Dio perdona... io no!

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1967
Genere: spaghetti western (colore)
Note: Aka "Dio perdona io no!", "Dio perdona, io no!". Il primo di una trilogia che comprende "I quattro dell'Ave Maria" e "La collina degli stivali".
Numero commenti presenti: 26
Papiro: elettronico
APPROFONDIMENTI: Intervista a Gina Rovere

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Se tralasciamo una casuale compartecipazione in ANNIBALE otto anni prima, DIO PERDONA... IO NO! è il primo film che vede insieme la futura coppia d'oro Bud Spencer/Terence Hill. A scovarne il potenziale è Giuseppe Colizzi, regista e sceneggiatore del film che personalmente si occupò di rintracciare Bud Spencer, assente dalle scene proprio dai tempi di ANNIBALE e che il western non l’aveva mai fatto. Una scelta azzeccata, che il pubblico premia con incassi strepitosi (Colizzi con i due firmerà infatti un'intera trilogia pre-Trinità...Leggi tutto) non dovuti alla sola presenza di Hill, allora stella nascente del genere. Lo stile di Colizzi è piuttosto personale e verrà mantenuto inalterato anche nei successivi, ma meno riusciti, I QUATTRO DELL’AVE MARIA e LA COLLINA DEGLI STIVALI: una messa in scena non ricca ma nemmeno misera come nei tanti spaghetti western coevi, un'attenzione insolita per i particolari di costume (la banda al funerale, ad esempio), le prime timide gag inserite tra una sparatoria e l'altra, dialoghi ragionati e meno approssimazione del solito nell'elaborazione del soggetto. I difetti connessi sono comunque tanti, in primis una lentezza congenita allo stile del regista che impedisce di godere appieno della già carente azione. Colizzi sembra insomma troppo ambizioso rispetto alle sue reali possibilità, finendo per penalizzare il necessario coinvolgimento. La coppia Spencer/Hill ha già modo di affrontare i primi battibecchi denotando le prime avvisaglie di una straordinaria affinità destinata ad aumentare film dopo film, anche se qui il vero interlocutore del protagonista, Hill, è Frank Wolff. Le scazzottate, ancora brevi e sporadiche, sono comunque di rara violenza e realismo. Sguardi e atteggiamenti sono ancora quelli del western serio.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 23/11/07 08:21 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Nascita di un sodalizio fra i più fortunati della storia del cinema italiano (e non solo), e primo capitolo di una trilogia fra le meglio riuscite del western di casa nostra: peccato che Colizzi si sia sostanzialmente limitato ad essa. Siamo per fortuna lontani dalla parodia sgangherata, questo è un vero spaghetti-western, sporco e cattivo, uno dei migliori del periodo. Frank Wolff/San Antonio (!), come di consueto, è un gigante e un super-carognone. E quei due lì si intendono già a meraviglia. Ottimo.

Stubby 28/01/09 23:08 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grande spaghetti western con un Frank Wolff (Bill Santantonio) strepitoso nella parte del villain di turno. Pellicola che ha visto la nascita dell'inossidabile duo Hill/Spencer, con il primo qui cupo e scaltro e il secondo più bonaccione e facilmente raggirabile. Da vedere.

Cangaceiro 11/05/09 21:02 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Tecnicamente qui inzia l'epopea di Bud e Terence sotto l'egida del loro mentore Colizzi. Nella pratica non è proprio così visto che il film vive dell'avvincente scontro sia ravvicinato che a distanza tra Hill e uno scoppiettante, avidissimo Frank Wolff. Spencer è più defilato e deve accontentarsi del ruolo da terzo incomodo al suo esordio nel western. La prima parte coi lunghi flashback è spiazzante ma quando inizia la vicenda vera e propria ci si può godere una pellicola che sfruttando tutti i clichè del genere regala comunque un buon spettacolo.

Herrkinski 10/05/09 22:40 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Non male questo spaghetti-western. La coppia Hill-Spencer qui fa sul serio, è quindi ancora lungi dal diventare un duo comico (seppur qualche battibecco lo lasci presagire), ma già si intravede l'alchimia tra i due attori. Hill, coi suoi occhi glaciali, è una discreta risposta italica al personaggio di Eastwood nella trilogia di Leone; ma Colizzi in regia invece non è Leone, seppur diriga con un certo mestiere. Abbastanza violento e teso, il film è uno dei migliori esempi del genere e quindi merita di sicuro una visione per gli appassionati.

