Halloween

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Halloween
Anno: 2018
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Halloween H40: Forty Years Later", "Halloween Returns". Seguito diretto di "Halloween - La notte delle streghe" (1978).
Numero commenti presenti: 27
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Vent'anni dopo HALLOWEEN VENT'ANNI DOPO arriva puntuale il nuovo capitolo che riazzera i sequel precedenti e ricalcola tutto dalla notte in cui Myers fu arrestato in seguito alla strage. Riappare come per magia anche Jamie Lee Curtis naturalmente, unica garanzia di sequel doc e che aspettiamo tutti al varco del sessantennale come trisavola di qualche ragazzina pronta a combattere "The shape". Qui è solo la nonna un po' tocca, ancora scioccata da quel giorno e rinchiusasi a casa ad aspettare che i soliti giornalisti ficcanaso la cerchino per intervistarla e portarla al cospetto del suo Gran Nemico. Non tocca al punto di accettare l'invito, però. Ci pensano le autorità a combinare...Leggi tutto il patatrac: decidono di trasferire Michael in un nuovo istituto e indovinate un po' che giorno scelgono per il viaggetto in bus? La vigilia di Halloween. Geni! E difatti, quella stessa notte, un cacciatore nota ai bordi della strada un pullmino che deve aver avuto un incidente. Che tipo di incidente? Poco conta; il punto è che il matto è a piede libero e si para davanti all'auto del cacciatore dando ufficialmente il via alla mattanza. A dire il vero siamo comunque ancora in fase preparatoria: la gran festa è per il giorno successivo, come abbiamo imparato. Il tempo di presentarci qualche nuova baby-sitter che si presti a replicare le gesta di Laurie Strode con relative amichette in fregola e la tavola è imbandita; Michael sceglie in cucina la sua posata preferita e via. Laurie ha mangiato la foglia, però, e torna ai villini di Haddonfield per avvertire tutti di stare attenti; compresa la figlia - nel frattempo sposatasi dopo aver vissuto con mamma solo i primi anni - e la nipote, pronta a trasformarsi in nuova vittima designata. Insomma, più che un sequel un remake, ancora una volta. Senza una sola idea originale, con un novello Loomis senza un briciolo del carisma del fu Pleasence e con all'attivo solo una bella fotografia al servizio di una messa in scena di qualità. Ma è solo forma (shape, appunto), perché la regia di David Gordon Green non offre nulla che vada oltre al compitino e peggiore ancora è il servizio offerto dalla sceneggiatura. A rievocare quei bei giorni andati del 1978 restano giusto le musiche, di fatto un perfetto ricalco dei temi classici firmati da Carpenter, ripuliti e con minimi ritocchi. Superfluo parlare di film superfluo: è da vent'anni che lo si ripete e ancora si pensa di poter aggiornare una formula stantia limitandosi a far brillare i colori della notte. Se non ci era riuscito Zombie che di talento ne aveva da vendere, perché riprovarci senza un progetto decente alle spalle? Solo per far venire i lucciconi ai fan rimostrando loro la Curtis e il mascherone bianco? Sempre quelli sono...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/10/18 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/02/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 26/10/18 02:21 - 5275 commenti

I gusti di Herrkinski

Visto il battage pubblicitario, i nomi (ri)coinvolti e il fatto che il film azzera tutti i sequel ripartendo da dopo il primo (40 anni dopo) era lecito aspettarsi ben di più; invece è solo un onesto omaggio alle atmosfere del prototipo ma che non troneggia sopra al precedente tentativo con H20, facendo poco meglio anche a causa di alcune trovate (la casa "survivalista" della Curtis) francamente pacchiane e di un finale in fondo già visto in altri sequel. Non troppo sanguinoso, un po' tirato per le lunghe, con personaggi di contorno ininfluenti.
MEMORABILE: I titoli di testa; La "nuova" Ost di Carpenter.

