LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sincero ritratto di vita di provincia negli Anni Trenta. Siamo a Luino (VA), sulle rive del Lago Maggiore, quando la vita era un lavoro facile, tra la partita a carte con gli amici e la caccia alle belle donne. Tra i vari personaggi che concorrono a un'opera corale in cui la ricostruzione storica resta il pregio principale, Piero Chiara (autore del romanzo e co-sceneggiatore insieme al regista Paolo Nuzzi e Maria Pia Solima) si sofferma a descrivere quello del Càmola (Aldo Maccione), il più scafato dal gruppo. Non fa nulla di così diverso dagli altri, ma il suo savoir-faire con le donne lo pone su un piano diverso facendocene apprezzare le sfaccettature. Maccione, in una delle sue poche interpretazioni “vere” (non condizionate cioè dalla...Leggi tutto sguaiata comicità per la quale è quasi sempre chiamato), dimostra una profondità nell'approccio e una dedizione al ruolo degne di miglior causa: non sale mai sopra le righe pur interpretando un personaggio sanguigno e verace. Il resto del cast gli è chiaramente inferiore (salvo qualche elemento secondario come Macario, perfetto come tenero scemo del villaggio), ma una regia discreta sa circondarlo di un clima ben calato nel tempo che spesso copre le lacune della sceneggiatura. Il fascismo ancora relativamente blando non condiziona la vita di paese, non quanto la presenza di una splendida “straniera” (una candida Agostina Belli) che fin dal suo arrivo catalizza i sogni di tutti. Qualche scena divertente (senza esagerare) non sposta la direzione entro cui è incanalato il film, che segue concettualmente (e con i dovuti distinguo, ovvio) lo spirito di AMARCORD.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 19/03/07 00:36 - 4841 commenti

I gusti di B. Legnani

Vezzosa pellicola di ambientazione luinese (in realtà girato ad Orta San Giulio: si vede anche l’isoletta in mezzo al Cùsio), con gradevolissimi caratteristi. Accanto ad un ottimo Maccione, ruotano l’Agostina ;-))), Gora, Diogene, Leontini, Maffioli, Vargas, Pellegrino… In più ci sono due assi come Bernard Blier (che ha la faccia di uno che è nato per fare l’attore) e Macario (non proprio eccelso, ma lo si guarda sempre con affetto). Film non grande, ma legittimamente di piccolo culto.

Il Gobbo 5/04/07 09:48 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gustoso e salace, in tono con la poetica di Chiara (che co-sceneggia e fa una fugace apparizione su una panchina ad ammirare la Belli). Maccione straordinario, ricostruzione accurata. Un film riuscito.

Undying 30/04/08 00:02 - 3837 commenti

I gusti di Undying

Distribuito nelle edicole (ormai in anni lontani, tipo 1996-1997) nella serie Commedia Sexy all'Italiana (Shendene & Moizzi) il film non brilla per ritmo, essendo statico (fissato attorno ad un tavolo) e costringendo a piangere, non solo il piatto, ma pure lo spettatore. Il pianto poi si dilunga, di fronte allo sperpero d'un cast di spessore (risalta il simpatico Macario) ed alla perfetta ricostruzione degli ambienti d'epoca (anni '30). L'obiettivo del film è mancato in pieno, ma merita una visione.

R.f.e. 16/01/10 18:05 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Non ho mai capito perché anche i cinefili dalla mente più aperta, più anticonformisti, sempre pronti a rivalutare ignobili filmacci, non abbiano mai riscoperto questa gradevole pellicola d'ambientazione provinciale (e d'epoca fascista), ispirata all'omonimo romanzo (1962) di Piero Chiara. Certo, non è perfetta, i tempi morti purtroppo non mancano, ma tutti gli interpreti sono affiatati e il risultato è comunque gradevolissimo da visionare.

Lamax61 3/08/12 21:18 - 30 commenti

I gusti di Lamax61

Per chi ha letto il libro di Chiara, il film sembra un'altra cosa. Comunque è vedibile. Amo soprattutto la foto-location che conosco molto bene. Orta San Giulio è un'improbabile Luino, Maccione è un Camola credibile non interamente. Azzeccata anche la presenza di Chiara in veste felliniana. Comunque il mood c'è e tutto e il film è ben vedibile, cinematograficamente parlando. Ottimo anche il commento musicale con l'Arpa di Micalizzi.
MEMORABILE: Belle le perle... si infilano davanti e anche dedrèe... come dice il Camola.

Monzaparco 11/09/12 11:07 - 41 commenti

I gusti di Monzaparco

A volte per caso ci si imbatte in un film dimenticato da tutti e si trova una chicca preziosa. Film nel suo genere strepitoso con regia di livello (Paolo Nuzzi primo assistente di Fellini) e la sceneggiatura dello scrittore del romanzo omonimo Piero Chiara. Un Amici miei più sottile che non annovera attori di livello come il film di Monicelli ma si difende con un Aldo Maccione perfetto e una serie di caratteristi da amarcord. Notevole l'ambientazione storica di un film che è una nostalgica e divertente cartolina ingiallita di un'epoca felice.
MEMORABILE: la scoperta del "Camola" della non-verginità della Flora.

