What women want - Quello che le donne vogliono

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: What women want
Anno: 2000
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 31
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

WHAT WOMEN WANT è uno di quei film che nascono da un'unica idea (in questo caso un uomo che per colpa del solito incidente con l'elettricità inspiegabilmente riesce a “captare” i pensieri di tutte le persone di genere femminile che lo circondano) e non provano (non vogliono?) a svilupparla in modo meno che elementare. Un po' come SENTI CHI PARLA, dove veniva - anche lì - data voce ai pensieri per imbastire una commediola semplice semplice a base di umorismo grossolano, senza alcuna pretesa. Qui il target è meno infantile e qualche battuta (e qualcosa di più) sul sesso ci scappa, ma il risultato è per la maggior parte del tempo deludente. E questo a dispetto di un Mel Gibson...Leggi tutto eccellente, che in versione “brillante” si conferma un bel talento: la faccia e l'espressività giuste, adattissime a un ruolo (quello del macho maschilista ma di buon cuore) che gli si addice, ovviamente. Ed Helen Hunt l’asseconda bene, a sua volta ribadendo qualità recitative non comuni. Prolungare tuttavia per due ore un semplice spunto affidandosi a una sceneggiatura di maniera è però un errore, tanto che nel finale il film ristagna e segna il passo dovendo portare a conclusione situazioni che si capisce fin da subito come si dovranno concludere per non scontentare il pubblico. Una lagna interminabile,cui non basta più il montaggio veloce per non infastidire e durante il quale la regia di Nancy Meyers, fin lì corretta e diligente, frana miserabilmente. Le buone battute si contano sulle dita di una mano (tutte bruciate dai trailers!), il resto è commedia all'acqua di rose: dialoghi vagamente spiritosi e tanta melassa. Particolarmente odiosa la figura della figlia delusa (Ashley Johnson). Prevedibile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 24/09/07 07:23 - 11727 commenti

I gusti di Galbo

Commedia piuttosto riuscita che parte da un assunto interessante: leggere i pensieri delle donne, entrare nella loro testa (una chimera per il povero maschio spesso vittima del pensiero femminile). Nancy Meyers, specialista del genere, ci costruisce sopra una commedia che, pur non facendo gridare al capolavoro, riesce nell'intento di divertire il pubblico, pur attraverso situazioni non originalissime. Gran parte del merito va alla coppia di protagonisti: Mel Gibson sorprendentemente a suo agio nel genere brillante e la Hunt molto brava.

MAOraNza 25/09/07 10:48 - 204 commenti

I gusti di MAOraNza

Quello che le donne non dicono. Ma che sicuramente pensano. What Women Want è una commediuola garbata e divertente sulle nevrosi dell'uomo moderno di cercare di comprendere la donna moderna, attraverso un piccolo espediente. Ne viene fuori un discreto e piacevole quadro di insieme, forse un po' prolisso ma sicuramente brillante. Gibson è sempre all'altezza della situazione e a tratti è quasi irresistibile, anche grazie alla presenza della sempre brava Helen Hunt. Discreto.

Blutarsky 25/09/07 11:31 - 354 commenti

I gusti di Blutarsky

Commedia interessante, soprattutto per l’idea iniziale del protagonista che legge i pensieri femminili, a cui non fa seguito una sceneggiatura di pari livello. Ottima e affiatata la coppia Gibson-Hunt, assolutamente sprecata la Tomei. Non che sia brutto prodotto, il tono da commedia brillante rende piacevole la visione, ma la storia è veramente troppo telefonata e questa mancanza di svolte narrative interessanti mortificano il film e non lo elevano dalla sufficienza. Occasione sprecata.

Caesars 25/09/07 12:10 - 3073 commenti

I gusti di Caesars

Lo spunto iniziale poteva andare bene per un cortometraggio oppure doveva essere sviluppato in modo molto più articolato. Invece ci troviamo di fronte ad una commedia eccessivamente lunga che riesce a stare a galla solo grazie alla bravura di Mel Gibson (anche Helen Hunt fa la sua parte, ma personalmente è un'attrice che faccio fatica a digerire). Si può anche vedere ma non mi sento di consigliarlo a nessuno.

