Il peggior Natale della mia vita

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2012
Genere: commedia (colore)
Note: Sequel di "La peggior settimana della mia vita".
Numero commenti presenti: 26
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fiacchissimo sequel di un ottimo successo di cassetta in cui l'incontro/scontro tra Antonio Catania (padre della sposa) e Fabio De Luigi (lo sposo) produceva gag in sequenza mischiando la comicità slapstick alla base dell'operazione con i giochi di sguardi e gli impacci surreali del mattatore. Purtroppo l'esplosività che nel primo capitolo era riuscita a farci soprassedere sulla mielosità di molte situazioni (aggravata dall'inconsistenza dei personaggi femminili) è qui stemperata e diluita in una sceneggiatura annacquata, priva di grinta, sfilacciata e tremendamente povera di spunti....Leggi tutto Poco spiegabile l'inserimento di Ale e Franz alle pompe funebri, alle prese con scene ingiustificatamente lunghe e che mal si sposano al contesto, esagerato l'insistito tormentone di Dino Abbrescia maggiordomo ubiquo sulle tracce del più nobile Marty Feldman. La presenza ingombrante di Abatantuono riempie fortunatamente molti vuoti, ma quando la scena è lasciata alle due ragazze in dolce attesa (Capotondi e Chiatti) e al loro rapporto di malcelato odio c'è da mettersi le mani nei capelli: scarsa la propensione delle due alla commedia, disastrosi i dialoghi loro assegnati. L'unità di luogo (un piccolo castello della Val D'Aosta) cerca di replicare la formula teatrale del capitolo precedente, ma per sostenerla serviva una sceneggiatura perfetta dalla quale siamo qui lontanissimi. Perché poi rinviare l'incontro tra De Luigi e la famiglia penalizzando oltremodo un primo quarto d'ora che sembra non ingranare mai? Comunque, anche a incontro finalmente avvenuto, il burrascoso rapporto tra il marito della sposa e il genero pasticcione non decolla mai definitivamente: ci si limita a qualche stanca scaramuccia, a qualche occhiataccia, a due trite frasi di rimprovero, e con l'arrivo al castello di Mingardi (il babbo dello sposo) e figlioletta comincia una insopportabile, interminabile reinterpretazione di canti natalizi che trasforma la festa in un ritrovo surreal-kitch orientato decisamente al trash. E' scomparso ogni equilibrio, e la scelta di una certa misura nelle interpretazioni e nella regia non pare dovuta alla volontà di trovare una via più sofisticata ma a una più preoccupante mancanza d'idee che costringe a prolungare ogni "sketch" generando pause a non finire. Inutile sottolineare che siamo davanti a gag tra le più riciclate ci si possa immaginare; come capitava nella PEGGIOR SETTIMANA DELLA MIA VITA, certo, ma almeno lì erano giustificate da una reinterpretazione vivace che qui proprio manca... La simpatia di De Luigi e la discreta vena di Abatantuono permettono di salvare in parte il film, ma il ritmo e la brillantezza del numero uno sono solo un pallido ricordo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/11/12 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 24/11/12 10:57 - 3297 commenti

I gusti di Markus

Sin dal titolo il film è pensato per il pubblico natalizio: si troveranno tutti i cliché del genere quali la neve, il bosco, la casa addobbata e per non farsi mancare nulla, pure le canzoncine natalizie (cantate da Andrea Mingardi; siete avvisati). De Luigi (che sceneggia) propone il suo solito personaggio fantozziano dal cuore tenero che fa sempre simpatia e Abatantuono, dal canto suo, riconferma la sua nota verve, ma tolti loro il film crolla nella quasi monotonia sopratutto per il comparto femminile, assolutamente limitato.

Motorship 1/12/12 17:35 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Deludente, soprattutto se si pensa che il precedente di due anni prima non era affatto male, seppur i difetti ci fossero anche lì. Qui invece la sceneggiatura (dello stesso De Luigi e del regista) fa acqua dappertutto, dunque la storiella è davvero di pochissimo conto. A salvare la baracca ci pensano però un simpatico Fabio De Luigi nel ruolo del genero sfigato ma buono, un istrionico e strabordante Diego Abatantuono e un valido Antonio Catania. Cast femminile pessimo (almeno secondo me...) e cameo per Andrea Mingardi (come nell'altro film).

