Halloween 20 anni dopo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Halloween H2O
Anno: 1998
Genere: horror (colore)
Note: Sequel di "Halloween", Aka "Halloween venti anni dopo" o "Halloween vent'anni dopo".
Numero commenti presenti: 24
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Toh, chi si rivede! Ma la cara Laurie Strode/Jamie Lee Curtis non era mica morta prima del quarto capitolo, e cioè dieci anni prima di questo orripilante HALLOWEEN H2O (che cronologicamente è il numero sette)? E allora che ci fa, dieci anni dopo, viva e ossessionata dal solito fratello immortale? La verità è che Kevin Williamson, già sceneggiatore horror strapagato dopo i successi di SCREAM e SO COSA HAI FATTO, accarezzava l'idea di un ritorno di HALLOWEEN in grande stile, che potesse dare un taglio netto ai troppo inutili sequel...Leggi tutto e che riportasse in scena la Curtis. Così ecco che in un attimo e senza alcuna spiegazione ci si riallaccia al numero 2 e si prova a resuscitare la serie chiamando in regia uno specialista in sequel, quel Steve Miner che già aveva dato vita ai primi due seguiti dell'altro slasher killer Jason Voorhees (VENERDI’ 13 2 e 3). Il risultato però è talmente avvilente da far rimpiangere persino gli HALLOWEEN intermedi: tra tagli della censura (l'unica versione integrale è uscita in Spagna), una storia inesistente (a cui ha collaborato Williamson stesso, non accreditandosi), omicidi risaputi e un Michael che in mezzo a tanta luce perde quel poco di fascino sinistro che lo caratterizzava, c’è da chiedersi che senso abbia un film simile. La suspense è la telefonata, ai telefoni cade la linea (ma i cellulari non ce li ha nessuno?), le macchine non partono, i ragazzi si fanno scherzi scemi e tutto gira come al solito. Non bastano la confezione patinata, la recitazione onesta della Curtis, un finale a sorpresa e la comparsata di mamma Janet Leigh per salvare un horror scipito e stanco come HALLOWEEN H2O.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 11/06/07 16:57 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Miner è un grande regista (basterà citare L’assassino ti Siede Accanto, Week-End di Terrore, Chi è Sepolto in Quella Casa?), ma in questo caso si è trovato vittima di una produzione celebrativa (Halloween è del 1978, questo è ambientato 20 anni dopo) atta ad utilizzare furbescamente il nome di un caposaldo del cinema horror, concepita per lo sfruttamento via cavo ed orientata ad un pubblico di adolescenti. Quindi niente gore, nessuna cattiveria e lieto fine come tendenza televisiva impone. Dedicato a Donald Pleasence, scomparso qualche anno prima. Inutile.
MEMORABILE: l'ottimo commento musicale, opera dell’italiano Marco Beltrami.

Caesars 20/07/07 09:07 - 2731 commenti

I gusti di Caesars

Sulla carta la speranza di vedere un film decente c'era: Steve Miner alla regia (non un campione ma uno che sa fare il suo mestiere), Jamie Lee Curtis protagonista e una storia che si ricollega direttamente al secondo episodio saltando tutto ciò che è venuto dopo. Aspettative totalmente deluse: la trama è di una banalità sconcertante, diretta con stile televisivo e con tensione pari a zero; in più la Curtis fornisce una prova tutt'altro che esaltante. Le musiche sono trascurabili (ad eccezione del liet motiv carpenteriano sempre memorabile).

Herrkinski 31/05/08 14:57 - 5216 commenti

I gusti di Herrkinski

Ignorando del tutto il quarto e quinto episodio e riallacciandosi al secondo, i produttori pensavano di fare un rilancio del personaggio in grande stile, ma l'intera operazione si è rivelata del tutto fallimentare. È bello rivedere la Curtis in questa veste, ma alla resa dei conti né lei né il regista Miner potevano salvare una sceneggiatura scialba e totalmente prevedibile. La solita girandola di cadaveri, pochissimo sangue e scene viste e straviste milioni di volte. Ormai non c'è manco più Donald Pleasance... Pessimo.