B. Legnani 26/09/07 21:31 - 5023 commenti

I gusti di B. Legnani

Discreta pellicola, che strizza gli occhi a tutti, in modo particolare a noi uomini (che pacchia sentire il pensiero della donne, senza bisogno di essere casti angeli in bianco e nero). Nulla di eccezionale, ma l'idea di base, assai divertente, e l'ottima prestazione di Mel Gibson conducono il tutto in porto, senza sbavature di rilievo. Per le visioni impegnate ci sarà tempo un'altra volta...

Stubby 3/10/07 09:56 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Una commedia divertente con un Mel Gibson guascone e adatto al ruolo. La trama non è niente di particolare (un uomo a causa di un incidente accidentale nel bagno con la corrente elettrica si ritrova con la facoltà di leggere nel pensiero delle donne traendo enorme vantaggio dalla situazione, soprattutto nei confronti della sua capufficio), ma il film è gradevole e adatto per una serata scacciapensieri.

Il Gobbo 5/10/07 18:33 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Commediola leggerina leggerina, e utile come il ministero per le politiche giovanili, strappa qualche tirato sorrisetto grazie a un Gibson abbastanza convinto, ma resta comunque di desolante banalità. Tuttavia anche al cospetto di consimili sciocchezze non si può non constatare un tasso di professionalità (specie sul piano della scrittura) che in Italia s'è persa da quel dì.

Renato 30/12/07 21:52 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Un film stupidotto nell'assunto, ma che si lascia seguire senza troppi problemi... soprattutto grazie ad un Mel Gibson perfettamente a suo agio in un ruolo brillante. Certo, per una donna non dev'essere particolarmente gradevole ascoltare la serie di tremende sciocchezze che rappresenterebbero "l'universo femminile" secondo chi ha firmato il film, ma questo è un altro discorso.

Redeyes 24/01/08 15:17 - 2270 commenti

I gusti di Redeyes

Commediola che né si odia né si ama: passa e si dimentica. L'idea discreta rappresenta il clou del film che, poi, finisce per autocompiacersi. Helen Hunt sempre simpatica sicuramente dà una buona mano e riesce a rendere più accettabile un Gibson che a tratti gigioneggia eccessivamente. Una pellicola che gli ruota attorno e che lo esalta anche nelle cilecche sottocoperta. Il tutto spruzzato da un buonismo che vince e buoni sentimenti a go-go. Meglio di una telenovela di Rete4, se la gioca con una partita di Curling!

Capannelle 25/01/08 12:34 - 3947 commenti

I gusti di Capannelle

Film volutamente leggero, ma che non presenta contenuti degni di nota. La prima parte si lascia guardare, la coppia Mel Gibson/Helen Hunt pare anche funzionare (senza eccedere e a tratti divertendo), ma lo sviluppo delle situazioni si rivela poco accattivante e la seconda parte scivola nell'oblio. Fa piacere vedere Gibson che cerca di compenetrare la mente femminile, ma alla lunga l'operazione è stucchevole.

Nancy Meyers HA DIRETTO ANCHE...

Ciavazzaro 20/10/08 14:33 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Commediola che si fa vedere, dimenticandosi però molto facilmente. Mel Gibson protagonista cerca di reggere il peso del film da solo, anche perché la Hunt fa più da contorno, in un certo senso. La storia viene ripresa da un vecchio film in modo discreto.

Daniela 10/04/09 18:27 - 10899 commenti

I gusti di Daniela

Commediola che spreca una trovata simpatica (un "dono" di origine demenziale) tirandola troppo per le lunghe e sacrificando l'humor ai buoni sentimenti. Peccato perchè la coppia Gibson - Hunt funziona: lui fascinoso, sicuro di sé, maschilista fino al midollo, lei con qualche nevrosi e molte insicurezze dietro la facciata dell'ambiziosa donna in carriera. Il personaggio della figliola è odiosissimo, ho sperato per tutto il film che Gibson la rispedisse a calci dalla madre. Purtroppo il film invece finisce proprio come ci si aspetta che finisca.

Giacomovie 22/09/09 16:41 - 1369 commenti

I gusti di Giacomovie

Un ruolo insolito per il duro Gibson, la cui immagine risulta funzionale al personaggio. Quello che non risulta funzionale è invece la superficialità nel mettere in scena una commedia brillante, anche nell'idea, che però si esaurisce a metà strada. Tutto viene uniformato nella semplice eleganza patinata della confezione, tanto che è uno di quei film cosi lineari che si possono vedere spezzettati a più riprese senza rischiare di perderne il senso. **1/2

Vstringer 30/10/09 17:10 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Oggi è uno spot vivente dell'integralismo cristiano, ma una volta Mel Gibson era capace di destreggiarsi bene nel ruolo di un maschio ottuso e sciovinista che, complice un incidente, si trova a dover ridefinire per forza o per amore il concetto che ha delle donne... l'assunto è femminista, ma il film è fatto per piacere agli uomini: meccanismo ben oliato dove tutti i personaggi hanno un senso (compresa la tenera e introversa Judy Greer) e si mettono insieme due ore di sano intrattenimento senza troppe pretese, però di buona qualità.
MEMORABILE: Gibson che si finge omosessuale per consolare Marisa Tomei sedotta e abbandonata.

Mco 20/12/09 19:13 - 2221 commenti

I gusti di Mco

Premetto che non sono appassionato di film romantici e che questa pellicola ho incominciato a seguirla quasi per caso. Ma, col passare dei minuti, questo "dono" di Gibson ha preso ad affascinarmi, forse perché più di una volta avrei voluto davvero sapere cosa pensino le donne al mio cospetto. Storiella esile ma ben recitata, con una Hunt che dietro la maschera di lavoratrice spietata (che mette i tacchi solo quando si allontana dalla scrivania) cela buoni sentimenti, a dir poco inattesi. Bello.

Belfagor 2/01/10 12:10 - 2645 commenti

I gusti di Belfagor

Una commedia gradevole, femminista in superficie ma rassicurante in profondità per noi maschietti, che scherza su qualche stereotipo, infila delle battute giuste al momento giusto e riesce a creare qualche scena molto divertente. Quello che le manca è un buon finale che sia allo stesso livello del resto del film. Il buon cast delinea dei personaggi funzionali alla storia: brava come sempre la Hunt e Gibson lascia un bel ricordo leggero di sé, che potrebbe servirgli da terapia anti-fanatismo. **1/2
MEMORABILE: Gibson che rischia la vita provando i prodotti per donne nel bagno di casa.

Stefania 8/09/10 02:20 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Che cosa potrebbe accadere se un uomo che in vita sua non si è mai preoccupato di capire le donne acquisisse d'un tratto la facoltà di percepire i loro pensieri? Come tutte le ipotesi surreali, anche questa offriva una miriade di possibilità, poteva almeno essere lo spunto per uno studio dei caratteri, dei sentimenti, dello scarto tra verità e bugie, tra realtà e pregiudizio... Invece, lo spunto viene utilizzato per una commedia romantica come tante, ennesima riedizione della "battaglia tra i sessi" con complicanze carrieristiche. Film ben fatto ma superficiale, grazioso il ruolo della Tomei.

Magnetti 13/09/10 14:09 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Commedia brillante e patinata con un ottimo spunto, insomma l'idea non è niente male, soprattutto per lo spettatore maschile. A suo agio il duo Gibson/Hunt nei rispettivi ruoli tanto da rendere piacevole la visione. Come purtroppo accade spesso il binario che prende il film dopo aver sparato le cartucce iniziali è quello rassicurante delle produzioni Hollywoodiane, iper collaudato e, quindi, poco stimolante.
MEMORABILE: I momenti in cui nascono le idee degli spot.

