I dieci comandamenti

Media utenti
Titolo originale: The Ten Commandments
Anno: 1956
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "I 10 comandamenti". Remake dell'omonimo film (1923) dello stesso regista.
Numero commenti presenti: 20

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/05/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 29/05/07 22:03 - 4751 commenti

I gusti di B. Legnani

Tonitruante e israelitico. Cecil B. De Mille rifà un suo muto del 1923. Kolossal (di quasi quattro ore) che fa il paio con l'altrettanto celebre Ben-Hur. Cast stellare anche qui (e pure qui Charlton Heston è il protagonista), grandi scene di massa e lunghezza chilometrica. Vìstolo due volte, diventa difficile avventurarsi in una terza visione ma se, facendo zapping, ci si imbatte nell'apertura delle acque, diventa quasi impossibile cambiare canale, rinunciando così allo spettacolo.
MEMORABILE: Il passaggio nel Mar Rosso.

Lovejoy 29/12/07 21:38 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Spettacolare sul piano visivo, ma decisamente insostenibile sul versante della durata. Robusti tagli in fase di montaggio avrebbero reso decisamente più agevole a tutti di poter assistere ad uno spettacolo del genere. Alcune parti sono ben poco interessanti. Cast All Star con un Charlton Heston che gigioneggia alla grande. Meglio il cast di supporto, su cui spiccano i sublimi Price, Robinson e Carradine.
MEMORABILE: Ovviamente l'apertura del Mar Rosso, ancora oggi insuperabile.

Ciavazzaro 23/11/08 12:05 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Biblico. Molto spettacolare per l'epoca e con un ottimo cast, non ha troppo da invidiare rispetto ai kolossal moderni. Abbiamo alcune tra le più grandi star holliwoodiane, partendo da Heston, Brynner, la Baxter, Robinson, la Foch (impossibile nominarle tutte). Cult da vedere almeno una volta (considerata la durata non è impresa da ripetere facilmente).

Galbo 25/11/08 05:58 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

De Mille alle prese con un remake di un suo stesso vecchio film muto (del 1923), realizza qui il kolossal hollywodiano per eccellenza: grandiose scene di massa, largo dispendio di mezzi tecnici (effetti speciali compresi, eccellenti per l'epoca) e cast di primissimo livello, che garantiscono allo spettatore quasi quattro ore di sana evasione e sicuro divertimento, nella piena tradizione del grande cinema americano.

Pigro 2/12/08 10:28 - 7831 commenti

I gusti di Pigro

La vita di Mosè in una spettacolare realizzazione targata dal più grandioso dei registi hollywoodiani, Cecil B. De Mille. La fedeltà biblica, canalizzata dalle regole del grande cinema, è il perno per un imponente affresco su cui eccelle Heston, circondato da ottimi comprimari (notevole Brynner) e migliaia di comparse. La cosa straordinaria è che l'enfasi, l'oleografia, la retorica e l'eccesso riescono a far filtrare in questo kolossal anche un sincero afflato epico-religioso. Tra tutte le scene, mitica è la traversata del Mar Rosso.

Disorder 12/09/09 14:52 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Semplicemente IL kolossal. Scenografie faraoniche, scene di massa grandiose ed un cast stellare al servizio di una storia senza tempo. Certo è molto lungo ma sarebbe stato peggio cercare di tagliare o comprimere storie di per sè molto lunghe (come invece si fa spesso oggi, vedi Troy...). Eccellente. In questo genere, nessuno potrà mai fare meglio di così.
MEMORABILE: Il sollevamento della colonna da parte degli schiavi; la traversata del Mar Rosso.

Cotola 1/11/09 23:44 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Celeberrimo kolossal che presenta pregi e difetti tipici di queste pellicole: a tratti avvincente, alla fine paga una lunghezza eccessiva. Naturalmente sotto l’aspetto tecnico è inappuntabile: regia, scenografia, costumi sono molto curati e gli effetti speciali per l'epoca sono notevoli. Alla fine manca il vero mordente che distingue un buon film da una grande pellicola.

Mdmaster 19/09/11 11:40 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Forse il film che più di tutti rappresenta l'opulenza hollywoodiana dei fifties; De Mille utilizza set giganteschi, un cast stellare e i migliori effetti speciali disponibili. E il risultato, beh, è magnifico, ancora adesso davvero apprezzabile. Inutile nascondere che, però, le quattro ore leggere non sono, si avverte proprio il bisogno di una sforbiciata, specie dopo la piaga del primogenito. Heston troneggia su tutti, ma è Brynner che, secondo me, riesce a catturare maggiormente l'attenzione. Da vedere, con un po' di pazienza.
MEMORABILE: Il popolo che vuole lapidare Mosè ogni volta che le cose vanno male; la disperata rincorsa del Faraone verso il Mar Rosso.

