Venerdì 13: Capitolo finale

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Friday the 13th - The final chapter
Anno: 1984
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 30
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Consueta mattanza primaverile per l'immarcescibile Jason Voorhees, che oramai presenta lo stesso inconveniente dei colleghi Freddy Krueger e Michael Myers: non si sa proprio come eliminarlo. Li hanno bruciati, sezionati, sfigurati, sfasciati... Niente da fare, quelli ritornano sempre. Inutile inventare titoli come NIGHTMARE 6: LA FINE o questo FRIDAY THE 13RD: THE FINAL CHAPTER perché ormai l'hanno capito tutti: “Niente di così diabolico può morire”, come reciterà il sottotitolo del capitolo successivo. Jason e la sua inseparabile maschera da hockey sono già pronti per nuove avventure, che ovviamente...Leggi tutto saranno esattamente identiche alle precedenti. Perché i produttori lo sanno; quella di VENERDI’ 13 è una saga redditizia: costa poco, non ha bisogno di un richiamo (e infatti qui, a parte il Corey Feldman dei GOONIES, son quasi tutti attori poco noti) e cattura immancabilmente i fan di Jason, che da lui chiedono solo un po' di sangue e molti spaventi. Nata come saga splatter senza pretese, questo continua a essere. Grazie all’abilità di Tom Savini il tasso di sangue rimane elevato e, anche se non esagerato come nel primo e terzo capitolo, si abbina alla violenza eversiva di Jason. Quanto ai colpi di scena e agli spaventi non c'è problema: Zito dirige con buon mestiere e sa creare valide sequenze di tensione. D'altronde non è difficile quando si può contare su di un serial killer come Jason: grazie al dono dell'ubiquità Jason è dovunque pronto a uccidere chiunque, spiazzando anche gli spettatori più “navigati”. Jason è un jolly: è qui e là, su e giù nello stesso momento. Attenti...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giapo 30/03/07 09:44 - 232 commenti

I gusti di Giapo

La storia è sempre la stessa, ma si torna a livelli decisamente più decenti grazie ad una spassosa caratterizzazione dei personaggi e al ritorno dietro le quinte del mitico Tom Savini (una garanzia quando si tratta di dover spargere sangue). Le vicissitudini sono costruite con grande ironia e umorismo, i dialoghi sono brillanti e pungenti. Da antologia la sequenza di apertura all’obitorio, ma gran parte del film è girata su buoni livelli di humor nero. Uno dei migliori episodi della saga.

Undying 12/04/07 17:08 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Prendete Week-End di Terrore (capitolo precedente), potenziate il livello del gore e dei delitti (magari inserendo la presenza di un bambino prodigio ma fissato con le maschere horror). Ovviamente non dovranno mancare i soliti adolescenti in vena di approcci più o meno sessuali. Questo è Venerdì 13 parte 4, che poi si rivelerà tutt'altro che un Capitolo Finale. Se si è arrivati sino a questo punto, allora il film potrà piacere. Si astengano quelli che hanno trovato noiosi i primi capitoli.

Herrkinski 21/05/08 11:53 - 5202 commenti

I gusti di Herrkinski

Questo "Capitolo Finale" sarebbe stato un degno episodio di chiusura della serie: naturalmente così non è stato, tant'è che continuano ad essere realizzati sequel ancora oggi. Ad ogni modo questo numero 4 resta sui buoni livelli del precedente, con un tasso di omicidi trucidi abbastanza elevato e molti buoni momenti di tensione. La storia è sempre la solita, quindi l'unica particolarità del film è di presentare due attori del cinema "giovane" Usa come Corey Feldman e Crispin Glover. Tetro e sanguinario, con ottimi make-up di Savini.
MEMORABILE: Quando il colpo di machete del ragazzino leva la maschera a Jason, mostrandone il volto sempre più mostruoso.