Didda23 2/05/11 20:58 - 2326 commenti

I gusti di Didda23

Tutto sommato piacevole, soprattutto per la presenza di Mel Gibson davvero in palla nel ruolo e per il ritmo abbastanza coinvolgente. Il difetto maggiore sta essenzialmente nello svolgimento, che risulta infatti troppo prevedibile e telefonato. La Tomei avrebbe meritato più spazio. Notevole la confezione, meno la sceneggiatura. Si può vedere e ci si può pure divertire.

Piero68 9/07/12 09:33 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Commedia romantica senza pretese da una specialista del genere. Ottima l'idea di partenza, poi il film alterna spunti veramente divertenti ad altri più noiosi e poco incisivi. È chiaro che siamo in presenza di cinema leggero, però Gibson ci mette molto impegno e la Hunt è affascinante come non mai. Fatto con mestiere, riesce appieno nel suo intento: far svagare lo spettatore per un oretta e mezza. Inoltre colpisce al cuore il sesso maschile: che nessuno mi venga a dire di non aver mai desiderato un potere del genere!
MEMORABILE: Gibson che prova il "corredo femminile"; La psicologa che si accende una canna quando scopre i poteri di Gibson; Gibson che si finge gay con la Tomei.

Helen Hunt HA RECITATO ANCHE IN...

Cloack 77 12/07/12 14:59 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Non vi saranno mica le solite gag sui luoghi comuni del pensiero femminile? Sì, ci sono. Non vi sarà il solito innamoramento apparentemente impossibile? Sì, c'è. Non vi sarà mica un litigio che allontanerà i protagonisti con cause "insormontabili"? Sì, sì. L'idea centrale del film non si risolverà mica in una sciocchezza al contrario? Meglio lasciarlo indovinare. A cosa serve un film come What women want se non a soddisfare il desiderio ridicolo di vedere il macho Mel Gibson in calze da donna?

Rigoletto 22/10/12 15:57 - 1667 commenti

I gusti di Rigoletto

Nell'universo gibsoniano mancava ancora la galassia delle commedie, ma anche questa a trovato una sua collocazione stabile (già abbozzata in Maverick); abbiamo visto come la poliedricità di un attore gli permetta di lasciare un segno tangibile nella fantascienza, nell'azione e, come regista, nell'epico e nel religioso. Commedia leggera, senza pretese in cui il gigione Mel sguazza alla grande in lungo e in largo, grazie anche alla sempre bravissima Helen Hunt. Ottima la "disperata" Marisa Tomei. Non male. ***
MEMORABILE: La reazione di Darcy quando inavvertitamente abbassa lo sguardo su... (e Nick se ne accorge!).

Paulaster 2/09/13 19:07 - 3358 commenti

I gusti di Paulaster

Commedia hollywoodiana sull’ambiente pubblicitario che, grazie a ciò, piazza furbescamente brand a tutto spiano. Gibson recita come un crooner al limite del sopportabile e la Hunt sempre col suo stile poco invasivo. L’inevitabile liason sentimentale riempie di melassa (assieme alle canzoni di Sinatra) un plot patinato dal finale scontato. Alcune trovate simpatiche o prettamente di lavoro rialzano il discorso.

Cangaceiro 15/01/14 18:16 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

La simpatica trovata che consente al protagonista di ascoltare i pensieri delle donzelle che calcano la scena è la ragione di vita del film stesso, che si barcamena tra vuoto pneumatico (le vicissitudini con la figlia sono repellenti) e qualche sorriso stiracchiato. Gibson fa la parte del leone, sfoderando una brillantezza e una padronanza dei tempi comici tanto notevoli quanto inaspettate, dando prova di duttilità in una commedia insolita per le sue corde. Pari e patta tra le due belle: più composta e sfuggente la Hunt, teatrale e sexy la Tomei.