Funesto 26/10/18 03:07 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Non si ravvisa alcun motivo d'interesse in questo pedestre filmetto se non il ritorno in gioco della Curtis, che tra l'altro è l'unica a fornire una prova dignitosa. Tolta lei, infatti, cosa resta? Personaggi insulsi, dai due ridicoli giornalisti fanatici al patetico psichiatra, sceneggiatura sciocca come neanche nei peggiori slasherucoli anni '90 e persino poco sangue, visto che molti dei delitti sono offscreen. Se proprio volete un Halloween dal sapore moderno, meglio l'ottimo remake di Zombie. Regia fiacca, fotografia quasi pessima.
MEMORABILE: La Curtis caccia Michael col fucile in casa sua al buio (tesoro, ma perché non accendi la luce?!); Michael schiaccia una testa col piede; I credits.

Digital 26/10/18 13:35 - 1122 commenti

I gusti di Digital

Alti e bassi in questo sequel del rinomato horror carpenteriano. Se da una parte risulta stuzzicante l’idea di riallacciarsi al film primigenio, dall'altra si registra una certa qual vena ironica, il che va spesso a depotenziare la suspense, data perlopiù dai soliti, logori, jumpscare. Il cast presenta volti anonimi e l’unica degna di nota (la brava Curtis) viene messa celermente in un angolo per dar risalto alle prevedibili bellone di prammatica, ritornando in pista solo verso la fine. Non disprezzabile, ma si poteva (e doveva) fare di più.

124c 29/10/18 01:57 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Mike Meyers è tornato (quello originale di John Carpenter) e con lui anche il personaggio di Jamie Lee Curtis; invecchiata, certo, ma tutt'altro che arrendevole, perché disegna una Laurie ormai diventata nonna che sembra imparentata con l'agente di polizia Megan Turner di Blue Steel - Bersaglio mortale (altro alter-ego della Curtis) per come usa il fucile e il coltello. La storia, che racconta le peripezie di una nonna, di una figlia e di una nipote tormentate dal mostro, pare quasi la favola di "Cappuccetto Rosso" a tinte horror, ma fila.

Dusso 27/10/18 12:05 - 1539 commenti

I gusti di Dusso

Dopo una buona metà di film che faceva sperare in un prosieguo all'altezza, ci ritroviamo in mano un risultato molto deludente. Al di là di alcuni omicidi realizzati bene e di qualche inquadratura mica male, tutto il resto è sinceramente aria fritta... Non ci siamo su diverse cose, finale compreso. Meglio e decisamente più divertente il reboot di Rob Zombie!

Taxius 1/11/18 15:28 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Sequel diretto del film del 1978 che ignora tutti i fatti avvenuti negli altri sequel. Sicuramente un gran bel film, ricco di pregi ma anche di difetti: a non convincere sono certi personaggi, uno su tutti quello del dottore che all'interno della storia appare inutile e riempitivo e poi gli adolescenti, come al solito stereotipati. Ottime invece l'atmosfera anni 80 che si respira e la colonna sonora di Carpenter. Favoloso il ritorno dei personaggi di Michael Myers e della Curtis, che però avrebbe meritato più minutaggio.
MEMORABILE: Bellissimi (e numerosi) gli omicidi di Michael Myers.

Caveman 29/10/18 19:03 - 192 commenti

I gusti di Caveman

Seguito del primo che traccia una nuova linea temporale (come dite? Halloween per le nuove generazioni!? Già, proprio così) ma che poi pesca a piene mani dai film che vorrebbe annullare (strizzata d’occhio a noi appassionati del genere? Missione fallita, cari produttori); qui, a parte la ost dei Carpenter e una combattiva Jamie Lee Curtis (aggiungiamoci anche la presenza fugace di Castle) non si salva nulla, manco per sbaglio. Rabbia e noia dominano, giovani attori terribili e scene riempitive (dottore, ma per favore) che non portano a nulla.

