King Kong

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Peter Jackson's King Kong
Anno: 2005
Genere: fantastico (colore)
Note: remake del film omonimo del 1933
Numero commenti presenti: 33
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Peter Jackson non cambia di una virgola: pregi e difetti del regista del SIGNORE DEGLI ANELLI rimangono gli stessi anche quando deve confrontarsi con un “remake” classico come KING KONG. La prolissità, l’inconsistenza dei personaggi, una fastidiosa puerlità di fondo fanno da contraltare a scene spettacolari capaci talvolta di lasciare a bocca aperta. E da quanto è prolungata l’avventura nella giungla giurassica di Skull Island (l’isola avvolta nelle nebbie) si capisce come lo stesso Jackson sia ben conscio dei suoi punti di forza. Qui però l'eccesso di animazioni digitali (non sempre impeccabili,...Leggi tutto a dire il vero) finisce col raggiungere la saturazione: inevitabilmente sfibranti le lotte con t-rex, ragni giganti e cento altre creature che affollano la scena. Meglio allora la terza parte e il finale, con Kong a scorrazzare per la New York Anni Trenta (ottima la ricostruzione, valorizzata da una fotografia contrastata e volutamente retrò) e l’arrampicata inevitabile sull'Empire State Building. Poi però ci sono gli insistiti primi piani su Naomi Watts (bella e brava ma a lungo andare stucchevole), un Jack Black (il regista del film nel film) che sgrana gli occhi appena può, un Adrien Brody (l'eroico sceneggiatore) del tutto insipido. Gli altri componenti della spedizione fanno numero e si preparano a crepare nella giungla. KING KONG è un giocattolone prevedibile, che non ha il fascino dell'originale né del remake con Jessica Lange. Si dimentica presto, pure se con qualche rimpianto per la spettacolare grandiosità di alcune scene (e del vertiginoso finale sull'Empire).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 26/01/07 02:06 - 4498 commenti

I gusti di Puppigallo

Visto al cinema colpiva molto di più (a parte i primi interminabili 45 minuti), con i suoi mega effetti, i combattimenti incredibili come quello tra Kong e i T-rex, le belle ambientazioni. Ma quando lo si rivede si storce un po’ il naso. Lo scimmione è troppo umanizzato rispetto a quello del capolavoro del 1933; e gli attori non sono certo eccezionali. Dà più l’idea di una pellicola troppo lunga, con grandi effetti, quasi inflazionati e alcune buone scene. In più, si appesantisce troppo col passare dei minuti, specialmente dopo la cattura. Comunque, fino ad allora, non ci si annoia di certo.
MEMORABILE: La scena del tronco (un omaggio al capostipite); L'attacco degli insetti; La fuga del branco di brontosauri, terrorizzati dai predatori (adrenalina).

Caesars 8/02/07 10:24 - 2674 commenti

I gusti di Caesars

Mah! Che necessità c'era di rifare il remake di questo film? Troppo lungo, soprattutto nella parte dell'isola e, a mio parere, la computer graphic fa rimpiangere i trucchi artigianali dell'edizione del '33, che aveva un fascino molto maggiore. L'unica cosa divertente del film è la battuta di Jack Black (attore che non sopporto) quando cerca un'interprete per il suo film e dice che Fay Wray è impegnata in un film con Cooper (attrice e regista del primo King Kong). Prescindibilissimo.

Magnetti 8/02/07 10:43 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Occasione persa da Peter Jackson, forse più concentrato sulla confezione del film (magari per esigenze di incasso) che sull'assecondare il suo estro creativo e visivo. Un esempio: perchè ricreare l'intero film con la computer grafica quando si potevano trovare location selvagge e più affascinanti? Del film salvo gli inquietanti selvaggi dell'isola. Noioso e prolisso. Mai prima mi ero pentito dell'acquisto di un DVD. Anche gli attori (a parte Brody) non sono azzeccati. Comunque da vedere.