Homesick 14/05/09 18:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Western post-leoniano diretto da Colizzi, che esordisce nel genere insieme alla coppia Hill-Spencer. I richiami ai western italiani precedenti sono numerosi (la struttura narrativa, le caratterizzazioni dei personaggi, i ppp degli occhi, Hill con look e atteggiamenti à la Eastwood), ma si avverte già quel tocco personale che diventerà cifra stilistica del regista. Il grandissimo Wolff impera; decisivi contributi della giunonica Rovere e delle inconfondibili facce di Martin, Brana, Capitani, Barboo.

Disorder 4/07/09 10:48 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Viene ricordato principalmente per essere stato il primo film della coppia Spencer e Hill, ma i suoi meriti vanno sicuramente al di là di questo (anche se il momento cult è proprio la prima scazzottata tra i due). Buona la trama, bene tutti i protagonisti: Hill si ispira chiaramente a Eastwood, Spencer invece è già il forzuto-scorbutico, ma dalla parte dei buoni, che sarà negli anni a venire. Bello anche il finale...
MEMORABILE: Bud e Terence si affrontano in riva al fiume...

Galbo 8/07/09 07:27 - 11382 commenti

I gusti di Galbo

Primo "spaghetti western" intepretati dal duo Terence Hill e Bud Spencer diretti da Giuseppe Colizzi, il loro vero scopritore. I due non hanno ancora raggiunto la piena affinità e sono lontani i toni di commedia farsesca che segneranno la loro collaborazione ma il film, a parte alcuni momenti di "stanca" è piuttosto divertente e godibile.

Stuntman22 21/12/11 23:34 - 114 commenti

I gusti di Stuntman22

Un grande Frank Wolff, che nelle scene con Spencer e Hill dà autentiche lezioni di recitazione: questo il punto di forza della pellicola, ben girata, con scorci paesaggistici (siamo in Almeria, Spagna) oltretutto ammirevoli. I morti non mancano, ma si vede bene la voglia di evadere dalla semplice, cruda violenza degli spaghetti western canonici. Polposa e morbida Gina Rovere, in un ruolo che le si addiceva perfettamente. Il locandiere del primo saloon è l'indimenticato Remo Capitani. Un plauso per le musiche.

B. Legnani 10/02/12 00:39 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

"Per qualche ragione chimica misteriosa il film funzionò bene" (Marco Giusti nel suo dizionario sullo spaghetti). In effetti è difficile capire cosa possa avere portato il film, non proprio riuscito, a incassare oltre 2 miliardi di lire nel solo 1967. Sembra un'imitazione non riuscita di Leone, con lentezze che però non vengono riempite dall'èpos né dall'attesa, ma dalla noia. Certo, Wolff è bravissimo, Spencer funziona (Hill non ancora: è troppo simil-Eastwood), ma assai frequente è l'impressione che si giri a vuoto. Panorami stupendi.
MEMORABILE: Il lago increspato ove si incontrano Spencer e Hill.

Rigoletto 2/04/12 13:59 - 1557 commenti

I gusti di Rigoletto

Dove tutto ebbe inizio. Questo è il primo film in cui compare per la prima volta la coppia Spencer-Hill ed è davvero un buon prodotto. Film "notturno" che mantiene una sua freschezza con gli anni. Costruito con bravura da Colizzi (che tiene conto della lezione di Leone) ha i suoi punti di forza nei paesaggi, nelle musiche e in protagonisti che rispondono bene al ruolo (un Wolff gigantesco). Terence Hill ancora troppo vicino al Clint Eastwood leoniano, ma nel complesso tutto funziona senza mai annoiare. ***
MEMORABILE: Il primo incontro dei protagonisti. La loro scazzottata; La chiaccherata di Doc con il vecchio becchino-orologiaio.

Rambo90 31/01/13 17:20 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Il primo film con Bud Spencer e Terence Hill protagonisti: siamo ancora dalle parti del western più serio e violento (con molti richiami al Buono, il brutto, il cattivo), ma Colizzi scrive una storia appassionante e sa dirigerla con pochi mezzi. Wolff è un cattivo straordinario, la colonna sonora si fa ricordare e Bud e Terence iniziano già a predisporre alcuni battibecchi che poi diventeranno il marchio della coppia. Cult, ma I quattro dell'Ave Maria gli è superiore.
MEMORABILE: Bud vs Terence; Il finale.

Nicola81 8/06/13 14:57 - 1952 commenti

I gusti di Nicola81

L'essere il film che ha inaugurato il lungo e fortunatissimo sodalizio tra Bud Spencer e Terence Hill (qui a dire il vero non protagonisti assoluti) probabilmente ha contribuito a sottostimarlo. I primi battibecchi tra i due anticipano parzialmente quello che diventerà un vero e proprio leit-motiv, ma questo è ancora uno spaghetti-western improntato alla serietà, con una storia ben costruita e dialoghi solidi. Qualche momento di stanca c'è, ma Wolff è un antagonista notevole e anche la colonna sonora non demerita. ***1/2.
MEMORABILE: Il primo incontro tra i due; Il becchino orologiaio; Il finale.

Jdelarge 23/06/13 17:50 - 873 commenti

I gusti di Jdelarge

Il primo film che vede protagonista la coppia Bud Spencer e Terence Hill è uno spaghetti western di ottima fattura. I pregi della pellicola sono la sceneggiatura (dello stesso Colizzi) e la fotografia, bellissima soprattutto nelle scene notturne. La trama è avvincente e si può definire, per certi versi, contaminata dal genere noir (basti vedere i continui flashback iniziali e i ribaltamenti di situazioni). Anche se nel complesso ogni tanto il film procede in maniera troppo lenta il risultato finale è decisamente godibile.
MEMORABILE: L'entrata in scena di Terence Hill, al tavolo da poker.

Graf 18/09/13 16:01 - 694 commenti

I gusti di Graf

Il film dove Spencer e Hill si incontrano la prima volta ma dove non fanno ancora coppia dato che devono spartire la scena con il grande e rabbioso Frank Wolff. Tra Hill e Spencer nasce miracolosamente la scintilla dell’intesa ma Giuseppe Colizzi se li ritrova insieme per caso dato che lui aveva dapprima scelto Peter Martell (infortunatosi prima del film) nel ruolo di Hill. Grande sceneggiatura, toni crudi, atmosfera cupa, spari e botte come piovesse, Colizzi onora tutte le regole del western leonino. C’è anche il mexican standoff prima della fine.

Fauno 9/12/13 10:01 - 1917 commenti

I gusti di Fauno

A questo punto mi chiedo se non sia stata un'arma a doppio taglio far convogliare il duo verso il comic western (senza nulla togliere a Barboni), perché già I quattro dell'Ave Maria in certi punti lo avevo visto nettamente superiore, ma per questo il paragone è improponibile... Già la prima scena non ha nulla da invidiare a un thriller e i piani di Morton sono quanto di meglio si possa chiedere a qualsiasi western, ma soprattutto la violenza è talmente concreta da insidiare molto da vicino quella del primo Leone. Da rivalutare assolutamente.
MEMORABILE: La confessione finale di Morton, interpretato da un ottimo Frank Wolff.

Puppigallo 26/03/14 09:28 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Il sodalizio Spencer-Hill era partito più serio, che faceto. Qui infatti i due protagonisti hanno poca voglia di ridere, o di prendere in giro gli sfortunati che incrociano il loro cammino; e visto il trattamento che gli verrà riservato, soprattutto verso la fine della pellicola, il loro comportamento è più che giustificato. E' un western onesto, ben calibrato e con un cattivo (verme di prima scelta) all'altezza delle aspettative. Il conflittuale rapporto tra i due compari forzati poi (uno riflessivo, l'altro totalmente istintivo e irruento) completa l'opera, consegnandoci un buon film.
MEMORABILE: Uno nel pozzo, l'altro bruciacchiato dal sadico bestione; Tentativo di spegnimento della miccia con i denti, visto che gambe e braccia sono andate.

