Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/01/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 30/01/07 23:24 - 4977 commenti

I gusti di B. Legnani

Film così felliniano che più felliniano non si può. Tanti echi da altre opere dell’autore e alcune situazioni che saranno riprese in La voce della luna. Parte un po' lento, ma poi prende e affascina. Fenomenale la galleria audiovisiva di Katzone. La prima ragazza del "Giro della Morte" è Marina Lotar. Non accreditati si notano anche attori carissimi del tempo che fu (Diogene, Cerulli, Pazzafini, Mimmo Poli).

Galbo 21/10/08 05:47 - 11675 commenti

I gusti di Galbo

Gradevola "favola" tipicamente felliniana, è un film dai fortissimi contenuti simbolici, ma nello stesso tempo arioso e leggero come appunto una favola, dedicata in questo caso alla scoperta dell'universo femminile, grande mistero ed oggetto di grande fascino per il regista romagnolo. Ancora una volta il regista trova in Mastroianni l'interprete ideale e lo sguardo, nello stesso tempo curioso e perplesso, del grande attore accompagna un film che, seppur non perfetto, risulta molto affascinante visivamente.

Deepred89 23/11/08 15:37 - 3400 commenti

I gusti di Deepred89

Dopo il Casanova, Fellini racconta ancora una volta il suo sentimento di attrazione-repulsione (o in questo si potrebbe parlare di paura-attrazione) per l'universo femminile. Originalissimo e pieno di invenzioni, il film parte benissimo con l'ottimo Mastroianni (anche in questo caso perfetto alter-ego del regista) che si aggira perplesso nella città che dà il titolo al film. Nella seconda parte, però, il film si ingarbuglia, diventando molto difficile da seguire, nonostante una serie di invenzioni da applausi. Bella colonna sonora di Bacalov.

Capannelle 5/01/09 16:46 - 3913 commenti

I gusti di Capannelle

Un film che esprime tutto il genio visivo e metaforico di Fellini; manca però di equilibrio perché certe situazioni si rivelano alla lunga sovraccariche (la rabbia delle femministe, le punk nella notte). Non facile da digerire, ma anche racconto pregno di significati. Rimangono impressi il Mastroianni allupato dell'inizio, la galleria di conquiste del Katzone con tanto di effetti live, l'ottovolante dei ricordi. Tra le attrici di contorno segnalo una dotatissima Donatella Damiani e Gabriella Giorgelli nel ruolo della pescivendola.

Pigro 26/11/08 09:40 - 8477 commenti

I gusti di Pigro

Viaggio di Snaporaz in una città governata da donne. Più che una città è una serie di gironi danteschi quelli che Fellini realizza nel film dedicato all'altra metà del cielo, qui semmai lato oscuro e terrigno dell'universo maschile. Fantasie, incubi, desideri e paure dello stesso Fellini si riversano in un ebbro vagabondaggio nel mistero dell'altro sesso, al culmine di un decennio di lotte femministe che hanno obbligato la società a nuovi sguardi sul femminile. Fascinoso, straniante, personalissimo e universale al tempo stesso: insomma, strano.

Homesick 8/02/11 10:32 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Se ne La dolce vita Mastroianni era, metaforicamente, «un uomo nudo in mezzo al mare», ora lo è in una turba di donne che nelle loro svariate tipologie sviscerano fragilità, disorientamento e paure indotti nel paradigma maschile dalla riscossa femminista e dalle sue accuse non sempre infondate. Irrobustito da uno spiccato autocitazionismo, l'opimo estro visionario di Fellini plana leggero su sogni, fiabe, amarcord goliardico, satira, musical e avanspettacolo, creando figure indimenticabili come il dannunziano Dr. Katzone, con il quale Manni conquista il ruolo più importante della sua carriera.
MEMORABILE: Il congresso femminista all'Hotel Miramare; il reliquiario sessuale di Katzone; la radiosa soubrette Donatella Damiani; il processo.