Fabbiu 14/02/07 10:49 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

Jackson ha preso un classico fantastico e ne ha fatto un remake aggiungendo elementi che forse avrebbe voluto vedere nella pellicola degli Anni Trenta. Il mio parere è che i dinosauri aggiunti e la sequenza dell'inseguimento in stile Jurassic Park (più l'attacco degli indigeni incazzati) sono elementi utili a rappresentare al meglio un ambiente inesplorato come quello dell'isola. Non Penso che Con King Kong Jackson avesse voluto fare qualche cosa di impegnativo, quindi per questo mi è piaciuto.

Stubby 11/03/07 18:31 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Visivamente parlando è sicuramente notevole. Il problema che però, secondo me, affligge questa pellicola, è il fatto di aver calcato un po' troppo la mano per renderla quanto più avvincente possibile finendo con l'esagerare. L'inserimento degli animali preistorici e il combattimento con i T-rex rende la cosa entusiasmante ma non ha niente a che vedere con l'originale. Inoltre alcune scene sono piuttosto farsesche (la fuga con l'attore che corre più veloce dei velociraptors urlando "Pista!").

Mancho 2/04/07 22:44 - 28 commenti

I gusti di Mancho

Peter Jackson è uno dei pochi eroi moderni del cinema. Sì, ho detto proprio Eroe, e non c'è Massimo Decimo Meridio, Ethan Hunt o James Bond che tenga. Jackson fa film prima di tutto perchè il cinema (un certo cinema) lui lo ama visceralmente. Quando si ama qualcosa fino a dedicargli anni e anni della propria vita è inevitabile fare degli errori, ma sono errori che il pubblico dovrebbe avere il garbo e l'intelligenza di perdonare, perché l'amore per un mezzo espressivo è quanto di più raro si riesca a trovare oggi. Fenomenale. Da vedere in Director's Cut.

Galbo 16/07/07 05:56 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Sulla carta un abbinamento vincente quello tra King Kong e Peter Jackson. Purtroppo non tutto funziona a dovere; il regista neozelandese non riesce, nonostante i mezzi a disposizione, a ricreare la magia del film originale. Tuttavia alcuni momenti rimangono molto suggestivi: tra questi, lo sbarco sull'isola del mostro e la ricostruzione della New York degli anni 30. Ma forse è troppo poco per giustificare l'impegno.

Lovejoy 19/12/07 22:49 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Inutile rifacimento di vero classico, quello del 1933. A volte i vecchi film in Bianco e Nero fanno letteralmente a pezzi i loro pronipoti. Questo di Peter Jackson è un qualcosa che si poteva tranquillamente evitare. La storia è stata lievemente modificata (e già questo...) aggiungendovi gratuiti momenti horror francamente inutili e protraendo fino allo spasimo alcune scene, tra cui quella della lotta tra Kong e i T-rex che alla fine irritano. Bella la ricostruzione degli anni '30. Black il migliore del cast. Gli altri mediocri.

Almayer 29/01/08 12:54 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Mi è piaciuto assai: ben impostato, lungo ma non si sente, un'exploitation over-the-top come lo era l'originale, che viene ricalcato molto fedelmente. Jackson a mio avviso torna regista di exploitation e ci fa vedere tutto quello che avremmo voluto vedere in un film simile (anche nella versione originale) e non avevamo mai visto. Un delirio di mezzi, ma sempre appagante. Sia chiaro: ha anche i suoi buchi, qualche effetto digitale di troppo (la nave che parte da New York), ma gli attori sono bravi (Jack Black e Thomas Kretschmann su tutti).
MEMORABILE: La parte centrale dell'isola è delirio per occhi e orecchie: ritmo elevato, qualche salto sul divano e una scena con dinosauri notevolissima.

Pigro 22/09/08 09:29 - 7733 commenti

I gusti di Pigro

Cineasta fallito degli anni 30 parte per girare il suo kolossal, ma in un’isola trova esseri mostruosi. Ci sono tre film, uno dopo l’altro: il primo è la commedia di un fallimento e di un’utopia tra le strade di New York e una nave conradiana (intrigante); il secondo è il classico film di mostri da effetti speciali con ritmo alla Indiana Jones (inutile); il terzo è la copia del finale di King Kong, ma centellinata all’inverosimile e senza nuove idee (noiosa). Un’esaltazione della fantasia che finisce nello sbadiglio.

Bruce 17/11/08 11:24 - 1002 commenti

I gusti di Bruce

Una leggenda antica girata con le più avanzate tecnologie cinematografiche. Uno sforzo colossale dal regista de Il Signore degli anelli. Coinvolgente ed emozionante, anche poetico sul ghiaccio del Central Park. Indimenticabile la fuga dal teatro. La Watts bella e brava.

Supercruel 24/02/09 20:56 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Iperuranico blockbuster firmato da un Jackson parecchio in palla, a suo agio nel disegnare una storia lunga che tocca tanti generi, gonfiata da un muscoloso e invidiabile sense of wonder. Il regista recupera la vicenda "umana" di King Kong e la pompa di dollari, realizzando più di una sequenza da lasciare a bocca aperta. Qualcuno potrebbe non gradire il minutaggio esteso e la commistione sfrenata (si passa con noncuranza dal dramma ai dinosauri), ma lo spettacolo è garantito. E lo scopo pare proprio quello: dare spettacolo! Bravi Watts e Black.

Matalo! 14/04/09 11:09 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Dopo mezzora diventa indifendibile; troviamo in peggio i difetti del Signore degli anelli, specie nella lunga, noiosa, disgustosa scena con dinosauri e insetti, che poco interessa quando invece vorremmo vedere Kong (sul quale ormai non vi è dubbio che il suo interesse principale sia la gnocca e con ragione, visto che qui c'è Naomi Watts). Attori sprecati (Brody) o invadenti (Black). No, la tecnologia non batte Schodesack e Cooper che restano ancora i numeri uno!!!

Blatt 10/06/10 23:34 - 3 commenti

I gusti di Blatt

A me è piacuto parecchio, anche se è evidente che sia la produzione che la post-produzione non sono al massimo livello. Se devo trovare un difetto è che in alcuni punti è un po ridondante, specie animali presi pari pari dalle fobie umane. King Kong è spettacolare!

Greymouser 27/03/10 11:40 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Molti hanno lamentato l'eccessiva lunghezza dell'antefatto; a me sembra invece che il punto debole del film stia nella parte finale, dove il registro si fa un po' melenso e Jackson spinge molto sul pedale della facile commozione. Le parti per mare e sull'isola funzionano bene e soprattutto presentano alcune scene di straordinario impatto visivo. Non mancano i toni orrorifici come nella scena con gli insettoni, davvero forte. Certo, rispetto alla trilogia tolkieniana è un passo indietro, ma è sempre grande cinema.

Piero68 26/04/10 12:28 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Ennesimo remake di un film che ha fatto la storia del cinema. Cast di prima scelta (c'è anche il figlio di Tom Hanks) e fotografia buona. Peccato però che il film non decolli mai realmente e non vada molto oltre il soggetto originale di ottanta anni fa. E quando lo fa combina dei pasticci indescrivibili. Come la coesistenza di animali preistorici, insetti giganti e gorilloni (tutte specie che assolutamente non appartengono alle stesse ere geologiche). Un pout pourri per bocche buone. Fa rimpiangere persino la versione del '76.

Mdmaster 23/01/11 12:21 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Freddo e dimenticabile remake del regista neozelandese che si sforza più che altro di usare ogni mezzo digitale a disposizione per stupire, dimenticandosi completamente di quel minimo di storia tracciata nei primi dieci minuti. Il cast avrebbe sicuramente meritato di più, la Watts e Brody non sono proprio da buttar via, ma qui sarebbe stato più sensato rimpiazzarli con qualche bella faccina. Baraccone apprezzabile per gli sforzi in campo sfx; un giro sulla giostra e tutti a casa. Niente di più che la cara vecchia e vuota Hollywood.