Ciavazzaro 15/06/08 12:47 - 4764 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Gradevole sesto capitolo dove torna niente meno che Laurie, maritata e con un figlio adolescente (un discreto Harnett). La Curtis è come al solito molto brava; apprezzabili il cameo di Janet Leigh con la musica di Pysco e una certa atmosfera macabra (finale con testa tagliata compreso). Da vedere.

Cotola 20/03/09 00:14 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Dopo aver girato un capitolo della serie Venerdì 13 (tutt’altro che memorabile) lo specialista Steve Miner torna al suo genere prediletto (dopo anni di assenza). La scelta poteva anche essere buona per cercare di rivitalizzare una serie ormai spenta ed ai minimi termini ma i risultati sono mediocri. Non giova nemmeno ambientare le vicende 20 anni dopo i fattacci del capostipite. Una confezione leggermente migliore dei capitoli precedenti, ma ciò non basta a salvare il film dall’oblio.

Rebis 2/12/09 15:27 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Sequel del II capitolo che, omettendo con nonchalance le complicazioni del IV, V e VI, riprende le fila del personaggio di Laurie (con buona pace del IV che la dava per spacciata): ormai madre e insegnate, ossessionata dal ricordo del fratello, evade dai marosi a suon di alcol e pasticche… Data l’eccezionalità dell’evento (il ritorno della Scream Queen Jamie Lee), le aspettative erano elevate, ma mentre il film procede si capisce che non ci sono idee buone e nuove a sostanziare l’operazione: un fuggi fuggi generale con dosi latitanti di emoglobina. Cammeo posticcio per la Leigh. Pura routine.
MEMORABILE: Il faccia a faccia tra Myers e la sorella dall’oblò della finestra...

Rambo90 9/03/10 18:09 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

Uscito di scena Pleasence, torna protagonista Jamie Lee Curtis. Il film all'inizio sembra il solito sequel, ma nella seconda parte diventa scatenato e si rivela di gran lunga migliore del precedente capitolo. Tanta azione e molto ritmo, soprattutto nel lungo combattimento finale fra la Curtis e MIchael Myers. Simpatico LL Cool J, discreto Hartnett alla sua prima apparizione e godibili i cameo di Janet Leigh e di Nancy Stephens (altro personaggio ricorrente della saga). Da vedere.

Galbo 12/03/10 07:21 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

A vent'anni dalla realizzazione del capolavoro di Carpenter, il regista Steve Miner riporta in scena il personaggio interpretato dalla Curtis ma il risultato delude. Trama banale e sceneggiatura "rimasticata" affossano il film che risulta una minestra riscaldata in cui nessuno fa bene la sua parte (compreso il regista).

Funesto 24/06/10 13:50 - 525 commenti

I gusti di Funesto

A dire il vero non m'è dispiaciuto. Non avendo amato il primo capitolo della saga, questo lo trovo accettabile. Buona la trovata di far tornare Jamie Lee Curtis, un'attrice davvero brava e convincente che qui si mostra l'unica in grado di poter regolare i conti col fratello, l'assassino di Haddonfield. Il resto del cast, come al solito, è dimenticabile e, strano ma vero, si osa pochissimo in campo gore (c'è più violenza che sangue); abbiamo comunque una discreta dose di suspence e di intrattenimento. Davvero ottima la confezione. Voto: **!.
MEMORABILE: Myers che rovescia i tavoli per stanare la sorella.

Ducaspezzi 26/12/11 15:10 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Dopo la notte di Halloween del 1978 narrata nei primi due capitoli, si balza alla stessa notte di vent'anni dopo con questo settimo round, resettando per bene i fatti contenuti nei capitolo intermedi, che sono quindi del tutto ignorati. Insomma, il vero terzo capitolo è questo, con tanto di gradito ritorno della Strode/Curtis, direttrice di una scuola privata, il cui edificio, naturalmente, conterrà le gesta di Myers, con tanto di saliscendi della zia Ruth! Non impeccabile ma godibile con in testa i primi due film. Il fuoco no, sì con l'ascia?
MEMORABILE: Laurie che... chiude il cancello alla paura e torna sui suoi passi; Quella mano mortifera tesa a un barlume di sentimento fraterno?

