LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 20/06/08 21:28 - 1591 commenti

I gusti di Renato

Grandissimo film, una energica ma amarissima parabola su un uomo che mira a raggiungere i vertici della criminalità a Napoli ma dovrà fare i conti con "gli amici degli amici"... Splendide musiche, molte facce giuste nei ruoli di secondo piano, ed in più un'abbacinante Stefania Casini che fa un po' il verso alla Diane Keaton de Il padrino. Un ottimo film di un abile artigiano come Squitieri. La banda di balordi messa assieme da Dallesandro fa davvero impressione, comunque...
MEMORABILE: Il finale è girato in modo spettacolare e non lascia delusi.

Homesick 2/10/08 19:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Squitieri continua a parlare di malavitosi del Sud, ma questa volta ricorre ad un approccio più artigianale e aderente agli stilemi del “genere”: non a caso i caratteristi Murolo, Reale, Torrisi, Di Luia, Cianfriglia sono presenze pressoché fisse del poliziesco/noir all’italiana. Piuttosto trascinante la seconda parte, in cui l’ambizioso Dallesandro mette in atto la sua vendetta e la detronizzazione del boss Pellegrin.

B. Legnani 7/12/08 17:53 - 4785 commenti

I gusti di B. Legnani

Se un film ha soggetto risibile (una mezza tacca partenopea con un gruppo di romani elimina la camorra napoletana dai locali sotto il Vesuvio? Ma dài...), protagonista bello ma catatonico o eccessivo, primadonna imbambolata (la Casini), ma lo si guarda fino in fondo, vuol dire che il resto è notevole, pur non potendo arrivare, per i motivi citati, ad alto rango. Belle le inquadrature di colore, perfette le facce del cast secondario. Grande ruolo per il c.s.c. Lorenzo Piani (il killer francese che non dice una parola). Può ricordare La sfida.

Enzus79 12/02/09 12:57 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Parabola di un malavitoso che ambisce al potere della città. Finirà vittima dei suoi stessi errori. Non si può non dire che anche lo stesso Squitieri ambiva a realizzare un film stile "americano". C'è riuscito a metà. I personaggi son ben lineati e i rapporti tra Aldo e la ragazza sono ben descritti. Forse si poteva fare di più con i rapporti interni alla banda. Buona la colonna sonora. Si poteva fare di più.

Rickblaine 13/02/09 09:20 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Interessante film su di un personaggio che cresce nella Napoli sporca con l'ambizione di divenire uno dei più grandi malavitosi della città. Crudo e aspro. Sembra coinvolgente ma molto spesso risulta inconcludente. Bravi gli attori e bella anche la colonna musicale.

Daidae 22/03/09 18:30 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Eccellente poliziesco dell'ottimo Squitieri. Un malavitoso da mezza tacca parte dal nulla e si trova a lottare contro un potente boss della camorra (il magistrale Pellegrin). Questi erano i veri polizieschi, fatti di azione e sentimento. Attori motevoli, belle musiche; magari la trama può sembrare inverosimile, ma il film piacerà.
MEMORABILE: Il killer muto dalla mira perfetta.

Enricottta 16/06/09 12:30 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Aldo è un giovane ragazzo, figlio della guerra, mezzo napoletano da parte di mamma, mezzo americano da parte di padre. Vivacchia con il contrabbando di sigarette americane, come il 99 per cento della popolazione di quel periodo. Il tentativo di fare il salto di qualità di Aldo riesce... La vita bella, i soldi facili, (prima che uscissero le macchinette conta soldi era una tragedia contarli), le donne, il potere, possono dare alla testa. Il buon Squitieri conosce bene la sua città anche se questa volta non si vede molto. Il film è uno spaccato del periodo.
MEMORABILE: Il guardiaspalle di don Enrico, in "incontro" col clan rivale, benché sia solo contro tanti, estrae la pistola e fa: "mo' è spar mocc a chistì stunz".

Tomastich 4/01/10 16:09 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Uno dei divi più trasgressivi d'America, Joe Dallesandro, è il protagonista di questo buon film di Pasquale Squitieri. Si parla di contrabbando, traffico di droga, ricatti e i classici clichè della malavita partenopea. Il film funziona abbastanza e Little Joe (come veniva chiamato all'epoca) si dà molto da fare per risultare credibile; effettivamente le sue origini italiane vorranno sempre pur dire qualcosa, o sbaglio?

Fauno 24/02/11 09:37 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Un film tipico di Squitieri, cioè senza speranza. La violenza è estrema, Dallesandro è scelto bene e in linea col titolo. Il sangue, anche se abbonda, non impressiona molto, mentre impressiona di più la Casini, che già in altri film come in questo gioca bene nel dramma di una donna disperata e strabevuta... Il messaggio forte è: non sperare di contar qualcosa solo perché sai pestare e accoppare, dal momento che i boss che vedi son solo marionette e chi le manovra se vuole ti elimina in un secondo. Eccellenti i due killer muti, efficaci da ambo le parti.

