LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ultimo film di Girardi poliziotto in servizio (poi diventerà privato) e uno dei pochi della serie a essere genuinamente divertente. Merito della sceneggiatura di Bruno Corbucci e Mario Amendola: mette in fila una serie di volgarità trucidissime che un Tomas Milian in splendida forma e un Bombolo al meglio delle sue possibilità interpretano con la dovuta verve. Se escludiamo alcune gag addirittura imbarazzanti nel loro squallore (vedi Giraldi che si scatena al pranzo dei posati milanesi o i reiterati e ovvi equivoci acustici della nonna sorda) abbiamo un giallo che funziona relativamente ma soprattutto che lascia spazio ai personaggi senza intestardirsi in trame inutilmente complesse. L'apertura è per il solito furtarello di Venticello (Bombolo),...Leggi tutto questa volta in trasferta a Milano: è allo stadio e, dopo aver conosciuto un riccone che vive appunto in Corso di Porta Romana, approfitta della sua assenza durante la partita per saccheggiargli la casa. Ma lì arriva la moglie con l'amante, il quale la fa fuori sotto gli occhi di Venticello. Lui viene arrestato per omicidio, ma pretende di parlare solo con Giraldi. E’ un pretesto per esportare il trasteverino Giraldi a Milano (ma notiamo che l’omicidio avviene non per caso a... Porta Romana), approfittandone per abusare dei luoghi comuni sui milanesi e far trionfare la furbizia dei romani, rappresentati appunto da Milian. E’ il film in cui nasce Rocky, il figlio di Nico, ma è anche quello in cui vediamo un nudo quasi integrale del grasso Franco Diogene, un sexy spogliarello e il seno della già stagionatella Marina Frajese, una buona performance del simpatico milanese Lino Patruno (l'infermiere) e un inseguimento sui pattini lungo ed evitabile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 3/03/07 10:34 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

Simpatica commedia poliziesca divertente e genuina, ma molto più semplice rispetto ad altri episodi di Nico. C'è anche una piccola parte per il jazzista Patruno. In questo film ho visto una buona interpretazione da parte di Olimpia di Nardo. Inoltre è un episodio importante per la saga perchè corrisponde alla nascita di Rocky. Indimenticabile la scena in ospedale con l'infermiere: "Che cosa le devo ingessare?" "Ingessami il cazzo che m'è s'è rotto!". Milian è ancora in ottima forma.

G.Godardi 12/04/07 15:14 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Si consolida la formula del precedente film con due varianti: l'azione si sposta a Milano (e ciò darà avvio a gustosi momenti dovuti alle contrapposizioni tra il modus operandi di Giraldi e quello dei colleghi milanesi) e Bombolo diviene il fulcro dell'azione (e questo innesta gustosi siparietti comici inarrivabili, come le scene in carcere col monzese). Rimarchevole anche la presenza di Patruno. Olimpia di Nardo è per la prima volta la moglie di Giraldi, accompagnata dalla madre Nerina Montagnani. Se non il più bello è sicuramente il più comico.

Deepred89 8/05/07 19:30 - 3310 commenti

I gusti di Deepred89

Divertente commedia gialla, un piccolo passo in avanti rispetto al comunque sufficiente Assassinio sul Tevere. La storia è semplice ma divertente, la battute funzionano quasi tutte, la regia di Corbucci è efficace e la coppia Milian-Bombolo funziona alla grande. Tra i migliori della serie dei Delitti.

Cangaceiro 1/09/08 22:10 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Gita milanese per Nico e combriccola per la prima dei Delitti. È molto divertente notare l'evoluzione di Giraldi che con la nascita di Rocky diventa ormai un responsabile (?) padre di famiglia. La povera Olimpia Di Nardo qui fornisce la sua più bella prova grazie alla gravidanza e ai siparietti con Nerina Montagnani. Milian splendidamente trucido come al solito.
MEMORABILE: Angela stamo a un paese che se chiama Colle d'Era, tiene duro non lo vojo un figlio COLLEDERETANO!

