Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/02/10 DAL BENEMERITO STUBBY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 26/02/10 15:03 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Un post western (ma i critici che scrivono bene parlano di western postatomico) condito di atmosfere messianiche. Ma non aspettatevi l'ironia di un Provvidenza o di uno Spirito Santo perché più che uno spaghetti trattasi di un serioso ravioli(al vapore) western in tre atti che ripercorrono altrettanti topoi tipici del genere: il deserto, il villaggio con tanto di saloon e la casa dei coloni assediata. Ed in più il colpo (basso) di scena che irrita più che sorprendere per quanto è implausibile.

Domino86 28/02/10 19:56 - 571 commenti

I gusti di Domino86

Scenari apocalittici, terre desolate, uomini che uccidono pur di ottenere quello di cui necessitano. Sicuramente Denzel Washington ricopre un ruolo fondamentale, in questa pellicola che ha del già visto ma che, tuttavia, qualche buona scena d'azione la mostra.

Galbo 18/03/10 05:40 - 11694 commenti

I gusti di Galbo

Dopo l’interessante e riuscito From Hell, i fratelli Hughes compiono un mezzo passo falso con questo film a metà tra il western apocalittico e la storia on the road. Soggetto interessante (il potere della parola e il significato del libro) ma realizzazione deludente, con alcune scene interessanti nel contesto di un opera piuttosto banale che sceglie vie narrative poco originali e già sfruttate. Bella la fotografia e buona la prova del cast anche se Gary Oldman “gigioneggia” un po’ troppo.

Rambo90 27/02/10 05:08 - 6855 commenti

I gusti di Rambo90

Inizia bene come un classico prodotto di genere, con un Denzel Washington ancora in forma che dà vita a un paio di ottime sequenze d'azione. Oldman è un cattivo perfetto e la Kunis bella quanto serve. Peccato che poi il ritmo rallenti, che i registi tentino di dare una morale posticcia ad un film che non ne pretende e che, per far credere allo spettatore di aver visto un film originale, azzecchino un colpo di scena finale che getta incoerenza sull'intera trama. Poteva essere meglio.
MEMORABILE: La coppia di vecchietti che divora i suoi ospiti e ne seppellisce i resti dietro casa.

Remen51 13/03/10 16:18 - 39 commenti

I gusti di Remen51

Ambientazione avvincente, ma storia da Spaghetti Western. Via di mezzo tra i primi Interceptor, con gli stessi cattivi di Waterworld, propone Denzel Washinton spietato e ridondante di citazioni. Percorre la Coast to Coast da trent'anni, angelo nero che ammazza e squarta, guidato dalla voce di Dio, per consegnare una Bibbia ad Einstein nella biblioteca-museo-bunker, costruito per glorificare l'ancienne règime. Ma è la Bibbia del dente per dente. Dopo tanto viaggio finisce anche lei sullo scaffale. E la voce di Dio? Un film davvero inutile. Però guardatelo!

Stubby 26/02/10 12:33 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Sorprendentemente accattivante, è un film che a parte l'ultimo minuto finale mi è piaciuto tantissimo, soprattutto grazie all'ottimo Denzel Washington. Trattasi di un post-atomico, quindi sono presenti i richiami alle pellicole più famose del genere stile Mad Max, ma i fratelli Hughes strizzano l'occhio anche al nostro cinema facendo fischiettare ai protagonisti più di una volta le musiche di Morricone dei western Leoniani; tra l'altro un po' di atmosfera western c'è. Ottimo.
MEMORABILE: Il combattimento col machete.

Hackett 6/03/10 14:41 - 1807 commenti

I gusti di Hackett

Pellicola tra il postatomico e il western moderno, The book of Eli (più azzeccato il titolo originale) pur dovendo tutto ai classici del genere ne sa essere una accettabile nuova variante. In un futuro dove oltre all’acqua la cosa più preziosa diventa la parola scritta e una bibbia in mani sbagliate potrebbe costituire un pessimo inizio, seguiamo il protagonista solitario, un po’ profeta un po’ samurai, nel suo errare tra le macerie di una civiltà perduta. I personaggi di contorno sono molto stereotipati ma la presenza di Gary Oldman resta comunque una garanzia. Gustose citazioni da Sergio Leone, tra gli altri.

Capannelle 12/03/10 14:57 - 3926 commenti

I gusti di Capannelle

Soporifero lavoro che tenta a più riprese di sconfinare nel trash ascetico e fumettistico, dove di desaturato non c'è solo la fotografia ma anche le idee. Due sole battute nei primi 75 minuti e un divertente intermezzo con la coppia di vecchini rintanati. Per il resto tanta banalità servita in stile videoclip, qualche aggancio mistico che qualcuno ha preso sul serio (!) e un deludente Washington che si prende (e produce) una gran sbandata. Ah sì, c'è anche la Kunis ma sembra un accessorio ed è doppiata male.