Ciavazzaro 29/05/08 16:12 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Probabilmente il migliore della serie, i clichè sono assicurati: gruppo di ragazzi in gita sull'infausto lago (con una buona dose di epidermide maschile e femminile in bella mostra), il solito sesso e molto molto sangue. Si respira davvero un'ottima tensione e gli omicidi sono diversi dagli altri capitoli. Nel cast, oltre a citare Glover e Feldman, vi è anche Peter Barton (il futuro dr Scott Granger della soap "Febbre d'amore"). Ottimo.
MEMORABILE: Jason e la sua maschera.

G.Godardi 13/06/08 17:51 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Quarto e apparente capitolo conclusivo della saga di Jason (probabile che la produzione volesse davvero disfarsi del personaggio, ma poi gli incassi...) è invece il primo di una nuova trilogia interna alla serie, incentrata sulla figura del ragazzino appassionato di horror che darà filo da torcere a Jason. Nulla di nuovo sotto il sole, anzi. Si segnala soltanto l'entrata reale della serie nell'iconografia anni 80 (i film precedenti appartenevano più agli anni 70) e un relativo abbassamento dello splatter (è il primo ad essere VM14). Only for fans.

Homesick 7/03/09 11:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dopo il pessimo e scarno Weekend di terrore, il quarto capitolo della saga si ricollega alla struttura del secondo, lasciando più spazio alle potenziali vittime (quasi sempre occupate in scherzi e sesso), ai nudi femminili e utilizzando un intelligente ragazzino come deus ex machina. Jason, sempre più invulnerabile e bestiale, resta comunque il vero motore dell’azione, supportato dai buoni effetti splatter di Savini. Passabile.
MEMORABILE: La morte (defintiva?) di Jason.

Rebis 5/04/09 20:52 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

La "happy family" che vive nel bosco (il padre è morto, il figlio è un piccolo genio) è l'ingrediente aggiunto ex novo su cui punta a conti fatti lo sviluppo narrativo. Il pugno di giovinastri arrapati invece - che parlano tanto di sesso ma ne fanno pochino - è mera cacciagione: Zito si dilunga un pò troppo con i loro convenevoli e il film se ne va in panne. Meno male che quando arriva Jason a fare pulizia - qui vera macchina da mattanza - c'è di che divertirsi. Un paio di omicidi, ben attrezzati da Savini, sono tra i più belli della serie. Finale eclatante ma non proprio prevedibile. Cruento.
MEMORABILE: L'omicidio alla finestra e quello davanti al proiettore; la fiocina nei testicoli; la "morte" ultra splatter di Jason!

Caesars 17/04/09 20:49 - 2723 commenti

I gusti di Caesars

Immagino che chi si accinge a vedere un film come questo "Venerdì 13 capitolo finale" sia pronto a tutto meno che a vedere un briciolo di originalità: bene, ecco che lo spettatore è accontentato. Siamo difatti di fronte al quarto capitolo delle gesta di Jason (veramente del terzo, visto che nel primo film l'omicida non era lui) e ci viene rifilato tutto l'ABC del genere: tutto accade esattamente come s'immagina che accada e nell'esatto momento. La serie ha i suoi estimatori, ma devo dire che si viaggia bassini (anche se non bassissimi).

Buiomega71 15/12/10 00:19 - 2282 commenti

I gusti di Buiomega71

Riduttivo elencarlo come semplice seguito della saga di Venerdì 13. Zito non solo realizza il miglior sequel in assoluto ma, forse, la quintessenza dello slasher più puro. Cupo, crudele, feroce, oscuro, sanguinossimo. La violenza raggiunge vette quasi ineguagliate (ragazze defenestrare, volti spatasciati da macheti, mani inchiodate, teste segate), Tom Savini raggiunge apici di impressionante iperrealismo e l'atmosfera lacustre plumbea aumenta di angoscia. Jason (mai più così terrifico) diventa paladino del male, profanatore di giovane carne da macello.
MEMORABILE: La gemellina defenestrata che impatta sul tetto della station wagon (numero di body count più spettacolare di tutta la saga); Tommy vs Jason.