Graf 1/05/12 02:13 - 708 commenti

I gusti di Graf

Fellini ha l’abitudine di fare cinema senza alcuna misura, senza limite, in modo incontinente, goloso ed intemperante, che conferma anche in questo film quanto mai statico, ripetitivo e, in fondo, barboso. La sfrenatezza visiva che rischia di travolgere lo spettatore, il girotondo fantasmagorico che accumula facce, figure, corpi, maschere oscene allucinate, danno forma ad un discorso molto fiacco e caotico sull’attrazione-ripulsione del misterioso universo femminile che non convince e che rimane in superficie. Mastroianni gira annoiato tra donne tumultuanti.
MEMORABILE: L'inizio prometteva bene, quando Mastroianni-Snaporaz si perde misteriosamente, come Cappuccetto Rosso, nel bosco...

Ryo 14/02/14 14:07 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un viaggio dentro un sogno, nel vero senso della parola. Realizzazione onirica stupefacente, operata con grande maestria e un livello tecnico eccellente. Lascia sempre sbigottiti vedere come il regista partorisca un cosi grande numero di idee tanto strambe quanto geniali. Il soggetto esplora e si sofferma sul tema dell'emancipazione femminile, ridicolizzando e sminuendo la figura maschile, eppure allo stesso tempo dimostrando in qualche modo di non poterne fare a meno. Sul set si verificarono numerosi incidenti e spesso si percepisce il lavoro rappezzato.
MEMORABILE: Lo "schedario" audio delle donne avute dal Dr. Katzone; La mongolfiera finale; Donatella Damiani.

Markus 12/03/14 11:58 - 3428 commenti

I gusti di Markus

Seppur non molto ricordato, La città delle donne è forse il film più follemente “felliniano” della filmografia del regista romagnolo. Un viaggio fantastico, un sogno - che talvolta si tinge d’oppressione - di un uomo all’interno di un girone dantesco femminile (e femminista, visto il periodo d’uscita). Sesso, perversioni e boutade dal sapore spesso amaro che la nostra lingua verbosa sa dosare nella misura canzonatoria dettata dall’abituale Mastroianni gigione. Qualche lungaggine nel secondo tempo.

Rebis 9/03/14 19:35 - 2142 commenti

I gusti di Rebis

Tra le opere più folli e visivamente lussureggianti di Fellini, totalmente emancipato dai vincoli narrativi - ogni sequenza permea la successiva con stupefacenti dissolvenze scenografiche e un uso immaginifico del controcampo - inghiotte lo spettatore in un flusso onirico in cui le analogie configurano – insieme – un quadro della società dell'epoca pervaso dal femminismo e una messa a nudo personale: profondo e psicoanalitico, ma tanto sincero da essere sempre leggibilissimo. Meraviglioso Mastroianni, feticcio e alter ego del regista. Si ride, ma siamo dalle parti dell'incubo.

Federico Fellini HA DIRETTO ANCHE...

Vitgar 12/02/15 11:41 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Ottimo lavoro di Fellini, che si cimenta su una tematica difficile e pericolosa quale il rapporto uomo donna con sostanziali riferimenti al femminismo più intransigente (non per nulla il film venne duramente criticato dai movimenti femministi). In realtà mi sembra che vi sia una benevola visione del problema che va al di là della differenza di sesso quanto alla difficoltà di rapporto tra esseri umani più in generale. Atmosfere come sempre magiche, Mastroianni ottimo ne fanno un cult movie del maestro riminese. Belle lel musiche di Bacalov.

Myvincent 28/03/15 07:47 - 2919 commenti

I gusti di Myvincent

Donne, donne... cento, mille donne urlanti, protestanti, provocanti, declamanti, in un turbinio di situazioni e immagini a cui il supremo maestro ci ha abituati da sempre. Il messaggio politico, all'affacciarsi dei nuovi anni '80, mette in discussione la società di allora ma non si affranca dallo scivolare in luoghi comuni e poca verità. Un'opera un po' stanca in cui il genio questa volta non sembra brillare.
MEMORABILE: Sara Tafuri, una delle due soubrette sorridenti e scollacciate, con il suo affascinante strabismo di Venere...