Rikycroc77 28/10/18 22:25 - 54 commenti

I gusti di Rikycroc77

Michael Myers ritorna in grande stile con questo sequel del capolavoro carpenteriano. Il film di Green è uno slasher che omaggia l'horror del passato, ricreandone perfettamente le atmosfere e non limitandosi a mettere in scena omicidi e adolescenti in fuga ma facendo una profonda riflessione sulla follia umana e l'ossessione. Strepitosa la Curtis, straordinarie le musiche, tantissime citazioni e un'intensità ormai rara in questo genere. Myers ruba la scena e gli omicidi sono tutti fantasiosi e divertenti. Meglio di così non si poteva fare!
MEMORABILE: Il prologo; I suggestivi titoli di testa; Il doppio omicidio nel bagno; Il piano sequenza che segue Michael; Lo psichiatra impazzito; Il finale.

Noncha17 2/11/18 22:00 - 87 commenti

I gusti di Noncha17

Malgrado ci fossero le premesse migliori (attrice e attore protagonista originale, produttore/compositore della colonna sonora originale), a volte sembra di vedere una roba tipo il remake "shot-for-shot" del Psycho di Gus Van Sant. E, purtroppo, il tempo che si perde a ricreare quella stessa tensione non ripaga quasi mai in modo soddisfacente! A mancare, poi, è la cosiddetta "leggerezza" tipica degli slasher. L'idea iniziale poteva essere anche buona, peccato che lo sviluppo - per quanto si vogliano ricalcare le orme del capostipite - non sia niente di che.
MEMORABILE: "Uno con la faccia incasinata..."; La tipa "tigrata" al ballo; "Quindi tu sei il nuovo Loomis?!"; La penna diventa bisturi; "Buon Halloween Michael!".

Rambo90 3/11/18 23:25 - 6423 commenti

I gusti di Rambo90

Allacciandosi direttamente al capostipite, Green cerca di recuperarne l'atmosfera e in parte ci riesce quando Michael torna a Haddonfield, tra ragazzotti uccisi e buone sequenze di tensione. Un po' tedioso il lungo inizio, tenuto comunque in piedi da una strepitosa Jamie Lee Curtis, che ripropone il ruolo della vita con nuova linfa e grinta da vendere. Furba l'idea di riprendere alcuni momenti dei sequel omaggiandoli, anche se questo fa scivolare a volte il tutto nel già visto. Tema musicale sempre d'effetto, buona la regia.
MEMORABILE: Laurie cerca Michael al buio con fucile e torcia.

Samdalmas 8/11/18 18:03 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Quando parte sui titoli di testa il celebre tema di Halloween abbiamo un brivido: per un attimo torniamo nel '78 ma i tempi sono cambiati. Jamie Lee Curtis oggi è una nonna (!) con il fucile pronta a vendicarsi. Myers non invecchia mai e mette sempre paura la sua terribile ombra. Il film è una discreta operazione nostalgica diretta con un certo gusto. Chi ama lo slasher troverà pane per i suoi denti. Però viene da chiedersi perché il Maestro Carpenter non sia tornato alla regia.
MEMORABILE: Myers nascosto nell'armadio; La soundtrack.

Maxx g 11/11/18 16:40 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Quarant'anni dopo il primo capitolo targato John Carpenter, ecco arrivare questo nuovo film, che cerca (lo si nota anche dai titoli di testa) di riallacciarsi direttamente proprio al capostipite, considerato un vero e proprio film di culto. Si azzerano (o si tenta di farlo) così i riferimenti agli altri seguiti. Il film è godibile, anche se scontato e in qualche tratto persino noioso nella sua serialità. Alcune scene sono efferate ma il tutto pare privo di una certa anima. Si ha l'impressione che ormai il prodotto sia trito.
MEMORABILE: L'assalto alla Curtis; Il finale.