Kekkomereq 8/11/11 22:09 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Dopo Weekend d terrore arriviamo all'episodio per ora peggiore della serie. Il film riprende la vicenda del precedente e come sempre un gruppo di ragazzi va a stare vicino al solito lago di Crystal Lake. Gli omicidi sono fantasiosi, ma l'idea del gruppetto di ragazzini che va a fare sesso ha stancato. La serie ha bisogno di idee più originali, ma dopo un film in 3D era difficile trovare qualcosa che riuscisse a superarlo. Da segnalare una buona interpretazione da parte di Corey Feldman.
MEMORABILE: Il tipo in cantina che Jason sta ammazzando suggerisce alla ragazza di scappare.

Ryo 30/01/12 13:53 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Quarto capitolo e il più divertente fra i primi 4. Chiude in maniera degna il ciclo di Jason (anche se poi continuò) con una storia apprezzabilissima dal punto di vista trash. I dialoghi, le situazioni e i personaggi anniottanteggianti sono un qualcosa di assurdo e di comico. Ottimi anche gli effetti splatter curati da zio Tom Savini. Da citare fra gli attori il futuro "goonie" Mouth e il futuro papà di Marty McFly!
MEMORABILE: "Tu fotti fiacco"; "Guarda un po' che dice il tuo computer adesso"; "Dov'è il cavatappi?" "Quel coso che svergina le bottiglie?"

Rambo90 26/09/12 16:42 - 6392 commenti

I gusti di Rambo90

Non è all'altezza dei due capitoli di Miner, ma Zito riesce a introdurre elementi interessanti nella saga: prima di tutto Tommy Jarvis (interpretato con efficacia dal piccolo Feldman) e poi il fratello vendicativo di una delle vittime del numero due, che funge da buon collegamento. Bello il prologo con gli spezzoni dei vecchi film, ottimi gli effetti splater di Savini (e il bodycount tocca i 13!), ripetitivi i personaggi dei ragazzi in calore (con eccezione per Crispin Glover, già qui una spanna sugli altri). Buono.

Pumpkh75 27/03/13 22:01 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

Arriva, per Jason, la nemesi più famosa: il piccolo Tommy diventa la giusta chiave per rivitalizzare il quarto capitolo, altrimenti monotonamente ricalcato sui precedenti episodi. Il risultato è buono grazie anche alla regia di Zito, non priva di tecnicismi e notevoli intuizioni e alla produzione in generale, più matura e curata che in precedenza. Plauso per la dipartita finale del nostro eroe versione “terrena”. Nonostante alcune situazioni troppo abusate, si candida a miglior sequel della serie.

Jason19 15/01/14 17:24 - 22 commenti

I gusti di Jason19

Il più violento e feroce della saga. La regia di Zito è molto buona, riesce a creare tensione, gli attori sono sempre scarsi. A compensare questa lacuna c'è Jason, qui davvero feroce. In questo capitolo ne combina davvero di tutti i colori fino a alla lotta con il piccolo Feldman, la cui prova d'attore non mi è piaciuta molto (bisogna però dire che era un bambino). In conclusione uno dei migliori capitoli, visione consigliata.
MEMORABILE: L'omicidio dell'autostoppista e quello della ragazza che Jason fa volare dalla finestra.

Belfagor 20/03/14 19:09 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Dopo due sequel macchinosi e deludenti, ecco un quarto capitolo più professionale, che non lesina sulla violenza e tenta, almeno parzialmente, di percorrere strade nuove. Jason è sempre il solito e la mattanza si svolge come previsto (merito anche del sanguinario maestro Savini), ma è facile provare empatia per la protagonista e l'aggiunta di un ragazzino si rivela una scelta intelligente. Tensione discreta e non manca un po' di umorismo. Non sarebbe stata una cattiva idea terminare effettivamente la saga con questo film.
MEMORABILE: Il finale all'ospedale con il bambino.

