Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA BESTIA UCCIDE A SANGUE FREDDO

All'interno del forum, per questo film:
La bestia uccide a sangue freddo
Dati:Anno: 1971Genere: thriller (colore)
Regia:Fernando Di Leo
Cast:Klaus Kinski, Margaret Lee, Rosalba Neri, Jane Garret, John Karlsen, Gioia Desideri, John Ely, Fernando Cerulli, Sandro Rossi, Giulio Baraghini, Ettore Geri, Antonio Radaelli, Monica Strebel, Carla Mancini, Franco Marletta
Note:Aka "Asylum erotica", "Slaughter hotel".
Visite:4436
Il film ricorda:Gli orrori del liceo femminile (a Ghostship)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 42
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 18/3/07 1:27 - 4282 commenti

Di Di Leo? Incredibile! Svolgimento frettoloso, pochi mezzi. Storia dilatata, con ripetizioni di scene viste, inverosimiglianze folli (l’assassino nottetempo gira tranquillo per i corridoi; Karlsen, dopo un urlo nella notte, arriva vestito di tutto punto…). Kinski e la Lee, più che recitare, fumano. Bellissima la Neri, pessima la Garrett. Splendidi gli occhi della felina Strobel. Ettore Geri come commissario è improponibile. La Mancini, là in fondo, attraversa la sala da sinistra verso destra...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 30/7/07 23:55 - 3875 commenti

Senza nulla togliere al genio di Fernando Di Leo, questo film può essere considerato il classico incidente di percorso nel quale incappa ogni autore, anche il più bravo, per le ovvie necessità "alimentari". Perché Di Leo ha realizzato piccole perle del noir, ma il giallo puro non lo ha mai interessato, pur se ha sempre attinto ai romanzi di Giorgio Scerbanenco. Qui l'erotismo (pare che circoli una versione più strong) costituisce, assieme al delirante finale, l'unico motivo di interesse. Kinski? Esegue una marchetta.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 10/4/07 15:18 - 3009 commenti

Non si capirà mai esattamente come e a chi sia venuto in mente di girare un "krimi" alla tedesca nell'era argentiana. Se ci si dimentica del nome del regista ci si può anche divertire, naturalmente all'insegna dello scult involontario. Nella versione hard sia la Strobel con la ragazza nera (fra loro) che la Rosalba (da sola o con un rude custode, ma lì controfigurata) ci danno dentro, ma nemmeno così il film decolla. Forse, l'avesse diretto zio Jess...
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 13/7/07 18:43 - 5737 commenti

Il maestro del noir italico si cimenta nel thriller con risultati pessimi: la trama è miserrima e insulsa - un sanatorio simile a un castello medievale con tanto di terribili armi in bella vista e un assassino che gira indisturbato - e la regia stracca, interessata solo all'insistito erotismo che promana dai corpi nudi femminili e alla deflagrazione gore finale, fusa con le sferzate sonore di Spadaccino. Svogliato e vano Kinski; ai limiti del ridicolo Karlsen e Geri. Molto onestamente, Di Leo stesso definì una «porcheria» questo suo film vagamente ispirato ai meccanismi di Agatha Christie.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il nudo della Lee; La doccia della Neri; Il parossistico finale al ralenti.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Schramm 21/11/07 20:28 - 2215 commenti

Non solo sul sangue freddo non scommetterei, ma se la prende anche molto comoda (il 1° omicidio scatta al 32° minuto) e di sangue ne sparge pochino. Incomprensibile lo strapparsi i capelli di molti per la prestazione di un Kinski mai così bolso e stoccafisso. Opera alquanto moscetta e improponibile, almeno quanto la tonalità del rosso che cola (purissima tempera tendente al rosé); una sfida a tenere le palpebre alzate, in cui si suda nel riconoscervi il lessico e la tempra del Di Leo de Milano calibro 9 e La mala ordina.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 1/1/08 20:26 - 6795 commenti

Esecrabile film "alimentare" per Di Leo, che cerca di trasvestire da thriller un'indecente pellicola con ampi sconfinamenti nel soft-core. La trama è semplicemente un optional, a causa di sceneggiatura il cui unico scopo è quello di svestire il più possibile le appetitose e disponibili attrici. Il tutto condito dal solito rosario di ammazzamenti, senza senso e ragione, più o meno violenti. La spiegazione finale è semplicemente ridicola e inutile. Lasciate perdere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 31/8/16 17:27 - 2072 commenti

