LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il filone che prevede l'addestramento in chiave comica delle “reclute” (in ogni campo) saltuariamente si riaffaccia al cinema, in America come in Italia. Lo dimostra questo SCHOOL OF MAFIA (il termine “school” esplica da sempre l'aderenza al sottogenere), in cui tre boss newyorchesi si rendono conto che i loro figli “masculi”, cresciuti nella bambagia, non potranno mai ereditare il potere dei padri se prima non apprenderanno le regole di Cosa Nostra. Come risolvere il problema? Semplice: li si spedisce tutti insieme in Sicilia a scuola da Mr. T (Frassica), ovvero Toni “U appicciaturi” (colui che accende, che instrada). Questi, coadiuvato dal suo braccio destro Salvo (Lombardi), li mette...Leggi tutto subito sotto e cerca in ogni modo di domare la loro recalcitranza, lontani per indole da ogni pensiero mafioso: Tony (Maggio), figlio di Primo Di Maggio (Ferracane), aspira a diventare chitarrista di successo, Joe (Poggi), figlio di Donato Cavallo (Solfrizzi), è addirittura un poliziotto e sogna di arrestare un giorno suo padre, Tony (Ragno), figlio di Vito Masseria (Calabresi), mostra tendenze omosessuali e si dedica alla danza. La parte più divertente – come quasi sempre in questo tipo di film – è quella che riguarda l'insegnamento, nello specifico ulteriormente valorizzata dal proporre come “professore” un siciliano doc come Frassica, assolutamente perfetto e vero punto di forza del film. La rivisitazione dei Dieci Comandamenti, il suo parlare in terza persona, l'istruire agendo sagacemente sui luoghi comuni noti a tutti del “picciotto tipo” permettono – anche a fronte di protagonisti piuttosto deboli come i tre ragazzi (non tanto per colpe proprie quanto per una sceneggiatura che affida loro ruoli insignificanti, privi di vere battute) – di considerare riuscite molte parti del film nelle quali agisce da personaggio accentratore. Con una spalla ottima come il fiorentino Maurizio Lombardi (apparentemente “fuori luogo”, per nascita e per cognome) le risate non mancano, per quanto affievolite da una regia cui manca spesso il giusto ritmo e da una fotografia fin troppo immersa in quel giallo ocra pesante che tradizionalmente rappresenta la solare Sicilia al cinema. Si nota insomma, soprattutto nello script, una bella attenzione ai dialoghi e alle situazioni; ma solo nei momenti in cui in scena c'è il cast “adulto”, perché quando ai tre giovani tocca di recitare da mafiosi “forzati” il film scade d'improvviso (per non parlare delle agghiaccianti parentesi con la comunità psichedelica di belle ragazze hippy, che non c'entrano veramente nulla). E per quanto la presenza di giovani poco inclini alla gag sia fin dai tempi dei primi esperimenti americani il tallone d'Achille del filone, è difficile non notare lo “scarto” tra le scene con i tre ragazzi e quelle con gli adulti. Meno azzeccate le figure della moglie di Mr. T (una Minaccioni simpatica ma scarsamente incisiva) e del boss “esterno” (Gallo), mentre la bella Giulia Petrungaro, nella parte della figlia di quest'ultimo, si trova a condividere coi tre figli dei padrini le fasi meno interessanti. Un film quindi altalenante, non sciatto e tirato via come si potrebbe forse immaginare ma nemmeno brillante come avrebbe potuto essere considerate le potenzialità, in parte meglio sfruttate in UNO DI FAMIGLIA, sempre con la mafia messa in burletta e con Frassica a giocare da simpatico boss. Piccola parte per Tony Sperandeo, il boss Frankie "Ghost" che cade giù da un ponte nell'incipit causando la riunione di chi s'incontra per capire chi l'abbia fatto fuori.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/07/21 DAL BENEMERITO GABRIUS79 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/10/21
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gabrius79 20/07/21 23:42 - 1280 commenti

I gusti di Gabrius79

Commediola piuttosto piacevole con un trio di attori giovani tra i quali a uscirne meglio è forse Ragno (probabilmente meglio servito dalla sceneggiatura). Le loro avventure tragicomiche sono godibili e qualche sorriso ci scappa. Bene Frassica che, pur non essendo protagonista, lascia il segno col suo classico humour nonsense. Ogni tanto qualche sbavatura tende a rabbuiare quanto di buono è stato fatto.

Reeves 4/10/21 18:19 - 759 commenti

I gusti di Reeves

Discreta commedia che ama le situazioni surreali (nelle quali il buon Nino Frassica eccelle come sempre) ma che ogni tanto si perde in luoghi comuni. Ammirevole però il fatto che a sostenere tutto il peso del film sia un gruppo di attori davvero giovanissimi che però sanno integrarsi molto bene con i più grandi; soprattutto Fabrizio Ferracane, come sempre un gradino sopra gli altri.

Daniela 22/10/21 10:37 - 10923 commenti

I gusti di Daniela

Tre boss newkorkesi spediscono i rispettivi rampolli in Sicilia a prendere lezioni di criminalità da Don Turi 'u Appicciaturi ma l'apprendimento si rivela problematico data la scarsa attitudine degli allievi... Lo spunto è esile ma poteva dar vita ad una commedia satirica simpatica se fosse stata maggiormente curata la sceneggiatura che invece, accanto a momenti felici, inanella troppe banalità, cadute di gusto e divagazioni. Nel cast i veterani con Frassica in testa sovrastano gli attori più giovani. Bella l'ambientazione con la Puglia che fa da controfigura alla Sicilia.  

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 22/10/21 10:46
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    Sicilia? No, Puglia

    Il film è ambientato in una imprecisata località della Sicilia ma le riprese sono state effettuate nel Salento e precisamente a Nardò, un comune in provincia di Lecce, il cui centro storico, ricco di edifici in stile barocco, può ricordare quello di molte cittadine siciliane. Fonte qui.

  • Discussione Daniela • 22/10/21 10:47
    Gran Burattinaio - 5693 interventi
    x Zender
    andrebbe aggiunto come aka: Scuola di mafia
    dato che il film è distribuito anche con questo titolo.