LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sulla carta il nuovo progetto di Zalone non sembrava poi così distante dai precedenti: l'occhio sempre puntato sull'attualità, l'obiettivo divertirsi alle spalle dei luoghi comuni attraverso un linguaggio originale a metà strada tra il cafone e il "diversamente acculturato". Invece questa volta le differenze sono sensibili: l'immersione in una realtà comunicata dai media spesso solo superficialmente viene attuata percorrendo "il grande viaggio", quello che dall'Africa subsahariana porta i migranti fino a raggiungere le coste italiane. Rifugiatosi in Kenya per sfuggire ai creditori di Spinazzola (Puglia) dove aveva un sushi-bar, Checco decide dopo non molto che è tempo di emigrare in Liechtenstein (un paradiso fiscale), ma in incognito....Leggi tutto Per questo decide di aggregarsi a uno dei tanti gruppi in partenza per l'Europa, convinto che il trasferimento non debba poi essere così complicato. Niente di più sbagliato, come si può immaginare, e quello che seguiamo è in fondo un road-movie africano vissuto con la cristallina ingenuità di chi i pericoli li percepisce solo parzialmente, di chi affronta un viaggio drammatico preoccupandosi innanzitutto di avere con sé la crema per il viso all'acido ialuronico e i vestiti firmati. La forza del personaggio Zalone è intatta, la riconoscibile impronta della sua singolare proposta umoristica anche; è la sceneggiatura a perdere invece qualche colpo di troppo inseguendo l'ambizione di un film meno superficiale che faccia battere la lingua dove il dente duole. Castigat ridendo mores, insomma, secondo l'insegnamento più tradizionale della nostra commedia. Per farlo però Zalone rinuncia all'immediatezza sua tipica, riducendo la propria efficacissima capacità di stimolare la risata. Non mancano comunque le scene divertenti e le gag "facili" solo in apparenza, che rielaborando situazioni abusate giocano abilmente sull'interpretazione zaloniana delle risposte (si vedano le scene in albergo con il sogno erotico Idjaba che ripara in camera di Checco per non cadere in tentazione coll'attraente reporter francese), sul ribaltamento della realtà (la telefonata alle autorità italiane in cui è lui a decidere se il porto assegnato loro va bene o no, lo stupore quando capisce che non è lui a dover pagare i creditori ma l'Italia a dover pagare il riscatto per farlo rimpatriare) o sull'esasperazione di atteggiamenti denunciati più volte come pericolosi dai media di oggi (gli attacchi di “fascismo”, con conseguenti declamazioni stentoree dei discorsi mussoliniani). Le battute azzeccate non mancano insomma, ma sono inserite in un contesto non più costruito esclusivamente per prepararne il campo. Qui c'è una storia da raccontare, puntellata sì da momenti divertenti ma anche da belle riprese dei paesaggi africani, da pause dovute a dialoghi non necessariamente spassosi, da una regia (firmata per la prima volta da Zalone stesso) che non ha più la sicurezza finora dimostrata nella gestione di tempi e ritmi e si perde in lungaggini inutili, con reiterati messaggi volti a un'ampia riflessione sul tema e troppe canzoni (nemmeno riuscite come un tempo). Se un film così l'avessero proposto altri avrebbe probabilmente raccolto consensi maggiori; è il raffronto con precedenti ingombranti e d'indirizzo diverso a penalizzarlo e portare inevitabilmente a soffermarsi sul fatto che le risate e le gag siano in ultima analisi più contenute rispetto al passato. Vero, ma restano comunque in numero maggiore rispetto alla media dei film di argomento analogo, associate qui a invenzioni spesso non banali e se banali (l'attacco di dissenteria in autobus) supportate comunque dall'interpretazione superiore di chi non a caso ha clamorosamente sbriciolato negli anni ogni record d'incasso. E stupisce comunque l'omogeneità del prodotto finito, in Zalone: lo stesso registro viene mantenuto senza mai dare la sensazione di cambiare radicalmente da un minuto all'altro; quello scelto per TOLO TOLO ha toni bassi e da commedia più tradizionale (impossibile non pensare all'influenza di Virzì, in questo), ma conferma le peculiarità di uno stile - nei concetti e in come vengono espressi - che continua a riservare gustose sorprese, pur se qui nascoste tra le pieghe di un soggetto ideato non troppo felicemente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/01/20 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 12/01/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Bruce 20/01/20 09:57 - 999 commenti

