Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/04/09 DAL BENEMERITO XAMINI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/07/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Xamini 26/04/09 19:27 - 1119 commenti

I gusti di Xamini

Ennesimo precariato-movie (tratto da un web-novel di successo) virato sul sentimentale. O meglio, commedia sentimentale calata nella Milano dei precari con l'affitto da pagare e il pavimento marcio. Dai primi cinque minuti si evincono all'istante due difetti fastidiosi: sceneggiatura non ispirata e missaggio audio opinabile (niente presa diretta ma doppiaggio). Sarà anche per quello che gli attori appaiono lontani dall'eccellenza; basti considerare che a emergere è la simpatica Ocone, cui spetta un ruolo da macchietta. Che vi posso dire allora? Che mi sono ufficialmente innamorato della Crescentini.
MEMORABILE: Poltrona e pavimento, dài. Anche se i tempi comici non sembrano proprio perfetti.

Brainiac 27/09/09 11:05 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Film da un pallino e mezzo, come dice lo stesso Mandelli in uno dei frequenti lampi di metacinema sparsi qua e là ("Sei nel bel mezzo di una commedia romantica", confida all'amico). Un Santa Maradona aggiornato ai tempi della crisi, dove gli accenni al sociale non mordono ed i dialoghi non valgono quelli di De Rienzo. La gag del buco nel pavimento poi, era già ridicola la prima volta e riproporla in tre distinte situazione non è l'ideale. Va bene la commedia, ma a cadare al piano di sotto ci si fa molto più male di una semplice gamba rotta.

G.Godardi 5/10/09 15:33 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Giovani, carini e in futuro probabilmente disoccupati. Un piccolo filmetto, una commedia a tratti divertente ma inficiata da una sceneggiatura piuttosto slabbrata. Tiberi ha delle uscite che ricordano il primo Moretti (è un caso che il suo personaggio si chiami proprio Moretti?) ed è il più bravo di tutti, la Lodovini è sempre più un clone della Bellucci mentre la Crescentini sembra la seconda scelta della Chiatti. Peccato che il personaggio più interessante, il proiezionista, sia stato poco svilupatto. Un po' prolisso ma vedibile. Bravo Villaggio.

Fabbiu 30/11/09 09:11 - 2044 commenti

I gusti di Fabbiu

Incipit quasi perfetto: sebbene io non abbia niente da spartire con il protagonista, per una manciata di minuti iniziali mi sono quasi sentito rappresentato nella descrizione della situazione sociale in cui versa questa generazione: una prima mezz'ora con tempi da commedia buoni (la partita Andorra-Brasile, le buone interpretazioni soprattutto di Mandelli); peccato poi che il titolo ed il tema diventino uno sfondo invisibile per indirizzare il tutto verso la classica commedia sentimentale di amori combattutti perdendo del tutto forze e stimoli.

Sibenik 28/03/10 16:06 - 90 commenti

I gusti di Sibenik

Arriviamo ai due pallini, giusto perché porcherie da uno, massimo uno e mezzo se ne vedono già fin troppe, vero Moccia-movies?! Pellicola a metà tra lo scontato di alcuni passaggi di vita personale ed il paradossale soprattutto nell'ambito lavorativo, riesce comunque a farsi guardare fino alla fine. Tiberi dignitoso, Crescentini e Lodovini passabili, Mandelli funziona anche se si esagera col "macchiettismo", Villaggio meno fastidioso e patetico rispetto alle ultime performance, anche perché tra queste c'era Carabinieri. Modesto, ma non molesto.
MEMORABILE: Le squallide scene del buco sul pavimento: memorabili perché tutti devono vederle e non riproporle in altre opere!

Redeyes 16/07/10 11:00 - 2289 commenti

I gusti di Redeyes

Soddisfatto dell'incipit e con simpatia per Tiberi (già sfigato ed ottimo in Boris) mi sono cimentato nella visione. Mi sono divertito per alcune riuscite situazioni e per il bravo NonGio, anche se via via che si dipana la trama appare cristallina la svolta sentimentale che finisce per ammantare il tutto, purtroppo. Si vede la mano di Venier (la scena della gara a basket ricorda molto quella di Al, Gio, Gia) e comunque si nota anche il suo gusto. Lascia l'amaro in bocca a tutti noi 30 enni, purtroppo. Piacevole.