Maik271 4/12/12 13:25 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Considerando che questi film servono, a mio giudizio, per passare un'ora e mezzo, questo capitolo è un'apoteosi di situazioni limite ma spassosissime, con Fabio De Luigi sempre buffissimo, la Capotondi graziosa come al solito, un immenso Abatantuono, questo è un film da non perdere per questo Natale. Consigliato.
MEMORABILE: Che razza è? Credo che sia meridionale!

Cloack 77 8/12/12 10:27 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Incapacità di tessere una trama fluida, una sceneggiatura che si forma dall'accumulo senza alcun progresso, abborracciando gag da cinepanettone stravisto e giungendo ad un "degno" finale orribile. Si resta sbalorditi dalla mancanza di idee e di concezione di un film: gettata al vento l'opportunità di una Anna Bonaiuto semialcolizzata, Ale e Franz senza battute, prologo senza senso, così come la devastazione di una piscina, buttata lì tra un ballo e una caduta, senza motivo.

Dengus 9/12/12 22:25 - 349 commenti

I gusti di Dengus

De Luigi sembra l'erede di Villaggio; sa essere goffo e anche molto bene, in un film trainato dalle sue disavventure, sembrando quasi una via di mezzo tra Fantozzi e Gianburrasca; se si ride lo si fa anche grazie al mestiere di un Abatantuono tanto stralunato nella sua parte. Sempre efficaci i buoni "mediani" Abbrescia, Buonaiuto e Catania, la bellissima e nevrotica Chiatti e il bravo Mingardi, che con la sua voce e il suo stile arricchisce il film sopperendo all'inutile presenza di Ale e Franz, praticamente non pervenuti. C'è di peggio.
MEMORABILE: La distruzione del bar con la macchinetta 50cc!

Panza 15/12/12 20:01 - 1496 commenti

I gusti di Panza

Ricopiare in pieno il precedente film è servito davvero a poco: è uscito un mezzo disastro. Genovesi dirige male, De Luigi fracchieggia stancamente, il cast femminile risulta antipatico, Mingardi è stato reso più inutile e forzato che nel primo film appioppandoci le solite mielose canzoni di Natale che fanno cadere il film innervosendo non poco lo spettatore. Si salva qualche scena che strappa un sorriso e la bella location non troppo patinata. Abatantuono straordinariamente più incisivo del protagonista. Assai insipido.

Puppigallo 17/12/12 09:00 - 4510 commenti

I gusti di Puppigallo

Filmaccio sulla falsariga del primo episodio, ma con più scemenze (dal tacchino irrorato, all'equivoco del morto e avanti così...). De Luigi ormai si è adattato al ruolo del poveraccio tirato dentro a situazioni scomode, che dovrebbero essere divertenti, ma che in realtà attingono dall'archivio delle gag di medio-bassa lega. E se poi aggiungiamo, l'arrivo inaspettato del genitore con sorpresa e il finale (lieto evento compreso...) in linea con questa commediucola realizzata in quattro e quattr'otto, il risultato non può che essere trascurabile e abbastanza avvilente.
MEMORABILE: Gli zoccoli caldi d'estate e freddi d'inverno; Il barista ipnotizzato dal documentario sui daini (poi il tutto peggiora).

Zardoz35 1/01/13 12:16 - 249 commenti

I gusti di Zardoz35

Seguito deboluccio di un film dell'anno precedente di ben altro tenore. Classico film natalizio senza arte né parte salvato solo da un De Luigi ormai affermatosi come attore comico di prima grandezza, anche se dimostra di patire il ruolo di attore principale. Degli altri si salva solo un ottimo Catania, protagonista ormai fisso del genere e cresciuto moltissimo negli ultimi anni. Irriconoscibile e stralunato Abatantuono, inguardabile tutto il cast femminile. Simpatico come sempre Mingardi.

Jurgen77 2/01/13 13:13 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Debole, scontato, insipido. Se con il primo capitolo qualcosa di buono si era visto, qui si raggiunge il fondo. L'unico che regge la baracca è ancora Abatantuono nei suoi brevi interventi. Il resto è comicità scontata, a tratti sboccata, che non fa ridere.

