LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/08/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 22/08/07 22:38 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Titolo al quale si deve ufficialmente il neologismo del filone, anche se l'anno precedente su Playmen un acuto recensore aveva già sfornato il termine decamerotico in relazione al film di Pasolini. Si tratta, in buona (buonissima, dato il cast femminile) sostanza, di un film strutturato in 5 segmenti, del quale resta a discreta memoria quello del medico che approffitta di una moglie finta malata. Rispetto alla media, l'ilarità è più accentuata, di pari passo con l'erotismo, garantito anche dalla presenza della Santilli (l'Antonia di Nocturno).

Homesick 7/11/07 12:04 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Discreto decamerotico multidialettale in cinque episodi il cui filo rosso è il tema del marito cornuto. Il cattivo gusto è trattenuto e domina la scena l'allegria, garantita da un folto gruppo di validi caratteristi (De Luca, Dori, Garrone, D'Orsi...) e dai canti goliardici di Pisano. Il gineceo, specializzato nel genere, è ricchissimo e assai generoso: tra le migliori la Santilli, brava attrice e abbondantemente spogliata.
MEMORABILE: L'episodio di Ciccillo con il cetriolo che guarisce ogni prolema femminile...

B. Legnani 15/04/09 17:04 - 5028 commenti

I gusti di B. Legnani

Modesto film di Biagetti (che pure qui non gestisce il ritmo, mal distribuendo il tempo alle varie fasi), che si salva dall’ignominia solo grazie a un quarto racconto gradevole e ben recitato (quello con Pino Ferrara, Dori, la Santilli e la Ferronao ) e da trame non male, però sfruttate maluccio (terribile la recitazione richiesta a Bufi Landi nella novella d’ambiente romagnolo e inspiegabile la scelta di filmare molte scene in un vero budello). Girato in fretta (notare la comparsa che perde palesemente l’equilibrio mentre impalla Pino Ferrara!). Dal gineceo stavolta spicca la Nell.

Pinhead80 7/02/20 22:26 - 4171 commenti

I gusti di Pinhead80

Decamerotico composto da cinque storie che hanno come comune denominatore quello dell'uomo tradito dalla propria moglie. Il maschio a tutti gli effetti non ci fa una gran bella figura perché viene fotografato come un essere ingenuo incapace di rendersi conto delle evidenti corna che si ritrova a portare. Come sempre alcuni episodi sono riusciti meglio di altri (il primo e il terzo su tutti), anche se il livello è mediamente basso. Cast femminile di tutto rilievo, soprattutto se consideriamo le scene di nudo.

Ronax 30/10/20 00:21 - 1008 commenti

I gusti di Ronax

Diretto da Biagetti sotto pseudonimo, è il film che ha dato il nome a questo prolificissimo genere di cui incarna i pochi pregi e i molti difetti, a partire dalla monotonia delle trame che gira e rigira vertono sempre sulla stessa solfa: mariti vecchi e allocchi che si credono furbi, mogli vogliose che li cornificano a ogni piè sospinto e aitanti stalloni sempre pronti alla bisogna. Una certa cura formale e l'imponente gineceo, fra cui spiccano una nudissima Santilli doppiata in napoletano e la sempre divina Orchidea, non bastano a sollevarlo da un'irrimediabile aura di mediocrità.
MEMORABILE: La finta confessione della Giorgelli al marito che si fa passare per il prete.

Herrkinski 7/04/21 21:18 - 6161 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i primi esemplari del filone, si distingue se non altro per un impianto piuttosto professionale; l'estetica e il gineceo sono l'unica cosa degna di nota in un lavoro altrimenti dimenticabile in cui le solite storie tra vecchi cornuti, giovani amanti e discinte fanciulle non offrono nulla di particolarmente memorabile. I cinque episodi si confondono subito nella memoria dello spettatore e non lasciano il segno, riducendo il film alla solita sequela di gag poco comiche e nudità di rito, nello stile di un filone qui ancora fresco ma che da lì a poco stancherà ampiamente.

Trivex 15/10/21 15:44 - 1595 commenti

I gusti di Trivex

Decamerotico “felice”, in quanto considera amori e tradimenti divertendosi a prenderli in giro. L’inno alla gioia per fomentare i comportamenti gaudenti (e impenitenti) prosegue con episodi slegati tra loro, ma la componente del sesso e delle corna è comunque elemento comune. Linguaggio non eccessivamente scurrile e adeguate presenze, sia maschili che femminili, lo portano a un livello leggermente più alto della media del genere e alla fine qualche sorriso lo strappa pure. Anni 70 allo stato puro (o impuro che sia).
MEMORABILE: La faccia del marito "becco" che guarda la moglie alla "cura" del cetriolo e le sue considerazioni finali poco scaltre.

Orchidea de Santis HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.