La giornata balorda

Media utenti
Anno: 1960
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Tratto dai racconti di Moravia "Il naso" e "La raccomandazione", inseriti nelle raccolte "Racconti romani" e "Nuovi racconti romani".

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/01/15 DAL BENEMERITO GIùAN
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 31/01/15 21:20 - 3800 commenti

I gusti di Giùan

Il "pellegrinaggio" di un giovane proletario alla ricerca di un lavoro in una Roma infame e viziosa. Tra le più potenti trasposizioni moraviane e misconosciuto frutto del sodalizio Bolognini (regista)/Pasolini (scrittore). L'amalgama tra l'estetica dell'immagine del primo (si veda l'eloquenza virtuosistica del piano sequenza iniziale nella borgata) e la volontà del secondo di sondare l'ipocrisia dei tabù di quegli anni (prostituzione morale e materiale, corruzione, degrado civico), trova una quadra non calligrafca. Perfino Sorel è credibile, magnifica Lea.
MEMORABILE: Il piano sequenza tra i caseggiati della borgata; L'untuoso personaggio di Stoppa; La bellezza di Jeanne Valerie.

Markus 10/03/17 12:27 - 3522 commenti

I gusti di Markus

Incontri disparati per un giovane romano con la smania di trovar lavoro in un sol giorno. Film con palesi ambizioni da tardo neorealismo, ma alla base il racconto appare manieristico. Anche il protagonista (un quasi debuttante Jean Sorel), pur bravo, risulta troppo "piacione" per non destare il sospetto che sia un "personaggio" atto più a soddisfare l'occhio che a dar manforte all'intento della pellicola. In ogni caso il lavoro di Bolognini (complice un buon ritmo e un'ottima fotografia) risulta complessivamente convincente.

Homesick 2/07/17 07:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dopo aver descritto con marcati tratti neorealisti le misere vite negli appartamenti di ringhiera delle borgate romane - palese il contributo di Moravia e Pasolini -, Bolognini allenta la presa sino a mollarla del tutto, perdendosi in una sceneggiatura frammentaria e cedevole. Il protagonista Sorel è così pulitino e impacciato che sembra uscito dal set di un fotoromanzo; per contro, molto più vividi e definiti sono i ritratti femminili (le determinate Massari e Valérie) e quello del losco ragioniere Stoppa. La Ciangottini è poco più di una bambina.
MEMORABILE: «Monnezzaro...»; La Massari alla guida del camion.

Myvincent 21/12/17 18:44 - 3263 commenti

I gusti di Myvincent

La giornata di un giovane squattrinato in cerca di lavoro dalla periferia affollata, al centro di Roma, nei palazzi decadenti, degni di un museo di paleontologia. Bolognini descrive Pasolini alla sua maniera, ripulendo i lineamenti dei volti (Jean Sorel è davvero troppo francese) e affrontando lo squallore interiore in modo soffice. Sarà stato anche per il veto opposto da troppe assurde censure dell'epoca, ma qui la Roma dei palazzinari fa meno male allo sguardo.

Rufus68 14/07/18 21:12 - 3589 commenti

I gusti di Rufus68

La derivazione moraviana, più attenta al cinismo e al basso sotterfugio, situa il film più sul versante della narrazione bozzettistica che della metafisica pasoliniana degli ultimi (anche se il disprezzo per il denaro, nel gesto di Sorel che replica quello finale di Terzieff ne La notte brava, è proprio da Pasolini). Bolognini ha il merito di trasfigurare i toni letterari in un itinerario (psicologico e) visivo di rara nitidezza coadiuvato dalle musiche sgocciolanti di Piccioni. Splendida la fotografia. Bravissima la Massari, perfetto Sorel.

Zampanò 7/04/20 21:41 - 374 commenti

I gusti di Zampanò

Sceneggiato da Pasolini quando ancora credeva nella santità proletaria ma pensato da Moravia, più spiccio e meno lirico. Un day movie ben tinteggiato da Bolognini, zoppo solo in qualche frangente (sbrigativo il cliché della sciura annoiata). A Soler, bello come un fauno danzante, il regista concede tutto, con una certa pietas. Il motivo jazz del girovagare per Roma è un amabile ponentino. Da ovazione il lento piano sequenza iniziale tra le case a ringhiera e i panni stesi.
MEMORABILE: Davide ruba l'anello al morto, come in un episodio del Decamerone.

Daniela 20/08/20 23:58 - 11641 commenti

I gusti di Daniela

La giornata di un ventenne romano disoccupato in cerca di lavoro, tra incontri e disavventure... Come in altri film del periodo, i racconti romani di Moravia forniscono la traccia per un film con ambizioni di ritratto ambientale, che qui risultano penalizzate dalla scelta di Sorel, molto attraente ma dall'aspetto più da pariolino che da poveraccio di borgata. Molto più centrate invece le interpreti femminili, con Massari in primo piano, assai efficace Stoppa nel ruolo del viscido ragioniere Moglie e belli alcuni scorci neorealisti in testa-coda. Nel complesso, film interessante.

Noodles 4/12/21 11:48 - 1545 commenti

I gusti di Noodles

Tratto dai "Racconti romani" di Moravia, un ottimo film dai tratti neorealisti che condensa in una breve durata la giornata di un borgataro romano alla ricerca di un lavoro. Le sapienti mani di Moravia e Pasolini delineano una vicenda amara, piena di personaggi interessanti, in una cornice squallida e vera. Uno dei migliori esempi dell'epoca. Jean Sorel bravo ma ci sta come i cavoli a merenda, ottima come sempre la prova di Lea Massari e Paolo Stoppa. La colonna sonora di Piccioni ben ci accompagna in un breve e desolante viaggio. Mauro Bolognini già ad alti livelli. Ottimo.

Nando 29/06/22 15:02 - 3654 commenti

I gusti di Nando

Una giornata di un proletario romano con figlio a carico alla ricerca di un lavoro che possa mantenere la sua famiglia. La narrazione si svolge tra presunte raccomandazioni, incontri con personaggi poco raccomandabili e donne che svolgono il mestiere più antico del mondo. Una pellicola che trova la sua associazione nel classico neorealismo nonostante Sorel appaia troppo bello e pulito come protagonista. Vivaci le presenze femminili a cominciare dalla Massari. Laida ed efficace la maschera di Stoppa.

Reeves 7/07/22 09:58 - 1094 commenti

I gusti di Reeves

Guardando questo film, pasoliniano fino all'eccesso come storia, si capisce perché Pasolini abbia poi scelto di passare personalmente alla regia: tra questo lavoro calligrafico e beneducato come il bel volto del protagonista Jean Sorel e la forza espressiva di Accattone, infatti, c'è davvero un abisso a favore del film che Pasolini stesso ha diretto. Qui non si va oltre un compitino fatto bene ma anonimo.

Mauro Bolognini HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.