LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 24/04/07 01:29 - 5368 commenti

I gusti di B. Legnani

Banalotto, anche se non esecrabile. Il punto migliore del film è la crudeltà, spesso non consapevole, che i giovani riversano all'interno delle loro gruppo di conoscenze, ma il film non sfrutta l'aspetto psicologico citato e si abbandona ad un sequenza di avvenimenti non ben collegati fra di loro. Guardabile, ma dimenticabilissimo.

Deepred89 3/05/07 12:53 - 3568 commenti

I gusti di Deepred89

Discreto slasher americano. La prima parte non è niente di che e sembra uno dei tantissimi epigoni di Halloween. Ma negli ultimi tre quarti d'ora la storia si fa interessante e c'è pure una discreta tensione. Peccato solo per l'assurdo colpo di scena finale: una baracconata totalmente inutile e improbabile che lascia l'amaro in bocca. Non male le scene dell'operazione al cervello e gli omicidi alla Dario Argento (tutti poco sanguinosi però). Discreti gli attori e piacevoli le musiche.

Undying 2/07/07 22:02 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Tentavivo di emulare (maldestramente) il giallo argentiano da parte di un regista molto più (e meglio) versato nel genere action. Il film sembra ricalcare anche la corrente del body-count generata da Halloween e si avvale di un plot funzionale al progressivo defalcamento degli interpreti, da realizzarsi in maniera più o meno fantasiosa (lo spiedino in bocca). Peccato che gli attori siano così svogliati e che gli effetti vengano, puntualmente, oscurati: tutto ciò contribuisce ad innervosire lo spettatore, che verrà steso con l'idiota twist-end.

Homesick 31/03/08 17:26 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Passabile slasher nato sulla scia di Halloween ma chiaramente debitore anche al thriller italiano anni ’70 (look e modus operandi dell’assassino). Ricco dei luoghi comuni del genere – con l’aggiunta di una operazione al cervello presaga di Saw III - decide di bruciar via troppo presto la tensione avviandosi verso un finale contorto, poco plausibile e, sinceramente, piuttosto disonesto. Tolto il grande Ford, tutti gli altri attori sono stereotipate marionette in balia degli eventi.

Cotola 12/05/08 20:27 - 8575 commenti

I gusti di Cotola

Mediocre giallino con qualche coloritura horror, che punta tutto sul solito meccanismo della catena di omicidi commessi per oscuri motivi (fino al finale, s'intende!) e su una scena finale con tanto di compleanno di sangue come da titolo. Peccato che il regista non abbia una sola idea e che la sceneggiatura sia assolutamente pessima, piena di buchi e con una spiegazione finale davvero delirante. Un colpo al cuore vedere un grande come Glenn Ford invischiato in una porcheria del genere. Ma d'altronde si sa: "pecunia non olet".
MEMORABILE: La scena di "compleanno".

Puppigallo 7/10/08 22:56 - 5009 commenti

I gusti di Puppigallo

Sembrava persino confezionato decentemente, anche se ormai fuori tempo massimo (tanto che avevo l'impressione che, da un momento all'altro, saltasse fuori Fonzie a risolvere il caso). Ma col passare del tempo, la pellicola ha iniziato a mostrare tutte le sue lacune (momenti inutili alla Happy Days dei poveri, intervallati da omicidi piuttosto insignificanti nella fattura, a parte un paio di eccezioni). Poi, il demenziale colpo di scena finale mi ha dato la mazzata decisiva. Anche la storia delle cellule cerebrali che si rigenerano poco per volta lascia comunque perplessi. Filmaccio.
MEMORABILE: L'operazione al cervello. La spiedinata, che purtroppo non è come quella nella locandina.

Lovejoy 9/10/08 13:32 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Mediocre horror con colpi di scena telefonati, ritmo blando e una regia poco meno che passabile del veterano Thompson. Il quale ha fatto di gran lunga meglio (su tutti, da citare almeno I cannoni di Navarone), così come il grande Glenn Ford, che qui non crede minimamente a quello che fa (e lo si vede chiaramente). Resto del cast imbarazzante. Da evitare.