Ryo 22/11/18 02:19 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Sequel diretto del capostipite. Deludente da diversi punti di vista. Non si avverte un’esigenza di portare qualcosa di nuovo o di raccontare novità, ma solo di assistere a un ampliamento quasi forzato della storia di Mayers. Recitazione piatta per Jamie Lee Curtis che rimane perennemente in un unico mood. Cruente e originali gli omicidi del mostro, tocchi di regia talvolta brillanti, con inquadrature suggestive e piani sequenza interessanti.

Von Leppe 14/02/19 12:42 - 1044 commenti

I gusti di Von Leppe

E' sempre la solita storia, rigirata in tutti i modi: Michael Myers fugge dal manicomio e incomincia a uccidere gente la notte di Halloween. Rob Zombie aveva almeno ridato linfa e un po' di originalità al personaggio nel suo remake del primo ottimo film di Carpenter, ma questa nuova ripresa non mostra nulla di nuovo né di interessante (tranne qualche buon effetto speciale nei delitti, grazie ai mezzi odierni). Ritorna anche Jamie Lee Curtis nella veste di una vecchia pistolera paranoica.

Pumpkh75 2/05/19 15:03 - 1335 commenti

I gusti di Pumpkh75

Sanguinoso e sussultante, settantottino e moderno, prostrato verso l’originale e quasi originale nel ricalcarne in estasi più parti, con il solo finale a lasciarci abbastanza indifferenti. C’è un malinconico però grande quasi tutta la saga: Michael è (era?) ormai un'icona adimensionale, atemporale, immagine riflessa del male più oscuro e vederlo ridotto a sessantenne incanutito e ciancicato è un ceffone al cuore e a quel che è di lì a venire. Carpenter scruta dall’alto ma sotto non ne fanno tesoro. Il peggio, comunque, è alle spalle.

Piero68 21/06/19 09:51 - 2778 commenti

I gusti di Piero68

Perchè si continui a insistere a proporre film (tra l'altro uguali tra loro) sulla figura di Michael Mayers è il vero mistero della serie. E' vero, questo volta ci si gioca la carta a sorpresa del ritorno della Curtis, ma ormai gli anni sono passati e ha poco o nulla da dare al prodotto. Ancora una volta ci viene proposta la solita sagra priva di logica, anche perché diversamente la sceneggiatura sarebbe stata incapace di creare momenti di phatos accettabili. E poi c'è il grande assente: lo splatter, qui mostrato con parsimonia.
MEMORABILE: In negativo: tutte le scelte idiote della Curtis. Da ultimo: perché sprecare una pallottola quando puoi bruciarti tutta la casa?!!

Gestarsh99 3/07/19 16:50 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

A 40 anni dall'omonimo slasherpiece, il vecchio Myers rimpugna il coltellaccio, amputando da sé tutto il nòvero di sequel e remake-up presenziati in sala nelle ultime dècadi. L'incanutimento anagrafico non pare aver scalfito l'inespressività maligna del silente boogeyman carpenteriano, stereotassico quanto un Pac-Man infernale, pronto a mieter vittime e seminar terrore come e più che ai tempi d'orror. Dolcetto-scherzetto a lui riservato: la rambificazione della Curtis, arzillissima guerrigliera fané auto-addestrata al macgyverismo più massimalista. Senz'alti né bassi ma ci si balocca comunque.
MEMORABILE: La "calorosa" sorpresona finale riservata al buggerato Michael...

Jena 1/11/19 19:55 - 1216 commenti

I gusti di Jena

A quarant'anni dal capostipite dopo una serie di sequel/remake/reboot si arriva a questo sequel diretto del primo. A ben vedere trattasi in realtà di criptoremake, che ripropone gli snodi essenziali dell'intera saga. Allora uno potrebbe chiedersi che senso abbia guardarlo e non gustarsi direttamente il capolavoro carpenteriano, visto che l'originalità è scarsa. Però qualche spunto buono qua e là non manca e in più c'è una Jamie Lee Curtis grintosissima, vera nemesi di Michael. Zombie aveva osato di più, con esiti forse migliori.
MEMORABILE: Michael sessantenne nel carcere; La fine del dottore studioso di Michael; La scena, ribaltata rispetto all'originale, del corpo sul prato.