Pigro 15/09/16 08:32 - 8513 commenti

I gusti di Pigro

Ai classici scenari postatomici che rinnovano i valori fondanti Usa, il film aggiunge una novità: il cristianesimo. Il repertorio di figure truci, paesaggi apocalittici, violenza esagerata è identico, ma il nocciolo sta nella Bibbia custodita dall’eroe in odor di santità e bramata dal cattivone che sa bene come la religione sia instrumentum regni e come gli serva per governare la sua cittadina post-western. Tecnicamente ineccepibile (ritmo calibrato, fotografia desaturata, attori in forma), concettualmente pietoso (per pii integralisti). Amen.

Belfagor 1/04/10 11:48 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

Effetti speciali e trama da western, ma il film è invero una boiata pazzesca, anzichéno! Non è affatto piacevole sapere che il protagonista, il quale ha (quasi) il mio stesso nome, è un ramingo fondamentalista che dopo un olocausto nucleare pensa bene di salvaguardare la Bibbia, nella sua concezione più forcaiola e guerrafondaia. Bella scelta! L'unico elemento salvabile è la fotografia, ma a questo punto, se ho proprio voglia di qualcosa di reazionario, tanto vale che mi guardi un documentario della Riefenstahl.

Allen Hughes HA DIRETTO ANCHE...

Harrys 16/07/10 21:49 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Non so se faccia più senso l'astio religioso che ha portato alla guerra atomica dell'assunto o lo sconfortante finalino, buonista, moralista, pedestre (almeno quanto il sogno americano), peraltro in palese antitesi con quanto professato nel corso della pellicola stessa, schizofrenica come un elettroencefalogramma impazzito. Eppur qualcosa si muove. I due brothers (o cousins, non lo so) alla regia dimostrano una discreta capacità visionaria (molto buono il lavoro fotografico), poco capace di "limitarsi" nei virtuosismi però. Grossolano.

Mr.geko 14/07/10 16:25 - 34 commenti

I gusti di Mr.geko

Forse ispirato alle recenti mode dei videogames post-atomici, "Codice Genesi" è un film che riprende tante idee, tra spaghetti-western, Waterworld, Mad Max... il risultato è davvero buono ed il film è godibile. C'è qualche punta di moralismo azzeccata qua e là che non guasta e una base cristiana che non ti aspetti ma funziona; il libro è la bibbia e il modo in cui il "male" vuole utilizarlo fa pensare. Buono: senza pretese funziona!
MEMORABILE: La scena della trappola umana. Il colpo di scena finale. Il mondo deserto.

Pau 16/07/10 19:28 - 125 commenti

I gusti di Pau

Pellicola controversa, in cui l'elemento più interessante è dato dal confronto tra le opposte idee di cui sono portatori i due antagonisti: uno vorrebbe usare la parola di Dio per donare speranza ad un'umanità derelitta, l'altro per plagiare le menti e soggiogare i cuori, facendone uno strumento di potere. È la storia delle religioni, no? La rivelazione finale in merito ad Eli ha un forte valore simbolico, ma è del tutto implausibile sotto l'aspetto narrativo. Quale aspetto privilegiare nel giudicare il film? Io mi tengo pavidamente in mezzo.
MEMORABILE: L'assedio alla casa dei due vecchietti antropofagi.

Nadir 22/10/10 13:32 - 56 commenti

I gusti di Nadir

Sembra di essere tornati ai tempi di Mad Max, con qualche "miglioria". Buona la prova di tutto il cast, soprattutto di Washington e di Oldman, che sono una spanna sopra gli altri. Interessante la proposta di poter accendere, con i libri e con la religione, la speranza di una rinascita nella desolazione post-atomica, senza tuttavia scadere nel misticismo ovvero in uno sgangherato moralismo. L'unica nota deludente è, forse, il finale. Un buon film.

Manowar79 29/01/11 02:06 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Una cosa è certa: le nuove generazioni non accetteranno mai un postatomico (genere di per sè appartenente ad un'altra epoca) così monolitico, né la sua encomiabile rinuncia alla spettacolarizzazione digitale. Un film molto dialogato, recitato, dalla forte influenza leoniana che in qualche modo gli permette di non sfigurare di fronte ai titoli "cult" del genere. Oldman si conferma camaleontico istrione e Washington si rivela corretto; qualche illustre comparsa (Waits e McDowell) rende il cast ancora più prestigioso. Sottotono il finale.