Puppigallo 31/08/08 10:17 - 4525 commenti

I gusti di Puppigallo

Un Milian (maresciallo Giraldi) più vaffa, che battute buone, con mogliein cinta è il protagonista di questa commedia gialla, che naturalmente è tutta un pretesto per farlo scatenare (vestito da hockey, coi pattini all'inseguimento di un auto...). Eppure, incredibile ma vero, la scena gli viene rubata da un ottimo Bombolo (carcerato e in balia di un grosso gay, che vuole mettere su famiglia con lui), tanto che si finisce più per aspettare la sua comparsa, piuttosto che seguire le investigazioni del protagonista (con impermeabile e cappello). Sicuramente vedibile, ma poco sopra la mediocrità.
MEMORABILE: Giunge in carcere la lettera della madre di Bombolo, che approva il matrimonio col gay (Bombolo a pezzi).

Enzus79 9/03/09 17:07 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Nico Giraldi indaga a Milano per salvare l'amico Venticello, accusato di omicidio. Rovinerà il clima dei cittadini milanesi. Forse uno dei migliori episodi col maresciallo Giraldi, battute (volgari) a volontà, Bombolo più bravo del solito. Corbucci (Bruno) gira un buon giallo.

Rickblaine 9/03/09 18:33 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Altra puntata del ciclo Nico Giraldi. Qui, con la moglie incinta e prossima al parto, il nostro si ritrova a dover cercare di risolvere la delicata situazione in cui il suo amico Venticello si è cacciato. Simpatico e molto centrato il raffronto ambientale e dialettico fra Nord e Sud. Milian come sempre non delude.
MEMORABILE: "Cerchi di non rompere Lico.." dice Giraldi: "Lico chi?" chiede il questore. "Licoglioni".

Herrkinski 29/12/09 19:47 - 5292 commenti

I gusti di Herrkinski

Del ciclo dei "delitti" uno dei migliori. La parte gialla è discretamente congegnata, ma a farla da padrone è la parte puramente comica, con un Milian/Giraldi scatenato e burinissimo, un grande Bombolo, delle "spalle" come si deve (Patruno su tutti, ma anche la Di Nardo) e delle buone scene d'azione, su tutte il memorabile inseguimento sui pattini. Il film si fa ricordare anche per la nascita del figlioletto di Giraldi, Rocky. Non manca una decisa critica alla classe altolocata, in questo caso la ricca famiglia milanese del questore.
MEMORABILE: Giraldi che "anima" la festa dei riccastri.

Rambo90 25/01/10 03:00 - 6432 commenti

I gusti di Rambo90

Settima avventura per il maresciallo Giraldi. Questa volta la trama gialla serve solo da pretesto per battute e situazioni (molto spesso divertenti) e per inseguimenti vivaci e ben riusciti. Migliore del precedente capitolo e, tutto sommato, al livello dei migliori della serie. La parte comica prende un poco il sopravvento sull'azione, ma non è un male, Milian è in gran forma e Bombolo (qui finalmente coprotagonista a tutti gli effetti) è un personaggio molto simpatico.
MEMORABILE: "Quando c'è da calà, calo... quando c'è da piglià, piglio!"

Galbo 26/01/10 20:09 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Trasferta lombarda per il maresciallo Giraldi questa volta in attesa di un figlio. In Delitto a porta romana la struttura del film è più spostata verso la commedia rispetto al giallo e all'action e da questo punto di vista particolarmente funzionale appare la parte della "spalla" Bombolo. Gag divertenti e qualche discreta scena d'azione.

124c 20/04/10 18:07 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Il maresciallo Giraldi diventa padre, ma prima del parto della moglie Angela (qui, per la prima volta, interpretata da Olimpia di Nardo), deve andare a Milano per salvare Venticello, messo in carcere per un delitto che non ha commesso. Sorpresa, sorpresa: il jazzista Lino Patruno di "Portobello" qui fa l'infermiere e, quindi, divide con Bombolo gli schiaffazzi di Tomas Milian. Questo è anche il film dove Venticello incontra il terribile Bartolo detto "il monzese". Volgarità a volontà!