Giùan 17/10/11 12:41 - 3051 commenti

I gusti di Giùan

Rispetto ai suoi "camorristici in costume", ne L'ambizioso Squitieri centra molto meno l'attenzione sull'analisi sociale del fenomeno criminale puntando più su aspetti spettacolari e per così dire divistici. Non poteva peraltro esser altrimenti, vista la scelta "carismatica" come protagonista di Joe D'Allesandro, che con la sua "coolface" calamita close-up e scene madri. Notevoli la presentazion di una Napoli da eterno dopoguerra, alla Malaparte, il ritratto di fragile femminilità della Casini (attrice sensibilissima) e le caratterizzazioni tutte. Spiccio.
MEMORABILE: Il malvivente spaurito con famiglia di Nando Murolo; Il laido ricettatore Corrado di Giuseppe Leone; La moto e l'auto status symbol di Aldo.

Gestarsh99 13/05/12 00:06 - 1335 commenti

I gusti di Gestarsh99

Al suo terzo faccia a faccia col mondo della camorra, Squitieri depone le austere gradazioni da feuilleton per puntare sul realismo naif dell'animale da strada Joe Dallesandro, qui deputato al ruolo di capobanda ribelle e incosciente, piccolo kamikaze della scalata piramidale. Più che un noir dileiano, un romanzetto criminale che annusa lo sciamannato gangsterismo rionale della futura Magliana, purtroppo frantumato nell'incostanza di un ritmo barcollante e di un intreccio trascinato con gran disordine. Poco napoletano il protagonista, ancora infuso nel suo portamento bohemien da gigolò maledetto.
MEMORABILE: Il montaggio alternato tra Dallesandro alla guida della sua Rolls-Royce e il sicario jugoslavo alla guida della sua vettura con roulotte al seguito.

Nicola81 24/09/14 22:29 - 2007 commenti

I gusti di Nicola81

L'ultimo capitolo della trilogia camorristica di Squitieri segna il ritorno ai giorni nostri, ma è una chiusura in tono minore. La scarsa originalità della trama e il ritmo non proprio al cardiopalma sarebbero anche difetti perdonabili, ma quello che manca rispetto ai precedenti lavori del regista è un'analisi approfondita della realtà partenopea. Peccato, perché Dallesandro e la Casini si esprimono al meglio delle loro possibilità e Pellegrin, anche se piuttosto defilato, è sempre una sicurezza. Belle le musiche di Franco Campanino.

Herrkinski 20/01/16 04:53 - 5292 commenti

I gusti di Herrkinski

Notevole noir settantiano che vede come protagonista un Dallesandro al top, nel suo momento più prolifico, affiancato dalla bella Casini (all'epoca sua compagna anche nella vita) e da un cast di notevoli caratteristi dell'epoca. La storia di scalata al potere, da piccolo delinquente fino ai vertici della malavita, è un classico del cinema gangster; in questo caso Squitieri sceglie un ritmo molto alto e un concatenarsi di eventi senza tregua, fino al finale prevedibile ma intenso. Violento al punto giusto, con una OST tra funk e rock strepitosa.
MEMORABILE: L'accoltellamento del gay Corrado; Gli abiti da gangster di Dallesandro; La distruzione dei locali.

Alex1988 5/09/16 18:29 - 667 commenti

I gusti di Alex1988

Dopo Camorra Squitieri ritorna nella sua Napoli a esplorare il mondo della malavita parteopea usando, stavolta, un approccio più "leggero" e fumettistico. Il plot anticipa lo Scarface di De Palma (il personaggio di Dallesandro somiglia molto al Tony Montana di Al Pacino, anche nel look). Comunque il film non è niente di trascendentale. Per i fan del genere.

Rufus68 8/06/17 23:10 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Fatica un po' a mettersi in moto, ma quando si trasforma in un western rozzo e concitato tutti i suoi punti deboli (i protagonisti principali, l'improbabilità dell'intreccio) passano in secondo piano. Un cinema di genere, deferente verso le regole del poliziottesco, basico nelle psicologie e sfrontato nel preterire ogni lettura che non sia quella superficiale e coinvolgente dell'azione. Adeguate ed energiche le musiche di Campanino. Se la seconda parte l'avesse girata Woo non ci salveremmo dalle accurate analisi cinefile.

Markus 7/08/17 10:45 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Le ambizioni criminali di un giovanotto senza morale all'ombra del Vesuvio. Squitieri, attraverso i topoi del noir italico di quegli anni, racconta storie di vita e malavita incentrando la scena sul personaggio-chiave interpretato dall'americano Joe Dallesandro, che nei panni di bello e maledetto ci sguazza e convince. Qualche violenza gratuita (in definitiva è cinema popolare) e alcuni passaggi non propriamente chiari talvolta ingarbugliano la faccenda, ma resta indubbiamente un'opera "settantiana" degna di nota. Molto buone le musiche.

