigliere avanzato - 2641 interventi
    E' in uscita il 7 Maggio da noi secondo IMDB, ma non so in che formato vista l'attuale situazione. Probabilmente passerà direttamente come video on demand o tramite qualche canale del genere, come altri film che dovevano uscire in questo periodo.
  • Discussione Daniela • 3/04/20 18:04
    Gran Burattinaio - 5934 interventi
    Il film è uscito su Chili al NON modico prezzo di Euro 15,99 per il solo noleggio.
  • Discussione Herrkinski • 3/04/20 18:07
    Consigliere avanzato - 2641 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Il film è uscito su Chili al NON modico prezzo di Euro 15,99 per il solo noleggio.
    Mi sa che tutti i film "recuperati" dopo le chiusure dei cinema faranno la stessa fine, visto che già anche L'uomo invisibile ha subito la stessa sorte. Non una grande mossa commerciale, forse avrebbero fatto meglio a venderli a Netflix a questo punto.
  • Discussione Digital • 3/04/20 18:41
    Portaborse - 4038 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Il film è uscito su Chili al NON modico prezzo di Euro 15,99 per il solo noleggio.
    Altra genialata..prevedo molti noleggi, si, si..
    Comunque è sottotitolato in italiano, niente doppiaggio.
    Ultima modifica: 3/04/20 18:43 da Digital
  • Discussione Capannelle • 13/06/20 12:33
    Scrivano - 3612 interventi
    Daniela sottoscrivo che la rivelazione di questo film è la Betty Gilpin, dove l'hanno tenuta nascosta finora?
    Carina al punto giusto, molto dinamica e con una gamma di espressioni versatile.
    Cerco altri film per una conferma.
    Ultima modifica: 13/06/20 12:35 da Capannelle
  • Discussione Daniela • 14/06/20 08:44
    Gran Burattinaio - 5934 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Daniela sottoscrivo che la rivelazione di questo film è la Betty Gilpin, dove l'hanno tenuta nascosta finora?
     
    Davvero una bella sorpresa. L'avevo vista recentemente in una commedia nel ruolo della migliore amica/nemica di Rebel Wilson (Non è romantico?), il suo volto resta facilmente impresso soprattutto per l'espressività della bocca, ma non ero certo preparata ad un tale exploit action. Dopo il film, mi ero fiondata a vedere cosa altro aveva fatto, ma c'è poco di filmico da ripescare, dato che finora è stata attiva soprattutto in tv. 
    Speriamo che dopo The Hunt abbia altre buone occasioni e si mantenga così com'è, bella tosta in modo non convenzionale. 
    Ultima modifica: 14/06/20 08:45 da Daniela
  • Discussione Herrkinski • 14/06/20 18:02
    Consigliere avanzato - 2641 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Speriamo che dopo The Hunt abbia altre buone occasioni e si mantenga così com'è, bella tosta in modo non convenzionale. 
    Staremo a vedere, qui non mi è dispiaciuta anche se per me la Swank ruba ancora la scena :-)
     
  • Homevideo Buiomega71 • 28/06/20 13:53
    Consigliere - 26252 interventi
    In dvd (e blu ray) per la Universal, disponibile dal 06/08/2020

    https://www.amazon.it/gp/product/B08BM4K2WQ/ref=ox_sc_saved_image_2?smid=A11IL2PNWYJU7H&psc=1
     
  • Discussione Capannelle • 3/07/20 15:02
    Scrivano - 3612 interventi
    Prendo spunto dal commento di Nicola81 per segnalare che in america l'uscita del film (inizialmente data al 27 set 2019) è stata ritardata perchè nel mese precedente si erano verificati due omicidi di massa.
    Ad aggiungere polemica ci si era messo anche Trump twittando che The Hunt era un film violento e razzista dove i liberal di Hollywood svelavano il loro vero volto (divertendosi ad uccidere i fan di Trump).
    Ultima modifica: 3/07/20 16:00 da Capannelle
  • Discussione Buiomega71 • 9/09/23 10:12
    Consigliere - 26252 interventi
    L'inizio faceva ben sperare in qualcosa di cattivo e feroce (quasi come tutti gli illustri predecessori con tema "selvaggina umana") con sms modello Closer, l'eye violence con décolleté tacco 12 e conseguente estrazione del bulbo oculare, le trappole alla Ultimo mondo cannibale e le atmosfere da cacciagione simil Southern Comfort.

    Ma già da un particolare splatteroso grottesco (la ragazza finita infilzata nell'imboscata deodatiana) si capisce che questo hunted movie targato Bloomhouse non si prende troppo sul serio, rasentando la zona satirico/fumettosa/caricaturale, occhieggiando al primo Peter Jackson e facendo dello splatter esagerazione cartoonesca che ne limita la spietatezza , buttando quasi tutto in caciara (non per nulla i modelli ispiratori dichiarati  da Zobel sono il Paul Verhoeven di Starship Troopers e il Sam Raimi dell' Armata delle tenebre).

    La Gilpin fa troppe espressioni ironiche, sciorina battutine alla Clint Eastwood e ammazza con nonchalance dando al suo personaggio la dimensione tipica dell'action tamarro (non ai livelli cafoni di Cynthia Rothrock, ma insomma siamo lì) non riuscendo a trasmettere ansia o estremo pericolo (si veda il massacro nel bunker, che manco Linda Hamilton in Terminator 2) fondamentale per qualsiasi "survivor movie". E che più che una final girl che si deve difendere con le unghie e con i denti, sembra abbia tutti i crismi (e i comportamenti) di una perfetta psicopatica.

    Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più sporco e fangoso che una simil parodia che percula il politicamente corretto (i neri, i gay, il sessismo, l'immigrazione clandestina) e lo scontro politico (che diventa letteralmente uno scannatoio) tra democratici e repubblicani (già Ryan Murphy ne aveva abbondantemente trattato in American horror story: Cult), dove l'esagerazione di corpi che saltano per aria e le teste che esplodono limitano parecchio la violenza che risulta fumettosa e indolore.

    Ottimamente coreografato l'esagitato e eccessivo combattimento femminile in cucina, sorta di lotta forsennata paracraveniana portata ai limiti estremi, che più che Kill Bill mi ha ricordato la versione maschile degli Scambi d'identità di Ronny Yu.

    Simpatica la presa in giro sull'Ultima alba con Bruce Willis (allora è sempre notte, cit.) e straordinaria la cinica, folle e ricchissima radicalchic di Hilary Swank.

    Sfx gory di sua maestà Jason Collins non al massimo della forma (qualche effetto in CG mischiato all'animatronic), regia spigliata di Zobel e chiusa finale cafonissima tra improbabili "femme fatale" dell'ultima ora e bottiglie di champagne tracannate con poca raffinatezza.

    Non il meglio che ci si possa aspettare dalle pericolose partite, troppo cartoonesco per incidere davvero, ma comunque simpatico, divertente, rapido e innocuo.

    Emma Roberts (che pareva una delle protagoniste principali) , in realtà, resta in scena pochissimo e la sua uscita dallo schermo è tra le più fulminanti e inaspettate.
    Ultima modifica: 9/09/23 14:33 da Buiomega71