Vitgar 25/02/15 09:08 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Il primo della "trilogia Colizzi". Si intravvedono in questo film i primi segni di transizione tra il western classico e lo spaghetti; la coppia Hill-Spencer è ancora in divenire ma si intuiscono sviluppi positivi. Belle ambientazioni, molte inquadrature alla "Leone" dei volti, discreti movimenti di macchina, una colonna sonora forse un po' troppo "impegnativa" con tanto di cori di stampo operistico.

Saintgifts 25/02/15 10:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Anche se impercettibili, le differenze tra questo spaghetti western e i tanti altri (lasciando da parte quelli di Sergio Leone) sono sostanziali. Non si può nemmeno dire che il successo del film sia merito della presenza del duo, per la prima volta assieme. Il successo è dovuto invece alla serietà. Alla serietà generale con cui è stato concepito e organizzato il film, partendo dalla scelta delle location fino ad arrivare a una sceneggiatura degna di tale nome, passando per una buona regia, interpretazioni eccellenti e... uno sguardo a lavori precedenti.

Maik271 10/03/15 08:19 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Un western piuttosto sudicio e crudo, in stile Fulci, quello interpretato dalla coppia che diverrà famosa con pellicole più leggere (ma che già si trova a proprio agio con le scazzottate che li accompagneranno per tutta la carriera). L'intreccio è interessante come la regia di Colizzi, che regala alcune buone sequenze particolarmente crude.

Brik94 28/07/15 14:26 - 68 commenti

I gusti di Brik94

Esordio della coppia Bud Spencer-Terence Hill in un film girato a basso costo ma che ha tutte le carte in regola per farsi ricordare. Bud appare poco, ancora non è perfettamente affiatato con Terence che nella parte del duro è fenomenale oltre che in formissima; il cattivo di Wolf è memorabile. Personalmente avrei inserito il titolo in una delle battute del film.

Il Dandi 12/07/16 17:50 - 1766 commenti

I gusti di Il Dandi

Primo incontro di una coppia che non sa ancora di essere tale. Balza all'occhio il vantaggio di Spencer (che grazie alla prepotente fisicità già impone al suo personaggio una caratterizzazione molto personale) su Hill (che invece appare un mero supplente intercambiabile di Eastwood o Nero). Non mancano gli eccessi fumettistici (nelle botte e nelle sparatorie), ma questa ennesima variazione di macguffin leoniani è interessante per il tono drammatico che, in retrospettiva, sortisce un effetto straniante. Da conoscere.
MEMORABILE: Hill con la corda al collo trascina il cavallo, al contrario di quanto farà Trinità; Bud ne prende più di quante ne dia.

Lythops 12/04/17 18:24 - 972 commenti

I gusti di Lythops

La definizione di western spaghetti calza alla perfezione a questo film ricco di rimandi a produzioni più importanti e a tecniche di ripresa inevitabilmente prese da altri talché collegare Hill a Eastwood e non sentire la mancanza di Van Cleef nella taverna messicana (?) è praticamente impossibile. Ciononostante il prodotto è (para)dignitoso, anche se niente aggiunge a quanto già visto o letto anche nei fumetti di genere. Assenti gli immancabili fagioli per il grande Bud.
MEMORABILE: Il generico "morto" sulla panca del treno che muove impercettibilmente la bocca.

Pesten 16/10/17 09:46 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Film che ha il merito di aver creato una delle coppie più vincent di sempre, Hill/Spencer. Forse non il miglior film girato dai due, ma impossibile negare come sin da subito la regia e la sceneggiatura riescano a trovare le caratteristiche che renderanno i due attori celebri in tutto il mondo. Forse ci sono dei momenti di stanca di troppo (ma non è raro trovarne, nei western), ma gli sviluppi della storia (meno lineare del solito) e alcune scene (la tortura nel pozzo, la fuga nel fiume) ne fanno un film di livello superiore.
MEMORABILE: Le location, situate in Spagna ma di fatto quasi identiche a quelle nella Death Valley e a Lone Pine, dove sono stati girati tantissimi western.

Alex75 15/05/18 13:34 - 676 commenti

I gusti di Alex75

Titolo importante, in quanto debutto di una coppia destinata a un grande avvenire. Il personaggio di Hill è ancora piuttosto derivativo, ma Spencer mostra già le caratteristiche che l’avrebbero reso un beniamino del pubblico, sia pure nel contesto serio e violento degli spaghetti western degli anni ‘60. Wolff è un antagonista spietato come da copione. L’esordiente Colizzi dirige con mano sicura, anche se il ritmo non è trascinante. Musiche solenni di Rustichelli dietro pseudonimo ispanico.
MEMORABILE: L’arrivo del treno alla stazione; Il pellicciotto di Bud; L’orchestra di ottoni; Le torture.

Domila1 1/08/19 12:32 - 55 commenti

I gusti di Domila1

Che abbia fatto nascere o no la coppia di Bud Spencer e Terence Hill (anche se il vero protagonista è solo quest’ultimo), è un buon film. È lontano dal lato comico che emergerà tre anni più tardi in Lo chiamavano Trinità, ma si sente un lieve tono ironico. La prima parte, in cui Bud Spencer è un po’ defilato, è piuttosto lenta, mentre a partire dalla seconda metà il film si fa molto più coinvolgente, specie durante le torture dei protagonisti.

Ryo 19/02/20 02:08 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Primo della trilogia con Cat & Hutch, contiene sparatorie, azione, violenza sanguinante e scazzottate. Terence Hill nei panni di un pistolero duro e Spencer in quello del gigante meno duro mostrano talento, ma sono ancora molto lontani dai loro classici personaggi che nasceranno in Lo chiamavano Trinità; comunque, a posteriori, se ne può già respirare la chimica. Trama piuttosto complessa con vendetta, false accuse, caccia al tesoro e svolte narrative per mezzo di flashback. Non è affatto un gran film, ma nemmeno uno dei peggiori della coppia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Patrick78 • 3/06/09 14:09
    Magazziniere - 546 interventi
    Sull'autorevole sito internet -SPAGHETTI WESTERN DATABASE (S.W.D.B.)- Quentin Tarantino lo ha citato citato come uno dei film e delle fonti di ispirazione che più di ogni altro hanno influenzato la sua carriera registica.
  • Homevideo Il Gobbo • 9/06/09 08:56
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Uscito in onesto dvd per la defunta General Video, si trova ancora. Se non c'è il bravo edicolante, cui far ordinare l'arretrato numero 4 della serie Fabbri.
  • Homevideo Zender • 19/06/09 18:03
    Consigliere - 43501 interventi
    Direttamente dalla sempre più prestigiosa Geppo collection di Germania ecco la rara fascetta vhs di DIO PERDONA... IO NO! etichetta: TECHNOFILM.

  • Discussione Dusso • 1/07/12 10:20
    Segretario - 1621 interventi
    Incassi Italiani nel 1967

    http://www.ritapavone.it/contents/a/12__Listino_incassi_film_1967.pdf
    Ultima modifica: 1/07/12 10:45 da Dusso
  • Discussione Zender • 1/07/12 10:40
    Consigliere - 43501 interventi
    Non si posson mettere link senza testo di presentazione, Dusso. Scrivi sempre ciò di cui parla il link.
  • Homevideo Rogerone • 17/12/12 18:36
    Galoppino - 178 interventi
    Il dvd della General Video è ben fatto.

    Il master utilizzato è quello inglese, più nitido e più pulito evidentemente di quello italiano. Qualità audio/video buonissima, per non dire ottima.
    durata 1h48m32s : versione integrale.

    Discreti gli extra, consigliato, peccato per il menù in 4:3, ma cmq non cambia la sostanza.
  • Curiosità Zender • 2/08/13 15:22
    Consigliere - 43501 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con lettura del pensiero allegata:

  • Curiosità Fauno • 28/06/16 00:11
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un altro flano del film:

  • Discussione Alex75 • 21/05/18 17:08
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    Incassi Italiani nel 1967

    http://www.ritapavone.it/contents/a/12__Listino_incassi_film_1967.pdf


    Molto interessante, dato che i titoli che il film di Colizzi si è lasciato dietro sono spesso di prim'ordine e a volte celebri. Mi chiedo quanto abbia giocato il "passaparola" nel contribuire al successo del debutto della coppia Spencer-Hill.
    Ultima modifica: 21/05/18 17:13 da Alex75
  • Musiche Alex75 • 21/05/18 17:13
    Call center Davinotti - 621 interventi
    "Dies irae" di Carlo Rustichelli:
    https://www.youtube.com/watch?v=ymZkhsZFn38