Mia moglie è una bestia - Film (1988)

Mia moglie è una bestia

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Primo (e per molto tempo unico) tentativo di lanciare Massimo Boldi come comico protagonista di un intero film. Scritto, sceneggiato e diretto dal duo Castellano e Pipolo, MIA MOGLIE E’ UNA BESTIA dovrebbe essere, e infatti è, un film comico. Ma la storia, che pure (potenzialmente) avrebbe potuto offrire numerosi appigli per simpatiche trovate, deve fare i conti con una sceneggiatura assai povera, che delega troppo all'estro e all'improvvisazione dell'ex Max Cipollino, incapace di sostenere da solo il ruolo di mattatore. Puccio (Boldi) e sua moglie Pucci (Valeria D’Obici, spesso partner cinematografica di Boldi) vanno in montagna perché lui è stressato dal suo lavoro di pubblicitario. Finito...Leggi tutto in un crepaccio dopo il solito volo con gli sci (ma quando la smetteranno di riproporre la gag dell'imbranato che scende a capitombolo sulle piste?) vi trova Uk (Eva Grimaldi), una donna preistorica ibernata. Risvegliatala, se la ritroverà vicina anche in città. A ruoli invertiti è praticamente la stessa idea del celentanesco BINGO BONGO, che già certo non brillò quanto a divertimento. Qui forse le cose vanno un po' meglio e Boldi nella parte dell'educatore è sicuramente più apprezzabile dell'insulsa Carole Bouquet. Se il messaggio lì era forte, qui praticamente non esiste. Eva Grimaldi è una cavernicola poco credibile, però mostra spesso seno e natiche girando nuda per metà film. Boldi ce la mette tutta e in alcune occasioni sa anche rendersi simpatico e divertente, tuttavia la sciatteria di fondo emerge presto. I primi venti minuti sono i migliori; da quando invece compare Uk il film diventa scontato e scade. Peccato per Boldi, che si dimostra comico originale.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 11/03/07 10:48 - 2152 commenti

I gusti di Fabbiu

Massimo Boldi è un bravo caratterista, il ruolo da protagonista riesce a giocarselo bene e riesce sempre a far ridere con qualche battuta strana ("Sono socio Aci, Tu sei Finlandese...") o qualche espressione o azione stupidissima (imperdibile quando fa karatè con i ladri). Questo film è simpatico, la Grimaldi sembra essere perfetta per il ruolo di cavernicola, ma qua e là ci si imbatte in pesanti cadute (scene altamente improbabili o troppo infantili).

Lovejoy 22/12/07 14:35 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Discreta commediola ben diretta dal dinamico duo Castellano & Pipolo. Il peso del film, comunque, poggia tutto sulle solidissime spalle del sempre grande Massimo Boldi che qui dà il meglio di sè. Grazie a battute strampalate (la migliore "Sono socio Aci") e a duetti esilaranti (con lo psichiatra Mattia Sbragia). La Grimaldi si segnala unicamente per la bellezza e la D'Obici è francamente insopportabile. Vedibile esclusivamente per Boldi.

Tarabas 30/06/09 15:34 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Yuppie milanese (ancora!) sugli sci si imbatte in una cavernicola ibernata nel ghiaccio, che ha le fattezze di Eva Grimaldi: troppa grazia Sant'Antonio! Se la porta a casa e da lì inizia una specie di commedia degli equivoci in cui il povero Boldi cerca di agitarsi il più possibile per spremere qualcosa da un copione immondo. Ovviamente la cavernicola finirà col fare la modella. Terrificante.
MEMORABILE: Boldi che va fuori strada, chiama l'ACI e dice "Mi sono capottato con la ieep (la Jeep)".

G.Godardi 24/10/09 17:54 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Simpatica commedia di Castellano e Pipolo che in parte ritrovano una certa verve in fase di scrittura. È anche il primo film da protagonista assoluto di Boldi con un personaggio che non sarebbe sfigurato addosso a Pozzetto. Come al solito i due registi scopiazzano qua e là (Splash, Bingo Bongo, il prologo alla Mel Brooks), tuttavia il risultato è accettabile e la confezione dignitosa. La Grimaldi è quasi sempre nuda. Si ridacchia. Una specie di pietra tombale per la commedia italiana anni 80.

