La signora ammazzatutti - Film (1994)

La signora ammazzatutti
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Serial mother
Anno: 1994
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Serial mom"
Papiro: elettronico
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Dopo gli esperimenti quasi mainstream di GRASSO E’ BELLO e CRY BABY, il profeta del trash americano John Waters torna al cinema “di denuncia” con quella che potrebbe essere definita la versione femminile del PATRIGNO. SERIAL MOM (il titolo originale è molto più efficace e chiarificante della traduzione italiana) vede, nella parte della diabolica mamma killer, Kathleen Turner, ormai da tempo rassegnata a interpretare perfide e folli donne d'attacco (come nell’eccezionale GUERRA DEI ROSES)....Leggi tutto L'inizio è grande e l'ambiente watersiano della provincia americana è reso ottimamente come di consueto, ma col trascorrere dei minuti la violenza scontata di Kathleen Turner si fa ripetitiva e gli omicidi (per quanto sempre ripresi in maniera esplicita e grottesca) diventano imprevedibili. Fotografia e sceneggiatura restano quasi immutate all'interno degli standard di Waters: colori forti, dialoghi poco brillanti che servono solo ad accompagnare le immagini, qualche trovata di buona fattura, i componenti della famiglia che ricordano (per ingenuità ed espressioni) i Griswold della serie NATIONAL LAMPOON’S VACATION. Purtroppo il finale in tribunale sembra più degno di film demenziali come FATAL INSTINCT che di opere watersiane eccellenti come PINK FLAMINGOS. E così resta il rimpianto, la drammatica impressione che con la morte di Divine anche Waters stia svanendo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 16/08/07 16:31 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Tratto da una storia vera, rappresenta, filtrato in chiave John Waters, la carriera omicida di una madre di famiglia circondata da parenti perfetti, amici perfetti e giardini perfetti. Dove la perfezione diventa falsità e il meccanismo di preservazione del quieto vivere si inceppa e ne scaturisce un'assassina. Il film si può interpretare dal punto di vista dell'oppressiva etichetta imposta dalla società oppure dalla follia che colpisce anche le persone apparentemente più al riparo. Da vedere.

Galbo 19/03/08 05:51 - 11932 commenti

I gusti di Galbo

Da John Waters, uno dei registi più caustici e finemente trasgressivi del cinema americano (Grasso è bello), una divertente commedia che concentra alcune delle ossessioni e dei tormentoni della società moderna: i serial killer, il perfetto mondo delle famiglie middle-class americane, il dominio dell'immagine e della cultura televisiva. Basato su una sceneggiatura pienamente rispettosa dei tempi comici, il film è interpetato da una Kathleen Turner in stato di grazia.

Undying 8/01/08 20:49 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Strampalata (ma non in senso negativo) commedia "sporca" diretta dall'esperto di "trash", ovvero John Waters. Questa volta, però, ci troviamo di fronte ad un prodotto ben confezionato, ottimamente recitato (da Oscar la "sempreverde" Kathleen Turner) e che non disprezza presenze scomode (la porno star Traci Lords, all'epoca in fase di "ridefinizione" artistica). Si ride per via di una comicità studiata e ben sviluppata, che frena solamente nelle battute finali per via d'inattese (ed inadatte) sequenze gore, quando non splatter.

Puppigallo 18/06/08 17:29 - 4930 commenti

I gusti di Puppigallo

Va preso per quello che è; un film dove la Turner è scatenata e a tratti irresistibile. E' tutto esagerato, ma il divertimento sta anche in quello. Per il resto, la sceneggiatura serve più che altro alla protagonista per regolare i suoi "conticini" e la famiglia è lì per darle altri pretesti per agire (bello quando i familiari sanno che è un'assassina e le sorridono, domandandosi come comportarsi). Lei ammazza e il sangue a volte si vede, anche se alla lunga il copione risulta un po' ripetitivo, almeno fino al processo farsa. Non male.
MEMORABILE: Gli insulti telefonici alla povera vicina.

Pigro 19/06/08 10:00 - 8916 commenti

I gusti di Pigro

Solo un intelligente maestro del cinema trash come John Waters poteva concepire e realizzare questa caustica e “disturbante” commedia su una bella e piacevole mamma che sembra uscita da una pubblicità tv e che uccide tutti coloro che alterano il suo equilibrio così americano e il suo gusto estetico. Spassoso e spietato, a cominciare dalle false dichiarazioni iniziali sul fatto che la storia sia vera: il delirio risucchia tutto nel vortice dello splatter parodiato e del paradosso logico. Kathleen Turner è perfetta.