Herrkinski 8/04/09 13:50 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Interessante giallo con risvolti horror. Inusuale la firma alla regia di Lee Thompson, normalmente impegnato in pellicole action o poliziesche. In questo caso il ritmo è differente e il regista svolge la vicenda con calma, passo per passo, senza affrettare la soluzione finale (il film dura ben 1h e 50). Tuttavia il film non mi ha annoiato, richiamando alla mente i gialli italiani degli Anni Settanta (il "whodunit", il finale dai molteplici colpi di scena, il look e gli omicidi truci del killer) e mantenendo una buona atmosfera. Cult gli ultimi dieci minuti.
MEMORABILE: Il finale.

Rickblaine 29/06/09 11:14 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Splatter e sangue a volontà in un film che denota poca logica e quindi minima lucidità. L'obiettivo primario è mettere paura e l'horror ha questo dovere. In questo senso non si può accusare l'opera di mancanza di scene crude e violente. Grave invece la mancanza di serietà per una trama che, se studiata meglio, poteva aver altro esito.

Enzus79 29/06/09 10:40 - 2515 commenti

I gusti di Enzus79

Horror che risulta alquanto imbarazzante per il suo svolgersi, con una suspence che supera di poco lo zero e una storia con più bassi che alti. Hitchcock o Argento avrebbero fatto strameglio, ma forse non era nemmeno difficile farlo... Gli attori sono mediocri e trascinano nella loro mediocrità anche un attore come Glenn Ford.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Capannelle 30/06/09 14:10 - 4194 commenti

I gusti di Capannelle

Thompson esagera con i toni e la lunghezza della parte preparatoria. Dialoghi banali e sequenze di alta concezione (l'operazione al cervello). Però un paio di killeraggi reggono bene, c'è anche un minimo di ironia e la storia sembra prendere credibilità. Nel finale assistiamo alla scena migliore: tutti attorno alla tavola, ma anche al secondo errore (fatale); un finale-bis che grida letteralmente vendetta. Con più cura poteva uscirne qualcosa di interessante. Due pallini.

Brainiac 11/07/09 12:59 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Una volta in videoteca, avrò avuto sei anni, mia madre mi vietò di noleggiare questo film: c'era lo spiedino infilzato in bocca sulla copertina e a lei non sembrava il caso. Ora che l'ho rivisto, ho scoperto un altro motivo per voler bene alla mia mamma. Il film sembra una puntata di Happy days in (scipita) salsa thriller, con questi amici che si fanno di continuo degli scherzoni irriverenti e si cimentano con ilarità in gare da babbei (tipo superare il ponte levatoio mentre lo alzano). Il finale poi, rievoca i colpi di scena delle puntate di Scooby doo!

Funesto 11/11/09 14:30 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Bah! Il solito slasherino americano Anni Ottanta senza pretese e pieno di giovani facce da schiaffi pronti a crepare per mano del maniaco di turno. Diretto con la mano sinistra (sciatta la regia di Thompson), si fa apprezzare solo per la morbosità di alcune scene e per qualche bella (e stupida) trovata del killer per accoppare. Il sangue c'è e non si può negare (cito l'omicidio col bilancere), ma la resa effettistica è scarsa e la paura latita. Il finale, poi, benchè abbia un suo fascino, è tirato per i capelli in maniera estrema. Mediocre.
MEMORABILE: L'ottima scena dell'omicidio di Bernadette e quella con la tempia della vittima che viene grattugiata dalla ruota della moto; la bella scena finale.

Tomastich 31/01/10 10:40 - 1250 commenti

I gusti di Tomastich

Uno slasher con la S maiuscola. Con attoruncoli di seconda scelta (eccetto Ford). Il buon JackLee Thompson firma una storia molto simile a quella che Argento userà per Trauma, ben 13 anni dopo. Film che punta tutto sulla scena finale, ma che scena! Scenografica e disgustosa, geniale e inquietante. Questi erano i film dell'horror, gli altri che si vadano a mettere gli occhialini per vedere i draghi che volano o i muccini piangenti.

Mdmaster 20/09/10 09:21 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Il 1981 è stato un anno chiave per il genere slasher, il momento che ha segnato la "realizzazione" e ha cominciato a girare a vuoto. E così "Happy birthday to me" gira proprio a vuoto, tirando continui falsi indizi allo spettatore (tutti potrebbero essere l'assassino), mettendo in fila qualche omicidio simpatico e concludendo con una nota positiva che non vale certo l'ora e mezza che l'ha preceduto. Cast fuori forma, mancanza assoluta di suspense e colonna sonora assente. Ho visto di peggio, purtroppo.
MEMORABILE: Troppo sollevamento pesi; allegra festicciola finale.