Schramm 3/11/14 00:33 - 2417 commenti

I gusti di Schramm

Con un body count così sostanzioso (13: sarà un caso?), il sequel costituisce banco di prova per un Savini meno sbizzarrito del solito. Il problema è che a Crystal Lake squadra che vince si cambia pochino: se la regia di Zito svecchia i pregressi chapters, ricicla poi deus ex machina di chiara provenienza scavoliniana (lo speculare contrappasso di Jason), e si continua a non capire cosa renda Jason così highlanderiano, il che toglie molto aplomb al baubau, e sottrae molto interesse a una saga che purtroppo non ha avuto il buonsenso di mantenere quanto il titolo prometteva, cioè di fermarsi qua.
MEMORABILE: Manfredini occhieggia a Hermann; La citazione di Suspiria; Per una volta non è una femmina a essere uccisa sotto la doccia…

Daidae 2/01/16 19:33 - 2747 commenti

I gusti di Daidae

L'ho trovato per certi versi più originale e divertente del capitolo precedente. Discreta la trovata del ragazzino che nel finale "affronterà" Jason con un'idea niente male. Per il resto le solite cose, con un cast giovanile in cui fanno presenza tante belle ragazze e simpatici giovani. Non un capolavoro ma la serie, per ora, continua a reggere.

Jena 15/10/16 21:02 - 1207 commenti

I gusti di Jena

Jason, sopravvissuto non si sa come alla mazzata con accetta sul capoccione dell'episodio precedente torna per menare strage nel capitolo finale (che finale sarà solo per il Jason umano, visto che seguiranno altri 7 episodi). La regia passa a Zito che manco ci prova a imbastire qualcosa di nuovo: dopo un paio di accoppamenti in ospedale, un 40' buoni in cui non accade niente eppoi via col solito bodycount dei soliti teen idioti e in fregola. Ok, lo schema è sempre lo stesso, omicidi meno fantasiosi dei precedenti ma ci si continua a divertire parecchio con ritmo sfrenato. Basilare!
MEMORABILE: Il machete sulla crapa di Jason che gli porta via la faccia; Il look mostruoso senza maschera di Jason.

Hackett 20/12/16 08:05 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Doveva essere il capitolo finale e la storia narrata vorrebbe farci credere questo; sarà solo il capitolo centrale di una lunga (troppo) e discontinua colonna portante del genere slasher. Il film si caratterizza per la brutalità delle uccisioni e per la presenza di un giovane Feldman che in seguito diventerà una specie di marchio di fabbrica horror di serie B. Alcuni momenti buoni ma nel complesso siamo lontani dai primi due capitoli.

Viccrowley 25/07/17 20:31 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Grazie all'abile regia di Zito e a sua maestà Tom Savini al make-up, il quarto capitolo delle gesta di mr. Voorhees risulta probabilmente il migliore della saga. Ormai Jason è un gigante soprannaturale, un'entità quasi metafisica che si abbatte sulla solita fauna di teenager in calore venuti a rimpolpare l'ormai scarna popolazione di Crystal Lake. Ovvio che nulla esca dai canoni della serialità slasher, ma i fantasiosi omicidi (qua e là censurati) e l'azione veloce rendono questo Venerdì il capitolo più riuscito. Nasce qui la nemesi di Jason, Tommy.
MEMORABILE: Lo scontro finale con Tommy che si rade la testa per assomigliare a Jason da bambino.

Anthonyvm 17/04/18 22:49 - 2025 commenti

I gusti di Anthonyvm

Capitolo naturalmente non finale per la saga slasher più famosa del sottogenere. La storia ripropone il solito massacro a danno di poveri e sciocchi adolescenti per mano del gigante malvagio Jason, ma ci sono un paio di note di merito: i personaggi (bambino compreso) riescono a non essere irritanti come spesso avviene in questo tipo di horror, ma anzi, si seguono i loro sub-plot con una certa simpatia; gli effetti splatter del mitico Tom Savini sono forse i più sanguinari della saga; il ritmo non manca, i momenti piatti sono pochi. Bel sequel!
MEMORABILE: Il confronto finale fra Jason e Corey Feldman, che sfocia dello splatter più selvaggio.

