The social network

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Social Network
Anno: 2010
Genere: biografico (colore)
Note: Tratta della nascita di "Facebook".
Numero commenti presenti: 49
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 14/11/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 15/11/10 05:53 - 11315 commenti

I gusti di Galbo

Una delle applicazioni informatiche più utilizzate di tutti i tempi nacque per caso, per una frustrazione personale (il rifiuto di una ragazza); David Fincher ne racconta la storia e conferma la sua fama di ottimo regista, attraverso una narrazione avvincente (con continui rimandi tra passato e presente), una robusta sceneggiatura e dirigendo efficacemente un cast che non contempla volti notissimi ma un gruppo di bravi attori che eseguono il compito al meglio, a cominciare dall'eccellente protagonista.

Rambo90 14/11/10 14:35 - 6278 commenti

I gusti di Rambo90

Ottima idea quella di fare un biopic sulla nascita di Facebook e sul suo creatore. Fincher si conferma ottimo regista, il film ha i tempi giusti ed è sempre in bilico fra la commedia e il dramma in modo da non risultare pesante. Il cast di attori giovani è ottimo, soprattutto Garfield sembra promettere bene. Ogni passaggio è ricostruito con cura e i personaggi talmente ben caratterizzati da far trasparire ogni sfumatura del loro carattere. Qualche eccesso di dettagli tecnici non lo rende sempre fluido, ma è un ottimo film.
MEMORABILE: Il dialogo di apertura nel bar.

Deepred89 15/11/10 00:43 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Una ventina di minuti per entrare nell'universo nerd nel protagonista e poi il film decolla alla grande, puntando tutto sul ritratto dei personaggi e sorvolando un po' troppo (si suppone volontariamente) sui risvolti sociologici del fenomeno Facebook. Regia efficace e dialoghi incalzanti per un film interessante ed intrigante, che però rischia di invecchiare alla stessa (rapida) velocità del progresso informatico. Invadenti musiche elettroniche, anche se il sottoscritto (beatlesiano) si inchina dinnanzi alla scelta del brano in chiusura.

Sabryna 15/11/10 13:46 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

La nascita della più grande rete voyeuristica del mondo. In pochi semplici passi, Fincher delinea il profilo dei personaggi con efficacia, dall'idea allo sviluppo mediatico e sociale di quello che oggi può considerarsi il più importante social network a livello globale. Facebook non è un semplice punto d'incontro. Zuckerberg se ne è reso conto prima di altri, sviluppandolo e andando incontro inevitabilmente ai problemi legali di cui si parla nel film. Ottimi l'incrocio passato/presente e l'ironia sottile che stempera i toni drammatici.

124c 15/11/10 16:55 - 2756 commenti

I gusti di 124c

Film giovane, sobrio, con tanti momenti da commedia ma anche drammatici. Pur non avendo ancora mai utilizzato Facebook, trovo che sia giusto che il cinema s'interessi a questa novità interattiva, introdotta solo nel 2004. Gli attori sono tutti giovani (il più noto è l'ex di Cameron Diaz, Justin Timberlake, che è anche un cantante). Ottima la prova del futuro Spider-man cinematografico Andrew Garfield, anche se i riflettori sono puntati sul riccioluto Jesse Eisenberg. John Gets e David Selby, caratteristi cine-tv, fanno due gustosi camei. Tre.
MEMORABILE: Il droga party a cui partecipa Timberlake. Il tradimento di Garfield, che si sfoga con Eisenberg, dicendogli in faccia: "Ti faccio causa!"

Ford 22/11/10 18:26 - 582 commenti

I gusti di Ford

Davvero riuscito questo attualissimo film del buon Fincher, che evita la critica sociologica affrettata consegnandoci solamente la genesi di un fenomeno che ci riguarda molto da vicino. Paradossalmente il film avrebbe potuto parlare dell'invenzione di un rivoluzionario frullatore e sarebbe cambiato (forse) ben poco... Rimane comunque un film bomba dal ritmo e dalla cura sensazionali, ottimi attori, ottime musiche, ottimo montaggio, grande fotografia. E pare sia piaciuto pure a Zuckerberg...

Capannelle 26/11/10 14:08 - 3694 commenti

I gusti di Capannelle

Era giusto che dopo svariati film epici su presidenti, condottieri, gangster e broker d'assalto fosse arrivato il turno di un protagonista della net economy. Un ventenne nerd-styled ma convinto delle sue idee e, udite udite, spinto dalla rivalsa verso una ragazza. Fincher dirige bene, segue più Anderson che Stone e sfrutta un copione eccellente in parte romanzato ma che non si concede pause e che sa come gestire gli stereotipi del caso. Non è memorabile come molti critici americani scrivono, ma sono due ore ben spese.