124c 24/01/11 17:49 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Dal re de Il signore degli anelli parte uno, due e tre, una versione da "terra di mezzo" dello scimmione più importante della storia del cinema. La trama ricalca quella del classico degli anni '30 con l'aggiunta di dettagli, grande cast, effetti speciali all'avenguardia e CGI. Il film è molto pretenzioso quanto prolisso, con una Naomi Watts molto bella, un simpatico Jack Black e un Adrien Brody eroico innamorato. Forse non sapremo mai cosa frullasse nella testa di Peter Jackson ma, talvolta, i sogni di un regista è meglio che restino tali.

Tyus23 23/04/11 16:04 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

Il remake anni 2000 del classico del '33 non poteva che essere così: una grandissimo giocattolone infarcito di effetti speciali all'ultimo grido (ma per la verità non sempre efficacissimi). Per fortuna però Jackson ha anche modo di approfondire qualche tema, in primis il commovente rapporto tra la Bella e la Besti, e, pur eccedendo nella durata e nella quantità di mostri, confeziona un remake più che discreto. Sorprendente Jack Black, non male neanche la Watts.

Rebis 20/08/11 15:54 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

La macchina cinema e il prodigioso. Il limite del filmabile, la profanazione e l'uccisione del mistero quale scaturigine del meraviglioso. Insieme, la più debordante dichiarazione d'amore fatta al sogno e alla settima arte, un amalgama indistinguibile e sbalorditivo di orrore, avventura e commozione. Tre ore che durano un baleno, un'esplorazione appassionante della tecnica, dei mezzi, dello spazio, che realizza il miracolo sfumato a Steven Spielberg: la perfetta, complice fusione di reale e digitale. Non un remake, non una sfida: più che un omaggio, una generosa oblazione. Faraonico.
MEMORABILE: La palude degli insetti; la lotta con i T-Rex.

Daniela 18/10/11 15:07 - 9222 commenti

I gusti di Daniela

Un remake non troppo entusiasmante, anche se superiore a quello mediocre del '76, al di là dell'indubbia spettacolarità di alcune scene, anche se talvolta compromessa da una digitalizzazione troppo esibita per passare in secondo piano davanti alla potenza delle immagini. Convince poco il cast, soprattutto maschile (Black troppo carico, Brody anemico) e l'eccessiva umanizzazione del gorillone, cui però si deve la sequenza più riuscita, quella del ballo sul ghiaccio fra la bella e la bestia, fantasia poetica che rinnova il mito. Cine obbligatorio

Nando 26/12/11 15:33 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Digitalissimo remake del famoso scimmione in cui la componente fumettistica regna sovrana. La pellicola assomiglia ad un grande videogioco in cui trattare tutti i temi possibili. Lunghezza esasperata e discrete ricostruzioni si alternano in una miscellanea di suoni, immagini ed effetti speciali. Non se ne sentiva il bisogno.

Werebadger 14/01/14 15:28 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Eccellente remake di un classico. Jackson, grande estimatore della pellicola originale, confeziona un omaggio sontuoso e ad alto tasso di spettacolarità e visionarietà. Grande cura nel ricostruire l'ambientazione di un'America dei 30 e di un mondo selvaggio fuori dal tempo, notevole fedeltà al soggetto (alcune scene vengono riprodotte quasi identiche) FSX preponderanti ma non artificiosi, ottime le prove attoriali (una bellissima Watts, Black, Brody e Serkis, che presta le sue espressioni facciali al celebre scimmione). Da vedere.
MEMORABILE: La lunga e spettacolare lotta tra Kong e i due Tirannosauri affamati; L'attacco dei mostri in fondo al burrone; La morte di Kong.

