Sodoma e Gomorra

Media utenti
Titolo originale: Sodom and Gomorrah
Anno: 1962
Genere: drammatico (colore)
Note: Sergio Leone risulta accreditato come co-regista, ma in realtà ha diretto solo alcune scene con la seconda unità della troupe.
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/11/08 DAL BENEMERITO ILFIGO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ilfigo 5/11/08 11:38 - 75 commenti

I gusti di Ilfigo

L'ebreo Lot e i suoi compagni si accampano in una valle vicino alle città di Sodoma e Gomorra e sono coinvolti negli intrighi della depravata regina Bera e di suo fratello Astaroth. L'ira divina distruggerà le città. Lento e un po' noioso. Non è all'altezza dei film storici americani, da Ben-Hur in poi. Peccato.

Lucius 3/08/10 01:21 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Una regina perversa e incestuosa che impera in una pellicola biblica a cui in parte sembrerà rifarsi Il faraone e che si fa apprezzare scenograficamente, in particolare per i costumi particolarmente adatti al mito di Sodoma e Gomorra e per certe "nefandezze" tipo i balli saffici, la cavalleria sodomita e, in linea di massima, per l'avanguardia, considerato che è un film del 1962. Per il resto momenti di stanca e lunghe battaglie che tediano non poco. Sarebbe auspicabile un remake.

Lupoprezzo 8/02/11 22:14 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Peplum sconclusionato e all'acqua di rose in cui l'ambiguità sessuale è relegata sullo sfondo in favore della schiavitù (ma siamo agli inizi degli anni sessanta). Gli attori non sono convincenti (Stewart Granger è un improponibile Lot). Qualche scena si salva, ma è ben poca cosa. Sicuramente un lavoro alimentare per Robert Aldrich. Le scene delle battaglie sono dirette da Sergio Leone.

Galbo 19/02/11 10:04 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Kolossal biblico codiretto da Sergio Leone e Robert Aldrich. Le vicende narrate nei libri sacri vengono alquanto stravolte (nonostante il titolo, Gomorra non si vede mai) e il film è piuttosto pasticciato ed interpretato da attori inadatti al ruolo (uno per tutti Granger). Godibili le parti dedicate alle battaglie ma nel complesso si tratta di un film mediocre.

Homesick 26/04/11 18:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Kolossal dai piedi d’argilla. L’impegno di Granger e Baker, la gran panoplia di sensuali attrici e danzatrici e l’effetto delle scene di massa – la distruzione finale di Sodoma – sono magro riscatto di una trama tanto reboante quanto lenta, confusa e inconcludente: peplum coevi hanno saputo produrre di meglio anche con mezzi assai più modesti. Praticamente nulli gli agganci con le Sacre Scritture.

Belfagor 5/05/11 00:03 - 2626 commenti

I gusti di Belfagor

Nonostante i rimandi epici e i due nomi celebri alla regia, è un kolossal dalla trama aggrovigliata e dallo svolgimento piuttosto disomogeneo, in cui vari momenti di tedio sono in parte riscattati dalle discrete scene di battaglia (dirette da Leone) e dai balli sensuali delle danzatrici di Sodoma. Gli eventi seguono solo in parte l'episodio biblico citato dal titolo e la sensazione generale è quella di una gran confusione.

Enzus79 26/05/11 15:41 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Sodoma e Gomorra è un filmone "tutto fumo e niente arrosto". Se non fosse per il buon finale e le belle scene di azione sarebbe completamente insufficiente. Stewart Granger in un non credibile Lot (assomiglia a Little Tony). Si è visto di meglio.

Nando 30/06/11 17:37 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Peplum di discreto impatto visivo ma poco legato alle reali vicende bibliche. Valide le riprese belliche e della distruzione di Sodoma (a proposito, Gomorra menzionata nel titolo non appare pervenuta nella narrazione). Cast altisonante, tuttavia in alcuni frangenti la lentezza regna sovrana.