Rebis 29/11/10 18:29 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Esclusivi o esclusi. Dalla proprietà intellettuale del (non) luogo di (non) condivisione, dal giogo delle connessioni para-amicali: il software aracnideo che cattura utenti riducendo corpi e identità secondo parametri arbitrari. Pulsano le note di Trent Reznor, le luci di Cronenweth ci inabissano, Aaron Sorkin affila i dialoghi. Ma il fenomeno telematico del XXI secolo lascia spazio solo a considerazioni banali: arrivismo, alienazione, autismo sociale. Lo sa bene David Fincher che monta l'albume monumentale con sferzate di sulfureo cinismo. Promettenti i tre lupetti omoerotici e faustiani.

Ciccio 7/02/11 10:58 - 9 commenti

I gusti di Ciccio

Un quadro dei retroscena noti e meno noti di un fenomeno, Facebook, che, a prima vista, potrebbe non sembrare foriero di spunti, ma che rileva aspetti psicologici e sociali molto interessanti, in questo caso attraverso la storia della sua nascita e il ritratto del suo creatore. Anche se il protagonista non brilla per simpatia lo sviluppo del film porta all'immedesimazione. In più momenti viene voglia di lasciare tutto e applicarsi ad un progetto qualsiasi, purché porti all'invenzione del secolo.

Ivanvilla 27/02/11 01:58 - 7 commenti

I gusti di Ivanvilla

Godibilissima apologia sulla nascita e la crescita di Facebook, in alcuni casi sfiorando il documentario. Attori sapientemente diretti; fastidiosissimi i due biondi gemelloni antagonisti del povero Zuckerberg, geniaccio nerd, padre fondatore di FB. Faticoso nei primi 15 minuti, si distende con una sceneggiatura fluida e ritmica, discostandosi sensibilmente dalla cifra stilistica a cui ci ha abituati David Fincher nei suoi lavori. Justin Timberlake svetta. Appassionante e amaro.
MEMORABILE: La scena del primo appuntamento con Sean Parker, fondatore di Napster.

Jandileida 4/03/11 23:25 - 1238 commenti

I gusti di Jandileida

Fincher è un grande regista: ci ha regalato almeno tre pietre preziose (Zodiac, Fight club e Seven) e la sua consapevolezza tecnica è anche qui sopraffina e mai autocompiaciuta. Questo biopic sul fondatore di Facebook però non mi ha convinto del tutto: la sceneggiatura, pur reggendo bene, non regala grandi guizzi e si mantiene su binari piuttosto scontati e prevedibili. Anche il ritratto dei protagonisti della vicenda mi è sembrato un po' troppo tirato via, così come quello di tutta una generazione. Reznor continua ad evolvere ed intasca un Oscar.

Ilcassiere 15/03/11 21:44 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

"La gente vuole andare su internet per sapere cosa fanno gli amici, serve un sito web che glielo permetta". Così è nato quello che sarebbe dovuto essere un gioco informatico e che è diventato invece uno dei mezzi di comunicazione più potenti della nostra epoca. Fincher ci racconta questa storia e lo fa bene, approfondendo giustamente gli aspetti psicologici della vicenda oltre che quelli legali.

Tyus23 22/03/11 00:49 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

Non sempre l'unione degli aspetti tecnici rende un film un grande film ma in questo caso è così: la sceneggiatura, pur vincolata dall'aderenza alla realtà, è scoppiettante, la regia perfetta e le interpretazioni ottime. Se ci uniamo un soggetto che verte su un enorme fenomeno sociale di strettissima attualità otteniamo uno dei migliori instant-movie possibili. Forse fra qualche anno non sarà più così interessante ma di certo non poteva essere realizzato meglio. Sorprendente Justin Timberlake.

Rullo 20/07/11 17:46 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Della filmografia di Fincher, questo Social Network è forse il film che più colpisce per la sua (inaspettata) profondità. Ripropone la storia, palesemente romanzata, della nascita del fenomeno culturale più popolare oggigiorno: Facebook. Lo fa con molta classe e padronanza del mestiere, la sceneggiatura è incredibilmente robusta e piena di dialoghi pungenti per quanto ritmati. La colonna sonora è altrettanto stupefacente e il cast (Eisenberg in primis) fa un lavoro perfetto nel sorreggere il film. Grandissimo lavoro.