Daniela 15/03/13 08:39 - 9414 commenti

I gusti di Daniela

De Luigi, ospite di Abatantuono insieme ai suoceri e alla mogliettina all'ottavo mese, combina guai a catena... Inferiore al primo capitolo, per la minore qualità delle gags, i tempi morti (tutta la parte dei canti natalizi sembra far parte di un altro film), il minor spazio riservato al confronto fra De Luigi e Catania a vantaggio di duetti femminili insulsi fra attrici giovani di rara antipatia, tuttavia offre qualche occasione di riso, soprattutto nella parte centrale con Abatantuono, per cui risulta adatto ad una serata poco impegnativa.
MEMORABILE: Il pappagallo morto, che il cane si ostina a riportare

Galbo 1/04/13 20:14 - 11391 commenti

I gusti di Galbo

Un film mediocre, dal successo spropositato, genera un sequel praticamente inguardabile. Il disastro inizia dalla sceneggiatura, che introduce situazioni senza costrutto (la parte con Ale e Franz è puramente riempitiva e non funziona affatto). I personaggi non destano il minimo di simpatia (compresa la new entry Abatantuono), le attrici femminili sono chiaramente non portate per il genere e De Luigi annaspa, in piena china discendente come attore. Per un sequel di successo ci vuole qualcosa di più della carta carbone.

Redeyes 27/05/13 18:04 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Fiacco sequel. Nonostante un Abatantuono decisamente in palla la pellicola non decolla, arroccata sui deja-vù del primo capitolo. Un De Luigi sempre più inetto quasi annoia, anche perché abbandonato a se stesso da un Catania meno incisivo e un trio femminile ai minimi storici. Torna Mingardi, ma sembra di assistere a un musicarello degli anni 60, esibizione e via. La trama è piuttosto piatta a cominciare dal facile clichè dell'auto 50 cc su per i monti. Spiace perché è l'ennesima pessima commedia italiana.

Luchi78 11/07/13 19:24 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Superiore al primo episodio, probabilmente per la presenza di un Abantantuono che stempera la vena fin troppo goffa di De Luigi. La Capotondi si improvvisa partoriente poco credibile, ma soprattutto partner del protagonista poco azzeccata. Il livello medio rimane comunque poco soddisfacente per un film che vuole fare delle situazioni comiche paradossali il suo punto di forza, ma qualche risata ne esce fuori.

Gabrius79 16/07/13 19:00 - 1193 commenti

I gusti di Gabrius79

Seguito piuttosto debole rispetto al predecessore. Si ride con De Luigi imbranatissimo ma la trama è piuttosto esile e prevedibile. Catania sempre bravo, Capotondi e Chiatti sufficienti, Abatantuono a tratti sembra essere il protagonista ma convince poco. Ci restano comunque alcune gag esilaranti con Ale e Franz.
MEMORABILE: La scena all'obitorio.

Furetto60 9/10/13 14:42 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Visto il successo del precedente, questo film riproduce le stesse situazioni comiche cui si aggiunge Abatantuono la cui vitalità, a volte, sopravanza quella del goffo protagonista De Luigi. L’incedere verso un finale apocalittico, anche se tema sfruttato, funziona sempre. Anche questo simpatico, ma un tantino inferiore a La peggiore settimana della mia vita.
MEMORABILE: Il risveglio della salma!; La 500 entra nel bar...

Rambo90 29/09/14 01:15 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Meglio del precedente, ma comunque ancora sfilacciato e con una storia troppo esile e ripetitiva per tenere in piedi il film intero. Alcune gag funzionano (come quella del tacchino), molte altre sanno di già visto e cadono nel vuoto. De Luigi è in piena caduta libera, sempre più schiavo del suo personaggio fantozziano; molto meglio Abatantuono, Catania e la deliziosa Capotondi. Mediocre.

Modo 11/11/14 22:50 - 824 commenti

I gusti di Modo

Commedia nel complesso divertente, merito soprattutto del trio maschile: Abatantuono sempre in gamba e De Luigi ne "azzecca" parecchie. Meno convincenti le attrici, a volte troppo smorfiose. La storia scorre vie tra alti e bassi, come le inquadrature dei primi piani. Giunti al termine non resta che una dicreta dose di buon umore.

Viccrowley 20/11/14 23:20 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Altro giro altro (dubbio) regalo sulla ruota delle discutibili commedie italiche odierne. Fabio De Luigi sarà anche simpatico, ma presentarlo come primo mattatore per tenere in piedi un'intera pellicola pare francamente pretenzioso. La sua verve basata sul causare guai a ruota libera stanca abbastanza in fretta e di sicuro il resto del cast non si ammazza per aiutarlo. Abatantuono e Catania sembrano pesci fuor d'acqua mentre la Chiatti e la Capotondi sono semplicemente impresentabili. Si salvano la Bonaiuto e il simpatico cameriere di Abbrescia.

