LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Tra i barzelletta-movie è considerato un classico, impreziosito dalla presenza di un Diego Abatantuono che, pur se sotto i suoi standard dell'epoca, fa il verso all’Al Pacino di CRUISING con stile unico. Ma è tutto il cast ad essere un incredibile insieme di volti noti della “commediaccia” di casa nostra, che uniti sotto lo stemma della Benemerita danno vita a scenette brevi e brevissime secondo quello che diventerà uno schema tipico del genere. Questo almeno nel primo tempo, perché poi il film, per lasciare spazio a comici più “di situazione” (Abatantuono in primis, compare solo dopo quaranta minuti e subito si impone reclamando una posizione di preminenza) perde l’impostazione...Leggi tutto barzellettistica per tuffarsi in una festa gay dove tutti (o quasi) si ritrovano a improvvisare uscendo definitivamente dalle maglie di una sceneggiatura a dire il vero pessima. Inizialmente chi s’era visto di più era Leo Gullotta, allievo destinato ad animare alcune tra le barzellette-lampo più risapute sui carabinieri. O anche Renzo Montagnani, che da generale in capo si fa consegnare i giornali dall'appuntato e, leggendoli, scopre un non precisato scandalo sul metano. E’ da qui che parte la storia-cardine: per trovare i colpevoli il solito cervello elettronico inaffidabile seleziona i dodici migliori uomini per scovare chi si nasconda dietro la truffa. E siccome uno dei colpevoli viene individuato (abita in via Finocchio Gay!) i dodici vengono mandati in casa sua (il portiere è il supercoatto Sergio Di Pinto) travestiti da elettricisti, telefonisti, imbianchini eccetera. A guidare le operazioni, da un furgone del latte, è il simpatico Giorgio Bracardi. Triste constatare quanto lui, come gli altri arboriani (Mario Marenco, Andy Luotto e Simona Marchini), non sia affatto incisivo o divertente come gli riesce quasi sempre. Ma è tutto il film nel complesso a deludere. Si salva col mestiere Bombolo, che in coppia con il truce Ennio Antonelli (molto meno dotato come attore, e si vede!) interpreta un ladro “esterno” al caso ma che si ritrova per incanto anche lui al gay-party dove subirà, nascosto con Antonelli sotto un letto, un trashissimo attacco a colpi di scorregge che facendo tremare il letto rappresenta il momento più alto/basso nel film. Abatantuono è meno inserito degli altri: non agisce in coppia ma offre simpatici duetti con Giovanni Attanasio (anche se il suo "dialetto doc" è più strascicato del solito trasformando la sua macchietta in qualcosa di quasi surreale), poi con Di Pinto e infine con Eolo Capritti. Non è un Abatantuono travolgente, ma è comunque meglio di chi gli sta intorno. Anche perché la coppia potenzialmente esplosiva composta da Maurizio Micheli e Carlo Monni ha le polveri bagnate (e la popputissima Donatella Damiani, direttamente dalla CITTA’ DELLE DONNE di Fellini, nemmeno si spoglia), Sandro Ghiani/Lucio Montanari (la coppia Alka e Seltzer) sono poca cosa, Montagnani è bravo ma poco comico (si lancia persino in un apologo sull'onestà dell'Arma!). Tanto rumore per nulla.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 22/04/07 11:48 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Barzelletta-movie a suo modo classico, dal cast epocale e di rigorosa, quasi filologica fedeltà al repertorio canonico sulla Benemerita. Mentre cominciava la normalizzazione della commediaccia a uso (e opera) della televisione, pronta a fagocitare il nostro cinema di genere, questo film rappresentò uno degli estremi avamposti della resistenza. Visto oggi però (ma dove? È sparito dai palinsesti delle antennacce libere di cui fu un pilastro) ho paura che non sia invecchiato benissimo....
MEMORABILE: Ennio Antonelli: "Ma che d'è 'sto metano?" Bombolo: "Boh! Sarà 'a metà der culo!"