Blutarsky 31/07/11 19:43 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Ovvero come un asociale è riuscito a creare il più noto social network al mondo. Fincher dirige con mano sicura una solida sceneggiatura focalizzata nello scandagliare l'interessante psicologia di Zuckerberg (senza grosse forzature tipiche del genere Biopic), sorvolando sulle implicazioni sociologiche del fenomeno Facebook. Interpretazione magistrale di Jesse Eisenberg, ottimi dialoghi, musiche convincenti e robusta messa in scena. Timberlake dimostra ancora una volta di essere un attore mediocre, unica nota stonata in un ottimo cast.
MEMORABILE: Splendida la scena iniziale per come riesce in pochi minuti ad introdurci nella psicologia di Zuckerberg.

Macguffin 30/08/11 17:36 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Che per emergere si debba essere dei "figli di p.", che il denaro non faccia la felicità e che il caso abbia un peso rilevante (e generalmente sottostimato) sulle nostre esistenze è risaputo, ma farselo raccontare in questo modo è comunque molto piacevole: Fincher affonda il colpo su uno dei fenomeni più emblematici del nostro tempo e tutto (in particolare sceneggiatura, montaggio e colonna sonora) si incastra a meraviglia per farci volare le due ore del film. Avvincente e significativo.

Tarabas 6/09/11 20:20 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Mark parla come pensa: velocissimo. Genialoide asociale e anaffettivo, inventa un sito per fare amicizie. Il nome non promette granchè: the facebook. com. È la rivoluzione che lo renderà "il più giovane milionario del mondo". Usando di volta in volta meccanismi di genere consolidati (biopic, legal thriller), Fincher riesce nell'impresa di dare ritmo a una storia che di per sè avrebbe poco interesse sullo schermo. Alcune cose scontate (il parallelismo tra nerds al pc e gli altri alle feste), ma il film funziona grazie soprattutto all'ottima scrittura. Like+1

Puppigallo 6/09/11 08:37 - 4488 commenti

I gusti di Puppigallo

Fenomeno mondiale, idea semplice ma geniale e decisamente efficace: si fa leva sulla morbosa curiosità e ficcanaseria della gente e sul desiderio di sentirsi importanti, ascoltati (l'accumulo di amici virtuali...) e sulla convinzione, spesso infondata, che ciò che si dice interessi a qualcuno. E' questo il sunto di facebook. Poi però c'è il film, con botta e risposta frenetici, ai limiti dello psicotico, come è il protagonista e salti avanti e indietro, dal processo, ai vari passi per ideare il nuovo cyber giocattolone...e qui ho faticato non poco a reggere il fiume di parole più o meno utili.
MEMORABILE: La gallina resa cannibale a sua insaputa; Alcuni botta e risposta tra avvocato dell'accusa e protagonista (ammette che ciò che dice non lo interessa).

Magnetti 16/09/11 17:51 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Un bel film robusto e avvincente (chissà quanto vero e quanto romanzato) grazie al bravo regista e al grande budget. Sicuramente felice la scelta del giovane protagonista di cui hanno ben sviluppato il carattere dei grandi e geniali imprenditori di successo... e la relativa spavalderia. Bene anche i ruoli secondari, incluso Timberlake. Finito ci si domanda dove stia andando l'economia mondiale se è possibile fare tanto soldi soddisfando bisogni secondari. Film molto buono su un fenomeno (Facebook) che mai comprenderò.

Mutaforme 14/09/11 16:46 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Non un granché. Ricalca in un certo senso le orme del vecchio film "I pirati della Silicon Valley" cercando però di essere adatto ad un pubblico più vasto, non solo a nerd o geek. Il risultato è una commedia che non ha sapore, superficiale e banalotta. Tra le altre cose non manca la solita ridicolizzazione della professione di informatico. Dimenticabile.

B. Legnani 14/09/11 23:25 - 4677 commenti

I gusti di B. Legnani

Che Facebook sia un successo è probabilmente un segno della decadenza del valore della riservatezza nel mondo d'oggi. Che il film funzioni è certissimamente dovuto al fatto che racconta bene la storia di un network iper-popolato ed ha un ritmo velocissimo, il che fa perdonare il fatto che sia popolato (il film, non il network) da personaggi non simpaticissimi. Regìa svelta e sicura. ***

Legnanino 14/09/11 23:35 - 16 commenti

I gusti di Legnanino

Il film mostra per prima cosa come i soldi possono rovinare le amicizie e come rubare le idee possa comunque portare al successo: questa, ahimè, è la vita. Il film è bello, perché non perde mai il ritmo ed è conciso anche se si parla molto. Divertente Zuckerberg, pensare al suono di chiamata e allo stato sentimentale sul profilo...

Piero68 26/09/11 08:52 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Spacciato quasi per il fenomeno cinematografico dell'anno, in realta il film viaggia sul mediocre. Con una sceneggiatura e un montaggio caotici, è troppo poco biografico e troppo criptico nel disegnare la personalità di Zuckerberg, al quale non credo faccia nemmeno un buon servizio. Lo si dipinge con tutto ed il contrario di tutto. Quanto al cast, bene Eisenberg nella sua imperscrutabilità, meno gli altri che sembrano personaggi da sit-com. Non si può acclamare un film solo per il soggetto, per quanto sia "rivoluzionario"...

