Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/04/11 DAL BENEMERITO RONAX
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ronax 2/04/11 18:40 - 1116 commenti

I gusti di Ronax

Erano gli anni in cui Gassman sfornava film come noccioline ripetendosi all'infinito con sempre meno convinzione. Ma tant'è, il pubblico accorreva e i produttori gongolavano. Qui è un avvocaticchio sfigato e intrallazzone, pronto a cadere come un pollo nell'astuta trappola allestitagli da due diaboliche bellone. Capitani punta alla commedia gialla sofisticata, ma il tutto non si solleva dal livello di una stanca farsa tirata troppo per le lunghe che non appassiona e non diverte. Grande Celi, intriganti le dark lady Pamela Tiffin e Irina Demick.
MEMORABILE: Le imperdibili mises tardi anni '60 di Pamela Tiffin e gli esterni nella Milano dei quartieri alti.

Stefania 27/07/11 04:12 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Gassman è un arcangelo, avvocato (cognome: Bertuccia) di due diavole! Commedia grottesca di un uomo di paglia in una fabbrica di plastica, "materiale del futuro", garantisce il Commendator Tarocchi Rosa, quell'Adolfo Celi che è, in fondo, il pezzo forte del film. Film comunque ben congegnato e abile nel disattendere, ad ogni svolta, le aspettative più ovvie, nel condurre per mano lo spettatore in un frastornante girotondo, un gioco di (alta) società puerile e perfido. Così come viene condotto per mano, e preso per il naso, l'avvocato Bertuccia dalle due diavole...
MEMORABILE: L'incredibile residenza di campagna di Tarocchi Rosa. Il cadavere di Adolfo Celi mummificato nella plastica!

Homesick 6/08/11 08:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia giallo-rosa che nella girandola di equivoci, intrighi, raggiri e avidità rivela la sua appartenenza alla temperie cinematografica fine anni Sessanta, di cui fornisce vivaci spaccati alto-borghesi di lusso e di vizio. Se il vento soffia è essenzialmente per merito di un Gassman ancora con la faccia “sordiana” da discolo mai cresciuto, di un Celi imperioso e megalomane e di una Tiffin conturbante e diabolica; la Antonelli si vede poco, ma questo è sufficiente per non scordarla. Steno è tra gli sceneggiatori e si autocita con una battuta (v. frase memorabile).
MEMORABILE: «Un delitto è stato compiuto al n. 25 di via STEFANO VANZINA…».

B. Legnani 30/06/12 01:46 - 5323 commenti

I gusti di B. Legnani

Cinema italiano del periodo d'oro. Con tre sole idee, ma anche con tre attori perfetti per il ruolo (senza contare che tutti e tre se lo saprebbero pure creare...) e una regìa che bada al sodo, si licenzia l'ennesimo film decente (**). C'è un calo cospicuo nel finale (abbastanza prevedibile, ma con chiusura un poco "ambigua"). Si lascia guardare, ma fa sorridere vedere Villa Miani (con la sottostante Roma) spacciata per "dintorni di Milano"...

Dusso 14/05/13 08:02 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Capitani garantisce al film ritmo e lo dirige con mano sicura; Gassman è in forma, la vicenda frenetica e un po' ripetitiva, ma gioca comunque bene le sue carte. Divertenti le parentesi con Delle Piane, deliziosa la Antonelli (peccato si veda solo brevemente!). Una disimpegnata commedia Anni Sessanta non disprezzabile.

Motorship 16/05/13 17:13 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Simpatica commedia giallo-pochadistica diretta con brio e mestiere dal bravo Giorgio Capitani. Il film, pur non essendo il massimo, è comunque sia molto gradevole, con un bel ritmo, tante situazioni esilaranti e una trama niente male: a suo modo un film riuscito. Gassmann è sempre ottimo e in forma, grande Adolfo Celi, affascinanti Pamela Tiffin e Irina Demick. Brevi apparizioni per Carlo Delle Piane e per una giovane Laura Antonelli (ma resta sempre impressa). Finale un po' deludente, ma tutto sommato non rovina più di tanto il film.
MEMORABILE: I cani di Tarocchi Rosa (Celi); Il cadavere di Adolfo Celi mummificato nella plastica.

Galbo 16/05/13 17:19 - 11975 commenti

I gusti di Galbo

Un po' commedia, un po' giallo, questo film di Capitani, incentrato intorno alla figura di un avvocato di scarso livello, manipolato da un riccone che lo utilizza come fantoccio per mascherare i suoi affari. Commedia godibile, che il regista dirige con scioltezza, potendo contare su un valido cast, nel quale a sopresa Adolfo Celi è più efficace del protagonista Gassman, che esagera nei "giogionismi" attoriali.