Nando 27/02/11 12:37 - 3580 commenti

I gusti di Nando

In un ipotetico futuro ove si sono perse le cognizioni umane e vige un clima apocalittico, un uomo vaga portandosi dietro un libro prezioso. In uno scenario freddo e opaco il film si snoda come un pensante fumetto in un violento futuro. Immagini notevolmente pompate ma in fin dei conti vedibile.

Mickes2 8/03/11 11:00 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Un filmetto, né più né meno. Bella l'ambientazione e l'atmosfera post-apocalittica, per il resto si salva poco o nulla, a parte l'interpretazione di Denzel Washington. Film con grandi pretese, tira in ballo addirittura la Bibbia ma con scarsissimi risultati; narrativamente non incide, la pellicola rimane sempre in superficie. Il finale poi... ridicolo.

Cangaceiro 21/03/11 21:18 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Moderna parabola che strombazza sottovoce, ma con aria predicatoria e pedante, l'inestimabile valore delle sacre scritture. La protagonista unica e indiscussa infatti è la Bibbia, qui feticcio/reliquia capace di salvare il mondo. L'impalcatura da western post-atomico offre il minimo indispensabile per mettere in scena una manciata di scontri e sparatorie incapaci di fare chissà quale impressione. Washington abbraccia in pieno il suo ruolo sotto-recitando. Oldman è schiavo più di se stesso che del solito personaggio antagonista che si vede affibbiare.

Piero68 15/06/11 13:23 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Credevo che con gli anni 90 fossero finiti anche i film in stile e ambientazione Mad Max. E invece rieccolo fresco fresco come un evergreen. Questa volta con un Washington addirittura in odore di nuovo Messia. Sceneggiatura brutta, bruttissima che, nonostante le due ore di film, lascia dei vuoti incredibili nel plot. La regia poi non va oltre al compitino assegnatoli. Solo la bravura dei due interpreti principali riesce a tirare fuori dalla ambasce alcune sequenze veramente imbarazzanti. Gran colpo di scena finale, ma non basta a giustificare il tutto.

Pinhead80 29/07/11 19:35 - 4155 commenti

I gusti di Pinhead80

Le atmosfere del film mi hanno ricordato subito quelle di Ken il guerriero, il mitico eroe dei fumetti e dei cartoon. Qui il nostro eroe, in un mondo devastato dalla potenza del sole, spinto da una voce interiore dovrà portare a termine la sua missione. Un film fantascientifico che trova la sua forza nel carisma del protagonista e nelle buone scene d'azione. Apprezzabili i molti momenti al ralenti che accentuano ed enfatizzano i gesti dell'eroe senza però spezzare la tensione emotiva dello spettatore. Da non perdere.

Frances de la Tour HA RECITATO ANCHE IN...

Didda23 12/01/12 15:53 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Lo svolgimento del plot è allucinante per banalità e noia: la sceneggiatura non riesce ad avere il mordente necessario per far scaturire nell'ignaro spettatore almeno un barlume di riflessione. La mediocrità generale colpisce anche Washington, che offre una prestazione dimenticabile. Non parliamo dell'altalenante Oldman, che accetta senza alcuna remora qualsiasi ruolo. Difficile arrivare alla fine con la stessa linfa vitale della partenza. Mattonata tremenda.

Daniela 31/01/12 07:54 - 10747 commenti

I gusti di Daniela

1/3 western archetipo, 1/3 mad max style, 1/3 fallout, shekerare desaturando: sono gli ingredienti base di questo postapocalittico dalle ambizioni mosianiche (30 anni per andare all'Ovest sono tanti, ma sempre meno di quanto ci ha messo quell'altro per traversare il deserto), con Washington in missione speciale per conto di Dio, una ragazza sempre perfettamente truccata e con sciarpina fashion, Oldman gigione a capo della solita banda di imbecilli. A confermare il sospetto che si tratti di una mezza boiata ci pensa il finale i-podistico. Loffio
MEMORABILE: Simpatici la dolce Marilù e il burbero Giustino nella loro casetta in mezzo al nulla, però manca Leone cane fifone. Che se lo siano mangiato?

Pol 20/01/13 13:36 - 589 commenti

I gusti di Pol

Nulla di nuovo sotto il sole post-apocalittico, ma ai fratelli Hughes è bastato azzeccare l'ambientazione e i due attori principali: Washington rimane uno dei più credibili attori in questi ruoli "monolitici", mentre Oldman certi ruoli sembra se li scriva su misura. Però è uno di quei film in cui bisogna solo lasciarsi trasportare dagli eventi e dall'atmosfera chiudendo entrambi gli occhi davanti a una sceneggiatura piuttosto grossolana che sfocia in un finale tirato via.