Mickes2 2/10/11 13:10 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

E’ un tornado in piena forza; è grandissimo cinema, un turbine emotivo e psicanalitico di temi universali, ma anche attuali, quelli su cui si basa il ventunesimo secolo. E’ un'amara e disillusa analisi sull’amicizia, sui rapporti umani, sul tradimento, l’intelligenza. E’ funambolico nel distillare dialoghi che lambiscono la perfezione per tempi e modi, di acuta e finissima ferocia. Cupo e inesorabile nel trattare e scavare nella moralità dell’essere umano, tra gelosie e delusioni, tra avidità e sentimenti. Grandissimo score musicale.
MEMORABILE: Lo sguardo fisso e calamitico, apparentemente nel vuoto, di Jesse Eisenberg; La fotografia; Il finale.

Harrys 5/10/11 02:09 - 680 commenti

I gusti di Harrys

Ieratiche geometrie ed angelico rigore: l'impasse pachidermica appare lontana anni luce e i fasti di Zodiac risorgono come fenici. L'innocua favoletta di un paranoico nerd si tramuta in un legal-thriller dai lineamenti cospirativi e vagamente inquietanti. L'ovattato ed altoborghese microcosmo universitario appare come humus ideale per secernere sinistri figuri; ne rappresenta l'esempio massimo l'alienato protagonista, sagoma sfuggevole dalla repentina stasi, volutamente inconfigurabile. Sorprende nuovamente l'interpretazione di Timberlake. ***1/2

Didda23 5/10/11 20:04 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

La storia della nascita di Fb di per sè stessa non suscitava in me chissà quale entusiasmo, ma devo ammettere che lo sceneggiatore è riuscito a rendere il plot molto interessante, sviscerando con cura del dettaglio le complesse psicologie dei personaggi. La maestosa fotografia non ha solo una scopo funzionale, ma possiede pure un valore simbolico: infattile tonalità fredde e algide rispecchiano la personalità fredda e calcolatrice di Zuckerberg. Le riflessioni non mancano, soprattutto inerenti alle infinite possibililtà del web.

Cotola 16/10/11 23:31 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Il grande merito di Fincher nel girare questa pellicola è quello di aver reso agile e godibile un film estremamente verboso con un protagonista cui si romperebbe la faccia molto volentieri. Chiaramente gli "onori" vanno condivisi con una bella sceneggiatura (ottimi i dialoghi), un gran montaggio ed una oculata scelta dei brani della colonna sonora. Buone anche la fotografia e le prove degli attori. Non un capolavoro ma più interessante e meno banale di quel che, a volte, si dice in giro.

Supercruel 29/11/11 01:06 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

The Social Network parla di Facebook? In parte. E' innegabile che la ricostruzione della nascita del notorio e controverso social-medium sia parte importante del film, così come è vero che pare palese che a Fincher interessano più le persone che i computer. Il risultato è un film di rara potenza narrativa, girato in maniera impeccabile (la scena della regata è un capolavoro), con prove attoriali maiuscole e ricco di scene magnifiche (le birre lanciate, il test per entrare nello staff di FB, ...). Grandissimo lavoro.
MEMORABILE: "California uber alles" dei Dead Kennedys sparata a tutto volume per festeggiare il vincitore delle audizione per entrare nello staff di Facebook.

Luchi78 13/01/12 23:44 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

I primi 10 minuti passano cercando di settarsi sulla velocità di parole pronunciate al secondo dal protagonista. Dopo un po' ci si abitua e si riesce a seguire il film. Il ritmo è effettivamente serrato e la regia di Fincher è eccellente, inoltre il tema non può che interessare tutti gli internauti incalliti. Ottima la caratterizzazione dei personaggi, ma non aspettatevi nessun accenno alle implicazioni sociali che una bomba come Facebook ha portato nelle nostre vite quotidiane: è solo un semplice racconto dei fatti, dalla nascita ai pagamenti.

Nancy 7/02/12 01:10 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Film che grava sulle spalle come un imponente macigno: la regia curata di Fincher dà al film una confezione più che dignitosa, ma al tempo stesso lo appesantisce con orpelli temporali che, per niente coadiuvati dalla sceneggiatura (per quanto fitta riesce ad annoiare chi, come chi scrive, non eccelle in diritto né in hackering, vista la terminologia usata, satura di parole riferenti a questi campi), rischiano veramente di confondere lo spettatore (si riesce a orientarsi un minimo memorizzando gli abiti dei personaggi)! Meglio Timberlake di Einsenberg.
MEMORABILE: Il "colloquio" per entrare a far parte dei programmatori: shot, pop-up, codici.