Schramm 22/06/10 11:10 - 2450 commenti

I gusti di Schramm

Certo che 30 anni fa ci si accontentava proprio del men che meno: bastava un'insalata di scurrilità che potevi benissimo udire gratis a Porta Portese, ricamarle attorno uno straccetto di detection, e il gioco era fatto. Gioco che ha pagato, a contare gli episodi della saga di Giraldi e Venticello. Riassimilato oggidì, lo sconforto lascia senza parole. Come sbigottiti per orrore e incredulità lascia anche un Franco Diogene in versione strip-teaseur (e dire che nemmeno due anni prima si dimostrò cavallo di razza in Fuga di mezzanotte...): allo scult non c'è mai fondo.

Mdmaster 23/11/10 09:39 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Tra i migliori film del Nico Giraldi, diventato ormai culto grazie alla quantità di battute ipermegacitabili, più che per una trama da giallo abbastanza scontata. Bombolo in formissima alle prese con il romantico Bartolo detto il monzese, Milian alle prese con quintalate di volgarità e retto da Amendola in formissima e un buon cast di contorno. Alla fine, ci voleva poco per fare un buon film di Giraldi, ma spesso i registi stessi non lo capivano. Thrashone più che godibile, ottima l'idea di ambientarlo a Milano.
MEMORABILE: "Cos'è che ci devo ingessare?"; "Chi caca sotto la neve..."

Mark70 17/02/11 16:32 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Uno dei migliori episodi della serie per il più sboccato poliziotto della storia. Effettivemente in questo film Milian indulge un po' troppo nelle battute volgari e grevi che lo hanno reso celebre: nonostante questo il film resta godibilissimo, la trama è semplice ma tutto sommato interessante, buona l'idea di trasferire l'azione a Milano con il contrasto tra Nico ed un compassato commissario. Eccellenti anche i caratteristi: oltre al celebre Bombolo (fidanzato in casa con Bartolo il monzese) spicca un inedito e fenomenale Lino Patruno.
MEMORABILE: L'inseguimento sui pattini, lo scontro con commissario, moglie e sorella "Ma che è colpa mia se lei è imparentato con tutte le stronze de Milano?"

Trivex 30/05/11 10:44 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Una storiella genuina, giallognola e movimentata dal linguaggio tanto volgare del nostro maresciallo. Scorre lesta, appoggiata alla Milano fine 70, contorno affascinante ed equilibrato. Naturalmente è solo grazie al disinvolto Milian che il prodotto acquisisce il suo perché, anzi lo supera grazie a qualche colpo (in testa!) da vero film giallo. Non male la parte "carceraria", divertente la scena nel night club dove possiamo guardare senza arrossire una famosa icona di un altro genere. Ci sono la nonna ed il poliziotto signorino, che finirà "al sugo"!

Gugly 2/07/11 22:42 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Non siamo più nel poliziottesco ma nella commedia gialla anni 80: è un'altra cosa, ma il Maresciallo Giraldi diverte sempre; ad accompagnare Milian in questa avventura troviamo il fedele Bombolo, la trucida Di Nardo e i caratteristi di fiducia (povero questore!), oltre al "valore aggiunto" Lino Patruno. Godiamoci quindi inseguimenti a mezzo pattini, camper, filosofia greve, il grande (in tutti i sensi) Bartolo il Monzese innamorato e.... che altro? Ah sì non dimentichiamo: chi caca sotto la neve...
MEMORABILE: Dio li fa e poi l'accoppia: la sequela di insulti che Angela infligge a Giraldi quando lo sorprende ad "interrogare" la Frajese.

Gestarsh99 26/05/12 00:43 - 1335 commenti

I gusti di Gestarsh99

Corbucci Jr. si getta a peso morto nella parodia cacio e pepe del giallo poliziesco, spostando il set nel capoluogo lombardo senza però scordarsi (nel titolo) dell'humus romanesco. A 4 film di distanza dal suo battesimo in Squadra antifurto ricompare la gelosissima e loquace Olimpia Di Nardo, che sarà ufficialmente la signora Giraldi sino al termine della serie, assicurando alle future indagini maritali un chiassoso cotè di diatribe familiari. Da comparsetta a latere Bombolo diventa qui nientemeno che il motore centrale degli affannati sbattimenti dell'amico piedipiatti. Per milianisti in trasferta.
MEMORABILE: Bombolo che mangia sapone di Marsiglia per sfuggire "ambulatorialmente" alle pericolosissime avance uranistiche del titanico "Bartolo detto er Monzese"...

Nando 27/06/12 02:40 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Il solito Nico, alias Milian, alle prese con un omicidio milanese in cui sembra implicato Bombolo. Narrazione movimentata con momenti allegri, altri rimediati, tuttavia la gestione regge e vedere Bombolo rischiare di sposare Bartolo il Monzese genera sonore risate, nonostante la pochezza generale del film.

Jandileida 16/08/12 17:47 - 1276 commenti

I gusti di Jandileida

Continua la saga di Nico Giraldi, che vira verso toni da commedia (anche se la trama gialla, per quanto semplice, è comunque ben congegnata): la chiave è ovviamente la trasferta milanese in cui il romano Milian si "scontra" con l'ambiente milanese. Un po' pochino per reggere tutto un film, ma alcuni momenti, specie quelli in cui Bombolo fa la sua entrata in scena, sono decisamente esilaranti. Certo se si cerca la raffinatezza è meglio volgere lo sguardo altrove (e devo dirlo: no, noi romani non parliamo tutti come Giraldi!) ma due risate si fanno di certo.
MEMORABILE: "Entrée" "No in tre, sto da solo"; "Come se chiama 'sto pezzo" "L'incompiuta di Schubert" "Meno male, se semo sarvati".

Homesick 8/10/12 17:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Primo episodio ufficiale della serie dei “Delitti” dopo i preparativi in Assassinio sul Tevere. Il passaggio ad una trama giallo-poliziesca con la sua intera casistica (omicidi, indagine, sospetti, indizi, false piste) non muta l’impostazione di base, caratterizzata da una scurrilità sempre più grassa e pesante, specie nelle gag con la Montagnani sorda e quelle con il carcerato gay Crovetto. Spalle di Milian/Giraldi, ora maritato con la gelosissima Di Nardo e in attesa di pargolo, il malcapitato Bombolo/Venticello e l’infermiere Patruno. Finale iper-campanilista sull’Autostrada del Sole.
MEMORABILE: Inseguimento sui pattini; la doppia gaffe commessa da Nico nei confronti di moglie e sorella del commissario milanese.

Saintgifts 29/04/15 11:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il maresciallo Giraldi in trasferta al nord per merito dell'amico Venticello che, tanto per rimanere in aria di casa, "opera" in zona Porta Romana a Milano. Occasione per sfruttare le differenze tra i metodi e i modi del maresciallo e quelli del questore della città; differenze che danno luogo alle prime gag, dove Giraldi si fa (ri)conoscere. Le indagini arrivano a essere solo il pretesto per lasciar esprimere tutto il repertorio comico ai vari personaggi, caratterizzati da attori più o meno noti. Milian in grande forma sui pattini a rotelle.

Myvincent 12/07/15 08:41 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Il maresciallo Giraldi, alle prese col delitto milanese di una bella donna, offre ancora una volta il pretesto per sfoderare tutto il suo carico di trucida simpatia. Fra versacci, espressioni romanesche e non solo, il ritmo ha i tempi giusti, senza neanche un momento morto, inclusi gli inseguimenti vari (come quello sui pattini), gustosi come sempre. Comprimari e caratteristi della vecchia guardia semplicemente grandiosi.
MEMORABILE: La cicatrice sul piede dell'assassino, vero indizio dirimente...

Ultimo 18/02/16 17:54 - 1384 commenti

I gusti di Ultimo

Un buon film della serie, ove il maresciallo Giraldi è al suo massimo in quanto a volgarità e avventure strampalate. Viaggia su un camper con moglie incinta e suocera sorda e questo basta per regalare una serie infinita di gag ed equivoci. Trama gialla semplice ma non totalmente scontata. Nota di merito per il mitico Venticello/Bombolo in una delle apparizioni più riuscite. Cede un po' nel finale, ma merita tre pallini.
MEMORABILE: Venticello perseguitato dal carcerato omosessuale; L'inseguimento in monopattini.