Cangaceiro 6/05/08 12:45 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Impressionante parata di attori per questo vecchio barzelletta-movie ancora oggi godibile. L'ignobile scandalo del metano, scoperto dal giornalista "Vice", è il pretesto per mettere in scena freddure e situazioni quasi tutte riuscite. Il sempre bravo Montagnani è il comandante dell'Arma, fantastici i 2 ladruncoli Bombolo ed Ennio Antonelli (rispettivamente Mozzarella e Provolone), comparsata per un Abatantuono prima maniera. Tra gli outsider spiccano per simpatia Sergio Di Pinto e Bracardi con la sua battaglia navale...

Homesick 6/06/08 18:35 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Scatenata antologia di barzellette sulla Benemerita, arricchita di citazioni cinematografiche (Argento, Villaggio-Fantozzi, Al Pacino...) e letterarie (il ricordo dell'arresto di Pinocchio da parte dei carabinieri nel libro di Collodi). Supervisionato dal fiero Montagnani, è in scena un foltissimo gruppo di attori e caratteristi, tra i quali spiccano la coppia di ladruncoli Bombolo-Cannavale, le nuove reclute Brambilla-Gullotta, Bracardi, Luotto e Abatantuono che spadroneggia in una lunga sequenza tutta per lui. C'è Vegliante ("Pantera rosa"), con i suoi esilaranti tic.
MEMORABILE: Via Finocchio Gay. Il discorso celebrativo dell'Arma da parte di Montagnani.

Renato 1/09/09 14:10 - 1512 commenti

I gusti di Renato

Un film sceneggiato (?) a partire dalle barzellette sui carabinieri dice già molto sulla qualità del prodotto finito; difatti la storia quasi non esiste, e molte delle freddure sono davvero allucinanti e non farebbero ridere nemmeno un minus habens. A sollevare il tutto ci pensano però la coppia Bombolo-Ennio Antonelli e Diego Abatantuono, che nella seconda parte del film da soli strappano 4 risate e lo rendono degno di essere visto fino in fondo. Che tristezza, però, osservare la deriva che stava prendendo il nostro cinema nel 1981.

Il koreano 3/03/10 22:44 - 44 commenti

I gusti di Il koreano

Il film in questione anticipa di tre anni le simili disavventure dirette da Hugh Wilson in Scuola di polizia, ma il risultato è decisamente irrisorio. La sceneggiatura si basa unicamente sulle classiche "barzellette da carabiniere", luogo comune che ha portato alla creazione di una miriade di prodotti d'eguale taglio, in questo caso supportato da un cast mal amalgamato (dal quale si salvano solo il mite Montagnani e lo scurrile Bombolo) e da una regia anonima.
MEMORABILE: Poliziotto: "Ma cosa succede?! Sentiamo sparare! Cos'è, un regolamento di conti?!" Bombolo: "No, peggio! È un regolamento di culi!"

124c 29/03/10 18:06 - 2755 commenti

I gusti di 124c

Film barzelletta sui carabinieri d'inizio anni '80, con un cast spaventoso di comici (allora) emergenti che le attuali fiction sull'arma se li sognano. Purtroppo, la trama non c'è e se c'è è così ingarbugliata che non si capisce, perché "affogata" nelle gag. Film politicamente scorretto, dove niente e nessuno si salva, nemmeno gli omosessuali, visto che i carabinieri s'appostano, in una scena clou del film, in "via Finocchio gai". Che cosa ci faccia Simona Marchini in questo tugurio, non lo so!
MEMORABILE: Diego Abatantuono, carabiniere travestito e Bombolo "taxista" per conto del ladruncolo Ennio Antonelli.

John trent 24/12/10 13:15 - 326 commenti

I gusti di John trent

Come tutti i film-barzelletta la trama è inesistente e si va avanti con gag e freddure rapidissime. Le scene più dilatatate sono quelle con i due ladri Bombolo e Antonelli e la missione segreta di Abatantuono in Via Finocchio Gay. Il film qualche risata la strappa ancora ma non siamo certamente di fronte ad un capolavoro di comicità. Nell'ottimo cast, tuttavia, spiccano una procacissima Donatella Damiani e un folle Andy Luotto. Montagnani generale dei carabinieri è credibile quanto Cicciolina vergine...
MEMORABILE: L'appostamento sul pianerottolo di Ugo Bocconi e i duetti Bombolo/Antonelli.