Metuant 11/09/12 08:05 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Neanche così male... D'accordo, il personaggio di Michael Myers è stato decisamente sovrautilizzato (come altri assieme a lui) tanto da fargli perdere ormai credibilità, però almeno qui siamo un gradino sopra agli ultimi inutili sequel che apparivano del tutto assurdi (tra i quali includerei anche il seguito di questo film ma non i remake di Rob Zombie). Fa un certo effetto vedere la Curtis vent'anni dopo nei panni dello stesso personaggio originario.
MEMORABILE: La sequenza prima dei titoli di testa; L'apparizione di Janet Leigh.

Ryo 23/11/12 10:02 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Questo sequel, uno dei migliori della saga, riprende esattamente dal secondo capitolo, ignorando la continuity dei film dal quarto al sesto. La cosa non disturba più di tanto; anzi, l'idea funziona. Jamie Lee Curtis riprende il suo vecchio ruolo e la storia rimane coerente con la primissima sceneggiatura di Carpenter. Girato egregiamente, con sequenze toccanti e ricco di citazioni ad altri film e riferimenti ai precedenti capitoli. Il finale è un must, ma per completarne la visione è d'obbligo la visione di Halloween la resurrezione.
MEMORABILE: I rimandi a Psyco con l'attrice, la macchina e la musica in sottofondo; Laurie faccia a faccia col fratello attraverso "l'oblò" della porta.

Belfagor 2/03/13 11:05 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Il ritorno di Jamie Lee Curtis non solo è più che benvenuto, ma è anche l'elemento migliore del film. La solita macelleria di teenager in fregola stanca (anche perché il sangue è a livelli televisivi) e la storia procede a colpi di cliché, riscattandosi solo nello scontro finale fra Laurie e Michael. D'altro canto i cameo di Janet Leight e Nancy Stephens sono una gradita sorpresa, l'esordiente Hartnett se la cava e la conclusione è soddisfacente, soprattutto se confrontata con l'orribile capitolo finale. Sufficiente.

Maxspur 30/01/16 10:36 - 81 commenti

I gusti di Maxspur

L’Halloween di fine millennio per ridare lustro alla saga si affida a un regista di sicuro mestiere come Miner e al ritorno della Curtis nel “suo” ruolo; con lo zampino di Williamson (Scream) nello script, si ridà poi freschezza a una storia altrimenti esauritasi da tempo. Il film, tranne qualche fraterno faccia a faccia tra “la bella" e "la bestia”, non suscita particolari emozioni ma è confezionato bene e si lascia vedere.

Minitina80 6/04/17 19:48 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Halloween cambia ulteriormente pelle distaccandosi almeno nella confezione dai precedenti episodi. Il registro narrativo è differente e molto più vicino a slasher moderni. Nei contenuti l’unica novità è il ritorno della Curtis, ma il canovaccio è sempre lo stesso. Myers torna per uccidere e null’altro resta da aggiungere. Stavolta sembra a tratti un’altra persona e le differenze nella maschera non aiutano a identificare il personaggio. Non aggiunge nulla di significativo alla serie e andando a stringere non è nulla di indispensabile.

Saotendo 17/06/18 22:29 - 37 commenti

I gusti di Saotendo

Interessante sequel di Halloween - La notte delle streghe che decide di dare un colpo di spugna a tutti i sequel dopo il numero due e di raccontarci la nuova vita di Laurie, ora divorziata e madre single di un diciassettenne e donna che dirige una scuola privata sotto falso nome. Ma il ventesimo anniversario della tragedia che la tormenta vedrà una riunione familiare potenzialmente letale... Nonostante tutto, un solido thriller con un fantastico finale, che purtroppo La resurrezione rovinerà.
MEMORABILE: Il confronto finale; Laurie che anticipa il risveglio di Michael; La buona caratterizzazione di John.