Undying 8/06/14 19:00 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Idolatrato per pellicole inguardabili (Bad taste o Splatters) e poi passato al mainstream con grande apprezzamento (Il signore degli anelli), Peter Jackson continua a devastare miti: prima lo splatter, l'horror, il fantasy e adesso tocca alla pietra miliare del catastrofico. Non cambia una virgola dello script originale (solo in peggio, annullando il suggestivo accostamento Empire Building/Montagna antica) e prolunga all'inverosimile (3 ore e 20 nella versione estesa) una sarabanda di effettacci in CG degni di un videogioco. Infantile e penoso.

Simdek 22/07/14 19:54 - 93 commenti

I gusti di Simdek

Jackson cerca di dare il suo tocco a un'opera straconosciuta al grande pubblico. Gli effetti speciali, effettivamente, sono d'autore, ma il ritmo rimane sempre un po' fiacco con l'eccezione di alcune scene. Ci si sarebbe aspettati qualcosa di più, forse con un utilizzo maggiore del cinico e bravo Black, ma l'opera rimane avvitata su se stessa non riuscendo mai a decollare. Delusione.
MEMORABILE: Il duello con i T rex; La lotta con gli insetti giganti.

Toporosso 16/08/14 17:03 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Dopo aver inaugurato il millennio portando sullo schermo la corposa trilogia tolkeniana de Il Signore degli Anelli, Peter Jackson si cimenta con il remake di una leggenda cinematografica. E la cosa gli riesce anche bene, tutto sommato. Le tre ore abbondanti di film scorrono agevolmente, aiutate da scene di pura azione farcite di CGI e da una trama che, seppur ben nota, avvince ugualmente. Cast di buon livello con una scintillante Naomi Watts e un inedito Jack Black su tutti. Kolossal costoso ma, nel complesso, quattrini spesi bene.

Von Leppe 25/05/15 12:53 - 1018 commenti

I gusti di Von Leppe

E' ambientato nell'epoca dell'originale, nei mitici anni 30 americani, ma come nel precedente remake si esagera nell'affetto corrisposto tra la ragazza e il gorilla gigante per arrivare a un finale strappalacrime. Un prodotto comunque fatto con buoni effetti speciali e ricostruzioni dell'isola e della New York del periodo. Alcune sequenze che dovrebbero essere molto drammatiche sono risolte in modo leggero, senza sangue, premendo più che altro sull'azione e le acrobazie. Mancano l'orrore misto a meraviglia del prototipo, ma questo è un'altro film.
MEMORABILE: "Fay è impegnata in un film con la RKO"; Gli indigeni.

Saintgifts 16/08/15 12:17 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un modo di riproporre, usando tutti i mezzi attuali, un classico come King Kong. Il punto che fa discutere (spesso sterilmente) è proprio questo: è un remake, il remake di quello che è considerato quasi un intoccabile; comunque lo si rifaccia c'è sempre l'originale vincente, nonostante tutti i limiti imposti dall'epoca, limiti che sono assurti a irraggiungibili traguardi tecnici e artistici. Forse è anche vero, si tratta solo di non volerli superare, ma di darne una diversa versione, come forse avrebbero fatto anche i primi creatori.
MEMORABILE: La mano di Kong riscalda Naomi vestita di veli, nel freddo che ha creato uno strato di ghiaccio sufficiente a sorreggere il peso del bestione in love.

Viccrowley 1/03/17 20:16 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Jackson, da sempre fan sfegatato del King Kong del 1933, corona un sogno e lo riporta sullo schermo infondendo tutto il suo amore per il grande cinema classico e per l'avventura. La prima parte è un bel pezzo di cinema e presenta la situazione e i personaggi. Dalla partenza in nave in poi, il sense of wonder si prende la scena partendo a rotto di collo in un'avventura che pesca con amore dai classici dell'epoca infarcendo il tutto con i migliori SFX possibili. Finale possente e struggente abbarbicati sull'immancabile Empire State Building.
MEMORABILE: La lotta tra Kong e i T-Rex; L'arrivo a Skull Island; Kong e Ann sul laghetto ghiacciato.