Maxx g 25/07/18 11:27 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Due anni dopo Week-end di terrore torna Jason Voorhees, non più diretto da Steve Miner ma dal newyorchese Joseph Zito, reduce da Rosemary's killer. Rispetto al precedente è un film maggiormente corposo come trama, dialoghi e svolgimento. Sicuramente più di spessore, ha delle somiglianze con il secondo e lascia inalterata la tensione. Qualche scelta poco felice (l'omicidio della autostoppista) non ne lede il valore (nel suo piccolo). Da vedere.
MEMORABILE: Gli omicidi in ospedale; La doccia dei due amanti; Il finale.

Caveman 26/11/18 09:56 - 176 commenti

I gusti di Caveman

Capitolo finale, almeno quelle erano le intenzioni. Savini torna al make-up per dire addio al caro Jason e per la prima volta viene introdotto il personaggio di Tommy Jarvis (qui interpretato dal mitico Corey Feldman e che vedrà l’avvicendarsi di tre attori differenti nel ruolo, in altre tre pellicole della saga). Le intenzioni erano quelle di chiudere e in un certo senso ci si riesce pure (l’altra grande chiusura del cerchio ci sarà con la trasferta a NY): il film può rivaleggiare col primo della serie ed è tecnicamente migliore! Uno dei primi ruoli per Glover.

Deepred89 17/12/18 00:14 - 3292 commenti

I gusti di Deepred89

Capitolo della nota saga slasher molto celebrato dagli appassionati ma invero piuttosto debole, privo della rozza efficacia dei capitoli precedenti. Aumentano gli omicidi (rapidi ma truci) ma il fascino si perde, lasciando il passo a una classica atmosfera da slasher ottantiano, non colmata da una sceneggiatura quasi totalmente priva di spunti di interesse (si salva la vicenda familiare con un giovanissimo Feldman). I tentativi di creare tensione si infrangono contro le lungaggini delle vicende giovanilistiche. Riuscito l'effettaccio conclusivo.

Vito 24/09/19 15:43 - 662 commenti

I gusti di Vito

Capitolo finale per nulla, perché poi la saga continuerà fino ai giorni nostri. A parte questo, si conclude un'ideale prima quadrilogia della serie di Jason; dopo infatti si cercheranno altre strade, diminuiranno la violenza, l'estetica selvaggia e aumenterà l'umorismo. Zito crea un'atmosfera plumbea e nebbiosa in cui il mostro si aggira, mietendo vittime. Omicidi fantasiosi e brutali, splatter e un finale spietato rendono la pellicola un horror interessante e consigliatissimo.
MEMORABILE: La ragazza infilzata dalla lancia; La tipa defenestrata; La mannaiata in piena faccia; La fiocina nell'inguine.

Taxius 15/12/19 12:11 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Capitolo finale non sarà e questo è un vero peccato, perché sarebbe stata una degna chiusura di una saga horror che ha fatto la storia del cinema e che dopo questo capitolo andrà sempre più al ribasso. Divertente slasher di tipico stampo ottantiano che non brilla certo per originalità ma diverte quanto basta con le molteplici e violentissime scene splatter firmate dal grandissimo Tom Savini. Pezzo forte però è la location boschiva immersa nell'oscurità che dona al film un'atmosfera magica. Per gli amanti dello slasher puro.

Siska80 4/05/20 20:16 - 747 commenti

I gusti di Siska80

Il Male non muore mai, quindi riecco Jason fresco di obitorio tornare a mietere brutalmente vittime. Stavolta si tenta di coinvolgere maggiormente il pubblico inserendo tra i protagonisti anche un ragazzino che dovrà confrontarsi con la paura. A parte il finale adrenalinico e inquietante, il film non brilla per originalità, né propone personaggi particolarmente interessanti.  
MEMORABILE: L'ultima scena in ospedale.