B. Legnani 23/11/14 01:26 - 4725 commenti

I gusti di B. Legnani

Brutto, quasi imbarazzante. Non possono certo salvarlo le citazioni da Shining (le simmetrie) o da Marienbad (l'ingresso al castello, con camera verso l'alto), perché la sciocchezza che pervade il tutto è aggravata da un ritmo lentissimo, forse necessario per arrivare ad un metraggio decente, al quale si punta inserendo il personaggio di Mingardi con la surreale (ma fastidiosa) cantata natalizia (e balli annessi). Del cast principale il migliore è Catania, la peggiore una banale Chiatti.

Mutaforme 30/12/14 03:58 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Commediola natalizia leggermente migliore dei classici cinepanettoni vanziniani/parentiani (se non altro per un limitato uso delle volgarità), ma che non lascia il segno. Non si va oltre la riproposizione continua delle gag del maldestro De Luigi (e poche di queste fanno ridere). Non brilla nemmeno Abatantuono.

Samuel1979 14/12/15 21:59 - 471 commenti

I gusti di Samuel1979

Dopo un primo episodio appena passabile, Genovesi sforna un sequel decisamente modesto e soporifero, con attori che nonostante siano di notevole spessore non interagiscono minimamente in una commedia che ha poco da offrire. Le peggiori sicuramente la Capotondi e la Chiatti; buona la colonna sonora.

Lou 18/12/15 00:03 - 960 commenti

I gusti di Lou

De Luigi, con la sua simpatia e la sua mimica unica, si rivela scelta azzeccata per la parte dell'ospite goffo che, suo malgrado, ne combina di tutti i colori in occasione del ritrovo familiare natalizio nella villa/castello in montagna di Abatantuono. Nel complesso però si tratta di un film piuttosto caotico, con alcune situazioni in cui si ride di gusto (anche se per nulla originali), che progressivamente diventa un gran minestrone di accadimenti grotteschi e grossolani che virano decisamente verso il trash.

Ira72 25/12/17 23:31 - 944 commenti

I gusti di Ira72

Questo è il tipo di film che mi crea imbarazzo. Non so nemmeno se parlare di trama, tanto è copiata, plagiata, arrabattata e forzata. Il risultato finale è pessimo è fastidioso. Come lo sono tutte le protagoniste femminili, nessuna esclusa. La Capotondi per fortuna mangia (limitando i dialoghi), l’altra sfumacchia (sempre limitando i dialoghi). Eppure avrebbero dovuto parlare meno...

Pinhead80 11/09/18 14:02 - 3953 commenti

I gusti di Pinhead80

Dopo la peggior settimana arriva anche il peggior Natale: il problema è che questo è nettamente il peggiore dei due. L'unico a salvarsi dal grigiore è Diego Abatantuono nei panni del ricco padrone di casa. Il film non riesce a strappare nemmeno una risata striminzita e De Luigi non è mai stato così sottotono. La colpa sarà della sceneggiatura o del fatto che di commedie così ce ne sono oramai a bizzeffe, ma questo non cancella la grande delusione.

Deepred89 27/01/19 23:48 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

La prima scena tra le montagne prepara lo spettatore a una qualità visiva sopra la media, con una fotografia superiore a quella di gran parte delle produzioni nostrane, comprese quelle cosiddette d'autore. Muovendo da siffatte premesse, duole ancor di più dover constatare l'assoluta fiacchezza del film, che spreca il buon cast maschile per uno stiracchiato susseguirsi di noiose storielle finto-raffinate e gag che non divertono, in cui ci si ritrova a constatare, in varie occasioni, il palese divario tra ambiziose intenzioni e modesti risultati.