I gusti di Bruce

Checco attore, cantante, musicista, questa volta anche regista. Film originale, coraggioso, ambizioso, persino strabordante e per forza di cose imperfetto. Il comico pugliese non rinuncia a far ridere, nel solito modo scorretto, sregolato e irriverente, pur affrontando un tema umanitario drammatico e quanto mai attuale, dalla evidente portata anche politica senza per questo risultare omologato e prevedibile. A tratti geniale. Belli anche gli inserti da sognatore e le canzoni. Un deciso passo in avanti nella sua carriera, successo meritato.

Legnanino 6/01/20 20:54 - 16 commenti

I gusti di Legnanino

Dopo quattro film di grandissimo successo, Checco Zalone scarseggia di idee nuove e pensa bene di inserire un elemento dell'attualità italiana come l'emigrazione dall'Africa. Il problema è che lo spettatore cerca il divertimento, come negli altri film di Zalone e questo divertimento stavolta non lo trova, perché la pellicola strappa forse due risate. Delusione.

Ira72 4/01/20 20:33 - 906 commenti

I gusti di Ira72

È la fine del buonismo. Del cinema ruffiano che punta sul pietismo. Perché in questa pellicola il punto forte è la satira che fa riflettere, strappando un sorriso amaro talvolta e sane risate, altre. Sia ben chiaro: non è la comicità sguaiata dalle risate a bocca aperta alle quali Checco ci aveva abituati. È un film più sottile e più intimo. Con qualche incursione kitsch che però, nell’insieme, non stona. 3 pallini per la prova attoriale corale e per il modo in cui viene affrontato il tema così delicato dell’immigrazione, 2 per alcune banalità evitabili.

Gordon 5/01/20 12:58 - 159 commenti

I gusti di Gordon

Buon film che tratta con ironia un tema spinoso come l'immigrazione e che esalta così lo spirito dissacrante - in primo luogo verso l'italiano medio - di Zalone. In tutto il film si ride di gusto, anche grazie a buoni comprimari che si adattano bene al ruolo. Peccato invece per una sceneggiatura che, dopo un inizio stuzzicante, si riduce nella seconda parte a un assemblaggio di scenette, pur divertenti, senza uno sviluppo unitario. Gradevole la regia di Zalone, per la prima volta a dirigere.

Mtine 5/01/20 09:45 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Zalone tenta di cambiare registro, collabora con Virzì e realizza un film su tematiche attuali, che però presto si rivela diseguale nei contenuti e a tratti imbarazzante. Che dire delle continue battute sulle tasse e la burocrazia, che stridono con un soggetto che parla di migrazioni e guerra? O di scene che vorrebbero essere satiriche, come i numeri (trash) musicali o i posticci riferimenti a Mussolini, che mal si sposano con un film che entra molto poco nel vivo del dibattito politico? Zalone punta al cielo, ma con troppi bassi e pochi alti.
MEMORABILE: Il cursus honorum del compaesano di Zalone; Il cameo di Vendola; "Grazie Haftar".

Puppigallo 4/01/20 00:26 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Le intenzioni potevano essere buone, ma il risultato è piuttosto avvilente. Zalone, qui anche regista, propone al pubblico una sorta di satira educativa, spesso da quattro soldi, che oltre a non far ridere (al massimo si sorride, ma sporadicamente), è quasi imbarazzante nella sua elementarità. Utilizzare l’ignoranza del protagonista per evidenziare luoghi comuni sul razzismo e assurdi comportamenti dei cosiddetti Paesi evoluti era giusto. Ma se il risultato è questo (seconda parte buttata lì), è evidente che un regista più maturo e una sceneggiatura dovevano accompagnarsi al messaggio.
MEMORABILE: Gli anziani, che girano intorno al tavolo ruotante con le mini portate; L'africano gli prende la crema viso e lui "Non hai la cultura per apprezzarla"

Galbo 2/01/20 20:40 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Dopo il fallimento del suo sushi bar, Checco trova lavoro in Africa ma è costretto al rientro in patria in compagnia di un gruppo di migranti. Per il suo debutto da regista, Zalone sceglie la stretta attualità in una storia che parla di migrazione e razzismo. Meno efficace che in altre occasioni dal punto di vista della comicità pura, l’attore mette con efficacia alla berlina i nostri connazionali e il sistematico sfruttamento della migrazione (oltre alla falsa carità di alcuni occidentali) adottando l’approccio politicamente scorretto.

Nando 5/01/20 10:08 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Zalone si cimenta anche nella regia in questa pellicola indubbiamente scorretta ma finalizzata a smascherare determinate situazioni e comportamenti italici e non solo. Si ride meno e si riflette maggiormente, ma l'ironia permea comunque tutta la narrazione. Finale, nonostante l'esilarante "cicogna strabica", lievemente deludente e seconda parte migliore della prima. Nel complesso valido, nonostante il cast di contorno sia leggerino.

Gabrius79 3/01/20 16:55 - 1182 commenti

I gusti di Gabrius79

Stavolta Zalone prende anche le redini della regia e confeziona un film sempre all’insegna del politicamente scorretto ma con meno risate e più momenti destinati a far riflettere sul problema del razzismo e dell’emigrazione. Insomma, cerca di battere dove il dente duole mettendo alla berlina la stretta attualità. Il risultato finale è piuttosto piacevole, seppur sciupato da un finale buttato là. Piacevoli i camei di Nicola Di Bari e Barbara Bouchet.

Bubobubo 6/01/20 22:27 - 1135 commenti

I gusti di Bubobubo

In un mondo in cui hanno sola dignità di parola il bianco e il nero, ecco un film intelligentemente orchestrato sui grigi: un'astuta trappola che è, in primo luogo, figlia prediletta della nobile leggerezza calviniana. Le risate di pancia sono pochine (ma esilarante è l'autoironico cameo di Vendola), la riflessione "politica" a tratti facilona, ma chi riesce a sdrammatizzare temi così seri e complessi merita un plauso a prescindere. Un consiglio per il prossimo: più attenzione al lato tecnico (specialmente al montaggio) e qualche minuto in più.
MEMORABILE: I camei di Barbara Bouchet e Nichi Vendola; Finale metacinematografico con strimpellata.

124c 6/01/20 01:26 - 2755 commenti

I gusti di 124c

A Checco chiudono il ristorante giapponese, in Puglia, così scappa in Africa, dove scopre la difficile vita degli abitanti costretti a emigrare in paesi stranieri come l'Italia a causa delle razzie dei soldati. Laddove le commedie africane con Fabio Fazio e Giobbe Covatta falliscono, Checco Zalone trionfa con la sua simpatia e le sue canzoni (fra cui spicca la hit alla Celentano "Immigrato"); peccato che si rida poco di pancia e si sterzi, a un certo punto, sul road movie alla Gabriele Salvatores (e ciò non è sempre cosa positiva).

Tonios 6/01/20 05:42 - 25 commenti

I gusti di Tonios

Un Checco Zalone assai lontano da come l’abbiamo conosciuto dieci anni fa: la pellicola altro non è che un rimasuglio di uno stile oramai scontato e ripetitivo, peraltro appesantito da un tema largamente abusato che non fa più divertire nessuno (se non chi è alla ricerca di un significato sarcastico). Si è alla disperata ricerca di un punto di decollo che non arriva mai, a cominciare da un incipit abbozzato alla meno peggio fino ad arrivare al finale d’ispirazione vagamente nichettiana.
MEMORABILE: Gli audio tratti dai discorsi di Benito Mussolini.

Ultimo 7/01/20 19:48 - 1335 commenti

I gusti di Ultimo

Non un brutto film, ma inferiore ai precedenti. L'intenzione di trattare il delicato problema dei migranti con ironia riesce solo in parte, con Zalone che costruisce un personaggio senza dubbio simpatico ma a tratti troppo caricaturale. Se poi pensiamo al deludente cast di contorno non possiamo che fermarci ai due pallini canonici. Seconda parte parecchio impegnativa e forse troppo pretenziosa.

Il ferrini 6/01/20 18:47 - 1644 commenti

I gusti di Il ferrini

Idea che ricalca pedissequamente Mollo tutto (imprenditore indebitato che scappa in Africa e incontra un bambino col quale affronta il viaggio di ritorno) senza possederne la stessa freschezza e tanto meno la simpatia del protagonista. Particolarmente kitsch gli inserti musicali e infantile la maggior parte delle situazioni. Personaggi di contorno senza alcuna profondità, utili solo a imbeccare l'ennesima (brutta) battuta di Medici che ormai recita se stesso da dieci anni. Si salvano il buffo cameo di Vendola e gli esterni nel deserto. Scarso.

Maxx g 10/01/20 17:27 - 491 commenti

I gusti di Maxx g

Prima regia di Luca Medici dopo quattro film da attore. E' sicuramente un prodotto più maturo rispetto agli altri e riesce a evitare i soliti, triti, luoghi comuni sull'argomento immigrazione. Questa volta non ci sono gli innumerevoli strafalcioni linguistici che tanto hanno fatto divertire il pubblico nei precedenti quattro lavori dell'artista pugliese. Viene lasciato insomma molto spazio alla riflessione, senza trascurare qualche sorriso. Peccato che "Tolo Tolo" frani negli ultimi dieci minuti, con quel finale buttato là.

Markus 12/01/20 12:16 - 3223 commenti

I gusti di Markus

Quattro anni per partorire l'opera quinta di Zalone, con la scelta d'inserire la comicità all'interno di un dramma. Operazione alla Benigni con il suo La vita è bella, che fu l'apice del suo successo ma... anche la sua fine artistica. Zalone interrompe il rapporto con Nunziante in virtù di una co-sceneggiatura con Virzì fatta di "personaggi" contraddittori, analisi sociologiche e cercando di far riflettere il pubblico sul tema dell'immigrazione sacrificando la risata. Qualche critico sarà contento, ma l'arte di far ridere andrebbe coltivata.

Carlitos 14/01/20 14:54 - 16 commenti

I gusti di Carlitos

Deludente ultimo risultato di Zalone. Il personaggio con le sue battute è troppo forzato, tanto che a un certo punto lo spettatore si stanca di ascoltarlo. Medici abbandona il suo tipo di comicità per fare un film quasi da denuncia sociale (si vedano le ultime scene), ma fallisce miseramente. Giusto due o tre scene si lasciano guardare. Presenti anche alcuni buchi nella sceneggiatura, zeppa di personaggi inutili inseriti giusto per dare "una valenza" al cast.
MEMORABILE: Il delirante cartoon finale.

Lou 16/01/20 18:21 - 934 commenti

I gusti di Lou

Ennesimo successo di Zalone, che attira le masse che vogliono ridere alle quali riesce a strappare qualche sorriso mentre somministra pillole di realismo: noi europei pieni di soldi e di problemi futili, l'Africa in guerra e povera, dove le persone si mettono in gioco in modo totale. I film drammatici e i documentari non li vuole vedere più nessuno, quindi ben venga Checco con la sua comicità di denuncia, perché il cinema serve anche per riflettere. E questo film qualche utile pensiero riesce a produrlo.

Mutaforme 20/01/20 23:09 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Il nuovo decennio si apre con questo film di Zalone che vorrebbe graffiare più che far sorridere. Purtroppo tuttavia il risultato non è dei migliori, l'opera è troppo superficiale per far riflettere e troppo seria per far ridere. Un ibrido che non fa bene a nessuno e che naviga nella mediocrità come tanti altri titoli più o meno famosi. Una delusione.
MEMORABILE: I discorsi di Mussolini.

Gestarsh99 29/01/20 16:34 - 1309 commenti

I gusti di Gestarsh99

Propostosi suicidariamente come Steve Jobs del sushi in quel di Spinazzola, l'eterno emigrante Checco torna a fare il malmesso viaggiatore in cerca di stimoli e fortuna, sgattaiolando via dalle incombenze tributarie del prosciugante sistema italiano. Zalone si autodirige, con cerchiobottistica previdenza bipartisan, tra voglia eloquente di dar risalto ai contrasti e freddurismo generalizzante da asilo Mariuccia, giustapponendo la minuscolità dei problemi del contribuente in fuga dal fisco alla maiuscolità dei Problemi del migrante in fuga da tutto. A prezzo di una risata in meno, ci riesce.
MEMORABILE: Zalone interroga il disabile circa il bagno non a norma: "Ma tu non senti i tuoi diritti violati?"... "No, no, no, io cacava po' terra fino a ieri"...

Ryo 10/02/20 00:59 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Il film è diverso dai precedenti film con Zalone: qui c'è meno comicità del solito. Ed è diverso anche dalle varie clip pubblicitarie che circolavano qualche tempo prima. Non è un film razzista, alla fine Checco chiarisce che siamo tutti uguali e non ci sono distinzioni di colore; siamo tutti umani. Per essere un film da record al botteghino ci si aspettava di più.

Paulaster 11/02/20 09:56 - 2669 commenti

I gusti di Paulaster

Italiano fallito ripara in Africa. Zalone evita le contrapposizioni di un rientro in Italia da migrante (visto in Mollo tutto) e si concentra sulle vicissitudini dei viaggi della speranza. Discontinuo nella parte iniziale con battute che richiamano la burocrazia e la furbizia, pecca per certe forzature (l'Isis, il fascismo, il passaporto stracciato). Discreta la parte dei trasferimenti, più fluida e girata meglio. Finale in stile Zecchino d’oro che non è un granché. Simpatico cameo di Vendola.
MEMORABILE: La nonna Bouchet; Gli anziani al tavolo del sushi; “Sensibility for beauty”; Il rosato dello Zimbabwe; No allo sbarco a Vibo Valentia.

Giacomovie 11/04/20 23:08 - 1338 commenti

I gusti di Giacomovie

Un eterno sognatore a forza di sognare si ritrova in Africa in mezzo ai migranti che vogliono arrivare in Italia. Film mediocre non per un livello di comicità inferiore alle attese e allo standard di Zalone, ma per un'impostazione infantile e a volte puerile di un tema che richiedeva più impegno. Qualche spunto di riflessione e il buon ritmo sono poca cosa in un contesto scadente, pur se credibile e neutrale rispetto al delicato argomento trattato.

Rufus68 28/05/20 22:30 - 3000 commenti

I gusti di Rufus68

Da anni pencolante tra un blando politicamente scorretto (ciò che gli ha assicurato la fama) e un buonismo arruffato e simpatico, Zalone rompe gli indugi e si getta definitivamente nel secondo campo. Così facendo perde non solo la propria originalità, ma si costringe a ricalcare le fruste orme del cinema italico del riflusso la cui unica aspirazione risiede in uno stanco escapismo esotico. Tutto questo si somma, altresì, alle croniche assenze di regia e struttura drammatica. Pessimi i cameo dei volti noti. Qualche battutina azzeccata qua e là.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Graf • 22/01/20 01:05
    Call center Davinotti - 914 interventi
    La recensione di Bruce ha ampliato la gamma delle valutazioni: adesso c’è anche quella di “davvero notevole!” con tre pallinaggi e mezzo. Però la media del voto degli davinottiani rimane il “mediocre”. Una media inferiore a quella degli altri film di Zalone. Per ora.
    Ultima modifica: 22/01/20 01:06 da Graf
  • Discussione Ruber • 22/01/20 17:56
    Compilatore d’emergenza - 8939 interventi
    Concordo in pieno con il post di Carlitos poco sopra. Il peggior film della filmografia di Zalone. Devo quindi rettificare il mio post ad inzio discussione, Zalone non puo fare da solo ha bisogno di Nunziante, che ora si starà fregando le mani, e magari Zalone sta già pensando di ricongiungersi al suo prolifico regista...
    Ultima modifica: 22/01/20 17:57 da Ruber
  • Discussione B. Legnani • 22/01/20 18:27
    Consigliere - 13748 interventi
    Ruber ebbe a dire: Concordo in pieno con il post di Carlitos poco sopra. Il peggior film della filmografia di Zalone. Devo quindi rettificare il mio post ad inzio discussione, Zalone non puo fare da solo ha bisogno di Nunziante, che ora si starà fregando le mani, e magari Zalone sta già pensando di ricongiungersi al suo prolifico regista... Probabile il ritorno a Nunziante, ma "prolifico" non direi, però: credo che abbia diretto solo 5 film.
  • Discussione Graf • 22/01/20 21:59
    Call center Davinotti - 914 interventi
    Trovo molto efficace il giudizio di Mutaforme; riassumendo, egli trova Tolo Tolo un "film ibrido: l'opera è troppo superficiale per far riflettere e troppo seria per far ridere". Per quel che mi riguarda non entrerò nel merito; non ho visto il film e ora ho perso la voglia di vederlo in sala; sicuramente lo ricupererò quando verrà trasmesso in televisione. Mi limiterò a fare, tra qualche giorno, alcune considerazioni sull'entità dei suoi incassi; negli ultimi giorni essi si sono praticamente fermati...
    Ultima modifica: 22/01/20 23:41 da Graf
  • Discussione Gestarsh99 • 31/01/20 17:48
    Scrivano - 13746 interventi
    Raremirko ebbe a dire: Gestarsh99 ebbe a dire: Raremirko ebbe a dire: Gestarsh99 ebbe a dire: Kanon ebbe a dire: Ma veramente guardando il trailer e vedendo la presenza di Zalone, qualcuno ha pensato che il film fosse contro gli immigrati? Anche perché il trailer sfodera un'ironia scientificamente bipartisan, secondo i dettami del classico cerchiobottismo nazionalpopolare cui Zalone ci ha da sempre abituati. D'altronde come potrebbe il Nostro assicurarsi incassi tanto massimizzati senza strizzare entrambi gli occhi alla più ampia e variegata fetta di pubblico possibile? Certo, non sarà un tipo di satira d'alto livello ma la messa alla berlina di certi stereotipi pro e contro il tema immigrazione è chiara ed evidente (nonostante qualche articolista webbico abbia comunque accusato il trailer di "passiva accettazione di stereotipi e pregiudizi come fatti"). Gest sei una risorsa, mitico, grandissimo, quoto ogni parola, anche il post precedente su Lourdes. Ah, vedi, una volta tanto concordiamo. Fermo restando che a me Zalone, con tutti i suoi piccoli limiti, sta comunque molto simpatico, anche per mere questioni di conterraneità (quando vedo un suo film o una sua esibizione sul palco sento sempre profumo di casa). Va che abbiam sempre concordato; quando vedrò comunque posterò il commento. Io ti suggerisco di vederlo un paio di volte (la prima per digerirne a dovere l'estraneità rispetto all'ingombrante trailer promozionale). La mia fortuna infatti è stata quella di rivisionarlo prudentemente anche a casa, senza il contorno distraente di schiamazzi, risatacce, commenti e battutine di tutta la sala pagante (una di quelle situazioni critiche in cui un lanciafiamme tascabile tornerebbe utile, ahah!). Visto al cinema, vuoi per il frastuono, vuoi per la scarsa concentrazione dovuta ai succitati fattori esterni, il film mi aveva lasciato parecchia insoddisfazione in pancia; infatti avevo già preparato un commento di quelli severi e mazzuolanti, in cui addebitavo la scarsa vis comica e il surplus smodato di freddure gratuite all'assenza del "controllo qualità/quantità" del fidato Nunziante: in pratica stroncando l'autodirezione di Luca Medici. Pallinaggio provvisorio: *1/2. Rivedendolo con saggezza tra le quattro mura domestiche (prassi utilissima spesso ingiustamente demonizzata - vedasi ad esempio la storica discussione in zona Prometheus) me lo son potuto godere con molta più rilassatezza, senza quella preoccupazione assillante di volerne cogliere e giudicare ad ogni costo i tanto sbandierati messaggi sociali. Zalone ha interpretato il suo classico personaggio, lo stessissimo dei quattro film precedenti, né più né meno. Solo al timone, orfano della supervisione del precedente regista, avrà forse calcato maggiormente la mano senza scorciare lo scorciabile, ma per questo esordio dietro la macchina da presa va più che bene. Ha trattato un tema spinoso senza troppi peli sulla lingua; si è sforzato di tener buone entrambe le fette ideologiche del pubblico (una più rancorosa e permalosa dell'altra) ma senza rinunciare ai suoi classici affondi naïf, disarmanti e infantili come solo i bambini sanno essere nella loro spontaneità non filtrata: insomma, ha fatto un lavorone equilibristico da sette camicie sudate. Per me può bastare; al massimo lo attenderò al varco della sua (eventuale) seconda regia: quello sarà il banco di prova definitivo che farà testo. Pallinaggio ricorretto: **1/2.
  • Discussione Galbo • 1/02/20 06:22
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    In molta critica leggo un atteggiamento infastidito di coloro che vorrebbero un comico sempre “incasellato” all’interno di schemi più rassicuranti per il pubblico; in sostanza: “limitati a fare il pagliaccio e non ci tediare con ambizioni d’autore”. Io ritengo che in questo film Zalone abbia semplicemente osato di più realizzando un film che diverte e fa riflettere, senza ovviamente che si debba parlare di capolavoro ma almeno va apprezzato il tentativo di cambiare parzialmente strada....
    Ultima modifica: 1/02/20 06:23 da Galbo
  • Discussione Raremirko • 2/02/20 00:24
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    Gest, molto sinceramente non ho capito bene il tuo discorso; un capolavoro resta pur sempre un capolavoro, anche con un trapano a pochi cm dal proprio orecchio. Stessa cosa per un film brutto; a me stan quasi girando le scatole comunque, manco stessimo parlando di Garrone o Sorrentino...
  • Discussione Gestarsh99 • 2/02/20 02:53
    Scrivano - 13746 interventi
    Vabbè, gli ho messo **1/2 mica 5 pallini, non esageriamo adesso :D Per come la vedo io anche i film meno "elevati" hanno diritto a una seconda chance di revisione. Col passare degli anni mi sono via via accorto che parecchie opere, visionate in circostanze diverse e a distanza di qualche tempo, possono sortire esiti valutativi anche di molto discordanti (altre invece restano immutate nel giudizio soggettivo anche dopo miriadi di visioni). Sembrerà una constatazione ovvia ma ho imparato a darvi molto peso.
  • Discussione Galbo • 2/02/20 06:22
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire: Vabbè, gli ho messo **1/2 mica 5 pallini, non esageriamo adesso :D Per come la vedo io anche i film meno "elevati" hanno diritto a una seconda chance di revisione. Col passare degli anni mi sono via via accorto che parecchie opere, visionate in circostanze diverse e a distanza di qualche tempo, possono sortire esiti valutativi anche di molto discordanti (altre invece restano immutate nel giudizio soggettivo anche dopo miriadi di visioni). Sembrerà una constatazione ovvia ma ho imparato a darvi molto peso. Verissimo
  • Discussione Graf • 2/02/20 13:51
    Call center Davinotti - 914 interventi
    Dopo le ultime recensioni, Tolo Tolo risale ad un giudizio medio di due pallinaggi e mezzo. Esattamente come tutti gli altri film di Checco Zalone.
    Ultima modifica: 2/02/20 13:52 da Graf