L'occhio del ragno

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1971
Genere: gangster/noir (colore)
Note: (aka "Caso Scorpio: sterminate quelli della calibro 38")
Numero commenti presenti: 12
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 23/10/07 18:30 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dozzinale e raffazzonato gangster-movie all'italiana, basato sul classico meccanismo della vendetta dopo una rapina. A Sabàto praticano la plastica facciale, ma la sua espressione è sempre la stessa e appare estraneo alla vicenda che lo vede protagonista; Kinski giocherella con le le sue glaciali mimiche e Johnson è abile tessitore. Parte rilevante per Goffredo Unger, storico maestro d'armi del nostro cinema d'azione.

Undying 20/09/09 09:49 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Vienna: durante una rapina Paul (Antonio Sabato) viene tradito dal gruppo di malfattori e lasciato tra le mani della polizia. Evade, si sottopone a un intervento di chirurgia per cambiare connotati e diventa Frank. Poi si reca in Francia in cerca dei traditori. Inguardabile e tedioso noir confezionato con locandina e (successivo) titolo da giallo, per sfruttare il filone all'epoca in voga e generato dalla triade di prodotti diretti da Argento. Già dall'inizio, con un Sabato biondo, parrucchino e sopracciglia fittizie -che nascondono un naso posticcio- ci si rende conto della qualità. Tremendo.

Enzus79 21/10/09 10:44 - 1802 commenti

I gusti di Enzus79

Noir che è una mezza delusione. L'idea era più che buona, ma si ha la sensazione che sia stata portata male sullo schermo (forse perché non c'è uno specialista?). La lentezza si fa sentire e le scene d'azione pura sono poche. Nemmeno Sabato e Kinski riescono a far decollare il film.

Rickblaine 21/10/09 10:18 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Noir di bassa qualità, con un Antonio Sabato che regala veramente poco e un Kinski che serve solo a riempire di bei nomi la lista del cast. Il film è lento e assume un significato trasparente e già visto. Il protagonista nell'arco della fase iniziale del film si ridicolizza con un parrucchino e un naso finto. Brutto cinema.

Giuliam 21/10/09 10:29 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Solido noir. Per lo più la sceneggiatura è meticolosa, gli intrecci della storia vengono ben descritti. Direi un film che sta al passo col tempo perché non tradisce il cinema noir (nel pieno boom del periodo) ma al contrario lo identifica non male. Nel cast c'é qualcosa da rivedere (probabilmente la parte del protagonista). Bellissima la lotta finale fra Kinski e Sabàto.

Daidae 16/11/10 15:10 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Montero ha fatto di meglio: già vedere Sabato (non eccezionale caratterista del 70) biondo con naso finto fa pensare più a un film di serie Z che a un noir. Tolto questo imbarazzante dettaglio, il film è un mediocre misto tra thriller e poliziottesco. Sprecato Kinski.

Fauno 12/10/12 10:08 - 1919 commenti

I gusti di Fauno

Da rivalutare (per quanto come impostazione abbia una vagonata di precedenti), visto che sembra quasi un western ambientato ai giorni nostri. Le eliminazioni dei traditori sono tanto rocambolesche quanto originali, la tensione di fondo non cala mai e pure i cambi di ambientazione, da Vienna a Marsiglia per finire ad Algeri, si fanno rispettare. Sabàto è il classico attore anarchico, la Love fa la sua parte in maniera disinvolta.

Motorship 2/05/14 18:01 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Noir davvero deludente che, partendo da un'idea abbastanza buona, riesce a buttare tutto o quasi all'aria per via di una trama malissimo sviluppata e di un ritmo davvero blando e che mal si addice a un film del genere. Inoltre l'azione latita e gli elementi thrilling non sono poi all'altezza, sebbene con qualche piglio qua e là interessante. Inoltre il cast pur essendo molto buono è piuttosto sprecato: impalpabile Sabato con un orrendo naso finto e un crine biondo che gli sta orridamente e malissimo utilizzato Kinski. Mediocre.

Deepred89 14/10/16 10:39 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Superata la delusione nello scoprire la mendacia del titolo argentiano, non rimane che godersi un pulp gangsteristico vecchio stile senza commettere il madornale errore di prenderlo sul serio (cosa difficile in un film che si apre con un Sabàto capello biondo e naso posticcio e prosegue con il tribunale più finto mai visto e personaggi con nomi quali “il Droga” e Mark Facciaunta). Se ne trarrà un divertimento spensierato, sorretto da una buonissima confezione (regia, musiche, fotografia) e da dilettevoli dosi di sensualità e azione violenta.

Myvincent 13/10/16 22:18 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Titolo altisonante che apostrofa un poliziesco anni '70 centrando poco la trama del film. In breve, un rapinatore fatto evadere dalla gattabuia si concentra per operare una vendetta patita per anni, oltreché per recuperare un bel malloppo. Antonio Sabato si conferma interprete mediocre, mentre Kinski e Van Johnson fungono solo da specchietti per le allodole. Facilmente dimenticabile, perché simile a tanti prodotti contemporanei.
MEMORABILE: Il naso "vero" e la capigliatura fintissima di Antonio Sabato prima dell'intervento chirurgico che lo renderà... riconoscibilissimo!

Faggi 20/07/17 12:28 - 1505 commenti

I gusti di Faggi

Spaghetti-gangster da guardare in leggerezza, quasi come leggendo un fumetto pulp scalcagnato e curioso; i toni, le situazioni sopra le righe, le facce (si osservino la maschera di Sabato e le espressioni di Kinski), l'andamento lunatico, le beffe, le tracotanze e le esagerazioni dialettiche sono materia prima per una sorta di western impazzito e traslitterato, condotto in porto (al suono di bella musica) da un timoniere scapestrato, forse ubriaco, ma al quale non manca l'occhio vigile per il figurativismo di genere.

Nicola81 27/01/19 16:16 - 1956 commenti

I gusti di Nicola81

A dispetto del titolo non dobbiamo attenderci né occhi né ragni, ma un noir dalla storia che più classica non potrebbe essere, con il tradimento, l'evasione, la vendetta e un bottino da recuperare. Ovviamente gli esempi migliori restano lontani, ma siamo comunque nell'ambito di quella serie B che emana il tipico fascino del cinema anni '70 e che quindi si lascia vedere senza troppi rimpianti. Sabato ha fatto di meglio, Kinski e Johnson procedono con il pilota automatico, la Love soddisfa l'occhio maschile. Discrete le musiche di Carlo Savina.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 20/09/09 11:22
    Scrivano - 7630 interventi
    Incredibile trucco per Antonio Sabato, qua costretto a recitare una doppia parte.

    Per dare l'idea di un nuovo look, prima dell'intervento chirurgico all'attore è stato infilato in testa un parrucchino fiammeggiante ed una ridicola mascherina nasale, per nascondere la quale sono state aggiunte sopracciglia che lo rendono simile a... un uomo lupo!

  • Discussione Lucius • 31/01/20 17:43
    Scrivano - 8325 interventi
    Ci sono location viennesi nel film?
  • Discussione Allan • 31/01/20 20:20
    Disoccupato - 1043 interventi
    Qualche scena di raccordo nella parte iniziale, per quel che riconosco.
  • Discussione Lucius • 31/01/20 21:15
    Scrivano - 8325 interventi
    Sono andati a Vienna solo per quello? Ok. Grazie.