Lovejoy 6/07/08 15:17 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Godibile commedia nera ben scritta e diretta con brio da Waters. Kathlenn Turner è assolutamente strepitosa nei panni della protagonista, pronta a tutto pur di difendere la sua famiglia dai pericoli che la circondano all'esterno delle quattro mura. Forse il suo ruolo piùbello, a tutt'oggi. Gli tengono testa un eccellente Waterston e una Tracy Lords "ripulita" per l'occasione. Merita almeno una visione.

Supercruel 6/10/08 00:59 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Le interpretazioni sono davvero molteplici in questa pellicola di Waters. La follia omicida che può scaturire anche negli ambienti più "bene", l'ipocrisia della middle-class americana e la spettacolizzazione - da parte dei media - della cronaca nera. Lo stile è pittusto "mainstream" e si rifugge dallo spiccato cattivo gusto dei vecchi film dell'autore, ma questo non inficia il solito registro caustico e pungente del buon John. Ottima Kathleen Turner come protagonista.

124c 22/01/09 16:16 - 2838 commenti

I gusti di 124c

La regina delle commedie nere anni 80/90, Kathleen Turner, incontra il regista John Waters, che fece grande il travestito Divine in alcuni film memorabili e trasgressivi, come Grasso è bello. Ormai non più adatta ai ruoli da bellona, l'ex-Matty di Brivido Caldo si ricicla come madre-serial killer in una farsa, tipo Il mostro di Roberto Benigni, che la vede mattatrice assoluta. È il film anni 90 del suo riscatto, perché tutti vorremmo una mamma come Kathleen Turner: amorevole e spietata.
MEMORABILE: Il concerto-rock con assassinio della Mamma Killer.

Ale nkf 5/05/09 08:50 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Film molto divertente (chi non ha mai voluto avere una mamma così?). A volte decisamente troppo cruento per il genere commedia, ma per chi vede per la prima volta un film di questo genere è davvero da morire dalle risate, soprattutto nel finale... sicuramente da consigliare.

Vawe 25/07/10 16:41 - 61 commenti

I gusti di Vawe

Irriverente, cinica, grottesca, scurrile, spietata, questa satirica commedia girata dal beffardo John Waters. Una storia quella di Beverly, casalinga e madre perfetta, che esula dal classico copione. Il suo alter ego si fa giustizia da solo verso coloro che reputa erranti, nei confronti dei propri cari e verso le giuste regole di vita della collettività. La Turner, con la sua mimica eccezionale, fa tifare per il personaggio, l'ilarità è scatenante. Alzi la mano chi non vorrebbe, almeno una volta, dare una lezione ai malevoli conoscenti.
MEMORABILE: Beverly ammazza l'anziana che non voleva riavvolgere le vhs del videonoleggio con una coscia di pollo, gridando: "Il nastro si riavvolge!"

John Waters HA DIRETTO ANCHE...

Lucius 5/09/10 13:40 - 2968 commenti

I gusti di Lucius

Esilarante black-comedy in salsa thriller la pellicola, geniale nella sua irriverenza, vede la Turner in una delle interpretazioni più originali e fuori dagli schemi della sua carriera, nei panni di una lady killer senza scrupoli che non esita ad uccidere anche per futili motivi (tipo per la mancata adesione all'iniziativa della raccolta differenziata). Film irresistibile, trasgressivo, con dialoghi pornografici, ma sempre impeccabile.

Stefania 23/09/10 02:46 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Massaia modello giustiziera scatenata contro chiunque rechi offesa alle regole del decoro borghese, nonché al suo piccolo mondo di plastica: la vicina che le ruba il parcheggio, l'insegnante che vuole bocciare il suo figlioletto, il ragazzo che scarica la sua figlioletta. La sua violenza non ha niente di anarchico o di sovversivo: Beverly è figlia (appena degenere) di una società che, sotto sotto, considera la giustizia fai da te un peccato veniale, e da tale società è adottata e trasformata in prodotto televisivo. Meno estremo ed esplicitamente "camp" di Grasso è bello, ma... cianidrico

