Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/12/09 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 19/12/09 13:50 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Buon film di Damiani, tra i suoi primi lavori, girato interamente in un freddo inverno milanese. Se togliamo alcuni dialoghi abbastanza forzati, si assiste ad uno spaccato di vita notevole, direi quasi impietoso, con questi 5 amici quasi 40enni che si ritrovano dopo qualche tempo (ognuno evidentemente preso dai problemi suoi) per passare una serata insieme. La storia si tiene ben lontana da ogni banalità, ed alcuni momenti sono persino emozionanti. Cast notevole, con il futuro regista Mino Guerrini nel ruolo forse più interessante.

Rambo90 9/05/12 23:31 - 7236 commenti

I gusti di Rambo90

Malinconico film di Damiani, quasi un precursore dei Compagni di scuola di Verdone, ottimo nei caratteri dei personaggi e nel proporre una Milano in pieno boom economico, molto realistica. Cast d'effetto con un grande Walter Chiari, un Rabal in parte e la sorpresa di Guerrini (regista di serie B) come attore. Finale amaro e commovente.
MEMORABILE: Gastone Moschin alias Toro; Il Larone.

Stefania 17/06/12 20:57 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Costruito mattone su mattone, battuta su battuta attorno al personaggio di Cesarino (Walter Chiari), questa specie di Amici miei meneghino della stagione del boom. Cesarino è un perdente allegro, innamorato della vita, generoso, i suoi ex compagni sono uomini ai quali il successo ha rubato sentimenti e fantasia. Un film che ha il merito di tenersi lontano da ogni retorica sull'amicizia virile e di mantenersi asciutto, impietoso nello svelare miserie ed egoismi che separano, allontanano, dividono. Malinconico senza lacrime: boys don't cry?
MEMORABILE: Le assurde telefonate di Chiari alle ex; la rissa per Il Larone.

Dusso 3/07/12 17:32 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Film sull'amicizia, è una rimpatriata (per caso) di cinque amici; uno di loro (Walter Chiari) all'inizio è quasi invidiato, poi viene lasciato solo durante una rissa, in un finale malinconico per un film che era invece partito nell'allegria generale. La pellicola si avvale di buonissime interpretazioni e di un bel cast femminile. Ancora un ottimo lavoro di Damiani!

Zelig46 1/11/12 18:39 - 22 commenti

I gusti di Zelig46

Il classico film che vedi una volta e non scordi più. Walter Chiari è superlativo nel tratteggiare il personaggio di Cesarino, per il semplice motivo che è lui Cesarino, l'eterno bambinone. Negli anni seguenti si cimenteranno in tanti con "La rimpatriata", da Verdone a Pieraccioni e all'estero Kasdan, ma la "rimpatriata vera" la confezionata Damiani. Menzione particolare a Gastone Moschin con il personaggio di "Toro", l'operaio di fonderia mezzo scemo trovato al "Trani".
MEMORABILE: Le telefonate per rimorchiare ragazze; Toro e le sue finte arrabbiature; La bellissima fotografia in B/N che fa risaltare la Milano che non esiste più

Cotola 14/04/13 23:12 - 8507 commenti

I gusti di Cotola

Sorprendente pellicola, immeritatamente poco conosciuta, diretta da un Damiani in gran forma e sorretta da un'ottima sceneggiatura che ritrae alla perfezione una Milano popolata da personaggi quasi tutti più o meno meschini e sgradevoli. Così si assiste ad una rimpatriata che si rivela, meritoriamente, ben poco amichevole e priva di quelle banalità che di solito si vedono in pellicole del genere. Il cast è tutto in parte e contribuisce ad un risultato finale davvero notevole. Uno dei film più "duri" e amari del cinema italiano degli anni Sessanta e non solo. Bellissimo.
MEMORABILE: Il personaggio di Garrone: "Qui costruiscono, costruiscono, ma il miracolo economica è finito. Ce ne accorgeremo".

Roger 22/05/13 20:31 - 143 commenti

I gusti di Roger

Un film che partendo dal disincanto che segue il tentativo dei protagonisti di rivivere l'esuberanza della gioventù, arriva a descrivere le illusioni di un'epoca apparentemente dorata come quella del boom economico e a prevedere le delusioni che ne seguirono. Ambientazione realistica (il freddo inverno milanese, altro che spiagge e canzonette...), personaggi meschini e sgradevoli raccontati senza fare alcuno sconto ne fanno un piccolo gioiello da riscoprire.
MEMORABILE: L'amara sfuriata di "Toro"; L'incapacità di Cesare di accettare l'infelicità altrui.

Homesick 12/07/14 16:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’allegra rimpatriata per una notte brava si incupisce in un dramma rivelante le crepe di un’apparente amicizia, nonché le meschinità di adulti sposati che si ritengono ancora playboy a caccia di ragazzine. Damiani anticipa Monicelli, Scola e Verdone e, ricorrendo ad un linguaggio audace e ad immagini esplicite certo insolite per l’epoca, dipinge un quadro amaro e disilluso dell’Italia del boom ove scorrazza un ottimo drappello di attori: da Chiari – il tragicomico Cesarino – a Moschin e alla Pierreux in veraci caratterizzazioni popolane. Introduce e chiude ad hoc “La rosa bianca” di Endrigo.
MEMORABILE: La telefonata di Chiari alla Boschero.