Incipit atmosferico e finale inzaccherato di sangue: tra testa e coda, un corpo morto, indifferente al gotico cui aspira, svuotato di ogni sentimento della paura. E' palese che Di Leo sta trattando un materiale che non gli appartiene: l'andamento è svogliato, le scene di morte sono meccaniche e l'assassino asmatico che si aggira per un manicomio arredato con strumenti di tortura è degno solo di uno Scary Movie. Fronte scream queen da catalogo alle prese con un eros ligneo, privo di spontaneità. Kinski suggella l'ennesimo film alimentare.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 14/5/12 10:33 - 2363 commenti

Peggio di quanto mi aspettassi e di aspettative ne avevo poche davvero. Di Leo gira con la mano sinistra un thriller/gotico veramente improponibile. Il ritmo è lentissimo e la tensione inesistente; per arrivare a sfiorare i canonici 90 minuti si ricorre a flashback onirici, che ripropongono innumerevoli scene già viste e ci si sofferma per interminabili minuti sull'assassino che si aggira indisturbato per la clinica. Decisamente al di sotto della - già non eccelsa - media dei prodotti simil Argento del periodo. *

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Armi medievali a portata di mano di chiunque, nella clinica psichiatrica; Sentite rumori sospetti? Guardare subito dentro la vergine di Norimberga.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 21/2/08 12:59 - 4685 commenti

Orrendo: è un insulto che sia stato diretto (con molta fretta a causa di un avido produttore che voleva sfruttare il successo argentiano) da un bravo mestierante come Fernardo Di Leo. La trama è assurda e contraddittoria (in una clinica per malate di mente metti in bella vista le armi?). Notevole il cast femminile (Neri, Lee, Desideri, Stroboel, Garrett) che ci concede dei bei nudi, bravi anche John Karlsen e Klaus Kinski. Non male le musiche di Silvio Spadaccino: è tutto il resto che fa pena.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Capannelle 7/11/07 14:27 - 3468 commenti

Soggetto discutibile. Funzionano di più i contenuti erotici che quelli da thriller/gotico, ma nel complesso non è girato male, visto che molte produzioni del tempo erano ricche di contraddizioni e montaggi improvvisati. Interessante la descrizione dell'atmosfera della villa e delle sue instabili e disinibite pazienti; da dimenticare il finale poco credibile (un killer sovrumano e poliziotti beoti) e decisamente troppo splatter. Kinski non si vanterà del suo ruolo.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Herrkinski 8/9/11 2:27 - 3969 commenti

Un Di Leo irriconoscibile, il cui tocco s'intravede solo nella sanguinosa sequenza finale al ralenti; per il resto trattasi di un noioso mix tra giallo e gotico, che sembra diretto da un Ratti qualsiasi. Una sfilata di attrici perennemente in costume adamitico, qualche risibile omicidio e un Kinski distratto, che probabilmente accettò il ruolo solo per bacchettare il procace cast femminile. Il regista non s'impegna neanche a dare un ritmo alla pellicola e i tempi morti si sprecano. Poverissimo, a tratti deprimente; peggio di come lo ricordavo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Lovejoy 9/12/07 23:25 - 1825 commenti

Un film totalmente folle che Di Leo stesso stroncò sempre. Atroce sia nella storia che nella messa in scena e con dei ridicoli inserti hard che rendono la vicenda ancora più incoerente. La strage finale è di una stupidaggine inutile (oltre che gratuita) e i pseudo attori, tra cui Kinski, affossano ancora di più la pellicola aggirandosi con sguardi del tutto anonimi. Di Leo ha fatto di meglio.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Ellerre  17/4/12 16:27 - 87 commenti

Ma la storia? Qualcuno ha controllato il copione prima di girare? Poco verosimili - e anche un po' goffi - gli attori a partire dal direttore della clinica (John Karlsen), che fa venire in mente il mega direttore galattico (Paolo Paolini) di fantozziana memoria! Che dire poi delle ricoverate per problemi psichici circondate da armi di tutti i generi a portata di mano... L'assassino poi, che agisce dopo una decina di minuti a passeggio per i corridoi e dopo improbabili esercizi di riscaldamento con l'arma... Mezzo pallino.
I gusti di Ellerre (Commedia - Giallo - Thriller)