Plauto 19/06/10 16:48 - 126 commenti

I gusti di Plauto

Film perfetto per Boldi, qui al massimo della sua maturità artistica e protagonista assoluto come poche altre volte. Geniale l'idea di dargli un lavoro da pubblicitario per permettergli di fare tutte le battute sul genere. In quanto alla trama, è un po' un "ribaltone" di Bingo Bongo, con la cavernicola donna (ruolo perfetto per la bellezza un po' "aggressiva" di Eva Grimaldi). Mitica la scena della pazzia di Boldi...

Markus 28/11/10 14:12 - 3696 commenti

I gusti di Markus

Tentativo alquanto fallimentare di lanciare Boldi come protagonista assoluto, estirpandolo dunque dal solito ruolo in coppia con Teocoli o De Sica. In questa commedia qualche scena divertente c'è e d'altro canto Boldi ci mette a disposizione le sue indubbie capacità comiche per poter dare dignità all'opera, ma la sceneggiatura è davvero mediocre. Errori che si fanno, certamente, ma Boldi avrebbe dovuto tentare d'avere il coraggio di non accettare il film, anche se offerto da due assi quali Castellano & Pipolo. Ah! Eva Grimaldi ci piace sempre!

Tomastich 28/10/11 19:49 - 1255 commenti

I gusti di Tomastich

Boldi solista? Si può fare. Se si accettano tutti i versacci tipici del comico milanese, se si accetta la staticità di Eva Grimaldi e la bruttezza di Valeria d'Obici, si può guardare tranquillamente questa commedia di Castellano e Pipolo. Anche il prologo preistorico fa sorridere!
MEMORABILE: Bella freeeeeshca. Ca-Fi Ca-Fi.

Albitolax 5/11/11 02:29 - 15 commenti

I gusti di Albitolax

Soggetto adatto per Boldi, che sa destreggiarsi bene e riesce (uno dei pochi in circolazione) a far ridere anche senza sceneggiatura. In questo film, infatti, la sceneggiatura è debolina, ci sarebbero tanti spunti da poter sfruttare per creare gag originali, ma cadono nel vuoto. Ben costruita la parte in cui nessuno crede a Puccio. Sommando tutto ne esce comunque un film comico piacevole, da non buttar via.

Daidae 23/03/12 08:55 - 3198 commenti

I gusti di Daidae

Commedia senza infamia né gloria, ha i suoi alti con qualche genialata di Boldi, ma ha anche parecchi bassi, a iniziare dal pessimo cast femminile. Tra le commedie degli ultimi anni 80 è sicuramente una delle meno riuscite. Film mediocre che si può guardare, con riserva.

Nando 15/08/12 17:05 - 3827 commenti

I gusti di Nando

Commediola con Boldi protagonista che tra equivoci e fraintendimenti arriva a un finale buonista e tendenzialmente inverosimile. Battute non certo esaltanti e Boldi rimane abbastanza anonimo, nonostante l'impegno. La Grimaldi è appropriata nella parte della cavernicola.

Castellano (Franco Castellano) HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina I marziani hanno 12 maniSpazio vuotoLocandina Zio Adolfo in arte FührerSpazio vuotoLocandina Mia moglie è una stregaSpazio vuotoLocandina Il bisbetico domato

Mutaforme 10/08/13 01:41 - 417 commenti

I gusti di Mutaforme

Il Boldi degli anni migliori se la cava egregiamente in questa commedia anni 80. La storia è fantasiosa e tutto sommato si ride abbastanza. La Grimaldi si distingue più per il fisico che per il resto, ma va benissimo così. Non una pietra miliare ma un'altra categoria rispetto ai film del Boldi solista che vediamo adesso. **!

Motorship 10/06/13 17:22 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Possiamo definirlo l'esordio da protagonista di Massimo Boldi, dato che fino ad allora era solo un valido comprimario (si veda I due carabinieri ad esempio). Qualche limite c'è, ma è dovuto più alla pochezza della storia che a Boldi, anche perché il comico milanese riesce a divertire in scene che altrimenti sarebbero terribili, per cui ci mette impegno. Per quanto riguarda il resto del cast caratteristi interessanti ci sono (Sbragia jr, Bonagura...) ma non sono sfruttati a dovere. Da urlo la Grimaldi! Si può guardare benissimo.

Pinhead80 3/11/13 17:48 - 4819 commenti

I gusti di Pinhead80

Filmetto girato su misura per Boldi che grazie alla sua verve cerca di far dimenticare i grandi limiti della sceneggiatura. Eva Grimaldi è una sexy donna delle caverne, ma il lato recitativo lascia a desiderare e dopo poco ci si annoia. Se fosse stato un episodio breve di una commedia a episodi non sarebbe stato male, ma come film non regge. Trascurabile.

Dengus 3/04/14 16:27 - 361 commenti

I gusti di Dengus

Scialbo; e lo sostiene il sottoscritto che normalmente ben digerisce e apprezza i prodotti comici di quegli anni con i vari Pozzetto, Boldi, Banfi ecccetera. L'idea non è nemmeno malvagia, ma il buon Cipollino da solo può fare ben poco con questa sceneggiatura. L'unico appagamento è per gli occhi, grazie a una giovane e in formissima Eva Grimaldi (il film è stata la sua miglior vetrina per mostrare il suo fisico bello e sano). Mezzo voto in più perché con il tempo si è visto di peggio.

291103 21/04/14 21:30 - 5 commenti

I gusti di 291103

Mi aspettavo un qualcosa di molto brutto e non ci sono andato così lontano. Film piuttosto scadente con scarse idee nel quale Boldi riesce solo in pochi punti a salvare la situazione (il socio ACI, i ladri), mentre altre situazioni sono francamente improponibili (l'Istituto di Scienze Naturali, Eva Grimaldi su un albero lasciata andare tranquillamente da un poliziotto, la compagna di Boldi vestita da cavernicola - perché?). Finale grottesco, in tutti i sensi.
MEMORABILE: Ca-fi; Le già citate situazioni con Boldi e l'inquadratura notturna alle insegne luminose di piazza Duomo a Milano.

Marione 30/03/15 23:00 - 103 commenti

I gusti di Marione

Film che si riguarda volentieri, praticamente un'enciclopedia delle gag di Boldi, che non ne risparmia una, da "Bella fresca" a "Ciao Cipollino". La trama avrebbe forse giovato più a un Pozzetto o a un Tognazzi vecchio stile, ma il film tiene, soprattutto se confrontato a inutili commedie attuali, spin off, magari, di beceri programmi tv. Milano da bere, con la Grimaldi sempre nuda versione troglodita. Simpatico.
MEMORABILE: Boldi che canta "Bad" a modo suo in vasca.

Vitgar 1/04/15 12:42 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Classica commedia fatta per Boldi dove il caratterista mette in mostra la sua abilità mimico-gestuale nel creare situazioni comiche. Resta il fatto che queste situazioni sono poche e per la maggior parte si scade in battute abbastanza stereotipate. Per carità, il film non ha di certo velleità esagerate e quindi si può vedere tranquillamente. Molto bella la Grimaldi.

Herrkinski 11/07/15 23:38 - 8164 commenti

I gusti di Herrkinski

Il primo Boldi da protagonista, assistito dalla premiata coppia Castellano/Pipolo, raggiunge la sufficienza stentata solo grazie alla verve del comico, che ce la mette tutta per caratterizzare in maniera buffa il personaggio; Eva Grimaldi se la cava, non dovendo praticamente parlare e offrendo un fisico ancora statuario. Purtroppo la sceneggiatura pare scritta su un fazzoletto e senza impegno, tanto che numerose gag potenzialmente comiche non vengono nemmeno prese in considerazione, rendendo il film alla lunga noioso. Risate a denti stretti.
MEMORABILE: La Grimaldi sulla pianta che lancia pigne.

Modo 12/07/15 00:42 - 953 commenti

I gusti di Modo

Filmetto di poche pretese. Boldi recita da solo e non in coppia, con risultati modesti. Certo la colpa non è da imputare solamente allo scanzonato attore milanese ma a una sceneggiatura a dir poco leggera. La Grimaldi non eccelle in recitazione ma fisicamente c'è tutta! Si parte da una buona idea di base per finire con un'agghiacciante ultima scena. Nel mezzo qualche battuta simpatica.