Furetto60 24/02/14 11:31 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Apocalittico postatomico con inevitabile ambientazione cupa, grigia e disfatta, ben resa nella parte cromatica. Anche lo spunto della trama, la caccia a un libro, simbolo di conoscenza e quindi di potere, è originale e accattivante nel suo progressivo dispiegarsi fino alla rilevazione finale. Personalmente l’ho trovato migliore alla seconda visione, anche se il ritmo rallenta nella seconda parte.
MEMORABILE: Il colpo di scena finale; La casa dei vecchietti.

Tarabas 31/08/16 15:36 - 1805 commenti

I gusti di Tarabas

Usa postatomici; un uomo girovaga con un prezioso libro. Il capobanda di un'improvvisata comunità vuole impossessarsene per farne uno strumento di propaganda. Come spesso accade, uno spunto non banale (il potere della parola, specie se sacra e il rapporto col potere di cui può essere ispirazione o strumento) finisce con l'essere banalizzato in un action già visto mille volte. Il finale riscatta minimamente il film, aggiungendo almeno un che di paradossale. Per il resto, "L'uomo del giorno dopo" è più divertente e "The road" più radicale visivamente.

Puppigallo 13/03/17 12:57 - 4676 commenti

I gusti di Puppigallo

Mediocre pellicola post apocalittica, che punta tutto sul prezioso libro, custodito dall'inarrestabile paladino, spinto da un volere superiore (ha sentito una voce; di solito sarebbe indice di malattia mentale...). Non aggiunge quasi nulla di nuovo al genere, ma almeno si lascia vedere, nonostante personaggi dimenticabili, cattivo di turno compreso, che colpisce assai poco. Ovviamente, non può mancare la violenza, come anche la ragazza di turno, che seguirà il protagonista, un Washington al minimo sindacale, ma calato nella parte quel tanto che basta.
MEMORABILE: "I morti fanno bene alla terra"

Jandileida 16/07/17 09:42 - 1343 commenti

I gusti di Jandileida

Pellicola postatomica che nulla aggiunge a un genere che, tolta qualche luminosa eccezione, ormai pare aver cominciato a grattare il fondo del barile. Qui abbiamo infatti tutto quello che si deve avere in un film del genere: il prode eroe guerriero, il cattivo pazzo, qualcosa dal sapore messianico da combattersi, una ragazza graziosa che segue l'eroe, un sacco di gente con i capelli sporchi, tanta polvere e fotografia che vira al grigio. Si va avanti con il pilota automatico (anche gli attori) fino a un colpo di scena finale che non stupisce nessuno. Noia.

Black hole 10/10/17 15:07 - 139 commenti

I gusti di Black hole

Denzel Washington è la nota lieta di un film con un bello spunto iniziale che si dipana però in modo abbastanza prevedibile, così come la fine del truce Oldman, ormai abbonato al ruolo di cattivo universale (sempre troppo uguale a sé stesso, aggiungo). Di interessante rimane l'idea del Libro e la location della meta finale del protagonista. Si può guardare tranquillamente senza nemmeno annoiarsi troppo, ma i capolavori del post-apocalittico secondo me son ben altri.

Minitina80 1/06/20 21:49 - 2620 commenti

I gusti di Minitina80

Non si capisce bene cosa sia, se la trasposizione di un fumetto, una sorta di western moderno o un post apocalittico puro e semplice. Ciò nonostante, a discapito di un sempre bravo Denzel Washington e di scenari dall’impatto discreto, ciò che scricchiola è la scrittura del film. Banale sotto alcuni punti di vista, troppo approssimata per altri, non riuscendo in primis a essere credibile, malgrado appartenga al genere fantastico che di licenze ne concede a iosa. Ne risente anche il personaggio di Oldman, che più di tanto non può fare.

Cotola 11/12/20 00:26 - 8040 commenti

I gusti di Cotola

Fantascientifico con palesi contaminazioni western, costituito da una storia vista mille volte ed in cui i rimandi ad altre pellicole si sprecano. Però il film non è malaccio e, sebbene non ci siano sorprese, non annoia mai grazie anche ad una durata non esagerata. Si va avanti come il suo protagonista - un discreto Washington il cui personaggio è però anch'esso logoro ed abusato in quasi tutto e per tutto - senza troppi ostacoli ed intoppi. Il finale risulta un po' pazzerello e farneticante ma ricorda quello di una pellicola di ben altro spessore. Perché "tutti" cercano il libro?
MEMORABILE: Il finale. 