Giacomovie 3/02/12 17:39 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Kolossal biblico affascinante e magniloquente che esalta al meglio il concetto di spettacolo di celluloide. Nonostante sia uno dei film più lunghi della storia, non annoia affatto. L'epopea di Mosè alla guida del suo popolo è realizzata con imponenti ricostruzioni scenografiche e un super cast di attori. Charlton Heston è una garanzia e sia Anne Baxter che Yvonne De Carlo sono due presenze fenninili di rilievo. Diverse le scene memorabili, su tutte quella del passaggio dal Mar Rosso. Grande cinema da collezione.

Rigoletto 19/05/12 19:38 - 1607 commenti

I gusti di Rigoletto

Parto dalla valutazione: ***** strameritate! Non è importante l'infedeltà ai Testi Sacri; ciò che conta è che negli '50 De Mille tira fuori il kolossal per eccellenza riciclando un soggetto già utilizzato più di 30 anni prima e riadattandolo alle possibilità dell'epoca. Perfetto negli attori, nelle musiche di Bernstein, nella fotografia, insomma in tutto. Si paragonino solo le scene di massa de Il Signore degli anelli, fatte a computer, e quelle viste qui con migliaia di comparse scelte una ad una. Autentica fusione di Arte e Spiritualità.
MEMORABILE: Il roveto ardente; L'attraversamento del Mar Rosso.

Von Leppe 14/10/12 12:25 - 1032 commenti

I gusti di Von Leppe

Il trucco degli attori e attrici non rispecchia i modelli egizi con il nero intorno agli occhi ma, specie nelle donne, la moda dell'anno di uscita del film. I costumi e gli attori sono appropriati: Yul Brynner egiziano è superbo, Charlton Heston ha il volto michelangiolesco. Effetti e fotografia nella seconda parte sono ottimi e rievocano davvero quei tempi antichi e oscuri dove Dio si manifestava agli uomini. Lo trovo superiore ad altri kolossal per il suo carattere più mitologico (fantastico), che non si ferma al credo religioso.

Belfagor 21/11/12 15:00 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Lunghissimo, enfatico, magniloquente, opulento, faraonico: il kolossal hollywoodiano per eccellenza. De Mille imbastisce uno spettacolo gigantesco, nel quale ogni elemento è magnificato e rielaborato in funzione del mito biblico. Una sforbiciata qui e là non avrebbe guastato, ma anche così le scene veramente epiche riescono a risaltare e a restare impresse. Davvero notevoli, per l'epoca, gli effetti speciali. Heston è un degno protagonista, seppur superato in intensità da Yul Brynner, ottimi Robinson, Price e la Baxter.
MEMORABILE: L'attraversamento del Mar Rosso.

Daniela 12/12/13 12:50 - 9531 commenti

I gusti di Daniela

Per la sua ultima regia, De Mille si remarka con una magniloquenza che può sembrare ingenua ma finisce col conquistare nel suo impasto fra scritture sacre e harmony, comandamenti divini scolpiti nel marmo e diatribe amorose borghesucce. Heston ha tutta l'autorevolezza necessaria per impersonare Mosé e il resto del cast non è da meno, la partitura di Bernstein sottolinea adeguamente i momenti topici, la lunghezza consente una narrazione distesa, le scene di massa e gli effetti speciali stupiscono ancora. Insomma, il kolossal hollywoodiano per eccellenza: si può criticare ma non prescinderne.
MEMORABILE: La traversata del Mar Rosso

Nando 5/01/14 14:22 - 3486 commenti

I gusti di Nando

Il kolossal per antonomasia che presenta una durata epocale nella narrazione della vita di Mosè. Grande ricostruzione con emozionali effetti speciali e un cast altisonante in cui Heston brilla ma è ben affiancato da un cinico Brynner e da una maliarda e sentimentale Baxter.

Parsifal68 19/04/16 13:09 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Classico dei classici, imperioso e stilisticamente impeccabile, grandioso nel suo smagliante Vista Vision, lungo e avvincente, insomma una pietra miliare del cinema mondiale. De Mille fa un remake del suo stesso film del 1923, disponendo però di mezzi tecnici di prim'ordine e affidandosi a un cast superlativo. Ne viene fuori un'opera grandiosa, certo con qualche errore storico classico a Hollywood, ma sia visivamente che moralmente potente. La scena dell'apertura del Mar Rosso vale da sola la visione. Epico.
MEMORABILE: La scena dell'apertura del Mar Rosso, tra le tantissime.

Osella 3/11/17 12:06 - 7 commenti

I gusti di Osella

Un'ode al cinema mondiale tutto, un cast meraviglioso e una regia unica. Un kolossal come non se ne fanno più, capolavoro d'altri tempi. Su tutti troneggia la figura (e la recitazione) di Yul Brynner (il film l'ho visto in lingua originale), seguito da un Heston unico e di una fierezza propria di un grande profeta, in questo caso del cinema. Un Robinson lontano dai suoi ruoli di malavitoso degli anni '30 e '40 ma impeccabile nella parte del "capo dei sorveglianti".
MEMORABILE: Yul Brynner/Ramesse: "Così sia scritto e così sia fatto".