Ryo 1/04/12 16:12 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ormai Facebook è entrato nelle nostre vite come il cellulare nei primi anni 2000. Ma com'è nato tutto? Questo film dice la sua, analizzando dall'esterno la vita di Mark Zuckenberg e montando una barriera di ghiaccio intorno a lui. Cosa c'è di vero poi, è tutto da chiederselo. Perfetto Eisenberg nella parte e nella recitazione, mentre lo stesso non si può dire per Timberlake, che guasta un po' il tutto con una recitazione troppo sopra le righe e una somiglianza nulla col creatore di Napster. La narrazione alternata è poco chiara, almeno inizialmente.

Giùan 10/04/12 17:49 - 2884 commenti

I gusti di Giùan

Fincher dimostra ancora una volta d'esser, tra i contemporanei registi americani, uno dei più versatili e dotati di personalità. Abbandonata la lentezza labirintica di Zodiac e la turgida fiaba di Benjamin, eccolo scandire con ritmo da screwball la parabola d'un Peter Pan eternamente corrucciato, di fronte allo smisurato senso d'inferiorità del quale, perfino il successo ed il denaro si mostrano impotenti. Geniale quanto elementare il cortocircuito socializzazione interattiva-autismo affettivo. Ineccepibile il montaggio, tridimensionale il giovane cast.
MEMORABILE: Far comprender il meccanismo di FB ad un assoluto ignorante come il sottoscritto; Eduardo a Sean Parker "...Stare vicino a te mi fa sembrare un duro".

Tomslick 17/04/12 16:27 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Instant movie svelto e serrato, diretto benissimo e dialogato anche meglio. Preso inizialmente atto (nostro malgrado) che nella visione non tutto verrà compreso dato il ritmo concitato di situazioni e soprattutto di dialoghi, il film rimane piacevole e appassionante. Freddo nella forma anche grazie al peculiare stile di Fincher, è invece nel contenuto pieno di significati: su tutto l'inesorabile solitudine del protagonista, ricco sfondato ma socialmente estraniato. Bello, sebbene corra il rischio di cadere nel dimenticatoio (internet docet).

Paulaster 17/07/12 09:32 - 2687 commenti

I gusti di Paulaster

Specie di film tributo al caso multimediale di inizio secolo. Sceneggiatura resa appetibile dai salti temporali tra la vicenda storiografica e la chiusura giudiziaria, bene ambientata grazie anche alla fotografia e all’uso della colonna sonora. Fincher se la cava molto bene, anche perché l’utilizzo di qualche spruzzata di banalità (ad es. nel ruolo di Timberlake) rende il girato piacevole dove poteva impantanarsi in digressioni tecnologiche.

Hackett 10/11/12 11:29 - 1720 commenti

I gusti di Hackett

Fincher è un grande regista, uno dei migliori della sua generazione. Riesce in questo caso a prendere una vicenda interessante ma potenzialmente rischiosa (dal punto di vista della presa sul pubblico) e farne un film avvincente, che tiene lo spettatore attento e coinvolto per ben 120'. Il segreto è la base del suo cinema: un montaggio serrato e brillante, una sceneggiatura a prova di bomba e la scelta di un cast funzionale ed equilibrato.

Pinhead80 26/08/13 19:31 - 3837 commenti

I gusti di Pinhead80

Mi aspettavo un film noiosissimo e invece mi sono dovuto ricredere. Fincher riesce a cogliere non solo l'essenza del protagonista ma anche quella di una società (dis)umananizzata dove le emozioni vengono celebrate virtualmente. Il cinismo dell'inventore di Facebook è pari a pochi, e inevitabile sale la voglia di spaccargli il muso... sensazioni che dimostrano come abbiano lavorato bene regista e cast. Uno dei film più attuali che abbia mai visto. Nichilista e spietato.
MEMORABILE: Le risposte al fulmicotone (condite di arroganza) del protagonista.

Xamini 20/09/13 13:13 - 993 commenti

I gusti di Xamini

Fincher è capace di mostrare su schermo la tensione lavorando su un ritmo alto e The social network (ma non sarebbe stato meglio senza articolo?) dimostra la tesi: un plot che sulla carta non dovrebbe brillare per fascino, rinverdisce l'eccitazione nerd già vissuta in passati slanci da Silicon Valley. Vien quasi voglia di spegnere la tv e mettersi a lavorare 30 ore di fila sulla prossima idea di successo.