Anthonyvm 3/11/19 16:49 - 2113 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il nono sequel ignora quarant'anni di continuity collegandosi direttamente al primo capitolo. Non è un male, vista la generale mediocrità dei seguiti: il film di Green, pur non riuscendo a evitare cadute nel risibile (l'urlo del giornalista all'inizio), diversi cliché (spaventi telefonatissimi) e qualche dialogo mal concepito (i discorsi sulla bellezza del mondo), è avvincente, ben diretto (il piano sequenza del ritorno di Myers a Haddonfield è da urlo) e con una Curtis agguerrita che farà la gioia dei fan. Non manca neppure lo splatter. Buono!
MEMORABILE: Laurie rivolta al dottore: "Il nuovo Loomis"; Gola trafitta da un cancello come ne La dama rossa di Miraglia; Myers disintegra una testa a pedate.

Darkknight 5/11/19 09:51 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Seconda retcon (l'altra era 20 anni dopo). Ci si ricollega al primo togliendo a Michael i risvolti esoterici del VI e perfino la parentela con Laurie svelata nel II. In questo modo però diventa un Jason qualsiasi (non si spiega la sua fissa per Laurie) e senza gli aspetti sovrannaturali che lo rendevano ancor più inquietante. Il ritorno della Curtis ha garantito un buon successo di pubblico e critica, ma le situazioni sono straviste e l'esigua resa dei conti a suon di schioppettate fa rimpiangere quella ben più fisica del sottovalutato capitolo VII.
MEMORABILE: "Parla!"

Lupus73 6/01/20 04:54 - 680 commenti

I gusti di Lupus73

Riavvio che azzera tutto (compresa la parentela con Laurie) collegandosi al primo film. Il motivo di riallaccio con il finale del precedente è labile, sbrigativo e pretestuoso tanto da vanificare anche la soluzione di Carpenter; numerose efferatezze cercano di sopperire alle carenze di una sceneggiatura che sa di già visto nei vari sequel (persino la pedata splatter zombiana); una Jamie Lee/Rambo farsesca e un film inferiore ai suoi paralleli (il 2 carpenteriano e il 2 zombiano). Buona l'atmosfera anni '80. Operazione nostalgico-commerciale.
MEMORABILE: Il parallelismo metaforico tra Laurie e Michael sul balcone verso il finale.

Puppigallo 1/04/20 18:24 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

Sequel piuttosto inutile e con velleità introspettive, che ripresenta la scampata al massacro, ormai invecchiata e alcolizzata ma ancora sul chi vive; tanto che, negli anni, ha pure addestrato (rovinato) la figlia, un po’ come Sarah Connor, perché fosse pronta al peggio (il ritorno di "Terminator" Michael). Detto ciò, viene riproposta la solita sequela di morti gratuite, ma con l’aggravante della tensione praticamente inesistente, persino alla resa dei conti in cui la “riunione familiare” darà il colpo di grazia a un’impalcatura già pericolosamente traballante.
MEMORABILE: Pioggia di denti; L’uomo a terra: “Dì qualcosa!”. Risposta di Michael... un pestone sulla faccia; La cara, vecchia colonna sonora.

Metuant 23/10/20 13:12 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Arriva quarant'anni esatti dopo l'originale il seguito diretto che (giustamente) ignora tutti quelli venuti prima e riprende la storia da dove si era interrotta nel 1978. Se sulla carta potrebbe sembrare l'ennesimo esperimento nostalgico, bisogna dire che, anche se non del tutto, il film è riuscito. Il livello di violenza è molto alto, le atmosfere ci sono tutte e Jamie Lee Curtis in un ruolo ben più difficile di allora è una garanzia; di contro si può dire che il progetto in sé, sebbene valido e comunque ben realizzato, arriva forse con alcuni anni di ritardo.
MEMORABILE: La scena dell'armadio; La camminata di Myers nelle strade illuminate dalle zucche.