Lupus73 15/07/20 18:06 - 602 commenti

I gusti di Lupus73

Dopo La peggior settimana della mai vita torna l'imbranatissimo neo-sposo/De Luigi alle prese con il Natale e col suocero insofferente (senza la Guerritore a fianco); il valore aggiunto è Abatantuono, che ospita tutti nel suo castello fiabesco innevato. L'atmosfera natalizia è veramente ben resa (anche con il vicino paesino), le gag della prima parte sono esilaranti, anche più che nel precedente, ma il tenore non è sempre lo stesso: nella seconda parte ci si abbandona di più ai festeggiamenti del ricevimento (Mingardi che canta jazz natalizio). Piacevole (soprattutto a Natale).
MEMORABILE: L'equivoco del tacchino/toilette; L'equivoco con le pompe funebri dopo la scivolata di Abatantuono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Dengus • 9/12/12 22:38
    Custode notturno - 178 interventi
    Pesando la qualità delle sceneggiature, dei registi e dell'epoca, credo che De Luigi,che come il buon Paolo non è simpatico e sa far ridere solo di corpo e mimica, voglia prendere l'eredità di Paolo Villaggio.
    Parlo soprattutto del Villaggio di Neri Parenti e dei Vanzina.
    Del resto Villaggio non ha mai avuto un erede in goffaggine e credo quindi che Fabio abbia la phisique du role, a partire già dalla faccia e dalla mimica, per essere suo erede.
    Ora non insultatemi e non bannatemi nè!!! :)
  • Discussione Didda23 • 9/12/12 23:23
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Bah.. De Luigi secondo me ha una comicità completamente diversa. Villaggio sa essere più ironico.
  • Discussione Markus • 10/12/12 08:57
    Scrivano - 4789 interventi
    Non credo che De Luigi possa essere considerato un erede di Villaggio, anche se effettivamente il ricorso al ridere per le sfighe è ormai una sua prerogativa.
  • Discussione Fabiorossi • 26/12/12 22:19
    Galoppino - 15 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Non credo che De Luigi possa essere considerato un erede di Villaggio, anche se effettivamente il ricorso al ridere per le sfighe è ormai una sua prerogativa.
    Ho la sensazione che l'unico punto a favore di Villaggio rispetto a De Luigi stia nel fatto che Villaggio ha inventato un suo tipo di comicità che poi può piacere più o meno. A me perssonalmente ha stufato.
  • Discussione Zender • 27/12/12 09:20
    Consigliere - 43516 interventi
    Sì, Villaggio ha il torto di essersi un po' troppo ripetuto neglia nni, accettando anche sceneggiature in cui lui non doveva che ripetere le stesse facce di sempre in continuazione.
  • Discussione Ruber • 27/10/14 15:10
    Compilatore d’emergenza - 8977 interventi
    Uscirà il terzo capitolo "La peggior vacanza della mia vita" con cast credo immutato.
  • Discussione Ruber • 6/09/16 18:51
    Compilatore d’emergenza - 8977 interventi
    Visto ieri sera, devo dire che è molto peggio del primo episodio, che mi era piaciuto e molto divertito. Pur essendo immutato il cast anzi aggiungendo un super attore come Abatantuono, il livello del divertimento è quasi zero e le gags sono veramente mediocri. Genovesi doveva sfruttare molto meglio quel fior fiore di attori, e stendere una sceneggiatura molto migliore. Menomale che il terzo capitolo della saga non e più uscito, si saranno accorti di aver esaurito le idee già con questo.
    Ultima modifica: 6/09/16 18:52 da Ruber
  • Discussione Galbo • 7/09/16 16:06
    Gran Burattinaio - 3756 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Visto ieri sera, devo dire che è molto peggio del primo episodio, che mi era piaciuto e molto divertito. Pur essendo immutato il cast anzi aggiungendo un super attore come Abatantuono, il livello del divertimento è quasi zero e le gags sono veramente mediocri. Genovesi doveva sfruttare molto meglio quel fior fiore di attori, e stendere una sceneggiatura molto migliore. Menomale che il terzo capitolo della saga non e più uscito, si saranno accorti di aver esaurito le idee già con questo.

    Per me il primo era mediocre,questo è orrendo
  • Discussione Ruber • 8/09/16 15:09
    Compilatore d’emergenza - 8977 interventi
    Si ma almeno nel primo qualche gags ha funzionato, in questo neanche quella, e dire anche che avevano non solo più materiale artistico (Abatantuono sfruttato malissimo) ma anche un popò di scenografia come la Val D'Aosta con tanto di castello. Operazione fallimentare sotto tutti i punti di vista.
  • Curiosità Mauro • 9/01/18 12:13
    Disoccupato - 9485 interventi
    L'attore che interpreta un defunto nell'agenzia di pompe funebri di Ale e Franz è il regista del film Alessandro Genovesi. Qui la prova nel filmato del backstage del film

    https://www.youtube.com/watch?v=nhCBTw9r294