Enzus79 13/11/13 18:21 - 1736 commenti

I gusti di Enzus79

Mediocre film diretto da David Fincher e forse uno dei suoi peggiori. Storia a tratti intricata e soprattutto poco coinvolgente. Dovrebbe essere una sorta di film-inchiesta, ma il risultato è una commedia che vale la pena dimenticare subito dopo averlo visto.

Redeyes 14/11/13 07:39 - 2128 commenti

I gusti di Redeyes

La capacità e la semplicità di ragionamento nella stesura delle stringhe generanti il mirabolante Facebook sono inversamenti proporzionali all'appeal della pellicola. I sagaci discorsi di "faccia da schiaffi" Mark, se accattivano dapprima, finiscono per aggiungersi ai molteplici flashforward, flashback per cercare di dare sprint a questo film altrimenti lento come una connessione a 56k. Fincher in più non ci risparmia la chiusura del cerchio dell'amore, che non fu con un finale di aggiornamento pagina. N.E.R.D. power.

Pigro 22/11/13 08:45 - 7706 commenti

I gusti di Pigro

Il titolo è la chiave giusta per un film che, nonostante la trama racconti la nascita e l’irresistibile ascesa di Facebook, parla in realtà, amaramente e perfidamente, di ben altro: e cioè proprio di quel network sociale di amici e soci, che si rivela subdolo, dedito a innati egoismi e litigi, maschilista e sostanzialmente arido. Per carità, non è una critica alle singole persone, ma proprio a un sistema in cui l’amicizia virtuale viene molto prima del digitale e si manifesta nella superficialità dei rapporti. Sottile, spietato, intelligente.

Daniela 2/10/14 11:20 - 9111 commenti

I gusti di Daniela

Incapace di tenersi la ragazza di cui è innamorato, un nerd genio informatico inventa un sistema per fare un'infinità di conoscenze virtuali, diventando così miliardario ma perdendo anche l'unico vero amico che abbia mai avuto... Il pregio maggiore del film, tutt'altro che scontato, è quello di non risolversi in un banale pistolotto su Facebook e similia, mostrando invece come rispecchi una superficialità dei rapporti già insita in certi ambienti. Regia in grado di rendere avvincente uno script fitto di dialoghi, bravi i giovani interpreti alle prese con personaggi odiosi o poco simpatici.

Alex1988 8/02/15 19:09 - 631 commenti

I gusti di Alex1988

Se non fosse stato rovinato dall'eccessiva verbosità, sarebbe stata una più che valida ricostruzione della nascita del più grande fenomeno (in senso positivo o negativo, non possiamo saperlo) dei nostri tempi. Valorizzato dall'ottimo montaggio (premiato con l'Oscar), riesce a mantenere alta l'attenzione passando dal passato al presente e viceversa attraverso le ricostruzioni dei personaggi.

Mtine 16/08/15 23:27 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Centrato instant movie diretto dal sempre ottimo David Fincher che tenta, anche con una certa malizia, di raccontare uno dei più importanti fenomeni di massa dell'ultimo decennio insieme alla descrizione psicologica del suo fondatore. Il risultato è un film moderno nello svolgimento grazie all'uso del flashback, piuttosto profondo nella caratterizzazione dei personaggi (perfettamente odioso l'opportunista Zuckerberg/Eisenberg), ma anche a tratti lento e convenzionale. Calzanti le musiche.
MEMORABILE: Le caustiche risposte di Zuckerberg.

Lou 29/11/16 00:26 - 934 commenti

I gusti di Lou

La nascita di Facebook, il più grande fenomeno sociale dell'era digitale, viene affrontata da Fincher con attenzione al contesto umano da cui origina un'idea di tale portata, sottolineando il paradosso di un ragazzo solo e frustrato che inventa il più grande strumento di comunicazione e di interscambio sociale. Eisemberg si rivela scelta azzeccata per interpretare Zuckemberg, perfetto nerd disadattato per aspetto e atteggiamenti. Talvolta la visione risulta faticosa per la verbosità dei dialoghi frenetici e degli approfonditi confronti legali.

Il ferrini 20/09/16 12:32 - 1649 commenti

I gusti di Il ferrini

Più che un film un documentario, con il pregio dunque d'esser accurato ma col difetto d'esser piuttosto tedioso. Bravo Eisenberg, ch'è d'un'antipatia da reazione allergica (spero che il vero Zuckerberg non gli somigli) ma anche l'amazing Garfield, che è l'unico a regalare qualche emozione. Tutti gli altri personaggi sono poco più che abbozzati, concentrandosi - il film - più sulla vicenda giudiziaria in sé che sulla caratterizzazione dei personaggi; Timberlake (qui inventore di Napster) è l'unico di essi ad avere un qualche spessore. Potabile.
MEMORABILE: Il primo incontro dei fondatori con Sean Parker, che consiglia loro di togliere il "the" e lasciare solo "Facebook".