Trivex 31/3/10 22:16 - 1364 commenti

A mio avviso questo film va inquadrato in una ottica diversa, rispetto a quella da utilizzare per le altre opere del regista. È un trash, o quasi! Ma nell'ambito medesimo, ha la sua ragione di esistere. Anche senza aspettare il finalone, la storia mi è sembrata banale ma relativamente carina, con elementi gotici e la lentezza caratterizzante i prodotti di specie. Il sesso è ardito, come in molte pellicole di questa tipo; e leggo con interesse di una versione estesa francese, Les Poupées érotiques du professeur Hichcock, che cercherò di procurarmi presto.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 8/1/16 17:28 - 5391 commenti

Film di una sciattezza unica. La trama è inconsistente e la parte thriller soffocata pesantemente da quella erotica. Andrebbe anche bene se non fosse tutto lento e noioso, con scene lunghissime di flashback che non si capisce a che servano e dialoghi ridicoli e monosillabici. Kinski appare poco e sembra catatonico, il parterre di attrici femminili sembra recitare come in un porno. Di Leo non riesce a rendere efficaci nemmeno le sequenze degli omicidi, che sanno di già visto e sono penalizzate da effetti rozzissimi. Tremenda la colonna sonora.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 10/8/12 21:17 - 2496 commenti

L'intenzione di girare un gotico contemporaneo, con la clinica psichiatrica al posto del castello, le "isteriche" a sostituire i nobili "tarati" e un killer seriale a deporre vetusti fantasmi, pareva propedeuticamente promettente. Siamo invece di fronte a un incontrovertibile caso di film ucciso con premeditazione, con Di Leo che dimentico di sè accozzaglia inquadrature capaci d'alternare nudità in quantità Russmeyeriane a un ritmo polselliano. Nel cast, slegatissimo, Kinski è in overdose da bromuro mentre la Neri è una ninfomane comme il faut.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I rapporti saffici Strebel/Garret; Rosalba Neri alle prese col fratello e il giardiniere; Il modo ridicolo in cui Kinski sguscia nelle stanze.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 3/9/16 20:50 - 2169 commenti

Il professor Osterman, coadiuvato da qualche infermiera gnocca, dirige una clinica psichiatrica per ricche gnocche un po' picchiatelle. Da tali premesse ognuno può trarre il suo sillogismo. Sul film come thriller è bene stendere una coltre di pietoso silenzio. Kinski recita pensando ad altro. Un cinefilo voyeurista ha carne per i suoi denti, comunque rischia l'abbuffata.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 11/3/16 8:56 - 2147 commenti

In una bella clinica psichiatrica si aggira un mostro che consuma terrificanti delitti a danno delle pazienti lì rinchiuse. La trama esilissima qui è solo un pretesto per coniugare estetica e omicidi tra eleganti scenografie, arricchite da una nitida fotografia. Riempitevi gli occhi con un susseguirsi di belle e discinte donne, dai vari colori.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Buiomega71 21/12/10 22:20 - 1854 commenti

Degradante esempio di grandissima castronata spacciata per chissà quale cult solo perché firmata Di Leo. Noioso fino all'inverosimile, poveristico in tutti i sensi, dalla fotografia al risibile plot. Gli omicidi sono elementari, il sangue schizza assai poco, c'è un po' di sesso ma né più né meno che in qualsiasi altro film dell'epoca. Notare poi come l'assassino ripeta sempre gli stessi gesti quando apre la teca con le armi da taglio. Penoso e squallido e, come se non bastasse, la vhs della Shedene è terribilmente cut. Ignobile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Due ragazze, tra cui una di colore, mettono sul giradischi un samba allucinante che dura un'infinità! E si dimenano come prese dal ballo di San Vito.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 9/6/15 15:22 - 1810 commenti

Il film fu commissionato sulla scia del successo che ebbero sul pubblico i gialli di Argento, senza però badare alla mancanza di attitudine del Di Leo verso gli stilemi del giallo argentiano. Ne viene fuori un ibrido dove solo a sprazzi emerge la poetica del regista. Per il resto è nella media dell'epoca; degna di nota la fotografia così come la bravura nel muovere la macchina da presa. Meno riuscita la figura dell'assassino, che risulta pacchiano e goffo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Fauno 4/1/10 9:55 - 1732 commenti

Da salvare: i disturbi comportamentali dei pazienti (aggressività interspecifica, agorafobia, ninfomania...), la musica di Silvano Spadaccino, all'inizio fantastica e la meraviglia incommensurabile e irraggiungibile di Margaret Lee, che per me è una vera numero uno e in questo film sembra quasi una dea, con quell'abito celeste. La stessa cosa non potrei certo dirla per la Neri. Tutto il resto è spazzatura, per ammissione stessa del regista.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Ryo 14/12/11 19:41 - 1724 commenti

