Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 25/01/07
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 2/04/07 14:46 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Non il miglior Merola poliziesco, ma Lui sempre all'altezza. Agli annali la storica battuta "a Napoli o' contrabbando è comme a' Fiatte, solo che nujie nun putimme scioperare", e il meta-cinema in salsa Brescia (la grandiosa gag davanti alla locandina di "Scugnizzi"). Bene Garko, male Montanaro e l'improponibile Jeff Blynn. La lunga sequenza del matrimonio di Sabrina Siani ("Siano" nei titoli), coi carri allegorici rappresentanti Italia, USA, Napoli e Sicilia (!) sta in un punto imprecisato fra Jodorowski e il finale di Arrapaho.

Homesick 17/04/08 17:33 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tipico poliziesco-noir concepito dalla premiata ditta Ippolito-Brescia-Merola: ambientazione popolana, lotta tra bande rivali, difesa del piccolo contrabbando come necessità contro una vita grama, immancabile coinvolgimento della criminalità newyorkese, parentesi sentimentali, siparietti comici a carico del solito Montanaro. Grande vendetta finale di Merola, seppur non così eclatante come quella di Napoli...la camorra sfida, la città risponde, scandita da ritmi e ralenti castellarriani.
MEMORABILE: Garko che vede la locandina de Lo scugnizzo: «Ehi, ma c’è pure Gianni Garko! E allora deve essere proprio un bel film!».

Daidae 5/08/09 05:19 - 3213 commenti

I gusti di Daidae

Molto bello, giusto misto tra "dramma sociale" poliziesco e cinema alla napoletana anni 80. Ottimi gli attori (forse Jeff Blyn è un po fuoriposto, invisibile Purdmon), in particolare Merola e Garko. Divertentissimo Montanaro nei panni del solito fissato con le auto. Piacerà e non solo ai fan della coppia Merola-Brescia.
MEMORABILE: Montanaro che sviene durante l'inseguimento.

Uomomite 26/07/09 08:05 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Gustosissimo classico del duo Brescia-Merola. Bel film, che se non fosse per qualche sbracamento nel finale, sarebbe potuto essere ancor più bello. Menzione speciale per il grandissimo Antonio Sabato e per il simpatico caratterista pugliese Lucio Montanaro. Stupenda la gag metacinematografica che vede protagonista lo stesso Brescia.

Renato 21/04/10 10:20 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Passo falso per il trio Ippolito/Brescia/Merola, con un film che utilizza varie sequenze insertate da Afyon oppio (ma anche da Quelli della calibro 38). L'idea del film girato al risparmio si percepisce quasi subito, ed nel finale "americano" la pellicola svacca del tutto. Franco Diogene interpreta un turco come aveva fatto -meglio- in Fuga di mezzanotte!

Dusso 22/05/13 18:39 - 1566 commenti

I gusti di Dusso

Non è male nel suo genere! Il ritmo è discreto e il cast anche meglio del solito, quindi non delude le aspettative. Tipica pellicola alla Alfonso Brescia con Merola; a deludere semmai è Garko. Divertente Montanaro mentre la De Selle è sempre indimenticabile, buonissima la colonna sonora. In un film di Brescia, poi, la villa di Casal Lumbroso non può mancare...
MEMORABILE: Il finale e le battute sulla locandina del film "Scugnizzi".

Gestarsh99 13/07/14 16:22 - 1395 commenti

I gusti di Gestarsh99

Messe in transitorio stand-by le sue campanilistiche sceneggiatone melò/criminali, Brescia tenta di dar forma a una vicenda più moderna ed esportabile, immettendo l'abituale città vesuviana nel contesto internazionale del traffico di eroina e della rivoluzione islamica in Iran (roba da instant-movie). Ed effettivamente questo noir "c'a pummarola 'ncoppa" un suo quid se lo appalta, riuscendo ad essere ironico e movimentato senza esondazioni sensazionalistiche nè inopportuni sbrodolamenti neomelodici. Ineguagliabile la frase con cui Mario Merola spedisce al creatore l'acerrimo mascalzone Sabato.
MEMORABILE: "Michele Vizzì... si n'omm 'e mmerda!"; "Mang't 'sti cunfiett!"; Garko e Brescia che si autosponsorizzano davanti alla locandina de "Lo scugnizzo"...

Pessoa 22/03/17 22:05 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Progetto interessante, questo di Brescia, che per una volta ha a disposizione un budget importante e non ne spreca nemmeno una lira con scene d'azione di grande effetto. Poliziesco partenopeo, con la parte canzonettistica fortunatamente limitata, il film si snoda su una trama non banale, con dialoghi che a volte sfociano nel patetico, ma non sono fastidiosi. Il regista regala scorci di Napoli con estremo realismo, come nella scena dei contrabbandieri in mare con i motoscafi. Bene Montanaro, alle prese con un ruolo vero. Merola mitologico. Vale!
MEMORABILE: La 127 salmone di Montanaro (mio padre ne aveva una uguale quando ero piccolo); L'ingresso dei "confetti" al matrimonio.

Jurgen77 5/04/18 09:55 - 629 commenti

I gusti di Jurgen77

Poliziottesco che si mescola alla sceneggiata napoletana. Ottimo il cast e buono il ritmo, con belle scene d'azione soprattutto nella prima parte del film. Merola nei panni del contrabbandiere "buono" ricopre perfettamente il suo ruolo di guappo. Si sconfina pure negli USA e non è poco, per un film del genere. Brescia alla regia (supportato da una produzione di Ciro Ippolito) dirige in maniera egregia il cast a disposizione. Sottotono e un po' "telefonato" il finale, che poteva essere maggiormente curato. Ottima la colonna sonora.
MEMORABILE: L'"assalto" alla nave da parte dei motoscafi dei contrabbandieri e la loro successiva "mattanza".

Faggi 29/04/18 17:39 - 1551 commenti

I gusti di Faggi

Vicenda poliziesca: trafficanti di droga, bambini, finanzieri e contrabbandieri. Brescia, Ippolito e Merola si danno da fare in un altro dei celeberrimi luoghi dove sia gli artefici tecnici sia l'interprete possono agire in libertà (qui senza tracimare senza scampo nel trash e nei cliché più triti). E infatti la visione scorre con buona fluidità e certi passaggi sono espressivi e godibili; è un fatto che l'insieme regge: pur traballando qua e là mantiene un suo equilibrio (tenendo presenti le caratteristiche di genere).

Antonio Sabato HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Al di là della leggeSpazio vuotoLocandina L'occhio del ragnoSpazio vuotoLocandina L'uomo dagli occhi di ghiaccioSpazio vuotoLocandina I familiari delle vittime non saranno avvertiti

Azione70 13/12/18 01:09 - 169 commenti

I gusti di Azione70

Film gagliardo, a metà strada tra sceneggiata e action puro. La trama ruota attorno a una partita di droga in viaggio dal medio oriente a New York via Napoli. Un finanziere (Garko, ben calato nel ruolo) la insegue e chiede aiuto al boss partenopeo del contrabbando di sigarette (Merola, come sempre eroe dei più povetivecdevoli). Sulla loro strada un industriale corrotto (Sabato). Buona recitazione, parecchia azione (a volte con immagini riciclate), musica gradevole. Auto citazione per Garko e il regista, davanti al poster del film Lo scugnizzo.
MEMORABILE: Montanaro e l’ossessione per la sua Fiat127; Il finale tra Merola e Sabato a base di confetti; L’immagine positiva del contrabbando di sigarettte (!)

Rufus68 25/03/20 17:36 - 3860 commenti

I gusti di Rufus68

Riposante gangsta-Merola in cui si ritrovano i personaggi e i luoghi comuni di una serie ideale: da Gennarino al taurino buon padre di famiglia con contrabbandieri al seguito opposto ai veri cattivi (stavolta spacciatori internazionali di droga), dal poliziotto comprensivo alla fauna partenopea locale. Anche Brescia gira con fare rilassato concedendosi persino al metacinema (il manifesto de Lo scugnizzo). Garko e Sabato sanno il mestiere loro, Mario assicura la presenza. Scivola via gradevolmente.

Giùan 20/02/22 10:52 - 4616 commenti

I gusti di Giùan

Si apre nientepopodimeno che mettendo in scena con immagini di repertorio la rivoluzione khomeinista in Iran, il che per imprudente ma congruente inconciliabilità vale a Brescia e ai suoi mezzo pallino in più. Poi tutto prende la solita piega di vicoli, guapparia, scugnizzi (notevolmente simpatica la citazione metafilmica), contrabbandieri buoni e trafficanti cattivi. C'è però da dire che l'innata classe di Garko e il ghigno truce di Sabato incorniciano puntualmente il grugno di Marione e la galleria partenopea, rendendo la confettata meno indigesta e zuccherosa del solito.

