La ragazza della porta accanto

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The girl next door
Anno: 2007
Genere: drammatico (colore)
Note: Basato sull'omonima novella di Jack Ketchum, e ispirato a un fatto di cronaca realmente accaduto
Numero commenti presenti: 20
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un uomo (Atherton) soccorre vigorosamente la vittima di un incidente stradale e questo lo porta a ricordare altri accadimenti legati al dolore e alla sofferenza fino a risalire a ciò che a lui stesso capitò quand'era un ragazzino, nel 1958. Pretestuoso fin dall'inizio, il film è tratto da un romanzo di Jack Ketchum e sembra faticare non poco nel sapersi rendere credibile sia stilisticamente che nelle situazioni che racconta, dando più volte l'impressione di esser scritto frettolosamente, a scapito di una logica che ci avrebbe al contrario calato con la necessaria autenticità nella storia. Operato il balzo all'indietro (che ha il merito di essere unico, senza inutili rimpalli tra passato e presente), il film racconta quindi del giovane David...Leggi tutto (Manche) che sulla riva d'un fiume conosce la dolce vicina di casa, Meg (Auffarth). La ragazza ha perso i genitori ed è andata ad abitare con la sorellina disabile dalla zia Ruth (Baker), donna che non si fa troppi problemi nell'affrontare con le due nipoti né coi suoi figli argomenti “scabrosi” trattandoli con cinico disincanto. Il modo in cui argomenta sul sesso e le sue implicazioni sulla società ci dice di un approccio superficiale, bigotto e sui generis da parte di Ruth, che minuto dopo minuto ci accorgiamo di quanto goda nel dipingere Meg come quasi una sgualdrina (senza che la cosa abbia una benché minima giustificazione). La offende in prima persona, porta i suoi figli a trattarla senza rispetto alcuno di fronte agli occhi di David, il vicino, che non riesce davvero a capire i motivi di un comportamento simile. Gregory Wilson tratta il suo film come una sorta di STAND BY ME morboso e feroce (citando apertamente il classico di Reiner nella scena del ragazzino in bici sui binari), elidendo la parte avventurosa in favore d'un gioco al massacro ripugnante. Dimenticando però che per essere efficace avrebbe dovuto descrivere con maggiore autenticità atteggiamenti, reazioni e comportamenti dei protagonisti. Non perché sia inimmaginabile la situazione raccontata quanto per il modo in cui troppi particolari non tornano generando un costante senso d'incredulità. La storia si segue comunque bene grazie a una forte partecipazione emotiva legata alla buona recitazione del cast e alla qualità della messa in scena e delle riprese, capaci di sottolineare - attraverso i volti e l'espressività dei ragazzi - la sprezzante crudeltà di zia Ruth. In questo il film può dirsi riuscito, anche nel contrasto tra le atrocità narrate e la laccata confezione da teen-movie tradizionale. Ma le evoluzioni sono quasi nulle, l'escalation prevedibile e si aspetta solo di capire come il tutto giungerà alla sua naturale conclusione. Girato in buona parte tra una cantina e le quattro case intorno, riallacciato nel finale al presente in modo posticcio e grossolano, non farà si suppone la storia del sottogenere cui appartiene (l'infanzia brutalmente perduta) pur avendo più di una freccia al proprio arco e la capacità di non arretrare di fronte alla brutalità.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/12/08 DAL BENEMERITO SCHRAMM POI DAVINOTTATO IL GIORNO 4/07/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 9/12/08 14:11 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Inconsumabile, incompromissoria, immotivata e senza catarsi: così ha da essere la violenza al cinema, per scapolare l'assuefazione e riacquisire una sensibilità. Muovendosi congruentemente a certo Haneke (il fuori campo, la gratuità), Wilson ci fa rovinare addosso un'onda anomala di Male, dalla quale non ci si rialza illesi né minimamente divertiti. Una duro match tra noumeno e fenomeno, in una escalation di durezza che fa dell'insostenibilità la posta in gioco e che farà un male porco anche -e soprattutto- al nerd splatteromane che si balocca con Vogel e i Guinea pig.Stand by me lavico, va affrontato per ricordarsi ogni tanto che la violenza è tutto fuorché consumo.

Deepred89 7/02/09 22:15 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Thriller disturbante ed opprimente, molto lento ma decisamente ben confezionato. Il regista decide di evitare compiacimenti e spettacolarizzazioni, lasciando fuori campo tutte le scene truculente e dimostrando uno stile tutt'altro che disprezzabile. Buona la fotografia, che punta tutto sul contrasto tra i solari esterni e la cupezza della cantina della casa di Ruth. Attori in parte. Tra le influenze varie Haneke, il primo Guinea pig e, non ultimo, Stand by me. Consigliato, nonostante una crudeltà decisamente sopra la media.