Alex1988 4/11/15 19:13 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Prima di Kasdan e Verdone ci aveva pensato Damiani (non si era ancor dato all'impegno civile) a raccontare un'ipotetica rimpatriata di vecchi amici ritrovatisi dopo molti anni. Siamo in pieno boom economico e tutti loro, in qualche modo, ne sono stati assorbiti. Ed è chiaramente il personaggio di Walter Chiari, eterno ragazzo immaturo ma rimasto se stesso, a far presa sul pubblico. Da riscoprire.
MEMORABILE: La piccola ma memorabile parte di Gastone "Toro" Moschin.

Rufus68 29/07/16 20:49 - 3608 commenti

I gusti di Rufus68

Non è più tempo per i puri di cuore e gli adorabili cialtroni in un'Italia del benessere che ha stretto il cappio del perbenismo. Walter Chiari è uno di questi ultimi eroi: destinato alla sconfitta, come la vecchia Milano inghiottita dal cemento della modernità. Il film è attraversato da una sottaciuta disperazione, che esplode nelle ultime sequenze quando ciascun protagonista, a fronte della realtà, si ritrova estraneo rispetto all'altro. Grande prova del cast principale, ma Damiani è bravissimo nel cesellare il più minuto carattere.
MEMORABILE: Il monologo di Walter Chiari davanti allo specchio.

Damiano Damiani HA DIRETTO ANCHE...

Pessoa 22/01/17 16:48 - 2452 commenti

I gusti di Pessoa

Bel film di Damiani che ispirerà molte pellicole successive, non solo in Italia. Cinque compagni di scuola che si trovano molti anni dopo a fare i conti con le loro sconfitte e qualche volta a lanciarsele addosso. Cast ben diretto con Walter Chiari in grande spolvero che affina il retrogusto malinconico della sua comicità; bene anche Moschin, Garrone e Guerrini aiutati da una sceneggiatura molto ben scritta. Un po' stucchevole il cast femminile. Forse ai tempi era troppo avanti per essere capito, visto oggi sembra paurosamente profetico.
MEMORABILE: Il Toro.

Alex75 1/03/17 09:30 - 801 commenti

I gusti di Alex75

Disincantata e quasi sconosciuta opera di Damiani, che propone un argomento ripreso con alterni risultati da vari autori: l’incontro – a distanza d’anni – tra alcuni amici di gioventù come triste occasione per constatare i propri fallimenti e le proprie meschinità. Damiani mette in risalto la complessità e le contraddizioni dei personaggi (soprattutto il “puro” Cesarino, il melanconico Alberto e le donne, che dimostrano più maturità degli uomini), esaltate dai rispettivi interpreti.
MEMORABILE: Le telefonate di Cesarino; La sfuriata di “Toro” Moschin; La rissa per il Larone e l’amaro finale, sottolineato dalla canzone di Endrigo.

Daniela 18/06/17 21:36 - 11837 commenti

I gusti di Daniela

Amici di gioventù si ritrovano per una serata alla ricerca di facili avventure con donne, fra bevute e ricordi... Che tristezza questi vitelloni lombardi che, alla soglia dei quaranta, non sanno dialogare e confrontarsi se non con discorsi da caserma e scherzi goliardici, come attempati peter pan senza più sogni e con poca fantasia. Spicca fra gli altri il dongiovanni da strapazzo vittima lui stesso delle proprie bugie, interpretato da Chiari in uno dei migliori ruoli in carriera.  Bel film, un ritratto generazionale amarissimo che anticipa pellicole di analogo argomento.
MEMORABILE: Il pestaggio in un campo di periferia

Myvincent 18/04/18 08:15 - 3367 commenti

I gusti di Myvincent

Un gruppo di cinque quarantenni si ritrovano molti anni dopo in una casuale rimpatriata a Milano, occasione speciale, apparentemente goliardica, per sferrare ricordi, più dolorosi di calci e schiaffi. Ci sono di mezzo anche donne e pupattole momentanee che non servono a migliorarne il clima di tragica solitudine, mista a profonda sconfitta. Damiani anticipa Amici miei, con tanto sale in bocca in più. Istrionico Walter Chiari.
MEMORABILE: Il "ritrovamento" di Lara la prostituta, in un dialogo sospeso fra dramma e scherno.

B. Legnani 25/08/18 00:19 - 5323 commenti

I gusti di B. Legnani

Notevole film di Damiani, nella Milano del miracolo economico (ma attenzione alla relativa battuta di Garrone), nel quale si ritrovano amici (o ex-amici?) alla soglia dei quarant'anni. Commedia drammatica, con momenti simpatici ed altri struggenti, come è struggente in toto il personaggio di Chiari, che cammina sempre allegramente verso una lunga serie di piccole sconfitte. Interessanti Garrone e Guerrini, impalpabile Rabal (come quasi sempre accade, peraltro) e quasi impalpabile Guers. Bello il ruolo della Roman, straziante quello della Pierreux. Linguaggio qua e là assai libero, per l'epoca del film.
MEMORABILE: Una frase lapidaria: "Per un momento vi ha fatto piacere, quando lo picchiavano".