Myvincent 5/08/17 08:36 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Squitieri costruisce un film "maschio" sui delicati e femminei lineamenti di Joe Dallesandro con risultati spiazzanti, ma non del tutto censurabili. La storia è quella dell'escalation di un delinquentello che, oltre all'ambizione, non ha una valida bussola che lo guidi nella sua corsa vendicativa. Alcuni momenti sono piuttosto poetici, inaspettatamente, mentre la Casini è poco più che decorativa.

Pessoa 27/08/17 23:17 - 1230 commenti

I gusti di Pessoa

Un insolito Squitieri ci conduce in una poco convincente lotta per il potere fra bande criminali. Il regista alterna banali ingenuità a momenti di grande classe, ma il risultato finale è limitato dalla prova manierata di Dallesandro, poco adatto al ruolo. Di livello diverso l'interpretazione della Casini, che lavora molto sui dettagli e alla fine è la migliore del cast. Ost aggressiva e convincente di Campanino e grandi caratteristi per un discreto film di genere, nonostante un finale piuttosto frettoloso che non mi ha convinto per niente.

Trivex 7/09/17 11:52 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Notevole, potentissimo film sulla malavita italica. Se non fosse per il finale un po' affrettato e inopportuno, la pellicola potrebbe volare davvero alta. Bravo il protagonista, assolutamente in parte a trecentosessanta gradi. Perfetti i comprimari, anche quelli meno in vista, un vero gruppo di brutti ceffi da galera! Storia non originale ma dal ritmo serrato, con momenti molto forti e una performance motociclistica da mondiale! Squitieri conosce il mestiere e il film merita un posto distinto e di rispetto nella storia del suo genere.
MEMORABILE: L'assalto al locale, con le moto; Il francese silente e assassino; Il destino di lei e poi quello di lui.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Xtron • 9/06/17 16:18
    Servizio caffè - 1834 interventi
    A circa 60 minuti di film si vedono per qualche secondo dei giocatori che stanno praticando uno sport indoor a metà tra tennis e tamburello. Qualcuno di voi conosce il nome di questo gioco?
  • Discussione B. Legnani • 9/06/17 16:33
    Consigliere - 14000 interventi
    Xtron ebbe a dire:
    A circa 60 minuti di film si vedono per qualche secondo dei giocatori che stanno praticando uno sport indoor a metà tra tennis e tamburello. Qualcuno di voi conosce il nome di questo gioco?

    Forse Pelota basca, ma ci vorrebbe un'immagine.
  • Discussione Mco • 9/06/17 17:06
    Scrivano - 9687 interventi
    Badmington??
  • Discussione B. Legnani • 9/06/17 17:44
    Consigliere - 14000 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Badmington??

    Che poi è il buon vecchio Volano...
    Ultima modifica: 9/06/17 17:51 da B. Legnani
  • Discussione Xtron • 9/06/17 19:20
    Servizio caffè - 1834 interventi
    Qui c'è un'azione di gioco:


    Qui si vede bene il "tamburello"


    Il badminton non può essere perchè non si vedono racchette e volani.
    La pelota basca e derivati nemmeno perchè in genere gli incontri non si svolgono uno di fronte all'altro, ma entrambi di fronte al muro.
    Ultima modifica: 10/06/17 08:12 da Zender
  • Homevideo Xtron • 9/06/17 22:01
    Servizio caffè - 1834 interventi
    Provato ora. Nel bluray i sottotitoli inglesi si tolgono tranquillamente.
  • Discussione B. Legnani • 10/06/17 00:45
    Consigliere - 14000 interventi
    Il mistero resta...
  • Homevideo Zender • 10/06/17 08:19
    Consigliere - 43735 interventi
    Sì, ho il Bluray Arrow, di qualità buona (scanner in 4K) anche se i colori mi sembrano troppo contrastati e scuri e la grana non manca: audio italiano e sottotitoli eliminabili.
    Ultima modifica: 11/07/17 12:05 da Zender
  • Discussione Nemesi • 10/06/17 08:35
    Disoccupato - 1521 interventi
    Potrebbe essere il tambutennis.
    Congettura sulla location: lo Sferisterio di Napoli? Si svolgevano competizioni di palla basca, tamburello, ping pong...
    Dovrei confrontare i fotogrammi con altri (tipo Napoli si ribella e La sfida).
  • Discussione B. Legnani • 10/06/17 17:07
    Consigliere - 14000 interventi
    Nemesi ebbe a dire:
    Potrebbe essere il tambutennis.
    Congettura sulla location: lo Sferisterio di Napoli? Si svolgevano competizioni di palla basca, tamburello, ping pong...
    Dovrei confrontare i fotogrammi con altri (tipo Napoli si ribella e La sfida).


    Anche io ci avevo pensato, cercando nei giochi simil-tamburello, ma non corrisponde il tipo di racchetta.
    Ottima idea, quella del confronto.
    Ultima modifica: 10/06/17 17:07 da B. Legnani