Buiomega71 2/01/11 16:41 - 2668 commenti

I gusti di Buiomega71

Ormai "addolcito", il buon John realizza forse uno dei suoi film più divertenti degli ultimi anni. Un plot esile nasconde ancora il Waters caustico e indomabile (il cane che lecca i piedi, immagino zozzi, a Mary Joe Catlett mentre si guarda "eccitata" Annie di Huston!, la Turner che "scatarra" addosso ad un bimbo, un ragazzo che si masturba davanti a un filmetto di Chesty Morgan). Ma al di là delle "delizie" watersiane c'è addirittura un'anticipazione dello Scream di Craven e cioè i ragazzi "videotecari". Non per tutti i gusti, ma divertente.
MEMORABILE: Il figlio alla Turner: "Mamma, allora sei davvero una serial killer!" e lei: "Di serial conosco solo Beautiful!"

Giùan 16/09/11 15:43 - 3855 commenti

I gusti di Giùan

Ulteriore spostamento del cinema watersiano, che mantiene intatta negli anni la propria diversità (rispetto a se stesso in primis), cambiando forma soprattutto e contenuti parzialmente. Qui i colori nitidi della provincia americana fan tutt'uno con le oscure tenebre della mente della middle class, incarnata da Mrs Stuphin, casalinga dedita al culto dell'omologazione, al cui altare tutto e tutti son sacrificabili. Lo slittamento riguarda anche la protagonista: dal(la) defunto ingombrante Divine alla "rassicurante" Turner. Abbonda in ripetitiva serialità...
MEMORABILE: L'ammazzamento della zanzara: quando viene spiaccicata compare il Directed by John Waters.

Didda23 27/12/11 20:08 - 2360 commenti

I gusti di Didda23

Waters, utilizzando i classici stilemi della commedia nera, stravolge con criterio ed ironia le idiosincrasie della middle-class americana ponendo al centro dell'opera la "rassicurante" figura materna. Notevole la critica velata alle enormi falle della giurisprudenza statunitense. I dialoghi sono credibili nella loro insita follia; merito di una sceneggiatura che non lascia nulla al caso. Purtroppo, a parte la Turner, il resto del cast lascia a desiderare. Quello che si dice un buon film!

Herrkinski 19/12/13 03:54 - 6942 commenti

I gusti di Herrkinski

Waters avrà forse abbandonato alcuni eccessi della sua passata cinematografia, ma il suo messaggio, volto a distruggere in ogni modo il confortevole Sogno Americano, rimane sempre caustico ed efficace; ed è così che con questa commedia ricca di humour nero mette a segno un altro colpo vincente, grazie a numerose gag riuscite e a qualche colpo basso ben assestato. Straordinaria la Turner, ottimo il resto del cast (curiosamente, Lillard avrà un ruolo simile in Scream due anni dopo). Veramente buona anche la confezione, dalla sgargiante fotografia.

Gabrius79 21/12/13 01:29 - 1336 commenti

I gusti di Gabrius79

Godibile, divertente commedia nera con una Kathleen Turner da antologia che è il fulcro della storia. Divertenti gag (a tratti un po' volgari) fanno da cornice a questa signora che ammazza chi fa sgarbi alla sua famiglia. Macabro ma con gusto.

Daniela 24/02/14 11:28 - 11775 commenti

I gusti di Daniela

Casalinga, moglie e mamma impeccabile ad un certo punto inizia ad eliminare chi può danneggiare la sua famiglia, o non rispetta il codice della strada oppure non provvede alla raccolta differenziata... Commedia nera, perfidamente confettosa, del campione del trash John Waters, qui in versione "normalizzata" rispetto alle sue opere più dirompenti ma comunque graffiante nel ritratto di una american life in cui convivono perbenismo feroce e mitizzazione criminale. Turner, perfetta nel ruolo, uccide con un gusto che appare anche condivisibile, data l'antipatia delle vittime. Godibile.
MEMORABILE: Il controinterrogatorio alla vicina di casa che non separa i rifiuti

Schramm 9/05/15 13:50 - 3029 commenti

I gusti di Schramm

Quel lazzarone non riconciliato di Waters viene a ribadirci che tutti i vessilliferi e gli squadristi della più spinta normalità sono i veri spostati di cui avere quanto meno soggezione, e per il suo attacco a quel perbenismo foriero di mille e un pericolo che illustra i serial killers come Grandi Moralisti si fregia di un cinema strategicamente edulcorato, mimetizzantesi coi dettami bon-ton della Hollywood più zuccherosa per sfoderare la sporcizia dei suoi primi affondi. Il giochino è simpatico, e la Turner sfavillante, ma l’impostazione televisiva e la contenuta abrasione gli costano cari.