Buiomega71 23/07/11 00:50 - 2733 commenti

I gusti di Buiomega71

Non malaccio questo slasher del vecchio zio Jack. Thompson, da buon marpione, si ricicla nel post Halloween, con atmosfere autunnali, schermagliette amorose, piacevole gusto macabro necrofilo, twist finali ben congegnati e omicidi più fantasiosi che splatterosi (discreti gli sfx di King Hernandez), tra spiedini, catene di motociclette con sciarpe annesse e pesi letali. Tra i titoli del filone è uno dei più godibili, ben diretto e fotografato e con quel sano cinismo che non guasta mai. Forse 106 minuti sono un po' troppi, ma comunque son ben spesi.
MEMORABILE: L'incidente sul ponte; il primo delitto palesemente "argentiano"; la macabra festicciola di compleanno finale; l'inaspettato coupe de theatre.

Fauno 10/01/12 11:52 - 2120 commenti

I gusti di Fauno

Film molto buono per intreccio, qualità dei delitti e soluzione finale, che penso quasi nessuno si sarebbe potuto immaginare. Una vera pugnalata poi i retroscena dell'incidente. C'è però un punto assolutamente non credibile che fa calare vertiginosamente il punteggio. Non fa piacere ammetterlo, visto che di carica emotiva ce n'era a iosa. Curioso rivedere Glenn Ford e pensare alla sua straordinaria carriera.

Hackett 27/01/12 14:13 - 1846 commenti

I gusti di Hackett

Slasher giovanile abbastanza ordinario la cui peculiarità sta forse solo nell'essere una produzione canadese e nell'avere un attempato Glenn Ford nel cast. Il resto è gradevole ma abbastanza trito, con una nota di merito per la scena dello spiedino orale. Finale "Scooby Doo" che, nel tentativo di spiazzare lo spettatore, rovina quanto la trama era riuscita faticosamente a creare.

Pumpkh75 18/02/14 14:40 - 1588 commenti

I gusti di Pumpkh75

Slasher da ricordare e per non pochi motivi: c’è Melissa Anderson in una delle poche escursioni conosciute fuori dalla prateria, c’è una bella serie di omicidi magari non truculenti ma almeno singolari (tra spiedi e bilancieri c’è di che sbizzarrirsi). Purtroppo, fa capolino anche una delle soluzioni finali più improbabili che mente umana ricordi e il giudizio finale non può non risentirne. Per lo meno non annoia e diverte, nella sua sgangherata peculiarità.

Rambo90 13/07/17 02:59 - 7293 commenti

I gusti di Rambo90

Slasher di una pochezza incredibile. La regia di Thompson è professionale ma la trama fa acqua da tutte le parti: all'inizio coinvolge poco e sembra scontata, per poi cercare di salvarsi nel finale con una serie di colpi di scena a dir poco deliranti, che mandano in vacca qualsiasi plausibilità. La dinamica degli omicidi e gli effetti non sono male, ma è davvero l'unico appiglio per gli appassionati del genere. Glenn Ford sprecato e al minimo storico.

J. Lee Thompson HA DIRETTO ANCHE...

Nicola81 13/08/17 19:06 - 2576 commenti

I gusti di Nicola81

Thriller a eliminazione che tutto sommato non mi è dispiaciuto. Certo la sceneggiatura non è esente da pecche e Thompson se la prende piuttosto comoda, però riesce anche a far salire la tensione quando è necessario. Delitti non particolarmente sanguinosi ma diretti con una certa inventiva e il finale sarà pure inverosimile ma è innegabile che colga nel segno. Il cast non brilla particolarmente (le giovani vittime sono il solito gruppo di imbecilli), ma almeno c'è un attore di razza come Glenn Ford: chissà come ci sarà capitato...
MEMORABILE: Gli omicidi; Il flashback dell'incidente; Il finale.

Claudius 11/03/18 15:47 - 520 commenti

I gusti di Claudius

Tra i tanti slasher di inizio anni 80 questo è il migliore grazie ad alcune intuizioni (la descrizione dei rapporti tra genitori e figli ad esempio), ad alcuni omicidi ben costruiti e alla scena dell'operazione. Nel cast da segnalare la presenza di un grande come Glenn Ford e della Anderson, bellissima ma anche discreta come attrice! Niente nudi gratuiti (anche se l'attrice compare in underwear). Agghiacciante il finale.
MEMORABILE: L'omicidio in macchina e il finale.