Claudius 7/10/18 09:07 - 421 commenti

I gusti di Claudius

Ennesimo sequel di Halloween, in verità non del tutto disprezzabile: la breve durata, in questo caso, fa sì che il film non annoi anche se ormai la serie mostra la corda (già dal quinto episodio). Il cast svolge bene il compito, soprattutto la Curtis e Hartnett e nel film c'è un insolito tocco di pietà prima del colpo finale. Senza infamia e senza lode.
MEMORABILE: Le scene con le immagini di Myers.

Taxius 9/12/18 20:39 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Sequel del capolavoro di Carpenter che ha come protagonista ancora una volta il personaggio interpretato dalla Curtis, solo che questa volta non è più una babysitter ma una madre di un figlio adolescente. Tipico slasher anni 90 dalla trama leggera e banale con personaggi stereotipati e una regia piatta e poco interessante. Episodio al di sotto delle aspettative e inferiore a molti altri del franchise girati con budget inferiore.

Redeyes 14/10/19 08:03 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Scavalcando le linea temporali, sviluppi e situazioni si decide di festeggiare l'anniversario del capostipite. Venti anni dopo, un Myers da beota diviene buon segugio e approda alla scuola privata della sorellina per portar zizzania. Nonostante un cast discreto, tutta l'atmosfera non ha più appeal di una puntata di Buffy e l'elemento orrorifico è pressoché nullo. Scena finale a sua volta con poca adrenalina.
MEMORABILE: Il vigilante scrittore.

Anthonyvm 3/11/19 16:45 - 2040 commenti

I gusti di Anthonyvm

Dopo tre seguiti dimenticabili (lo script non ne tiene neanche conto), l'esperto Miner dà un nuovo look alla saga. Siamo nell'era post-Scream (e la compagnia produttiva è la stessa), quindi la vicinanza stilistica al film di Craven è palese (ci sono pure le stesse musiche e in una scena Scream 2 passa in TV). Comunque il ritmo svelto, il ritorno della Curtis e qualche simpatico riferimento a battute e situazioni del primo Halloween lo rendono uno dei sequel più godibili e piacevolmente "fan-servicing" del lotto. Non esaltante, ma divertente.
MEMORABILE: Il pattino piantato in faccia come la roncola in Ecologia del delitto; Il cameo di Janet Leigh (con citazioni di Psyco annesse); La gamba tranciata.

Darkknight 5/11/19 09:36 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Prima retcon della saga (seguirà un'altra nel 2018): Laurie non è morta lasciando una figlia, ma si è trasferita crescendo un figlio. Kevin “Scream” Williamson, per riverenza al capostipite, riduce l'ironia alle consuete citazioni, imbastisce una trama convenzionale per due terzi della durata per poi esplodere in una resa dei conti fratello/sorella che regala la giusta adrenalina. Valida la regia del veterano Miner, confezione da film di serie A. Ottimo il finale: poteva essere un degno epilogo, rovinato però da La resurrezione.
MEMORABILE: Il cameo di Janet Leigh; Laurie vs Michael; Il finale.

Lupus73 18/11/19 12:35 - 642 commenti

I gusti di Lupus73

Re-sequel del secondo film della serie, dove riappare anche Laurie. Il tutto crea una sensazione di posticcio: sceneggiatura e regia usano la formula ormai standard, che nel '78 poteva essere innovativa ma ormai è obsoleta e superata da proposte più fresche (Scream), la fotografia è patinata, c'è una scenografia dove tutto è brillante e pulito a cominciare da Michael, che sfoggia una tuta inamidata e una maschera nuova di zecca (i costumi dei musicisti metal dell'epoca erano ormai più inquietanti). Il finale degno di nota alza il livello.
MEMORABILE: Il finale.