Taxius 20/03/18 12:22 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Una tranquilla casalinga si trasforma in una spietata assassina e a farne le spese saranno vicini e conoscenti vari. Simpatica commedia nera con una fantastica Kathleen Turner nei panni della killer che elimina tutti quelli che vanno contro le sue piccole ossessioni, come la vicina che non fa la raccolta differenziata o quelli che mangiano il pollo con le mani. Pur essendo una commedia i vari omicidi sono piuttosto violenti, anche se comici. Merita di essere visto. Assolutamente.

Mink Stole HA RECITATO ANCHE IN...

Saintgifts 28/03/16 10:39 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

John Waters, nella sua Baltimora, rimane fedele a se stesso anche se qui il trash, in minima parte visivo, si concentra sull'aspetto più deteriore di una società che, raggiunto l'estremo benessere, inizia a sbandare mentalmente in assenza di preoccupazioni incombenti. Forse è il Waters che preferisco, anche perché qui si ride e di gusto. Turner a parte (assolutamente perfetta) la carrellata sui personaggi di questa commedia è fantastica. Tutti centrati e tutti visti intimamente sotto la superficie convenzionale usuale e, in un certo senso, più veri.

Marcolino1 10/02/18 11:19 - 553 commenti

I gusti di Marcolino1

Tolta l'oltraggiosità del primo Waters, resta la paranoia borghese, già seminata in Nuovo punk story, che germina perfettamente nella Turner. La normalità edulcorata e "sintetica" cela l'orrore subliminale alla Society, filtrando però i barocchismi di Yuzna. L'assassino seriale popolar-commerciale non è anti-istituzionale, ma al servizio della canonica quotidianità, con gli standard fiction-letterari rovesciati. La tradizione del poliziesco si fa onore e al tempo stesso viene parodiata magistralmente con macabra comicità e prelibati inserti cinefili.
MEMORABILE: Le telefonate oscene; L'autodifesa processuale che fa l'occhiolino a Basic instinct; La meravigliosa videoteca del figlio della Turner.

Anthonyvm 5/03/18 10:56 - 4163 commenti

I gusti di Anthonyvm

Ottima commedia nera, lontana anni luce dalla rude volgarità dei primi lavori di Waters ma non per questo meno divertente e provocatoria. La mamma perfetta, dolce casalinga e moglie affettuosa, che nasconde un tremendo lato oscuro, è una brillante ed evidente pernacchia al perbenismo americano. Waters dosa fantasticamente tutti gli ingredienti, senza esagerare (ma qualche castigata incursione nel cattivo gusto e nel bizzarro non se la fa scappare). Ottima Kathleen Turner e simpatico l'horrorofilo Matthew Lillard pre-Scream. Consigliatissimo!
MEMORABILE: Gli omicidi della Turner, tutti piuttosto cattivelli; Le scene con Lillard che cita a raffica titoli di film horror.

Il ferrini 7/01/19 00:33 - 1988 commenti

I gusti di Il ferrini

Memorabile black comedy diretta dal regista politically incorrect per eccellenza, John Waters e interpretato da una Turner in gran forma. L'affresco della borghesia americana che ne esce è impietoso; un vero trionfo di mediocrità e di ipocrisia rappresentati con intelligenza e ironia. Alcune trovate faranno scuola (Beverly fa cadere un climatizzatore in testa a una delle sue vittime, la stessa scena c'è nella 3a stagione di Fargo), altre sono semplicemente geniali (la signora uccisa col cosciotto di pollo). Nel suo ambito un capolavoro.
MEMORABILE: L'autodifesa in tribunale.

Thedude94 5/05/21 23:39 - 886 commenti

I gusti di Thedude94

Commedia audace, dai forti toni critici, che non manca di una trama al limite del demenziale per porre l'attenzione su diversi temi relativi alla borghesia americana e al sogno della perfezione e della felicità familiare. La regia di Waters è discreta, i momenti assurdi ci sono e il più delle volte sembrano essere più fuori luogo che altro, ma restano comunque da sottolineare le scene tendenti all'horror e in generale al cinema di omicidi e serial killer. Divertente il cast, capeggiato dall'ottima Turner. Non male, per essere una commedia americana di largo consumo.