Bubobubo 18/10/18 23:43 - 1151 commenti

I gusti di Bubobubo

Diretto sull'onda della prima e più sostanziale esplosione di popolarità facebookiana, è un film che andrebbe rivisto oggi, a quasi un decennio di distanza, se non altro per rendersi conto dell'insensata velocità cui sono sottoposte le nostre esistenze (e dei cambiamenti che siamo disposti a imprimere loro) e della spaventosa pervasività raggiunta da un prototipo di rete originariamente lanciato come semplice ripicca da maschio alfa ferito. Una volatilità predatoria di pensiero, relazione, ragionamento che, ottundendo, sviscera i nostri tempi.

Maxx g 5/08/19 23:24 - 491 commenti

I gusti di Maxx g

La storia della creazione di Facebook prima o poi doveva finire su grande schermo e così è stato, a sei anni di distanza dalla sua nascita. Il problema del film di Fincher, seppur recitato con mestiere da attori giovani e sostanzialmente emergenti, è la noia: "The social network" è verboso e alla lunga stanca. Il film è diviso in due (i fatti del passato e quelli del presente), ma questo non migliora la situazione, anzi. Nulla di che.

Fabbiu 31/05/20 15:06 - 1927 commenti

I gusti di Fabbiu

David Fincher racconta la nascita di Facebook, applicazione che cambierà per sempre il concetto di social network, partendo dalle udienze legali quale contesto che permette di ripercorrere la storia fin dalla nascita dell'idea. Trattandosi di ricostruzioni basate sull'essenzialità dei dialoghi questi sono perfetti nel non annoiare mai lo spettatore e anzi, coinvolgerlo nell'ascesa di Zuckerberg e nel raccontare gli ambienti e il background di ogni personaggio. Il cast perfettamente è all'altezza di ogni personaggio, lo sviluppo fluido e scorrevole.