Motorship 21/03/13 17:54 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Ormai non lo ricordano in molti, ma questo film di Nuzzi merita più di una visione, nonché una degna rivalutazione. Una commedia orignale, che vuole rappresentare un lato felice di un periodo piuttosto "delicato" per la storia del nostro paese qual'è stato il fascismo, in uno stile che ricorda molto Amarcord. Bellissime e assolutamente perfette le scenografie e la ricostruzione dell'epoca anni 30. Ottimo comparto di attori tra cui spicca un fantastico Aldo Maccione e una sempre splendida e fascinosa Agostina Belli. Buono.
MEMORABILE: Il Camola (Maccione)...

Gabrius79 11/11/15 18:36 - 1218 commenti

I gusti di Gabrius79

Una buona ricostruzione d'epoca ma sostanzialmente il film veleggia un po' troppo a favore della noia per mancanza di ritmo. In compenso ci si riscatta con una buona prova degli attori e in particolare si segnalano Aldo Maccione (anche perché aiutato dalla sceneggiatura) e un tenero Macario in un piccolo ruolo di contorno. Il film ricorda vagamente il celebre Amarcord di Fellini.

Liv 12/02/16 08:39 - 237 commenti

I gusti di Liv

Il primo romanzo di Piero Chiara viene portato su schermo facendo ruotare la vicenda attorno al più succulento dei personaggi, "il Càmola". A questo gruppo di vitelloni anni Trenta apparteneva lo stesso Chiara, che passava giornate al bar a giocare ma anche a raccogliere tutte quelle storie e personaggi di provincia che poi nutrirono i suoi racconti e romanzi. Ironia e sensualità sono trasposti sullo schermo in modo garbato, con quella vena di malinconia che soffoca il ritmo della commedia.
MEMORABILE: Il Càmola che, per motivi puramente terapeutici, vuole deflorare la Flora (non ancora maggiorenne!) ma si rende conto che è stato preceduto e lascia.

Daidae 5/05/20 21:02 - 2791 commenti

I gusti di Daidae

Una commedia sexy all'italiana di altri tempi. Ambientata ai tempi del fascismo, non ha chissà quale trama originale raccontando la vita di ricchi provinciali degli anni 30 tra bische clandestine, bordelli e sopratutto avventure con donne. Il cast non si discute: ci sono i sempre ottimi Guido Leontini, Aldo Maccione e poi ancora Vargas, Diogene, Gora... Doveroso citare anche Agostina Belli, attrice dal fascino notevole. La regia di Nuzzi è buona, ottima l'ambientazione. Da riscoprire.

Aldo Maccione HA RECITATO ANCHE IN...

Herrkinski 25/06/20 16:00 - 5415 commenti

I gusti di Herrkinski

Commedia tutto sommato originale ambientata all'epoca del fascismo sul Lago Maggiore, location notevole che fa da suggestivo contorno a una storia di paese "amarcord" scandita dal dialetto locale, vera marcia in più per valorizzare i dialoghi sagaci e ben scritti, non privi di qualche genialata. Il cast è di quelli delle grandi occasioni, riunendo alcuni tra i migliori caratteristi in circolazione guidati da un Maccione ancor più bravo del solito; la ricostruzione storica è adeguata e non appesantisce una commedia agrodolce che ha il sapore familiare di un cinema d'altri tempi.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 5/11/09 15:03
    Scrivano - 7626 interventi
    Fellini, Amarcord ed il Piatto Piange

    Film ispirato ad un romanzo (omonimo) scritto da Piero Chiara, opera di Paolo Nuzzi, un regista già all'opera su set felliniani per un arco di tempo che copre gli anni dal 1954 al 1960 (coinvolto sui set de: La strada, Il bidone, Le notti di Cabiria, La dolce vita).
    Macario, infatti, nella parte del folle Brovelli, ricopre un ruolo che rimanda sia al mendicante-narratore, sia al Biscein di Amarcord.

    Ancora: non è casuale la presenza, nel film, di Maria Antonietta Beluzzi (Mamma Rosa, la tenutaria del bordello) già tabaccaia nel citato Amarcord di Fellini.

    Il co-sceneggiatore Piero Chiara (autore anche del testo di partenza) compare velocemente nei panni di un tizio che legge il giornale seduto al bar della piazza.
  • Homevideo Digital • 1/08/12 14:25
    Segretario - 3114 interventi
    Dvd della Cinekult disponibile dal 09/10/2012.
  • Homevideo Xtron • 14/11/12 15:48
    Servizio caffè - 1839 interventi
    Il dvd CINEKULT:

    Audio e sottotitoli in italiano
    Formato video 1.85:1 16/9
    Durata 1h43m15s
    Extra Trailer, interviste a Federico Roncoroni e Mauro Gervasini

    Un'immagine dal dvd (si trova al min. 53:41)

    Ultima modifica: 14/11/12 20:15 da Zender
  • Curiosità Zender • 21/05/16 18:04
    Consigliere - 43949 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Musiche Lucius • 11/02/19 10:50
    Scrivano - 8299 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 11/02/19 16:37 da Zender