Quella notte in casa Coogan

Media utenti
Titolo originale: The Night God Screamed
Anno: 1971
Genere: thriller (colore)
Regia: Lee Madden
Note: Aka: "Scream". Uscito in home video col titolo di "Mezzanotte di morte".
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/10/10 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 1/10/10 21:10 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Solido thriller con atmosfere da futuro slasher. Il tono cupo che pervade tutto il film è eccellente e il colpo di scena finale oltre ad essere ben studiato, farà la gioia di alcuni spettatori (per la serie chi la fa l'aspetti). Immensa la protagonista Jeanne Crain. Nella pellicola ci sono momenti molto forti (la crocifissione) molto ben calibrati. Va riscoperto.

Buiomega71 16/12/10 23:36 - 2263 commenti

I gusti di Buiomega71

Piccola gemma che anticipa sul tempo certi lavori hooperiani e craveniani, nonché gli assedi carpenteriani. Il "Manson movie" nella sua più pura quintessenza, tra crudeli battesimi e spietate crocifissioni, cinema satanista di guru e santoni, dove la family è un concentrato di silenti e implacabili "indiani" che verranno riproposti da Carpenter in Distretto 13. Ansiogeno e allucinato, rifugge lo splatter per concentrarsi sulla tensione. Progenitore dell' "home invasion", con uno dei finali più agghiaccianti del genere. Terrifica la figura incappucciata.
MEMORABILE: Il battesimo di morte nel fiume, officiato dal sinistro figuro incappucciato; L'agghiacciante finale.

Lupoprezzo 3/08/11 11:59 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Piccolo thriller semisconosciuto di Lee Madden, che soffre soprattuto nella prima parte di un pressapochismo deprimente. Oltretutto ll fanatismo religioso come manipolatore di giovani menti è veramente solo abbozzato. Mentre la seconda parte incentrata sull'assedio e il terrore degli assediati viene tratteggiata discretamente e gestita con buon mestiere, tanto che in diversi passaggi regala più di un brivido. Il budget è ridotto all'osso e gli interpreti sfiorano più volte il ridicolo (uno su tutti l'enigmatico frate incappucciato).
MEMORABILE: Il movimento di macchina sul frate in procinto di entrare nella casa.

Ducaspezzi 1/09/13 18:17 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Messianismo aggioga-fricchettoni, delirante e tanto criminalmente deviato quanto troppo schematicamente affrontato, con qualche svolazzante ridicolaggine nella rappresentazione. Ma non manca, in tutto ciò, la capacità di far emergere quel senso di inquietante irriducibilità della ferocia da cieco fideismo. Il meglio, naturalmente, viene in tutta la parte in cui la minaccia sanguinaria (e missionaria...) cinge d'assedio la villa, con gli "infedeli" ivi asserragliati: essenzialità di scena, climax e sorpresa finale funzionano. Non male.

Metakosmos 4/12/15 22:54 - 202 commenti

I gusti di Metakosmos

Il film segue chiaramente l'isteria contro gli hippie del periodo immediatamente successivo al caso Manson. la pellicola si struttura in due fasi: il preambolo con le malefatte della setta e successivamente una ben diversa interamente ambientata dentro la magione del giudice Coogan, la quale si snoda con minore dinamicità ma innalzando la tensione al massimo livello fra segnali inquietanti, visioni misteriose, tutto immerso nell'oscurità più densa e soffocante. L'ultimo quarto d'ora è pura inquietudine, fino a un twist rischioso ma arguto.
MEMORABILE: Il cinico finale; Il titolo originale "The Night God Screamed": probabilmente uno dei più belli di sempre!

Ira72 26/06/17 16:09 - 943 commenti

I gusti di Ira72

Sarà che non amo la categoria hippy horror post Manson e che di mattanze tra quattro mura è pieno il genere, ma ho trovato il film mediocre. Si riscatta un poco sul finale, ma non ha niente a che fare con i veri thriller d'autore che prediligo (Argento, Fulci, Bava, Avati per esempio). Trama banale e prevedibile per 3/4, colpi di scena pure (telefonate minacciose a cui segue il telefono disattivato, accoltellamenti a destra e a manca, sagome bieche, urla continue con corse da un piano all'altro). Tensione pressoché inesistente, se si è avvezzi agli horror.