Yamagong 24/01/16 12:05 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

La dichiarazione d'intenti è chiara: siamo dalle parti dello "stream of consciousness" e la trama è solo un pretesto, un involucro dove l'inconscio felliniano si sviluppa senza freni. La donna è l'oggetto dell'analisi irrazionale. Oggetto, in quanto contrapposto a un soggetto, l'uomo, che dall'altra metà del cielo trae nutrimento per i suoi sogni (erotici e non), le sue paure, le sue aspirazioni. Gli eccessi di maniera e i riempitivi intaccano la complessità dell'esperienza, ma confermano la marca egoica dell'intera operazione. Autoanalitico.
MEMORABILE: Lo scivolo; La dissacrazione dell'imbecillità femminista; Snaporaz e la donna ideale: "Chi sei?... Chi sei?..."

Schramm 22/04/16 16:27 - 2585 commenti

I gusti di Schramm

Probabilmente il Fellini più livido e cimiteriale di sempre, con un Mastroianni Lucignolo già stigmatizzato e ciuco, Candido in balia del veterofemminismo, Alice caduta nel pozzo uterino. Dopo la prima ora la miccia si spegne senza raggiungere il candelotto, la forma episodica bighellona e cincischia senza sviluppi, e lo stesso potere del matriarcato che il film cerca di rilanciare si fa progressivamente fatuo tra farsa e vaudeville. La malia-poesia si riduce a prismatica carta da parati su pareti veline. E il moto ondoso degli sbadigli si infrange impietoso sulla battigia dello schermo.

Rufus68 22/01/17 22:25 - 3393 commenti

I gusti di Rufus68

Forse è questo il vero testamento di Fellini, sospeso fra la nostalgia del vecchio ordine e lo spaesamento per l'avvento del nuovo. Il regista centra con puntualità il passaggio sociale irreversibile; anche l'anno è compiutamente simbolico (una bella cifra tonda, 1980). La prima mezz'ora è un sunto grottesco e godibile di tutti i luoghi comuni del femminismo d'antan; il seguito purtroppo si perde in scenette di grana spessa (la villa di Katzone) e in manierismi risaputi che fanno rimpiangere l'originale genialità dei passati "amarcord".

Minitina80 5/01/18 12:39 - 2600 commenti

I gusti di Minitina80

Anche quando si occupa di donne Fellini non riesce a essere scontato e banale, quantunque tocchi un tema delicato come il femminismo. Immagina e restituisce un microcosmo simile a un’enorme suburra in cui non tutto è sempre decifrabile per la complessità degli argomenti toccati, facilmente fraintendibili a causa di una chiave di lettura apparentemente semplice. Nella seconda parte diventa più elegante e raffinato e la visione di cinema di Fellini emerge in maniera preponderante rammentando la sua unicità.
MEMORABILE: Il reliquiario del dottor Katzone; Il seno procace della soubrette Donatella.

Paulaster 5/07/18 10:27 - 3260 commenti

I gusti di Paulaster

L'errante Snàporaz visiterà l'universo femminile anche attraverso le sue esperienze passate. Fellini cerca di spiegare il femminismo ma la sua visione sembra fuori tempo massimo. Prima parte comunque che fa immergere la visione nel femminile per diventare poi più simbolica (notevoli le idee sceniche tra cui il pallone aerostatico). Mastroianni sembra già pronto per Ginger e Fred e all'inizio sembra spaesato per dare il meglio poi nello straniamento finale.
MEMORABILE: La casalinga; La musica in macchina; Il museo delle voci; Il luna park.

Thedude94 13/04/20 00:50 - 724 commenti

I gusti di Thedude94

Parentesi felliniana dedicata completamente al mondo delle donne, con protagonista uno svampito Mastroianni alle prese con femministe a dir poco misteriose. Fellini si affida come al solito all'immaginazione creando un mondo onirico che per certi momenti sembra indagare nel suo stesso passato, facendo riaffiorare nella mente del suo alter ego il ricordo di ogni donna incontrata nella vita. Molto belli i giochi di luce, le scenografie e la colonna sonora, che rendono la visione piacevole e anche divertente.