Trivex 7/05/20 14:46 - 1497 commenti

I gusti di Trivex

La sceneggiatura non è il suo punto forte e la vicenda, seguendo la logica, appare un po’ assurda. L’assassino "morto" scappa e nessuno del mestiere si fa troppe domande al riguardo, mentre i villeggianti del lago non si preoccupano troppo del potenziale pericolo che potrebbe incombere. Detto questo, quando la storia entra nel vivo la morte arriva con fragore ed è piuttosto impressionante, anche se nell'ambito della cinematografia horror convenzionale. Molto bello l’ambiente naturale e classico il tema dei giovani con in mente (buon per loro) "solo quello".
MEMORABILE: La violenta mattanza; Il taglio dei capelli; La reazione del ragazzino.

Lupus73 26/09/20 12:52 - 636 commenti

I gusti di Lupus73

Terzo sequel. "Capitolo finale" promette il titolo, ma così non sarà e ne seguiranno innumerevoli altri. Questo "sedicente" atto finale, in continuità come gli altri, offre un inizio ospedaliero e Jason redivivo che compare ovunque, ragazzi in vacanza in una casa sul lago, dialoghi penosi, mattanza varia. Più generoso del terzo per quanto riguarda i nudi femminili, meno per il gore (se si eccettua il finale). Un quasi calco dei precedenti, con qualche spunto interessante nel giochetto psicologico del bambino (Feldman) verso la fine. Slasher puro, grezzo senza nulla d'altro.

Rigoletto 7/10/20 12:55 - 1602 commenti

I gusti di Rigoletto

Il quarto capitolo della serie dedicata a Venerdì 13 è un film molto compatto, dinamico, poco incline a lasciare zone d'ombra. La formula che permette ciò si basa su un binomio molto semplice: sesso e sangue. Niente orpelli, dritti al punto, con alle spalle un assassino implacabile. Buone interpretazioni del cast (fra cui spicca un giovanissimo Corey Feldman che lascia intravedere già una bella personalità). Considerato che ci si trova davanti a un ennesimo sequel, il risultato non è affatto disprezzabile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Herrkinski • 27/01/16 07:04
    Vice capo scrivano - 2300 interventi
    Ne esiste una versione workprint in cui le scene splatter complete e il finale alternativo sono presenti. Mi pare che le scene siano presenti negli extra del recente DVD/Blu-Ray, ma senza audio e comunque non integrate nel film. A mio avviso il film è molto più brutale in questa versione "completa", anche se capisco l'opinione diffusa di quanti sostengono che nella versione "ufficiale" la brevità degli omicidi li faccia risultare più efficaci e meno "artefatti" (c'è meno tempo di soffermarsi sugli SPFX, per quanto eccellenti). Il finale alternativo di cui parlava Ciavazzaro secondo me è molto efficace ed è un peccato che l'abbiano escluso dalla versione definitiva.
  • Homevideo Buiomega71 • 27/01/16 19:46
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Ne esiste una versione workprint in cui le scene splatter complete e il finale alternativo sono presenti. Mi pare che le scene siano presenti negli extra del recente DVD/Blu-Ray, ma senza audio e comunque non integrate nel film. A mio avviso il film è molto più brutale in questa versione "completa", anche se capisco l'opinione diffusa di quanti sostengono che nella versione "ufficiale" la brevità degli omicidi li faccia risultare più efficaci e meno "artefatti" (c'è meno tempo di soffermarsi sugli SPFX, per quanto eccellenti). Il finale alternativo di cui parlava Ciavazzaro secondo me è molto efficace ed è un peccato che l'abbiano escluso dalla versione definitiva.

    Io ho una vecchia registrazione da Italiauno (quando lo dettero in prima visione, seconda serata)