Minitina80 26/04/17 07:57 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Tre ore sono decisamente tante per un film del genere, in cui si poteva dosare meglio il minutaggio senza comprometterne il senso. Jackson non è equilibrato e inserisce un numero elevato di dinosauri e panorami artefatti, alcuni gradevoli altri meno. Come gli è capitato altre volte, le situazioni al limite della verosimiglianza si notano e sebbene si tratti di un film fantastico in più occasioni supera il limite. Jack Black, poi, non sembra nemmeno adatto al ruolo. Fosse durato un’ora di meno sarebbe stato più digeribile.

Thedude94 18/01/18 00:18 - 540 commenti

I gusti di Thedude94

Blockbuster e remake di uno dei mostri più leggendari della storia del cinema fatto con mestiere e arte dal grande Peter Jackson. E' proprio il regista a regalare le emozioni migliori a una storia che già tutto il mondo conosce e che vede, nei panni della bella, una Naomi Watts in splendida forma. Buono anche il resto del cast; ottimi gli effetti visivi, il montaggio e il sonoro perfetto per ogni situazione. C'è qualche fase calante, ma in tre ore non tutto può essere al massimo; buona la parte di avventura, zeppa di animali mostruosi.

Gabigol 25/03/19 08:48 - 411 commenti

I gusti di Gabigol

Non c'è traccia del Jackson degli albori, oramai insediato in pianta stabile nelle alte sfere hollywoodiane. L'America anni '30 e Skull Island - forse avrebbe giovato una vera ambientazione, non il green screen - vivono del gusto visivo di un regista non sprovveduto; dove il film si perde è nell'invadenza della CGI, asservita completamente alle esagerazioni avventurose del secondo segmento. L'ultima parte naufraga in momenti stucchevoli e ridondanza di quanto affrontato nella prima. Impalpabili i personaggi, tranne il viscido Black.
MEMORABILE: L'approdo a Skull Island con il "benvenuto" degli indigeni; L'abisso sotto il tronco; La scalata finale.