Capannelle 24/03/09 15:56 - 3702 commenti

I gusti di Capannelle

Pellicola che fa impallidire decine di film horror/exploitation e mette a dura prova la coscienza dello spettatore. Colpisce perché è fatto bene con attori indovinati, regia e fotografia di prim'ordine. Colpisce perché vira improvvisamente da un registro ordinario ad uno ultrasadico, con gli stessi protagonisti. Colpisce perché il fatto è successo veramente. Difficile per chiunque trovare la voglia di rivederlo. Ma serve a realizzare come si creino i mostri: per me bisognerebbe introdurre la responsabilità oggettiva anche per i genitori.

Brainiac 29/12/09 00:30 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

La stagione diversa di Jack-"Infamità"-Ketchum prende il via da quella di King e dei suoi 50's crudeli ed ingellati, pur se aggiornata all'horror moderno di cappio e lama. Insieme a Red e a The lost, altri due gioielli di rara finezza psicologica, delinea il quadro di una nazione bigotta e brutalmente frustrata. David (Daniel Manche) assiste a sevizie che indignano più che nel vagone de L'ultimo treno della notte, costringendo lo spettatore ad invocare sangue al sangue. Il finale non convince appieno, ma The girl next door è una perla nero catrame.

Daniela 1/04/10 07:53 - 9232 commenti

I gusti di Daniela

Due sorelle rimaste orfane sono affidate ad una zia divorziata con figli, mentalmente disturbata e sadica, che si accanirà su entrambe ed in particolare sulla maggiore, mettendo in scena nella propria cantina, a beneficio della prole e di altri ragazzini del vicinato, una atroce parodia di corso di "educazione sessuale". Orrore tenuto fuori campo, ma estremamente disturbante, da restare attoniti. Il consiglio che il piccolo David riceve dal padre è quello di "farsi i fatti propri", imparerà che è il peggior consiglio che si possa ricevere.

Supercruel 27/04/10 17:05 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Leggendo i dati di cronaca nudi e crudi ci si rende conto che questa versione romanzata ha tralasciato molto per quel che concerne la violenza fisica. La ricostruzione dei terribili eventi, però, è giostrata in maniera impeccabile sul versante psicologico e l'asprezza del film non risente dell'assenza di scene esplicite. Quel che colpisce è la descrizione della violenza come pura normalità, accettata dalla comunità. Quel che succede nella cantina del vicino non è affar mio... Brutale.

Lattepiù 30/05/10 16:43 - 208 commenti

I gusti di Lattepiù

Sevizie come svago collettivo nell’America perbenista degli anni 50. L’agonia senza via di scampo della giovane Meg, alle mercè della sadica crudeltà di zia, cugini e ragazzi del vicinato. Opera sconvolgente e dolorosissima, sorretta da una regia magistrale nel dosare durezza delle immagini e fuori-campo, mette in scena un implacabile crescendo di sofferenza fisica fortemente disturbante. Agghiacciante la caratterizzazione della zia Ruth, di una cattiveria estrema. Il film definitivo sulla quotidianità del male. Capolavoro assoluto.

Gestarsh99 20/09/10 12:41 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Tratto dall'omonimo romanzo di Jack Ketchum (basato a sua volta su una storia purtroppo realmente accaduta) un film durissimo e crudele che raggiunge picchi di sadismo molto fastidiosi, pur restando la violenza tutta fuori campo. Un lungo percorso di degradazione morale e fisica atrocemente travestito da innocente gioco infantile, col coinvolgimento di giovani anime, complici/carnefici manovrati dalla follia misogina di una superba Blanche Baker. Un'opera che è anche una splendida storia d'amore adolescenziale rievocata in maniera fredda e dolorosa.
MEMORABILE: Il fuori campo della bruciatura del clitoride operato tramite fiamma ossidrica.

Mdmaster 6/12/10 09:30 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Durissima opera che definire "horror" è fuori luogo. Nonostante si prenda qualche libertà con quanto accaduto, la vicenda resta insopportabilmente veritiera. Il rimando a Haneke è quasi automatico (l'assistere inerti a un susseguirsi di orrende punizioni a un'innocente), ma stavolta è impossibile non esserne colpiti emotivamente. Concluso il film, posto che si riesca ad arrivare alla fine, restano domande. Quale il valore della violenza, quale la responsabilità dei genitori, quale il prezzo da pagare per la società. Tremendo, pure per me.
MEMORABILE: Quel "I love you" in chiusura mi ha seppellito definitivamente.