    Non saprei, ma non solo e in assoluto il miglior Venerdì 13, ma i delitti orchestrati da mister Savini sono nettamente i più crudeli dell'intera saga (il seghetto che decapita l'infermiere, Crispin Glover inchiodato alla porta-dopo essersi beccato un cavatappi infilzato nella mano e un colpo di machete in faccia-, la gemellina defenestrata che finisce sul tetto della station vagon-eccezionale, in assoluto il miglior "delitto jasoniano" di tutta la saga, pura estetica della morte al lavoro-, la fine stessa di Jason fatto letteralmente a pezzi da Tommy-con il faccione deforme che si spatascia lungo la lama del machete)
    Ultima modifica: 27/01/16 19:52 da Buiomega71
  • Homevideo Herrkinski • 27/01/16 21:19
    Vice capo scrivano - 2300 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    Ne esiste una versione workprint in cui le scene splatter complete e il finale alternativo sono presenti. Mi pare che le scene siano presenti negli extra del recente DVD/Blu-Ray, ma senza audio e comunque non integrate nel film. A mio avviso il film è molto più brutale in questa versione "completa", anche se capisco l'opinione diffusa di quanti sostengono che nella versione "ufficiale" la brevità degli omicidi li faccia risultare più efficaci e meno "artefatti" (c'è meno tempo di soffermarsi sugli SPFX, per quanto eccellenti). Il finale alternativo di cui parlava Ciavazzaro secondo me è molto efficace ed è un peccato che l'abbiano escluso dalla versione definitiva.

    Io ho una vecchia registrazione da Italiauno (quando lo dettero in prima visione, seconda serata)

    Non saprei, ma non solo e in assoluto il miglior Venerdì 13, ma i delitti orchestrati da mister Savini sono nettamente i più crudeli dell'intera saga (il seghetto che decapita l'infermiere, Crispin Glover inchiodato alla porta-dopo essersi beccato un cavatappi infilzato nella mano e un colpo di machete in faccia-, la gemellina defenestrata che finisce sul tetto della station vagon-eccezionale, in assoluto il miglior "delitto jasoniano" di tutta la saga, pura estetica della morte al lavoro-, la fine stessa di Jason fatto letteralmente a pezzi da Tommy-con il faccione deforme che si spatascia lungo la lama del machete)

    Credo che nella versione TV ci fossero un paio di scene diverse, ma non di quelle splatter. Qui ci sono le scene extended degli omicidi:
    https://www.youtube.com/watch?v=KNdJ1-QqtUc
    C'è anche un confronto tra versione finale e workprint: https://www.youtube.com/watch?v=oYDS9kgpBt0
    Qui invece le scene allungate non splatter (tra cui credo un paio di quelle passate in TV): https://www.youtube.com/watch?v=ZWhL6weP1cU
    Infine, il finale alternativo: https://www.youtube.com/watch?v=eniF9bJ1LN4
    Ultima modifica: 27/01/16 21:27 da Herrkinski
  • Homevideo Buiomega71 • 27/01/16 21:36
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Vero, il finale alternativo era davvero notevole (la madre nella vasca da bagno che sbarra gli occhi bianchi e dietro la Beck Jason con il machete), che (ri)conferma le abili doti registiche di Joe Zito

    Peccato non l'abbiano lasciato nel film, perchè l'impatto visivo e davvero succoso

    Non ho capito, ma le voci off screen che si sentono nel video sono quelle della Beck e di Feldman?
    Ultima modifica: 27/01/16 21:37 da Buiomega71
  • Homevideo Herrkinski • 27/01/16 21:54
    Vice capo scrivano - 2300 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Vero, il finale alternativo era davvero notevole (la madre nella vasca da bagno che sbarra gli occhi bianchi e dietro la Beck Jason con il machete), che (ri)conferma le abili doti registiche di Joe Zito

    Peccato non l'abbiano lasciato nel film, perchè l'impatto visivo e davvero succoso

    Non ho capito, ma le voci off screen che si sentono nel video sono quelle della Beck e di Feldman?

    Le voci off sono di Zito e della Beck che descrivono la scena, perchè non c'era l'audio.
    Ultima modifica: 27/01/16 21:55 da Herrkinski
  • Homevideo Buiomega71 • 27/01/16 21:55
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Vero, il finale alternativo era davvero notevole (la madre nella vasca da bagno che sbarra gli occhi bianchi e dietro la Beck Jason con il machete), che (ri)conferma le abili doti registiche di Joe Zito

    Peccato non l'abbiano lasciato nel film, perchè l'impatto visivo e davvero succoso

    Non ho capito, ma le voci off screen che si sentono nel video sono quelle della Beck e di Feldman?