Puppigallo 3/08/10 23:06 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Ci sono veramente tutti, ma la quantità di attori e attorucoli non basta a salvare questa scemenza piena di freddure, di battute pietose e di situazioni pagliaccesche che, ogni tanto, riescono giusto a strappare un mezzo sorriso, soprattutto grazie a Bracardi, a Luotto e ad Abatantuono, che comunque appare decisamente sprecato e mal sfruttato. Montagnani in questi film ci sguazza. Il problema però è che si trova in un pantano di boiate; e anche lui, alla fine, può fare ben poco. Decisamente evitabile, a meno che non si voglia rivedere in azione tutti i comici di quegli anni in un colpo solo.
MEMORABILE: Tanto per capirci...il carabiniere: "Chi è il più fico di tutti?". Poi alza la cornetta e ascolta la risposta: "Tu Tu Tu Tu".

Daidae 13/11/10 14:16 - 2717 commenti

I gusti di Daidae

Dal regista Massaro mi aspettavo in effetti una boiata come questa. Cast stellare ma che qui è altamente sprecato tra battute fredde e idiote stile Pierino il fichissimo e simili. Anticipa di qualche anno la stupida serie americana di Scuola di polizia. Pessimo.

B. Legnani 5/08/11 01:21 - 4671 commenti

I gusti di B. Legnani

Parte con una serie di barzellette sceneggiate (molte risapute, ahimé). Il problema è che questo esordio pare scarso, ma viene superato (in peggio) dalla missione (in Via Finocchio Gay...) che completa la pellicola. Dalla lettura del titolo si ipotizzerebbe la presenza di Ghiani, Montanaro, Antonelli e Di Pinto: infatti ci sono Di Pinto, Antonelli, Montanaro e Ghiani. Il che è una metàfora non voluta della prevedibilità delle situazioni. Strappa rarissimi sorrisi (il debutto di Marenco, qualche follia di Bracardi). Con generosità arriva a *½
MEMORABILE: Marenco: "...un serpe... rettifico... una serpe..."

Mark70 16/09/11 20:35 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Sulla scia delle barzellette sui carabinieri, allora molto in voga, ecco il "barzelletta-movie" sui carabinieri. La trama è solo un pretesto per freddure e battute stupide, ma il film si salva grazie ad un buon cast: in particolare a portare il film dallo squallore alla mediocrità sono Montagnani (che inserisce a sorpresa un monologo serio e toccante) e Abatantuono in una delle sue caratterizzazioni più celebri dell'epoca. Mediocre quindi, ma meglio di tanti altri prodotti della stessa epoca.
MEMORABILE: Il monologo di Montagnani sui carabinieri: serio e fuori luogo in un film simile, ma dopo 30 anni ancora attuale. Abatantuono in versione Freddy Mercury.

Piero68 21/11/11 08:54 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Credo che in assoluto sia il peggior film girato in Italia. Irritante, stupido, senza sceneggiatura e con una regia dilettantesca. Il peggio del peggio della comicità anni 80. Si insultano i gay (molto di moda in quegli anni) ed il buon senso degli italiani. Per non parlare della stessa Benemerita che ne esce letteralmente a pezzi. E non stiamo parlando di satira perché almeno quella sarebbe ben accetta. Parliamo di umorismo e barzellette da quinta elementare.

Nando 11/12/11 15:28 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Le barzellette sui carabinieri portate su pellicola con una sequela di situazioni tendenti alla beceraggine più assoluta. Trama inesistente ma ritmo comunque onesto. Cast ricco di interpreti e comparse, tutti, a modo loro, protagonisti della farsaccia. Menzione per Bombolo, Antonelli e Abantatuono.

Maik271 12/02/13 20:19 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Film che ha il suo fulcro nella messa in scena delle classiche barzellette, ormai trite e ritrite e quindi non molto divertenti, con protagonisti i troppo vilipesi Carabinieri. In un cast veramente notevole spiccano il bravo Abatantuono, che anche se non particolarmente in forma diverte, e la coppia spassosissima e un po' volgarotta formata da Bombolo ed Ennio Antonelli, che soprattutto nella parte della festa gay danno il meglio di loro. Il film scorre via senza troppo annoiare.
MEMORABILE: Bombolo e Antonelli che gayeggiano alla festa: spassosi.