Ciavazzaro 5/04/18 02:04 - 4773 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pietra miliare del genere. Un film cupo e molto cattivo (il finale è veramente nerissimo, nella sua crudeltà). La Anderson, smessi i panni della ragazzina della prateria, dà vita a un personaggio tragico e complesso, favolosa la Bregman (attualmente star della soap americane) sua migliore amica, una garanzia Ford. Buon intreccio whodunit con numerose red herrings. Fantastico il flashback rivelatore e notevolissimi i creativi omicidi (con assassino in guanto nero), inquietante la soundtrack. Avvince al punto che la lunga durata manco si sente.
MEMORABILE: Il flashback rivelatore; La gara delle auto sul ponte; Gli omicidi: sciarpa e il famigerato shish kebab; L'attacco in auto; Il finale.

Daidae 27/09/18 11:02 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Non dispiace. Inizia con una bella scena di "azione" (con auto che volano sul ponte) e prosegue come valido thriller sulla scia di Venerdì 13 e simili. Buona la prova del cast, che vede anche dei nomi famosi, valida la regia, non male la fotografia. Non un capolavoro, ma non sfigurerebbe in una collezione di amanti del cinema anni 70/80. Il regista è noto più che altro per diversi film di azione con Charles Bronson, ma se la cava discretamente anche in altri generi come questo. Da vedere.
MEMORABILE: Il finale.

Keyser3 10/05/21 22:49 - 339 commenti

I gusti di Keyser3

Slasher in puro stile anni '80 senza troppe frecce al proprio arco; già dall'improbabile prima aggressione, con la vittima che anziché scappare quasi si consegna all'assassino, si intuisce il dubbio valore del lavoro di Thompson. Glenn Ford, nome di pregio del cast, non riesce a nobilitare l'opera, anzi ci si chiede perché e come ci sia finito dentro. Pure sul versante degli omicidi si poteva osare di più, mentre il finale, seppur di discreto impatto, è uno dei più cervellotici di sempre.
MEMORABILE: Le brevi sequenze dell'operazione al cervello.

Fedeerra 5/06/21 06:22 - 787 commenti

I gusti di Fedeerra

I fantastici 10: ovvero studenti modello, ricchi, belli, annoiati, bugiardi e psicopatici. Slasher sui generis che parte da uno spunto narrativo a imbuto (ad ogni flashback della protagonista viene ucciso un membro del gruppo), ma che poi si dirotta tra i viottoli del morboso e addirittura del necroforo. Qualche personaggio viene perso per strada dagli sceneggiatori, ma il finale (e il colpo di scena finale) è un vero banchetto del macabro. Gli omicidi sono frettolosi ma estremamente violenti e la bellezza eterea della Langlois (anche se in un ruolo minore) si fa notare.

Anthonyvm 3/04/22 01:08 - 4551 commenti

I gusti di Anthonyvm

Slasher canadese dalla trama barocca e talvolta inconsistente, che spazia dalla fantamedicina al giallo psicologico, sventagliando red herring quasi parodistici nella loro esasperata ovvietà e plot twist che sconfinano nel trash (la sorpresa finale raggiunge gradi di impensabilità degni de La morte avrà i suoi occhi). A ogni modo la regia di Thompson è notevole (gran cura per la composizione scenica), i delitti rapidi ma alquanto truci (la morte da spiedino ricordata anche nella stupenda locandina, il bilanciere sulla gola) e l'eroina ben tratteggiata (Scream le sarà debitore). Okay!
MEMORABILE: La sciarpa nella ruota della moto; La corda della campana insanguinata; L'operazione al cervello; L'incidente sul ponte; La festicciola coi cadaveri.