Il Dandi 6/09/16 13:54 - 1847 commenti

I gusti di Il Dandi

Dopo la formula esperita in Assassinio sul Tevere la serie del maresciallo Giraldi prosegue all'insegna del whodunit: dunque ancora un giallo deduttivo all'amatriciana (ma in trasferta polentona) in cui i modi buzzurri del protagonista (la gag in cui il suo umorismo conquista i raffinati commensali del questore sembra ispirare una scena analoga con Celentano in Innamorato pazzo) e le acrobazie della sua controfigura portano a casa il film col pilota automatico. Più spazio del solito a Bombolo.
MEMORABILE: L'inseguimento sui pattini.

Pessoa 13/03/17 23:25 - 1230 commenti

I gusti di Pessoa

Mentre il poliziottesco che le aveva dato vita tende a scomparire, travolto dall'edonismo reaganiano, la saga del commissario Giraldi continua a riempire le sale di un pubblico che brama sempre nuovi episodi. In questo capitolo alcuni eccessi vengono stemperati da una storia credibile e dai personaggi di contorno, con uno straripante Bombolo (finalmente protagonista) che batte tutti e si prende le risate più convinte. Da segnalare anche le buone prove di Lino Patruno e Nerina Montagnani, protagonisti dell'ultimo movimentatissimo quarto d'ora.
MEMORABILE: Bombolo che batte puntualmente il "campione" Lino Patruno a scopa; La "love story" fra Bombolo e Bartolo il Monzese.

Taxius 22/01/18 12:12 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Il maresciallo Giraldi va in trasferta a Milano per risolvere un caso di omicidio in cui è stato ingiustamente accusato il povero Venticello. Poliziottesco dai forti connotati comici, ricco di gag, battute e qualche volgarità di troppo ma capace di far ridere e intrattenere grazie soprattutto all'interpretazione di Bombolo che, in questo film, ha un minutaggio superiore rispetto ad altri episodi della serie. Non mancano le scene action. Per gli appassionati del genere è imperdibile.
MEMORABILE: La nonna tremolante; Il fidanzato di Venticello.

Minitina80 28/02/18 08:31 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Tra tutti gli episodi della serie è forse quello che riesce a conciliare meglio l’aspetto goliardico della romanità più truce con il giallo e la commedia. C’è un buon equilibrio tra Milian, Bombolo e tutti coloro che partecipano al lato comico, i quali si concedono anche il lusso di sbeffeggiare la vita monotona e laccata della media borghesia. L’intreccio funziona quel tanto che basta per reggere in piedi la pellicola senza ricorrere a nessuno stratagemma particolare. Funzionale allo spirito della pellicola il commento musicale di Micalizzi.
MEMORABILE: Angela: “Nico, c’ho ‘na voglia de ruchetta!” Nico: “e toccate er culo!”; Il viaggio di ritorno a Roma per far nascere Rocky.

Pumpkh75 16/07/18 14:35 - 1336 commenti

I gusti di Pumpkh75

Ad analizzarlo bene ed escludendo omicidio iniziale e identificazione del colpevole, di poliziesco rimane solo un alito di Ponentino. Difatti siamo a Milano ed ecco che a farla da padrone sono le disavventure di Milian con la realtà lombarda e quelle di Venticello con Bartolo il Monzese: si ridacchia, non ci si lambicca a dipanare la matassa, sembra quasi che prima o poi spuntino Celentano o Pozzetto. Epici la Frajese “tette a tette” e Diogene nudissimo, si esagera con la sordità di Nerina Montagnani. Gli applausi li merita.

Faggi 9/12/18 20:10 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Avventura a Milano del maresciallo Giraldi, impeccabile nel suo comportamento triviale, sboccato, selvaggio, buffonesco, totalmente sopra le righe e fuori controllo (in tuta da meccanico, scarpe Adidas, giacca più o meno classica e spilletta dei Rolling Stones). Ovviamente è una commedia, il tono giallo è solo un pretesto; eppure, nemmeno troppo stranamente, si è trascinati anche dalla traccia enigmistica e non solo dalla raffica di gag e battute. Buone le scene d'azione, sulle quali spicca la sequenza dell'inseguimento sui pattini a rotelle.