Jurgen77 11/02/13 11:02 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Squallida commediola sui soliti clichè che descrivono i nostri carabinieri. Solite barzellette tramutate in sketch per un film che, seppur dotato di un cast di alto livello (per il genere) non decolla mai e non fa nemmeno ridere. Anche lo stesso Abatantuono degli esordi non diverte granché.

Disorder 17/09/13 16:31 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Della serie "se non lo vedi non ci credi"... Nonostante un cast fluviale, in cui troviamo alcuni fra i migliori comici e caratteristi dei decenni 70-80, è un film che riesce a non far ridere assolutamente mai, nemmeno per sbaglio. Le battute sono terribili, così come la messa in scena, fra le più sciatte mai viste. Mi spiace solo per Bombolo e Antonelli, che si impegnano visibilmente e nonostante tutto strappano qualche sorriso, in mezzo a gag comunque improponibili. Da dimenticare.
MEMORABILE: "La macchina si è ingolfata" "Ma guarda che mica è una Golf... "

Saintgifts 27/03/14 10:17 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Immagino le difficoltà del regista nel gestire una simile moltitudine di attori comici (forse l'appellativo per alcuni non è appropriato) fino a lasciare che ognuno desse il meglio (o il peggio) delle sue potenzialità. Si sono scelte le barzellette più trite e risapute sui "carabbinieri", forse per accontentare soprattutto un pubblico di bocca buona e dalla risata facile. Il film rasenta veramente l'infimo in tutti i sensi, fino al punto di rischiare la definizione di "cult". Da considerare anche la fotografia di Roma in uno "spogliante" incipit.
MEMORABILE: Le gesta della coppia Bombolo/Antonelli.

Redeyes 30/10/14 07:54 - 2127 commenti

I gusti di Redeyes

Carrellata di attori e caratteristi per una valanga di gag di cui se ne potrebbero salvare solo un paio. La storia è sufficientemente rabberciata con picchi di demenzialità, punte di ilarità e tanta "comicità" gretta che perlopiù prende spunto dall'omosessualità. Nel cast emerge, leggermente sia chiaro, Abatantuono, che ha la fortuna di poter quasi provare a recitare un passaggio che non sia una gag-barzelletta fine a se stessa; Antonelli-Bombolo recitano l'ennesimo ruolo fotocopia.

Markus 26/09/15 11:02 - 3226 commenti

I gusti di Markus

Tra i primi esempi (se non il primo) del cosiddetto filone dei barzelletta-movie che ha l’audacia di “omaggiare" il soggetto principe delle barzellette, ovverosia i carabinieri (lo fa senza offesa all’arma, sia chiaro). il regista Massaro lascia letteralmente a briglia sciolta un parterre di attori (pochi) e caratteristi (tanti) che fanno di tutto per strappare una grassa risata a uno spettatore evidentemente in cerca di svago, ma i colpi vanno spesso a vuoto. Alcuni momenti sono comunque spassosi (Abatantuono strepitoso!).

Gabrius79 29/09/16 23:00 - 1183 commenti

I gusti di Gabrius79

Una serie di barzellette scontate e infantili che regalano qualche sporadico sorriso. In questo film c'è poi un dispiegamento di bravi caratteristi (per lo più sprecati), tra i quali spicca su tutti un bravo Montagnani che in questo caso salva il film da una debacle totale. L'insolita coppia Bombolo-Antonelli funziona ma appare giusto per qualche gag. Abatantuono ancora acerbo.

Gestarsh99 20/04/19 18:42 - 1309 commenti

I gusti di Gestarsh99

Se il Corpo di Polizia aveva beneficiato per lunghi anni dei servigi esaltatòrii di una lucrosa filmografia pulp, la Benemerita al contrario incassa gli spicci esigui di un povero barzellettario sull'aneddotica omnia del peggior battutismo carabinieresco. A scorrazzarvi dentro, un'indomabile camionata di telecomici e cine-caratteristi tenuta a freno solo da un conducente coi controcalli al sedere: il Tirzan del set Massaro. A lui l'ingrato compito di sciamannarsi e avvelenarci tutti nei fumi di scarico di gag bruciatissime e citrullaggini indegne di umana mente. Al di là del Bene e del Maalox.
MEMORABILE: Domanda Antonelli: "Ma che d'è sto metano?", risponde Bombolo: "Boh... sarà la metà der culo"; Abatantuono che parafrasa il Pacino di Cruising.

Herrkinski 28/10/19 14:57 - 4957 commenti

I gusti di Herrkinski

Esponente del barzelletta-movie che può vantare se non altro un cast ricco di caratteristi e comici d'epoca tra cui si distinguono il duo Bombolo/Antonelli (volgari ma sempre efficaci) e un Abatantuono che ruba la scena a tutti; Montagnani funziona nel ruolo ma è meno divertente del solito, oltre a dover recitare un elogio politically-correct all'Arma a fine film. Per il resto una sequela di scenette e barzellette a tema (vecchie come il mondo) da mettersi le mani nei capelli, unite alle consuete, avvilenti gag "scorreggione" e scatologiche.
MEMORABILE: Montanaro scorreggione distrugge il letto sotto cui si nascondono Bombolo e Antonelli; Via Finocchio Gay; Abatantuono alla festa gay.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione John trent • 24/12/10 13:21
    Servizio caffè - 510 interventi
    si vede anche in "W la foca" nella breve scena del cinema mentre emette i suoi soliti versi deliranti.
  • Discussione Fedemelis • 28/11/13 09:59
    Fotocopista - 1728 interventi
    Geppo ebbe a dire: Puppigallo ebbe a dire: Riecco il demente Anche qui, come in "Che casino con Pierino", fa la sua insulsa comparsa colui che veniva chiamato Pantera da Pierino (uno che cammina in punta di piedi fischiettando e facendo versi). Si tratta di Italo Vegliante. L'altro giorno l'ho incotrato per una strada di Roma che disegnava le insegne dei negozi sul marcipiede, suo nuovo "lavoro". http://www.ilmessaggero.it/blog/laura_bogliolo/_segnali_stradali_intelligenti_negli_usa_e_a_roma_ce_er_pantera/0-53-2357.shtml
  • Discussione Mauro • 16/07/14 09:36
    Disoccupato - 9498 interventi
    Di questo film si parlerà stasera a Stracult
  • Homevideo Geppo • 20/02/15 15:22
    Addetto riparazione hardware - 3967 interventi
    Il ritorno della Geppo Collection dopo un lungo silenzio. Ecco a voi la fascetta VHS del film "I carabbinieri", etichetta New Pentax.
    Ultima modifica: 20/02/15 18:13 da Zender
  • Homevideo Zender • 20/02/15 18:14
    Consigliere - 43797 interventi
    Ah quindi non esisteva solo la storica Domovideo! Si aspetta il dvd adesso :)
  • Discussione Gestarsh99 • 22/04/19 17:48
    Scrivano - 13754 interventi
    Il personaggio del tenente Narciso Narcisi - al momento erroneamente attribuito da Imdb all'attore Antonio Petrocelli - è in realtà interpretato da Albert Colajanni, lo storico imitatore di D'Alema per anni attivo nel cast del Bagaglino (e presente in vesti "celestial-pidiessine" anche in Fantozzi - Il ritorno). Eccolo ne I carabbinieri (sotto a sinistra) e in una immagine recente del 2016 (sotto a destra):
    Ultima modifica: 22/04/19 17:52 da Zender
  • Musiche Markus • 28/10/19 12:47
    Scrivano - 4787 interventi
    Le musiche sono di Giancarlo Chiaramello. NdR La colonna sonora de I carabbinieri è una versione con qualche nota cambiata qua e là del tema principale del film Fico d'India (uscito pochi mesi prima).
  • Discussione Samuel1979 • 12/05/20 20:26
    Call center Davinotti - 2955 interventi
    Il flipper con cui gioca Mozzarella (Bombolo), è uno "STAR GOD" ZACCARIA-del 1980
    Ultima modifica: 13/05/20 01:47 da Samuel1979
  • Discussione Zender • 13/05/20 08:05
    Consigliere - 43797 interventi
    Sì, però ci vuole un fotogramma migliore.
  • Discussione Panza • 13/05/20 09:13
    Contratto a progetto - 4970 interventi
    E' già scritto qui: https://www.tilt.it/flipper_pinball/flipper-in-sala-di-proiezione/1981-i-carabbinieri/