Von Leppe 16/12/11 18:35 - 1044 commenti

I gusti di Von Leppe

Film con tutti i luoghi comuni del cinema peplum-kolossal di stampo religioso; qui gli ebrei illuminati da Dio (invece dei cristiani con i romani) si lasciano corrompere dagli abitanti delle città di Sodoma e Gomorra, che già dai nomi (e dal titolo) lasciano intendere perversioni sessuali e violenza: la seconda c'è, la prima è appena accennata nel buon finale. Gli esterni sono girati in Marocco e vi sono molte scene di folla da vero kolossal; proprio per questo il film tedia e non esce dagli schemi religiosi e da un genere stantio.

Pinhead80 26/04/12 20:40 - 4000 commenti

I gusti di Pinhead80

Forse tra i film di Aldrich meno interessanti, questo peplum narra le gesta del popolo ebraico condotto da Lot lungo le sponde del fiume Giordano in prossimità delle città di Sodoma e Gomorra. Il punto debole del film sta nella scarsa caratterizzazione dei personaggi e nell'aver aprioristicamente compiuto delle gravi dimenticanze in fase di sceneggiatura (di Gomorra non vi sono tracce). Fiacco.
MEMORABILE: La caduta della città di Sodoma.

Quietcrash 21/06/15 23:43 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Kolossal peplum in cui Sergio Leone è l'assistente di regia. La storia si allontana un po' dai testi biblici di riferimento e la gran parte è inventata di sana pianta, ma nonostante ciò la trama è piacevole da seguire e non annoia, mentre le scene della battaglia sono tra le migliori tra i film contemporanei e precedenti a questo. La colonna sonora coinvolge e il tema principale rimane in testa anche dopo la visione. Da vedere assolutamente.

Rigoletto 28/09/16 11:55 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Di fatto è un peplum a sfondo biblico, altamente infedele al testo e al messaggio originale. Ma l'infedeltà rappresenta solo uno dei problemi: il cast è decisamente fuori contesto, a cominciare dal protagonista Granger, sprecato in un ruolo che evidentemente non sente. In principio durava 2 ore e mezza e non è da escludere che l'ampio rimaneggiamento abbia finito per vanificare un lavoro che si trascina avanti a fatica. A parte la bella scena dell'attacco della cavalleria elamita e il finale è evidente che poteva essere più guizzante.

Daniela 24/05/19 21:19 - 9623 commenti

I gusti di Daniela

Passato alla storia come il fiasco clamoroso che quasi portò alla rovina la Titanus, "Sodoma e Sodoma" (come sarebbe stato più giusto intitolarlo data la latitanza di Gomorra) non è peggiore della media dei peplum di blanda ispirazione biblica del periodo, anzi possiede qualche pregio, ma è penalizzato dalla distanza fra il risultato e le aspettative, considerato che Aldrich aveva già diretto film molto più grintosi ed appassionanti. Qui invece tutto appare come imbalsamato, a cominciare da Granger che recita Lot atteggiandosi a Mosé.
MEMORABILE: I condannati legati ad una grande ruota che viene fatta rotolare nelle fiamme

Pigro 26/10/20 12:03 - 7897 commenti

I gusti di Pigro

Dimenticate Sodoma e Gomorra: qui si tratta solo del conflitto tra due popoli, quello gaudente di città e quello laborioso e devoto di campagna. La sceneggiatura, pomposa e pressappochista, trasforma l’episodio biblico in un kolossal peplum magniloquente e sciocco, a parte l’accenno sull’ambiguità morale di Lot che cede al vizio (ma quale? molto rumore per nulla). Bella la lunga scena quasi western della battaglia tra fuoco e acqua, meglio della distruzione della città (una sola!), tra il banale terremoto e la bomba atomica. Bah.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 18/10/20 11:22
    Consigliere avanzato - 1492 interventi
    Come regia vedo scritto nella scheda “Sergio Leone (n.c.)”. In realtà, Leone è accreditato, eccome: nei titoli di testa è messo come regista addirittura prima di Aldrich, a dispetto dell’ordine alfabetico! E c’è anche nella locandina sul Davinotti. Leone avrebbe diretto la seconda unità per poche scene, anche se pare che per dissidi con Aldrich si sia defilato presto dal set. Quindi, a rigore, tutto il film sarebbe in realtà di Aldrich, come anche Imdb sostiene correttamente mettendo il solo Aldrich come regista. La stranezza per cui Leone è accreditato come regista (mi sembra cosa inusuale per un regista della seconda unità essere accreditato come co-regista) deriverebbe dal fatto che la produzione aveva bisogno di finanziamenti pubblici dello Stato italiano, che però erano subordinati alla presenza di un regista italiano, e quindi Leone, che doveva semplicemente dirigere la seconda unità in poche scene (e che, a quel che ho letto se ne andò presto per divergenze con Aldrich, ma andrebbe verificato meglio), fu trasformato addirittura ufficialmente in co-regista, perfino in prima posizione nei titoli, proprio per ottenere i finanziamenti. Ad ogni modo, non sono un esperto di Leone e quindi non conosco bene tutti i dettagli (ho letto perfino che Leone abbia detto di non aver mai girato nessuna scena di questo film, ma non c’è la fonte): se qualcuno ha fonti attendibili, sarebbe interessante saperlo.
    Comunque, tirando le somme, nella scheda secondo me andrebbe fatto così:
    1. togliere “(n.c.)” dal nome di Leone, visto che formalmente, secondo i titoli di testa, è accreditato come uno dei due registi;
    2 aggiungere nelle note: Sergio Leone risulta accreditato come co-regista, ma in realtà ha diretto solo alcune scene con la seconda unità della troupe.
  • Discussione Zender • 18/10/20 11:29
    Consigliere - 43734 interventi
    D'accordo, fatto. Forse si era appunto preso dalla scheda di Imdb che non lo cita scoprendo solo poi che invece da noi era presente come co-regista e lo si era aggiunto come n.c.
  • Discussione Daniela • 18/10/20 17:46
    Consigliere massimo - 5284 interventi
    Zender ebbe a dire:
    D'accordo, fatto. Forse si era appunto preso dalla scheda di Imdb che non lo cita scoprendo solo poi che invece da noi era presente come co-regista e lo si era aggiunto come n.c.
    probabilmente l'accredito - legato ad esigenze produttive di finanziamento - è presente solo nei titoli della versione doppiata. Appena posso controllo, dovrei avere la versione per il mercato anglosassone. 

  • Discussione Zender • 18/10/20 18:01
    Consigliere - 43734 interventi
    Esatto, di solito funziona così.
  • Discussione B. Legnani • 18/10/20 19:04
    Consigliere - 13980 interventi
    Nella copia tedesca, nessunissimo cenno su Leone.
    https://www.youtube.com/watch?v=8rJTbb0rFCw
  • Discussione B. Legnani • 18/10/20 19:07
    Consigliere - 13980 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Nella copia tedesca, nessunissimo cenno su Leone.
    https://www.youtube.com/watch?v=8rJTbb0rFCw

    idem versione inglese
    https://www.youtube.com/watch?v=UH4p26Yocmw
  • Discussione Daniela • 19/10/20 02:49
    Consigliere massimo - 5284 interventi
    Dato che Legnani ha già provveduto a controllare i titoli, io sono andata a ripescare ciò che dice Leone.
    Il testo è tratto da: Sergio Leone, C'era una volta il Cinema, a cura di Noel Simsolo, editore Il Saggiatore.
    Mi scuso per la lunghezza del testo, ma preferisco riportare integralmente il  passaggio in cui parla di questa esperienza per lui molto negativa:

    Perché fare una coregia con Robert Aldrich per Sodoma e Gomorra?
    Non è stata una coregia. C’era il mio nome sulla locandina soltanto perché si trattava di una coproduzione con la Titanus e serviva anche un regista italiano per ricevere il contributo di Stato. Ecco come sono andate le cose. A Robert Aldrich è piaciuto Il colosso di Rodi, così mi ha chiesto di dirigere la seconda troupe e di girare tutte le sequenze di guerra. La cosa mi interessava perché lo ammiravo molto. Mi erano piaciuti Prima linea, Il grande coltello e Vera Cruz. Già dai primi incontri, però, mi ha veramente deluso. Mi ha detto che voleva fare La dolce vita in versione antica. Niente di meno! Purtroppo la sua idea raggiungeva l’apice dell’audacia con la scena dell’uomo che mordeva il dito della sorella: per Aldrich, questo gesto era il massimo della perversione.Si navigava nella follia. Il capo della produzione italiana si chiamava Borgogni. Era un vero signore e un uomo di grande cultura. Dopo aver letto la sceneggiatura si è imbattuto in Aldrich, che gli ha chiesto un parere. Borgogni gli ha risposto: «Penso ci sia un piccolo errore, signor Aldrich, Sodoma e Gomorra erano due città distinte. Non è come Hénin-Liétard. Ma nel suo découpage, c’è un’unica città». Furioso, Aldrich l’ha fatto cacciare. E poi ha modificato la scena dell’arrivo delle due figlie di Loth davanti alla città. Una la indica e dice: «Sodoma»; l’altra si gira per guardare lontano e dice: «E Gomorra». Una cosa demenziale.
    Come è avvenuta la rottura con Aldrich?
    Il suo scopo era prendere in mano tutta la produzione del film. Ha cercato la mia complicità per sbarazzarsi di Lombardo, il produttore della Titanus. Siccome io non ci stavo e Lombardo non mollava, Aldrich ha fatto di tutto per rovinarlo. Dopo che me ne sono andato, ha incaricato un regista americano di girare delle inquadrature che mostrassero nel dettaglio le ferite provocate nelle battaglie. Questo tipo è rimasto sei mesi a intralciare il lavoro. Ed è stato pagato profumatamente.
    E lei quanto tempo è rimasto sul set?
    Otto settimane. Robert Aldrich non capiva perché me ne volessi andare. Avrebbe preferito che rimanessi al mio posto, senza fare nulla se non incassare lo stipendio e partecipare così alla rovina del produttore. Io ne ero troppo disgustato. Ho scritto a Lombardo perché venisse ad assistere alle riprese,
    specificandogli che avrebbe dovuto armarsi di un mitra prima di scendere dall’aereo. E di non esitare a sparare non appena avesse avvistato qualcuno della troupe. Ogni obiettivo sarebbe stato quello giusto. Erano tutti colpevoli: per iniziativa di Aldrich, Sodoma e Gomorra era diventato Sodoma e Camorra… Era escluso che potessi partecipare a un tale disastro.
    Perché lasciare il suo nome nei titoli di coda?
    Solo perché Lombardo potesse recuperare il contributo statale. La catastrofe era già piuttosto ingente. Una rovina totale. E la mia delusione immensa… Era la prima volta che un professionista americano mi lasciava un’impressione così negativa. Dopo quell’esperienza, ho chiuso con i peplum.
    Ultima modifica: 19/10/20 02:50 da Daniela
  • Discussione B. Legnani • 19/10/20 09:39
    Consigliere - 13980 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Dato che Legnani ha già provveduto a controllare i titoli, io sono andata a ripescare ciò che dice Leone.
    Il testo è tratto da: Sergio Leone, C'era una volta il Cinema, a cura di Noel Simsolo, editore Il Saggiatore.
    Mi scuso per la lunghezza del testo, ma preferisco riportare integralmente il  passaggio in cui parla di questa esperienza per lui molto negativa:
    Molto interessante. Hai fatto bene a riportare tutto.

  • Discussione Pigro • 19/10/20 23:01
    Consigliere avanzato - 1492 interventi
    Grazie per la citazione. In effetti Leone ha ragione: il reciproco morso sensuale del dito è la cosa più trasgressiva che si riesca a vedere nel film... e più ridicola. E pure il fatto che Sodoma-e-Gomorra è una sola città è piuttosto  imbarazzante. Comunque, la citazione conferma che l’unico regista sia Aldrich. Non solo: nei titoli di testa come regista della seconda unità sta Oskar Rudolph e di Leone non c’è traccia.
    Non so a questo punto come si possa segnalare, se lasciare solo Aldrich o cosa... Forse la cosa più sensata è togliere Leone e lasciare traccia della sua presenza (senza alcun apporto concreto, tantomeno registico) in questa discussione.
    Ultima modifica: 19/10/20 23:12 da Pigro
  • Discussione Zender • 20/10/20 08:15
    Consigliere - 43734 interventi
    Lascerei così. Leone è ufficialmente accreditato, a noi. Il resto è spiegato nelle note.