Fedeerra 1/06/20 06:08 - 401 commenti

I gusti di Fedeerra

The Social Network, complice l'imbronciata faccia di Jesse Eisenberg, è sì il miglior film del 2010 ma è anche, e soprattutto, il miglior esperimento di mr. Fincher. Non è accademico come Il curioso caso di Benjamin Button, non è dispersivo come Zodiac e non è sterile come Panic room. I dialoghi gridano in ogni singola scena, mentre le meravigliose musiche di Reznor/Ross accompagnano tutto con rarefatta e inaspettata malinconia. Ottimo tutto il cast.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 16/09/11 12:29
    Comunicazione esterna - 5713 interventi
    Certo!
  • Discussione Zender • 16/09/11 12:40
    Consigliere - 43825 interventi
    Caesars ebbe a dire: Vedo che a breve è prevista una rece di Legnanino. Qualche parentela con B.Legnani? Queste sono illazioni. C'è qualche voce di corridoio... Tutte leggende metropolitane, per ora. Si può semmai chiedere all'autentico Legnani, ma non ho idea se voglia rispondere o se lo voglia fare a mezzo stampa o se preferisca direttamente denunciare Didda per calunnia (che è nelle sue facoltà, vista la protervia con cui quest'ultimo afferma con certezza che parentela esiste)...
  • Discussione B. Legnani • 16/09/11 13:41
    Consigliere - 13760 interventi
    Zender ebbe a dire: Caesars ebbe a dire: Vedo che a breve è prevista una rece di Legnanino. Qualche parentela con B.Legnani? Queste sono illazioni. C'è qualche voce di corridoio... Tutte leggende metropolitane, per ora. Si può semmai chiedere all'autentico Legnani, ma non ho idea se voglia rispondere o se lo voglia fare a mezzo stampa o se preferisca direttamente denunciare Didda per calunnia (che è nelle sue facoltà, vista la protervia con cui quest'ultimo afferma con certezza che parentela esiste)... Prima di dargli credito, vediamo se - in quest'epoca di deteriore permessivismo ortografico - sa scrivere po' con l'apostrofo (e senza accento) e se sa scrivere qual è senza apostrofo in mezzo. Solo in tal caso potròllo riconoscere, in modo da decidere.
  • Discussione Gestarsh99 • 16/09/11 14:40
    Scrivano - 13822 interventi
    La rogna più grossa sul pc è scrivere "perché" con l'accento acuto (e premere ogni volta in contemporanea il tasto maiuscolo). Io stesso, per fretta o per incuria, preferisco sempre tagliar corto con un rapido "perchè" ad accento grave. Peccati veniali :D
  • Discussione Caesars • 16/09/11 14:55
    Scrivano - 10233 interventi
    B. Legnani ebbe a dire: Zender ebbe a dire: Caesars ebbe a dire: Vedo che a breve è prevista una rece di Legnanino. Qualche parentela con B.Legnani? Queste sono illazioni. C'è qualche voce di corridoio... Tutte leggende metropolitane, per ora. Si può semmai chiedere all'autentico Legnani, ma non ho idea se voglia rispondere o se lo voglia fare a mezzo stampa o se preferisca direttamente denunciare Didda per calunnia (che è nelle sue facoltà, vista la protervia con cui quest'ultimo afferma con certezza che parentela esiste)... Prima di dargli credito, vediamo se - in quest'epoca di deteriore permessivismo ortografico - sa scrivere po' con l'apostrofo (e senza accento) e se sa scrivere qual è senza apostrofo in mezzo. Solo in tal caso potròllo riconoscere, in modo da decidere. Mi pare che se riuscisse a far ciò, sarebbe più provante che il test del dna.
  • Discussione B. Legnani • 16/09/11 15:08
    Consigliere - 13760 interventi
    Gestarsch ebbe a dire: La rogna più grossa sul pc è scrivere "perché" con l'accento acuto (e premere ogni volta in contemporanea il tasto maiuscolo). Io stesso, per fretta o per incuria, preferisco sempre tagliar corto con un rapido "perchè" ad accento grave. Peccati veniali :D Senz'altro. *** Io qui scrivo perché (non in word, perché si corregge da solo). Idem per È (alt0200). Peccati di follia.
    Ultima modifica: 16/09/11 15:10 da B. Legnani
  • Discussione B. Legnani • 16/09/11 15:11
    Consigliere - 13760 interventi
    Caesars ebbe a dire: B. Legnani ebbe a dire: Zender ebbe a dire: Caesars ebbe a dire: Vedo che a breve è prevista una rece di Legnanino. Qualche parentela con B.Legnani? Queste sono illazioni. C'è qualche voce di corridoio... Tutte leggende metropolitane, per ora. Si può semmai chiedere all'autentico Legnani, ma non ho idea se voglia rispondere o se lo voglia fare a mezzo stampa o se preferisca direttamente denunciare Didda per calunnia (che è nelle sue facoltà, vista la protervia con cui quest'ultimo afferma con certezza che parentela esiste)... Prima di dargli credito, vediamo se - in quest'epoca di deteriore permessivismo ortografico - sa scrivere po' con l'apostrofo (e senza accento) e se sa scrivere qual è senza apostrofo in mezzo. Solo in tal caso potròllo riconoscere, in modo da decidere. Mi pare che se riuscisse a far ciò, sarebbe più probante che il test del dna. Non esageriamo. Se così fosse, sarei parente di milioni e milioni di italiani.
    Ultima modifica: 16/09/11 15:11 da B. Legnani
  • Discussione Caesars • 16/09/11 15:33
    Scrivano - 10233 interventi
    Ma gli altri milioni di italiani non si chiamano Legnanino. In questo caso 2 indizi potrebbero essere considerati una prova.
  • Discussione Zender • 16/09/11 17:36
    Consigliere - 43825 interventi
    B. Legnani ebbe a dire: Zender ebbe a dire: Caesars ebbe a dire: Vedo che a breve è prevista una rece di Legnanino. Qualche parentela con B.Legnani? Queste sono illazioni. C'è qualche voce di corridoio... Tutte leggende metropolitane, per ora. Si può semmai chiedere all'autentico Legnani, ma non ho idea se voglia rispondere o se lo voglia fare a mezzo stampa o se preferisca direttamente denunciare Didda per calunnia (che è nelle sue facoltà, vista la protervia con cui quest'ultimo afferma con certezza che parentela esiste)... Prima di dargli credito, vediamo se - in quest'epoca di deteriore permessivismo ortografico - sa scrivere po' con l'apostrofo (e senza accento) e se sa scrivere qual è senza apostrofo in mezzo. Solo in tal caso potròllo riconoscere, in modo da decidere. Passando per le forche caudine delle Zendercorrezioni dubito che potrai mai avere un responso assoluto sulla cosa. Ti conviene riconoscerlo prima o disconoscerlo subito intimandogli di non usare un nome che insomma, almeno qui sul davinotti un suo forte significato ce l'ha... x Funesto: ti ho spedito una mail
    Ultima modifica: 16/09/11 17:40 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 16/09/11 19:06
    Consigliere - 13760 interventi
    Caesars ebbe a dire: Ma gli altri milioni di italiani non si chiamano Legnanino. In questo caso 2 indizi potrebbero essere considerati una prova. Sei pericolosamente vicino al teribile "Non poteva non sapere"...