Rocchiola 29/08/18 11:19 - 937 commenti

I gusti di Rocchiola

Quasi un prequel di Amici miei o un sequel dei Vitelloni, è un film in anticipo sui tempi, coraggioso ed esplicito nel trattare temi come il sesso clandestino e l’adulterio, tanto che all’epoca ebbe qualche problema con la censura. Pervaso da una malinconica cattiveria che preannuncia la fine del boom economico degli anni 60. Nel cast spicca Walter Chiari nella sua miglior prova cinematografica nei panni di Cesarino, cialtronesco e generoso sino ai limiti dell’autolesionismo. Bravi anche Rabal e Garrone. Decisamente un titolo da rivalutare.
MEMORABILE: “La vita sai è una cosa seria. Oddio, è anche una fregatura, una fregatura seria”; “Sei mezzo calvo, sei basso e puzzi”; L’inseguimento in macchina.

Keyser3 26/04/20 23:13 - 321 commenti

I gusti di Keyser3

Eccezionale e purtroppo poco conosciuto film di Damiani, ancora non impegnato con il cinema civile. Basterebbe Cesarino/Chiari, mattatore all'altezza del miglior Gassman, per reggere la pellicola, ma tutto il cast offre una prova straordinaria: Rabal, Guerrini, la Pierreux, fino al cameo di Moschin e ai volti di seconda fascia nel cinema. Sempre in bilico fra scherzo e malinconia, un' amara parabola sull'amicizia e sull'invecchiare, con l'età adulta che lascia spazio al disincanto. Suggella il tutto la dolcissima "Rosa Bianca" di Endrigo.
MEMORABILE: "Mi ricordo Nevers, sono nata a Nevers (...) E a Nevers ho avuto vent'anni".

Zampanò 2/01/21 19:20 - 375 commenti

I gusti di Zampanò

Walter Chiari rifulge a metà carriera come mai prima. Qui è Cesarino, avanguardia vitale di un gruppo di amici che si ritrova dopo anni. La regia stetoscopica di Damiani figlia in una sola serata più sollecitudini ma sarebbe sbrigativo ridurre il rendez vous a mero parente dei più noti Amici miei o Leoni al sole. Un viaggio al termine della notte milanese in apparenza a cuor contento, fluorescente di poli-amore ma vegliato da un senso di morte. Il redde rationem incombe e rimbalza ("Non ci siamo detti niente"). Felpato Rabal, densa la Pierreux. Dolcissimo il canto di Endrigo.
MEMORABILE: La telefonata acchiappa-femmina di Cesarino; La casa divisa con moglie e amante; Il battibecco con Moschin.

Paulaster 23/11/22 09:45 - 3840 commenti

I gusti di Paulaster

Gruppo di vecchi amici si ritrova dopo qualche anno. Sceneggiatura che racconta una nottata in cui le varie relazioni amicali vengono soppesate nei dettagli. Ci sono l'imbarazzo iniziale, la contentezza e le goliardie; infine la resa dei conti, nella quale Damiani fornisce un saliscendi emotivo senza aver bisogno di siparietti. Straordinario Chiari come splendido perdente e per come tiene la scena. Milano fa da sfondo anticipando la decadenza industriale, così come le varie donnine i liberi costumi di fine anni 60.
MEMORABILE: La chiamata al numero sconosciuto; Moschin detto "il toro"; La vecchia fiamma ormai prostituta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Alex75 • 29/08/17 17:12
    Call center Davinotti - 687 interventi
    La canzone "La rosa bianca", di Sergio Endrigo. Il testo è una traduzione di una poesia di Josè Martì.
    https://www.youtube.com/watch?v=m3mReZT9_Bw
  • Homevideo Rocchiola • 29/08/18 11:30
    Call center Davinotti - 1224 interventi
    Mai uscito in Italia in DVD, sono riuscito a recuperarlo solo adesso grazie alla benemerita SNC-M6 video etichetta francese che lo ha pubblicato nella sua personale collana dedicata ai maestri del cinema italiano. L'immagine è stata restaurata ed appare pulita e con un buon livello di definizione che esalta uno smagliante bianco-nero. L’unica pecca è rappresentata dall’audio italiano utilizzabile solo con i sottotitoli fissi, cosa che non mi era mai successa con altri titoli di questa serie. Ma accontentiamoci perché la qualità generale è molto elevata e si tratta di un titolo di culto mai pubblicato in precedenza sul mercato home-video. C’è anche un’edizione speciale in combo DVD più bluray che io ho acquistato su Amazon ad un costo di circa 19 euro spese di spedizione incluse. In merito posso precisare che la versione in BD offre ovviamente qualche dettaglio in più a livello d'immagine che però appare più granulosa in alcune sequenze. Comunque le differenze tra DVD e BD sono davvero minime.
    Ultima modifica: 29/08/18 17:37 da Zender