Maurizio98 26/08/20 23:53 - 21 commenti

I gusti di Maurizio98

La suggestione malsana di Michael Myers viene fatta percepire all'inizio, la parte migliore del film, nell'allucinante cortile dei pazzi criminali, sotto il sole, tra le urla e l'infelicità più disperata e disperante. Poi, gradualmente, la narrazione viene assorbita da schemi già visti per decenni, fino al duello finale e all'inevitabile epilogo ambiguo. Jamie Lee Curtis si carica addosso molto di più dei suoi sessant'anni e sembra compiacersi, lei che è stata un'icona sexy alternativa e ammirata anche dalle donne, del suo aspetto più asessuato che mascolino. 
MEMORABILE: Il doppio omicidio nell'orrendo bagno della stazione di servizio.

Minitina80 6/09/20 11:31 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

Superato lo scoglio relativo a tutte le possibili considerazioni sull’effettiva utilità di una simile operazione, quello che resta in mano è un film ben girato a cui non viene meno la dignità di poter stare sullo schermo. La qualità delle riprese è buona e le interpretazioni non sono da meno. Certo, la trama viene tessuta sempre attorno alle solite strade già battute dalla serie e se aggiungiamo che lo slasher storicamente non ha mai brillato per originalità, allora le aspettative vanno ricalcolate con più onestà. Sufficiente, contro ogni previsione.

Nicola81 11/10/20 00:11 - 1998 commenti

I gusti di Nicola81

Sequel che si riallaccia direttamente al capostipite, come se nel frattempo non ci fosse stata un'interminabile saga. Progetto in apparenza presuntuoso, ma dal quale scaturisce un prodotto migliore del previsto, caratterizzato da un'ottima messa in scena e ben interpretato dall'intero cast, in cui ovviamente spicca la rediviva Jamie Lee Curtis, invecchiata ma decisa più che mai a proteggere figlia e nipote. Uccisioni ben girate e ritmo alto come in ogni slasher che si rispetti; semmai manca quella morbosità che ha invece contraddistinto il prequel/remake di Rod Zombie.

Maxspur 2/11/20 17:17 - 84 commenti

I gusti di Maxspur

Per chi segue la saga fin dagli inizi questo "Halloween" rischia di lasciare completamente indifferenti: aggiunge poco (l'incipit, il recupero della maschera) e ricicla noiosamente il resto. Il personaggio di Jamie Lee Curtis, poi, sembra più esaurito del "fratello"; l'attrice stessa sembra non averne più e questo lo si può comprendere. Musiche di John Carpenter e figlio che avrebbero meritato un film di diverso spessore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 26/10/18 20:27
    Addetto riparazione hardware - 3503 interventi
    Che Roba, torna pure Castle a fare Myers...
  • Discussione Herrkinski • 26/10/18 21:21
    Vice capo scrivano - 2303 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Che Roba, torna pure Castle a fare Myers...
    In realtà appare in una manciata di scene ma la parte del leone la fa James Jude Courtney.
  • Discussione Buiomega71 • 26/10/18 21:49
    Pianificazione e progetti - 22087 interventi
    Aspetto con ansia quando uscirà in blu ray o dvd chessia (era uno dei film da me più attesi)

    Se guardo indietro (Carpenter a parte) mi rendo conto di amare sempre più il quarto capitolo, di una ferocia e una cattiveria quasi sorprendente (penso a quel finale shock alla Grano rosso sangue, che fu, per me, un pugno dritto nello stomaco inaspettato), che metteva in luce il talento (inesploso-a parte lo Steven Seagal in versione "horror" di Programmato per uccidere e la versione gorissima del Fantasma dell'opera-) di Dwight Little