Jena 30/11/19 14:56 - 1207 commenti

I gusti di Jena

Prima del "40 anni dopo" c'era stato questo "20 anni dopo", di fatto sequel diretto del II, il primo senza la presenza cult di Pleasence (e si sente eccome!). Si cerca di "riumanizzare" Myers riportandolo a essere normale, duro a morire ma non soprannaturale (significativa in ciò l'attenzione al suo sguardo). Per il resto assolutamente nulla di nuovo, con il solito bodycount, peraltro assai asettico (sicuramente il film meno sanguinoso della serie). Attori insipidi, a parte la Curtis. Buona la regia di Miner, da cui però ci si aspettava molto di più.
MEMORABILE: Il tipo che sembra il sosia bolso di George Clooney infilzato; Il finale con la decapitazione di Michael (miglior scena del film).

Rigoletto 20/09/20 15:17 - 1607 commenti

I gusti di Rigoletto

Con Carpenter che gira al largo e Pleasence requiescat in pace, ai produttori rimane un ultimo asso nella manica: rimettere in pista Jamie Lee Curtis (il cui personaggio però era morto). Detto fatto, Jamie Lee si ritrova col suo incubo peggiore. Il problema è che dopo vent'anni... niente è come prima, e se la recitazione della Curtis è sempre di categoria superiore e vergata di rara dinamicità (lavorare con Schwarzenegger le ha fatto bene), la storia è fin troppo bucherellata per reggere e manca di quella forza dirompente e tragressiva dei primi film. Molto peggio il resto del cast.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 21/06/09 12:53
    Scrivano - 5604 interventi
    Nella scena che conclude il cameo di Janet Leigh si sente la musica di Psyco in sottofondo.
  • Curiosità Ciavazzaro • 7/09/09 12:01
    Scrivano - 5604 interventi
    La Curtis voleva fare il film che festeggiasse il ventennale della serie con Carpenter come regista,questi pero' rifiuto'.
  • Curiosità Rebis • 2/12/09 15:43
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    * Il progetto - che celebra il ventennale del primo episodio - è stato "spinto" dallo pseudo genietto Kevin Williamson, che in pieno Scream mood chissà cosa pensava di far rinascere...

    ** Esiste una versione uncut di '95 (dio ce ne scampi) approdata solo in terra spagnola (fonte: FilmTv).

    *** Nel DVD americano sono stati inserti due finali alternativi (perché evidentemente gli sceneggiatori avevano le idee chiare in partenza...):

    SPOILER
    1- nel primo, Michael parla (!) alla sorella poco prima di essere decapitato, supplicandola di non ucciderlo...

    2- nel secondo il corpo di Michael viene portato via in ambulanza da due infermieri... indovinate un pò cosa succede nel tragitto...

    (fonte: Nocturno Dossier, Scary Movies)
  • Curiosità Ciavazzaro • 28/12/09 11:16
    Scrivano - 5604 interventi
    Charles S. Dutton aveva inizialmente un ruolo nel film come detective,ma alla fine la sua parte venne tolta dalla sceneggiatura.

    Fonte:Imdb
  • Curiosità Maxspur • 14/06/12 12:07
    Galoppino - 206 interventi
    Nel suo breve cameo Janet Leigh non solo è accompagnata dallo score di Herrmann ma anche dalla stessa automobile che guidava in "Psycho".
  • Homevideo Buiomega71 • 3/05/16 20:49
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    Leggo, sulla definitiva "Guida al cinema splatter" dei fratelli Castoldi, che il film gira cut (nelle scene gore) un pò ovunque, tranne che in Spagna, dove, pare, sia l'unico paese dove sia uscita la versione uncut.
  • Homevideo Caesars • 4/05/16 13:42
    Scrivano - 11053 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Leggo, sulla definitiva "Guida al cinema splatter" dei fratelli Castoldi, che il film gira cut (nelle scene gore) un pò ovunque, tranne che in Spagna, dove, pare, sia l'unico paese dove sia uscita la versione uncut.

    Anche il nostro Marcel jr. nella sua rece riportava la notizia che l'unica versione uncut girava in Spagna.