Homesick 6/09/17 08:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sebbene le carte siano volutamente scoperte molto prima del dovuto, i meccanismi della tensione scattano puntuali, garantiti dall'unità di luogo notturna, assediata e claustrofobica, una protagonista sull'orlo della follia (l'ex Nefertite Jeanne Crain, adeguatamente scossa) e la minaccia omicida del fanatismo religioso; quest'ultimo aspetto, incarnatosi nella prima parte nelle inquietanti fattezze "mansoniane" di Michael Sugich, torna nell'excipit per concludere in macabra, cinica coerenza.
MEMORABILE: Il battesimo con l'annegamento; La crocifissione.

Anthonyvm 19/02/18 22:32 - 1938 commenti

I gusti di Anthonyvm

Discreto horror con "Jesus freak" particolarmente cattivi. Il setup è molto promettente, lascerebbe pensare a qualche sviluppo in stile In Corsa con il Diavolo. La seconda parte, purtroppo, è un po' piatta e prevedibile: tutto si svolge nell'abitazione della protagonista, qualche momento di tensione c'è (ma di home invasion si tratta, quindi un minimo di adrenalina è di default), il cast è buono, ma troppi cliché, pochi attimi di reale pericolo e un finale a sorpresa che si annusava da metà pellicola ne inficiano il voto. Comunque dignitoso.

Daidae 9/12/18 00:13 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Tutto sommato originale e per una volta non prevedibile come tanti film di questo genere. Nella parte iniziale (un po' noiosa) vediamo una strana setta che mischia fondamentalismo cristiano con omicidi (mah!), nella seconda, decisamente migliore, si cambia del tutto registro. Buona la prova del cast, belle le musiche. Si lascia guardare e non annoia.

Giùan 11/04/19 10:16 - 2991 commenti

I gusti di Giùan

Stuzzicante, pur se "scolastico" nella sua narrazione ellittica, tutta la parte iniziale: dal sociologismo inquietantemente spiccio del sermone del Santone mansoniano all'introduzione della ostinata fede tradizionale dell'ingenuo reverendo che si carica con folle senso del ridicolo, "on the road", moglie e croce, fino al cruento e spietato assassinio inchiodato. Il secondo segmento è un altro film, una crasi francamente eccessiva la cui piattezza paratelevisiva non è compensata né dalla discreta performance della Crain né dal pur notevole twist finale.

Rufus68 10/09/19 23:28 - 3086 commenti

I gusti di Rufus68

Robetta televisiva che sfrutta il filone psicotico-mistico-Bel Air (il protagonista spiritato alla Charles Manson) senza nessuna audacia. A volte sembra di trovarsi sul set de La famiglia Bradford virata verso un goffo slasher d'antan. Anche il finale, apparentemente a sorpresa, non lascia tracce tanto è telefonato. Confezione dignitosa, attori mediocri seppur mai disturbanti.

Myvincent 1/05/20 11:31 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Una specie di Charles Manson che si crede il messia, fa strage di adepti ma coltiva anche delittuose intenzioni in preda ai suoi mistici deliri. Il film percorre le vie consuete e prevedibili dell'horror e con uno stile televisivo, ma si lascia vedere per la curiosità di come potrebbe andare a finire. E infatti il finale in parte gratifica tanta piattezza e tanta pazienza nel seguirlo fino in fondo. Promosso, pur con qualche ma e qualche se.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 5/01/11 20:28
    Vice capo scrivano - 5600 interventi
    Scheda relativa al doppiaggio cinematografico:

    Fiorella Betti: Jeanne Crain
    Cesare Barbetti: Alex Nicol
    Flaminia Jandolo: Corinne Conley
    Micaela Esdra: Dawn Cleary
    Serena Verdirosi: Barbara Hancock

    Il pazzo vestito di bianco è doppiato da Michele Gammino
  • Curiosità Zender • 21/10/15 20:26
    Consigliere - 43525 interventi
    Fa notare Buiomega71 come l'immagine sulla cover della vhs Roxy video (rititolata "Mezzanotte di morte") è riciclata da quella di Run if you can!: