Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/07/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 27/07/08 09:17 - 8918 commenti

I gusti di Pigro

La fine della seconda guerra mondiale in un paesino toscano, tra le ultime rappresaglie tedesche e le speranze dei paesani in fuga. La vicenda è vista attraverso gli occhi innocenti dei bambini, che a tratti la trasfigurano per poter sopportare una realtà inconcepibile come la guerra (giustamente celebre la trasformazione di uno scontro in una battaglia omerica). Bella la comunione tra il rigoglio del paesaggio e la spaurita volontà di vivere dei protagonisti di questa “favola reale”. Un film poetico e delicato, concreto (contadino) e potente.

Galbo 28/12/08 11:48 - 11933 commenti

I gusti di Galbo

Bellissimo film dei fratelli Taviani che parte da un evento dolorosamente reale (fuga delle popolazione dalle truppe tedesche in Toscana) per diventare un'opera dove la cronaca fa spazio alla fantasia e alla magica elegia del racconto, trasfigurato dai bambini che ne rimuovono la dolorosa realtà. Fotografia magnifica e cast all'altezza. Belle le musiche di Nicola Piovani.

Myvincent 11/08/14 12:25 - 3303 commenti

I gusti di Myvincent

La triste pagina dell'eccidio di San Miniato (qui volutamente cambiato in San Martino) raccontata alla maniera dei fratelli Taviani e cioè alla "contadina", con un gruppo di poveri sfollati che cerca l'America come via ultima di salvezza e di vita. Scenari bellissimi degni di Van Gogh fanno da contraltare a una storia che si frantuma in cento aneddoti e smorfie umane che rendono il tutto "teatralmente" realistico.

Pinhead80 1/05/15 11:59 - 4334 commenti

I gusti di Pinhead80

I fratelli Taviani prendono una parte importantissima della loro storia e della loro vita per raccontarci con occhi fanciulleschi uno dei periodi storici più drammatici della nostra nazione. E' proprio il particolare tipo di narrazione che conferisce a quest'opera la sua singolare bellezza. Immersi nell'agreste campagna, la sofferenza si anima di speranza. Un gioiello del nostro cinema.

Deepred89 11/12/17 00:46 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Tra i migliori parti dei Taviani, che se da una parte peccano in una poeticizzazione a tutti costi della povertà che scade sovente nella stucchevolezza (per non parlare del flash "epico", tremendo ma fortunatamente rapidissimo), dall'altra si avvalgono di una soavità e di una leggerezza che rende il film credibile e appassionante, con una fotografia povera ma volenterosa che, assieme agli azzeccati volti del cast e alle notevoli melodie di Piovani, crea un trascinante ondeggiare di note e colori, in bilico tra dolcezza, crudeltà e nostalgia.

Jurgen77 16/04/18 09:41 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Film a tratti "visionario" e neorealista che narra le tragiche vicende di un gruppo di sfollati nell'Italia martoriata dalla guerra civile e non durante gli ultimi epiloghi dell'ultimo conflitto mondiale, in quel della Toscana rurale. Momenti tragi-comici e romantici si affiancano ad altri drammatici e spietati. Ambientazioni eccelse e cast perlopiù non professionista. Da antologia la sequenza della lotta in chiave "greca" tra partigiani e fascisti con l'uccisione del fascista trafitto dalle lance.
MEMORABILE: L'uccisione del fascista quindicenne.

Dzekobsc16 11/08/20 15:05 - 39 commenti

I gusti di Dzekobsc16

Da un fatto di cronaca, la strage del duomo di San Miniato, i Taviani costruiscono un film di grande impatto visivo com'è nel loro stile, con punte drammatiche smorzate bene dalla splendida colonna sonora di Piovani. Nonostante l'imprecisione dell'attribuzione dell'attentato ai tedeschi (la tragedia venne causata da una granata americana mal indirizzata), l'opera è ben realizzata, anche se con qualche patetismo eccessivo in alcune fasi. Bellissime le location delle campagne toscane tra Firenze e San Miniato stessa. Poetico.
MEMORABILE: La battaglia nei campi di grano; L'uccisione del bambino fascista.

Daniela 13/08/20 23:43 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Estate '44, gli abitanti di San Martino, nome di fantasia in cui è riconoscibile San Miniato, si allontanano dal paese temendo violenze da parte dei nazisti e dei repubblichini per andare incontro alle truppe alleate che stanno arrivando da sud...  Una delle migliori regie dei fratelli Taviani in cui la leggerezza del tono favolistico riesce a imporsi nonostante le sottolineature poetiche talvolta ridondanti, come spesso avviene nel loro cinema. Spettacolo appagante grazie alla bellezza dei paesaggi toscani e al verismo ruspante dei volti, quasi tutti inediti per lo schermo. 