Nick franc 5/06/22 23:45 - 524 commenti

I gusti di Nick franc

Spassoso e a suo modo geniale pot-pourri che mescola con sfacciata disinvoltura immagini di repertorio per dare respiro internazionale alla vicenda, inserti documentaristici con elogio del contrabbando "buono", metacinema autocelebrativo, sfiancanti gag di Montanaro, immancabili momenti da sceneggiata, cerimonie di matrimonio all'insegna del kitsch più sfrenato, montaggio assurdo che sfiora lo sperimentale e un epico finale con divertenti inseguimenti e sparatorie. Prodotto di efficace intrattenimento dove il carismatico Merola oscura la pacata professionalità di Sabato e Garko.
MEMORABILE: Garko, Girordino e Brescia su "Scugnizzo"; L'inseguimento in auto sulle note di Six Ways; Il finale con la battuta del confetto; Diogene finto turco.

Trivex 5/09/22 15:39 - 1752 commenti

I gusti di Trivex

Un buon cast, location suggestive, adeguata dotazione di mezzi. Le risorse paiono non mancare e per i primi tre quarti la pellicola non delude i fan di questo genere, in quanto completa di tutto l’occorrente e anche di più. Non manca nemmeno qualche scampolo d’azione abbastanza tosta e il ritmo appare relativamente ben sostenuto, quasi da poliziottesco “vero”. L’ultima parte invece deraglia, con la festa di nozze americana che si perde in canti e balli, lunghi momenti utili solo a far metraggio. Comunque il finale ultimo ricompone la vicenda, nel modo più prevedibile.
MEMORABILE: Lo scontro a fuoco al mercato del porto; La strage dei motoscafi.

Schramm 29/07/23 14:14 - 3539 commenti

I gusti di Schramm

Ma sì, cos'è in fondo il contrabbando se non l'apostrofo tabagifero tra il tirare la carretta e esca per il narcotraffico, tra la sceneggiata e o' poliziuttesc (con autoinjoke di riporto e Diogene che torna a fumare come un turco – e facendo due conti, la Turchia non è lontanissima). Come action o dramma sta meno in verticale di un ubriaco su una gamba sola, ma affascina d'int'o core il suo trasudare un corpulento afflato nazional-popolare. Giocando di paradossale crono-sponda, lo si potrebbe vivere come la pre-parodia di Gomorra, cosa che gli fa guadagnare punti extra in simpatia.

Atae21 17/09/23 19:07 - 10 commenti

I gusti di Atae21

Trama interessante e cast ricco fanno ben sperare. E all'inizio il film mantiene le promesse, sia in Turchia che a Napoli. Poi però viene fuori il "fritto misto" tra scene mielose da grande "core" napoletano e la drammaticità di qualche morto ammazzato tra bande rivali. Il tutto condito da qualche siparietto comico (Montanaro). Stereotipati i capomafia ed eccessivo il folklore matrimoniale, ma tant'è. Finale prevedibile (soprattutto se si sono visti gli altri due film del trittico). Di cruda violenza non ce n'è. Tutto sommato si lascia vedere, senza prendere tutto troppo sul serio.
MEMORABILE: Sfonnatella e "marito"; La 127 Special targata NA che nell'inseguimento diventa improvvisamente una 127 normale (pure di altro colore) senza targa!

Pinhead80 27/10/23 17:41 - 4873 commenti

I gusti di Pinhead80

Un capitano della Finanza e un contrabbandiere di sigarette si alleano per evitare che un grosso carico di droga transiti a Napoli. I primi venti minuti lasciano davvero ben sperare sia per il ritmo incalzante che per le ottime musiche, ma nella seconda parte il film perde molta della sua verve iniziale finendo nelle pastoie di un copione ricco di cliché e povero di idee. Peccato perché il cast è di tutto rispetto con Merola, Garko e Sabato in prima fila e un Lucio Montanaro a cui sono affidati tutti gli intermezzi comici. Nonostante tutto rimane comunque un film più che godibile.
MEMORABILE: L'autoironia di fronte al manifesto del film Lo scugnizzo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.