Stefania 9/08/10 02:50 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Il dramma del precariato giovanile prima codificato nel principio di incertezza di Heisenberg, poi svilito in un trito dilemma sentimentaloide: meglio la bionda o la bruna? Non si capisce perché passare due anni a lavorare nel marketing a Barcellona debba equivalere a (s)vendere l'anima al demone del carrierismo, o addirittura del capitalismo... Specie se l'alternativa non è la nobile (?) carriera universitaria, bensì il part-time presso un commercialista. Commedia carina, ma la realtà della sottoccupazione è ben altra, e il film non la coglie.
MEMORABILE: La gag surreale del buco nel pavimento e dell'atterraggio a casa dell'imperturbabile geometra: non c'entra proprio con tutto il resto!

Mco 12/10/10 22:57 - 2247 commenti

I gusti di Mco

Mi sono avvicinato a questo film per puro caso ma non son più riuscito a cambiare canale. Sia ben chiaro, non vi è nulla di trascendentale, ma il cast funziona e la semplicità della storia gioca a favore della longevità di resistenza davanti allo schermo. Vita ordinaria, amori e scappatelle, bugie e affitti da onorare, terrore di perdere il precario ma necessario lavoro. Tutto ben diretto e ben orchestrato da Venier. Sempre simpatico il Mandelli!

Ariel 23/01/11 22:59 - 40 commenti

I gusti di Ariel

Precarietà sul lavoro, nessuna certezza o gratificazione, impossibilità di costruire o anche solo di immaginare il proprio futuro. In fondo, però, c'è sempre la capacità di innamorarsi e di preservare i propri sogni, sembra dire la storia. Il film di Venier presenta un affresco un po' sbiadito della generazione attuale, non riuscendo ad evitare alcuni scivoloni nei luoghi comuni. In definitiva non si rimane così colpiti né travolti da sorprendenti prospettive inedite di annose e ritrite riflessioni. Decente ma manca l'energia. Poco mordace, peccato.

Cangaceiro 9/04/11 17:04 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Precariato-movie in versione light che ci risparmia gli psicodrammi di Tutta la vita davanti. Rispetto al film di Virzì però manca anche una buona dose di talento un po' ad ogni livello. La realtà di molti giovani non è troppo distante da quella descritta e giova il fatto di rappresentarla col sorriso sulle labbra mettendo in frigo, per una volta, la critica sociale, visto che non è affatto questo il pane di Venier. Solo la voce-off a inizio film sputa qualche sentenza di troppo. Bravo Tiberi, più doppiatore che attore, a tenere la scena da protagonista.

Francesco Mandelli HA RECITATO ANCHE IN...

Tarabas 17/07/11 20:52 - 1843 commenti

I gusti di Tarabas

Brillante laureato in matematica campa come addetto marketing a tempo determinato, sogna l'accademia, vive con un proiezionista (ma esistono ancora?), si combina la sciuretta bionda made in Mailand ma è innamorato della maestrina mora, umbra e verace. Finale a sorpresa? Assolutamente no. La prima mezz'ora è divertente per quanto facilona, poi il melodramma rosa prende il sopravvento, si scivola nel patetico, poi nel ridicolo e infine nel banale della scelta di vita. Peccato, le premesse c'erano. Una Lodovini illegale batte la Crescentini 6-0 6-0.
MEMORABILE: Brasile-Andorra alla playstation per prendere le decisioni importanti. Berasategui: gol! Brasile 0 Andorra 1.

Jcvd 28/07/11 20:46 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Un bel film italiano, finalmente. Cast semi sconosciuto (si fa per dire) azzeccatissimo e trama, seppur in parte banalotta, abbastanza avvincente. Una commedia pulita, recitata molto bene e con un Mandelli strepitoso: senza dubbio il migliore, anche se i topless delle due fanciulle...
MEMORABILE: Brasile Andorra.

Pinhead80 9/08/11 20:00 - 4283 commenti

I gusti di Pinhead80

Difficile non immedesimarsi per il sottoscitto con la trama che fa da base all'intera vicenda (almeno per quanto riguarda il tema portante del precariato). L'attualità del tema però non lo rende migliore di altri prodotti di genere. Rimane un film abbastanza stucchevole, con molte stereotipi accentuati e altri problemi (nella vita reale) a cui non si fa alcun accenno. L'impressione è quella che ci si sia accontentati di rappresentare un argomento senza curare l'aspetto più importante, ovvero la storia. Rimandato.