Senza un minimo di suspance, vediamo il nulla nella prima mezz'ora in cui non si capisce neppure il genere: titolo horror, musiche da commedia sexy, scene da incipt porno lesbo-interracial. Poi il primo omicidio, senza emozioni. In 6 secondi inquadratura di: falce-vittima che cammina-zac! -testa che rotola-fine. Il resto è alquanto soporifero, inopportunamente lungo, come se si dovesse fare "metraggio" con un continuo scambio di effusioni sessuali da contorno. Guardarlo in fast-forward non vi fa perdere nulla, ma guadagnare minuti di vita sprecati.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Luchi78 3/8/11 14:55 - 1521 commenti

Polpettone giallo-noir-horror-splatter che non riesce ad azzeccarne neanche una. Kinski impalpabile, trama inverosimile, ambientazione grossolanamente toppata, ma soprattutto un finale da latte alle ginocchia. Proviamo a salvare la scena, sempre nel finale, dell'uccisione di massa delle povere ragazze e le notevoli componenti principali del cast femminile. A proposito, peccato che la Garret abbia girato solo questo film...
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Nicola81 30/5/11 12:24 - 1514 commenti

Che dire? Forse anche Raffaello sbagliò qualche affresco, quindi figuriamoci se non si può perdonare a Di Leo l'aver sbagliato un film, tanto più in un genere che non rientrava fra le sue corde. Ritmo lento, trama improbabile (ve le immaginate una clinica psichiatrica alle cui pareti vengono appese armi da taglio?), molto sesso ma poca suspense, recitazione approssimativa. Da salvare: scenografie, fotografia, bellezza delle attrici e il finale. Non mi sento di stroncarlo totalmente, ma i film anni '70 che meritano la rivalutazione sono altri.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ispettore che copre di insulti John Karlsen; il finale, truculento ma non privo di una sua forza.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 6/2/11 16:58 - 1355 commenti

Commissionato (insieme a Una farfalla con le ali insanguinate) per agganciarsi al traino dei successi argentiani (leva obbligatoria nell'anno domini 1971). Ma se Tessari seppe assecondare il compromesso con personale eleganza, Di Leo inciampa clamorosamente in un genere che non è tra le sue corde (a partire dal titolo che cerca di imparentarsi goffamente allo stile "animalesco"). Ne esce un fumettone erosplatter sadico e ai limiti (oltrepassati fuori dal controllo del regista) del porno. Di Leo lo rinnegò a gran voce, ma ha fatto di peggio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il castello spacciato per clinica.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Ultimo 7/7/14 14:59 - 1156 commenti

Più che un horror il film pare orribile. L'idea originaria era quella di realizzare un thriller stile-Argento, ma i risultati sono pessimi. La sceneggiatura è opaca, il finale manca di suspence e il resto del film è lento e noioso. Da segnalare che, viste alcune scene di nudo, pare più di genere erotico. Si salva solo l'ambientazione in in bellissimo castello, teatro di numerose altre pellicole.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Gestarsh99 21/8/10 20:08 - 1061 commenti

Tra i film di Di Leo, questo è uno dei peggiori: un giallaccio erotico ambientato in una clinica psichiatrica adibita a sole stra-fìghe (il french-cut è insertato di inutili sequenze hard masturbatorie, femminili per fortuna!). Apprezzabili restano solo la fotografia e la bellezza di alcune delle interpreti; assolutamente da dimenticare invece alcune assurdità di sceneggiatura, come quella di tenere esposto, alla portata di qualunque paziente, tutto quell'armamentario di strumenti assortiti appesi al muro (balestre, fiocine, spade). CinKinskiante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le pericolosissime armi appese, ad altezza d'uomo, alle pareti della clinica!!!
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lythops 24/9/14 20:09 - 962 commenti

Rosalba Neri versione povera della Fenech, infermiere che giocano all'aperto invece di lavorare, un Klaus Kinski per nulla credibile nella parte del medico, sceneggiatura scritta sì e no in un paio d'ore a giudicare dalla banalità dei dialoghi, commento musicale malamente ispirato a Bruno Nicolai, montaggio non eccelso e suspence sostituita da nudi femminili; risibile il respiro dell'assassino che, più che uccidere, dovrebbe farsi visitare da un medico vero. E c'è anche il megadirettore fantozziano che recita la parte di un illustre psichiatra...
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Bruce 17/8/09 18:12 - 893 commenti