Zampanò 2/12/20 17:53 - 345 commenti

I gusti di Zampanò

E' un film di cui si ricorda soprattutto il brillante manifesto di Andrea Pazienza. Per il resto siamo in pieno Fellini accumulativo, irriflesso; fosse pittore diremmo che si concentra sul gesto informale e non sull'opera. Perciò se l'insieme fatica a tenersi - fu così anche nel Satyricon - le singole incursioni possono incantare (non tutte, anzi, spesso è una autocitazione stanca) come il sabba femminista o la nonnina biker erotica. Mastroianni mai come stavolta pare eterodiretto, c'è sempre Fellini un passo dietro che quasi appare in campo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 12/11/08 14:03
    Segretario - 4667 interventi
    probabilmente c'è stata una complicità che andava al di là di tutto, tanto è vero che i personaggi interpretati dalla Masina non sono mai mostri, ma semmai folletti un po' svagati dotati però di un incrollabile ottimismo.
  • Discussione Gugly • 12/11/08 15:29
    Segretario - 4667 interventi
    Renato ebbe a dire:
    Io ho sempre pensato (e qualche conferma si è avuta) che Fellini fosse uno che voleva la tranquillità della famiglia, il matrimonio insomma, ma contemporaneamente tradiva la moglie appena poteva. L'ennesimo grande artista che nella vita privata ebbe comportamenti quantomeno discutibili, insomma.

    così sembra...e lo ha pure utilizzato come materia per i propri film, incluso questo che dovrebbe delineare le inquietudini di un ultra40enne alle prese con la donna che " si libera"
  • Discussione Finzi • 12/11/08 16:11
    Galoppino - 116 interventi
    Ecco, mi aggiungo a Don Masino e soprattutto a Renato. Bravo bravo a fare il maritino con la famiglia, ma poi appena poteva... Non so quanto le femministe del tempo potessero apprezzare il comportamento della masina
  • Homevideo Buiomega71 • 29/01/14 16:57
    Pianificazione e progetti - 23051 interventi
    In dvd per 01 Distribution, disponibile dal 06/03/2014

    http://www.amazon.it/Citta-Delle-Donne-Enriquez-Bacalov/dp/B00I2V0NRE/ref=sr_1_177?s=dvd&ie=UTF8&qid=1391010994&sr=1-177
  • Discussione Buiomega71 • 13/03/14 00:59
    Pianificazione e progetti - 23051 interventi
    Rebis, non so se voluto o meno, ma hai visto (e commentato) uno dei personal cult "buieschi" per antonomasia

    Il Fellini che amo di più in assoluto insieme all'episodio di Toby Dammit e al Casanova
    Ultima modifica: 13/03/14 01:08 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 13/03/14 12:07
    Contatti col mondo - 4321 interventi
    Non lo sapevo! Sincronismo perfetto allora: aggiungiamo un altro gioiellino alla rassegna buiesca :)

    Fra l'altro, pur essendo uno dei Fellini meno amati dalla critica ufficiale, mi ha sempre attratto: e in effetti l'ho trovato davvero bellissimo, uno dei suoi film visivamente più ricchi e stupefacenti.

    Toby Dammit è un piccolo capolavoro, peccato sia incluso in un film antologico diseguale. Casanova lo vidi al cinema e mi parve eccessivo, estenuate.... ma ho il dvd e penso che prima o poi lo rivedrò con maggior cognizione :)
  • Discussione Markus • 13/03/14 12:12
    Scrivano - 4812 interventi
    Mi accodo con quattro palle markussiane ;)
  • Discussione Buiomega71 • 14/03/14 01:00
    Pianificazione e progetti - 23051 interventi
    Rebis ebbe a dire:


    Toby Dammit è un piccolo capolavoro, peccato sia incluso in un film antologico diseguale.


    Completamente d'accordo! Grande Rebis!

    Markus: Ottimo!
  • Homevideo Xtron • 8/02/16 22:03
    Servizio caffè - 1899 interventi
    C'è anche il bluray inglese EUREKA MASTERS OF CINEMA con audio italiano

    Durata 2h19m21s (immagine a 43:06)

    Ultima modifica: 9/02/16 08:04 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 4/12/17 19:56
    Pianificazione e progetti - 23051 interventi
    C'è anche il Blu Ray francese della Gaumont, con audio italiano e sottotitoli francesi escludibili.

    https://www.amazon.it/gp/product/B004TTZ0Z8/ref=oh_aui_detailpage_o02_s00?ie=UTF8&psc=1
    Ultima modifica: 4/12/17 19:57 da Zender