Coyote 23/03/12 22:07 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Un po' storia vera, un po' Notte prima degli esami, probabilmente più quest'ultimo. Sarà facile per molti ritrovarsi nelle disavventure e nelle vicende lavorative assurde del protagonista, forse un po' meno nel suo imbattersi casuale in bellezze così ben assortite: la mora proletaria e idealista, la bionda manager senza scrupoli... Tutto un po' tagliato con l'accetta, ma a sorpresa non mancano momenti veramente divertenti e il ritmo rimane abbastanza frizzante per tutto il film. Simpatico, ma non ci si aspetti granché.

Cloack 77 28/08/12 18:10 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Lo scopo primario e assoluto è il divertimento, la possibilità di vivere "leggeri" per almeno 90 minuti e nel caso specifico del film in esame potersi ridere addosso, o almeno ironizzare sulla prima generazione "più povera rispetto alla precedente, o l'unica che torna in Molise". Le battute carine si fermano qui, il resto è tutto "carino", purtroppo già visto: l'amico simpatico, l'amica non tanto amica, la bella ambiziosa "sbagliata", una dura scelta tra le due.

Luchi78 9/10/12 13:09 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Commedia sulla nuova generazione, storie di ragazzi laureati che si arrangiano per vivere nelle maniere ormai consuete; ma ben presto il nucleo del film si sposta sui sentimenti che in qualche modo comandano la vita anche al di là del precariato. Tralasciando quindi una sceneggiatura non esaltante, ci troviamo con un Tiberi improvvisato protagonista maschile, supportato dall'ormai collaudato Mandelli, idolo del mondo teen. Meglio la parte femminile, con la Lodovini che non dispiace affatto. Ottimo per impegnare una serata senza troppe pretese.

Rambo90 27/01/13 16:18 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Un film leggero, garbato, che con molta ironia riflette sulla vita dei giovani precari nell'Italia moderna. Molte banalità (soprattutto in campo sentimentale) ma una bella recitazione corale (Tiberi e Mandelli insieme poi funzionano bene) e la consapevolezza di girare una pellicola di poche pretese (evidente dai discorsi cinefili di Mandelli). Si sorride spesso, con una piccola punta di amarezza. Buono.

Homesick 9/05/14 07:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il dramma del lavoro precario nell’era delle multinazionali si stempera sino a volatilizzarsi del tutto in una commedia lieve e garbata, dove alla fine tutto si riconduce alle solite, altalenanti faccende amorose. A personaggi creati con lo stampino infondono vitalità Tiberi con la sua voce da esperto doppiatore, l’amichevole Mandelli, la sempre solare e disinvolta Lodovini e una Crescentini donna in carriera algida e frenetica. Simpatica la partecipazione del mentore Villaggio in una delle sue rare parti extra fantozziane.
MEMORABILE: Il buco nel pavimento; la lezione universitaria in cui Villaggio si rivolge a Tiberi attraverso un discorso sulle variabili matematiche.

Saintgifts 17/06/15 00:35 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il precariato lega la storia all'attualità, ma in effetti è una commedia senza tempo e molto leggera sui giovani, su giovani che si affacciano alla vita in tutti i sensi. Se non altro non sono bamboccioni, le famiglie non appaiono; sono emigranti nostrani, quelli che non fanno più notizia. Il film ci prova, ma non riesce a uscire dagli standard del genere; stereotipato, quindi, salvato in parte da giovani attori che Venier sembra sapere gestire bene.

Stelio 6/12/15 18:07 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Interpretato bene e montato/diretto a modo. Tiberi è un attore normalmente incostante, questa (per fortuna) è una delle sue interpretazioni migliori, anche perché perfettamente adatta a lui. Una certa retorica di fondo nella storia è presente e alcuni passaggi sono troppo prevedibili, ma il film resta gradevole per ambientazione, scorrevolezza dei dialoghi e anche accompagnamento musicale. Buono.

Massimo Venier HA DIRETTO ANCHE...

Galbo 29/12/15 05:44 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Tra le commedie brillanti italiane, questa di Massimo Venier ha almeno il dono della contemporaneità, nel senso che propone personaggi abbastanza credibili collocandoli in un contesto di perenne precariato e instabilità (anche emotiva), che per molti è l'Italia di oggi. Peccato che dopo una prima parte godibile il film inserisca il tema sentimentale che rappresenta la deriva più banale che possa prendere. Buona la prova degli attori, decisamente "calzanti" ai propri personaggi. Un'occasione in parte perduta.

B. Legnani 1/01/16 23:41 - 5173 commenti

I gusti di B. Legnani

E' una commedia travestita da film che parla di precariato, non un film sul precariato nella forma di commedia. Ciò detto, è gradevole, si lascia seguire bene fino in fondo, ironizza bene sulle sue banalità, come la Crescentini che suggerisce le frasi alla Malpensa o Mandelli che descrive la scena alla stazione che il regista - non a caso - ci ha evitato. Bene i maschi (Mandelli è perfetto), disuguali le ragazze (Lodovini vince nettamente sulla Crescentini). Carino Citran, inutile Villaggio.
MEMORABILE: "Un pallino e mezzo, proprio perché sono di manica larga".

Ryo 5/02/16 10:53 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Commedia italiana che racconta uno spaccato di vita di tre protagonisti alle prese con la vita di tutti i giorni: l'amore, il problema del lavoro precario, la stabilità di un domicilio (anch'esso precario). Regia e sceneggiatura da manuale, ovvio come andrà a finire ancor prima che cominci una scena. Prova attoriale sufficiente. Nessuna emozione se non quella che, personalmente, mi ha dato la prova di uno stanchissimo Paolo Villaggio.

Jep21 1/08/17 18:34 - 31 commenti

I gusti di Jep21

Il tema, attuale nel 2009 e anche adesso, racconta o meglio si propone di raccontare la realtà di chi vive nella continua precarietà professionale senza nessuna certezza sul futuro, sempre in bilico tra promozione e "calcio in c***". Interpretato da attori con "la faccia" giusta per quei ruoli (più Tiberi e Mandelli che la Lodovini), qualche bel cameo (Balasso, Citran) e un Villaggio poco entusiasta; insomma, tutto bene non fosse altro per la deriva della seconda parte, tipica dei "manuali d'amore" e simili.

Piero68 1/08/17 10:57 - 2866 commenti

I gusti di Piero68

Valido ritratto delle giovani (e disperate) generazioni italiane alle prese con il precariato; lo rovinano purtroppo una durata eccessiva senza che la sceneggiatura davvero lo richieda e alcune interpretazioni troppo strafottenti e inadeguate come quella della Crescentini. Tiberi a fase alterna e Mandelli messo lì giusto per dare una certa verve comica (anche se alla fine risulterà il personaggio secondario più riuscito). In realtà è la regia di Venier a zoppicare. Evidentemente, con un cast giovane e bisognoso di indicazioni, perde la bussola.

Paulaster 28/08/17 11:05 - 3603 commenti

I gusti di Paulaster

Vita di un trentenne precario tra innamoramenti e decisioni per il futuro. L’approccio è socio-lavorativo e calibrato in chiave da perdenti col senso dell’ironia. L’analisi ha però il fiato corto, tanto da richiedere una svolta plurisentimentale. Tiberi si destreggia anche se alla lunga diventa monotematico e Mandelli è una sicurezza come spalla; come donne, la Lodovini è più centrata mentre la Crescentini è melò. Regià briosa che sfrutta la leggerezza delle musiche.
MEMORABILE: L’analisi del ménage da parte di Mandelli in chiave cinematografica.

Alex1988 22/12/19 18:26 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Ennesima commediola italiana intrisa di buoni sentimenti, diretta dal valido Massimo Venier (storico collaboratore di Aldo, Giovanni e Giacomo) in cui, tra l'altro, possiamo trovare anche dei riferimenti a film del trio (le partite di basket e la voce fuori campo di Chiedimi se sono felice). Qui, però, siamo in tutt'altro contesto; è il mondo del precariato a fare da sfondo alla storia. Ma manca una certa mordacità che faccia apprezzare appieno il film. Non brutto, ma neanche eccezionale. Presente anche un omaggio a Sergio Leone.

Lou 16/02/20 23:08 - 1079 commenti

I gusti di Lou

Commedia giovanile, simpatica e ironica. Niente di straordinariamente originale, anzi i cliché si sprecano e il tema del precariato appare più che altro un pretesto per dare spazio alle solite ansie e incertezze affettive, ma il gruppo di trentenni si rivela affiatato e convincente. Ci si diverte con un velo di amarezza, pur tra non poche banalità.

Camibella 10/03/21 13:29 - 277 commenti

I gusti di Camibella

Disavventure lavorative di un giovane precario che ha pure paturnie amorose con due bellissime donne. Il titolo, tristemente attuale, è l'intuizione migliore ma non l'unica di un film delizioso e, tutto sommato, ben recitato. Venier, ottimo sceneggiatore, si impegna anche come regista e fa un discreto lavoro che riesce nel compito di farci arrivare bene al termine della pellicola. Battaglia di sensualità tra la Crescentini e la Lodovini, ma il più simpatico è senza dubbio Mandelli.

Caveman 19/12/21 16:20 - 428 commenti

I gusti di Caveman

Almeno la storia lavorativa è "sul pezzo": precariato e difficoltà a pagare gli affitti sono passaggi veritieri nella vita di molti giovani d'oggi, molto meno credibili sono i rapporti amorosi del protagonista (una cosa fantascientifica se non oltre). Va a finire che a salvarsi sono in due. La Lodovini - brava e bella - e Mandelli, simpatico con il suo andare quasi a rompere la quarta parete. Per il resto una sceneggiatura piatta e banalissima, in cui tutto va come dovrebbe; ma quando mai! Villaggio sprecato.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Siska80 2/01/22 08:59 - 2162 commenti

I gusti di Siska80

Il povero Marco (che incarna il giovane istruito di belle speranze, che tali rimangono) è coinvolto in breve tempo in una serie di sfortunate situazioni economico-sentimentali. In poche parole, a parte la critica sociale, c'è ben poco di interessante da vedere, anche perché la pellicola si svolge quasi interamente tra la casa e il lavoro del protagonista (un Tiberi abbastanza in parte, l'unico all'interno di un cast poco coinvolgente, Villaggio compreso) apparendo  abbastanza ripetitiva (fastidiosissimo il brano di Elisa, chiusura tuttavia consona a un prodotto di tale noia).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ruber • 20/03/12 16:58
    Contratto a progetto - 9130 interventi
    Ma come si fa a non inc.... quando si vede un film di una banalità enorme come questo (visto ieri sera e che mai rivedrò più!) che ha ricevuto il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali! cioè soldi pubblici per realizzare tale porcheria mah... sono un amante della Lodovini ma in questo film e assolutamente sprecata. Film insulso.
    Ultima modifica: 20/03/12 17:37 da Ruber
  • Discussione Zender • 20/03/12 19:35
    Pianificazione e progetti - 45710 interventi
    Guarda, la lotta contro i fondi pubblici è una battaglia persa, Ruber. Dovessimo passare in rassegna tutti i film che li han ricevuti ci sarebbe da ridere. A me è sembrato un film con un buon ritmo, tutto sommato piacevole. Mi aspettavo di peggio.
  • Discussione Didda23 • 20/03/12 19:52
    Comunicazione esterna - 5772 interventi
    Pure a me non era dispiaciuto.
  • Discussione Ruber • 21/03/12 00:38
    Contratto a progetto - 9130 interventi
    Una noia mortale se non fosse per qualche buon momento della Lodovini, visto che la Crescentini non e pervenuta. Sui protagonisti maschili lascio un velo di silenzio.
  • Discussione Tarabas • 22/03/12 12:08
    Formatore stagisti - 2071 interventi
    Lodovini a parte, la cosa migliore del film è Andorra-Brasile alla playstation come metodo per decidere.

    Berasategui! Di testa!
  • Discussione Ruber • 22/03/12 13:16
    Contratto a progetto - 9130 interventi
    Tarabas ebbe a dire:
    Lodovini a parte, la cosa migliore del film è Andorra-Brasile alla playstation come metodo per decidere.

    Berasategui! Di testa!


    Ahhahaah vero si quella trovata non e male!
  • Discussione B. Legnani • 1/01/16 23:47
    Consigliere - 14562 interventi
    Poche ore prima di vederlo avevo scritto, per LA MINORENNE: "Un pallino e mezzo, con generosità".
    Quando Mandelli, per descrivere la storia di Tiberi, chiude con "Un pallino e mezzo, proprio perché sono generoso", non ho potuto non sghignazzare.
  • Curiosità Samuel1979 • 29/02/16 10:18
    Capo call center Davinotti - 3536 interventi
    La lezione di metrica che Beatrice (Lodovini), insegna nelle sue lezioni pomeridiane, verte sulla Bucolica I di Virgilio.

    "Tityre, tu patulae recubans sub tegmine fagi
    silvestrem tenui Musam meditaris avena"


  • Musiche Samuel1979 • 29/02/16 10:51
    Capo call center Davinotti - 3536 interventi
    Durante la scena di sesso fra Matteo (Tiberi) e Beatrice (Lodovini), viene trasmesso il brano "So Here We Are" dei Bloc Party