Insieme gotico, thriller ed erotico, nella sostanza un film folle girato in una clinica psichiatrica. Sarà pure “una cialtroneria” come dice lo stesso Di Leo, ma è originale e la mano del regista si vede; il film è pervaso da una carica sessuale non comune, che sfida la censura e lo rende forte ed affascinante a quasi quaranta anni dalla realizzazione. Ottime la fotografia e le scenografie, validissimi il finale e il commento musicale. Kinksi inutile, fondamentale invece l'apporto delle protagoniste femminili.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Von Leppe 20/12/10 16:22 - 883 commenti

Di Leo si lamenta che nella clinica per disturbi psichici ci siano armi (è un vecchio castello e ci stanno bene) che non è nulla di grave, in quanto nei film horror i disturbi psichici sono totalmente basati su luoghi comuni e sulla paura del matto. Mi preoccuperei più che altro di fesserie come le ninfomani: Rosalba Neri affamata di sesso: chi non si farebbe ricoverare? Il film non è un capolavoro, è fumetto anni 70 che come molti altri thriller affronta il disturbo psichico dal punto di vista popolare e contro la morale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'uccisione della nera con la freccia.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Ronax 30/11/15 1:35 - 755 commenti

Filmetto squinternato e grondante assurdità da ogni lato, dove la noia regna sovrana per oltre 90 minuti che sembrano un'eternità talmente la trama è confusa e balbettante, i dialoghi pietosi e la recitazione scadente. Merita un occhio per il massacro finale, cioè l'unico momento in cui Di Leo mostri qualche vigore e per il superbo cast femminile, prontissimo a liberarsi dei vestiti non appena se ne presenta l'occasione, vale a dire una scena su due. Nelle versioni uncut, approntate per i mercati esteri, fa capolino anche qualche dettaglio hard.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Neri, irresistibile sex addict rinchiusa nella clinica psichiatrica per la sua incontenibile ninfomania.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Pessoa 8/6/17 23:46 - 742 commenti

Incursione senza successo nel giallo del valente Di Leo, che realizza un film insipido e piuttosto grossolano in cui si alternano senza particolari legami logici morti ammazzati in modo piuttosto truce e donne nude che regalano le proprie grazie sfiorando l'hard. Difficile riconoscere la mano del maestro pugliese tra tanta approssimazione, in un film che non prende mai vita anche a causa di un cast annoiato e poco coinvolto. Interessante il lavoro su alcuni personaggi femminili (Neri, Lee), che resta però slegato dalla vicenda. Improbabile!
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Jdelarge 6/7/17 20:14 - 665 commenti

Tralasciando la palese povertà di mezzi e la ridicolaggine della soluzione finale (difficile da trascurare per un giallo), il film ha comunque qualcosa da dire. L'atmosfera creata da Di Leo, in maniera un po' raffazzonata, riesce a funzionare e la trama lascia sparsi qua e là indizi di una critica abbastanza serrata nei confronti di una società maschile della quale le povere donzelle protagoniste sembrano essere povere vittime.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Alex75 8/3/16 13:42 - 545 commenti

L’incursione di Di Leo in un genere non suo, rovinata da assurdità (la clinica con le armi in bella vista), inutili flashback, momenti risibili (il rantolo dell'assassino) e da un cast maschile disastroso in cui l’unico a salvarsi dal ridicolo è Kinski (per quanto la sua interpretazione sia tutt’altro che memorabile), si riscatta grazie alla fotografia piuttosto accurata, al ritmo serrato della seconda parte e ad alcuni personaggi femminili interessanti (e non solo per i generosi nudi).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’incongrua presenza della Vergine di Norimberga; Le smanie di Anna; Le scene saffiche tra Hilde e Pearl; Il castello in penombra; La balestra.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Metuant 21/9/14 8:58 - 448 commenti

Porno con omicidi. Non si può definire in altro modo questo film a metà (ma neanche poi tanto) tra lo slasher e il porno fine a sé stesso. Non c'è una sola cosa che appaia sensata e la storia finisce per essere un unico buco logico che si dipana tra nudità femminili esplicite, omicidi assurdi, personaggi di carta velina e spiegazioni prive di ogni qualsivoglia senso. Potrebbe concorrere per la palma di peggior italian giallo in assoluto e potrebbe anche vincere. Peccato davvero.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il massacro finale, forse l'unico momento degno di nota del film.
I gusti di Metuant (Commedia - Giallo - Horror)

