Vento di primavera

Media utenti
Titolo originale: The Bachelor and the Bobby-Soxer
Anno: 1947
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Uscito in Italia nel 1948 con il titolo "Vento di primavera", poi ridistribuito nel 1955 come "L'intraprendente signor Dick". Aka "L'intraprendente sig. Dick". In tv viene trasmesso anche in versione colorizzata.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/04/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 14/04/16 21:12 - 9824 commenti

I gusti di Daniela

Ragazzina si infatua di un pittore maturo, ma questi, superate le iniziali ostilità, finirà per innamorarsi della sorella maggiore, giudice solo all'apparenza fredda e intransigente... Amabile commedia sentimentale basata sul meccanismo dell'attrazione degli opposti, che può contare su una sceneggiatura frizzantina e soprattutto su due campioni della categoria come Grant e Loy, nuovamente in coppia l'anno successivo con il più riuscito La casa dei nostri sogni. Temple carina anche se eccede in scorfiette.

Rufus68 30/10/17 07:56 - 3220 commenti

I gusti di Rufus68

Quando il ritardatario Riccardo Nugent fa il suo maldestro ingresso in tribunale sotto i severi occhi della giudice Myrna Loy si ride e ci si prepara al buonumore. Grant è magnifico come sempre con le sue esitazioni sornione e quegli impacci di alta classe che lo vedono vittima degli eventi (in tal caso di un'adorante minorenne). Poi la storia diviene più aneddotica (anche se piacevole) privilegiando il lato romantico e si perde l'iniziale carica anarchica. Piacevole il contorno dei bravi caratteristi.

Cotola 1/01/20 13:00 - 7692 commenti

I gusti di Cotola

Gradevole pellicola dallo script molto prevedibile (che però vinse l'oscar per la migliore sceneggiatura e con qualche elemento che per l'epoca non doveva essere poi così scontato) ma che riesce comunque ad intrattenere piacevolmente, regalando allo spettatore diversi momenti divertenti e risate. Nulla di che gridare al miracolo, ma ogni tanto fa piacere vedere una commedia vecchi tempi. Cary Grant è perfetto nel ruolo, ma anche tutti gli altri, caratteristi compresi, fanno un'ottima figura.
MEMORABILE: Il fattorino dell'ascensore alla Temple: "Io ho 15 anni". E lei: "Io 17". "Oh, non importa: mi piacciono le tardone".

Rambo90 1/12/20 02:23 - 6514 commenti

I gusti di Rambo90

Discreto ma non indispensabile nella lunga filmografia dei divi che lo interpretano. La sceneggiatura (incredibilmente premiata con l'Oscar) parte da premesse abbastanza sciocche, pur sapendo poi creare lungo la corsa situazioni simpatiche come i giochi campestri o la cena a cui si presenta sempre più gente. Il terzetto di protagonisti funziona, ma ancora una volta la sceneggiatura non dà loro i giusti mezzi per approfondire i personaggi fino a una soluzione finale troppo semplicistica (se bastava un discorso per far rinsavire la Temple, perché non farlo prima ?).

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 2/01/20 17:11
    Gran Burattinaio - 5347 interventi
    x Cotola

    La scheda del film esiste già, si tratta di quella di Vento di primavera, che IMDB riporta come aka de L'intraprendente signor Dick.

    Vento di primavera è il titolo della versione doppiata in italiano distribuita originariamente (1948), L'intraprendente signor Dick il titolo della nuova distribuzione (1955). Decida Zender quale è l'intestazione preferibile, ma le due schede vanno comunque riunite.
  • Discussione Cotola • 2/01/20 17:16
    Consigliere avanzato - 3653 interventi
    Grazie Daniela. Facendo la ricerca non lo avevo trovato.
  • Discussione Daniela • 2/01/20 17:55
    Gran Burattinaio - 5347 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Grazie Daniela. Facendo la ricerca non lo avevo trovato.

    Cose che succedono... però in questo caso mi è dispiaciuto, non vedendo il mio commento pensavo in un primo momento di essersi imbattuta in un Cary Grant che ancora mi mancava :o(
    Nella vita privata pare non fosse un granché come compagno/marito (fra l'altro aveva il brutto difetto di essere tirchio), ma sullo schermo incarnava la quintessenza del fascino virile, unita a quel pizzico di autoironia che lo rendeva irresistibile.