Stuntman22 20/09/18 22:55 - 114 commenti

I gusti di Stuntman22

Opera colossale di un regista non sempre ineccepibile nel gusto, ma di capacità ed estro quasi inimitabili. A parte il delirio di balli, scene di colore e parate con migliaia di comparse, abbiamo un'oratoria ispirata e carismatica nel Mosè di Heston, la Nefertari pericolosissima della Baxter, il faraone sornione e ironico di Hardwicke e il cupo e tormentato antagonista di Brinner. Magnifiche musiche, la prima partitura importante di Elmer Bernstein. Magistrale il doppiaggio italiano.
MEMORABILE: La scena di Mosè con le sue due madri.

Saul 6/08/19 07:29 - 11 commenti

I gusti di Saul

Il film è meraviglioso: una pietra miliare del cinema. In lingua originale, con la vera voce degli attori rende ancora di più. Yul Brynner è perfetto nella parte di Ramesse II: freddo, egocentrico e offuscato dal potere. Un odioso e per questo potente Edward G. Robinson nel ruolo di Dathan. Un kolossal che fa incetta degli attori più grandi che l'epoca aveva da offrire, la maggior parte dei quali lavorava da anni in teatro. Un film epocale, magistrale e sempre attuale.
MEMORABILE: Ramesse/Brynner quando torna a palazzo, dopo che il Mar Rosso ha distrutto la sua armata: "Il suo Dio è Dio". Innalzamento dell'obelisco.

124c 13/09/19 22:59 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Esempio di pellicola religiosa lunga e vecchio stile, con un Charlton Heston nei panni di un Mosè severo ma profeta giusto e un Yul Brynner che interpreta, magistralmente, un faraone Ramses iracondo e geloso, perché Mosè gli era sempre superiore, fin da quando questi si credeva suo fratello, oltre che un principe egiziano. Indimenticabili la scene del mare che si apre agli ordini di Mosè, per far passare gli ex-schiavi e quella di Dio che "scrive con il dito" i Comandamenti sulla roccia. Rifatto, ma come sceneggiato tv, da Burt Lancaster.

Siska80 26/09/20 15:27 - 758 commenti

I gusti di Siska80

Monumentale da tutti i punti di vista: cast, scenografia, costumi, effetti speciali (sorprendenti per l'epoca), personaggi storici e biblici (gara di bravura tra Heston e Brinner, quest'ultimo nel ruolo del frustrato eterno secondo), sequenze divenute indimenticabili (l'apertura del Mar Rosso, la piaga che colpisce i primogeniti egiziani) e un finale emozionante ma un po' amaro. Unico neo l'eccessiva durata, che inevitabilmente rallenta il ritmo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ciavazzaro • 8/12/08 10:52
    Scrivano - 5604 interventi
    Ci ha lasciato la mitica attrice Nina Foch,era tra gli interpreti di questo film,attrice di enorme talento...
    I fan di colombo la ricorderanno in quanto prima vittima della serie tv nell'episodio Prescrizione Assassinio.
  • Curiosità Ciavazzaro • 4/11/09 16:20
    Scrivano - 5604 interventi
    Il produttore Cecil B. De Mille durante la produzione del film ebbe un infarto,ma pochi giorni dopo,nonostante lo sconsiglio dei medici tornò a lavorare.

    Fonte:Imdb
  • Homevideo Gestarsh99 • 18/03/12 13:19
    Scrivano - 14792 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 23/05/2012 per Paramount/Universal:



    DATI TECNICI

    * Formato audio 1.0 Dolby Digital: Italiano Tedesco Francese Spagnolo Giapponese
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Francese Tedesco Danese Svedese Norvegese Spagnolo Finlandese Olandese Inglese Inglese per non udenti Giapponese
  • Discussione Noncha17 • 15/01/18 23:56
    Magazziniere - 1073 interventi
    È pluri-conclamato che, questo è il remake dell'omonimo film avente lo stesso regista: I DIECI COMANDAMENTI.


    IMDb 1

    IMDb 2
  • Curiosità Fauno • 13/09/19 00:01
    Compilatore d’emergenza - 2536 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:

  • Discussione Zender • 13/09/19 08:05
    Consigliere - 43620 interventi
    Infatti è già scritto nelle note e c'è la R di remake. Perché lo segnali?
  • Curiosità Siska80 • 28/09/20 12:50
    Call center Davinotti - 410 interventi
    Cecil B. DeMille scelse Charlton Heston per il ruolo del profeta perché notò una certa rassomiglianza dell'attore con la statua del Mosè di Michelangelo presente a Roma. Curiosamente, Heston interpretò proprio Michelangelo ne Il tormento e l'estasi (1965).

    Fonte: Imdb