Medicinema 27/08/15 19:41 - 125 commenti

I gusti di Medicinema

Primo (e praticamente ultimo) tentativo di affidare a Boldi un intero film sulle spalle: il risultato dà l'impressione di una serie di sketch abbastanza slegati fra loro, in cui "Cipollino" non può neppure contare su un comprimario decente. Il tutto si riduce quindi al solito repertorio boldiano, fra crisi di tachicardia, finti pianti e arrapamenti improvvisi in un film fragilissimo, in cui forse è solo l'idea di fondo a reggere il tutto. La Grimaldi si limita a due espressioni.
MEMORABILE: "Sono socio ACI".

Gianni Bonagura HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina L'impiegatoSpazio vuotoLocandina Risate di gioiaSpazio vuotoLocandina Detenuto in attesa di giudizioSpazio vuotoLocandina Il figlioccio del padrino

Jurgen77 11/10/17 16:05 - 629 commenti

I gusti di Jurgen77

Rara apparizione di Boldi come protagonista in un film comico. Umorismo abbastanza modesto, con attori che non sembrano all'altezza del protagonista. Discrete alcune gag che ripercorrono il copione del comico milanese. Il resto, nulla di trascendentale... Giunonica invece la Grimaldi, che può alza il livello della pellicola mettendo in mostra le sue curve esplosive. Comicità Anni Ottanta...

Ultimo 10/10/17 10:21 - 1661 commenti

I gusti di Ultimo

Ho sempre nutrito una certa simpatia per Massimo Boldi, ma devo ammettere che questo film è davvero raccapricciante. La vicenda amorosa tra lui e la Grimaldi (che arriva dalla preistoria...) è trattata con banalità e luoghi comuni e il tutto sfocia in una commedia degli equivoci dove tutto è altamente scontato. Certo Boldi è simpatico, ma non basta. Insalvabile.

Disorder 19/04/20 17:52 - 1416 commenti

I gusti di Disorder

Primo film con Boldi protagonista assoluto, segna anche purtroppo l'inizio del rapido declino del duo Castellano e Pipolo dopo anni di risate e successi al botteghino. Qui tentano malamente di cucire il plot di Mia moglie è una strega sul comico luinese, che a differenza di Pozzetto non sembra trovarsi molto a suo agio con la commedia surreale; anche la scelta dei comprimari non appare delle più felici (nessuno lascia il segno). Si salva solo Boldi, che qualche risata di mestiere la strappa, ma per il resto domina la noia. Insufficiente.

Deepred89 4/06/20 16:29 - 3720 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia surreale tutt'altro che disprezzabile, di un'ingenuità che suscita simpatia, alimentata dalla comicità di un Boldi scatenatissimo e probabilmente ai suoi vertici e da alcuni tocchi bizzarri e fiabeschi che ricordano il Lattuada degli anni 70 (un amore selvaggio come in Le farò da padre, l'incubo delle cliniche psichiatriche come in Oh, Serafina!). La Grimaldi possiede le espressioni giuste per il ruolo, ma perde qualcosa in credibilità quando deve esprimersi anche vocalmente. Soggetto esile ma scorrevole, regia semplice e puntuale, datatissimi i sintetizzatori di Zambrini. 
MEMORABILE: L'equivoco dovuto al nuovo abito leopardato della D'Obici.

Rambo90 8/01/24 02:36 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Massimo Boldi nell'ultimo ruolo da protagonista assoluto per tanti anni, purtroppo mal servito da una sceneggiatura poco incisiva che non gli permette di esprimersi nel migliore dei modi. Per fortuna il comico è comunque al top della forma e riesce con la simpatia a cacciare qua e là espressioni felici, come il tormentone del socio ACI o la spiegazione che lo fa finire in camicia di forza. Poco supporto dalla Grimaldi, se non da un punto di vista estetico, mentre in regia Castellano e Pipolo tengono il ritmo abbastanza svelto. Penuria di caratteristi, mediocre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.