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Enzus79 19/04/21 18:08 - 2104 commenti

I gusti di Enzus79

Storia post apocalittica che convince pochissimo. La prima parte è quella riuscita meglio, la seconda no: troppo banale, con dinamiche poco logiche che portano a un finale che sfiora l'ipocrisia. Da salvare, invece, la parte tecnica: la regia dei fratelli Hughes, la fotografia e la colonna sonora. Denzel Washington convincente. Gary Oldman sembra che accetti certi ruoli per inerzia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Harrys • 26/02/10 12:47
    Fotocopista - 651 interventi
    Mancano i due punti tra Codice e Genesi. Metterei una "e" al posto del trattino tra i due registi. Due componenti del cast sono stati scritti attaccati... Zender quando hai letto puoi cancellare. ;-)
    Ultima modifica: 26/02/10 12:48 da Harrys
  • Discussione Zender • 26/02/10 12:55
    Consigliere - 44892 interventi
    Messi i due punti. Invece, per i due registi, è sbagliato sia il trattino che la e. Deve andarci SOLO la virgola, altrimenti il nome non si riesce a selezionare da solo, per la ricerca. Valgono solo le parentesi e le virgole, nessun altra parola :)
  • Discussione Harrys • 26/02/10 13:07
    Fotocopista - 651 interventi
    Ah! Grazie per la precisazione, non lo sapevo. ;-)

    PS i due attori sono ancora attaccati!
    Ultima modifica: 26/02/10 13:08 da Harrys
  • Discussione Zender • 26/02/10 14:20
    Consigliere - 44892 interventi
    Ops, non avevo letto dei due siamesi. Separati.
  • Discussione Ruber • 28/02/10 01:27
    Compilatore d’emergenza - 9077 interventi
    Scusa Zender, ma come mai le schede inserite da un utente poi vengono, fatte risultare inserite a favore di altri utenti? No perche' mi sono accorto, che questo film inserito da me, e' stato poi girato a favore di un altro utente, allora volevo solo capire come mai, cioe se io inserisco una scheda ma di un film che e' in stand by perche' non ancora uscito e' questo lo era perche e' uscito dopo pochi giorni che io lo avevo inserito (anche se c'era la locandina e questo devo capirlo, perche' allora non era in stand by)come mai poi e' stato fatto risultare che fosse stato inserito da Stubby?
  • Discussione Cotola • 28/02/10 02:30
    Consigliere avanzato - 3681 interventi
    Non conta chi lo inserisce (se in stand-by) ma
    chi lo recensisce per primo.
  • Discussione Ruber • 28/02/10 02:39
    Compilatore d’emergenza - 9077 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Non conta chi lo inserisce (se in stand-by) ma
    chi lo recensisce per primo.


    Ho capito, quindi vale chi fa il primo commento, perfetto, volevo sapere questo,molte grazie.
  • Discussione Zender • 28/02/10 08:59
    Consigliere - 44892 interventi
    Esatto, Cotola mi ha preceduto. Vedi Ruber, il fatto di base è questo: non mi son mai piaciuti i database (oserei dire praticamente tutti) in cui esistono film che non sono commentati da nessuno e stan lì solo con la loro bella trama copiata da chissà quale fonte. Abbiamo accettato che si potesse comunque inserire una scheda a patto che se ne parlasse almeno nel forum e così è. Se però arriva il commento (che è quello che conta, per una scheda) chi per primo lo inserisce si becca il benemerito di turno sopravanzando l'inseritore.
  • Discussione Capannelle • 12/03/10 15:08
    Scrivano - 2646 interventi
    Vorrei fare un favore a chi si aspetta di vedere McDowell in un ruolo a lui consono: l'attore appare solo alla fine nei panni di un mite bibliotecario truccato alla Albert Einstein. Non aspettatevi quindi lacrime e sangue.
    Non che gli altri attor brillino particolarmente..
    Ultima modifica: 13/03/10 12:51 da Capannelle
  • Homevideo Gestarsh99 • 1/07/11 00:07
    Scrivano - 18034 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dall'11/07/2011 per 01 Home Entertainment:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
    * Sottotitoli Italiano NU
    * Extra Il viaggio di Eli
    Billy una storia perduta
    Ricominciare da zero
    Scene tagliate
    La colonna sonora
    Manuale di sopravvivenza in 10 capitoli
    Trailer
    Dynamic HD