Mickes2 27/09/11 20:10 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Devastante rappresentazione della violenza psicologica e fisica, dei rapporti umani che si sgretolano come un castello di sabbia sotto i colpi di un'ottusa misoginia. Torture che attraversano per la loro potenza e incisività, intrise di inesorabile e duro realismo. Pura mentalità bigotta americana che annichilisce, lascia storditi ed atterriti. Wilson sceglie il fuoricampo come Haneke, la sua Pianista e i Funny games insegnano: suggerire è molto meglio che mostrare. Di vibrante naturalezza l'intepretazione di Blanche Baker.
MEMORABILE: La sadica usanza della bruciatura del clitoride.

Pinhead80 16/12/11 20:19 - 3898 commenti

I gusti di Pinhead80

Dopo un inizio che sembra essere un po' in sordina il film ti prende per la bocca dello stomaco e non molla la presa fino alla fine. Il merito è senz'altro di una sceneggiatura diabolica ben rappresentata da Gregory Wilson. Ciò che più fa male è la perversione dei ragazzi che, ormai plagiati in maniera inverosimile dalla zia, finiscono per compiere ogni tipo di nefandezza nei confronti dei corpi e delle anime martoriate delle povere ragazze. Un orrore nell'orrore che ripugna e segna indelebilmente.

Gaussiana 25/04/12 15:12 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Il film è una pesante e crudele critica al falso perbenismo puritano che, specialmente nelle piccole cittadine della provincia americana, era in realtà un guscio dietro al quale nascondere la violenza domestica, le questioni "private", le frustrazioni individuali. Come un pugno nello stomaco il film ci mette di fronte alla depravazione disturbante della zia Ruth e dei suoi figli, ma anche all'omertà di chi li circonda. Le sevizie inflitte con brutalità alle ragazzine con qualsiasi pretesto tormentano anche lo spettatore.

Ducaspezzi 13/10/12 00:58 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Tutto quel che non si vede, mischiato col ghigno ziesco, rintrona nell'animo con una deflagrazione sorda e torbida che le esplicitazioni grafiche, con il loro potenziale più "distrattivo" che distruttivo, potrebbero solo attutire. Ed esse non verranno mai in nostro (bizzarro) aiuto! Perché il senso di inaccettabile abominio non dev'essere eluso da qualsiasi (h)orrorificazione (=plastificazione) della vicenda, purtroppo storia vera di follia ferina, data pure in apprendistato a un gruppetto degenere di inurbati pupilli del signore delle mosche).
MEMORABILE: La Baker, dopo questa disturbante prova, se mai ebbe in mira ruoli tipo Mary Poppins, Trilli Campanellino o la fata Turchina, se li è giocati forever!

Pumpkh75 29/04/13 21:11 - 1299 commenti

I gusti di Pumpkh75

Entusiasmante. Sembra quasi di sentirli nelle narici, quel vento estivo tra gli alberi e quelle risate chiassose dei ragazzi in calzoncini corti. L’aria però si lacera subito, lascia il campo alla follia e alla depravazione, precipitandoci in un vortice doloroso e raggelante che lascia solamente una frustrante sensazione d’impotenza. Attori (sul filo del rasoio della mia sopportazione) perfettamente in parte, regia asciutta e quasi asettica come necessario. Difficile da digerire, ma perfetto nella sua lucida devatazione. Quasi un capolavoro.

Werebadger 31/01/15 14:45 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Da un crudo romanzo di Jack Ketchum: due sorelline orfane vengono affidate a un'austera madre di famiglia. La donna si rivelerà un mostro di rara cattiveria e perversione. Come tutte le storie dello scrittore americano anche questa dipinge la ferocia e l'ipocrisia che possono nascondersi dietro la tranquilla e apparentemente puritana facciata dell'America anni 50, nonchè l'illimitata (e immotivata) crudeltà raggiungibile dall'uomo, anche da quello in apparenza più comune. Bravissime la dolce Auffarth e l'arcigna Baker. Per adulti dallo stomaco forte.
MEMORABILE: "David... io ti amo".

Herrkinski 4/12/14 05:02 - 5043 commenti

I gusti di Herrkinski

Emozionalmente destabilizzante. Nulla a che vedere coi vari torture-porn: benché le sevizie e le umiliazioni siano atroci, il lato grafico non è presente come in altri epigoni; non ce n'è bisogno. Il film infatti colpisce duro con i dialoghi, i fuori campo, riesce a creare nello spettatore una forte empatia con la povera protagonista; oltre all'orrore, si finisce per provare una forte pietà, che sommerge del tutto nella devastante chiusa della tragedia. Tecnicamente ineccepibile e cast eccellente; va visto, anche se può fare molto male.