Saintgifts 4/07/14 15:03 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Cinquecento contro Rolls Royce, spiantato contro riccone, donne contro tutti. La parte più debole in questa commedia tinta di giallo-rosa mi è sembrata proprio lui, il protagonista, Gassman. Troppo cartolinesco l'avvocato da lui rappresentato, al limite del fastidioso. D'accordo, deve essere in balia di tutti, personaggio meschino e inetto, ma qui Gassman è anche in balia degli altri interpreti, tutti in parte, mentre lui parte per la tangente con il suo repertorio di espressioni eccessive (buone in altri contesti, fuori luogo qui).

Daidae 13/07/14 13:10 - 2986 commenti

I gusti di Daidae

Divertente film di Giorgio Capitani. Sempre bello rivedere la ormai lontana Italia degli anni 60-70. Gassman fa valere le sue doti, la Tiffin la sua bellezza, ma è ottimo anche il resto del cast. Niente di spettacolare ma un film che supera la sufficienza. Bene anche la colonna sonora di Umiliani.
MEMORABILE: Il cameo della Antonelli; La plastificazione nel finale.

Deepred89 6/08/15 08:04 - 3550 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia nera di indubbio intrattenimento, con una sceneggiatura la cui ripetitività e banalità del soggetto (a parte, forse, la parte finale proto-lenziana) è colmata dal buon ritmo narrativo e dalle brillanti prestazioni attoriali (Celi forse il più spassoso). Confezione di buona resa visiva, con scenografie gustosamente sixties e inquadrature dalle curiose angolature. Nella media delle commedie nostrane dell'epoca e dunque niente male.

Irina Demick HA RECITATO ANCHE IN...

Rambo90 18/02/17 00:24 - 7234 commenti

I gusti di Rambo90

Un Gassman scatenato per una vicenda molto comica ma discontinua: la sceneggiatura cambia stile e perno della situazione più volte. Poco male però, gli interpreti sono tutti all'altezza (c'è anche un grande Celi e un Delle Piane molto divertente) e il ritmo scorre veloce. La regia di Capitani aggiunge un tocco di bizzarria tra inquadrature sbilenche e veloci movimenti di camera. Gradevole.

Daniela 19/10/17 10:15 - 11836 commenti

I gusti di Daniela

L'arcangelo del titolo è un avvocaticchio di scarso talento e ancor più scarsi scrupoli morali, prima turlupinato da una biondina bugiarda, poi assunto dall'amante di questa, un grosso industriale che lo sfrutta per i suoi loschi affari, finché... Fra le innumerevoli commedie interpretate da Gassman in quegli anni, una delle meno riuscite, nonostante il cast di pregio (perfetto Celi nel ruolo di ricco arrogante, simpatico Delle Piane), per colpa di una sceneggiatura raffazzonata con epilogo stiracchiato. Anche Gassman eccede in piaggerie, convincendo poco. Camei per Antonelli e Capannelle.
MEMORABILE: "Quindici anni di carriera. Cause dibattute nove. Cause perse dieci... ed ancora non so come ho fatto"

Reeves 8/12/20 09:43 - 1228 commenti

I gusti di Reeves

Divertente commedia degli equivoci che poggia su uno spunto abbastanza debole ma ben costruito sulle capacità degli attori maschi e sulle seduzioni delle attrici. In particolare Gassman è ammirevole, Celi sa come al solito tenere la parte del ricco antipatico, Delle Piane aggiunge quella pennellata che lo rende come sempre indimenticabile. La trama gialla è meno interessante delle situazioni da pochade.
MEMORABILE: Lo strip per invogliare Gassman a suggerire il delitto perfetto.

Il Dandi 11/12/20 09:50 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Prevenduta all'estero con un titolo difficile da giustificare, la commedia di Capitani sembra porsi come una parodia del giallo lenziano per ricercare (senza davvero riuscirci) contorni grotteschi e un sofisticato taglio internazionale. Gassman esagera: il ruolo dell'avvocato di mezza tacca donchisciottesco ma povero, che vorrebbe cavallerescamente proteggere la fanciulla traviata ma non è all'altezza, pare scritto pensando piuttosto a Sordi. Celi è invece perfetto come industriale perfido e la Tiffin in versione sexy e lunatica è un credibile motore dell'azione. Mediocre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Didda23 • 27/11/13 14:10
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Disponibile dal 21/01/2014 per Cecchi Gori
  • Curiosità Samuel1979 • 28/03/19 17:51
    Addetto riparazione hardware - 3744 interventi
    Il fumetto di Batman letto da Furio Bertuccia (Gassman), è il numero 37 del 21 luglio 1968: