Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giapo 20/04/07 14:20 - 242 commenti

I gusti di Giapo

1600. Un terribile e perverso inquisitore approfitta dello scompiglio generato dagli scontri tra realisti e puritani per torturare e giustiziare presunte streghe e adoratori del demonio. Il film meriterebbe solo per poter vedere all’opera il grandissimo Vincent Price nel ruolo che gli è più congeniale, quello del personaggio corrotto e depravato. Ma a parte questo, il film sorprende per una crudeltà davvero inaspettata e una lacerante, disperata negatività di fondo. Da riscoprire.
MEMORABILE: La scena introduttiva, quella della terribile impiccagione della donna.

Undying 27/08/07 15:39 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Il genio di Michael Reeves (spentosi prematuramente alla giovane età di 26 anni) dirige con maestranza il talento di un attore del calibro di Vincent Price (il cacciatore di streghe del film, Matthew Hopkins) in quello che resta il suo film testamento (l'ultimo). Pur essendo catalogabile come horror, Reeves affronta questioni sociali, avulse ed estranee alla cinematografia di genere. Impressiona l'avvilimento di fondo, che percorre a piè sospinto la sceneggiatura sino alla chiosa triste e (fors'anche) premonitrice. Gioiellino.

Caesars 7/05/08 09:51 - 3336 commenti

I gusti di Caesars

Buon film davvero, che ha più del dramma storico che dell'horror. Michael Reeves morirà poco dopo per un'overdose di barbiturici alla giovanissima età di 26 anni. Ottima l'interpretazione di Vincent Price che dona al suo Matthew Hopkins un'intensità fuori dal comune. Buone le prove anche degli attori comprimari e bella la fotografia che ci regala splendide immagini della campagna inglese in contrasto con gli ambienti bui e tetri degli interni (John Coquillon, che sarà collaboratore abituale di Peckinpah). Da vedere.

Ciavazzaro 8/05/08 14:35 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Un superbo Vincent Price nel ruolo di uno spietato inqusitore che ne compie di tutti i colori. La storia (ben diretta da quel geniaccio che era Reeves) non lascia scampo a nessun personaggio, è sporca, ed è composta da un cast di ottimi attori (cito anche Ian Ogivly), ottime le musiche e il finale. Una pietra miliare.

Trivex 9/07/08 14:03 - 1624 commenti

I gusti di Trivex

Ottimo film sulla caccia alle streghe, con una inusitata dose di violenza per l'epoca e una rappresentazione efficace dell'abominio umano: gli omicidi delle povere donne avvengono dietro compenso materiale, senza convinzione di colpevolezza. Qui la malafede dell'inquisizione è giustamente evidenziata e la condanna civile è ancora più netta. Le urla durante la tortura, il coltello che penetra le carni, la donna fatta calare piano sul fuoco, ma anche i duelli e le scazzottate nelle taverne, gli inseguimenti a cavallo... è anche un po' rape and revenge! Bello

Herrkinski 22/10/08 19:04 - 6608 commenti

I gusti di Herrkinski

Buon film gotico di fine anni '60, che dà briglia sciolta al re del genere, l'indimenticabile Vincent Price. In questo caso l'attore si cala perfettamente nei panni del disgustoso Matthew Hopkins (cacciatore di streghe) e offre una performance che ben si addice alla crudeltà del personaggio. Il film, pur essendo datato, non manca di scene visivamente e psicologicamente forti, in un vero e proprio processo alle barbarie dell'Inquisizione. Ottimo il cast di contorno e suggestive le scenografie della campagna inglese. Unico neo: un po' lento.

Homesick 18/07/09 09:44 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Truce sguardo sulle turpitudini commesse dall’ Inquisizione nell’Inghilterra del Seicento. Molto curato a livello visivo (la fotografia e la ricostruzione della campagna britannica), resta impresso per la superba interpretazione di un Vincent Price al suo meglio, per l’insistenza – talvolta eccessiva fino alla noia – su violenza e sevizie varie e per l’idea di un Male che incombe su tutti e tutto. Buona la vendetta finale, sebbene quell’ascia avrebbe potuto lavorare più a lungo.

Cotola 5/09/09 21:59 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Inghilterra, XVII secolo: lo sfondo è quello della guerra civile tra truppe regie e quelle guidate da Cromwell. Protagonisti sono un inquisitore ed il suo aiutante, assetati di sangue. I risultati sono interessanti, più che discreti, forti ed intensi. Regia valida, buona la descrizione e la ricostruzione d'epoca, ottima la fotografia di Coquillon. Vista l'epoca in cui fu girato, un notevole pugno nello stomaco.

Il Gobbo 1/09/10 12:39 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gotico doc senza manieri e fantasmi ma avvolto in ben più preoccupanti tenebre. Price come sempre ineccepibile anche in un ruolo che non gli consente di gigioneggiare, pertinente ricostruzione ambientale, bella fotografia, facce giuste, finale amaro. Non un capolavoro, ma certamente un buon film. Peccato per la precoce dipartita, Reeves ci sapeva fare.

Von Leppe 11/10/10 16:26 - 1141 commenti

I gusti di Von Leppe

Sembra un western ambientato nella vecchia Inghilterra, durante la guerra civile nel 17° secolo: l'inquisitore Matteo Hopkins con il suo aiutante girano per le campagne e le brughiere alla ricerca di streghe. Violento per il periodo, è girato in scenografie reali di vecchi villaggi tipici e castelli inglesi, senza gli artifici scenografici e della fotografia delle pellicole Hammer. Un difetto per me sono le sequenze "effetto notte", specie quando si cavalca nelle campagne e ci si comporta come di giorno.
MEMORABILE: Non chiamarmi Matteo! Non sono uno dei tuoi amici ubriaconi che gozzovigliano con le sgualdrine.

Michael Reeves HA DIRETTO ANCHE...

Rebis 6/12/10 10:38 - 2178 commenti

I gusti di Rebis

Deve la sua fama agli annali dell'horror ma ha poco da spartire con il genere: il classico di Reeves inquadra, nell'Inghilterra seicentesca, il ruolo dell'inquisizione quale veicolo di turpitudini umane. La sensibilità paesaggistica è altissima e la resa cromatica degli ambienti di grande efficacia. Oggi, purtroppo, la scissione manichea tra personaggi buoni e cattivi appare schematica e impedisce alla tensione narrativa d'intensificarsi raffreddando la partecipazione emotiva. Il coraggioso finale esprime l'idea di un male infestante e virale. L'iconico Price è qui sproporzionato al ruolo.
MEMORABILE: La sequenza iniziale con la strega condotta all'impiccagione.

Myvincent 30/03/13 09:09 - 3189 commenti

I gusti di Myvincent

Il grande Vincent Price è la spietata maschera crudele di un giudice che, approfittando del suo ruolo e dietro lauta mercede, violenta belle fanciulle e manda al rogo innocenti. Un film che non brilla per originalità, ma che offre comunque torbide atmosfere tali da renderlo anche storicamente interessante, nelle ambientazioni riuscite e nelle scene realistiche al punto giusto.

Nicola81 21/10/14 23:50 - 2394 commenti

I gusti di Nicola81

L'ultimo film di un promettente regista prematuramente scomparso, è un robusto dramma storico dalle venature horror, che sullo sfondo di una campagna inglese suggestiva e splendidamente fotografata mostra senza mezzi termini e con crudo realismo le atrocità compiute dall'Inquisizione e, più in generale, le conseguenze della superstizione, dell'ignoranza e del fanatismo. Price è perfetto nei panni del glaciale torturatore, ma il resto del cast non è da meno. La vendetta finale sarebbe dovuta durare un po' di più...

Belfagor 13/03/16 13:50 - 2653 commenti

I gusti di Belfagor

Sullo sfondo della guerra tra Cromwell e i seguaci del re si muove l'inquisitore Matthew Hopkins (Price in uno dei suoi ruoli migliori), il cui fanatismo è accompagnato dall'avidità. Dramma storico che assume presto le sembianze di un horror, grazie alla violenza decisamente esplicita per l'epoca e a una quasi totale mancanza di umorismo che conferisce alle vicende un'atmosfera di opprimente fatalità. Ottima la fotografia dai toni saturi di Coquillon.
MEMORABILE: La sequenza iniziale dell'impiccagione; "Siamo soci in affari" "Che tipo di affari?" "Sterminio"; "Me lo avete portato via!"

Deepred89 30/08/17 10:20 - 3488 commenti

I gusti di Deepred89

Classicone dell'horror sessantiano che soffre di un ritmo non elevatissimo, ulteriormente appesantito da una certa mancanza di mordente (anche nelle scene violente) e da una sceneggiatura non ricchissima, sin troppo concentrata sul lato cavalleresco della vicenda e poco convincente pure nell'epilogo. A risollevare la situazione un Price in stato di grazia e una confezione notevole, con ambientazioni di grande suggestione e una scelta delle inquadrature sempre puntuale. Non male, ma gli si preferisce il più intenso La tortura delle vergini.

Daniela 15/03/18 12:23 - 11448 commenti

I gusti di Daniela

Nell'Inghilterra ai tempi di Cromwell, un inquisitore puritano se ne va in giro in compagnia di un boia per scovare streghe ed infedeli, torturati per strappare loro confessioni e poi "giustiziati" in modo atroce... Film in cui l'horror scaturisce dalla rappresentazione di nefandezze considerate abituali a quei tempi, in cui quello che colpisce maggiormente non è la buona fattura dal punto di vista tecnico e neppure l'interpretazione imperiosa di Price ma il profondo pessimismo sulla natura umana che impregna la narrazione, sfociante in un inconsueto finale "urlato" e senza alcuna catarsi.
MEMORABILE: L'impiccagione nella sequenza iniziale; Il "giudizio di Dio" con l'innocente affogata; La donna negata ad un palo e fatta cadere sul rogo

Rigoletto 9/02/19 13:49 - 1714 commenti

I gusti di Rigoletto

Incentrato sulla figura di Matthew Hopkins, malvagio inquisitore che nella prima metà del XVII secolo terrorizzava un'Inghilterra dilaniata dalla guerra civile. Il film ebbe una realizzazione complessa, soprattutto per il rapporto di Price con un regista che non lo voleva, ma il risultato globale sembrerebbe affermare il contrario; un buon film con scene anche abbastanza forti per l'epoca. Inutile dire che per quando Reeves fosse un regista potenzialmente talentuoso, è l'imponente figura di Price a conferire alla pellicola il jolly vincente.

Lupus73 12/05/20 11:45 - 1186 commenti

I gusti di Lupus73

Il grande Vincent Price nei panni di Hopkins, il cacciatore di streghe dell'inquisizione inglese nel '600. Pellicola più vicina al gotico che al genere storico, dalla sceneggiatura piuttosto scarna ma dalle atmosfere squisitamente goth-inglesi, con villaggio, case a traliccio, cattedrale. Price è il fulcro di tutto, inquisitore tipico, spietato, senza scrupoli che usa ordalìe per indagare, con abbigliamento molto fedele alle rappresentazioni del personaggio. Un buon film ma se parliamo di stregoneria niente a che vedere col debutto di Bava.
MEMORABILE: Un brano dei Cathedral.

Magerehein 27/01/22 10:29 - 220 commenti

I gusti di Magerehein

Nell'Inghilterra del '600 un turpe duo (l'algido Price e il bestiale Russell) si guadagna da vivere abusando del fanatismo popolare... L'inquisitore tratteggiato da Price, realmente subdolo e odioso, si muove con maestria fra esplicite rappresentazioni di violenza che non lasciano indifferenti, non tanto per la loro crudezza (per l'epoca questo fu comunque un film "forte"), quanto perché compiute in nome del "vero Dio" a scapito di innocenti. La storia scorre abbastanza velocemente e la prova complessiva del cast è valida. Il finale, a suo modo, è indimenticabile. Da vedere.
MEMORABILE: Le esecuzioni, in particolar modo quella del prete Lowes; Le urla che risuonano nella torre.

Teddy 10/05/22 02:31 - 178 commenti

I gusti di Teddy

Considerato unitamente il capolavoro di Reeves, è un film barbaro ma rigido, infestato da un livore provocatorio volto a illustrare il puritanesimo come esercizio di potere e male assoluto. Il cast funziona ma non brilla, mentre la fotografia di John Coquillon restituisce al racconto la naturale e ariosa bellezza della campagna inglese. Gran finale, allucinato e delirante.

Ian Ogilvy HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.