Parentesi tonde

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Parentesi t()nde
Anno: 2006
Genere: commedia
Note: Aka "(Parentesi tonde)".
Numero commenti presenti: 17
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ci sono film che nascono con la qualifica di trash prima ancora di essere girati. PARENTESI TONDE è uno di questi. D'altra parte un film che propone come protagonista Raffaella Lecciso (sorella della più celebre Loredana e presente con lei in mille trasmissioni televisive dell'epoca) non può nascere con pretese diverse. Se poi ci aggiungiamo che nel cast occhieggiano personaggi come Giucas Casella, la Contessa De Blanck, la pornodiva Eva Henger e persino l’icona trash Antonio Zequila (battezzato come “Er mutanda” in TV) capiamo come le intenzioni fossero quelle di riunire quanti più volti noti del piccolo schermo per attirare un pubblico dai gusti ben precisi. Il colpo di genio sta nel far recitare alla Lecciso (che ovviamente il suo... Leggi tuttoimbarazzo nel farlo ce l'ha) il ruolo della donna delusa dagli uomini e dedita a presunte considerazioni da persona profonda dall'animo intellettuale: il risultato è esilarante. Francesca D'Auria, che l’accompagna nel più classico villaggio turistico balneare popolato da gente bizzarra e animatori palestrati da conquistare, è molto più naturale nella parte della giovane senza pensieri pronta a farsi sedurre. La variante è che nel villaggio si aggira in incognito una talent-scout con il compito di scegliere un volto nuovo da proporre in TV. Tra storielline d'amore, frasi cult, sciocchezze assortite e un concorso di miss in passerella per il finale, una commedia che fa ridere solo per l'approssimazione con cui è girata. Tra montaggio svelto e musiche, comunque, non ci si annoia troppo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/05/07 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Don Masino 4/05/07 09:14 - 63 commenti

I gusti di Don Masino

Da un cast tanto folto di nomi celebri (o forse sarebbe più corretto dire famigerati) ci si aspettava di vedere sketch con presenti in campo un po' tutti alternativamente, mentre invece protagoniste assolute sono Raffaella Lecciso e Francesca D'Auria, che monopolizzano il set (un villaggio turistico) o quasi lasciando agli altri poco spazio. Casella appare solo nei sogni e nel finale, ad esempio. Comunque vedere la Lecciso recitare è uno spettacolo, e il ruolo offertole esalta la componente trash. Commedia sentimentale vacanziera estemporanea come tante altre se ne girano quando mancano le idee e si han solo attori da "mostrare".

B. Legnani 17/05/07 02:11 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Ci sono cose che l'Uomo non sa descrivere, come questo film. Al confronto, il pazzesco Terror! vale Quarto potere: là c'è, almeno, Rossano Brazzi. Qui il nulla, davvero. Si pensi che la D'Auria fa suo il film, perché quanto c'è attorno, come recitazione, non è desolante: è inesistente. Viene il dubbio che il film sia stato girato, per scommessa fra amici, in un villaggio turistico dove trascorrevano le vacanze. Hanno filmato la Vento da lontano. Poi hanno chiamato, a mille euro, qualche nomignolo. Cuci qui, aggiungi là...
MEMORABILE: In un film che è arduo definire film, la parte più squallida sono i presunti siparietti comici di due tizi nerovestiti. Ho rimosso i loro nomi.

Deepred89 11/06/07 20:55 - 3239 commenti

I gusti di Deepred89

Un film che va visto per essere creduto. Ci vorrebbero pagine per descrivere tutte le componenti trash di questo capolavoro. Attori incredibili, regia incredibile, scenette comiche incredibili, musiche incredibili, dialoghi incredibili. Il tutto prodotto dalla Lunella production, casa di produzione che insieme ai nomi del cast predispone lo spettatore al suicidio già prima di vedere il film. Chi è alla ricerca del film italiano più brutto mai realizzato è finalmente arrivato a destinazione.