Rufus68 4/05/19 17:01 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Nello scorso millennio la battuta: "È colpa mia se sei imparentato co' tutte le st... de Milano!" bastò ad assicurare al film un largo successo popolar-adolescenziale. Oggi fa ridacchiare a denti stretti, con un poco di vergogna. Il pretesto giallo da infiorettare con volgarità gratuite e desolanti lascia il tempo che trova. Il personaggio Giraldi è alla frutta così come il genere. Le ultime pernacchie sfiatate della commediaccia. Si salva il Bombolo gay-concupito in galera.

Rigoletto 24/05/19 18:05 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Con il povero Bombolo impelagato in un guaio più grande di lui e nell'attesa della nascita del figlio, il maresciallo Giraldi dovrà farsi in quattro per risolvere un caso difficile. Lo schema è il solito, la presa ferrea, l'adrenalina a mille; il primo film della serie dei "Delitti" non fa rimpiangere quelli della "Squadra", proseguendo sulla stessa scia senza soluzione di continuità. Oltre al collaudato duo Bombolo-Milian vanno segnalati i tanti bravi caratteristi che, anche da soli, avrebbero potuto fare un film eccellente.

Lavrenti 10/08/19 23:22 - 11 commenti

I gusti di Lavrenti

Uno dei più gobibili e divertenti episodi della saga "Squadra..." e "Delitto..." firmati Bruno Corbucci, con Tomas Milian e Bombolo. La storia come sempre lascia il tempo che trova - sarebbe pretestuoso parlare anche solo di poliziottesco, figurarsi di poliziesco vero e proprio - per donare campo libero alle risate (che arrivano copiose e di gusto dall'inizio alla fine) generate in primis, va detto, dalle scurrilità generosamente offerte da Ferruccio Amendola. Da stracult la scena dell'inseguimento di una macchina con Nico Giraldi sui pattini.
MEMORABILE: "In famiglia mia semo tutti maschi, pure le donne!” (Nico Giraldi).

Lupus73 29/11/19 14:16 - 686 commenti

I gusti di Lupus73

Primo dei cinque "delitti". Film girato tra Roma e Milano e meno brillante del predecessore e dei successivi, ma con un suo perché e alcune trovate degne di rilievo. La commedia ormai la fa da padrona rispetto alla trama giallo/poliziesca, continuando a evolvere gli elementi farseschi e squisitamente trash del personaggio e delle situazioni. In questo episodio Bombolo è più al centro della situazione e compare perfino Marina Lothar.
MEMORABILE: Giraldi che banchetta in mezzo agli snob e in piedi sul tavolo canta "La società dei magnaccioni" tirando cozze ovunque.

Graf 30/12/19 02:21 - 700 commenti

I gusti di Graf

Nico Giraldi si reca in trasferta a Milano per aiutare il suo amico Venticello accusato ingiustamente di un delitto. La vicenda gialla del film è minimale, prendono il sopravvento gli aspetti action e farseschi della vicenda che mette al centro le disavventure buffonesche di Bombolo e le ambasce di Nico Giraldi che, oltre a dover capire chi sia l’assassino, deve prendersi cura della moglie simpatica ma petulante prossima a partorire. Trama vivace ricca di episodi e di personaggi, regia diligente, ritmo spedito e percentuale di parolacce in aumento.
MEMORABILE: Lo spericolato viaggio autostradale imposto da Giraldi a sua moglie in piene doglie per far nascere il proprio figlio a Roma e non a Milano.

Markus 7/02/20 18:26 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Settimo capitolo del connubio Corbucci/Milian, che qui inaugura la serie dei "Delitti". Nulla di nuovo sotto il sole, o meglio nella stereotipata nebbia meneghina visto che il film è ambientato a Milano (pochi gli sprazzi della città lombarda, ma tant'è). Si ride un po' a denti stretti, con le classiche battute decisamente grevi del personaggio commissario Girardi, ma il gialletto di fondo riesce quanto meno a rendere la visione stuzzicante sotto il profilo del desiderio di sapere come va a finire. Del filone non è l'opera migliore.