Furetto60 23/01/14 12:34 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Commedia brillante e ben dosata con un buon ritmo, priva di volgarità e soprattutto con un Mel Gibson nel pieno dei suoi bei tempi, ben coadiuvato dalla Hunt. L’idea è quella di una sorta di superpotere che viene sfruttato non per salvare il mondo (e già questa è una novità) ma per salvare se stesso. Il finale è buonista, pienamente in linea col resto del film, adatto per la classica serata col pilota automatico...
MEMORABILE: La depilazione.

Bizzu 9/04/15 18:37 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Dato l'argomento e il protagonista potremmo dire che è una film per uomini che per una sera vogliono fare le casalinghe guardando una commedia semi-romantica. Il tema è sfizioso e per la prima parte viene pure sviluppato in maniera divertente dal credibile Gibson, però tutto si risolve nelle solite abusate dinamiche da commedia romantica americana. Anche le piccole sottotrame si rivelano una bolla di sapone. Immancabile la scena con la ragazzina ai camerini che si prova decine di vestiti facendo smorfie e scenette simpatiche come l'epatite.

Pinhead80 29/05/15 00:11 - 4169 commenti

I gusti di Pinhead80

Bella domanda: cosa vogliono le donne? Il film cerca di dare una risposta a questo quesito donando a Mel Gibson, in maniera casuale, la capacità di poter leggere loro nel pensiero. L'idea è senza ombra di dubbio simpatica e pure il film risulta essere godibile, anche se la sceneggiatura finisce per scivolare inesorabilmente nel banale. Riuscito, ma solo in parte.

Deepred89 5/06/20 23:43 - 3426 commenti

I gusti di Deepred89

Il costante disagio dell'empatico costretto a vivere tra la gente, la scoperta che anche l'empatia può essere sfruttata come arma: letto sotto forma di metafora il film offre molti spunti, scaturiti da un'eccellente idea di base, intelligente e fantasiosa. Purtroppo si preferisce rimanere in superficie e tali tematiche restano abbozzate, ma ritmo e divertimento non vengono mai meno e il film procede svelto tra risate e tenerezza, sorretto da un Gibson perfetto per il ruolo. Forse un'occasione mancata, ma d'indiscutibile professionalità e classe. Buon cast femminile.

Siska80 4/09/20 20:34 - 1691 commenti

I gusti di Siska80

La simpatia di Mel Gibson e la bravura del resto del cast non bastano a salvare un film che non ha assolutamente niente da dire. L'intera vicenda ruota intorno a una ristretta cerchia di persone (la figlia del protagonista, i membri della ditta in cui egli lavora) e, guarda caso, ecco che Nick si innamora proprio della direttrice, la quale (meraviglia!) lo ricambia... Finale prevedibile e uno spunto interessante (anche se assurdo) utilizzato in maniera banale e noiosa: la capacità di leggere i pensieri delle donne avrebbe potuto fornire spunti ben più interessanti. Peccato.
MEMORABILE: La dolorosa depilazione.

Camibella 22/02/21 11:21 - 277 commenti

I gusti di Camibella

A causa di un incidente domestico, un cinico e maschilista pubblicitario acquista il dono di poter ascoltare i pensieri delle donne e cerca di sfruttarlo per il proprio tornaconto. Commedia senza troppe pretese, confezionata con un buon abito da sera dalla regista Nancy Meyers e recitata con discreto impegno dall'inusuale coppia Gibson/Hunt. Ma lo spunto è tirato troppo per le lunghe e alla fine ci si arriva sbadigliando, anche se la coppia sembra ben rodata.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rambo90 12/04/21 02:13 - 6911 commenti

I gusti di Rambo90

Una di quelle commedie in cui l'idea di partenza vale più di tutta la sceneggiatura. Sì, perché è innegabile che lo spunto diverta, soprattutto nella prima parte, ma la durata fiume e una serie di sviluppi francamente pleonastici (vedi il salvataggio della ragazza depressa) dimezzano la gradevolezza del tutto. Fantastico comunque Gibson, in uno dei suoi ruoli più divertiti, e perfettamente calzante la Hunt, per una commedia che si lascia guardare ma poteva essere anche molto di più.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.