Maik271 18/11/14 21:58 - 436 commenti

Pessimo risultato per il pur bravo Di Leo in questo thriller caratterizzato da una sceneggiatura delirante e lacunosa. Nel film si cerca di alzare l'interesse con i continui nudi che la Neri, la Garret e la Strebel mostrano generosamente. Il finale assurdo dà il colpo di grazia a un lavoro che nasceva già sotto una cattiva stella. Uniche note positive la qualità della confezione e alcune inquadrature interessanti.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Bubobubo 4/12/18 17:49 - 406 commenti

Indecisi se definirlo più incredibile o mirabolante, alla fine si rinuncia in toto a ogni definizione. Assurdo dall'inizio alla fine, con una sceneggiatura che si arrabatta tra omicidi sanguinolenti, fantarcheologia e location al risparmio per esaltare ciò che importa davvero e cioè le pudenda femminili (e perché, a questo punto, non girare direttamente un altro film?). Si arriva alla fine stremati, senza nemmeno la forza di sorbirsi lo spieghino di ripiego con gratuito bagno di sangue accluso. Non è la prima caduta di stile di Di Leo.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Samdalmas 9/9/16 15:39 - 264 commenti

Uno dei peggiori film del grande Di Leo, scombinato tentativo di unire il thriller con il gotico. La trama è davvero risibile. In una clinica di lusso per malattie mentali, curiosamente piena di armi, si scatena un killer dall'istinto bestiale. Il tutto condito da qualche scena lesbo o di nudo per attirare il pubblico. La Neri come ninfomane è ottima ma viene uccisa presto. Kinski si limita a fumare nervosamente. Un incidente d percorso, per l'autore di Milano Calibro 9 e altri capolavori.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Neri nella serra; Il finale.
I gusti di Samdalmas (Musicale - Poliziesco - Thriller)

Aal 30/8/09 14:57 - 244 commenti

Prodotto di bassa lega che mescola gotico, thriller ed erotismo in un indigesto polpettone senza capo né coda. Kinski è imbambolato come non mai, il resto del cast è decisamente pietoso, le scene erotiche (molto spinte) sembrano buttate lì tanto per aumentare il minutaggio. Di una lentezza esasperante e al limite del ridicolo le scene con l'assassino, che percorre indisturbato corridoi completamente illuminati senza incontrare nessuno. Un film veramente brutto, solo per amanti del trash. La versione in dvd della Rarovideo ha però ottimi extra.
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Mark 1/3/11 14:09 - 231 commenti

La trama è solo funzionale alla costruzione di un film d'atmosfera, perché di fatto lo svolgimento narrativo è poca cosa. Di Leo però riesce a creare una sorta di urlo di Munch sonoro, una visione orrorifica e angosciante in cui fa confluire tutte le densità cromatiche del nero. È un tentativo lodevole ma di fatto fuori contesto. Come in altri casi, Di Leo parte con le migliori intenzioni ma finisce con l'impantanarsi, forse, nel conflitto tra l'ideazione convulsa e il rigore necessario del contesto.
I gusti di Mark (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Xabaras 16/5/11 23:11 - 185 commenti

Tragicomica incursione del grande maestro del noir italiano nei meandri del giallo/thriller erotico tanto in voga in quei primi anni Settanta. Evidentemente disinteressato e mal servito da un plot sottile sottile, quasi trasparente, Di Leo filma il tutto con la mano sinistra riagguantando un po'di stile solo nello splendido massacro finale. Kinski nel frattempo vaga perplesso, forse ammaliato dallo strabordante fascino del polposissimo cast femminile. Particolarmente disonesto il colpo di scena che rivela l'identità del colpevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Rosalba Neri nella serra.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)

Giordani 8/1/13 0:01 - 39 commenti

Tentativo piuttosto scadente di unire "fascino gotico" al gusto e ai clichè italiani dell'epoca; trama assolutamente anonima e scene troppo spesso inverosimili. I punti più alti del film sono nelle (numerose, a dire il vero) scene a sfondo erotico e nello spettacolare quanto cruento finale; per il resto, come già detto, un film tutt'altro che memorabile e consigliato solo ai veri appassionati del genere.
I gusti di Giordani (Comico - Poliziesco - Thriller)