    Le voci off sono di Zito e della Beck.


    La Beck l'avevo intuito, emozione , allora, per la voce di messer Zito
  • Homevideo Ciavazzaro • 27/01/16 23:17
    Scrivano - 5604 interventi
    Anche per me il miglior capitolo della saga.
    Omicidi molto belli, e devo dire a mio avviso, il lago usato in questo capitolo è la miglior scenografia usata nella serie.
    Anche dal punto di vista dei nudi, è il capitolo che offre di più, si respira un aria molto più libertina di tutti i capitoli messi insieme (la famosa scena del lago con un bel pò di donzelle nude).
    Anche se è da segnalare come cosa divertente che praticamente tutte le attrici sono state controfigurate in queste scene di nudo (e anche questo punto non mi stupirei fosse la stessa cosa anche con gli attori).
    Un peccato che l'unica che non si spogli sia la deliziosa Kimberly Beck (chi ha visto la sua scena sulla spiaggia in Massacro a Central High sarà sicuramente d'accordo con me).

    Da segnalare che nel finale alternativo Zito si autocita

    SPOILER

    Se guardate bene quel finale è quasi un autoremake del finale di Rosemary's Killer

    FINE SPOILER

    P.S. Buio la tua copia da italiauno è integrale ?
    Quella Studio Universal lo era.
  • Homevideo Buiomega71 • 28/01/16 19:48
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Anche per me il miglior capitolo della saga.
    Omicidi molto belli, e devo dire a mio avviso, il lago usato in questo capitolo è la miglior scenografia usata nella serie.
    Anche dal punto di vista dei nudi, è il capitolo che offre di più, si respira un aria molto più libertina di tutti i capitoli messi insieme (la famosa scena del lago con un bel pò di donzelle nude).
    Anche se è da segnalare come cosa divertente che praticamente tutte le attrici sono state controfigurate in queste scene di nudo (e anche questo punto non mi stupirei fosse la stessa cosa anche con gli attori).
    Un peccato che l'unica che non si spogli sia la deliziosa Kimberly Beck (chi ha visto la sua scena sulla spiaggia in Massacro a Central High sarà sicuramente d'accordo con me).

    Da segnalare che nel finale alternativo Zito si autocita

    SPOILER

    Se guardate bene quel finale è quasi un autoremake del finale di Rosemary's Killer

    FINE SPOILER

    P.S. Buio la tua copia da italiauno è integrale ?
    Quella Studio Universal lo era.


    Sì, la copia che registrai su Italiauno e lo stesso master della vhs e del passaggio su Studio Universal

    Per quanto riguarda la Beck, trovo ottima l'idea di non farla spogliare o di non rappresentarla sessualmente attiva. In linea con le regole del genere, le vergini si salvano (quasi) sempre, sul modello Jamie Lee Curtis in Halloween
    Ultima modifica: 28/01/16 20:16 da Buiomega71
  • Homevideo Rebis • 11/02/16 11:50
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Il finale alternativo di cui parlava Ciavazzaro secondo me è molto efficace ed è un peccato che l'abbiano escluso dalla versione definitiva.

    Sì, è notevole, ma è praticamente identico a quello di Rosemary's killer, forse lo hanno escluso proprio per questo...
  • Curiosità Buiomega71 • 11/07/16 21:53
    Pianificazione e progetti - 22008 interventi
    Il produttore Frank Mancuso Jr., dopo aver apprezzato Nel buio da soli, offrì la regia del quarto capitolo di Venerdì 13 a Jack Sholder.

    Sholder declinò l'offerta. L'anno dopo fu invece regista delle seconde imprese "incubotiche" di Freddy Krueger in Nightmare 2, (tornando così a lavorare per il produttore Robert Shaye) dicendosi affascinato dalla creatura di Wes Craven, più stimolante visivamente di un "comune" assassino con maschera da hockey e machete.

    Fonte: Incubi americani 1968/1986