Massimo Sarchielli HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Caesars • 27/11/20 09:44
    Scrivano - 16106 interventi
    Neanche io ho mai visto il film.
    Da quello che leggo su Wikipedia, all'indirizzo gentilmente postato da Buono, vedo che il padre dei Taviani (a meno che non si tratti di un caso di omonimia), l'avvocato Ermanno , fece parte di una commissione d'inchiesta, nel 1944, che lavorò per stabilire le responsabilità dei fatti. Egli però fu il primo (dopo di lui ne seguirono molti altri) a dimettersi dall'incarico, pur avendo fortemente voluto la creazione della commissione d'inchiesta. Non sono spiegati i motivi di tale scelta. Nel luglio del '45 la commissione concluse che " la causa della strage fu l'esplosione di una granata tedesca "
    Sicuramente il film dei Taviani (e da loro co-sceneggiato) avrà tenuto conto di quanto ricostruito da papà Ermanno, anche se a posteriori tale versione verrà contraddetta.
  • Discussione Daniela • 27/11/20 11:08
    Gran Burattinaio - 5844 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Daniela ebbe a dire:
    Sono solo un poco sorpreso dall'ultimo periodo: nessuno, credo, pensa che ristabilire una verità su un episodio singolo modifichi le responsabilità di altri casi, per di più numerosissimi.
    Beh, gli storici cd revisionisti o almeno alcuni di essi sono sempre pronti a cogliere l'occasione, fino a attribuire la responsabilità delle stragi naziste per rappresaglia agli atti dei partigiani che le precedettero. Anche senza giungere a questi estremi, periodicamente si riaffaccia il tentativo di equiparare partigiani e repubblichini. Non sto parlando dell'estrema destra dichiaratamente filo-fascista, per la quale ovviamente nel giusto erano solo questi ultimi, ma appunto di esponenti del revisionismo storico che trovano sponde politiche interessate nel presentare i repubblichini come patrioti che lottarono per quello che ritenevano in buona fede una giusta causa. In questa ottica, può essere conveniente sminuire i crimini di guerra nazisti di cui i repubblichini furono complici più o meno attivi.
    Nelle accuse rivolte ai Taviani di aver volontariamente perpetrato un falso storico si adombrava infatti che anche per altri stragi avvenute in quel periodo ci potesse essere stata una attribuzione frettolosa delle responsabilità.
    Purtroppo su questo punto mi devo però affidare ai soli ricordi di lontane letture cartacee, e non ti so indicare la fonte precisa.
    Per fare un esempio, ho comunque trovato in rete articoli che riprendono le accuse di malafede rivolte ai Taviani.
    Ad esempio, qui si legge:
    "Neppure brillano per onestà intellettuale e indipendenza di giudizio i fratelli Taviani – figli dell’avvocato Ermanno – nel film La notte di San Lorenzo, celebrando così nell’82 anche a livello cinematografico il falso storico artatamente confezionato a San Miniato."
    Ultima modifica: 27/11/20 11:20 da Daniela
  • Discussione Daniela • 27/11/20 11:28
    Gran Burattinaio - 5844 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Sicuramente il film dei Taviani (e da loro co-sceneggiato) avrà tenuto conto di quanto ricostruito da papà Ermanno, anche se a posteriori tale versione verrà contraddetta.
    Penso anche io che sia avvenuto così, tanto più che i Taviani secondo quanto la loro dichiarato hanno voluto con il film rendere omaggio non solo al loro paese ma anche al padre, ispirandosi alla sua figura per il personaggio interpretato da Omero Antonutti, anche se si tratta di un fattore poco istruito, 


  • Discussione B. Legnani • 27/11/20 12:41
    Consigliere - 14698 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Daniela ebbe a dire:
    Sono solo un poco sorpreso dall'ultimo periodo: nessuno, credo, pensa che ristabilire una verità su un episodio singolo modifichi le responsabilità di altri casi, per di più numerosissimi.
    Beh, gli storici cd revisionisti o almeno alcuni di essi sono sempre pronti a cogliere l'occasione, fino a attribuire la responsabilità delle stragi naziste per rappresaglia agli atti dei partigiani che le precedettero. Anche senza giungere a questi estremi, periodicamente si riaffaccia il tentativo di equiparare partigiani e repubblichini. Non sto parlando dell'estrema destra dichiaratamente filo-fascista, per la quale ovviamente nel giusto erano solo questi ultimi, ma appunto di esponenti del revisionismo storico che trovano sponde politiche interessate nel presentare i repubblichini come patrioti che lottarono per quello che ritenevano in buona fede una giusta causa. In questa ottica, può essere conveniente sminuire i crimini di guerra nazisti di cui i repubblichini furono complici più o meno attivi.
    Nelle accuse rivolte ai Taviani di aver volontariamente perpetrato un falso storico si adombrava infatti che anche per altri stragi avvenute in quel periodo ci potesse essere stata una attribuzione frettolosa delle responsabilità.
    Purtroppo su questo punto mi devo però affidare ai soli ricordi di lontane letture cartacee, e non ti so indicare la fonte precisa.
    Per fare un esempio, ho comunque trovato in rete articoli che riprendono le accuse di malafede rivolte ai Taviani.
    Ad esempio, qui si legge:
    "Neppure brillano per onestà intellettuale e indipendenza di giudizio i fratelli Taviani – figli dell’avvocato Ermanno – nel film La notte di San Lorenzo, celebrando così nell’82 anche a livello cinematografico il falso storico artatamente confezionato a San Miniato."

    Queste sono deviazioni che nulla hanno a che fare con quello che io ho chiesto.
    Sono ancora più sorpreso di prima, per il fatto che avendo io chiesto un'informazione, io debba essere più o meno paragonato non a chi chiede un'informazione, ma a chi vuole fare revisionismo fuori luogo.
    D'altra parte siamo nel Paese in cui, se uno risponde su Facebook, a chi scrive che le purghe staliniane causarono 3milioni di condanne a morte, che esse in realtà furono circa un decimo, gli si risponde che, anche se la correzione è sensata, il fatto di averla fatta sta a significare che egli è uno stalinista. Altrimenti non sarebbe intervenuto.
    Io sono lontano decenni-luce da questo modo di ragionare.
  • Discussione Renato • 27/11/20 13:23
    Archivista in seconda - 380 interventi
    Della serie "I nazisti hanno fatto anche cose buone".
  • Discussione B. Legnani • 27/11/20 13:38
    Consigliere - 14698 interventi
    Renato ebbe a dire:
    Della serie "I nazisti hanno fatto anche cose buone".

    Eh???
    Se prima ero sorpreso, ora sono allibito.

    Ultima modifica: 27/11/20 14:08 da B. Legnani
  • Discussione Daniela • 27/11/20 13:39
    Gran Burattinaio - 5844 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:


    Io sono lontano decenni-luce da questo modo di ragionare.
    Guarda che hai completamento equivocato le mie intenzioni.
    Se mi sono soffermata sull'argomento è perché mi interessano i riscontri di tutti i film che si ispirano ad avvenimenti storici. Per questo alla tua domanda non ho dato la risposta secca: "Si, è San Miniato"  chiudendola lì, ma sono andata a rivedermi la sequenza della strage postando poi i fotogrammi ed ho aggiunto alcune considerazioni sulle accuse mosse ai Taviani - considerazione magari peregrine che comunque riflettono un parere personale.  
    Sapevo della rettifica circa la dinamica della strage (se non altro perché sono toscana, ho visitato San Miniato e visto le lapidi), ma non avevo mai approfondito la questione e la tua domanda me ne ha fornito lo spunto, tanto è vero che dopo aver postato il primo intervento alle 3 di notte ho passato altre due ore a leggere varie cose online, tra cui un resoconto dettagliato delle indagini pubblicato sul portale della Regione Toscana e quindi disponibile gratuitamente.
    Se ti avessi in qualche modo accusato di revisionismo solo per aver fatto una semplice domanda, allora mi dovrei certamente scusare ma questo non mi è mai passato per la mente.
    Se mi devo invece scusare perché non mi sono limitata strettamente al film in questione ma ho allargato il campo, allora mi dichiaro colpevole e la chiudo qui, non intendo alimentare polemiche, tanto più se infondate.

  • Discussione B. Legnani • 27/11/20 14:02
    Consigliere - 14698 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:


    Io sono lontano decenni-luce da questo modo di ragionare.
    Guarda che hai completamento equivocato le mie intenzioni.
    Se mi sono soffermata sull'argomento è perché mi interessano i riscontri di tutti i film che si ispirano ad avvenimenti storici. Per questo alla tua domanda non ho dato la risposta secca: "Si, è San Miniato"  chiudendola lì, ma sono andata a rivedermi la sequenza della strage postando poi i fotogrammi ed ho aggiunto alcune considerazioni sulle accuse mosse ai Taviani - considerazione magari peregrine che comunque riflettono un parere personale.  
    Sapevo della rettifica circa la dinamica della strage (se non altro perché sono toscana, ho visitato San Miniato e visto le lapidi), ma non avevo mai approfondito la questione e la tua domanda me ne ha fornito lo spunto, tanto è vero che dopo aver postato il primo intervento alle 3 di notte ho passato altre due ore a leggere varie cose online, tra cui un resoconto dettagliato delle indagini pubblicato sul portale della Regione Toscana e quindi disponibile gratuitamente.
    Se ti avessi in qualche modo accusato di revisionismo solo per aver fatto una semplice domanda, allora mi dovrei certamente scusare ma questo non mi è mai passato per la mente.
    Se mi devo invece scusare perché non mi sono limitata strettamente al film in questione ma ho allargato il campo, allora mi dichiaro colpevole e la chiudo qui, non intendo alimentare polemiche, tanto più se infondate.

    Va bene. Basta così, ci mancherebbe,
    Come avrai notato, nel frattempo, qualcuno ha calcato la mano.

  • Discussione Renato • 27/11/20 16:26
    Archivista in seconda - 380 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Se prima ero sorpreso, ora sono allibito.


    Era una battuta, Buono, pensavo fosse palese. Nel merito sono d'accordo con te al 100%.
  • Discussione B. Legnani • 27/11/20 16:28
    Consigliere - 14698 interventi
    Renato ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Se prima ero sorpreso, ora sono allibito.


    Era una battuta, Buono, pensavo fosse palese. Nel merito sono d'accordo con te al 100%.

    Va bene. Incidente chiuso.