Ira72 29/12/21 23:11 - 1203 commenti

I gusti di Ira72

Commedia noir - a tratti grottesca - che vede come protagonista una frizzantissima Turner nel ruolo di "acqua cheta che rompe i ponti", splendida madre di famiglia presente stucchevolmente con marito e figli alla quale, però, non va fatto alcun torto. Guai a toccarle i volatili ai quali parla come fece San Francesco e che lei nutre così premurosamente. Perché, in un attimo, lo splatter è dietro all'angolo! Mietuto, quindi, un discreto numero di vittime, si arriva a uno sviluppo e a un epilogo non banali.

Lupus73 21/08/22 17:13 - 1284 commenti

I gusti di Lupus73

Madre di famiglia da "pubblicità americana" nasconde un'anima da serial killer facendo fuori chi infrange regole tradizionali o ostacola la famiglia. Una commedia noir, quasi horror con numerose citazioni (Lillard in un ruolo che lo prepara a Scream è anche un appassionato del genere), una Kathleen Turner perfetta nel ruolo di mamma killer, arcigna e crudele come non mai, con Suzanne Somers nella parte di se stessa. Grottesco, quasi surreale, tende a sfaldarsi nella parte finale in cui si procede verso la farsa. Tuttavia piacevole, con sforate anche nel gore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche 124c • 8/03/13 18:02
    Comunicazione esterna - 5178 interventi
    Basil Poledorius è un musicista che manca alla Hollywood del terzo millennio...e a me!
    Ultima modifica: 8/03/13 18:40 da Zender
  • Musiche Lucius • 8/03/13 19:37
    Scrivano - 8910 interventi
    Verissimo!! (Ps: Poledouris) :)
  • Curiosità Lucius • 15/03/13 21:29
    Scrivano - 8910 interventi
    La videocassetta che i ragazzi visionano in compagnia, all'interno della videoteca, è Cinque corpi senza testa (1965) di William Castle, con Joan Crawford:

  • Musiche Lucius • 17/01/14 18:21
    Scrivano - 8910 interventi
    Il brano "Tomorrow" canticchiato anche nel film dalla protagonista ha una versione italiana "Domani", cantata da Ilaria Stagni e Orfanelle.
    Il brano in questione edito in 45 giri, fa parte dalle colonna sonora di "Annie" del 1982 per la regia di John Huston.
  • Homevideo Ruber • 2/06/21 00:41
    Contratto a progetto - 9157 interventi
    Ma il film è uscito in dvd ? Perché non ve n’è traccia, probabilmente è andato fuori catalogo, ma anche sull usato non vrdo copie.
    Ultima modifica: 2/06/21 01:49 da Ruber
  • Homevideo Anthonyvm • 2/06/21 00:51
    Scrivano - 689 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Ma il film è uscito in dvd ? Perché non ve n’è traccia.

    Sì, ma è andato fuori catalogo e ha raggiunto quotazioni piuttosto elevate.
  • Homevideo Ruber • 17/06/21 10:31
    Contratto a progetto - 9157 interventi
    Anthonyvm ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Ma il film è uscito in dvd ? Perché non ve n’è traccia.

    Sì, ma è andato fuori catalogo e ha raggiunto quotazioni piuttosto elevate.

    Si ma anche sull’usato non vedo molto.
  • Homevideo 124c • 17/06/21 13:23
    Comunicazione esterna - 5178 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Anthonyvm ebbe a dire:
    Ruber ebbe a dire:
    Ma il film è uscito in dvd ? Perché non ve n’è traccia.

    Sì, ma è andato fuori catalogo e ha raggiunto quotazioni piuttosto elevate.

    Si ma anche sull’usato non vedo molto.

    Non dispiacerebbe una seconda versione in DVD, la prima mancava di sottotitoli italiani, perché se scegli la versione inglese, te la devi vedere senza. ,  
  • Homevideo Zender • 17/06/21 17:06
    Pianificazione e progetti - 46224 interventi
    La prima ce l'ho, era uscita ma come avevo scritto è in 1:33:1 e si vede malino. E dire che all'estero c'è uno splendido bluray col formato corretto...
  • Homevideo Mortician • 31/10/21 11:05
    Galoppino - 98 interventi
    Dal 15 dicembre in DVD (Cult Media)