Teddy 17/11/22 05:26 - 457 commenti

I gusti di Teddy

Ricchi, privilegiati, poco monogami, li chiamano “i magnifici dieci” e sono studenti scadenti ma psicotici eccellenti. Proto-slasher entrato di diritto nella popolosa mitologia del cinema di genere, totalmente illogico nella sua delirante progressione narrativa ma ricco di intuizioni “horror” di macabra caratura. Finale emotivamente torrenziale fra i migliori del suo decennio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Claudius • 31/05/15 22:11
    Servizio caffè - 209 interventi
    John trent ebbe a dire:
    sono gusti, io lo trovo uno dei migliori proto-slasher che abbia mai visto (il primo Venerdì 13 è dello stesso anno). e sono affezionatissimo alla protagonista della serie della casa nella prateria... :-)
    Sono d'accordo con te, la storia non è poi tanto banale
  • Discussione Claudius • 11/03/18 15:49
    Servizio caffè - 209 interventi
    John trent ebbe a dire:
    sono gusti, io lo trovo uno dei migliori proto-slasher che abbia mai visto (il primo Venerdì 13 è dello stesso anno). e sono affezionatissimo alla protagonista della serie della casa nella prateria... :-)

    Concordo, anche sulla casa nella prateria
  • Discussione Ciavazzaro • 5/04/18 02:27
    Scrivano - 5611 interventi
    Molto bello.

    Sono d'accordo con te Fauno sul fatto che

    SPOILER

    Il modo in cui l'assassina ogni volta riesce a narcotizzare la protagonista, per sostituirsi a lei, è francamente poco credibile e alquanto ridicolo.

    FINE SPOILER

    Nonostante questo però gli ho dato quasi 4 pallini, perchè il film merita e molto.
    Intanto visto il mio punto debole del whodunit, e questo film ricorda molto i miei amati gialli italici (alla fin fine lo slasher whodunit non è altro che una versione con più sangue dei nostri gialli, l'ho sempre pensata così, ed è per questo che i miei slasher favoriti sono quelli whodunit).

    Alcune red herrings sono evidentemente false piste

    SPOILER

    Il solito geniaccio per esempio appare chiaro non possa essere l'omicida, troppo evidente

    FINE SPOILER

    Sono riuscito a capire l'identità dell'omicida, ma non assolutamente il movente

    SPOILER

    Avevo pensato a un possibile movente più morboso, come un attaccamento innaturale e non corrisposto all'amica, ho avuto questa sensazione da subito, per esempio l'espressione dell'amica quando la protagonista scappa dopo la gara di auto sul ponte, preoccupata ma non troppo, un pò ambigua mai avrei pensato che potessero essere sorellastre, anche se solo una delle due sapeva.
    Un pò ero deluso all'inquadratura del cadavere dell'amica nel bagno, ma sono rimasto dubbioso sul fatto non fosse lei, perchè il suo era uno dei pochi omicidi non mostrati sullo schermo, e quindi era un falso omicidio, un pò come i dieci piccoli indiani.

    FINE SPOILER

    Va anche detto che il primo colpo di scena nell'ultima mezz'ora mi aveva stupito, lasciandomi però dubbioso e giustamente

    SPOILER

    Che fosse la stessa protagonista l'assassina, mi pareva un pò scontato, e avevo quindi pensato ad un falso ricordo, o che avesse solo immaginato i delitti da quando si vede che li compie lei stessa.
    Va detto però che nella sceneggiatura originale l'assassina era proprio la Anderson, posseduta dallo spirito della madre morta, fatto poi cambiato al momento delle riprese,e francamente in questo caso preferisco la soluzione razionale.

    FINE SPOILER

    Il cast è interessante, la Anderson che all'epoca girava l'ultima stagione della casa nella prateria è un personaggio così interessante, il più tragico della pellicola, il destino si è accanito veramente crudelmente su di lei

    SPOILER

    Prima il rifiuto dei compagni snob, con una stanza inutilmente decorata, per una festa che non si celebrerà mai, la tragica morte della madre.
    Anche essa un personaggio tragico, vedi la scena sotto la pioggia di fronte al cancello della villa che rimarrà chiuso per le due,e la figlia che tenta di consolarla.
    E tutte le persone che ama (compreso Ford) uccise una dopo l'altra.
    Va anche detto che però nel finale nonostante l'ultima inquadratura difficilmente finirà anche incriminata per i delitti, viste le prove che l'assassina ha lasciato a terra (maschera, vestiti etc.), ma la sanità mentale potrà essere restaurata ?
    Un finale veramente crudele e nero.

    FINE SPOILER

    Tracey Bergman che ora è una delle star delle soap americane al suo film d'esordio, mostra una bravura, che quasi non la fa sembrare una debuttante.