Victorvega 28/05/20 00:04 - 311 commenti

I gusti di Victorvega

La trama gialla è sottilissima, impalpabile e costituisce unicamente un pretesto per legare assieme i vari aspetti della commedia (genere di cui il film indubbiamente fa parte). Non sarebbe neanche un male, il personaggio è simpatico e sempre attorniato da validi caratteristi. Il fatto è che la parte da commedia è tirata: pensiamo alle ripetute scene con il questore, alla cena (terribile) a casa sua, ai lunghissimi intermezzi con la nonna sorda... Insomma, poche idee e (mal) sfruttate fino all'osso per allungare il metraggio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Cangaceiro • 4/09/08 12:59
    Call center Davinotti - 742 interventi
    In una puntata di Stracult del 2001 che ho trovato su youtube Olimpia Di Nardo confidò che lei e Milian convinsero Bombolo a mangiarsi veramente il sapone nella scena in carcere per poterla rendere al meglio.Per conseguenza Franco accusò sul serio una sorta di malore come quello nel film.
  • Homevideo Geppo • 19/10/09 18:41
    Addetto riparazione hardware - 4018 interventi
    Ecco la rara fascetta VHS Apollo video di "Delitto a porta romana" direttamente dalla Geppo collection.

    Ultima modifica: 19/10/09 21:00 da Zender
  • Curiosità Schramm • 21/06/10 22:51
    Risorse umane - 6724 interventi
    *verso la fine provano ad ammazzare Venticello sotto i ferri. per triste ironia, Bombolo è realmente morto durante un intervento chirurgico 7 anni dopo
  • Homevideo Xtron • 23/05/12 20:37
    Servizio caffè - 1834 interventi
    DVD MEDUSA
    Durata 1h27m07s (immagine a 8:27)
    Video anamorfico



    DVD 01
    Durata 1h27m25s
    Video letterbox

    Ultima modifica: 27/04/15 17:11 da Zender
  • Curiosità Zender • 28/07/13 17:09
    Consigliere - 43740 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Fedemelis • 20/09/13 00:01
    Fotocopista - 1792 interventi
    La partita nel quale Venticello (Bombolo) ruberà le chiavi di casa del proprietario dell'appartamento di Via Porta Romana è Inter-Roma, giocata il 27 Aprile 1980 allo Stadio Giuseppe Meazza e finita 2-2.
    Nel film non vengono mostrati goal, ma possiamo ritrovare gli stessi cartelloni pubblicitari dietro la porta e la carta della coreografia dei tifosi.




    CURIOSITA' NELLA CURIOSITA'
    Al contrario di altri film nel quale appaiono immagini di repertorio di partite e spalti ricostruiti in studio, la scena è stata girata veramente allo stadio, infatti il film mostra una carellata, senza stacchi, dal campo ai due protagonisti confermando che la scena è girata proprio durante quella partita. Qui possiamo vede una gradita dello stadio Meazza.

  • Curiosità Fabiodm102 • 19/12/13 12:34
    Disoccupato - 347 interventi
    Doppiatori Italiani:

    *Ferruccio Amendola: Tomas Milian
    *Carlo Alighiero: Mario Donatone
    *Paila Pavese: [la vittima]
    *Deddy Savagnone: Nerina Montagnani
    *Piero Tiberi: Massimo Vanni
    *Gigi Reder: Marcello Martana
    *Renato Mori: Elio Crovetto
    *Bruno Corbucci: [Il paziente]
    *Gianni Marzocchi: Aldo Ralli
    *Bruno Cattaneo: Tony Scarf
    *Romano Ghini: [Direttore di scena]
    *Germana Dominici: Marina Frajese
    *Arturo Dominici: Andrea Aureli
    *Manlio De Angelis: Franco Diogene
    *Isabella Pasanisi: [Bianca]
    *Max Turilli: Mimmo Poli