Cotola 4/02/15 22:21 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Quel che all'inizio (per poco a dire la verità) sembra un filmetto adolescenziale, si trasforma ben presto in un disturbante incubo claustrofobico ed a tinte fosche.La discesa agli Inferi che deve affrontare la protagonista è progressiva ed inesorabile: lo spettatore non ha scampo e non troverà redenzione nemmeno alla fine. E se qualcosa può sembrare troppo programmato o compiaciuto è anche vero che tale rischio è quasi del tutto riscattato dalla veridicità della storia (realmente accaduta). Sebbene molta violenza sia più suggerita che mostrata, resta comunque un film per stomaci forti.

Belfagor 1/04/18 18:59 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Coeva del remake dei giochini hanekiani, questa ricostruzione romanzata di un fatto di cronaca riesce laddove il film austriaco aveva fallito: il male è incarnato da un personaggio credibile, una sadica spietata che si nasconde dietro la facciata della perfetta casalinga e la violenza (giustamente lasciata fuori campo in molti casi) non è fine a onanismi pseudoaccademici ma ci avvicina alla vittima e ci pone faccia a faccia col dilemma morale di chi assiste senza intervenire. Funzionali le ambientazioni da provincia kinghiana.
MEMORABILE: I discorsi usati da Ruth per manipolare i ragazzini.

Giùan 6/04/18 10:43 - 2937 commenti

I gusti di Giùan

Paradossalmente il film trova la sua giusta, terrificante misura nella propria mancanza di "personalità" autoriale. Una "privazione" che diventa la dimensione etica perfetta per tributare il dovuto rispetto alla protagonista di una storia orribilmente vera, mostrandosi contestualmente una scelta cinematograficamente capace di scuotere coscienze collettive e sensibilità personali. Gli Happy days della provincia americana son fagocitati da un dolore tanto più straziante quanto più procede implacabile, soffuso, pervaso da ipocrisie e "fiancheggiamenti".
MEMORABILE: L'innocenza dello sguardo della Auffarth; La sigaretta in bocca alla famelica Blanche Baker.

Anthonyvm 7/08/18 22:33 - 1798 commenti

I gusti di Anthonyvm

Agghiacciante dramma che si tinge di orrorifico prima di quanto ci si aspetti, lasciando lo spettatore atterrito e costernato di fronte a un vortice irrefrenabile di violenza, sadismo e degrado come raramente si vedono al cinema. L'orrore è ben distante dal gore ridicolo dei torture porn del periodo: è viscerale, diretto, si insidia sotto la pelle del pubblico e non lo lascia più per diverse ore dopo la fine della visione. Certo, non è un capolavoro, ma come ritratto del marcio nascosto nella società è riuscitissimo.
MEMORABILE: I lunghi monologhi della matriarca sadica; Le sevizie che culminano nella mutilazione genitale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 2/05/13 08:23
    Consigliere massimo - 5074 interventi
    Non so, certo si trova spigolando lungo il torrente ;o)
  • Discussione Capannelle • 2/05/13 11:09
    Scrivano - 2496 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Si trova con sub tramite le solite fonti (equine?)?

    Lo trovai lì, credo con sub inglesi. Attenzione che c'è un film omonimo tutt'altro genere ah ah.
    Ultima modifica: 2/05/13 11:09 da Capannelle
  • Discussione Daniela • 2/05/13 22:31
    Consigliere massimo - 5074 interventi
    e si... una commediola americana con teenagers, da evitare accuratamente
  • Homevideo Pumpkh75 • 26/05/14 20:44
    Addetto riparazione hardware - 388 interventi
    Incredibile, ma con 7 anni di ritardo esce finalmente in Italia: a noleggio il 2 Luglio per Koch Media, sia in DVD che in BR!!!
  • Discussione Buiomega71 • 17/06/14 09:39
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Zendy, titolo italiano nella messa in onda di HorrorChannel (e poi in dvd) La Ragazza Della Porta Accanto
  • Discussione Zender • 17/06/14 18:23
    Consigliere - 43386 interventi
    Yes grazie, senza maiuscole. Ma una domanda: come mai ti viene da mettere la maiuscole alle singole parole del titolo Buio?
  • Discussione Buiomega71 • 18/06/14 00:59
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Yes grazie, senza maiuscole. Ma una domanda: come mai ti viene da mettere la maiuscole alle singole parole del titolo Buio?

    Perchè ho sempre adorato scriverli così... :)

    Anzi, li ho sempre scritti così (o quasi)
  • Discussione Zender • 18/06/14 08:00
    Consigliere - 43386 interventi
    Sappi che è un'americanata :)
  • Discussione Buiomega71 • 18/06/14 10:11
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sappi che è un'americanata :)

    Io adoro le americanate! :)
  • Discussione Buiomega71 • 24/01/18 20:38
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    E' morto lo scrittore Jack Ketchum