    Glenn Ford offre quel tocco di vecchia Hollywood che amo molto, anche se ho letto, che durante la permanenza sul set, non era per niente sereno, rompendo oggetti e mostrando chiaramente il disgusto per il film.

    Ottimo anche il resto del cast, con così tanti sospetti (la direttrice, certi alunni etc.).

    Molte belle le inquietante musiche (il tema finale è stupendo).
    Il doppiaggio italiano una volta tanto è di elevata qualità targato CVD (Ford è doppiato da Marcello Tusco che i colombici ricorderanno come doppiatore di Jackie Cooper in Candidato per il crimine e di Santini in L'illusionista).

    Il finale è entrato di diritto nella storia del genere, e sarà riutilizzato in altre pellicole.

    Ho scritto molto, ma questo film offre molte chiavi di discussione e lettura, così spero che mi accompagnerete in una bella discussione filmica !
  • Discussione Fauno • 5/04/18 15:23
    Contratto a progetto - 2667 interventi
    Sì, però dovrò per forza rivedere il film, ma la cosa non mi peserà affatto!
  • Discussione Buiomega71 • 5/04/18 17:48
    Pianificazione e progetti - 24640 interventi
    Ho sempre trovato questo gustoso " slasher" dello zio Jack la quintessenza dello " slasher" elegante, ben costruito, armonioso, come se fosse una partitura musicale che sa' suonare le note più azzeccate

    Quell' atmosfera così autunnale e tipicamente " canadese" ( lo sempre associato alla tripletta NON ENTRATE IN QUELLA CASA, QUELLA STRANA RAGAZZA CHE ABITA IN FONDO AL VIALE e BLACK CHRISTMAS, per un tutto e un po', o per un motivo o per l' altro) ed è forse la prova del nove dello zio Jack ( che da rozzo e cinico, tirava fuori delle perle non indifferenti dal cilindro) nel cinema della paura ( non che le mancavano i demeriti, insomma CERIMONIA PER UN DELITTO, IL MISTERIOSO CASO PETER PROUD e gli innesti slasher nello psycho thriller di 10 MINUTI A MEZZANOTTE sono lì a dimostrarlo) riuscendo a infilzare una serie di momenti cultissimi tra i migliori del genere ( i fantasiosi e macchinosi delitti, l' auto che cade nel fiume stile BLOW OUT- De Palma arriverà solo l' anno dopo- l' operazione a cranio aperto, l' incipit che omaggia il miglior Argento- o il miglior De Palma- e quel delirante, macabro, necroforo e marcissimo finale della " festa di compleanno", che precede il MADHOUSE assonitisiano e sembra un' estensione femminea/psicotica/ della famosa scena del " tutti i cadaverelli" intorno al tavolo di DERANGED)

    Fa' scuola di slashermania lo zio Jack, sale in cattedra e nulla a da invidiare al Carpenter di HALLOWEEN o al Bob Clark di BLACK CHRISTMAS, in questo gioiello che si districa tra spiedini infilati in bocca, catene di motociclette in azione, pesi da palestra che fanno spataciaff e una splendida festa di morte.
    Ultima modifica: 5/04/18 18:12 da Buiomega71
  • Discussione Claudius • 8/04/18 10:44
    Servizio caffè - 209 interventi
    per non parlare del primo omicidio e della colonna sonora (specie strumentale)
  • Homevideo Mortician • 21/12/20 09:39
    Galoppino - 122 interventi
    il 27 gennaio uscirà finalmente in DVD (Sinister Film).
  • Homevideo Caesars • 21/12/20 11:43
    Scrivano - 16480 interventi
    Mortician ebbe a dire:
    il 27 gennaio uscirà finalmente in DVD (Sinister Film).

    Buona notizia
  • Homevideo Caesars • 22/03/21 16:36
    Scrivano - 16480 interventi
    Mortician ebbe a dire:
    il 27 gennaio uscirà finalmente in DVD (Sinister Film).
    Dovrebbe uscire il 31/3 (fonte DVDStore) o il 1/4 (fonte Amazon).


    Aggiornamento del 12 Aprile:
    Per ora tutto rimandato al 28/4..



    Ultima modifica: 12/04/21 13:04 da Caesars
  • Curiosità Zender • 30/03/21 15:23
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

    [img size=250]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/compleanno250.jpg[/img]