Lercio 2/07/07 13:51 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Si scopre poi leggendo qua e là che questo film in realtà è una sorta di mossa commerciale. La cosa non stupisce perchè il risultato non è nemmeno degno di essere definito film: le inquadrature sono spesso fuori fuoco, non riescono nemmeno a contenere i personaggi, sembra quasi fatto apposta... Alcuni attori sembrano scimmie dementi (guardandolo capirete di chi parlo) e comunque tutto il cast non sa minimamente recitare. Ridicolissimo.

Supercruel 21/10/08 03:17 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Una roba incredibile. Uno dei film più brutti della storia, da vedere ad ogni costo per capire quali sublimi vette possa toccare il trash. Il cast è uno schifo immondo e pesca a pieni mani dal peggio della tv italiana, la sceneggiatura è terrificante e la regia amatoriale. Si ride dal primo all'ultimo minuto, quindi il consiglio è una visione collettiva con birra e patatine. Da non credere. Al confronto Troppo belli sembra un mezzo capolavoro.

Skinner 16/03/09 20:33 - 593 commenti

I gusti di Skinner

Istant movie con 4 miracolati da reality, da Karim di "Uomini e donne" a Mery del "Grande fratello" al Mutanda dell'"Isola dei famosi". Protagoniste centrali la coppia Lecciso (dizione terribile!)-D'Auria (bona), amiche alle prese con le solite avventure sentimentali; a intervallare ciò gli insopportabili siparietti del bambino antipatico ("la nostra mascotte del villaggio, lo vedremo imperversare dovunque!"), una coppia di comici regionali (tali Dino & Sauro) che raccontano freddure (a volte anche simpatiche) e le canzoncine demenziali dei Gipsy Fint.
MEMORABILE: Il drammatico confronto Henger-Capuanotte.

Cotola 27/07/09 20:59 - 7329 commenti

I gusti di Cotola

Alla fine è difficile credere a quanto si è visto, ma e proprio così. Arduo recensirlo poiché significherebbe considerarlo degno di un'operazione critica e ciò, visti i risultati, è impossibile. A chi debba andare la palma del peggiore tra i "figuranti" che affollano lo schermo non è facile a dirsi. Di sicuro è che ci vuole uno sforzo titanico per arrivare alla fine tra squinzie da quattro soldi, palestrati dal neurone solitario e una comicità tra le più grette che si siano mai viste. Anzi no, la Lecciso è tutta da ridere.

Harrys 18/09/09 01:38 - 680 commenti

I gusti di Harrys

Inno spassionato alla monnezza. Mai visto un film con un tasso così elevato di freak; sottoprodotti di un'abominevole standard televisivo, che hanno contribuito a farmi rabbrividire dinanzi ad una così veemente ostentazione del vuoto cosmico. Volevo farmi due risate (memore della recente riscoperta del sì capolavoro Grazie Padre Pio), ne sono uscito piuttosto incavolato: oltre il danno, la beffa. Inutile parlare di recitazione e regia. Da segnalare una sceneggiatura a sprazzi ieratica; c'è pure una band messicana che canta canzoni napoletane.

Disorder 13/10/09 11:20 - 1406 commenti

I gusti di Disorder

Più che un film è uno spin-off delle "Buona Domenica" di Costanzo. C'è tutto: decine di aspiranti vip e volti da reality, intermezzi musicali a base di latino-americano, persino un sosia di Bud Spencer (giuro!). Protagonista Raffaella Lecciso, che abbandona all'altare il fidanzato Zequila (come darle torto, e poi il prete era Giucas Casella!) e si rifugia in un villaggio turistico. Come recitazione è una gara a chi fa peggio e a stravincere è il bellone con la voce roca (ma anche l'imbambolatissima Lecciso non scherza). Solo per i cultori del genere trash.
MEMORABILE: In male:la presenza della DeBlank (contessa del trash), il sosia di B. Spencer (ho avuto un mezzo infarto credendo fosse davvero lui), i due "comici".

Belfagor 1/02/11 11:43 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Ce ne voleva per togliere il primato del trash italiano ad Alex l'ariete, ma questo film ci è riuscito. Forse non si può nemmeno considerare un film: trattasi di un'accozzaglia di volti televisivi di dubbia utilità posta al servizio di una "sceneggiatura" dal senso non pervenuto, puntellata qua e là da camei microscopici. La recitazione, poi... ma quale recitazione? Le battute, atroci tentativi di pseudocomicità, hanno lo stesso effetto delle unghie sulla lavagna. E non parliamo della Lecciso o della De Blanck. Vade retro!

Siregon 14/07/11 17:36 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Pensavo che Troppo belli fosse il fondo del pozzo. Invece no. Questo abominio rastrella spazzatura dalle varie trasmissioni rivoltanti dei vari palinsesti e la condensa in un sequenza di immagini difficili da descrivere. È probabilmente l'operazione più squallida mai vomitata dalla Tv e andrebbe proibita senza troppi indugi.

Metuant 26/11/14 12:01 - 454 commenti

I gusti di Metuant

La prima cosa che si potrebbe dire alla fine del film (sempre che ci si riesca ad arrivare) sarebbe: "Cosa diavolo ho appena visto?". Non ci sarebbe risposta valida, in quanto quest non-film è una sequela di volti prettamente televisivi e di battute peggio che inutili trascinate stancamente per tutta la durata. Non saprei nemmeno se consigliarlo agli amanti del trash più puro, potrebbe offendere pure loro. Inutile aggiungere altro.
MEMORABILE: La voce da orco di Karim Capuano.

Special 8/12/14 16:28 - 21 commenti

I gusti di Special

E questo sarebbe un film? Non è giudicabile perchè non ha gli stilemi del film, se per film intendiamo arte cinematografica. Se invece per film intendiamo una sequenza, più o meno lunga, di immagini allora possiamo anche giudicarlo. E il mio giudizio è il minimo possibile. Al mio liceo era lo zero, qui è il monopallino. Vada dunque per quest'ultimo.
MEMORABILE: Il primo dialogo del film (Lecciso con una bonazza mora... non so chi sia) è agghiacciante.

Markus 27/05/15 11:59 - 3194 commenti

I gusti di Markus

Tardo film vacanziero che racchiude in sé tutto il peggio possibile per essere bollato come agghiacciante: attori improbabili e starlette della becera tv anni Zero trascinati in una sconclusionata vicenda contestualizzata in un villaggio turistico malamente fotografato (quasi detestabile). Un ormai noto trash-movie che annoia anziché divertire; questo, in definitiva, è il limite maggiore della pellicola, che nel divertimento poteva trovare l’unica ancora di salvezza. Bellissima la D’Auria.

Fulcanelli 2/11/15 15:33 - 100 commenti

I gusti di Fulcanelli

Raggelante ma istruttivo. Da vedere per scoprire qual è l'effettivo abisso della recitazione, dei dialoghi e in generale di tutto. Difficile anche solo considerarlo un film, visto che è un vero e proprio vituperio cinematografico e il sospetto che sia premeditato non è del tutto campato in aria; d'altronde non c'è nessun altro motivo per vederlo se non la curiosità di assistere a un ponderoso bombardamento trash su tutti i fronti.

Anthonyvm 18/05/19 23:38 - 1586 commenti

I gusti di Anthonyvm

Parlare male di un film praticamente amatoriale, girato senza mezzi e con poca o nulla professionalità da parte dell'intero cast (sia tecnico sia "artistico"), è fin troppo facile. Non c'è assolutamente nulla che funzioni: saltano subito all'occhio (e all'orecchio) la recitazione improponibile e la bassezza con cui sono stati concepiti i dialoghi, passando per montaggio, musiche e fotografia, che paiono usciti dagli scarti di un video hard degli anni '90. Ma preso per quello che è (un teatrino improvvisato di vip televisivi decaduti) fa ridere.
MEMORABILE: "Ogni volta che ti vedo ho voglia di baciarti e di condividere con te interessi vari".

Bubobubo 27/05/19 23:50 - 1108 commenti

I gusti di Bubobubo

Il trionfo dell'indicibile, un banchetto luculliano sui cadaveri delle connessioni neuronali. Classico film da "se non lo vedi non ci credi": regia telenovelistica (con tanto di ralenti nella scena di sesso tra Henger e Pietrantonio), autodoppiaggio e musiche originali tremendi e un'infinita, estenuante carrellata di scenette montate alla bell'e meglio che vedono interagire fra loro, con dialoghi davvero incredibili, meteore dello showbiz, comparsate fugaci (Columbro!) e grotteschi caratteristi (Nicotra). Scultissimo!
MEMORABILE: I dialoghi!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 14/10/09 21:27
    Call center Davinotti - 744 interventi
    Ahahah...ho appena appreso dal commento di Disorder della presenza nel film di un sosia di Bud Spencer. Così al buio credo si tratti di Francesco Nicotra, anche lui napoletano come Pedersoli, con il quale partecipò ad una trasmissione televisiva di qualche anno fa condotta da Carlo Conti, dedicata proprio ai sosia dei vip.
  • Discussione Deepred89 • 14/10/09 23:55
    Comunicazione esterna - 1426 interventi
    L'avevo notato anch'io il "sosia" di Bud (che compare all'inizio, se non sbaglio durante il ballo di gruppo). Durante una visione con amici del capolavoro in questione la sua apparizione ha provocato una risata collettiva di quasi un minuto. E' stata la prima di una lunga serie.
  • Discussione Disorder • 23/10/09 16:58
    Call center Davinotti - 379 interventi
    Io ho rischiato l'infarto vedendolo,giuro! Nelle primissime inquadrature sembrava proprio lui...per fortuna poi si capisce che è solo un sosia...che squallore di film Confermo trattasi proprio di Francesco Nicotra,comunque
  • Discussione Zender • 23/10/09 17:08
    Consigliere - 43721 interventi
    Io vorrei tanto che me lo mettessero in dvd. Magari in cofanetto con la croce dalle sette pietre...
  • Discussione Disorder • 23/10/09 17:16
    Call center Davinotti - 379 interventi
    Magari con la versione director's cut di "La croce dalle sette pietre",ovvero quella intervallata con immagini della guerra del Golfo e Bosnia! Già è delirante l'originale...
  • Discussione Zender • 23/10/09 19:08
    Consigliere - 43721 interventi
    Eh sì, ma prima o poi lo faranno. Il nostro Plan 9 merita assolutamente un'edizione dvd!
  • Discussione Panza • 10/04/14 17:53
    Contratto a progetto - 4970 interventi
    Il titolo orginale va tolto. Andrebbero aggiunti Columbro, De Blank e Pippo Pelo Raffaella Lecciso, Francesca D'Auria, Flavia Vento, Giucas Casella, Enzo Fichetti, Nello Iorio, Igor Righetti, Antonio Zequila, Roberta Bonacci, Eva Henger, Karim Capuano, Marco Columbro, Patrizia De Blanck, Pippo Pelo In note: Aka "(Parentesi tonde)", "Parentesi t()nde".
  • Discussione B. Legnani • 10/04/14 18:43
    Consigliere - 13672 interventi
    Panza ebbe a dire: Il titolo orginale va tolto. Andrebbero aggiunti Columbro, De Blank e Pippo Pelo Raffaella Lecciso, Francesca D'Auria, Flavia Vento, Giucas Casella, Enzo Fichetti, Nello Iorio, Igor Righetti, Antonio Zequila, Roberta Bonacci, Eva Henger, Karim Capuano, Marco Columbro, Patrizia De Blanck, Pippo Pelo In note: Aka "(Parentesi tonde)", "Parentesi t()nde". Non è esatto. Il film si chiama PARENTESI TONDE, scritto proprio così. I grafemi () valgono una O.
  • Discussione Zender • 11/04/14 07:09
    Consigliere - 43721 interventi
    Sì, lo lascerei come titolo originale che è bene variare nel titolo solo per una questione di ricerca nei link.
  • Homevideo Anthonyvm • 19/05/19 17:00
    Portaborse - 242 interventi
    Incredibilmente distribuito in DVD (autodistribuito dalla Lunella Production), ormai di difficile reperibilità. Tra i contenuti extra c'è anche un making of di circa mezz'ora.