Fedeerra 2/09/19 06:42 - 404 commenti

I gusti di Fedeerra

Sicuramente tra gli fx digitali più belli mai visti (corsa dinosauri, l’attacco degli insetti giganti, la New york distrutta da Kong). Il film ha pochi dialoghi, ma quello che conta davvero sono l’amore viscerale per il cinema, per la messinscena, la narrazione, la storia, l’iconografia. Forse uno dei pochi film d’avventura dove è ancora possibile commuoversi di fronte a un cielo infinito e un tramonto dai colori pastello. Bellissima Naomi Watts.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Rebis • 20/08/11 16:17
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Noto che tra i "Davinottici storici" sono tra i pochi ad aver apprezzato il film di Jackson, ma sono in buona compagnia (Greymouser): credo però che il confronto con l'opera originale (per quanto inevitabile) non sia il criterio valutativo più appropriato perché non mi è parso un film competitivo, ma semmai in uno stato di venerazione per il film Cooper e Schoedsack prossimo all'estasi :) Quello che invece mi ha sorpreso (positivamente perché oggi sarebbe stata la scelta più facile e scontata) è la completa omissione di sottotesti sessuali nella connotazione del rapproto tra la bella e bestia: non c'è erotismo (ben presente invece nel prototipo) praticamente Jackson ne ha fatto un melò romaticissimo confermando il suo approccio retrò e l'estetica "naif" che pur manipola (da sempre e con budget differenti) quantità (tonnellate?) di effetti speciali...
  • Discussione Buiomega71 • 20/08/11 16:30
    Pianificazione e progetti - 21760 interventi
    Non ho ancora visto questo "secondo" remake del capolavoro del '33. Ho il dvd, ma mi scoraggiano la lunga durata e quella "papocchiata" che è Il signore degli anelli!(non reggo più gli effetti in CG, e pensare che Jackson era tra i miei "beniamini", già, era...).
    Sicuramente lo vedrò, magari in due parti. Anche se , per me, quello di Guillermin/De Laurentiis resta inarrivabile.
    Ultima modifica: 20/08/11 16:35 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 20/08/11 16:36
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Guarda Buio, io fatico ad avvicinare opere che superino le due ore e mezza ma a me le tre di Jackson sono volate via e ne avrei volute ancora :) Consiglio: bevitelo tutto d'un sorso, anche perché non sapresti dove interromperlo...
  • Discussione Buiomega71 • 20/08/11 16:38
    Pianificazione e progetti - 21760 interventi
    Sicuramente seguirò il tuo consiglio, Rebis. Anche se parto un pò prevenuto, per i fatti recidivi elencati poc'anzi. Ma come dice San Tommaso...
  • Discussione Mco • 20/08/11 16:57
    Scrivano - 9659 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Sicuramente seguirò il tuo consiglio, Rebis. Anche se parto un pò prevenuto, per i fatti recidivi elencati poc'anzi. Ma come dice San Tommaso...
    Per me Jackson era, ed è, quello che mi ha fatto sbavare con l'ipersplatter di Bad Tsste, ma ciò premesso ho ritrovato un certo suo charme (soprattutto nella parte "giurassica")anche in questa sua riproposta del gorillone.
    Io l'ho visto diviso in due tranches ma, con uno sforzetto, lo si può godere anche tutto d'un fiato, come ben dice Rebis.
    E poi un'occhiata alla Watts vale sempre la pena....
    Ultima modifica: 20/08/11 16:59 da Mco
  • Discussione Rebis • 20/08/11 17:02
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Già Mco, anch'io ci ho trovato un pò del vecchio Jackson. La Watts per altro in questo film è bravissima!
  • Discussione Pigro • 20/08/11 19:46
    Consigliere avanzato - 1480 interventi
    Mah, se ripenso oggi a quel film mi viene in mente un solo aggettivo: sontuoso. Non brutto, ma incapace di scalfire la mia dura scorza...
    Sono curioso di leggere il tuo commento, ma non so se avrò voglia di affrontare di nuovo il film...
  • Discussione Rebis • 20/08/11 20:11
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Ma pensa... io non ho smesso un solo istante di emozionarmi! Poi certo, sontuoso è sontuoso, anzi, lussureggiante :)
  • Curiosità Fabbiu • 2/01/13 23:00
    Segretario - 649 interventi
    I ragni giganti non sono un'invenzione per questo film, ma facevano parte del classico di King Kong in b/n. La scena, ritenuta troppo violenta, fu tagliata, e andò persa per parecchio tempo. Jackson l'ha quindi ricreata; eccola per chi la volesse gustare.

    E' significativo sapere (contrariamente a quanto ho creduto in tutti questi anni) che ragni, insetti e dinosauri non sono solo un riempitivo per sfruttare la CGI ma anche un modo per celebrare al meglio l'opera originale.
  • Homevideo Undying • 8/06/14 19:09
    Scrivano - 7634 interventi
    Blu ray targato Universal semplicemente impeccabile per qualità tecnica: video HD 16:9 (2.35:1); audio DTS 5.1 (italiano, spagnolo, tedesco, francese, giapponese) e DTS-HD Master Audio (inglese); sottotitoli disponibili in una marea di lingue: italiano, spagnolo, tedesco, francese, giapponese, inglese, norvegese, portoghese, svedese, finlandese, coreano, greco, olandese, danese, giapponese, cinese.
    Menù (a pop-up) disponibile in diverse versioni di lingua.
    Il film è proposto nella versione cinematografica (ca 3 ore e 7 minuti) ed in quella estesa (3 ore e 20 minuti); ed è su quest'ultima versione che è possibile accedere ai contenuti speciali: commento al film e U-control agibile con Picture in picture e Gallerie d'arte.

    Semplicemente, al di là della qualità del film, la PERFEZIONE in Home Video.
    Ultima modifica: 8/06/14 20:37 da Undying