    Al secondo sono affezionato (e il Rick Rosenthal di Bad Boys aveva fatto un lavoro più che dignitoso, con quella chiusa esplosiva-in tutti i sensi-Questa volta Michael...BOOOOMMMM!!! E omaggiando pure Suspiria con Laurie impigliata nella bugigattolo dei fil di ferro), perchè fu uno dei primi film che registrai su vhs da Italiauno (1987)

    Il quinto non visto (come H20 di Miner), il sesto lo ricordo terribile e mi manca alla visione anche il ritorno di Rick alle gesta di Michael "Grande Fratello"

    Altro paio di maniche il bellissimo restyling zombiano e il suo anarchico e delirante sequel

    Curioso vieppiù che questo sequel spazzi via la saga riallacciandosi direttamente al capostipite (e per me monumentale) spartito carpenteriano

    Lascio in sospeso, ci si risente su queste pagine a post visione buiesca (chissà dove, chissà quando...)
    Ultima modifica: 26/10/18 22:08 da Buiomega71
  • Discussione Taxius • 27/10/18 21:06
    Archivista in seconda - 178 interventi
    Ma Halloween 2 di Rick Rosenthal viene preso in considerazione o no?
  • Discussione Raremirko • 27/10/18 22:09
    Addetto riparazione hardware - 3503 interventi
    Taxius ebbe a dire:
    Ma Halloween 2 di Rick Rosenthal viene preso in considerazione o no?


    No, come credo abbia detto il dottor Buio, il film se ne frega dei sequel dal 2 in su e si riallaccia a Carpenter.
    Ultima modifica: 27/10/18 22:10 da Raremirko
  • Discussione Taxius • 28/10/18 02:52
    Archivista in seconda - 178 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Taxius ebbe a dire:
    Ma Halloween 2 di Rick Rosenthal viene preso in considerazione o no?


    No, come credo abbia detto il dottor Buio, il film se ne frega dei sequel dal 2 in su e si riallaccia a Carpenter.


    Ah ok, Grazie ;-)
  • Discussione Caveman • 11/12/18 09:10
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Una delusione cocente questo film. Vuole essere Halloween per le nuove generazioni, ma c’era già il reeboot di RZ a che serve ‘sto sequel girato con i piedi? E va beh.

    Nuove generazioni accontentate, si annullano tutti i seguiti (e allora perché per le strade si vedono i bimbi con le tre maschere dello straordinario Halloween III?? Contentino per noi della vecchia scuola? Ma non era il sequel cool per i giovani? Boh

    Il nuovo psichiatra è un insulto alla figura del Dottor Loomis e viene appunto definito da uno dei personaggi con questa lapidaria frase “Sei il nuovo Loomis” con tanto di sguardo stranito.. Ti piacerebbe essere il nuovo Sam Loomis, invece questo è un personaggio che serve ad un certo bel momento solo ad allungare i film di qualche minuto.. Non ci siamo.

    Un’occasione mancata a mio avviso, per fortuna Jamie Lee Curtis ci mette cuore e professionalità e Carpenter firma le musiche.. Ma per il resto...
    Ultima modifica: 11/12/18 09:12 da Caveman
  • Discussione Caveman • 26/02/19 20:23
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Felice di aver letto cosa pensa il sommo Davinotti di questa cosina qui..
  • Discussione Zender • 27/02/19 07:44
    Consigliere - 43734 interventi
    Idealmente ti ringrazierà, anche se sappiamo che non ha mai acceso internet in vita sua :). Aspettiamo intanto che esca il sessantennale con Jamie in girello.
  • Discussione Caveman • 27/02/19 12:33
    Pulizia ai piani - 292 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Idealmente ti ringrazierà, anche se sappiamo che non ha mai acceso internet in vita sua :). Aspettiamo intanto che esca il sessantennale con Jamie in girello.

    Attenderemo e sono certo che Jamie risulterà la migliore anche in girello :-)